Jump to content

MadLuke

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    1,883
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    7

MadLuke last won the day on August 15 2015

MadLuke had the most liked content!

Community Reputation

254 Viverna

About MadLuke

  • Rank
    Campione
  • Birthday 10/25/1976

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Legnano
  • GdR preferiti
    D&D 3.5
  • Occupazione
    Programmatore
  • Interessi
    Lettura, poesia, nuoto, crossfit
  • Biografia
    Ho cominciato con OD&D a 13 anni, AD&D alle superiori, D&D 3.x dal 2001 in poi, e altro non mi interessa. Da una decina d'anni gioco e mi interessa solo il PbF.

Recent Profile Visitors

4,260 profile views
  1. OT: per D&D 3.x il migliore è rimasto NWN 2, vero? Ciao, MadLuke.
  2. Dio illumina il tuo povero servo, sono un pozzo di ignoranza, lì anni prima aveva dominato il Tarasco, un drago grosso come un toro da monta, con la testa di leone, il corpo squamato verdastro, sei, lo capite sei zampe, e una lunga coda di serpente. Il Tarasco chiedeva un tributo continuo di vergini e di bambini, nessuna ragazza poteva più uscire a prendere l’acqua alla fontana, i piccoli dovevano restare chiusi in casa con porta e finestre sbarrate, se qualche valoroso attaccava il Tarasco, era sicuro che ci lasciava le penne, il Tarasco lo azzannava alla gola e lo scuoiava e lo lasciava lì come uno straccio e se ne mangiava se aveva fame le cervella e l’intestino che tirava fuori come una salsiccia di tante cannelle… Giuseppe Conte. I senza cuore
  3. Quello giallo affianco all'elmo è Pierratto: il topo con la dentiera del dungeon di Arcore.
  4. Ciao, volentieri do il mio contributo a questa discussione: per me fare il PG è proprio "giocare", trilli e lazzi, spensieratezza e improvvisazione. Lo dico con gli ultimi due PG che erano una barda, per cui recitavo poesie "in diretta", magari non proprio dense di significato, ma comunque pensate, con metrica in piena regola, ecc. e senza neanche dover fare una prova di Intrattenere per ingraziarsi un PnG o cose del genere, ma proprio "gratuitamente". E l'altro un guerriero tormentato dai sensi di colpa, ispirato anche a taluni personaggi da romanzo. Bene. Poi c'è il master, quello che "di norma" preferirei, perché non si limita a districarsi nell'intreccio, ma l'intreccio lo crea proprio. Tesse una storia, crea un mondo, genera simboli e attribuisce significati, nel senso spirituale, biblico, del termine. E la versione "de noatri" dello scrittore di romanzi. Questo è il modo in cui lo intendo io, e per cui mi piace farlo. Non è proprio "divertente", di certo non come il PG, ma da grandi soddisfazioni, e poi il master fa un po' la storia, e un po' la storia fa il master. Io ritengo di essere anche un poco cresciuto con la mia ambientazione e campagna di questi ultimi sette anni. Non è un lavoro, è un'opera, per chi capisce la differenza. Il problema è che a fronte di tanta soddisfazione, impegno, tempo speso a ingegnarsi (invece che rilassarsi su YouTube o leggendo, come ha scritto JaN), ti trovi tanti, troppi giocatori, che non hanno serietà, che non gli frega, non dico nulla, ma "non particolarmente" dei risvolti più profondi, che gli interessa solo "andare avanti". Poi ci sono quelli che creano solo confusione, nel senso che non seguono la storia con attenzione (perché loro "non hanno avuto tempo questo fine settimana"...) e scrivono boiate assurde, e magari quelli più attenti che però sono insicuri si lasciano convincere, e pensano che siano loro in fallo (non ci credereste quante volte è successo!), oltre ai classici che non sono regolari nella partecipazione al gioco, e poi quelli "sai che c'è, io non ho più voglia di giocare", "c'è qualcosa che non ti è piaciuto, la conduzione magari?" "no, tutto bene, solo che sono in un periodo così, e ora voglio smettere". Rispetto per il master e gli altri giocatori: 0. Allora sai che c'è? Questa campagna ormai la finisco per responsabilità verso i giocatori rimasti (anche se smetterei subito). E poi se capita mi limiterò al più a fare il PG (che pure richiede impegno, ma 1/20 di quello del master), o più probabilmente mi dedicherò al 100% alla lettura, che quella non tradisce mai. Ciao, MadLuke.
  5. OD&D Companion set tutta la vita. Ciao, MadLuke.
  6. Confermo i titoli, ma la prima ripeto non c'è per Kindle, la seconda invece Amazon non la vende neanche cartacea.
  7. Il titolo pare molto promettente ma ahimé la traduzione in italiano non c'è ancora per Kindle.
  8. Io volevo condurre un'avventura fluviale nella mia campagna corrente, ma ho rinunciato perché non solo ho trovato insufficiente Stormwrack, ma neanche ho trovato libri o film fantasy da leggere per mettere argomenti in cascina. Ciao, MadLuke.
  9. Secondo me l'articolo è banale e di una superficialità disarmante. Innanzitutto parlando di amici di gioco al tavolo (ma anche dal vivo) non distingue tra "amici conosciuti giocando" e "amici con cui si è iniziato a giocare". Di quelli della prima categoria, che sono stati la stragrande maggioranza nella mia vita, tutti hanno perso i contatti con tutti, perché ci si è resi conto che a parte la passione per la campagna, niente altro legava. Ricordo una sera mancava il master per la ultra-consolidata sessione settimanale, sicché uno ha proposto "vabe', troviamoci lo stesso per una birra"... Deserto dei Tartari. Un'altra volta io stesso (PG) non potevo andare perché avevo la macchina dal meccanico "ragazzi qualcuno che è di strada passa a prendermi (erano 6 km da casa mia) che stasera sono appiedato?"... Spiace, ci vedremo settimana prossima. Invece delle persone conosciute online, con alcune poi sono diventato anche amico di FB, e con alcuni di questi ho preso a parlare anche di altro, interessarci sinceramente e reciprocamente alle loro attività extra D&D (fidanzamenti, matrimoni, famiglia, malattie, ecc.). E ne avrei altri ancora di aneddoti vissuti personalmente, a dimostrazione di quanto sia infondata l'equazione tavolo/online sostenuta nell'articolo.. E tutto questo ve lo dice uno che usa FB solo per seguire pagine di autori, intellettuali, ecc. (dopo una dozzina d'anni che sono iscritto ho 15 amici).
  10. Si: una pagina ti dicono che un attacco con arma contundente eseguita sott'acqua ha penalità -2 BA e danno dimezzato (più le indicazioni per la prova di Nuotare), la pagina dopo che non bisogna fare tanto i pignoli perché è solo "un'astrazione" (manco stessimo ancora a OD&D)... Andassero a lavorare. :-)
  11. Knockback è sicuramente meglio strutturato... Però anche questo: cosa c'entra Bull Rush se ho colpito con un'arma?? Che forse prima gli do una spallata e poi muovendomi una spallata (e se non avevo azioni di movimento a disposizione)? Inoltre un requisito dovrebbe essere senz'altro "arma contundente", perché perforante e taglio non spingono proprio nulla, semmai ti entra in corpo anche l'asta, oppure trancia, rispettivamente.
  12. Ciao a tutti, qualcuno sa dirmi perché contro Awesome Blow bisogna fare un TS Riflessi (quando ormai sei stato irrimediabilmente colpito) e non un Resist Trip (o al limite Equilibrio)? Aggiungo: il danno assorbito da RD abbassa la CD o rimane quella intera? Ciao e grazie, MadLuke.
  13. Parafrasando il nome di un gruppo appena visto su FB: Cercare di fare i soldi col GdR è come cercare un porno che finisca con le coccole.

