Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Regole per Mostri Mitici dal manuale di Theros

Articolo di J.R. Zambrano del 15 Maggio
Il nuovo manuale Mythic Odysseys of Theros promette di includere molto materiale mirato a rendere il gioco di Dungeons & Dragons qualcosa di più simile ai miti greci che hanno ispirato l'ambientazione. Ne abbiamo visto alcuni frammenti nella forma di doni sovrannaturali che danno poteri extra ai personaggi iniziali, e negli artefatti che rappresentano le armi degli dei in persona, che aspettano di essere impugnate da eroi potenti quanto i semidei.

Ma oggi, daremo un'occhiata a come sono le regole dall'altra parte dello Schermo del Dungeon Master. Una delle più eccitanti nuove possibilità annunciata per questo manuale è il sistema per creare Mostri Mitici. Un sistema di regole applicabile a qualsiasi creatura mostruosa per renderla molto più pericolosa, così da offrire la sensazione di stare combattendo una creatura venuta fuori dalle leggende. Andando oltre le Azioni Leggendarie, queste nuove regole potrebbero finalmente dare la possibilità a D&D di avere delle "boss fight" degne di questo nome. Le regole in questione sono state mostrate in un'anteprima generica su Dragon+.
Tratto da Dragon+


Sembra proprio che abbiano fatto loro il vecchio detto "il modo migliore per combattere una creatura grande, grossa e cattiva è quello di dividerla in due". Questo assomiglia molto al metodo di AngryGM per creare gli incontri con i boss, ed è un'ottima notizia, quel sistema ha molto senso, meccanicamente parlando, se volete separare il combattimento in due fasi distinte. Per esempio un'Idra, dopo essere stata abbattuta, potrebbe diventare un'idra a più teste, o un dio/dea potrebbero avere un'espressione più irata quando si entra nella seconda fase.

Sappiamo tutti che i Kraken saranno una grossa parte dell'ambientazione e, dopo aver visto i mostri nelle immagini precedenti, avrete capito che in generale questo manuale vuole aumentare il livello di potere nel vostro gioco. Dunque terremo gli occhi aperti per vedere esattamente come funzioneranno queste regole, ma, nel frattempo, tenetevi pronti per il massacro mitico.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-mythic-odysseys-of-theros-monster-rules-reveal.html
Read more...
By aza

Armature vs Armi da fuoco rinascimentali – Historia

ATTENZIONE: Questo articolo è la seconda parte del precedente sulle armi da fuoco: prima di proseguire la lettura, potete mettervi in pari cliccando qui!
Abbiamo visto come le armi da fuoco siano apparse clamorosamente nei campi di battaglia dell’europa di metà ‘300 e nei secoli successivi si siano affermati anche nelle loro forme “manesche” (cioè utilizzabili da una persona sola, “a mano”, come un archibugio).
Questo però non ha portato a un’immediata scomparsa delle armature, e anzi per secoli esse hanno continuato a prosperare fornendo spesso una protezione importante a chi le indossava, persino contro i temibili archibugi. Ma come hanno fatto?
Andiamo a scoprirlo insieme!
FERRO E ACCIAIO

Ricostruzione di altoforno rinascimentale, Deutsches Museum (Foto CC0)
L’acciaio è una sostanza metallica, una lega di Ferro e Carbonio. Per quanto la sua invenzione sia comunemente associata all’età moderna, in realtà nella lavorazione alla forgia del ferro, il carbonio presente nel carbone della forgia stessa va a legarsi con il ferro formando uno strato superficiale di lega ferro-carbonio. L’effetto di questa lega può essere di vario tipo, come andremo a vedere, in base alla percentuale di carbonio e ai metodi di raffreddamento di questo. 
Significa comunque che, in un certo qual modo, si hanno le prime armi e armature costituite parzialmente d’acciaio sin dall’età del ferro.
Pensare inoltre che, nell’antichità, si usasse come materiale di partenza il ferro puro è un’imprecisione: la maggior parte del ferro, infatti, si otteneva dalla fusione dei minerali ferrosi attraverso una fornace, operazione che lasciava sempre delle inevitabili impurità nel metallo.
Alle temperature della fornace, infatti, il ferro non si liquefà mai del tutto, ma viene in qualche modo a “colare” dalla pietra in una sostanza viscosa che si porta inevitabilmente dietro impurità della roccia d’origine.
Le caratteristiche della fornace, oltre a determinare la qualità del metallo finale, limitano anche la quantità di materiale ottenibile in un singolo processo.
Si tendeva, infatti, a partire da un’unica massa di metallo per costruire oggetti poiché saldare più pezzi metallici avrebbe portato a caratteristiche fisiche peggiori.
Per ottenere singole masse di metallo maggiore, tuttavia, sono necessarie fornaci più grandi che richiedono a loro volta temperature maggiori non banali da raggiungere!
Per amor di completezza, anche se non tratteremo qui l’argomento, sono state prodotte invece nel medioevo lame d’acciaio di altissima qualità ottenute battendo insieme lamine metalliche diverse in quello che è comunemente noto come “acciaio a pacchetto” o “acciaio di Damasco”.

In “Ryse: Son of Rome” il protagonista indossa una tipica Lorica Segmentata.
Nel mondo antico, l’impero romano aveva costruito delle fornaci più grandi e calde, necessarie per ottenere lamine abbastanza grandi da costituire le piastre della Lorica Segmentata: l’armatura a piastre più famosa del periodo pre-medievale e che tutti noi identifichiamo oggi come la classica protezione del legionario imperiale.
Tuttavia la lenta fine dell’impero e l’abbandono di tali corazze in favore della più economica Lorica Hamata, a tutti gli effetti un cotta di maglia, portarono al disuso di tale tecnologia.
La capacità di ottenere piastre di dimensioni considerevoli tornò in auge con l’invenzione, verso la metà del ‘300 (ma diffusasi successivamente), dell’altoforno, una fornace in grado di raggiungere dimensioni e temperature capaci di fondere completamente il ferro.
Oltre a permettere di ottenere agglomerati metallici di dimensioni considerevoli e molto più poveri di impurità, l’altoforno produce una lega di ferro ad alto contenuto di carbonio, chiamata ghisa.
A differenza del ferro, che deve essere battuto per essere lavorato, la ghisa, trovandosi allo stato liquido quando esce dall’altoforno, può essere versata in uno stampo per produrre lavorati per fusione, in modo simile al bronzo.

BOOM! (Assassin’s Creed: Brotherhood)
Tuttavia questo tipo di lega, pur essendo usata all’epoca per la creazione di cannoni e relativi proiettili, è inadatta alle altre armi e armature poiché troppo fragile (come vedremo dopo).
Per ottenere invece un materiale lavorabile e adatto a tali armamenti, la ghisa veniva soggetta a un successivo trattamento di raffinazione, nella quale veniva nuovamente riscaldata in un ambiente ricco di ossigeno: in questa maniera, oltre a eliminare ulteriori scorie, parte del carbonio presente nel materiale si legava all’ossigeno formando anidride carbonica e abbandonando il metallo.
Questo processo forniva come risultato una lega di ferro con percentuale di carbonio inferiore al 2%, cioè quello che noi chiamiamo Acciaio!
PROPRIETA’ MECCANICHE
Due sono le proprietà meccaniche dell’acciaio che ci interessano: la sua Durezza e Tenacità.
La durezza è la resistenza, da parte del materiale, alle deformazioni: essa dipende sostanzialmente dal tipo di struttura che assumono gli atomi in toto all’interno del metallo.
Abbiamo già parlato di materiali duri in questo articolo sulle proprietà fisiche di armi e armature
La presenza di carbonio all’interno del ferro è in grado di raddoppiare la durezza rispetto al ferro ricco di scorie ottenuto mediante la fornace: per aumentare ulteriormente tale proprietà è necessario temprare il metallo, ovvero regolare come esso si raffredda dopo aver raggiunto una temperatura sufficiente a “riorganizzare” la struttura interna della lega.
Nel medioevo era uso comune una tempra non rapidissima in grado di formare un acciaio duro 3-4 volte il ferro ottenuto dalla fornace: è possibile invece temprare rapidamente il metallo, formando un acciaio estremamente duro, fino al doppio del precedente.
Tuttavia, questo tipo di tempra rischia di rendere l’acciaio fragile ed è dunque inadatto ai nostri scopi.
Ma cos’è la fragilità?

