Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Recensione dello Starter Set di Stranger Things

Articolo di Brimmels del 18 Aprile 2019
Lo Starter Set di Stranger Things per Dungeons & Dragons era qualcosa di praticamente inevitabile. Dal momento in cui abbiamo visto Mike fare da DM per i suoi amici all'inizio della prima stagione della serie di Netflix, era solo una questione di tempo prima che un prodotto che unisse i due franchise venisse rilasciato. Annunciato dalla Hasbro alla Toy Fair di qualche tempo, fa questo prodotto è chiaramente pensato per il mercato di massa e non solo per i negozi di hobbystica e giochi.

Pensato per richiamare la "scatola rossa" di Basic D&D questo Starter Set di Stranger Things ha un intrigante finto aspetto vissuto, con tanto di graffi sulla scatola, quasi come se uno dei ragazzi della serie TV lo avesse portato con sé nel proprio zaino. Così come nella scatola rossa originale sono inclusi solo sei, non sette, dadi poliedrici (c'è un solo d10 che va tirato due volte per generare dei risultati percentili); questi dadi sono di un colore blu zaffiro, invece di avere i colori originali. Oltre ad un manuale base di regole, dadi e personaggi pregenerati, esso contiene anche due miniature di demogorgone di notevole qualità nei dettagli.
Le regole di questo set sono quella della 5E, chiaramente. Anche se questo aspetto non è autentico rispetto all'originale scatola rossa, lo scopo di questo crossover è quello di attirare nuovi giocatori, quindi ha solo senso inserire le regole attuali. Inoltre la 5E ha comunque un certo feeling old-school mischiato con delle meccaniche più lineari.
L'attuale spiegazione delle regole è ben fatta e chiara. Anche se il Manuale del Giocatore della 5E fa già un buon lavoro nello spiegare tutto, in questo Starter Set le regole sono ulteriormente semplificate, ma senza divenire troppo banali. Gli esempi di gioco usano i nomi dei personaggi di Stranger Things, naturalmente.
La parte migliore di questo prodotto è l'avventura “A Caccia della Thessalidra, una Campagna per D&D di Mike Wheeler.” Scritta da Stan! e Ben Petrisor, è un misto dell'avventura per D&D che possiamo vedere giocata da Lucas, Will e Dustin durante Stranger Things, con alcune delle strane cose che avvengono nella città dei ragazzi, ad esempio "I personaggi incontrano l'Orgogliosa Principessa, una potente avventuriera che ha la sua missione personale e non vuole avere nulla a che fare con i personaggi."
Più di una semplice trovata commerciale, l'avventura è ben strutturata e aiuta un nuovo DM a gestire bene certi aspetti e tempistiche, con l'aggiunta di varie note scritte dal personaggio di Stranger Things Lucas, che vuole che tutto funzioni al meglio. Le "Mie Note Personali (come Dungeon Master)" hanno dei consigli validi per chiunque, specialmente la parte su "il mio lavoro come DM è fare sì che tutti si divertano..." cosa che anche molti DM con esperienze di lunga data non hanno ancora imparato, sfortunatamente.
Se vi siete mai chiesti che personaggi sarebbero i bambini della serie TV, potete smettere di chiedervelo. I personaggi pregenerati per questo prodotto rispecchiano benissimo ciò che potete vedere nella serie tv.

Se siete dei grandi fan di Stranger Things probabilmente apprezzerete questo Starter Set di Stranger Things per Dungeons & Dragons. Cosa più importante, se avete un amico che ama Stranger Things, ma che non ha mai giocato a D&D e potrebbe essere curioso di provarlo, questo prodotto è sicuramente il regalo perfetto per lui.
Link all'articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6220-Stranger-Things-and-D-D-at-Last-A-Review
Read more...

Rendere Memorabili ed Importanti i Mostri

Articolo di J.R. Zambrano del 18 Aprile 2019
Può spesso essere utile imparare qualche lezione da Dark Souls per quanto riguarda il design dei mostri. Il diavolo, così come la narrazione e le emozioni, si nasconde nei dettagli. Oggi daremo assieme a voi uno sguardo su come fare in modo che i mostri siano più memorabili grazie a dei dettagli intriganti.
Parliamo un attimo dei mostri. Sono una parte importante di ogni campagna, sia come nemici terrificanti che combattono contro gli avventurieri, sia come alleati insperati che appaiono nei modi più imprevedibili. Potete trovarli in dungeon oscuri oppure che vagano nelle terre selvagge. I mostri possono fare molto per qualsiasi campagna. Che stiano affrontando i personaggi o li aiutino, possono permettere di raccontare storie fantastiche prima ancora di dover tirare l'iniziativa.
Tutto alla fine si riduce ad una questione di atmosfera. L'atmosfera e il tono di una partita possono essere altrettanto importanti che la trama che si sta seguendo. E con giusto una minima attenzione ai dettagli e allo stile, un mostro può evocare un'atmosfera e un tono nei giocatori. Alcune caratteristiche chiave possono invitare all'esplorazione e impostare il tono della storia che si sta raccontano. Tutto questo semplicemente basandosi sulle azioni e sull'aspetto dei mostri. Diamo un'occhiata ad alcune possibili opportunità che si possono applicare quando si progetta un incontro.
Tutto questo si basa su un intervista fatta al team di sviluppatori di Dark Souls, che di recente sta venendo diffusa ampiamente su Internet. Ecco un estratto di una conversazione riguardo tono ed eleganza tra l'intervistatore Kadoman Otsuka e lo sviluppatore Hidetaka Miyazaki e l'artista Masanori Waragai, entrambi appunto coinvolti nella creazione di Dark Souls.
OTSUKA: Quali sono alcuni esempi di tratti che cercate di mantenere nei vostri giochi, anche se al tempo stesso perseguite sempre il vostro stile unico?

MIYAZAKI: molte persone non ci credono quando lo dico, ma per me è molto importante un certo senso di raffinatezza, eleganza e dignità. Solitamente dico agli altri sviluppatori che schizzi e progetti che siano semplicemente grotteschi o splatter non saranno accettati. Si tratta di qualcosa che riguarda i miei gusti e le mie sensibilità personali e che applico ad ogni progetto che approvo. Mi riesce difficile descrivere cosa intendo, non saprei rispondere appieno ad una domanda come "Ma cosa intendi con dignità?". Penso che la risposta migliore che posso dare sia in questo libro, in ogni idea che potete vedere in queste pagine. La mia idea di dignità è qualcosa che cerco di perseguire in ogni lavoro che svolgo, non solo in "Dark Souls".

WARAGAI: Mi ricordo di quando stavo disegnando il Drago Non-Morto. Ho sottoposto una bozza di progetto che raffigurava un drago pieno di vermi e altre creature schifose. Miyazaki me l'ha restituito dicendo "Non è dignitoso. Non ti affidare al fattore del disgusto per raffigurare un drago non-morto. Perché invece non cerchi di trasmettere la profonda tristezza di una creatura magnifica destinata ad una lenta e possibile eterna discesa verso la rovina?
Quest'ultima frase in particolare è interessante, "la profonda tristezza di una creatura magnifica destinata ad una lenta e possibile eterna discesa verso la rovina". Per darvi un'idea, in caso non abbiate mai giocato a questo gioco, questo è l'aspetto finale del Drago Non-Morto.

Quando lo incontrate è aggrappato al fianco di un burrone, apparentemente morto. Intrappolati tra le sue zampe vi sono due oggetti speciali, ma quando disturbate il drago.

Il drago emette un attacco tossico che vi ucciderà se si accumula troppo. Ma in Dark Souls questo è anche un'indicazione della corruzione che lo sta divorando. Sta emettendo questo orrendo e terrificante attacco che è una sorta di presa in giro della creatura possente che era un tempo. Si deve ridurre in questo stato per proteggere gli ultimi oggetti speciali che considera propri, oggetti che è "morto" per proteggere. Sono le ultime cose che gli permettono di aver un qualche brandello di sanità. Tutto questo riesce a dare a questo drago un'aria di tristezza, di rovina e di maestosità perduta, dando un chiaro tono all'incontro.
Potete usare questi stessi principi per progettare i vostri incontri. Innanzitutto pensate a quale genere di sentimenti volete che i vostri mostri evochino. Come potete dare loro un certo peso emotivo? Quali generi di dettagli possono indirizzare i pensieri dei giocatori in una certa direzione? Quali dettagli possono invocare simpatia e comprensione? Queste sono le chiavi per una tragedia. La triste situazione del drago può farvi sentire male per esso, ma solo perché capite il contesto. E il modo in cui descrivete il mostro, le vostre parole e il vostro tono, sono tutti importanti per stabilirlo.
C'è una notevole differenza per esempio tra il descrivere un generico tizio malvagio in armatura che volete che i vostri giocatori affrontino senza grosse remore.

