Jump to content

Knefröd

Circolo degli Antichi
  • Posts

    858
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Knefröd last won the day on May 29 2018

Knefröd had the most liked content!

2 Followers

About Knefröd

  • Birthday 02/01/1997

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Milano
  • GdR preferiti
    13th Age, D&D 4e, D&D 5e, Dungeon World, Monster of the Week, The Burning Wheel
  • Occupazione
    Studente, Sviluppatore
  • Interessi
    Lettura, Informatica, Progressive Rock

Recent Profile Visitors

4.6k profile views

Knefröd's Achievements

Antico

Antico (11/15)

  • Reacting Well Rare
  • Dedicated Rare
  • Very Popular Rare
  • 5 years in Rare
  • Posting Machine Rare

Recent Badges

339

Reputation

  1. Nell'aggiudicare una situazione senza essere supportato dal regolamento (e quindi appellandoti alla regola 0) ti improvvisi game designer e rischi di rovinare quel che di buono c'è nel sistema, di fatto, rompendolo. Credo che le regole siano importanti perché sono le leve che il giocatore ha per interagire con il gioco. Devono, per quanto possibile, essere consistenti e coerenti altrimenti si rischia di togliere autorità ai giocatori e, estremizzando, il gm "arriva a giocare da solo". Immagina di controllare il personaggio di un videogioco: d'un tratto tutte le regole del motore fisico iniziano a cambiare in maniera caotica ed incoerente, spingi la levetta in avanti ed il tuo personaggio non reagisce nel modo che ti aspetti, premi avanti ed il tuo personaggio va indietro, premi ancora avanti ed il tuo personaggio si muove a destra. Puoi dire di avere il controllo del personaggio? Le tue interazioni con il gioco sono significative? Le regole ti permettono di aggiudicare gran parte delle situazioni, per tutto il resto è necessario improvvisare. C'era un'ottima tabella nella Dungeon Master Guide di D&D 4e, che dava spunti al dm per improvvisare effetti non coperti dalle regole. Una cosa del genere manca in D&D 5e ed il gioco si appella all'esperienza di chi conduce il gioco (male). Ho l'impressione (e con questo non voglio davvero esprimere giudizi sul modo di giocare altrui!) che tu e i tuoi giocatori vi state divertendo (ottimo) nonostante il sistema. Probabilmente esistono sistemi più affini al vostro tipo di gioco, che potrebbe valere la pena di sperimentare.
  2. @Alonewolf87 mi dispiace per il ritardo, purtroppo mi rendo conto di non riuscire più a stare dietro al PBF. A malincuore faccio un passo indietro riguardo la partecipazione alla campagna.
  3. Edwyn Completamente concentrato sui miei avversari, continuo a muovermi per schivare la pesante clava e colpire le creature quando abbassano la guardia. Emetto un grido gutturale e mi lancio in un nuovo, potente, affondo.
  4. Non ho altro da aggiungere rispetto all'azione precedente, continuo ad avvicinarmi e se riesco carico il Troll più vicino.
  5. Edwyn La mia lama penetra la spessa pelle della creatura e, grazie all'aiuto dei miei nuovi compagni, riusciamo a far perfere conoscenza al primo troll. Spero che le fiamme ci diano abbastanza tempo per occuparci degli altri due, prima che lui si rialzi... Quando i suoi compagni iniziano a scagliare grossi macigni verso di noi emetto un grido gutturrale e corro in direzione dei due nuovi bersagli. Sento i mei compagni dire qualcosa dietro di me, ma in questo momento sono concentrato solo sui nostri nemici. Mulino vorticosamente la spada e con un balzo mi getto sul più vicino dei due.
  6. Edwyn Stringo i denti e sopporto il dolore: mi aspettavo un contrattacco da parte della bestia, ma l'enorme potenza del colpo mi lascia per un momento senza fiato. "Gli altri stanno arrivando, dobbiamo fare in fretta!" dico a Devios, spronandolo a colpire. Estraggo con forza la spada dal petto della bestia mi appresto a restituirgli il favore.