Perfino le armi più dure possono rompersi – Narsil, dalla trilogia del signore degli anelli
Un materiale si dice fragile se è facile spezzarlo: l’esempio classico di materiale duro e fragile è il vetro, che è difficilissimo da deformare ma si rompe con facilità.
La capacità di resistere alla rottura di un materiale è detta Tenacia ed è la caratteristica più importante per le armature: infatti la tenacia di un metallo definisce quanta energia è necessaria per perforarlo.
Questa energia dipende dalla qualità del materiale: un acciaio con un contenuto di carbonio dello 0.85%, ad esempio, ha una tenacia fino a 3-4 volte maggiore rispetto a quella del ferro di bassa qualità.
ENERGIE DI PENETRAZIONE
Per calcolare l’energia necessaria per penetrare una piastra di un’armatura entrano in gioco i seguenti fattori:
la forma dell’arma usata; lo spessore della corazza; la qualità del metallo; l’angolo con il quale il colpo incide sulla corazza. Partiamo dalla prima: come già detto nell’articolo sulle proprietà delle armi e armature (che trovate qui), la forma dell’arma, o meglio, della parte dell’arma che colpisce l’armatura definisce la pressione che essa è in grado di impartire: minore la superficie di contatto, maggiore è la pressione, minore è l’energia necessaria per perforare un materiale.
Si capisce dunque subito che le frecce, pur avendo energie decisamente inferiori a disposizione, sono molto più efficienti dei proiettili, che all’epoca consistevano in delle semplici sfere metalliche (da cui “pallottola”), e anche le lame, per risultare efficaci contro le armature, devono essere il più piccole possibili.
Mantenendo dunque il nostro studio unicamente sulle armi da fuoco, andiamo a vedere quanta energia serve a una pallottola per perforare una corazza.
Una stima delle energie a disposizione per vari tipi di armi da fuoco è stata fatta nella prima parte dell’articolo che trovate qui
Se partiamo ci riferiamo ancora una volta all’appendice di The Knight and the Blast fournace, partendo da una corazza spessa due millimetri di acciaio di buona qualità vediamo che servono poco più di 800 J affinché un’arma da fuoco perfori una simile corazza: immaginando di poter aggiungere 150 J extra per perforare ulteriori protezioni sottostanti (come imbottitura e cotta di maglia) vediamo che una tale armatura è ben lontana dal proteggere da un colpo di archibugio a distanza ravvicinata.
Tuttavia, una simile armatura ha ampio spazio di manovra per quanto riguarda il suo spessore.
L’energia necessaria per perforare un’armatura cresce come il suo spessore elevato alle 1.6: in pratica, raddoppiare lo spessore triplicherà (all’incirca) l’energia necessaria per perforare l’armatura.
Vediamo dunque che la stessa armatura spessa 3 mm richiede quasi 1900 J per essere perforata e un esorbitante 3800 J se portata a 4 mm, ponendo quindi il cavaliere al sicuro anche dai colpi dei primi moschetti!

Armatura da corazziere del ‘600, Morges military museum
Queste spesse armature, tuttavia, risultavano estremamente pesanti e furono in uso principalmente dopo il ‘600: infatti, con l’avvento degli eserciti nazionali, i vari regnanti cominciarono a ricorrere ad armamenti di massa, producendo corazze più spesse ma di qualità inferiore, riducendo l’energia necessaria a perforarle a un 50-75% di quella di un buon acciaio: queste armature, più che assicurare una protezione totale contro i nemici, servivano a ridurre il rischio di morte di un proiettile sparato da lontano.
L’estremo peso di queste protezioni portò a produrre armature complete solo per la cavalleria, andando a creare la figura del corazziere, cavaliere pesante con armi da fuoco, mentre la fanteria andò pian piano a ridurre l’armatura a pochi pezzi, principalmente il busto e l’elmo.
Un’altra opzione era ovviamente puntare su acciai di qualità migliore: i più raffinati potevano aumentare di un ulteriore 50% l’energia necessaria alla penetrazione, rendendo ad esempio la precedente corazza a piastre da 2 mm impervia ai comuni archibugi.
L’ultimo elemento da tenere in conto è l’angolo di incidenza tra il proiettile e la piastra: infatti, se il proiettile non raggiunge perpendicolarmente la corazza, esso tenderà a dissipare la sua energia e dunque l’energia necessaria alla perforazione verrà moltiplicata per un fattore pari all’inverso del coseno dell’angolo di incidenza.
Ricordiamo che il coseno è una proprietà degli angoli ed è un fattore compreso (per angoli inferiori ai 90°) tra 0 e 1: famosi valori sono circa 0.8 per un angolo di 30°, circa 0.7 per uno di 45° e 0.5 per uno di 60°.
Un proiettile che raggiunga una piastra con un angolo di trenta gradi richiederà il 25% circa di energia in più per perforarla: questo fenomeno non deve essere necessariamente causato dalla scarsa mira o fortuna del tiratore, infatti le armature venivano costruite con delle forme arrotondate o angolose proprio per far sì che i proiettili colpissero il bersaglio in maniera non perpendicolare.
Ovviamente quelli che stiamo facendo sono ragionamenti di massima: in diversi momenti e zone dell’europa post-medievale abbiamo visto una grande varietà nella qualità, forma e fattura di armi e armature. Un problema annoso, ad esempio, era quello della disomogeneità degli acciai, ovvero l’impossibilità di costruire oggetti (come armature) in acciaio le cui proprietà fisiche fossero le stesse in tutti i punti: in questo modo era possibile che due colpi sostanzialmente identici, raggiungendo punti diversi dell’armatura, ottenessero risultati di penetrazione diametralmente opposti.
Inoltre, con l’avanzare del tempo, anche le energie delle armi da fuoco sono andate via via ad aumentare: ad esempio un moschetto del 1600 poteva arrivare, con la giusta polvere da sparo, a imprimere quasi 4000 J di energia al proiettile. La presenza inoltre di miglioramenti bellici come la rigatura della canna, in grado di imprimere al proiettile un moto elicoidale che ne stabilizzasse la traiettoria, e le cartucce per rendere il caricamento più rapido resero indubbiamente le armi da fuoco sempre più letali.
IN CONCLUSIONE…
Le armature del rinascimento erano, in generale, in grado di proteggere chi le indossava dai proiettili delle armi da fuoco a patto che esse fossero relativamente leggere (pistole e in parte archibugi) e/o facessero fuoco da abbastanza lontano. Per quanto si tratti di condizioni apparentemente poco interessanti, ricordiamo comunque che in assenza di armatura un proiettile in tali condizioni sarebbe indubbiamente letale, se colpisse zone vitali!
La protezione poteva essere ottenuta e migliorata andando ad agire sulla qualità dell’acciaio, sullo spessore della corazza e sulle sue forme: questi fattori portarono, da un lato, allo sviluppo di armature molto costose, in grado di proteggere i ricchi signori dai proiettili più comuni, dall’altro a una produzione massiva di corazze di bassa qualità molto pesanti, che proteggevano interamente solo i reparti di cavalleria mentre i fanti si limitavano ad indossarne alcune porzioni.

L’azza: un letale mix di ascia, martello e lancia. Photo by Javy Camacho.
Questo sviluppo dell’armatura ebbe effetto anche sulle armi da mischia: da una parte, infatti, nel ‘400 si ha il massimo splendore delle armi in asta, come le alabarde o le temutissime azze e martelli da guerra, in grado di minacciare i nemici più corazzati grazie a una letale combinazione di massa, leva e spunzoni o piccole lame d’ascia in grado di penetrare più facilmente l’armatura.
Le picche, inoltre, diventeranno elemento fondamentale del campo di battaglia prima dell’invenzione della baionetta, in grado di minacciare sia la cavalleria, nello specifico tenendo a distanza i cavalli, sia la fanteria dall’armatura ridotta.
Nella prima metà di questo periodo nascono nuove spade per affrontare nemici corazzati come lo stocco, che non è il rapier inglese come Dungeons & Dragons ci suggerisce ma l’estoc, una spada a lama triangolare da infilare nelle giunture delle armature nemiche, oppure come lo spadone (zweihander, montante ecc) di dimensioni ragguardevoli e di importanza strategica nella lotta alle formazioni di picchieri.
La riduzione dell’armatura da fanteria, tuttavia, porterà successivamente all’invenzione di spade più sottili e agili come la striscia, che è il vero rapier di Dungeons & Dragons, un’arma eccezionale nei colpi di punta, o come la sciabola che rappresenterà il simbolo della cavalleria fino alla sua scomparsa nel ‘900.

Insieme di armi rinascimentali, tra cui un peculiare stocco con guardia a testa di martello
BONUS – Cosa giocare?
Se la sfida tra armi da fuoco rinascimentali e armature vi appassiona e volete provare l’ebbrezza di metterle a confronto, se vi piacciono i  giochi di ruolo (e se non vi piacciono è probabilmente perché non li avete provati), non posso che consigliarvi ampiamente Historia!

Historia è un’ambientazione tutta italiana per Dungeons & Dragons (quinta edizione) che vi cala in un rinascimento popolato da… animali antropomorfi!
Lungi dall’essere un mondo “carino”, Historia vi porrà in mezzo a intrighi, lotte politiche, battaglie campali, dilemmi etici, un mondo dove Alchimia, Magia e Religione si sfidano ogni giorno dove Spade, Armature e Pistole vivono fianco a fianco.
VAI AL KICKSTARTER!
Oltre a ciò, in ambito videoludico, abbiamo recentissimo Greedfall, ambientato in una versione fantasy dell’età delle esplorazioni, dove le armi da fuoco si incontrano ogni giorno con le corazze dell’acciaio migliore… con un pizzico di magia!
Inoltre, ha decisamente fatto scuola Mount & Blade: With Fire and Sword, l’espansione standalone del mitico Warband, passata purtroppo in sordina, che ci pone nel complesso panorama dell’europa orientale di metà ‘600, durante la rivolta cosacca contro il commonwealth Polacco-Lituano (per inciso, è grazie a questo titolo che so dell’esistenza di suddetto commonwealth…).