Ma come spesso accade i dettagli sono importanti e fondamentali. Parlando del Signore degli Anelli per esempio c'è una netta differenza tra Lurtz e Azog. Entrambi sono nemici con un ruolo similare...ma Lurtz è memorabile

Mentre Azog invece...

C'è qualcosa di apparentemente pigro e banale nel suo aspetto. Personalmente penso che una buona parte di questo sia legato alla specificità. Nella trilogia di Peter Jackson tutti gli orchi indossavano armature vere e create artigianalmente ed individualmente. Azog ha il beneficio degli ausili digitali, che da un lato rendono sviluppare il suo aspetto più semplice, ma d'altro canto gli tolgono le specifiche di qualcosa di davvero veritiero. E l'occhio nota questi dettagli.
Lo stesso principio si può applicare quando si descrivono i mostri. Se un mostro indossa un'armatura a scaglie che tipologia di armatura a scaglie sta indossando? Quale storia ci racconta l'armatura? Quale azioni ha visto? Quali combattimento ha vissuto? Le risposte a queste domande, che dimostrano che una certa creatura/armatura/spada/eccetera ha vissuto una vita e dei momenti ulteriori rispetto a quelli in cui i personaggi ci interagiscono, sono parte di ciò che rende questo gioco magico.

Non fate affrontare loro semplicemente un cavaliere della morte, fate affrontare loro un cavaliere della morte che porta i simboli dell'ordine cui apparteneva un tempo. Fate in modo che mantenga una versione distorta degli ideali puri che un tempo proteggeva. Magari mostrate qualche segno della lotta interiore della creatura. Parlando sempre del cavaliere della morte potreste far presente che le decorazioni dell'armatura sono state cancellate o modificate in nuovi simboli sacrileghi che richiamano i suoi nuovi oscuri padroni, ma forse richiamano anche per certi versi la persona che era un tempo, un nobile paladino che lottava contro il male.
Oppure non c'è alcun dettaglio che richiama alla sua vita precedente, ma anche questa è una chiara scelta. E potete trovare dettagli che trasmettano anche questo concetto. In Dark Souls personaggi come Havel la Roccia...

...oppure Smough...

...trasmettono sensazioni molto differenti. Si può subito capire che c'è qualcosa che non va con Smough. Anche la sua armatura appare corrotta, quasi mostruosa.
E questo è solo un possibile aspetto dei dettagli su cui potete lavorare. Se state progettando un incontro con qualcosa come un bulette, lo squalo di terra così amato da tutti, potete pensare a come esso si ponga nel vostro mondo. Cosa rende questo specifico squalo di terra unico? Forse è stato attaccato in precedenza? Magari ha già assalito dei mercanti in precedenza e ci sono ancora delle armi dei mercenari che li proteggevano incastrate nella sua corazza, quasi in stile Moby Dick? O magari c'è qualcosa di strano nelle sue scaglie, qualcosa dovuto ad una malattia o ad un'afflizione. Forse ha divorato un oggetto magico che lo sta lentamente cambiando.
Qualsiasi cosa decidiate, l'essere specifici è la cosa importante. Ovviamente non potete preparare in anticipo ogni specifico dettaglio di ogni possibile situazione (o magari potete farlo, nel qual caso complimenti a voi e al vostro tempo libero), ma anche per un DM che ama improvvisare un singolo dettaglio inusuale è quanto basta. Dite subito quello che vi viene in mente sul momento, anche qualcosa di veramente specifico, e decidete dopo cosa questo significhi.
Oppure ancora meglio non spiegate il senso ai giocatori, inventatevi un dettaglio che spicca e lasciate che siano loro a provare ad indovinare cosa questo significhi. Se siete fortunati faranno loro il lavoro per voi. Ma non cercate di fare il passo più lungo della gamba e di giustificarvi dopo. Anche se non avete le risposte pronte fate semplicemente presente i dettagli e pensateci poi dopo per vedere dove vi possono portare, cosa potete architettare. Coltivate un vostro senso di stile particolare ed unico. Dopo tutto, se pensate che qualcosa sia interessante e ci spendete sopra del tempo i vostri giocatori (si spera) si accorgeranno della cosa e se ne interesseranno a loro volta. Come si suol dire, le persone interessanti si interessano volentieri. Lasciatevi guidare dalle vostre emozioni e vedete dove arrivate. Alcuni dei momenti migliori nei GdR vengono da questi momenti di scoperta condivisa e questi dettagli possono essere un ottimo modo per arrivarvi.
Avete altri trucchi da usare per trasmettere storie od emozioni tramite i mostri? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/04/dd-make-your-monsters-matter-detail-driven-encounters.html
Read more...

I GdR continuano a vendere a gonfie vele

Articolo di Morrus del 22 Aprile 2019
ICv2, un sito che raccoglie ed elabora dati economici sul mondo nerd, ha prodotto nuovi dati sulle vendite dell'industria che affermano che negli Stati Uniti e in Canada le vendite di giochi e hobby sono calate del 3%, mentre quelle della categoria dei giochi di ruolo da tavolo, che èuna  sottocategoria più piccola del mercato degli hobby, sono incrementate del 18%.

Nelle vendite di giochi ed hobby il 40% è dato dai giochi collezionabili, il 45% da miniature e giochi da tavolo e il 14% da carte, dadi e giochi di ruolo.
Gli incassi dei giochi di ruolo sono cresciuti dai 55 milioni di dollari nel 2017 ai 65 milioni di dollari nel 2018.
Link all'articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6231-Hobby-Games-Down-3-But-RPGs-Up-18
Read more...

Cinque Incantesimi Imprescindibili per i Chierici

Articolo di J.R. Zambrano del 15 Aprile 2019
I chierici hanno accesso ad alcuni degli incantesimi più popolari del gioco. Cura Ferite e Arma Spirituale ne sono un esempio, ma ci sono alcune gemme nascoste che si aggirano nella loro lista degli incantesimi. Eccone cinque che ogni chierico dovrebbe tenere in considerazione.
Attualmente i chierici sono tra gli incantatori più potenti di D&D. In virtù della flessibilità derivante dal conoscere tutti gli incantesimi della loro lista, godono di una versatilità innata maggiore rispetto a quella di un mago. Ma può essere difficile trarre profitto da ciò quando dovete scegliere tra tutti gli incantesimi da chierico del gioco. Dunque la maggior parte delle volte si finisce per avere una lista di incantesimi di default ai quali attingere. Cura Ferite (che è apparentemente l’incantesimo più popolare), Parola Guaritrice e Arma Spirituale sono considerati incantesimi classici da chierico per un motivo. Curare il vostro gruppo è qualcosa che ci si aspetta da voi (laddove non è direttamente la cosa migliore da fare) e Arma Spirituale è uno dei migliori incantesimi da danno del gioco. Tuttavia, ci sono molte altre cose che i chierici possono fare. Dunque oggi daremo un’occhiata a cinque incantesimi che possono aiutarli a dare il meglio in qualsiasi incontro. 
Silenzio

Volete fermare un potente incantatore nemico, aggirarvi o persino combattere furtivamente contro dei nemici senza essere individuati e proteggervi dai danni da tuono? Potete ottenere tutti questi benefici da un piccolo incantesimo di 2° livello. Non c'è tiro salvezza contro di esso, semplicemente scegliete un punto e lanciate un’ondata di silenzio con il raggio di una palla di fuoco. Nessun suono può entrare o uscire dall’area, il che significa che potete combattere un’intera armata sulle mura e se nessuno vi guarda, allora non c’è nessuno che potrà dare l’allarme. Cosa ancor migliore, qualsiasi incantesimo con componenti verbali (la maggior parte), non può essere lanciato mentre si è all’interno dell’area. Utilizzate Silenzio congiuntamente ad un compagno con un sostanzioso bonus di lotta e potete tenere a bada incantatori ben più potenti di voi. Che utilità possono avere gli incantesimi di nono livello se non potete parlare per lanciarli? Neanche Desiderio può valicare questo incantesimo.
Interdizione alla Morte