    1. MadLuke

      MadLuke

      Il nome del gruppo è "Cercare di fare i soldi col teatro è come...".

  14. Un'avventura che entra subito nel vivo sia dal punto di vista dell'azione che del "dibattito", tra intraprendenza e catarsi, personificati nel padre samurai e nello zio monaco del protagonista Bennosuke. E nel pur breve intreccio, questi due aspetti della narrazione si mantengono sempre in equilibrio. In particolare mi ha colpito l'esemplificazione del concetto di "limite", di come la sua violazione porti alla sventura. E poi diversi personaggi minori, che seppure tratteggiati in maniera sintetica, riescono a mostrare bene i diversi ideali sui quali si imperniano vite molto differenti tra loro. E infine una proposta che risolve tutti i dilemmi del protagonista, sull'opportunità di vivere o morire per cosa, la bellezza della natura e la pace interiore come unico bene che valga veramente la pena perseguire, a dispetto di tutte le ipocrisie del mondo. Spiace che certi passaggi che avrebbero meritato sicuramente maggiore approfondimento, siano stati invece risolti dall'autore in maniera estremamente sintetica, magari solo per contenere il volume dell'opera. Voto: 4/5
  15. MadLuke

    PG

    Come per gli uni hai scritto "sparisce/svanito", per gli altri scriverai "costante/affidabile". Sul mio sito è diverso giacché vengono valutati diversi aspetti del giocatore (che solo gli utenti registrati possono vedere nel dettaglio) e quel numero che vedi nella pagina dell'area pubblica è solo una media.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.