Come non citare poi la saga di Ezio di Assassin’s Creed, dove le armi da fuoco, appena accennate in Assassin’s Creed 2, si fanno sempre più presenti nei seguenti Brotherhood e Revelations, come a mostrare la lenta ma inesorabile diffusione di queste armi nel rinascimento.
E già che citiamo Ezio, non possiamo non guardare le produzioni italiane: se vi piacciono i librogame e i giochi di ruolo non posso che consigliarvi la saga di Ultima Forsan, ambientata in un macabro rinascimento assediato dai non morti dove solo le nuove tecnologie del ‘500 potranno tenere i nostri eroi in salvo dagli abomini!

Uno degli autori, Mauro Longo, famoso autore di librogame italiano nonché gestore del blog Caponata Meccanica e di una pagina su libri da tavolo per bambini (Bambini e Draghi), ha scritto numerosi libri game di Ultima Forsan e inoltre alcuni romanzi ambientati sempre in questo periodo come Guiscardi senza Gloria e il fabbricante di spettri. 
Se l’argomento vi è piaciuto, vi invito a leggere The Knight and the Blast Furnace di Alan Williams. Se invece cercaste una lettura (lievemente) più leggera, questo stesso argomento è stato affrontato e approfondito nel 2008 sul blog Baionette Librarie del mitico Duca, alias Marco Carra, con una serie di articoli sulle armi e gli acciai, più tecnici, che potete trovare qui.
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2019/10/01/armature-vs-armi-da-fuoco/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

Mike Mearls è tornato nel D&D Team

In un articolo di qualche settimana fa vi avevamo segnalato alcuni importanti cambiamenti all'interno del D&D Team, ovvero la squadra della WotC impegnata nella creazione della 5a Edizione di D&D. In particolar modo, in base ad alcuni tweet pubblicati da Jeremy Crawford era sembrato che Mike Mearls (assieme a Crawford uno dei Lead Designer della 5e) non facesse più parte del Team e che, dunque, non avesse più alcun ruolo nella produzione di D&D. Crawford, infatti, rispondendo a un utente aveva affermato che Mearls "non lavora più nel team del GDR da tavolo e non lo fa da un certo momento dell'anno scorso" (riferendosi al 2019).
Durante una puntata del Dragon Talk di qualche giorno fa, tuttavia, il nuovo Produttore Esecutivo di D&D Ray Winninger (divenuto di recente il capo del D&D Team) ha dichiarato che "Mike Mearls è tornato a lavorare di nuovo a tempo pieno sul Gdr, dopo aver diviso per noi il suo tempo tra D&D e alcune cose legate a un videogioco. Adesso è tornato". Potete ascoltare le sue parole nel seguente video, a partire dal minuto 18:42:
In sostanza, sembra proprio che Mike Mearls non abbia abbandonato il suo lavoro all'interno del D&D Team, ma che negli ultimi mesi abbia semplicemente ricevuto dalla WotC l'incarico di collaborare con Larian Studios, software house belga, per la creazione del videogioco Baldur's Gate III (di cui vi avevamo parlato in questo articolo). Mike Mearls, dopotutto, nel giugno del 2019 aveva partecipato all'E3 2019 proprio in occasione dell'annuncio di Baldur's Gate III, così da ufficializzare la collaborazione tra la WotC e la software house videoludica (come è possibile notare da questo video pubblicato proprio in quei giorni). E' molto probabile, quindi, che nell'ultimo anno Mearls abbia lavorato come consulente dei Larian Studios, in modo da fornire loro tutte le informazioni su D&D necessarie per la creazione del gioco, come i dettagli narrativi sui Forgotten Realms o le regole della nuova edizione. In base a quanto dichiarato da Winninger, dunque, possiamo ritenere che Mearls abbia terminato il suo impegno e che, quindi, possa di nuovo lavorare a tempo pieno sul Gdr cartaceo come faceva prima.
Read more...

D&D 5E: avventure gratuite dalla Kobold Press

Articolo di Morrus del 19 Maggio
La Kobold Press ha rilasciato gratuitamente Prepared!, un'avventura per D&D 5E, come parte della sua iniziativa "Al Sicuro a Casa con Kobold Press". Entrate nel loro sito e usate il coupon SaferAtHomeWeek2.

 
I vostri giocatori stanno andando alla deriva?
Una dozzina di Avventure Autoconclusive per la 5a edizione per i Livelli 1-15.
Non dovrete più avere paura: Prepared! offre ai DM delle rapide soluzioni per movimentare le campagne e far divertire i giocatori mentre pensate alla vostra prossima mossa. Al suo interno troverete, infatti, delle brevi avventure autoconclusive per ogni ambiente, compreso:
Una fabbrica aliena dove delle vittime sono risucchiate della loro essenza vitale e vengono trasformate in orrori eterei Un laboratorio alchemico abbandonato dove è stato lasciato un assistente mostruoso La caduta letterale del cielo ai piedi degli avventurieri Alcuni goblin che hanno costruito una strana "fortezza" in un fosso a lato di una strada Una misteriosa terrazza di pietra spuntata fuori dalla neve, con un antico macchinario che scintilla dal livello più alto ...e altro ancora, tutto con le bellissime mappe di Meshon Cantrill! Con Prepared! il designer Jon Sawatsky ha creato una dozzina di scenari fantasy per la 5a edizione, utilizzabili in ogni ambientazione con PG di vario livello. Non correrete più il rischio di trovarvi senza nulla di pronto!
Queste avventure presentano dei mostri provenienti sia dal Manuale dei Mostri canonico di D&D 5E che dal Tome of Beasts.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/free-d-d-adventure-from-kobold-press.672206/
Read more...

È iniziata la campagna del Book of Fiends 5E

Articolo di Morrus del 21 Maggio 2020
La Green Ronin ha lanciato una campagna di crowdfunding per il Book of Fiends, un manuale con copertina rigida riguardante demoni, diavoli e altri cattivoni assortiti.

L'originale Book of Fiends uscì nei primi anni 2000 per D&D 3.5. Univa Legions of Hell e Armies of the Abyss, i due libri precedenti della Green Ronin (all'epoca il primo dei due era uno dei miei libri di terze parti preferiti per la 3.5 ).
Quello di cui parliamo ora sarà un manuale di 200 pagine con oltre 130 demoni, diavoli e abitanti del piani inferiori. Vi troverete i Signori degli Inferi, i Principi dei Demoni, gli Esarchi di Gehenna e mostri di GS 0-31.
La campagna di crowdfunding si svolge su GameOnTabletop e potete prendere il PDF per $25 o il manuale cartaceo con copertina rigida per $50.
Tratto dalla presentazione ufficiale

Perché Game on Tabletop e non Kickstarter? Chris Pramas di Green Ronin risponde:
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/green-ronins-book-of-fiends-for-5e.672252/

Link alla campagna di crowdfunding: https://www.gameontabletop.com/cf372/the-book-of-fiends-5e.html
Read more...