Perché curare i membri del vostro gruppo quando potete proteggerne dalla morte fino ad 8 senza dovervi concentrare? Interdizione alla Morte è una gemma tra gli incantesimi di 4° livello. Deve competere con Esilio e Libertà di Movimento, ma per quanto riguarda il poter proteggere i membri del gruppo, questo incantesimo è sicuramente fantastico. Impedisce ad un vostro compagno di finire a 0 punti ferita la prima volta che ciò accadrebbe. Se si tratta di danno che lo ridurrebbe a 0 o meno, finisce invece ad 1 pf. Se invece stesse per venire immediatamente ucciso da un incantesimo, gli effetti di quest'ultimo verrebbero invece negati. Permette di bloccare Parola del Potere Uccidere, quelle capacità con casi limite del tipo “fallisci tre tiri salvezza e muori” oppure le capacità di morte improvvisa come lo sguardo mortale di un Bodak. Certo si tratta di un incantesimo di 4° livello, ma se sapete che vi state spingendo in un territorio letale, potrebbe essere un ottimo piano di riserva.
Protezione dal Bene e dal Male

Questo incantesimo è semplicemente incredibile. Non è molto interessante da lanciare, ma ottenete davvero molto con un semplice incantesimo. Vi rende più difficili da colpire, ma non è quella la vera ragione per lanciarlo. Esso vi impedisce di finire sotto effetti di fascinazione, paura o possessione da parte delle creature dalle quali l’incantesimo protegge (che molto probabilmente sono esterni che sono buoni/malvagi) oppure concede un tiro salvezza aggiuntivo (con un bonus) ad un alleato già sotto l’effetto di una di queste condizioni. Cose decisamente potenti per un incantesimo così umile.
Creare Cibo e Acqua

Un incantesimo sorprendentemente utile. Si tratta di un incantesimo di 3° livello che vi permette di nutrire 15 creature medie oppure cinque cavalcature. Sicuramente non si tratta del miglior cibo possibile, ma questo è letteralmente un miracolo che il chierico può compiere. È grandioso se volete fornire supporto al vostro gruppo durante bizzarre escursioni nelle terre selvagge, specie quando si ha un DM che è pignolo nel tenere traccia delle razioni e così via. Inoltre è anche un utilissimo strumento per le giocate di ruolo. Nutrite il vostro gregge di fedeli, ponete fine alla fame, sovvertite l’economia. Tutte queste cose con un incantesimo di 3° livello.
Comunione/Divinazione

E ora arriviamo al fulcro di ciò che i chierici sanno fare meglio: ottenere risposte dirette dalla propria divinità e anche dal DM. Questi incantesimi sicuramente non sono aggiunte permanenti alla lista degli incantesimi quotidiani di chiunque, ma Divinazione ha un accesso limitato, e Comunione è un’esclusiva dei Chierici, ed entrambi vi consentono di porre domande e ricevere risposte veritiere. Con Divinazione potete essere leggermente più liberi nel porre le domande, ma allo stesso modo può esserlo la vostra divinità con la risposta. Comunione vi concede tre domande, ma devono avere come risposta un sì oppure un no. Si tratta di uno strumento eccellente per fare progressi quando avete girato in tondo per l’ultima ora e mezzo al tavolo.
Quali sono i vostri incantesimi da Chierico preferiti? Avete dei trucchi che ci siamo persi? Fatecelo sapere nei commenti! E come sempre, buone avventure!
Link all’articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/04/dd-5-spells-every-cleric-should-have-in-their-toolkit.html
Read more...

D&D è Meglio di Facebook, Questo Secondo Il New York Times

Articolo di J.R. Zambrano del 15 Aprile 2019

D&D è dovunque in questo periodo, persino sul New York Times, che considera il gioco di ruolo come un modo migliore di socializzare rispetto alla maggior parte dei social media. L'esperienza individuale potrebbe variare.
D&D è molte cose, per molte persone. Un gioco d’avventura pieno d’azione, tesori e mostri; un simulatore di intrighi pieno di piccoli gesti, cenni d’intesa, e incanti sussurrati; una distrazione dall’invadente sensazione che tutti coloro che vi circondano siano segretamente una colonia di ragni che stanno manipolando dei burattini composti dalle carni delle persone che conoscevate. E per un autore in particolare, è uno dei modi migliori per socializzare con i vostri amici. Viviamo davvero in un’età dell’oro per i giochi di ruolo. Diamo un’occhiata.
Estratto dal New York Times

Annalee Newitz, giornalista scientifica, fondatrice di io9 e scrittrice ci racconta:
E per Newitz, D&D è stato un viaggio fatto di scoperte ed emozioni. Per riconnettersi con la “sensazione di pura meraviglia” che il gioco riesce a evocare in chiunque, che si abbiano 11 o 111 anni.

E tra le avventure contro il Culto del Drago di Tiamat, la Newitz ha scoperto che la vera essenza di Dungeons and Dragons erano gli amici conosciuti lungo la strada - come afferma lei stessa - specie quando si confrontano giochi come D&D con giochi online come World of Warcraft:
E, come può dirvi chiunque abbia avuto a che fare faccia a faccia con le persone, c’è qualcosa di diverso nell’avere i vostri amici dentro la stanza con voi. Questo è il motivo per cui il multiplayer a schermo condiviso è uno degli ultimi bastioni della società civile nei giochi per console: se il vostro amico inizia a insultarvi, potete dargli un pugno nel braccio.

Mancando l’anonimato di internet, la presenza fisica di un’altra persona rende più facile entrare in empatia. Oltre a ciò, state tutti (almeno teoricamente) lavorando insieme per raggiungere un qualsivoglia obiettivo. La maggior parte delle campagne non prevede il combattimento giocatore contro giocatore, e l’interazione su scala ridotta della maggior parte dei gruppi di D&D comporta che si evitino alcuni dei peggiori lati dei social media.
Dubito che D&D sostituirà i social media nel futuro; però se ci proverete, vi prego di avvisare i vostri amici prima di mostrare loro le foto del vostro cane/bambino/gli ultimi sette pasti che avete mangiato. Tuttavia la Newitz solleva un punto interessante: invece di osservare semplici scorci della vita di altre persone, giochi come D&D ci permettono di sperimentare altre vite direttamente e questo è uno strumento potente. Potete leggere qui l’intero articolo del New York Times.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/04/dd-is-better-than-facebook-according-to-the-new-york-times.html
Read more...

