Jump to content

GelTheBest

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    117
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

GelTheBest last won the day on December 9 2019

GelTheBest had the most liked content!

Community Reputation

66 Ogre

About GelTheBest

  • Rank
    Esperto
  • Birthday 08/31/1999

Contact Methods

  • Skype
    -

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Armata delle tenebre che schiaccia i Toys
  • GdR preferiti
    D&D
  • Occupazione
    Studente
  • Interessi
    Musica di vari generi (principalmente blues e affini), qualche cosa nerd (giochi da tavolo, gdr, fumetti, anime). Sono fortunato ad aver reso la mia università la mia passione.
  • Biografia
    Studio e suono.

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Efraym Al Rasul La cerimonia venne consumata, e lui naturalmente non ne prese parte. Rimase al suo palo a fissare il cielo, cominciava ad abituarsi alla posizione scomoda e ora che era ripulito non puzzava neppure più. Oh cielo dovrei andare in bagno... non me la voglio fare ancora addosso pensò. Nonostante non venne "battezzato dalle ninfe" sentì il vento fischiare tra gli alberi, ed una voce che lo esortava, la aveva già sentita. Gli dei mi stanno veramente guardando? O è solo la mia immaginazione? Vegliano su di me? Sanno che esisto? pensò capacitandosi del fatto che un tronco cominciava ad assumere le sembianze di una donna. Le labbra della donna si mossero e gli dissero "Io ti guardo, ti sento". Sentirsi osservato naturalmente non gli faceva piacere, ma gli dei stavano davvero pensando a lui. Che ne sarà di me? chiese nella sua testa alla donna albero, ma ella non volle rispondergli. No! No! Non andare!
  2. Efraym Al Rasul Vassi... tutti si stavano schierando dalla sua parte, il che non poté che farlo sorridere. Forgrim... ti prego non andare... vieni con noi... Guardò poi @shadizar e in quello che fu un gesto di istinto disse Sono nelle tue mani allora... pose la lingua tra le zanne e strinse, tanto che sarebbe sembrava volersela strappare Vorrei tenerlo questo pezzo di stoffa... mi ci sono affezzionato! ridacchiò riferendosi al bavaglio che ora come una sua vecchia catena pendeva dal suo collo. Vi prego non toglietemi Forgrim... vi prego...
  3. Efraym Al Rasul Quando Ragnar si avvicinò lo prese per il collo e lo abbracciò @Ian Morgenvelt Lasciò il ragazzo Credi che tutti avremo occasione di crescere... dunque accetto tutte le condizioni imposte da te, Ragnar! Si voltò verso Eoliòn La missione è delicata, proprio per questo devo venire! Cosa farei all'istituto sapendo che tutto questo sta accadendo? Impazzirei! @Pyros88 Come ho detto accetto tutte le condizioni! Ef sentì del risentimento nei confronti di Eoliòn per la sua riluttanza iniziale, ma lo lasciò andare. Tutto sommato sembrava che il gruppo fosse propenso a farli continuare con loro, ma Luna si schierò in loro sfavore. Ef andò verso di lei @Cronos89 Ho peccato molte volte, ma gli dei mi hanno perdonato... voglio tuttavia scusarmi anche con te, il mio più grande dispiacere è che tu non possa leggermi nella mente per sentire il mio grande senso di colpa. sorrise e ridacchiò Non lascerò questa missione finché anche tu non riconoscerai il mio valore, è una promessa!
  4. Efraym Al Rasul Quando Veldrada si avvicinò Ef ridacchiò Tipica cosa... gente che non sa vincere... risparmia la retorica per quando sarò libero di esprimermi... Arrivò finalmente il momento di "ripartire", anche se scoprì ci fossero dubbi sulla sua partecipazione alla missione. Siamo impazziti? Questa è una missione per il principe, non per le ninfe! Che potere hanno per minare la mia legittimità? Guardò l'amico mentre si discolpava. La sua purezza... pensò invidioso, mentre osservava come Forgrim non si volesse piegare. Sorrise. Appena potè barcollò fino a Forgrim e lo prese sotto braccio @SassoMuschioso sorrise