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 12/09/2019 in all areas

  1. 3 points
    Efraym Al Rasul Era un principe, triste storia! Normalmente era abituato ad ambienti molto diversi, amicizia, fraternità e solidarietà erano i valori a cui si atteneva, purtroppo non era sugli sterrati a bere e ballare con i suoi amici: era in missione con i dei principi e nobilissimi. La strigliata da parte di Luna lo fece rabbrividire, mantenne però il suo sorriso per sembrare sicuro di se. Scusa se ti ho ferito sorellin... cominciò chiudendo gli occhi e porgendo la mano alla giovane. Le catene tintinnarono, ma Ef si bloccò. Doveva essere un principe, si avvicinò alle due ragazze e abbassò il capo. Spero che il mio comportamento... le parole uscivano a stento, il lucertoloide non era bravo a mentire, né a fingere Ma io vorrei solamente chiedervi di... Cosa stai dicendo? si diede due schiaffi e porse la mano a Luna Facciamoci qualche passo una volta o l'altra, non sono bravo a parlare come un principe ma ti assicuro che ballo benissimo! rise forte e diede una pacca sulla spalla alla giovanotta, poi si chinò su di lei e sussurrò Grazie della tua sincerità, ne farò tesoro... non ti prometto di essere sempre cortese, ma sarò sempre sincero con voi... Allora che aspettiamo giochiamo! Ef non era bravo ad ammettere i propri errori, ma in fondo era ancora giovane per pensare troppo. AMICIZIA E AMORE VERO VALORE! improvvisò un rap mentre si scaldava. Flopsy scosse la testa guardando il suo cavaliere.
  2. 3 points
    Tass Il kender fece su' il proprio giaciglio mentre tendeva l'orecchio verso i discorsi tra Tanis e Tika. Certo doveva ammettere che il loro leader aveva ragione ma cosa avrebbero fatto se invece di andarsene lei li avesse seguiti? Era pur sempre una donna, non una bambina come anche Tanis aveva sottolineato, e non si poteva pretendere che lasciasse decidere agli altri il suo destino. Solo a quel punto si accorse che aveva appallottolato il giaciglio di Flint e non il suo: ehi Flint, stai un po' attento a dove lasci le tue cose, se non ci fossi stato io te lo saresti dimenticato.
  3. 2 points
    Eoliòn Von Gebastell (umana silverbrow mezza celestiale) @PietroD "Ed infatti guarda un po' qui cosa ho." disse la nobile Von Gebsatell mettendo mano al proprio zaino. Con grande sorpresa e meraviglia del Tanner, ne tirò fuori una copia di una edizione precedente, ma molto valida, con una lettera all'interno che fece prontamente leggere a Mulroht: "Buongiorno principessa Von Gebsatell, ripensando ai bei vecchi tempi in cui avevo fatto parte della Compagnia degli Eroi, mi sono ricordato di quello che era il passatempo preferito mio, di Trull Tanner, di Tonum Almeni e di Bjorn Havardsson. Spero che voi della nuova generazione possiate appassionarvi ed immergervi in esso come fecimo noi un tempo, ovviamente senza che ciò mini il vostro impegno e dedizione allo studio. P.S.: è una edizione redatta minuziosamente a mano dall'autore, abbiate e cura. Professore Esterno Flurio Pascolari" "Ho anche apportato delle modifiche personali che tengo qui nel mio quaderno ed ho ribattezzato il gioco Dragoni & Dongioni." disse Eoliòn entusiasta.
  4. 2 points
    Mulroht Tanner Vassilixia, Shaun, Damien ed Eoliòn Distratto dal proprio stesso imbarazzo e impacciataggine nel parlare con Vassilixia, mentre giocherellava con il proprio panino mezzo sbocconcellato, il mezzo immondo non si avvide dell'avvicinarsi dell'altra progenie con il suo stesso stato di ibridazione. Appena questi si appoggio' a lui, tutto il gruppo si ritrovo' immerso in un'area di buio magico. "MERDA!" si senti' sbottare il nano. Prima che i giovani cadetti avessero il tempo di reagire, il buio si sposto' di diversi metri: una enorme palla di oscurita' di dodici metri di diametro disegno' una perfetta parabola in cielo, fino ad atterrare una cinquantina di metri di distanza, in un punto in cui nessuno aveva pensato di andare a piazzarsi. Il gruppo riguadagno' la vista, ed il solo ad essersi spostato era Mulroht, che gli altri videro in posa da lanciatore che osservava l'atterraggio del suo lancio, senza piu' nessun panino in mano. Si scosto' da Damien con una occhiataccia, e spiego' "Il panino era mal cotto. Ne mangero' un altro." Luna Dopo il colloquio ed il pranzo, si allontano' per volare sulla cima del menhir e fare l'arbitro. Fece un cenno a Luna quando lo designo' come arbitro ufficiale, ma le rispose di rimando "C'e' sempre bisogno di un altro paio d'occhi. Quando vuoi darmi una mano, bastera' che ti piazzi laggiu'." mentre indicava la parte opposta del prato dove si svolgeva la partita amichevole, per vedere i giocatori dai lati opposti.
  5. 2 points
    Credo di averla messa anche io una scacchiera vivente da qualche parte in qualche dungeon a inizio "carriera" da master: l'idea è antecedente a Harry Potter (da citare almeno Attraverso lo specchio, di Carrol) e anche nei GDR era comune da prima di Harry, come ad esempio la Ghost Tower of Inverness. Però, in generale, non è una buona idea, come quasi tutti gli enigmi lunghi. Una partita a scacchi è un esempio particolarmente negativo per vari motivi. Primo, sicuramente il giocatore più esperto negli scacchi prenderà la guida (e gli scacchi non è un gioco in cui si fa facilmente una discussione), e si trasforma in mezz'ora di gioco tra due giocatori con un pubblico annoiato che prova inutilmente a commentare. Secondo perché in una partita a scacchi o i giocatori sono di simile livello o anche differenze minime ai bassi livelli vuol dire una partita noiosa e a senso unico. Gli scacchi non sono un gioco in cui ci si improvvisa, non testano la capacità logico-matematica base: o li hai studiati o non li hai studiati. Tutto sommato, che senso ha? Non vedo che motivo ci sia per testare il giocatore su conoscenze esterne al mondo di gioco in un contesto esterno al mondo di gioco. Far fare ai giocatori (perché i personaggi non c'entrano) una partita a scacchi contro il master non è dissimile da dire ad un giocatore di fare tre palleggi con un'arancia o chiedergli di batterti a briscola o rispondere a dieci domande sul tardo impero romano. Si testa il giocatore uscendo completamente dal gioco. Io terrei il tema, un richiamo, ma non il gioco in se. Per tornare alla Ghost Tower of Inverness, lascerei solo le regole di movimento. Quindi: I personaggi entrano in una stanza. Le porte dietro di loro si chiudono. Di fronte a loro una enorme scacchiera e nessuna porta. Quando un personaggio sale su una casella iniziale (le prime due righe della scacchiera), delle soffuse rune colorate nel marmo bianco o nero della casella si accendono di luce magica. Il gioco non inizia sin tanto che tutti i personaggi non sono su caselle iniziali valide. Al momento del corretto posizionamento di tutti i personaggi, le luci si accendono. Tante creature vanno a riempire gli altri spazi, da un lato e dall'altro. Segnati quale "pezzo" sono i vari giocatori, in funzione della loro posizione iniziale. Roll initiative! Il combattimento va avanti normalmente, ma i personaggi possono muoversi solo come il loro pezzo suggerisce. Se ti muovi in modo diverso: le rune diventano rosse, si subiscono danni, si interrompe il movimento e si ha svantaggio su tutto fino al prossimo turno. Idem puoi anche solo attaccare i nemici nelle caselle in cui potresti normalmente mangiare. Si vince alla cattura del Re Nemico, che ha l'abilità di poter usare la sua reazione per annullare qualsiasi danno spostandosi in un'altra casella che non è minacciata da un nemico.
  6. 2 points
    Il primo personaggio "serio" che giocai - da cui prendo il nome - fu Viimak, un Goliath giocato in 3.5. Nacque come sciamano dei draghi (mi piaceva il flavour) e con morning star di taglia grande facevo già i buchi dappertutto. Discutemmo col master per cambiare classe (quando fu evidente la scarsa utilità della classe sciamano dei draghi), e - mantenendo il flavour del pg, lo feci diventare barbaro. Non appena ci furono i requisiti prese CdP Bruto Picchiatore. Concludemmo la campagna a livello 16 che avevo Forza 46 o giù di lì. Ricordo il primo combattimento che feci col bruto picchiatore: in una sessione "filler" (mancavano due giocatori) spiaccicai in un solo turno un capo bandito thrii-kreen, tanto che il master mi droppò una "pantofola anatema degli scarafaggi +5".
  7. 2 points
    1) La scacchiera è basilare per aprire la porta nella stanza successiva, non può essere aggirata, nè tramite magia nè arrampicandosi. I giocatori devono per forza prendere posizione nella scacchiera, una volta che comincia il gioco sono magicamente costretti a poter fare solo le mosse consentite dalla loro pedina. Visto che è molto potente ti conviene farla trovare in un dungeon che abbia qualche attinenza con i poteri divini, potresti dire che è un enigma lasciato sulla Terra dalla divinità stessa. 2) Puoi usare simulacri di mostri come pedine avversarie e alleate, quando una pedina viene mangiata riceve danno dall'avversario (massimizzato e con 20 automatico) fino a che non muore o nel caso dei personaggi cade a terra stordito. 3) direi che ti conviene usare l'obiettivo più veloce. Un consiglio, assicurati che i tuoi giocatori sappiano giocare a scacchi, altrimenti è meglio la dama, cerca di portarti dietro una scacchiera o damiera portatile.