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 03/26/2019 in all areas

  1. 15 points
    Il mio Blog Bellicoso si occupa principalmente di interpretazione e creatività, ma una volta al mese pubblica un articolo dedicato ai Master che hanno bisogno di un'avventura pronta per D&D 5E. Invece che scrivere un'intera avventura, però, il Blog Bellicoso offre ai lettori vari pezzi che possono poi essere montati come si preferisce. Da un lato è una misura più comoda per i Master esperti, che spesso vogliono mettere mano alle avventure preconfezionate per adattarle ai propri gusti; dall'altro, un Master con poca esperienza può farsi un'idea chiara di come si struttura l'avventura e ha in poche righe tutto ciò di cui ha bisogno. Ciascuna avventura è composta da un'introduzione, uno svolgimento e una conclusione, sebbene lo sviluppo della storia sia lasciato in mano ai singoli Master, che possono muoversi con grande libertà nella narrazione. Ciascuna avventura comprende anche il necessario per organizzare tutti gli scontri, compresi consigli e suggerimenti su come gestire mostri e png. Infine, in fondo a ciascuna di esse sono presenti alcune versioni alternative in caso ci sia la necessità di adattare la storia ad una situazione specifica. IL RE DEI ROSPI Lv1 Gli uomini-rana attaccano e rapiscono viaggiatori e contadini. Perché li stanno trascinando nella palude? LA FORGIA FIAMMEGGIANTE Lv2 Un famoso fabbro è rinchiuso da giorni nel suo laboratorio. A cosa starà lavorando? LA PRINCIPESSA PERDUTA LV3 La figlia del re è sparita in prossimità di una foresta nota per le strane creature che la abitano. Potrà essere salvata?
  2. 9 points
    Mappa del Continente Occidentale
  3. 8 points
    Mi permetto di deludere le aspettative accademiche del mio blog solo per questa volta - promesso! - e scrivere un articolo di pura ed egoistica utilità pratica. Se a leggerlo siete voi, miei compagni di ventura veterani del Dragon's Lair, non troverete che quotidiana banalità in queste righe; perché questo articolo è dedicato a te, nuovo aspirante giocatore al quale ho probabilmente linkato questo articolo dopo che mi hai chiesto: "Come si gioca sul Dragon's Lair?" (ovvero: ho trovato un modo subdolo per dare una risposta chiara a una domanda frequente) 1 - DECIDI IL TUO GIOCO Per spiegarlo in maniera semplice, immaginate la tipica giocata di ruolo attorno ad un tavolo, con il Master che inventa la storia ed i giocatori che interpretano i propri personaggi; ecco, avviene la stessa cosa ma in maniera telematica. Se preferisci giocare su piattaforme come Roll20, Discord o Skype basta avviare un nuovo topic cercando giocatori e/o master in questa sezione; in tal caso la guida finisce qui. Grazie per averci scelto! Altrimenti se preferisci ruolare in una gilda del D'L puoi cercare compagn di gioco in quest'altra sezione o contattare con un messaggio privato l'utente che ti interessa. 2 - USARE LE GILDE Cos'è una gilda esattamente? Puoi pensarla come una "stanza" virtuale nel sito dedicata al gioco. Anche se tutti* vi possono accedere e vedere i contenuti al suo interno, sono coloro che vi si uniscono a partecipare attivamente come giocatori. Nel pannello principale su in alto trovi il menù Risorse che ti porta alle Gilde PbF (Play-by-Forum). Cliccando su una gilda qualunque si può vedere come è fatta all'interno e quali sono i suoi contenuti. Generalmente si usa un TDS (Topic di Servizio) per discutere dell'organizzazione OFF-GAME (cioè quando sono i giocatori a parlare) Si usano invece uno o più TDG (Topic di Gioco) per ruolare, cioè interpretare i propri personaggi e giocare le avventure. 3 - RUOLARE SULLE GILDE: IL TDG Ruolare in un Topic di Gioco è estremamente semplice: in linea di massima ogni giocatore posta un messaggio quando tutti gli altri giocatori hanno postato il loro, scandendo un ritmo per il quale quando tutti gli altri giocatori (e il master, non dimentichiamolo!) hanno avuto la possibilità di dire/fare la loro, allora si può controbattere. Questa regola è soggetta ad eccezioni quando si tratta di conversazioni tra PG, per il quale si lascia al buon senso dei giocatori decidere come e quando postare. In cosa consiste il post? Tutto quello che direste a parole attorno ad un tavolo da gioco, lo scrivete: La regola generale è ovviamente soggetta a eccezioni e limitazioni da parte del Master, che sempre tutto può. Per esempio è usanza comune stabilire un limite di tempo (24/48h in genere) entro il quale tutti i giocatori devono postare, pena "saltare il turno" ed eventualmente lasciare al Master il controllo di quel personaggio nel turno. Si stabilisce spesso un canone sugli stili da usare per il parlato, la descrizione od il pensato (in genere il grassetto per parlare ed il colorato per i pensieri). Come fare per i lanci dei dadi? Il master vi darà indicazioni su come gestire questi inconvenienti. Alcuni master preferiscono lanciare i dadi al posto vostro usando Dice Roller (o siti simili) e postarne poi il risultato insieme alla reazione che ne consegue. Per chi ha meno fiducia e non si fida di un master che potrebbe imbrogliare (?) esistono siti che vi permettono di tirare un dado e di condividerne il risultato con gli altri giocatori. A che servono gli spoiler? Talvolta alcune azioni dei PG riguardano soltanto un altro particolare PG o il master; per mantenere la segretezza ed evitare il metagame si usa lo spoiler precedeuto da una "@nomedestinatario" o qualcosa di simile; ad esempio se un personaggio sussurra ad un altro personaggio mentre ne è presente un terzo, la discussione privata tra i due va sotto spoiler, mentre ciò che è "pubblico" viene scritto normalmente. 4 - ORGANIZZARSI SULLE GILDE: IL TDS Tutto ciò che è "di servizio" al TdG va nel Topic di Servizio, ad esempio la creazione dei personaggi, la gestione delle tattiche, la richiesta di chiarimenti tecnici, avvisi di ogni natura e comunicazioni agli altri giocatori. Le buone maniere ipotizzano che il topic di servizio si dovrebbe utilizzare solo per questioni inerenti la parte tecnica e non per il cazzeggio, ma in base a quanto siano tolleranti i Master questa regola può essere più o meno elastica. 5 - VANTAGGI E SVANTAGGI DI GIOCARE SULLE GILDE Si gioca sempre. Al contrario di come spesso succede al tavolo, non c'è bisogno di riuscire a conciliare gli impegni di tutti per trovare un giorno ed un'ora in cui la banda sia al completo, né cercare un posto adatto a giocare. Basta avere accesso ad un pc, internet, e una mezz'oretta libera ogni una o due volte al giorno. Il gioco è fatto. Tantissimi giocatori. Internet ha reso le distanze invisibili: il D'L conta tantissimi giocatori all'attivo, ognuno dei quali sta mediamente in più di tre campagne contemporaneamente. State pur certi che se avete una buona idea, troverete sicuramente qualcuno pronto a giocarla insieme a voi. Una stanza per sé in un palazzo enorme. Il D'L non è solo una piattaforma di gioco, è una community. Una gilda non è uno spazio isolato nel vuoto, ma un luogo virtuale all'interno di un forum attivo nel quale c'è sempre uno spunto, una discussione, un articolo capace di catturare la vostra attenzione. Si gioca sempre. L'ho già detto, lo so, ma questo dipende dal fatto che alcune persone hanno un certo stile di vita capace di incastrarsi bene con i ritmi del PbF, e altri invece hanno turni da 48h a lavoro e poi un weekend completamente libero. Non dico che non sia possibile a prescindere, ma ho notato che questo tipo di routine non va molto d'accordo con la pazienza degli altri giocatori. Giocatori occasionali. Si vedono spesso giocatori (soprattutto gente che si è iscritta da poco) che iniziano entusiasti a ruolare in una o più campagne contemporaneamente e all'improvviso spariscono senza lasciare traccia; peggio ancora sono quelli che si improvvisano subito master e che fanno la stessa cosa ai danni di più giocatori. Da evitare come la peste. Strumenti diversi. Questo non so se è un vantaggio o uno svantaggio, perciò lo lascio nero. Ad un tavolo da gioco abbiamo il contatto umano, l'espressività, la calligrafia, l'improvvisazione che in un PbF sono per natura assenti; in compenso su internet abbiamo il tempo necessario per dosare attentamente le parole, la capacità di tenere traccia di tutto ciò che viene scritto, la rapidità con cui si creano mappe (tramite i tabletop come mipui e roll20) e si reperiscono immagini (Pinterest e Deviantart, i migliori amici del master). Il tutto si riduce ad una sola frase: è un modo diverso di giocare. Ma