Jump to content

Bellerofonte

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    2,441
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Bellerofonte last won the day on August 2 2019

Bellerofonte had the most liked content!

Community Reputation

415 Idra

3 Followers

About Bellerofonte

  • Rank
    Eletto
  • Birthday 08/05/1995

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Cosenza
  • GdR preferiti
    D&D, Mondo di Tenebra
  • Occupazione
    Studente
  • Interessi
    Storia grecoromana
    Sociologia
    Filosofia, Teologia
    Java Developement
    Progressive Rock, Stoner
    IA

Recent Profile Visitors

2,430 profile views
  1. Un mormorio si alza dai presenti, ma i quattro restano in silenzio ancora per qualche secondo scrutandosi tra loro. Ventura sorride a tutti quanti, s'inchina velocemente e poi si avvicina a Sandrine e Fortunale mentre Randal saluta uno per uno i contendenti, attirando temporaneamente gli occhi su di lui. @Besnik, Sandrine Arsak ricambia la stretta di mano del cuoco sorridendogli: "Non ti lasci sfuggire un'impresa, cavaliere. Goblin, non morti e ora un drago. Quando è stata l'ultima volta che ti sei annoiato?"; lady Kara risponde più freddamente, prendendosi il suo tempo per avvicinarsi al ragazzo. @Randal Tamara gonfia impercettibilmente il petto e alza poco poco il mento, fiera e sicura del vostro appoggio. Con una carezza sulla spalla congeda l'inchino di Ridley jr che passa a presentarsi all'elfo silvano. "Ci siamo già incontrati dopo la battaglia di Arlathan. Abbiamo trascorso pochissimo tempo insieme, ma la tua faccia non si dimentica. Lathellin Arsak ha solo parole buone per te." @Elfico Infine vi ritrovate tutti e tre nuovamente nel clou del problema finale; è Galifar a parlare per primo. "Vi ho visti in sogno uccidere il drago e prenderne il cuore. Ditemi, avete già deciso cosa farne?" Tamara sorride, Kara fa un passo avanti e incrocia le braccia sul suo vestito di seta verde, sputando parole acide verso la sacerdotessa: "La tirannia di Lalibela finisce oggi, in questa stanza." "Sappiamo già a chi la Loggia ha promesso la sua lealtà. Diventerò regina, com'è meglio per tutti." l'ex-capitano di Fort Adigrat si tiene fuori dalle diatribe tra femmine e preferisce restare in silenzio.
  2. @Fortunale Asvig sorride sotto i baffi: "Qualcosa da cantare al ritorno!" e poi, sempre sotto consiglio di Sandrine, i fuochi si spengono e ognuno si ritira nelle proprie tende. Razul e la coppia Randal-gattino alato restano di guardia al campo scambiando di tanto in tanto quattro chiacchiere. Diventerà la routine nei giorni a seguire. Il cuoco se la cava egregiamente come sostituto di Ventura; evitate le zone paludose, il sottobosco troppo fitto, i roveti e le tane degli animali selvatici. Il non-morto, oltre che perlustrare i dintorni e neutralizzare qualche esploratore rivale, decide di depistare gli inseguitori accendendo bracieri fittizi che simulano campi base lontani dal vostro. Barbara già dal secondo giorno di cammino fa fatica a seguirvi per colpa della ferita all'anca riportata nella battaglia di Arlathan contro le orde di Uthen; Arrigo si presenta a mezzogiorno del terzo dì con un bastone di legno intarsiato grezzamente, ma con netto stupore di tutti, alla domanda "Che poteri ha?" egli risponde alzando le spalle: "Nisciun. Ce serv ppe 'camminà." Evidentemente ha solo preso un pezzo di legno per strada e lo ha dato a Barbara, nulla più. Quest'ultima ha accettato il dono commentando "Sempre meglio di niente." Con un grezzo bastone da passeggio, ora lady Syvis inizia ad assomigliare a una vera strega di come se ne vedono nei libri per bambini. @Sandrine La brughiera diventa familiare quando l'odore di salsedine torna a stuzzicarvi il palato. Superate i verdi prati e le rocce per spuntare sulla spiaggia accanto al relitto della Guardia Cieca, la nave pirata goblin incagliata nei massi che il mare ha già parzialmente reclamato; la sagoma di Molo Zefiro è davanti a voi, ma vi tocca camminare ancora un po'. Vi sorprende vedere che la Speranza non è l'unica nave approdata; una fregata lalibeliana, un brigantino con bandiera di Corissa e una grassa fleuta di Debark affollano il molo. Quando finalmente vi avvicinate, venite avvicinati da Sigbjorn. "Tornati. Buono. Ventura deve parlare." La pelliccia nera lucente splende sotto il sole. Il carpentiere porta una cintura piena di attrezzi da lavoro e cammina a due zampe ondeggiando goffamente a destra e sinistra mentre vi fa strada verso l'interno dell'edificio. La vostra presenza attira subito l'attenzione sia dei vari membri dell'equipaggio che degli ospiti, elfi provenienti da ogni parte