come se non ci fosse nessuno a guardarli Sei piccolo, ma determinato amico! Sei molto più forte di quanto gli altri vedano... dei molto più forte di tutti gli altri... grattò la testa, poi vide che le persone attorno a loro li fissavano. Vassi come sempre fu di rara dolcezza e delicatezza, tamponò le parti malridotte del lucertoloide e gli disse parole di conforto @shadizar Ti ho mai detto che sono bravissimo a cadere? La mia difficoltà è quando c'è da rialzarsi... ridacchiò quando Vassi gli diede un bacio sulla fronte Dolcezza che mille notti con queste donne non mi darebbero mai, in un solo bacio... sono stato fortunato... arrossì. Però non tornerò al Von Gebsatell... non ora... e non quando la missione sarà terminata! Ho passato gli ultimi tre anni e mezzo lontano dalle mie terre... quando tutto questo sarà finito tornerò alla Savana e prenderò il posto che mi spetta a fianco di mia madre... Alucard lo ripulì, il dolore non se ne era andato, ma almeno non era più completamente lercio. Ne approfittò per prendere Alucard per mano @Zellos Lo so amico... ho sbagliato di brutto... e per questo... si mosse verso le ninfe, in particolare verso Veldrada Quando tornerò alla Savana farò ergere un tempio al vostro Dio, stanotte mi ha parlato e mi ha perdonato... chiedo venia anche a lei per il male da me inferto e sarò onorato di averla mia ospite quando, tra qualche tempo, il tempio nella Savana sarà eretto... Ef si mordicchiò il labbro, poi guardò verso il cielo, ascoltò lo spirare del vento Tuttavia prometto... e che gli dei mi siano testimoni... che sotto il mio regno nessuno mai verrà punito per aver espresso un opinione, non importa con quanta veemenza... donerò a tutti la possibilità di infangare il mio onore, e le mie tradizioni, perchè se l'onore è vero, e le tradizioni pure, il fango scivola su di loro e non le macchia. Questo me lo ha detto il vostro Dio, questa notte... che fosse stato lui o meno Ef non lo sapeva, tuttavia qualcosa nel vento gli aveva detto quelle parole. Chiedo perdono per tutto il male... Si rivolse in ultimo a tutti i suoi compagni che parevano "giudici" del suo "processo" Forse non ve ne siete resi conto... ma anche io e Forgrim eravamo con voi a BorgoFoglianova (DSVDNA) e anche io e Forgrim abbiamo combattuto contro i giganti... il male che ho portato dopo quell'atto con cancella la mia partecipazione a tali eventi, e per quel male ho pagato in queste notti passate ai ceppi. sospirò Sono parte di questa missione come lo siete voi, e se abbiamo avuto degli screzi verbali, tra di noi, voglio risolverli CON voi in questo viaggio. Principe, lei non sa se fidarsi o meno di me, ma io sono esattamente come gli altri! Ero lì quando la abbiamo aiutata... e per inciso ero lì anche quando abbiamo salvato la ninfa! non vi era pretesa nelle sue parole, solo sincera convinzione Ho tirato fuori le persone da sotto le macerie del paese attaccato... e il mio cuore si è straziato a vedere tanto male, ma se il mio cuore è più debole del vostro questo non cancella ciò che ho fatto dopo, e ciò che farò da ora in poi... ovvero essere dalla vostra parte! Ef prese sottobraccio Forgrim Voi non mi conoscete, ma se c'è una cosa che spero avervi dimostrato in questi giorni è la mia lealtà! La mia convinzione e la mia voglia di battermi per ciò in cui credo... perciò prometto solennemente di adempiere a tutti i doveri che la missione mi richiederà, sarò obbediente agli ordini, e combatterò finchè avrò fiato in corpo per i valori che la missione riterrà giusti... La voce stanotte mi ha detto anche "se si vuole comandare bisogna imparare ad obbedire