onestamente, vale la pena almeno provarlo. Conclusione: Ecco il mio consiglio spassionato: dai un'occhiata alle gilde esistenti, vedi come giocano gli altri e poniti questa domanda: "Io ne sarei in grado?" se la risposta è sì, benvenuto tra noi. La seconda domanda da porsi è "Ho la costanza di affrontare un'intera campagna?" la percezione del tempo è diversa quando si gioca sui PbF, ma se vuoi provare e basta, l'importante è farlo sapere prima. Troverai qualche master disposto a farti giocare senza impegno per vedere se fa al caso tuo. L'ultima domanda è: "Lo stato di Israele è uno stato legittimo?" ...fatemi sapere. Nota finale per i veterani: Hai voluto dare un'occhiata fugace a cosa bolle in pentola sul blog di Bellerofonte, oppure il titolo citazionistico ha attirato la tua attenzione fin troppo facilmente catturabile, o molto più probabilmente non avevi di meglio da fare. Fatto sta che se sei arrivato fin qui ed hai avuto la decenza di leggere almeno le parti in grassetto, ti sarei grato se lasciassi un commento dove mi suggerisci di aggiungere/eliminare/modificare/chiarificare punti per rendere il più appetibile possibile questa guida a tutti coloro che mi faranno la fatidica domanda. Ogni opinione è gradita, grazie! PS per i miei giocatori: Devo gli onori di casa a @Pippomaster92 e @Fezza al quale ho rubacchiato qualche screen, mentre solo a fine articolo mi rendo conto che non ho inserito nessun post di @Ghal Maraz negli esempi. Mi farò perdonare con il prossimo articolo. Topic interessanti: Le guide ufficiali per la creazione e la gestione delle gilde Il mio precedente articolo sui 5 errori da non fare mai al tavolo di gioco (virtuale e non)
  4. 7 points
    Ecco a voi le prime 3 avventure di una serie di 21 che sto progettando per il mio blog. Il mio Blog Bellicoso si occupa principalmente di interpretazione e creatività, ma una volta al mese pubblica un articolo dedicato ai Master che hanno bisogno di un'avventura pronta per D&D 5E. Invece che scrivere un'intera avventura, però, il Blog Bellicoso offre ai lettori vari pezzi che possono poi essere montati come si preferisce. Da un lato è una misura più comoda per i Master esperti, che spesso vogliono mettere mano alle avventure preconfezionate per adattarle ai propri gusti; dall'altro, un Master con poca esperienza può farsi un'idea chiara di come si struttura l'avventura e ha in poche righe tutto ciò di cui ha bisogno. Ciascuna avventura è composta da un'introduzione, uno svolgimento e una conclusione, sebbene lo sviluppo della storia sia lasciato in mano ai singoli Master, che possono muoversi con grande libertà nella narrazione. Ciascuna avventura comprende anche il necessario per organizzare tutti gli scontri, compresi consigli e suggerimenti su come gestire mostri e png. Infine, in fondo a ciascuna di esse sono presenti alcune versioni alternative in caso ci sia la necessità di adattare la storia ad una situazione specifica. IL RE DEI ROSPI Lv1 Gli uomini-rana attaccano e rapiscono viaggiatori e contadini. Perché li stanno trascinando nella palude? LA FORGIA FIAMMEGGIANTE Lv2 Un famoso fabbro è rinchiuso da giorni nel suo laboratorio. A cosa starà lavorando? LA PRINCIPESSA PERDUTA LV3 La figlia del re è sparita in prossimità di una foresta nota per le strane creature che la abitano. Potrà essere salvata? Visualizza articolo completo
  5. 6 points
    Da tempo sto cercando un software che mi permetta di generare liste di mostri e soprattutto tabelle di incontri casuali ma, almeno fra il software gratuito, non ho mai trovato nulla di realmente soddisfacente. Elenchi incompleti di mostri e un numero ridotto di parametri per affinare la ricerca sono le maggiori carenze di quanto si trova in circolazione al momento. Così alcuni mesi fa ho deciso di porre rimedio al problema e questo è il risultato. Quali sono le caratteristiche di questo programma? È leggerissimo, pesa meno di 1 MB una volta decompresso. È scritto in HTML+JavaScript, per cui è utilizzabile su qualsiasi computer (compresi Mac e Linux) attraverso il tuo browser preferito (Firefox, Chrome, ...) anche senza connessione ad internet. Permette di scegliere grado sfida, rango mitico, allineamento, taglia, tipo, sottotipo, gruppo (dinosauro, troll, ...), ambiente, clima, piano di origine e libri di provenienza delle creature. Ogni opzione offre il maggior numero possibile di dettagli che ho potuto inserire. Contiene oltre 3000 fra mostri singoli e gruppi misti. Genera automaticamente gruppi di mostri basati sulla voce "Organization" nella scheda delle creature e calcola il grado sfida adeguato per l'incontro. Ogni creatura elencata ha un link verso Archive of Nethys, per rendere la consultazione ancora più facile. È e sarà sempre completamente gratuito. Funziona solo per Pathfinder, ma non credo che sia troppo difficile adattarlo ad un altro sistema di gioco. Sicuramente D&D 3.5, forse anche qualche altra edizione o sistemi simili come Starfinder. Purtroppo non conosco bene nessuno di questi sistemi, ma sarò lieto di dare assistenza e suggerimenti a chi volesse imbarcarsi in questa impresa. Sì, non solo è gratuito, ma avete anche il mio permesso di modificarlo come vi pare, fintanto che rispettate la licenza Creative Commons. E questo è quanto. È molto più facile scaricare il pacchetto (tempo stimato: un battito di ciglia), aprire random_encounters.html e cominciare ad esplorare piuttosto che leggere un noioso tutorial. Alcune note e avvertenze: Ho scritto tutto in inglese perché il materiale in italiano è poco e non sempre tradotto a regola d'arte e inoltre in questo modo può essere utile a più persone. È ancora in fase sperimentale. In linea di massima tutto funziona come dovrebbe, ma ci sono ancora dei dettagli da aggiustare. In particolare I link non funzionano sempre perfettamente. Al momento (metà aprile 2019) AoN non ha ancora copiato circa metà del Bestiario 5 e tutto il Bestiario 6. Alcuni link però funzionano comunque perché le creature erano state pubblicate altrove in precedenza. Ciò che non si trova su AoN dovrebbe però essere presente su d20pfsrd. Il plurale del nome dei mostri è automatizzato (per fortuna in inglese è molto semplice), ma ci sono alcune rare eccezioni che potrei non aver notato e corretto. Segnalatemi gli errori, di qualsiasi genere, eprovvederò a correggerli e ad aggiornare il generatore. Più filtri si usano, più il programma genera la tabella velocemente. Senza alcun filtro il mio computer ha bisogno di circa 5 secondi per generare una lista di 25 voci, motivo per cui quando aprite il programma l'incremento massimo di GS (cioè quanto più alto è il GS di un gruppo rispetto ad una singola creatura del gruppo) è impostato a 4 su un massimo di 10. Aumentare l'incremento massimo di GS permette di produrre gruppi di creature più numerosi, ma il GS indicato in questo caso rispecchia solo l'esperienza totale che si guadagna da un simile incontro, non necessariamente il reale grado di sfida. C'è un piccolo neo per quel che riguarda la selezione degli ambienti e dei climi: gli esterni extraplanari. Quasi sempre l'ambiente indicato è un generico "any", per cui è raro che ci sia modo di affinare la ricerca in questo senso. Non fissatevi troppo con la selezione dei piani. Il fatto che una creatura non compaia nella lista di mostri di un piano non significa che lì non esiste. In generale tutto ciò che si trova sul piano materiale lo si può trovare anche nel resto del multiverso, ambiente permettendo, e viceversa. E si possono sempre applicare template come Celestiale e simili, ce n'è quasi uno per ogni piano esistente. Mi metto a vostra disposizione se avete delle domande e sarò lieto di rispondere a dubbi, richieste e suggerimenti.
  6. 6 points
    @Ratmahatta e @Loki77 ne approfitto per ricordarvi di passare ad introdurvi alla Community in Sezione Mi Presento. Colgo comunque l'occasione per fare presente che non deve essere una competizione alla "ah Master, qui hai sbagliato a seguire le regole, gné gné" nè un perseguire un realismo improbabile per il solo gusto di rendere la vita difficile ai giocatori. L'introduzione di HR del DM ci può stare, finché viene discussa ed approvata dal gruppo (anche a posteriori se ci si rende conto che come si giocava in realtà non corrisponde al regolamento). Lo scopo principale del giocare a un GdR è trovarsi con degli amici e divertirsi, trovate il vostro equilibrio e i vostri spazi, senza porvi in maniera inutilmente antagonistica.
  7. 6 points
  8. 5 points