  8. 2 points
    Yskandr "Una consegna di un libretto fatto copiare a mano, per esempio? Tengo sempre qualche opera minore in bottega, già pronta, per mostrare la mia grafia...", faccio presente.
  9. 2 points
    Alucard Borealis Ah, giubilo! Magari tua sorella compirà il suo primo omicidio adesso! Anche se forse verrà considerato più il distruggere un oggetto, con bona pace dell’intelletto di molti di quest’ultimi! Alucard al “trotto” si avvicinò a Deborah, rifiutando l’invito a giocare ad Orcbowl, avvicinandosi accanto a lei. <<Posso sedere con voi?>> chiese sia a Luna che Deborah, sorridendo ad entrambe. <<Sorellona, semmai qualcosa che dura poco...dobbiamo viaggiarci insieme dopo.>> disse con tono calmo: non sembrava ne una supplica, né una vera richiesta, solo una constatazione. Il tono sembrava quello di un lama ed un contadino che spalla a spalla cadevano da una cascata. Tono peculiare...peccato che forse mi toglierà lo divertimento di cui questa giornata abbisognava così tanto...uff. Per rispettare la consuetudo del posto, posso chiedere a colui che è nella luce se potrebbe esaminare, un poco più tardi, le rovine druidiche? Sarebbe qualcosa di più interessante che vedere degli... dei giovani a giocare a questo sport peculiare: mi ricorda in parte uno di una terra che ho visitato, il bloodbowl. Ma quello è assai più vilmente e magnificamente truculento! Sarei stato curioso di vederne una partita. Concesso comunque. Dopo daremo un’occhiata. <<Luna, anche tu una appassionata di Bloodbowl? Ah, scusami, non credo che ci siamo mai “presentati bene” da quando sono grande. Alucard Borealis!>> disse tendendogli la mano con un sorrisone, prima di addentare il pranzo offerto ( per cui ringraziò Mulrhot ed Eoliòn per l’offerta di integrazione, che accetto per gentilezza) tag
  10. 2 points
    SI, ma ha ragione burronix, il fatto che perda la qualitá caricamento non toglie che ti serve una mano per caricarla. Perdere caricamento significa che non ci metti un round non che non devi caricarla. Sono comunque concorde con quanto sostenuto da burronix circa la possibilitá di far giocare due balestre leggere.
  11. 2 points
    Tanis Si era aspettato rimostranze e dinieghi. Per quello che stiamo facendo, una spada in più non farà alcuna differenza: non stiamo andando a ingaggiare battaglia contro un esercito. A Qualinost saresti invece benvenuto ed utile, avresti protezione e potresti ricambiare l'aiuto. Non posso certo obbligarti, ma è ciò che ti consiglio, così come di fare il viaggio in compagnia di Anelor. Posso solo dirti che i nostri cammini si separano qui. Quindi si avvicinò a Tika. Se ti considerassi una bambina, le cose sarebbero molto diverse. Spero tu capisca perché non posso permettere che ad ogni passo qualcuno faccia di testa propia e si unisca o saluti la compagnia a seconda di quel che crede. Stiamo andando verso un grave pericolo e mi serve un gruppo coeso che si conosce in battaglia, dove non c'è spazio per colpi di testa. In questo momento, non posso permettermi nè sconosciuti, nè amici che si lanciano in avanti armati di buone intenzioni e senza prestar ascolto. Laurana è stata rapita e dobbiamo affrettarci. Per favore, non insistere oltre... Fece cenno agli altri di prepararsi a mettersi in marcia. DM
  12. 1 point
    ma sì lo so, scherzavo 😄
  13. 1 point
    Ciao a tutti, avrei bisogno di un consiglio, sarei intenzionato a presentare ai miei giocatori una differente tipologia di enigma. Guardando Harry potter (e la pietra filosofale) mi è venuta l'idea di sottoporre i miei giocatori ad una sorta di schacciera umana dove i giocatori sono le pedine. Collocherei la scacchiera all'interno di un dungeon, i 5 giocatori sarebbero le pedine maggiori (re, regina, 1 cavallo, 1 torre 1 alfiere) + 5 pedoni, la scacchiera sarebbe di 5x8 caselle. Donade: come faccio a costrigere i giocatori a sottoporsi ad una prova simile cosa succede ad un giocatore se viene mangiato qule è lo scopo del gioco (scacco matto, l'eliminazione fisica di tutte le pedine avversarie. altro...) Accetto anche consigli eventuali!
  14. 1 point
    Astrid Alle parole di Efraym la ragazza prese per mano Kat Sorellona... Per favore... Castralo DOPO la partita! supplicò la rossa sottovoce Gioca... Fallo per me... chiese alla sorella maggiore con occhi da cucciolo e labbro leggermente tremante, il tipico sguardo che faceva quando non poteva (o non voleva) ottenere qualcosa con l'intimidazione o la violenza. Squadra di Astrid @Ghal Maraz @PietroD @Von Ci siamo! La partita può cominciare! Che vincano i migliori! Che saremo noi, ovviamente... Se batto Efraym, vorrà dire che dovevo entrare io nei Satanassi fin dall'inizio... La ragazza si concesse un sorriso, poi... La partita poté cominciare!
  15. 1 point
    Forgrim Minyar Tanner (Umano) Il viaggio continuò tranquillo. Forgrim si guardava in giro mentre argomentava le sue ragioni giustificando le domande sempre con la stessa e unica risposta: Bahamut . Non si fermò neppure durante la pausa pranzo. Si sedette vicino a Luke. Luke, come ti dicevo Bahamut ha creato tutto di ciò che vedi, comprese le ali di mio fratello. Perché avrebbe dovuto limitarsi. Ovviamente non posso sapere come. Certe cose devono rimanere segrete. Solo il grande Re Drago, nella sua bontà, può sapere come creare la vita. Disse con animosità. Aprì il suo zaino per prendere una razione: si accorse di essersi dimenticato il cibo all'accademia. Certe cose appartengono solo a Dio, certe altre a noi mortali. Vide a circa 20 metri un cespuglio con dei frutti rossi. Come al solito, Bahamut fa in modo di soddisfare i miei bisogni. Fece una piccola pausa. Ovviamente "le cose del Dio" sono varie . Ti faccio un esempio. Io ho dimenticato il pranzo. Pensi che Bahumut mi lasci a stomaco vuoto? Ovviamente no. Lui ha già pensato a me. Guarda. Indicò la pianta. Un cespuglio con il mio pranzo. Sorrise. Perdonami, vado a raccogliere il dono. Mentre mangiava le bacche, notò come tutti si stessero organizzando per una partita di Orcbowl. Venne chiamato anche lui, ma decise di non partecipare. Forgrim sapeva che la squadra di Mulroht avrebbe vinto facilmente. Forgrim era solo curioso di sapere come... Che strategia userai fratello? Andrai a testa bassa usando la tua forza, oppure avrai un approccio più paziente? Prese altre bacche e andò a sedersi su di un sasso vicino per godersi lo spettacolo. Master
  16. 1 point
    ragazzi come potete vedere, mi è difficile continuare la storia con continuità, è arrivato un nuovo lavoro che mi assorbe parecchio e mi toglie tempo per il sito. Quindi volevo ringraziarvi per questa esperienza insieme fin qua. Chissà che non capiterà in futuro periodi più facili come tempistiche. Vi chiedo scusa se ho temporeggiato un pò ma ho cercato fino all'ultimo di vedere se era possibile o meno. Grazie di tutto, Mastro Oskar vi ringrazia e saluta (anche perchè sembra che sono quasi morto) quindi colgo l'occasione. A presto
  17. 1 point
  18. 1 point
    Gli umani sono tra i 53 e i 60.
  19. 1 point
    Mulroht Tanner Eolion "Grazie, sei gentile, ma ho ancora altri panini. Erano uno per ciascuno ma qualcuno aveva lo stomaco pieno e l'ha rifiutato. Come se avessi accettato." rispose alla cortese offerta della ragazza dalle ali piumate. La quale poi aggiunse altro, ed un visibile entusiasmo si dipinse sul volto del nano, che prima era ancora rabbuiato dall'incidente con Damien. "Meravigliosa! Cioe'... fantastico. Mi diverte moltissimo giocare a scacchi e shogi, ancora non sono riuscito a battere mio padre ma se continuo a giocare solo con lui non riusciro' mai a superarlo. Quanto a Cunicoli&Coboldi, ho intenzione di comprare tutti i manuali, e forse questa missione mi aiutera' a mettere da parte il necessario! Non ci ho mai giocato perche' ad Huruk-Rast non riuscivo a formare un gruppo di gioco. Tutti che preferivano passare le ore a giocare a Minecraft impilando cubetti di carbone per realizzare statue squadrate di qualsiasi cosa. Qui invece ho gia' trovato un altro giocatore, un novellino che pero' e' bravissimo con le miniature, se vedessi. Si', sono proprio contento che ti unisci a noi. Se conosci altri cui piacerebbe, spargi la voce. Organizzero' in camera mia... appena torneremo la rendero' un po' piu' presentabile." Doveva quantomeno mascherare il buco in uno dei materassi e sincerarsi che non spuntassero fuori i pezzi di federa con l'immagine di Chandra strappati dal cuscino di Cicciodoacre. Tutti i giocatori di Orcbowl Posta in quel modo, houserules alla mano, a Mulroht parve fattibile partecipare alla partita. Plano' giu' dal menhir e si mise nella posizione del lanciatore, dopo essersi fatto una coda posticcia con il fazzoletto. "Pero' la strategia la decido io. Ascoltatemi bene." Apri' le ali per non far vedere il labiale agli avversari, ed espose le sue tattiche ai compagni. "Tutto chiaro?"
  20. 1 point
    Certo, no problem Ti metto il responso in game
  21. 1 point
    Vai tranquillo, quadro perfetto. Picchio forte con il mio martello, come se non ci fosse un domani 😬