  5. Efraym Al Rasul I pantaloni di Ef erano bagnati di urina, le labbra erano grondanti di saliva e gli occhi due spaccature nella terra arsa dal sole. Durante il giorno ebbe la visita di Deborah, le lanciò un sorriso, per quando egli potesse farlo. @Organo84 Anche Damien accennò un saluto, mantenendo la sua solita aria distante, ma affidabile. Ef tentò di sorridere anche a lui, mentre le lacrime uscivano sempre più debolmente. @AndRe89 Ebbe occasione di togliersi il bavaglio solamente per "mangiare", si rifiutò di toccare cibo, e non parlò neppure. Accennò un sorriso quando vide la dedizione di Forgrim al suo Dio. Lui ha una vera e propria fede dalla sua... neppure io posso comprenderla, dopo essermi battuto al suo fianco... figuriamoci questa gente che lo giudica colpevole... sospirò. Ancora una volta si compiacque di non sentir alcun tipo di rimorso nei confronti di coloro che gli avevano fatto tanto male. Si convinse di una verità sotto la verità: Io non ho mentito quando ho detto che quel lago è il loro male... tuttavia sembra che così facendo io abbia portato dolore... ma il dolore è male? Se un uomo è convinto nel protrarre un peccato, ed io facendo notare la scorrettezza delle sue azioni lo ferisco è male? Cos'è il male? guardò di nuovo verso l'amico Non lo so... però so di certo che lui... lui è il bene... non uccide... non esclude... non odia... ama soltanto il suo Dio... come può essere qualcosa diversa dal bene? Sentì ancora una volta che qualcuno cercava di parlargli. Chi egli fosse non lo sapeva... un Dio? Un demone? La sua immaginazione? Nel dolore di essere incarcerato egli trovò una pace interiore. Riuscì a perdonarsi dei delitti da lui compiuti. @SassoMuschioso Quando i satiri si resero conto della sua riluttanza al mangiare lo imbavagliarono di nuovo, e così rimase in contemplazione del dolore, e della pace che aveva trovato in esso.
  6. Efraym Al Rasul La notte fu interminabile, ma piena di sorprese per il lucertoloide. Si compiacque più di una volta rendendosi conto di non provare alcun tipo di rancore per i suoi carcerieri, alcun rancore per tutti quelli che avevano goduto nel vederlo ai ceppi, non aveva rancore neppure nei confronti delle pratiche ingiuste ed elitariste delle ninfe. Bene... Giunta la mattina il sole pizzicò gli occhi gonfi di Ef, non aveva dormito quasi per nulla, come avrebbe fatto? I polsi gli dolevano, e così le labbra. Ridacchiò tra se e se quando vide Forgrim alzarsi e cominciare il suo rito mattutino Ha la forza di perseguire ciò in cui crede... ieri è stato antipatico definendo il Dio delle ninfe inferiore, ma è l'unico del nostro gruppo veramente immacolato... che diritto ho di giudicare un uscita poco ponderata? Tutto cambiò quando anche egli fu attaccato dai folletti, questi si avventarono su di lui. Una palla di fuoco crebbe dentro di lui Con quale... con quale sentenza? Con quale sentenza osano giudicarlo? Credere nel suo signore? Oppure volere pregare? Le cose si mettevano male, il giorno prima era stato messo ai ceppi lui, e si era dato come spiegazione i toni troppo accesi con i quali aveva criticato il sistema elitarista della società delle ninfe. Ma questa volta era completamente ridicolo! Stava pregando... stava pregando... stava pregando... la palla di fuoco non riuscì a restare al suo interno, e così un getto di fiamme uscì dalla bocca del mezzo-drago liberandolo temporaneamente dal bavaglio. Stava pregando! Con quale accusa? Con quale accusa? Stava pregando! Stava pregando! Stava pregando! Stava pregando! AAAAAAH! si dimenò quanto potè finchè un altro bavaglio gli fu messo, e le labbra ripresero a dolere. Le lacrime cominciarono a bagnare il volto di Ef che continuò, per un po', a dimenarsi e a ruggire, poi tornò alla quiete. Durante il giorno Ef si rifiutò di mangiare, e nelle occasioni in cui il bavaglio gli venne tolto per tentare di imboccarlo continuò a ripetere ossessivamente quelle poche parole. Stava pregando... stava pregando... con quale accusa? con quale accusa?
