Vai al contenuto

Bellerofonte

Circolo degli Antichi
  • Conteggio contenuto

    1.498
  • Registrato

  • Ultima attività

  • Giorni vinti

    5

Bellerofonte ha vinto il 28 Maggio 2018

I contenuti di Bellerofonte hanno ricevuto più mi piace di tutti!

Punti Esperienza

216 Basilisco

3 ti seguono

Informazioni su Bellerofonte

  • Rango
    Antico
  • Compleanno 05/08/1995

Informazioni Profilo

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Cosenza
  • GdR preferiti
    D&D, Mondo di Tenebra
  • Occupazione
    Studente
  • Interessi
    Storia grecoromana
    Sociologia
    Filosofia, Teologia
    Java Developement
    Progressive Rock, Stoner
    IA

Visitatori recenti del profilo

1.526 visualizzazioni del profilo
  1. Non si è mai visto che Arrigo rifiuti qualcosa cucinata da te. Ti fa un'espressione del tipo "se proprio devi...!" ma ovviamente è solo scena, come buona parte della sua macchietta. "Avissem'e truvà 'sto villaggio, quindi..." commenta tra sé e sé mentre tu cucini "Qua 'n staj a verè nient" aggiunge, guardandosi attorno con una mano a coprirsi gli occhi a mò di visiera. In effetti attorno a voi solo alberi e alberi. Peppino miagola verso Arrigo, facendogli notare la sua presenza nel gruppo, ma questi forse non ha ancora capito il vero potere del Tressym capace di attraversare i Crocevia. "Muah." ripete per l'ennesima volta, per niente convinto da tutta questa storia. Quindici minuti più tardi il fuoco scoppietta e le pentole che ti sei portato dietro emanano un'odore prelibato. I frutti che avete trovato, commestibili, danno uno strano sapore al brodo che hai preparato, particolare, esotico...ma buono. Molto buono.
  2. "Randàl ma tu si pazz" continua a ripeterti mentre gli racconti tutte quelle strane cose, insistendo che forse avresti dovuto aspettare che si svegliasse prima di andarci tutto solo. Ovviamente, come al solito, la fa molto facile visto che è stato tutto il tempo a sognare di essere il nuovo lord di Ibnat mentre tu rischiavi la vita in un luogo dimenticato da Corellon. In compenso si interessa molto all'arma che hai trovato. "Unn'aggia mai vist nient daccussì. Però 'na cosa t'ha sacci'a dì: sto curtieddr mena fort co 'e magicanti e ti vota arreta quann'è no circhio." almeno si rende utile nel capire come funzionano tutti gli oggetti che trovi. Per quanto riguarda ciò che gli racconti sulla cripta, ha le idee più confuse di te. "Muah" dice, guardando la statua dietro di lui. "Tutt ste cos e muort m'han arripinnat 'e pili. Amoninne e 'sto sebburc, Randàl." Arrigo dice di sentirsi a disagio di fronte alla tomba, e ti prega di andar via di lì il prima possibile. Arraffa un po' di cibo dalla tua borsa e raggiunge i cavalli legati nei pressi della tomba, controllando briglie e borse.
  3. Ti godi il meritato riposo accarezzando Peppino, anche se i tuoi muscoli sono ancora debilitati e le escoriazioni sul braccio bruciano un po'. Mangiate ciò che avete precedentemente raccolto, e una volta finito il pranzo, il tuo urlo liberatorio riecheggia in tutta la vallata. "MANNACC'A MUORT KILAGAS HA VUTAT N'ATA VOTA MO N'ACCIR A TUTT QUANT...!" Il tuo compagno di avventure sembra essersi di nuovo appena svegliato da un pisolino che stava svolgendo sopra la testa di pietra, dal quale cade rovinosamente dopo essere sobbalzato per lo spavento. Si alza in tutta fretta e ti vede in compagnia del tuo famiglio, rimettendosi a posto la capigliatura e togliendosi del terriccio dalle spalle. "Ueuè Randàl! Stava...n'attimin...stava a controllà a situaziò..." si giustifica, indicando ripetutamente la sommità della struttura di pietra. Poi guarda le sbarre da lui precedentemente fuse e aggiunge "Eh ti stava ad aspettà pecché tenev a curiosità e guardà nu poc che è sto mammalucc enorme 'mienz o nulla- marònn quant'è brutt" ah, quindi voleva esplorarlo con te e si è appisolato nel frattempo nell'ultimo posto in cui l'avresti cercato. Tipico.