  22. 1 point
    La Wizards sta anche producendo di recente una serie di manuali chiamata Kids D&D Intro (con titoli come Monsters & Creatures, Dungeons & Tombs, Warriors & Weapons) pensata per introdurre alcuni dei concetti, creature e personaggi iconici di D&D ai lettori più giovani, con un approccio più snello e leggero. Potresti darci un'occhiata
  23. 1 point
    Ragazzi, se i prossimi tiri di combattimento vengono fuori così Anouk e Lou ammazzano il Wyrm da soli. A mani nude. Bendati.
  24. 1 point
    La cosa importante è che il PG sia legato a Lago Diamante. Qui sotto metto l'incipit del TdG di 2 anni fa ormai
  25. 1 point
    Scusa ma al momento non riesco. Cerco di farvi un quadro a parole: a ovest ci sono i due muli ancora in vita e Lanstar, che stanno combattendo con 2 millepiedi (e altri 2 hanno appena fatto a pezzi il terzo mulo); a est ci sete tu ed Elionna, in mischia con 2 nemici, e Kulla in mischia con uno. Quindi si, siete ancora circondati.
  26. 1 point
    Kol Ascolto la conversazione, gli occhi fissi su Oderic...e sulla spada. Cosa penso di quello che dice Beorn? Sinceramente mi interessa essere ancora vivo, e combattere per quello in cui credo. Poi che la giustizia faccia il suo corso, sono entrambi colpevoli e per loro non provo sentimenti di pietà. Provo più attrazione e interesse per la spada... Re Beorn, quella... indico la spada adagiata sulla roccia. Che ne sarà di quell'arma? La sua fattura, la maneggevolezza, per anni ho visto fabbricare armi rudimentali dai fabbri di Pontelagolungo, ma Raramente ho visto lame di quel tipo. E' come...se cantasse durante la battaglia. Sarebbe uno strumento eccezionale in mani giuste e salde. In mani che vogliano combattere l'Ombra sopra ogni cosa... Il mio sguardo incrocia il Re, speranzoso, come un fanciullo che stia richiedendo un nuovo giocattolo alla vigilia di un giorno di festa.
  27. 1 point
    Damien Marsh (Human/Half-Fiend) Risposta a Astrid [@Plettro] Damien si senti leggermente osservato mentre parlava con la giovane Astrid, ma come a suo solito gli diede poco peso. Non era il tipo che si preoccupava di quello che potevano pensare di lui, anzi alcune volte trovava divertente guardare le reazione, anche negative date dai suoi comportamenti. Astrid comunque tolto un piccolo sobbalzo non si scuci più di tanto, preferendo rimanere da sola a pensare. Va bene..ti lascio tranquilla.. rispose sorridendo ..se hai voglia di sfogarti e parlare fai un fischio..senno rischi di impazzire alla fine.. concluse mentre si allontanava salutando la ragazza con un cenno della mano. Intervento tra Vassilixia, Mulroth e Eoliòn [ @shadizar @PietroD @Pyros88 @North] La situazione andò a animarsi quando Efraym propose una sfida a Orcbolw, ed Astrid ne approfitto per entrare in scena ...mh..stiamo a vedere cosa succede... pensò il mezzo-demone incuriosito da quello che sarebbe potuto succedere. Lasciò gli altri fare non essendo chiamato in causa ne approfitto per guardarsi attorno. Rifiuto ringraziando Mulroht del panino, spiegando di aver gia mangiato appena prima di partire. Essendo li vicino non pote non sentire le parole del mezzo nano verso Vassilixia. Poggiandosi col gomito sul ragazzo intervenne nel discorso Mulroth, non mettergli piu pressione di quella che puo avere esordi sorridendo giovialmente questi saranno problemi per la Draconis del futuro volgendo lo sguardo alla ragazza prosegui adesso pensa a goderti quest'avventura, sono certo che ci sara da divertirsi concluse con un sorrisetto, volgendo lo sguardo alla scena che stava accadendo nel campo appena istituito di Orcbolw. Non ebbe neanche tempo di spostarsi che si avvicinò Eoliòn, beh allora ti lascio in mani sicure...vedi di non spaventarla troppo disse ironicamente a Eoliòn, scompigliandoli leggermente i capelli (Damien conosceva bene la loquacità della ragazza). ..sorellina...lady.. saluto le ragazze con un sorrisetto. Si avvicina a gli altri per vedere la partita [ @Cronos89 @Organo84 @Zellos ] Lasciando sole Vassilixia e Eoliòn decise di prendere posto sul prato per guardare quella che sarebbe stata molto probabilmente una interessante partita ...guarda come si scalda la principessa di Lago Cristallo per un semplice modo di dire.. pensò divertito mentre si avvicinava al gruppetto Ciao, esordì verso Deborah, Luna e Alucard, Deborah..Luna..tutto bene? disse sorridendo, riferendosi alla "sfuriata" appena fatta disturbo se mi siedo qua? ..sono curioso di quello che combineranno in questa partita continuo ironico aspettando la risposta Tu sei Alucard giusto? non so se mi conosci..comunque piacere sono Damien. si presento al ragazzo sapendo chi fosse ma non essendo sicuro del contrario ...che gruppo variegato...tifling, mezzi-deomoni, mezzi-celestiali e mezzi-draghi..gli eroi di Firedrakes si sono dati daffare...e pensare che quello strano è l'umano.. pensò ironicamente, per poi prendere posto.
  28. 1 point
    Adoineros Annuisco rivolto a Denor e lo seguo, mentre getto un'occhiata verso l'alto nella tromba delle scale Una delle predizioni della Vistana parlava di guardare da grandi altezze, di trovare il cuore del nemico, chissà che la stanza di Strahd non sia lassù
  29. 1 point
    Una classe completamente psionica come lo Psion o il Mistico potrebbe ancora essere all'orizzonte secondo i recenti commenti del designer capo delle regole di D&D. Articolo di J.R. Zambrano del 03 Dicembre Quando l'ultimo Arcani Rivelati ha reintrodotto i poteri psionici come sottoclassi per Guerriero, Ladro e Mago la comunità di giocatori è andata in fibrillazione. Alcuni erano eccitati all'idea di giocare con nuove regole, e hanno apprezzato come i poteri psionici siano stati elegantemente introdotti senza bisogno di avere un loro sottosistema a parte, distinto dal resto del gioco. Mentre altri sono rimasti stupiti dal fatto che i poteri psionici, specialmente la parte che assomiglia agli incantesimi, sembrassero funzionare adesso esattamente come gli incantesimi piuttosto che avere il proprio sottosistema, distinto dal resto del gioco. C'è stato un certo dibattito riguardo i meriti di ciascun approccio. Lasciamo che l'Internet sia l'internet. Ma qualunque sia la vostra opinione riguardo il nuovo metodo con cui sono stati gestiti i poteri psionici, sembra che una classe totalmente psionica come lo psion o il mistico che abbiamo visto in precedenti Arcani Rivelati (ed edizioni del gioco) non sia del tutto fuori discussione, almeno secondo Jeremy Crawford, designer in capo delle regole per D&D 5E: Jordan White Mi piacciono queste sottoclassi, ma sarebbe carino se poteste confermare se una classe pienamente psionica sia ancora in considerazione in un modo o nell'altro, o dovremmo invece aspettarci solo più sottoclassi come queste? Jeremy Crawford Non abbiamo chiuso la porta in faccia a una classe come lo psion/mistico, siamo solo concentrati nell'esplorazione di opzioni di sottoclasse. Cosi come il mago non è l'unico ad usare la magia arcana ed il chierico non è l'unico ad usare quella divina, una potenziale classe psionica non è l'unica ad utilizzarne i poteri. E questo porta ad una considerazione interessante. Il mago non è l'unico ad usare la magia arcana: infatti persino gli incantatori arcani puri, come il bardo o lo stregone, non sono gli unici ad usare la magia arcana. Il cavaliere mistico e il mistificatore arcano lanciano incantesimi usando la magia arcana, ma andando anche oltre ci sono sottoclassi che sono potenziate dalla magia arcana anche se non lanciano incantesimi. Queste includono l'arciere arcano e il recente barbaro dell'anima selvaggia. La stessa cosa avviene con ogni fonte di potere, incluse sottoclassi potenziate dalla magia divina (ma che non lancino necessariamente incantesimi divini) come il barbaro del cammino dello zelota (path of the zealot) o il monaco dell'anima solare (sun soul); sottoclassi potenziate da abilità marziali come il rodomonte (swashbuckler) o il barbaro berserker, o persino sottoclassi potenziate dall'oscurità. Si possono trovare un sacco di sfaccettature nell'esplorazione di sottoclassi con diversi tipi di poteri tematici. É una di quelle cose che rendono la 5a Edizione eccezionale. Risulta facile giocare un personaggio che mischia sentori e generi differenti senza il bisogno di multiclassare con un mucchio di classi differenti. Volete sentirvi come un guerriero sacro ma volete comunque una grossa ascia? Andate sicuri col barbaro zelota. Non dovete andare contro il sistema per cercare di far fare alle classi qualcosa per cui non sono state create. Potete semplicemente essere un guerriero che usa la magia. O i poteri psionici. In effetti qualcuno ha fatto notare come il team di D&D abbia in un certo qual modo rilasciato di nascosto delle classi a tema psionico in diversi Arcani Rivelati precedenti. I monaci della via del sè astrale (way of the astral self) rappresentano perfettamente il concetto della mente che domina la materia, facendo manifestare la versione interiore e idealizzata del loro corpo e usando la forza della mente (o poteri psionici) per creare uno Stand alla JoJo, che usano per combattere. Lo stregone della mente aberrante (abberrant mind sorcerer) usa i poteri psionici di terribili esseri provenienti dal Reame Remoto, come i mind flayers, per manifestare i suoi spaventosi poteri magici, e persino per lanciare incantesimi psionici. A quanto pare sembra che i poteri psionici saranno parte centrale di un qualche manuale futuro. Insieme ad una grossa espansione delle classi per come le conosciamo adesso. Mentre ancora non sappiamo quando uscirà questo manuale, guardando all'andamento delle uscite passate è presumibile che sarà l'uscita di Novembre dell'anno prossimo. Se tutti questi Arcani Rivelati sono qui ci sarà un motivo. Quindi tenete gli occhi aperti, l'orizzonte è pieno di novità per i giocatori di Dungeons&Dragons. Buone Avventure! Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/12/dd-dont-rule-out-the-psion-or-the-mystic-just-yet.html Visualizza articolo completo