    Io, al contrario, trovo che l'articolo sia un bel passo avanti rispetto a quelli precedenti. Non capisco perché molti siano più preoccupati di canzonare questa persona per la scoperta dell'acqua calda, più che di apprezzarne il "coraggio" per essere riuscita ad andare oltre lo stereotipo che la società affibbia al giocatore di ruolo. Sarà che io non vado a sbandierare il fatto che mi piaccia giocare di ruolo (non che me ne vergogni, diciamo solo che non ne parlo con persone estranee all'argomento per evitare seccature), perciò trovo che condividere la propria esperienza in merito, soprattutto da parte di un neofita che vede questo modo di divertirsi per la prima volta, è un gesto assai coraggioso e puro, se vogliamo. Inoltre, non è che una giornalista scientifica (senza togliere dignità a nessun'altra professione) sia proprio una figura "comune"; probabilmente se questa testimonianza fosse stata fatta dall'edicolante lato strada, credo avrebbe fatto molto meno scalpore. Mettiamoci pure che l'articolo è apparso sul New York Times, non è proprio roba da nulla. Leggendo le impressioni della giornalista, io faccio letteralmente un tuffo nel passato: la prima vera sessione, gli amici che tuttora frequento, tutti quelli che ho incontrato dopo, come il GdR mi abbia reso meno timido/timoroso nel socializzare, le volte che si giocava fino alle 3 del mattino e avrei voluto andare ancora avanti... Tutti noi siamo passati per questa fase, non vedo quale sia il bisogno di schernire una persona che, nel mondo in cui viviamo, è riuscita a distruggere la "prigione virtuale" dei social e che abbia fatto un passo in una direzione diversa, dove l'interazione tra persone si sia perdendo sempre più. E' ammirevole. Per quanto riguarda il fatto del GdR online, non vedo dove se ne parli male. Escluso dove si dice che è più facile insultare uno sconosciuto che non hai davanti realmente, non si entra nello specifico o non si dice "il PbF, PbC, PbEM non è vero GdR perché non si è attorno ad un tavolo", perciò non vedo da cosa si desume la critica ad una diversa esperienza di GdR. E' anche vero che se non ci fossero problemi di tempo o di avere un luogo dove trovarsi, non tutti preferirebbero l'online rispetto al tavolo. Dipende molto dall'esperienza che si cerca o che si ha con il gioco dal vivo, ma se questa risultasse ugualmente soddisfacente con entrambi i media, credo che chiunque propenderebbe per giocare al tavolo. In ogni caso apprezzo il fatto che non venga trattato un argomento di cui non si hanno né conoscenze in merito né tanto meno esperienze a riguardo.
  9. 5 points
    Ci sono gilde che chiudono dopo pochi giorni o settimane, altre che resitono per un paio di mesi. Anche volendo escludere il tempo passato nel capitolo zero (che era preparatorio), la nostra avventura va avanti da quasi otto mesi. Direi che possiamo ritenerci soddisfatti ed approfitto delle festività per augurare una buona Pasqua e una felice Pasquetta ai miei giocatori. Come vedrete dai post di stanotte, il checkpoint sarà di 48 ore, per permettervi di digerire il cioccolato e le colombe con la frenetica attività di digitazione dei vostri post.
  10. 5 points
  11. 4 points
    IL BATTITO D'ALI DELLA FARFALLA Phal è una tranquilla città fortificata incastonata, come una gemma, fra i monti. Sorta inizialmente da una piccola valle attraverso la quale fluisce un fiume, si è poi sviluppata sulle pareti rocciose andando a modificarle e piegandole alle proprie esigenze, creando, con il passare del tempo, i livelli che ora la caratterizzano. Alla città ci si arriva tramite una comoda strada, comoda anche se a volte a picco su un ripido burrone. I boschi circostyanti forniscono alla città buona parte delle risorse necessarie: cibo, legname, spezie, prodotti per pozioni magiche, mentre le miniere in città forniscono metalli e gemme per armaioli e orefici. La città è piena di vita, anche grazie alle sorgenti termali che richiamano una piccola quota di turismo. Phal è nota anche per la mostra mercato del magico che si tiene una volta all'anno, una settimana prima dell'elezione del Senatore Reggente, ovvero di colui che governa e amministra la città. L'inverno è appena passato, lingue di neve ancora fanno capolino nelle valli più fredde, e sulle cime delle montagne, le risorse alimentari hanno retto la stagione, e tutti sono pronti a iniziare questo nuovo anno... sopratutto perchè non manca molto alla mostra mercato del magico. Nella piazza del mercato, sul tabellone degli annunci, un uomo sta attaccando il primo annuncio della stagione: "cercasi volenterosi per disinfestazione locali in vista dell'arrivo delle nuove derrate alimentari. Per dettagli contattare Gaiu Frejus alla locanda del Sol Levante"
  12. 4 points
    Eccomi, mi son deciso farò la mia prima esperienza come DM in un PbF. Chi si iscrive lo fa a suo rischio e pericolo 🙂 Ero molto indeciso sull'edizione, sarà una 3.5 versione light per favorire il PbF e mascherare la mia ignoranza in alcuni argomenti. Mi piace masterare avventure classiche epiche, gruppo di nonmalvagi ha un obiettivo chiaro in mente, ma ancora non ho deciso nulla su come arrivarci, mi aiuterete voi con le vostre gesta. Campagna: Sarà una rivisitazione della campagna ufficiale "La città della Regina Ragno", il piano della Banshee Bianca non è stato fermato e l'esercito è alle porte della cittadina. Le forze in campo sono tante, ed una resistenza è stata organizzata dagli arpisti e solo grazie all'aiuto finale di Lady Alustriel le forze nemiche sono state ricacciate. Il livello sarà 12-15, vediamo un po quanti siamo, non mi dispiacerebbe ne una ristretta (3) ne una allargata (5-6). Invito questi giocatori per vari motivi: @athelorn @Fezza @dalamar78 @Skull Leader @sani100 @Dmitrij Vorrei progressioni semplici e lineari, per questo chiedo di fare incroci limitati fra Classi e CdP, magari 1base+1CdP o 2base. Chiaramente sono aperto ad eccezioni. Questo approccio mi aiuterebbe a bilanciare il tutto e lasciare più spazio all'interpretazione. Vorrei un ritmo normale, se ci sono lunghe assenze gestirò io il PG per non fermare tutti, se la cosa si protrae verrà sostituito. Come anticipato non son pratico di DM in PbF, non ho molto materiale a supporto e magari chiederò la vostra mano in alcune circostanze. Se ci sono domande o dubbi son a disposizione.
  13. 4 points
    Allora ragazzi. Grazie per la pazienza, ci siamo! Per cominciare, siete tutti dentro. In questo momento siete in 6. Forse perderemo qualcuno, forse se ne aggiungeranno altri. Io per questa campagna vi chiedo solamente due cose: Se volete giocare, garantire di aver voglia di continuare e non abbandonare dopo due settimane (tanto su Telegram sarà molto più facile rompervi le scatole che su Forum 😄 ) Non pensare al momento a cosa fanno gli altri. Pensate solo al VOSTRO pg LUOGO DI PARTENZA Giocheremo in un'ambientazione creata da me. Il luogo di partenza sarà un villaggio di nome SWANSTAR. Non ho ancora mappe disponibili, ma posso dirvi che si tratta di un insediamento di recente costruzione e che non ha più di 2 anni di vita. Ho già definito buona parte dei luoghi e dei png e presto avrete più informazioni a riguardo, ma per ora vi dico solo che è composto da circa 500 adulti che cooperano per crescere insieme. Il villaggio è stato costruito sul versante sud dei Monti Eting, un'imponente catena montuosa (la possiamo paragonare alle Alpi) e sulle rive di un affluente del Sapphire River. Vi lascio di seguito una piccola immagine per darvi un'idea della posizione. La mappa corrisponde al "mondo" da voi conosciuto: Il villaggio si trova all'interno dell'esagono cerchiato in rosso. Considerate che ogni esagono ha un diametro di 50km. A nord e ad est vedete solo montagne, non sapete cosa vi sia oltre. L'affluente del Sapphire River (che non è raffigurato nell'immagine) su cui si sono stabiliti i primi coloni nasce sulle montagne e confluisce a sud del villaggio. Sulle rive del Sapphire River sorgono diversi villaggi e piccoli paesi, ma nessuna città di rilevante grandezza. Al limitare della Emerald Jungle, vedete anche l'immagine di una Fortezza abitata da un nobile che esercita il proprio potere su tutti i villaggi della pianura. Non si tratta di un tiranno o di un despota. Si limita solo a collezionare le tasse dai vari villaggi e ad assicurarsi che i signorotti locali non si facciano guerra tra loro o non cerchino di ribellarsi. Anche per paura di questo, è molto permissivo e gli basta che chiunque consegni la sua piccola parte. Per il