dell'isola. Barbara si allontana da voi dirigendosi alla nave preoccupata dello stato del pirata, Arrigo emula il suo comportamento ma senza dare troppe spiegazioni; Asvig si ferma all'ingresso a parlare col carpentiere e Razul decide di farsi in disparte per non intimorire gli altri con la sua presenza. Al solito, rimanete voi tre gli unici a varcare la soglia di legno. L'interno è molto migliorato dall'ultima volta che ci siete stati; anche se rustico in molti aspetti, l'edificio ora pare una specie di Loggia in miniatura, con una copia dello Statuto in bella vista all'ingresso e un disegno delle spedizioni autografato da Ventura dall'altra parte dell'atrio. Qualche poltrona qua e là, un bancone, un grande orologio meccanico e un tappeto adornano l'ingresso; proseguite verso la stanza accanto dalla quale ascoltate un vociare a voi familiare. Una dozzina di persone riempie le pareti della stanza di venti metri quadri, tutti elfi di varia provenienza ed estrazione sociale: riconoscete addosso ad alcuni gli anelli col simbolo di Fort Adigrat, identici a quello che porta Randal; altri sono palesemente guardie corazzate di Lalibela, e poi ancora qualche gilet di raso tipico dell'alta borghesia mercantile, due elfi silvani vestiti di pelli manufatte e chi più ne ha più ne metta. Quattro figure stanno un passo avanti alle altre a discutere animatamente, l'elfico che scivola via dalle loro bocche come un fiume in piena. L'ex capitano di Fort Adigrat, Arsak Yedilov; la guida degli elfi silvani, discendente di Fen'Harel, Galifar di Arlathan; la governatrice di Lalibela e alta sacerdotessa di Selune, Tamara; l'indomabile leader della ribellione, governatrice di Ibnat, Kara Yedilov. Alla fine i vostri sforzi per riunire i pretendenti al trono su un unico suolo neutrale hanno dato i loro frutti, anche se a scoppio ritardato. Al centro esatto della stanza, in mezzo ai quattro che si urlano praticamente contro, una quasi in lacrime Ventura sbraccia più che può per tentare di calmare tutti e quattro; quando varcate la soglia le si illuminano gli occhi: "GRANDE B!" cala il silenzio. Gli sguardi sono completamente su di voi. "Ehm-ehm...volevo dire...capitano Aghendor, bentornato." si corregge lady Fisher, che indossa un abito rosso con uno stretto corsetto vittoriano rubato evidentemente a Sandrine. A giudicare da come si dimena all'interno del vestito - pare un'anguilla in preda a una nevrosi - non dev'essere per niente comodo per lei, e chissà chi le avrà messo in testa di attenersi così strettamente all'etichetta in presenza dei papabili sovrani dell'isola...ma concentriamoci su qualcosa di più importante: ricevete gli omaggi di tutti i presenti in sala, che attendono trepidanti la buona novella. Il silenzio unanime chiede una sola domanda: avete sconfitto il drago?
  3. Barbara alza le mani al cielo, declamando la grandezza del cuoco: "Il ragazzo prodigio di Capo Ventura, l'unico ad essere stato due volte Arconte, l'assassino del Temibile Lupo, si è procurato la sua cicatrice più profonda...in una rissa da bar." l'elogio s'interrompe a metà frase, e tutti i presenti guardano il pocopiù che ventenne Ridley jr. da capo a piedi. Non è quello che si direbbe un bel ragazzo, non nel modo più comune. C'è qualcosa nei suoi occhi che brilla costantemente, una fame insaziabile di conoscenza che da anni cerca di placare con piatti esotici e ricette strampalate. C'è a chi piace quel pizzico di follia propria di una mente iperattiva e disordinata, come ad esempio Miranda, il cui mestolo intarsiato a ritmi geometrici floreali denota invece una certa tendenza agli schemi da parte sua...come? Gli opposti si attraggono? Mai cliché fu più azzeccato di questo. "Randàl" Arrigo gli mette una mano consolatoria sulla spalla "ti si' affossat co e mani tue". Forse perché oggi il cuoco ha contribuito a uccidere un drago, tutti si aspettavano da lui una storia ben più epica. Solo quando il geniere toglie la sua mano unticcia, Randal avrebbe notato una chiazza di grasso sul gilet; Arrigo l'ha usato come tovagliolo. Intanto Razul, disinteressato alla cena, si allontana verso il capitano. @Fortunale