  30. 1 point
    Davvero molto indeciso tra il mio elfo gerofante arcano (mago/druido della 3.5) Neutrale Buono, e il mio vampiro ventrue di Mondo di Tenebra (diciamo Legale Malvagio). Poi adesso sto cominciando ad affezionarmi molto al mio attuale pg: aarakocra stregone della tempesta, caotico neutrale. Bellissimi!
  31. 1 point
    Luna Bjornsdòttir Sorrise ad Alucard, annuendo alla sua richiesta Con piacere. Luna Bjornsdòttir, ma non c'è bisogno di questa formalità gli strinse la mano e si spostò appena per fare posto al Tiefling non mi piace giocarlo, ma ho arbitrato qualche partita in passa...si bloccò quando Efraym additò Deborah come sua. Era chiaro che la ninfa avesse un interesse per Deborah, ma non aveva l'arroganza di avanzare nessuna pretesa su di lei, e non era certo per quello che la faccia le diventò livida di rabbia. Era quasi certa però che tra lei e il lucertoloide non ci fosse alcun tipo di rapporto. La storia della cheerleader però le fece bollire il sangue nelle vene Scusate si alzò avvicinandosi a Efraym hei stammi bene a sentire si fermò un istante aspettando di avere l'attenzione del lucertoloide Non è che se noi ragazze non giochiamo siamo relegate al ruolo di Cheerleader, vedi di avere un po' di rispetto. Sei un principe, giusto? Impara a farlo e a chiamare ognuno col suo nome e con il dovuto rispetto. E visto che prima non ci siamo presentati con il dovuto rispetto Fece un passo avanti allungando una mano verso il lucertoloide Io sono Luna Bjornsdòttir, figlia di Veldrada e futura signora di Lagocristallo una volta finite le presentazioni tornò da Alucard e Deborah Mulroht, ti lascio tranquillamente il posto da arbitro, ma se hai bisogno non esitare a chiamarmi sorrise per poi dedicare le sue attenzioni a Deborah e Alucard Scusate, ma queste mancanze di rispetto mi mandano in bestia. Sospirò appena sconsolata In effetti non ci siamo presentati bene, ma sei un fratellastro di Ragnar! Papà effettivamente non si è fatto mancare nulla in famiglia Ho un vago ricordo di te. Speriamo che questo viaggio possa servire a rinsaldare i legami di questa famiglia allargata.
  32. 1 point
    Fendendo la folla, avanziamo verso la darsena. Ci fermiamo a prendere il caffè alla bancarella consigliataci dall'halfing " Da Celestino, caffè sopraffino! " Oramai al limite delle capacità di carico, accolgo con piacere la proposta di raggiungere la nave ed uscire quindi dal caos a cui quel continuo flusso di persone ci sottopone. Arrivati nei pressi dell'imbarcazione, mi siedo su una bitta, poggiando con attenzione tutto quello che ho portato fino ad ora. Mentre aspetto che Elle faccia i suoi controlli, mi metto a sorseggiare il caffè, mentre finalmente leggo i titoli del giornale appena comprato, aspettando la ragazza per proseguire con la colazione.
  33. 1 point
    Corretto, è specificato nel talento che la carica non provoca AdO
  34. 1 point
    Quello che stavo intendendo io è che, talento o meno, non puoi, da regolamento, combattere con due armi con munizioni, perché è necessario avere almeno una mano libera per caricare l' arma con munizioni ( o perlomeno, puoi se il primo turno è già carica, ma i turni successivi ti serve necessariamente una mano libera per ricaricarla.) Il talento ti è utile quando hai solo una balestra in una mano, dato che con l'azione bonus puoi attaccare con la stessa. Tra quello che vuoi fare te (attaccare con 2 balestre a una mano) e quello che il talento di permette di fare (attaccare solo con una balestra a una mano), non c'è sostanzialmente differenza. Tutto è riducibile a x+1 attacchi. Che tu poi te lo immagini che combatte con 2 balestre a una mano per una questione di flavour è assolutamente indifferente, a livello di meccaniche non cambia nulla. Spero di essermi spiegato.
  35. 1 point
  36. 1 point
    é una spell-like ability quindi no Usually, a spell-like ability works just like the spell of that name. A spell-like ability has no verbal, somatic, or material component, nor does it require a focus. The user activates it mentally. Armor never affects a spell-like ability's use, even if the ability resembles an arcane spell with a somatic component. La cosa risulta scenografica quindi non vedo perché no.
  37. 1 point
    Quando si introduce una modifica al regolamento bisogna porsi due domande: che effetto si vuole ottenere? e: questo effetto piacerà al gruppo? Visto che tu sei qua a lamentarti (giustamente) direi che la seconda domanda non è stata fatta a chi di dovere, e cioè voi, e a meno che per qualche motivo il tuo GM non intenda vietare i colpi non letali, direi che non si è posto neanche la prima. L'unico effetto di questa modifica fatta completamente a caso è di soddisfare una immotivata pretesa di realismo (perché poi dovrebbe essere più difficile stordire che uccidere lo sa solo lui) con una regola che non c'entra nulla col resto del gioco. Dite al vostro GM che deve mangiarne ancora un po' di minestra prima di fare 'ste alzate d'ingegno unilaterali, altrimenti tempo sei mesi e sicuro come l'oro rende letali i danni da caduta.
  38. 1 point
    Piccola nota che forse è sfuggita a entrambi: le balestre (come tutte le armi con munizioni) hanno bisogno di una mano libera per essere ricaricate, quindi RAW non si potrebbe attaccare con due balestre. Di fatto però non cambia nulla a livello di danni, quindi io personalmente concederei senza problemi di poter tenere 2 balestre. Mi riserverei solamente il diritto di poter disarmare il personaggio di entrambe le armi o per altre condizioni simili. Anche per quelle magiche non avrei problemi a fargliene trovare entrambe o comprarne 2 al prezzo di 1. Sostanzialmente è 1 arma refluffata in 2.
  39. 1 point
    Denor sale la scala a pioli seguito da tutti voi. In cima alla scala c'è un piccolo vano pieno di ragnatele e un'altra porta segreta che su questo lato è visibile. Denor apre con caultela la piccola porta ed entra in un grande spazio. Vi trovate evidentemente nella torre nord. Un pavimento a mosaico aggiunge un tocco di colore alla torre sopra di voi che altrimenti sarebbe scura, fredda e vuota. Una scala a spirale sale lentamente nell'oscurità, abbracciando la parete esterna. Vi trovate su un ampio pianerottolo ad un piano intermedio. Sul vostro stesso pianerottolo una scala conduce verso il basso e un'apertura a nord-ovest sembra condurre in un corridoio. @Tutti
  40. 1 point
    Luna Bjornsdòttir Alla domanda di Deborah si strinse nelle spalle Su di me? Che sono una putt*na, che rovino le coppie, che sfrutto la mia bellezza per secondi fini. Su di te? Che sei stramba, fondametalmente e che qualche volta hai usato i tuoi poteri per far impazzire chi ti aveva fatto un torto finì di mangiare pulendosi velocemente le mani una contro l'altra ogni volta che mi va, con chi mi va, non è un segreto sorriso lasciando definitivamente perdere il discorso Rakayah basta che non ci vadano di mezzo altre persone. Credo che per noi ninfe sia un po' diverso, ci sono meno tabù a Lagocristallo si fermò un istante quando vide Shaun avvicinarsi con del cioccolato GRAZIE! le si illuminarono gli occhi all'idea di mangiare del cioccolato, ma vedendo che il "fratello" non aveva considerato Deborah divise la sua parte con lei Tanto galantuomini e tanto cafoni a volte sorrise a quella specie d'insulto. Aveva notato gli approcci di Ragnar con Angelica ed era quasi sicura che l'idea della partita di Orcbowl di Astrid fosse in qualche modo legata a quello. Ma se era per sfogare la frustrazione o per allontanare i due, non avrebbe saputo dirlo io se volete arbitro, non ho alcuna intenzione di giocare. Sono pessima si stava per alzare, ma Efraym si avvicinò a loro due, cercando di convincere Deborah a giocare, senza però grossi successi Per gli dei che cafone Posò una mano su quella di Deborah per evitare che si scaldasse troppo per quella che era stata sicuramente un'uscita infelice da parte del lucertoloide Allora, fate le squadre. Se vedo scorrettezze vi ritrovate legati coi viticci prese il suo bastone da combattimento e lo sbattè un paio di volte sul terreno Queste mani possono essere dure come il ferro o delicate come una piuma, la prima opzione non vi piacerebbe! E dire che nei primi anni aveva provato anche a fare l'arbitro di Orcbowl,ma aveva scoperto che così, il numero di insulti che si predeva aumentava esponenzialmente, così aveva smesso ah e mi sembra suprefluo dirlo ad un gruppo di galantuomini come voi, ma evitate le toccate inappropriate