resto, non si intromette direttamente negli affari locali. Il vostro villaggio è comunque già al di fuori della sua giurisdizione. Per raggiungere la prima vera grande città conosciuta, bisogna arrivare a Otundbekkr, a poco meno di 300 km da voi. Una volta, queste terre erano tutte sotto un unico regno caduto 150 anni fa. Ora rimangono solo alcune rovine e sporadici racconti o poesie. Nessuno di voi è a conoscenza di imperi o grandi regni nelle vicinanze. Il Pantheon Divino è lo stesso dei Forgotten Realms. PG E BACKGROUND Vi chiedo solamente una cosa. Quando partiamo, i vostri pg devono trovarsi a Swanstar. Possono trovarsi lì dall'inizio o essere appena arrivati. Abitare lì o essere di passaggio. Fate voi. Io non vi obbligo nemmeno a dover pianificare di dover rimanere SEMPRE in gruppo. Non nascondo neanche, se le cose andassero bene, di poter aggiungere altri giocatori o gruppi in futuro, perciò fate in modo che il vostro pg sia veramente centrale per voi. Come già detto, NON sarete obbligati a stare insieme e potete dare ai vostri pg qualunque obiettivo vogliate: dal diventare il Re del Mondo ad aprirsi e gestire una semplice locanda, tutto va bene. Se volete, potete aspirare a costruire qualcosa e ad inserire una parte gestionale nella vostra campagna. Se non volete, potete fare una classica vita da avventuriero. Sta tutto a voi. Nel bg, se volete, potete aggiungere luoghi, eventi e png a piacimento. A me basta che il tutto rimanga coerente con un pg di primo livello, ma per il resto potete sbizzarrirvi. Detto questo: Livello di partenza: 1 Materiale disponibile: solo quello ufficiale, UA compresi Point buy classico da 27 Tutti gli allineamenti sono concessi Vista la premessa sopra, non sentitevi vincolati agli altri pg, sia nella scelta dell'allineamento che in quella della classe Se aveste bisogno di qualunque supporto o informazione, non esitate a chiedere. Presto creo gilda e gruppo Telegram 🙂 p.s: per le schede usiamo Mythweavers.
  14. 4 points
    Phew Scusate ragazzi, ma tra Pc fritto, niente internet al cell e porca miseriaccia essendo stata pasqua non ho nemmeno potuto rubbbare pc e wifi al lavoro è stata dura XD Mi leggo che mi son perso e mi rimetto in pari ;P
  15. 4 points
    Una cosa a mio parere interessante ma che viene un po' sottodimensionata nell'articolo è che, in molti GdR (e quasi tutti i più noti e diffusi), l'aspetto della socializzazione è aiutato dalla struttura e dallo scopo del gioco: non è una situazione di competizione fra giocatori, ma un lavoro di gruppo. In questo senso, presenta alcuni dei vantaggi sociali del giocare ad uno sport di squadra, per altro in una situazione in cui la squadra degli "altri" è composta da creature immaginarie. Ho sempre pensato che questo aspetto dei giochi di ruolo (ovvero di una delle poche classi di giochi davvero di gruppo, in cui tutti i giocatori sono dallo stesso lato e non competono uno contro l'altro) sia sottovalutato quando si discute delle loro implicazioni sociali.
  16. 4 points
    Grazie ad Andrea per la possibilità. Oggi mi leggo il riassunti e mi unirò presto a voi!
  17. 4 points
  18. 4 points
    Cioè fatemi capire... Fate un PbF a livello 12 e non mi dite niente? Tutto tra voi amichetti-cicciccì e lasciate fuori il vecchio turco-irlandese? Nonostante abbiate GIA' avuto un abbandono con la campagna nemmeno partita? Sono offeso.
  19. 4 points
    Prendere in lotta in quinta edizione non ti fa occupare lo stesso spazio della creatura con cui stai lottando, quello a cui ti riferisci è una regola di D&D 3.5.
  20. 4 points
    No, rimbalza e colpisce il PG in faccia.
  21. 4 points
    Io ne parlerei innanzitutto coi giocatori, prima di applicare qualsiasi soluzione.
  22. 4 points
    Ok, ci ho pensato un po' e ho deciso di provarci. Premetto che la mia presenza spesso rischia di essere altalenante, quindi aspettatevi che per una settimana posti anche 4 volte al giorno, e quella dopo una ogni tre giorni. Detto cio': @dalamar78, @Skull Leader. @Fezza. @sani100, @Ocotpus83, @Nork sarete un gruppo ricco ma non sento di cacciare nessuno. In giornata elaboro le idee che ho avuto, propongo la campagna e saltate dentro se vi interessa
  23. 4 points
    Un giorno o l'altro metterò insieme tutti i dati di vendita, i margini e il tempo investito riguardo l'Alfeimur (tutte le versioni). Credo potrebbe essere interessante per molti autori/produttori. Se poi si riuscissero a confrontare i dati con quelli di altri autori ne sarei felice.
  24. 4 points
    È un piacere che vi ho fatto, per ricordarvi come anche io posso sbagliare. Così non vi sentite troppo in soggezione
  25. 4 points
    Il problema è del giocatore, non del personaggio. Se punisci il personaggio, il giocatore cercherà ripicca contro di te, come l'ha già cercata verso il suo compagno di gruppo. È col giocatore che va risolta, chiaramente non punendolo, ma parlandogli, e parlando al gruppo.
  26. 4 points
    Dragons' Lair Forum, Marzo 2019 - La gara di braccio di ferro di Primarosa si fa accesa nel corso della finale che vede opposti Golban Brown Drowdson (a sinistra) e Bjorn Havardsson (a destra). Sarà il paladino di St.Cuthbert ad essere eletto vincitore al termine della prova di forza tra i due.
  27. 4 points
    Suavellius Uhm...va bene grazie ...dico sospirando, pare che nessuno sappia di questo tizio, più che altro sono solamente curioso. Veleni? Nah grazie io sono apposto, non sono molto pratico con le armi, finirei per avvelenare me stesso.
  28. 4 points
    Comunque sto gruppo di gioco (compreso il master) spacca 😎
  29. 4 points
    In realtà con lei è possibile vi siate visti sulla collina dei Templi, questo più che altro perché tutti i Templi di Kintargo si trovano sulla medesima collina, da cui non è raro che talvolta i chierici di Abadar, Asmodeus, Shelyn e Zon-Kuthon si incrocino, che poi i rapporti siano amichevoli o meno, beh, quella è un'altra storia... Tolti i chierici di Shelyn che cercano sinceramente di andare d'accordo con tutti e di redimere quelli di Zon-Kuthon e quelli di Zon-Kuthon che magari vanno anche d'accordo con i seguaci di Asmodeus e vogliono scorticare vivi quelli di Shelyn per problemi di famiglia, magari gli atri cercano di tenere almeno da parte i dissapori se presenti o cercano di attenersi all'etichetta, e i chierici di Abadar in tutto questo si guardano, poi guardano i pochi fedeli che ci sono, guardano la banca, si riguardano e pensano "Come facciamo ad avere ancora un tempio qui? Ah, giusto, la banca...". Che poi la situazione in quel di Kintargo con i templi che ci sono sia molto complicata è un'altra storia...
  30. 4 points
    Chandra Clint? Seline? Celeste? Nessuno...? - chiese la barda vedendo che nessuno dei suoi compagni si faceva avanti per la gara canora. - Una sfida amichevole prima che le nostre strade di dividano nuovamente? Dopo un'accoglienza del genere è il minimo che potremmo fare per allietare la serata ai concittadini della Goffa Elocatrice - disse indicando l'insegna della taverna trattenendo a stento un sorriso. Chandra cosí fece qualche passo tra i ragazzi del borgo col suo corvo sulla spalla sorridendo ai bambini che guardavano incuriositi le sue ali da drago. Ne approfittò per sedersi su di una panca davanti la quale si stavano radunando i cittadini più curiosi di conoscere da vicino gli eroi di Firedrakes ed iniziò a raccontare storie fantastiche sulle imprese del variopinto gruppo mettendo sempre in risalto la loro eroina locale, anche se esagerò leggermente nella descrizione delle sue gesta: Ci trovavamo su una nave ed incontrammo delle sirene: quegli esseri marini che con il loro canto magico ammaliano i marinai e li convincono a gettarsi in mare ed affogare per ricevere solamente un loro bacio. Celeste fu l'unica a resistere al loro richiamo e si mise a cantare sopra le voci delle sirene ridestando tutto l'equipaggio prima che si gettassero tutti in mare ed affogassero. La divreste sentir cantare: ha una voce che è diventata simile a quella di un angelo e riesce a raggiungere note che pensavamo fossero impossibili per un essere umano...
  31. 4 points
    naaa. Comunque bisogna vedere se ciò che ho in mente va bene ad @anthurio e socia. La trama a graaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaandissssssssssssssiiiiiiiiiiiime linee è la seguente: avvenimenti vari in una cittadina di montagna nota per i templi, le acque termali e il mercato del magico. Altro non posso dire perchè non mi piace dire troppo su ciò che accadrà. La cittadina è la seguente (mappa tratta da internet a cui ho solo modificato le diciture degli edifici)