  7. Edwyn La freccia di Rasket sibila precisa a pochi metri da me, infiammando il carro. Lo stratagemma non ha però l'effetto sperato: ormai è tardi per risolvere la situazione con le sole parole. Dobbiamo fare presto, prima che arrivino i rinfiorzi... "Forza Devon, è ora di far parlare le nostre lame!" dico mentre sguaino con un movimento fluido la spada e mi lancio verso l'enorme nemico, saltando con coraggio tra le fiamme che mi separano dalla creatura. @DM
  8. Per me va bene! @Killua mi sembra l'utente più attivo, penso possa essere un buon candidato per il ruolo.
  9. Edwyn Mi sveglio al sorgere del sole, la giornata si annuncia faticosa e qualche esercizio mattutino mi aiuta a focalizzarmi. Scendo nel cortile della locanda e mi esercito con la spada, utilizzando il vecchio palo di una recinzione come quintana. Soddisfatto per la breve sessione di allenamento inizio ad oliare la lama della spada, e mi assicuro che il resto del mio equipaggiamento sia pronto alla battaglia. "Ci attende una lunga passeggiata, ci ho pensato su e credo convenga che io e Devios proviamo ad attraversare il fiume, mentre Devon e Raskert attaccheranno frontalmente sfruttando in qualche modo il carro". Poi mi rivolgo a Lavinia dicendo: "Conosci un guado o una zona in cui il fiume scorre piu' lento che potremmo utilizzare per raggiungere l'altra sponda in sicurezza?". EDIT: @GM
  10. Edwyn "Trovo ottima l'idea del carro, sempre che si riesca a recuperarne uno e riempirlo di pece in tempi brevi..." dico, sorseggiando lentamente da un boccale di birra scura poi aggiungo guardando Devios: "Proporrei invece di lasciar andare me e Devion sul ponte insieme al carretto: non dubito che il tuo allenamento monastico ti permetterebbe di fronteggiare un paio di troll fino all'arrivo dei rinforzi, mi preoccupa il come potremmo io e Devios raggiungere l'altra sponda del fiuime senza far rumore. Servirci di un barchino risolverebbe il problema ma procurarcene uno potrebbe risultare più ostico del previsto!"
  11. Edwyn Dopo i lunghi giorni passati in città, percorrere la strada che da Radagast conduce alla taverna della Freccia Incoccata è stato un vero toccasana per il mio spirito, provato dall'ultima deludente missione. I nuovi compagni di viaggio sembrano persone affidabili e degne di rispetto, spero di riuscire a legare con loro: in battaglia l'affiatamento di un gruppo può essere determinante; forse è a causa di questo che a Radagast, Zenone, ha quasi perso la vita... "Propongo di dividerci, in armatura avrei difficoltà a guadare il fiume e rischieremmo di essere scoperti. Almeno uno di noi attraverserà il ponte, e guadagnerà tempo finchè gli altri siano in posizione, pronti a prendere il nemico alla sprovvista. Pensate che potrebbe funzionare?" dico, in attesa di sapere cosa ne pensano i miei compagni.
  12. Io ci sono, entro stasera leggo bene il post sul TdG e cerco di rispondere.
  13. Anche io sarei per il contesto d'azione, secondo me aiuta a rendere il conflitto più "personale" per i PG e li aiuta a legare. Potremmo giocare una "vignetta" (una scena di cui si conosce già l'esito, vedi DMG 2 DnD 4e) dove i personaggi subiscono una sonora sconfitta (gli spunti di @Lucane mi sembrano ottimi) e ripartire da li con un obbiettivo comune e qualche legame, inoltre potrebbe essere un buon modo per sfoltire il cast dei PG diventati PNG evitando di farli "sparire nello sfondo".
  14. Mi piace moltissimo l'idea di lavorare sui legami. Credo darebbe al PbF la giusta spinta per ripartire!
  15. @Alonewolf87 purtoppo non ho molti contatti sul forum, non ho nessuno da proporre.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.