  4. Prendi la corda e risali su; niente più sorprese, niente più nemici. La grata è aperta come l'hai lasciata, e pochi metri ti separano dalla libertà. Al termine della tua scalata, che pare durare un'eternità, ti ritrovi nell'esatto luogo dove tutto è cominciato, all'interno della grande "testa di pietra", l'anticamera della cripta nel quale sei entrato. Questa parte non è stata influenzata dalla maledizione Uthen, perciò non c'è nulla di cui devi preoccuparti. O almeno speri. Stai invecchiando più in fretta, da quando l'ansia di poter morire da un momento all'altro ha preso il controllo della tua vita. Ti infili tra le sbarre non più roventi e finalmente vedi il verde silenzioso dell'erba collinare e la foresta incontaminata a darti il bentornato nel mondo dei vivi. Il tuo Tressym ti segue, miagolandoti dietro.
  5. Ciò che ti sta attaccando è quello che rimane di un parassita chiamato Ciste Necrotica che ha ucciso il suo ospite e ora va cercandone un altro; il suo principale obbiettivo è attaccarsi alla pelle del suo avversario usando l'intestino dell'ospite a mò di frusta, che una volta attaccatasi alla carne umana viva inizia a succhiarne il sangue indebolendo il bersaglio per poi trasferirsi al suo interno. Abituata a resistere all'interno del corpo umano nonostante la febbre naturale sviluppata da questo, resiste mediocremente al calore; e come ogni non-morto che si rispetti, l'unico modo efficace per distruggerlo definitivamente è farlo a pezzi. Conscio di ciò, ti avventi senza pietà su quella cosa mostruosa, che dopo alcune pugnalate cade a terra esanime. Finalmente.
  6. Il fatto che non l'avessi visto non implica che non ci fosse! Ma in fondo non aveva molto senso andare a controllare centimetro per centimetro sotto la sabbia di una caverna, no? Il tuo attacco prende in pieno il non-morto e gli brucia buona parte delle carni, anche se ti accorgi che sopporta abbastanza bene il fuoco ignorando parte dei danni del tuo attacco. A quel punto l'orrore melmoso dà fondo a tutta la sua velocità per lanciartisi addosso e colpirti con i suoi intestini tentacolari, che si appiccicano alla tua pelle come ventose dandoti poco più che un pizzico.
  7. Tiberius è soddisfatto, nonostante i commenti della contessa. "Quando volete. Non preoccupatevi per i viveri del viaggio, posso occuparmene io." conclude.
  8. Sali le scale e fai scattare un altra trappola elettrocutrice su una seconda piastra a pressione, salti la fossa con spuntoni amorevolmente nascosta e ovviamente fai a meno di una pioggia d'aghi d'acciaio che cade a strapiombo quando qualcuno spezza un filo di nylon. Finalmente nell'ultima sala, sopra di te si leva ancora la grata con la fune ben piazzata e resistente, segno che la maledizione temporale è attiva soltanto all'interno della grotta e non sugli oggetti che hai lasciato fuori. I tuoi pugnali iniziano a vibrare quando ti avvicini alla sabbia, che inizi a toccare con il bastone a debita distanza. C'è qualcosa sotto, che vi si avvinghia e te lo trascina via con uno strattone improvviso, dal quale si desta dalla sua copertura. E' un'orrido essere, una piccola ameba strisciante di budella e intestini gorgoglianti attaccati ad un corpo senza vita che si trascina dietro a fatica. Il Tressym vola via spaventato dalla creatura, l'ultimo baluardo tra te e la tanto agognata libertà.
  9. "Hai sognato quel luogo, Sandrine, ti ho vista. E queste orecchie vi hanno sentito parlare di voler attraversare la foresta sugli alberi, perciò prima che ci uccidiate tutti con i vostri geniali piani, eccovi la mia proposta: qualcuno tornerà con me a Lalibela, acquisteremo o ruberemo quella pergamena - il modo di ottenerla non m'importa - e poi torneremo qui facendoci teleportare da Tamara. Se siamo solo in due non dovrebbe essere un problema per lei. Aprirò un Alas'shiral verso quel luogo e potremo attraversarlo tutti." Semplice e coinciso. "Il potere di questo incantesimo supera il mio. Dovrete usare la vostra magia per aiutarmi, se ne siete capaci." @Elfico
  10. Esattamente come preventivato, una piastra a pressione spara otto dardi contro la parete opposta conficcandoli nell'identica posizione in cui li avevi visti la scorsa volta. Puoi procedere verso l'ultimo livello al di sopra.
  11. L'ultima botta di energia positiva fa letteralmente esplodere il non morto spargendone pezzi per tutta la stanza - riducendolo curiosamente nello stesso stato in cui lo avevi trovato all'inizio. Stanco e sfibrato, puoi continuare ora la tua ascesa verso l'alto, sperando che non ci siano altre stranezze in agguato. Ricorda: cos'altro avevi visto quando sei entrato?
×
×
  • Crea nuovo...

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.