  7. Efraym Al Rasul La sera cominciava a scendere, e i polsi di Ef, bloccati, cominciavano ad essere consumati. Le pupille erano strette, e brillavano tra le fessure dei suoi occhi volti verso il basso. @Pyros88 Quando sentì la voce di Eoliòn accennò un sorriso Eoliòn... quanto ancora ti schiererai dalla mia parte? Tra tutti sei... grazie... pensò e tentò di riflettere quelle parole nei suoi occhi il più possibile mentre lanciava uno sguardo all'amica. Tuttavia non ho minacciato nessuno, pagherò la mia pena... mi scuserò se necessario, ma non mi rimangerò una sillaba... Quando mi libereranno voglio pregare con le ninfe al loro lago... questa notte ho avuto l'impressione che il loro Dio mi parlasse... e non è ancora arrivata l'alba... magari mi dirà qualcos'altro.
  8. ragazzi, non temete... tornerò sul campo... ma ora giocate senza di me... portate "hip hope vero valore, onore e amore nelle battle, di chi mi parla alle spalle voi sapete me ne sbatto!" (.cit Rayyyyyyyyden) no seriamente, se volete fare quattro tiri ho lasciato la roba ai satiri, credo che la palla ve la facciano prendere! almeno non passate la notte tristi e scapoli mentre quegli altri lo fanno
  9. Raga se volete tra la roba di Ef c'è una palla da Orcbowl, fateci qualche tiro
  10. Efraym Al Rasul Ef annuì ascoltando le parole della ninfa. Io non vi minaccio... sono dalla vostra parte come puoi non vederlo? pensò mentre alcuni satiri si avvicinavano a lui Bene disse alla ninfa. Si tolse tutti quegli orrendi aggeggi mistificatori che la madre gli aveva regalato, anni prima, rimase a torso nudo. Ehy... sembra che i miei muscoli ancora siano stupendi pensò ridacchiando e guardando i suoi pettorali mentre alcuni satiri si avvicinavano a lui. In quell'attimo una miriade di idee lo attraversarono, frasi ad effetto che poteva dire, cose che poteva fare, lo sfiorò la voglia di gettarsi nelle acque del lago e al diavolo il resto. Non fece nulla di tutto ciò, quella che prima era adrenalina divenne rammarico, per un attimo aveva pensato di poter davvero cambiare le cose, ed invece? Lei osa far imbavagliare chi le dice ciò che non le piace? pensò, rendendosi però conto di avere parte della colpa. Però quel lago è davvero un simbolo del loro male... quali armi ha il bene per combattere se non le parole? non avrebbe pianto, non si sarebbe dimenato, e non avrebbe detto nulla. Si fece portare ai ceppi dai satiri, si inginocchiò. Le labbra cominciavano a screpolarsi attorno al bavaglio, le ginocchia a dolere per la posizione. La mente divenne l'unico rifugio per Efraym, chiuse gli occhi e cercò di sorridere (per quanto il bavaglio lo permetteva), non voleva che gli altri lo vedessero piangere imbavagliato e straziato. Ogni tanto fingeva di avere spasmi nel sonno, o ruggiva per far finta di volersi ribellare, solo ogni tanto, per provocare i suoi carcerieri e sentire di essere ancora vivo.
  11. Efraym Al Rasul (mi sono fatto spiegare su Discord come fare se devo parlare con due png, chiedo venia per il post di intramezzo inutile) Ef doveva, anzi voleva, parlare con Veldrada. Non fu violento, ma con il proprio corpo fece per condurla in un luogo più appartato, senza spingerla. Decise però di restare a portata di occhi e, eventualmente, di orecchio delle persone attorno a lui. I curiosi sarebbero riusciti facilmente a sentire, almeno la parte in cui parlava Efraym, il quale come sempre ebbe un tono di voce molto possente. @Bomba -gli spioni possono leggere come ho scritto sopra-
  12. Efraym Al Rasul (mi sono scordato una cosina) Dopo aver detto tutto alla ninfa dai capelli biondi lo sguardo di Ef si spostò su quella che aveva capito essere la Dama del Lago. Io... voglio poter parlare con te in privato! Eventualmente anche con Luna, che ho capito diventerà la prossima Dama del Lago... ma voglio parlare con te! In privato! il tono di Ef aveva qualcosa di recondito, come un insaziabile languore.