  32. 3 points
    Se concordate skipperei al mattino con il rientro dei due "avventurieri" al campo
  33. 3 points
    Direi che andiamo sulla 5 edizione allora. Potete attingere da tutto il materiale ufficiale (anche UA), ma NO terze parti. In questi giorni sono tornato in Italia per le vacanze, perciò fino a ieri non ho avuto tempo di buttare giù qualcosa o di pensare ad un'introduzione. Vi chiedo scusa, ma per questo vi chiedo solo di aspettare massimo fino a domani :) Sono soprattutto ancora indeciso se prendere un'ambientazione già esistente (un po' più comodo essendo la mia prima campagna in PbC) o usarne una mia.
  34. 3 points
    Un mentore fa comodo, ma corri il rischio di fossilizzarti sullo stile di gioco che preferisce lui, perdendo occasioni di migliorare. Statisticamente, nella community italiana (anche se qua su D'L siamo quasi su un'isola felice), rischi di imparare che il GM dev'essere un semidio circondato da schiavi ossequiosi, invece che un tizio che viene al tavolo per divertirsi e divertire. Molto meglio vedere qualche partita di prova con 2-3 persone diverse, anche online, leggere blog come quelli che Monolente è stato così carino da linkare (dai un occhio anche a SlyFlourish e Alexandrian, evita Angry GM, Sesso, Droga, D&D e Dice Games Italia, e diffida di qualsiasi contenuto in italiano) e formarti una tua opinione critica. Cerca di valutare obiettivamente quello che fai e perché lo fai e, soprattutto, chiedi ai tuoi giocatori in caso di dubbio e per verificare regolarmente se gli piace quello che fai.
  35. 3 points
  36. 3 points
    Se ho capito bene tornate in locanda, giusto? Se mi confermate posto. Se invece volete continuare a parlare fate pure.
  37. 3 points
    Dunque siamo al cospetto della reggente del villaggio in modalità emo-dark, accompagnata da 10 soldati zombie, che tenta di distruggere la versione legale-buona di se stessa. Mi sembrano degli ottimi presupposti per fuggire senza guardarsi indietro alla prima occasione utile 😄
  38. 3 points
    Dan Jansen Chiuso in un angolo il drago concentra tutte le sue attenzioni su di me colpendomi duramente altre due volte. Nonostante il dolore mi annebbi la vista, riesco ancora ad udire i suoni della battaglia che infuria. Tengo duro, e se anche dovessi morire oggi, avro' comunque dato la possibilita' ai miei amici e parenti di fuggire, in fondo non e' questo che fa un cavaliere? Sacrificarsi per un bene superiore? Do di speroni invitando Aquilante all attacco mentre di nuovo la mia lancia parte in cerca di uno spazio tra le scaglie di quel mostro - narratore
  39. 3 points
    Jack Daniel (umano barbaro/monaco) No, questo individuo è troppo potente e troppo subdolo per essere sconfitto sovrastando la sua voce e la sua tecnica vocale letale. Infatti nella sua geniale malvagità egli è subito riuscito a rispondere alla mia tecnica con una contromossa degna di un boss di fine capitolo: alzare la voce anche lui. Non mi lascio però sconfortare da tutto ciò dato che, fortunatamente, la sua voce non ha fatto ancora breccia nel mio spirito e annichilito la mia mente. Non mi resta altro che tentare il tutto per tutto, è rischioso ma non ho altra scelta se voglio salvare me stesso ed il mio capitano, se ancora lo fosse, vivo intendo, non capitano, perché proprio non lo so al momento: fondere due tecniche assieme quella dei Palmi Assordanti e quella proibita del Guarda Mamma, Senza Mani!. Lancio verso l'alto la daga elfica applicando al suo movimento la Tecnica Superiore del Colpo di Scena Rallentato e Zoomato: la daga sembra sembra muoversi più lentamente, mentre l'attenzione del mio avversario viene catturata da essa, il suo campo visivo si restringe fino a focalizzarsi e vedere soltanto la daga ed il suo quasi eterno noto rotatorio ascendente e poi discendente che termina con essa che si impianta nel terreno in una perfetta verticale. Solo allora il mio nemico poté liberarsi da quella tecnica, ormai terminata, ed assistere alla mia suprema combinazione di Mani Assordanti e Guarda Mamma, Senza Mani!: le mie mani eran state poste perfettamente simmetriche ai lati della mia testa i palmi perfettamente piani e tesi sopra i lobi auditivi annullando il mio udito. Nel frattempo faccio un breve saltello sfilandomi dai miei stivili ed atterrando a piedi nudi in punta di pollicione sul terreno un palmo avanti ad essi perfettamente al loro posto uno adiacente all'altro come se vi sia ancora dentro. È proprio in quel momento che la daga si pianta nel terreno, un silenzio carico di tensione avvolge quell campo di lotta immaginario che era lo spiazzo in qualche modo delimitato dai detriti scagliati versi le pareti della stanza dall'esplosione. SCRONK-SCRONK! il rumore sordo dei miei ditoni che faccio scrocchiare, appena dopo aver poggiato anche i talloni a terra, finalmente liberi dai miei calzari appesantiti e limitanti, un nuovo livello di potere pronto a manifestarsi contro il mio nemico: "Questa è la mia Tecnica Combinata dei Palmi Assordanti e Guarda Mamma, Senza Mani!; ho passato la mia intera vita a perfezionata per questo momento! Percepisci il suo Livello di Potere SMODATO!, vero? Non puoi battermi! È finita per te! È dopo una pausa catartico mi getto contro il mio nemico combattendo con i piedi e continuando, perché la cautela non è mai troppa, a gridare, stavolta come se fosse un grido di battaglia: "LALALALA LALLA LAH LAHLAHALAL LA LALLALALLA LAH LA LA!"
  40. 3 points
    Scusate se li ho presi e gestiti io, ma mi sembrava la cosa più logica e nemmeno credevo che si sarebbero mai azzardati ad andare a salvarlo assieme a noi dopo averla scampata per un pelo con tutta la merce ancora lì ed il capo beorniano ferito e ad un pai odi giorni dai suoi conterranei sull'altro versante della catena montuosa. 🙂
  41. 3 points
    Essendo del '75, e avendo iniziato a giocare abbastanza presto (12-13 anni, quindi nel 1987-88), io sono cresciuto con queste immagini (Becmi, Gazeteer, AD&D 2), quindi questo articolo per me è un vero e proprio "salto indietro nel tempo"! Una scelta estremamente stupida, imho!
  42. 3 points
    @Ocotpus83 Premetto che sono d'accordo con quanto detto da Skull Leader, Sani e Fezza, vengo alla tua richiesta No, non ci stai con i prerequisiti per lo Spellwarp Sniper: devi poter castare di III° e uno Stregone di 5° non lo fa, quindi devi essere minimo Stregone di 6° Io personalmente farei: Ladro Magico 1° / Stregone 6° / Spellwarp Sniper 5° In questo modo hai molti punti abilità da spendere al 1° livello e soddisfi il prerequisito della CdP; inoltre, se ti prendi il talento Master Spellthief (che trovi sempre sul Complete Scoundrel), puoi fare tante cosette carine e puoi anche indossare armature leggere senza rischiare il fallimento del lancio delle magie 😉
  43. 3 points
    Scusate tutti per la lunga assenza, sono tornato. Ho passato un periodo difficile e non ho avuto accesso al computer, ma ora dovrei poter essere più costante.
  44. 3 points
    Dove c'è la Blood War c'è gioia! Soprattutto dovrebbe esserci un bel portale che conduce ad una città in cui la pace e l'armonia vengono mantenute dalla Lady of Pain! E qui mi taccio!
  45. 3 points
    AGGIORNAMENTO TEST FORZA PRIME 3 ORE DI VIAGGIO Il caldo diventa più insistente, purtroppo metà di voi (Suavelius, Kevroar e Turgon debilitato tra l'altro anche dalla prestazione monstre avuta con Polda la sera prima) si accasciano al suolo. Turgon sembra quello in grado di riprendersi prima, Suavelius e Kevroar valutate che possano ristabilirsi in un paio d'ore.
  46. 3 points
    Conoscendo Trull la prima cosa che direbbe è "Ho io la soluzione ai vostri problemi! Fate decadere tutti i titoli nobiliari e proclamate la Repubblica di Ilitar! Che la gente vada a votare!"
  47. 3 points
  48. 3 points
    È il rumore del pane durissimo che sta venendo segato dalla cameriera per poi servircelo e che fa un baccano tipo fresa contro il metallo 🤣🤣🤣🤣 Non avevate capito? @Kelemvor @DarthFeder
  49. 3 points
    Adoineros Annuisco, soddisfatto delle mie lampanti doti di comando. Ora ci vorrebbe giusto un ultimo bicchierino prima di partire penso mentre cerco una bottiglia
  50. 3 points
    1. Orchi piccoli e scemi 2. Orchi pelosi 3. Letteralmente un mostro generico 4. Orchi piccoli e astuti 5. Orchi Bonus: Orco grosso Zambrano è sempre in forma. Ma soprattutto: dove sono i ragni giganti?!
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.