Jump to content

aykman

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    431
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

105 Gigante

About aykman

  • Rank
    Viandante
  • Birthday 11/18/1984

Profile Information

  • Location
    Villamar (Sardegna)
  • GdR preferiti
    Dungeons&Dragons

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Elizabeth Bene, muoviamoci. Floki sta all'ingresso principale, uno di noi vada con lui, l'altro sta qua con Mary. Odio dovermi di nuovo dividere dagli altri, ma non c'è molta speranza di far tutto insieme quando le strade sono tante. Mi mordo con forza il labbro, tesa e di già seccata per tutti gli affanni della giornata: come cambio di vita, non mi pare poi che Freeport offra chissà che. Anzi a ben pensarci, l'occhio critico nota strane somiglianze e parallelismi con altre città di mare del genere, dove il sottobosco illegale muove affari all'insaputa degli onesti cittadini, ed avendo tutti due facce, non si capisce mai quando essi sono onesti oppure no.
  2. Eike Saluto entusiasta i nani, nonostante non sia passato così tanto tempo dal momento che ci siamo lasciati. Le loro fatiche stanno portando frutti a velocità immane, tanto che il rudere ha smesso di apparire tale. Mi godo immediatamente la pausa dalla navigazione, incamminandomi per il greto e risalendo la china verso la torre, al seguito degli altri, e restando ben più che stupita, sia per l'occhiataccia sia per la richiesta del vecchio druido. Prendo la ribeca e seguo il ritmo leggero dell'uomo, tentando di accodarmi alle sue parole e farne il doppio, sperando che il tutto, sebbene improvvisato, non venga presto distrutto dall'impegno del Sanbernardo nel fare il coro al padrone.
  3. Elle Sento le voci fuori dalla cabina, una mi sembra quella del ragazzo. Mentalmente sospiro, libera di un peso che temo di dover caricare sulle spalle degli altri: Seline, se di lei si tratta, è brava, molto brava con una lama; forse troppo anche per me. Guardo quegli occhi, il loro astio, quello di una belva braccata. Solo che ora lo sono anch'io, un pesce fuor d'acqua, accerchiato perché di nuovo mi son gettata a capofitto in una situazione senza uscita. La pelle brucia dove la lama ha scavato i suoi solchi, facendomi sentire ancor più dolorosamente viva. Sorrido e sputo una boccata di sangue contro la figura della donna, con un'arroganza che non mi appartiene, un gesto di sfida accompagnato dal sibilo della spada che sfilo dal fodero Arrenditi stronz@ le ringhio addosso, tempestando di colpi la sua guardia in cerca di un passaggio da qui non ti faccio più scappare. Ma sono io adesso che devo giocare sulla difensiva, quindi faccio seguire ad una nuova combinazione di colpi un'agile movimento sgusciante, tale da concedermi, per un istante, una pausa dagli assalti della donna. @Bellerofonte
  4. Giusto Raftal, visto che Tholin dorme, spruzzalo con l'acqua e si risveglierà... spero
  5. @AndreaP da domani a venerdì prossimo sono fuori per lavoro, quindi sarò un pò meno presente del previsto
  6. @Bellerofonte Da domani a venerdì prossimo sarò fuori per lavoro, quindi un pò meno presente.
  7. Eike Mentre placida scorre la trattativa tra Wil e le autorità, la mascella mi casca alla vista della mossa del vecchio druido. Con una nonchalance invidiabile, lo vedo spogliarsi e gettarsi nell'acqua ristoratrice del fiume, godendosi appieno la frescura e la pulizia. Senza imbarazzo fisso le sue evoluzioni, poi i sentimenti cambiano in viva invidia: un bagno, cosa non darei per un bagno, mi ritrovo a pensare. Scuoto il capo, spargendo attorno al volto i capelli e nascondendo lo sguardo dietro alla cortina che si forma, annusandoli di sfuggita: non puzzano, ma certo no sono profumati come vorrei. Mi volto verso Wil, che con uno stoicismo degno di un anacoreta è andato avanti col discorso. A mezza voce, incurante del messo, gli mormoro Se mettiamo da parte abbastanza, pretenderò che compri una vasca... una vera vasca per fare il bagno...
  8. bé, io mi sto facendo le unghie, quindi non è che la cosa va male...
  9. Eike Mi sveglio ma rimango nascosta tra le coperte: dormire accampata con quattro o cinque uomini oramai è diventata un'abitudine, ma farlo in una camera, in un vero letto, anche se il numero si è ridotto a tre, da una strana sensazione. Non che ci sia qualcosa di male, anzi: i miei compagni d'avventura son tutti e sempre assolutamente attenti ad evitare imbarazzi, e alla fin fine l'unica che dovrebbe peraltro imbarazzarsi son io, ma la cosa mi scivola addosso senza lasciar macchia: i più infatti si son levati di buon ora e, sbirciando fra le lenzuola, noto che son già usciti. Solo Wil è ancora in camera, credo. Mi rigiro, crogiolandomi nel tepore delle coperte, godendomi fino all'ultimo istante di quella coccola innocente e ozio imprevisto ma meritato, dopo le fatiche della serata. L'esibizione è stata un successo almeno quanto la raccolta di informazioni è stata un fiasco, ma perlomeno la borsa è piena come anche la pancia. Sbadiglio e mi giro dall'altra parte, perdendomi in fantasticherie su ricchi mecenati e aitanti spasimanti nascosti tra la folla di ieri sera, tutti conquistati dal mio talento e ansiosi di conoscermi.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.