  13. Efraym Al Rasul Raccogliendo fiori e preparandosi Ef si era dato una lavata rapida, ma comunque aveva tolto il peggio delle macchie di fango dalle scaglie brillanti. Era poi partito per raccogliere tanti fiori Raccoglierò un bellissimo mazzo di fiori disse a se stesso mentre Flopsy gorgogliava in una vasca riscaldata. Il buon cavallo non si sarebbe lasciato scappare quell'occasione per distendere i nervi. Sistemò in un colorato mazzetto tutti i fiori più belli e luminosi che vide, si diede una rapida radanata: si mise perfino i pantaloni! Se avesse avuto dei capelli se li sarebbe pettinati, allacciò la camicia e si sciacquò la bocca. L'arrivo delle ninfe Ef arrivò giusto in tempo per ascoltare il discorso delle ninfe, teneva il mazzo di fiori in mano e sorrideva Non ho avuto tempo di pensare a una canzone... dovrò improvvisare qualche verso neomelodico quando le sarò davanti... Le ninfe cominciarono a parlare, e in che modo migliore per abbattere il morale di Ef se non di spie, Frondargentea e la loro missione? La mente del lucertoloide cominciò a vagare finchè non vene nominata una certa cerimonia. Ma è bellissimo! Daranno una festa! sussurrò Festa dell'autunno è? Già me le vedo le danze tipiche... e i ventagli agitato a tempo... sarà bellissimo! disse per poi, qualche attimo dopo, capire che non aveva proprio capito nulla. Unirci? Come? Astrid? Chi diavolo è Airona? non solo la sorpresa, ma anche la sfilza di nomi! Tutto questo mandò in confusione Efraym. Passò qualche attimo, alcune ninfe si avvicinarono al suo gruppo, ma nessuna a lui... non che la cosa lo trubasse in realtà... aveva una missione da compiere. Si mosse velocemente verso il nucleo dove si trovavano ancora la maggior parte delle ninfe tra le quali Astrid, Luna e la ninfa bionda. Ninfa bionda! urlò facendosi spazio tra tutte le persone fino ad esserle di fronte. Il cuore cominciò a battergli, guardò la ninfa negli occhi: Questo... è il freestyle più importante della mia vita... Il freestyle, meno duro del rap, più melodico, aveva preso Ef con se. Forse era stato lungo? Ma aveva detto tutto così velocemente (actual freestyler, 8 quarti in 4 quarti che manco Ensi) che era passato in un soffio. Questi... sono per te ninfa bionda... disse porgendo il mazzo di fiori ad Airona Li ho presi quando... non sapevo di questa... festa... insomma... balbettò un po'. Prima ci stavo provando, ma non volevo ferirti, volevo solamente mostrare a me stesso che potevo rimorchiare una ninfa... sorrise leggermente e abbassò lo sguardo. Poi lo riportò su Airona. Comunque ti ho raccolto questi! Sono belli! E colorati! Vedi! Ne ho trovati di tante specie diverse!
  14. Efraym Al Rasul Il colpo di grazia glielo diede suo fratello, che come sempre aveva molto più giudizio di lui. Ok... allora... vado a farmi un giro... Disse prendendo la sua roba e accompagnando Flopsy per le redini lungo la riva del lago. Flopsy strusciò il muso su di lui Sssssh nitrì con comprensione. No... sto bene amico... sono solo un po' stanco... rispose accarezzando il cavallo Maledizione! Anche questa la hai sbagliata... quando imparerai Ef? si chiese malinconico osservando la sua immagine riflessa nel lago. Nonostante tutto si riconobbe in quella tormentata immagine. Dovrei scusarmi con la ninfa bionda... e con le altre ninfe... ma sono andate a confabulare... il pensiero cominciò a tartassare Ef. Idea! pensò risoluto. Non lascerò che questa cosa mi abbatta! Avanti Ef prepara una bella sorpresa alle ninfe per conquistare il loro perdono. In quei giorni Ef non stava troppo bene, e il riferimento alle erbe medicinali di cui Malik parlava non sembrava così forzoso. Tuttavia andò dalle sue amiche e si fece indicare a sua volta un luogo dove potersi fare un bagno. Farò anche io un bagno! Ma non prima aver preparato un bellissimo mazzo di fiori da portare alla ninfa bionda! Ed intonerò anche una serenata! disse Ef a Flopsy mentre i due si avventuravano alla ricerca di acqua e fiori. @Bomba
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.