  41. 1 point
    Deborah Borealis(Tiefling Burattinaia del Terrore) Madnyss & Sorrow(Burattini) Capisco... Disse a Luna, dando gli ultimi bocconi al panino. Dopodiché da seduta rannicchiò le ginocchia, abbracciandole con le braccia ed appoggiando il mento sopra di esse. Io invece non lo sopporto... Non perché non voglio bene a mamma, ma perché mi sento sempre giudicata... In base a quello che hanno fatto loro e non a come sono io. La tiefling si strinse ulteriormente. Lo sguardo passò su Alucard in lontananza, poi la nonna. La Strega ascoltò la ninfa riguardo a sua sorella... Prima che quest'ultima si ponesse davanti a lei osservandola direttamente negli occhi. Gli occhi color ghiaccio della maga cercano di evitare in qualche modo lo sguardo diretto della ninfa, strisciando lievemente indietro col sedere e le gambe per guadagnare spazio. Però non appena sentì nominare la sorella Deborah concedette a Luna il suo pieno sguardo, togliendosi i capelli corvini dal viso, portandoseli dietro le orecchie o più comodamente le corna nere. La coda sbatté un paio di volte sul prato ascoltando la futura regina di Lagocristallo, finché, a fine discorso, la Burattinaia inclinò leggermente la testa... Le punte dei capelli che sfioravano il prato e gli occhi azzurri che fissavano la ninfa in un'espressione particolarmente vitrea... V-voci? Perdonami, ma non so nulla di voci sul tuo conto... Ne dicono anche sul mio? Sai chi dice queste cose? Deborah, per quanto partecipasse ad un club di gruppo e vivesse assieme ad una delle ragazze più popolari della scuola, non era mai stata avvezza alla vita sociale della scuola. Vedeva tutto come un'impegno da portare a termine ed il suo tempo libero se non lo impiegava per lo studio e le attività del club lo destinava alla sua arte... Od un uso particolare della magia. Comunque quella scoperta sembrò turbare abbastanza la tiefling, tanto che la mano sinistra finí inconsciamente per stringere il suo prezioso libro degli incantesimi. S-scusa... Comunque riguardo Rakayah non giustifico ciò che fa. A volte, mentre ero in stanza con lei o in altre occasioni, ho visto che uso fa del suo fascino... Io preferisco non farmi coinvolgere... So anche perché Ragnar ce l'ha con lei... Disse per poi esordire inquietantemente: Nel mio caso, fintanto che mi tratta bene le vorrò bene. È mia sorella maggiore, le devo voler bene... Rakayah sa bene che non le conviene farmi arrabbiare... Non l'è mai convenuto. Concluse quel discorso, per poi mettere mano alla propria borsa alla ricerca di qualcosa... Così... Tu ti diverti spesso... Lo fai spesso... Chiese con ingenuità essendo un po' poco pratica del discorso... Sapeva solo ciò che le diceva Rakayah e l'impulso che il sangue di sua madre le mandava in certe situazioni. Io giudico solo dopo aver conosciuto una persona. Il che non capita spesso... Alla proposta di Astrid di giocare a Orcbowl la tiefling non si smosse. Non era minimamente interessata. Efraym tuttavia la interpellò... Perfino in una maniera poco simpatica per la Burattinaia... Tizia... Ho un nome... È Deborah Borealis... Presupponevo che ti sarebbe entrato in testa dato quante volte Nonna mi ha chiamato per nome. Lo sguardo era freddo, cattivo. Si portò i capelli davanti a metà del viso per evitare di essere vista in volto direttamente. Io non gioco... Disse tirando fuori l'opera che aveva iniziato a scuola, il ritratto di Luna e tutto l'occorrente artistico per lavorarci. Dopodiché, passato qualche secondo... Madnyss... Chiamò il suo burattino più energico intento a fare nulla, mentre Sorrow osservava ancora Kat Po sperando di poter salire in groppa ad Isilvar. Vai tu. Il burattino cascò dall'albero... Con una conseguente risata divertita. Dopodiché si avvicinò ai lucertoloidi con il suo sorriso mostrante i dentini gialli. UHAHAHIHUHAHAH! Non so giocare! Esordì. In questo gioco c'è del CHAOS CHAOS CHAOS? MUHAHAHAAHAH! Deborah osservò i giocatori per poi ritornare al proprio disegno. Vedete di non romperlo... È più di un semplice burattino parlante... X DM
  42. 1 point
    Efraym Al Rasul Finalmente si ragiona! si disse Ef esaltato dalla esuberanza di Astrid. Purtroppo il gruppo non sembrava del tutto a proprio agio con l'idea della partita. Ho capito perfettamente qual è il problema! Temete che giocando a Orcbowl rischieremmo di farci male non è così? Non posso biasimarvi, anche io avevo paura di giocare le prime volte... ma come ha detto Astrid un paio di tiri non possono che scaldarci l'animo! rise fragorosamente lanciando Andiamo piccoletto scendi in campo! aggiunse chiamando il burattino con il quale aveva stretto amicizia. Attraversò l'accampamento, non mancando di invadere lo spazio personale di tutti quanti, sfoggiando il suo solito sorriso. Coraggio! Smettete di pensare alle ragazze, tanto non ve la danno! rise squadrando tutti i ragazzi che, evidentemente, erano più interessati alle dolci attenzioni che a un po' di sano risveglio muscolare a base di Orcbowl. Fece l'occhiolino al fratello, il quale era proprio uno di questi ragazzi. Ne ho visti a migliaia di tipi del genere, vengono alla tua festa e passano tutta la sera a provarci con le ballerine; e se provi a coinvolgerli in attività di gruppo fanno i preziosi. Andiamo fratellino! E anche tu suonatore! In piedi in piedi! Io scelgo quella tizia e Malik! gridò indicando la burattinaia sperando di aver scelto tre giocatori al prezzo di uno. Dai ragazzi, cominciamo noi sei con qualche lancio, gli altri si scaldino e entrino quando sono pronti! IN MARCIA! esordì con un vigoroso passaggio alla burattinaia, ancora seduta, esclamando Avanti, cominci! Tu piccoletta lancia verso di me, fratellino contro carica i Blitz dei miei avversari. Voglio proprio vedere di che pasta siete fatti! Le cose si facevano interessanti!
  43. 1 point
    se apri la scheda in alto a destra c'è Share fai new sheet user e metti AndreaP come editor
  44. 1 point
  45. 1 point
    Ciao, cerco 4/5 persone per una campagna simil sandbox per Pathfinder 2ed. L'abitazione sarà fantasy home made con i dettagli che verranno pian piano delineati insieme ai PG. Chi è interessato può scrivermi su telegram @xLx32x
  46. 1 point
    Nicolas La Porte si vorrei provare a segnare tutti i punti sulla lavagna e dormirci su guardo l'orario non sono sicuro che riusciremo a finire prima di cena, i viaggi in autobus dalla periferia al centro sono sempre molto lunghi.
  47. 1 point
    Magnus Carter "Libro e the caldo, eh? Lodevole...Ma attento a non perderti il mondo intorno nel mentre passi il tempo tra i libri. Ma sicuramente la bicicletta è un buon modo per dell'esercizio già..." Annuisco lievemente nel mentre cammino "Sicuramente sì, ragazzo, sicuramente sì. E c'è questo...legame biblico, che a mio parere stona in tutta la vicenda. Non mi è parso fossero persone estremamente religiose, gente che appenderebbe crocifissi ovunque, eppure...Questa storia del diavolo, il passo del libro dei Re, che poi in ufficio controllerò...Il legame con William Corbitt e il reverendo...i suicidi passati...Credevo che il quadro d'insieme inizialmente fosse molto più semplice, ma evidentemente non è così. Andiamo in ufficio, poi penso sarà finalmente il caso di usare le chiavi della villa. Che ne dici?"
  48. 1 point
    Nicolas La Porte Boxe? no niente Boxe, preferisco un libro ed un tea caldo con qualche foglia speziata, sono molto buone alcune erbe dell'america latina o del lontano est. allungo il passo per raggiungerlo Uso tutti i giorni la bicicletta per venire al lavoro in compenso sorrido che ne pensa di questa famiglia? una malattia che colpisce due componenti della stessa casa, ha come minimo lo stesso fattore scatenante.
  49. 1 point
    Magnus Carter Ascolto il mio assistente e mi fermo a pensare. Se avessi preso la mia macchina, tutto questo problema non ci sarebbe stato. Sospiro, poi rispondo "Hai ragione. Una passeggiata non può farmi che bene, per smaltire un po' il nervosismo. Grazie mille, signorina. Andremo a prendere il bus, come non detto." Esco di nuovo con Nicolas e ci incamminiamo verso la fermata "Comunque me la pagherà, il dottore. Ogni volta è sempre la stessa storia! Forza Nicolas, fa bene al fisico un po' di movimento...Hai mai tirato di boxe?"
  50. 1 point
    Troppi. Ricordo qui solo Steeltoe, il Nano Mago, perché è il personaggio per cui avevo creato l'immagine che ora è il mio avatar. In continua tensione tra la sua avarizia, avaro di oro quanto di conoscenza, e la sua codardia via via trasformata in paranoia man mano che i suoi amici morivano. È difatti l'unico personaggio che è sopravvissuto dall'inizio alla fine di una campagna 3.5 con mortalità elevata(circa 20 morti in circa un anno di gioco) e risorse contatissime. Con il tempo è diventando necessariamente l'unico personaggio che era investito nella trama, continuando a reclutare mercenari per salvare il mondo ma evitando di affezionarvisi umanamente.
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.