  4. L'oggetto della discussione di Randal viene intercettato da Razul: "Non ne esistono altri conosciuti a Barusha. Cercai la soluzione dell'enigma tempo fa, e se è vero che esistono altre terre, forse è lì che dovreste cercare...oh." - si ferma un attimo a contemplare un pensiero passeggero - "Ho capito a cos'altro serve la shem'len che chiamate Ventura. Pensavo fosse solo la vostra esca di emergenza." ...ci sono un bel po' di cose che il cuoco dovrà spiegare al non-morto durante le loro ore di guardia notturna insieme. Asvig continua il discorso di Sandrine: "...e la fortuna gira. Ogni volta che abbandoniamo la Speranza sogno di trovare la ciurma legata, la nave sparita e una nota di Nero conficcata con un pugnale nel petto di mastro Tondley." e Barbara controbatte: "Nutrite dubbi anche su un infermo incapace perfino di badare a sé stesso? Che razza di persona siete, Scuotiterra?" "Non è più quello il mio nome, lady Syvis. E non sapete di cosa è capace quell'uomo. Fidatevi, quella medusa ha fatto forse un'unica cosa buona nella sua vita, imprigionare quel pirata nel suo stesso corpo. Il mondo non ne sentirà la mancanza." Arrigo si intromette: "Ma nunn'eravat compar, vuj?" "Gli sono debitore per un fatto accaduto anni fa, nulla più. E ora preferirei non parlarne più, se non vi dispiace." Quando la contessa si alza, anche Asvig la imita andando a raccogliere qualche ramo secco nei dintorni. Il fuoco rimane in silenzio senza più una discussione, così è Barbara a deviare il discorso: "Randal, non vorrei essere indelicata, ma credo di non averti mai chiesto come ti sei procurato quella cicatrice." @Sandrine
  5. @Fezza quello che cerchi è nella Corrispondenza della Canis Maior!
  6. @Fortunale La sentinella alata in cielo sorveglia il gruppo dall'aria mentre il non-morto a terra perlustra i dintorni proteggendo silenziosamente la carovana dal basso. Asvig trascina il carretto contenente provviste e armamenti dandosi il cambio a turni con il capitano, mentre Arrigo e Randal commentano la battuta di caccia svolta con notevole entusiasmo. L'avernusiano non fa che raccontare quanto emozionante sia stato abbattere una creatura della leggenda e quanto imprescindibile sia stato il suo apporto; inutili i commenti di Barbara che sottolineano che l'ingegner Verdini si sia dato alla macchia nascondendosi letteralmente dietro ogni elemento paesaggistico nell'ultima ora, nulla può fermare l'eccitazione generale dei ragazzi del gruppo. Quando il sole è ormai completamente calato, vi accampate su consiglio di Razul alle spalle di un ammasso roccioso naturale in mezzo alla foresta: "Alcune orme puntano a ovest. Disertori dell'assalto alla tana del drago, messaggeri che tornano al campo annunciando la nostra vittoria. Qui non daremo nell'occhio." "E' una buona idea lasciarli andare? Dovremmo fermarli prima che chiamino rinforzi!" risponde Barbara, ma Asvig non è d'accordo "Torna a nostro vantaggio. Tenteranno di prepararsi a dovere prima di attaccare di nuovo, dandoci il tempo di tornare alla Speranza. La loro esitazione sarà la nostra vittoria." Arrigo si intromette nel discorso come al solito, esclamando: "E che t'ncarrc? Cchiù meglio! Tu pienz che c venen arret aropp chell mazzàt?!" in effetti la notizia delle vostre vittorie consecutive potrebbe spargersi a macchia d'olio, e pochi ormai sono così folli da affrontare i Campioni di Barusha dopo le vostre imprese ai limiti dell'impossibile. Il fuoco schioppetta placido. Potete prendere un po' di respiro al crepuscolo di una giornata indimenticabile. @Sandrine
  7. @Sandrine Il geniere scoppia a ridere alla richiesta di Randal, spingendogli per il gomito in preda all'ilarità. Se Arrigo avesse davvero sviluppato un oggetto capace di darti permanentemente la forma alata, svolazzerebbe di qua e di là tutto il giorno...! Ehi, aspetta un momento. La risata scema e lo sguardo si acuisce verso l'orizzonte. Quel prurito sul pizzetto indica che dopotutto l'idea non è così malaccio, magari da tenere da parte per momenti più opportuni. Randal intanto sistema la corda al meglio delle sue capacità e sale su in cima senza problemi. Dopo di lui, Asvig e Barbara che aspettano col naso all'insù notizie da Sandrine; l'alato Peppino si è nascosto sotto una roccia per evitare d'inzupparsi la pelliccia. @Fortunale Una volta conclusa la conversazione, anche Razul e Fortunale possono risalire facilmente il pendio agganciandosi all'aggeggio di Randal e incamminarsi secondo le indicazioni del cuoco, sempre che non abbiate ancora da fare nei pressi.
  8. @Pippomaster92 stasera posto, puoi scrivere due righe hai tempo, altrimenti al prossimo round descrivo il ritorno
  9. Ho fatto scattare la regola delle 24h (ogni tanto vi tocca!)
  10. Uno scintillio attorno alle vesti di Barbara le fa tornare pulite come per magia; "Oh, grazie di cuore! Non avrei sopportato di dover concludere il viaggio in quelle condizioni pietose!" "Eccert! O'ssapit quant gentilomen ce stàn dentr a 'na foresta?" Il sarcasmo di Arrigo non conosce riposo. La forma alata di Sandrine risale i metri che vi separano dalla superficie con Asvig che protesta: "Non da sola, contessa! E' pericoloso!" @Sandrine
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.