Jump to content

Bellerofonte

Circolo degli Antichi
  • Posts

    3.7k
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

Everything posted by Bellerofonte

  1. Moggo Din Dopo l'iniziale sconforto, una parte di me inizia ad abituare - perfino ad apprezzare questa sistemazione. È una punizione che merito. Certo è che l'animale che è in me sbraita per uscire fuori da lì e ottenere la libertà. Anche se non con la stessa foga di prima, ogni tanto tiro qualche calcio alle pareti per frustrazione. Non ho ancora capito cosa vogliano farne di me, né i miei "amici" del pozzo, quelli che ho salvato e che mi portano la birra, riescono a darmi altre informazioni. Non posso far altro che aspettare.
  2. Harumori "Akai" Ashikaga Avanzo nella devastazione, pronto a sguainare in qualsiasi momento. Mi fermo dietro Shen e lo guardo interrogativamente. Prego davvero sia qualcuno dei nostri.
  3. Moggo Din Mi siedo per terra e chiedo ad uno dei nani che mi fanno la guardia se hanno un po' di tabacco da spartire con me, per accendermi la pipa. Non sono mai stato bravo a cantare, ma prendo a mormorare qualcosa di triste in Malke che ho sentito distrattamente sentito da Alfie nelle mie sere in taverna. Ogni soffio di fumo della pipa si trasforma magicamente in un demone dalle fauci enormi, come me li raccontavano da bambino. ...mi fermo. Com'è che continuava? Càzzo. Non me lo ricordo più. È passato troppo tempo. O forse non sono mai stato sobrio abbastanza a lungo da impararla tutta.
  4. Moggo Din Non so che altro fare, se non stare in silenzio e obbedire pazientemente a ciò che mi viene detto. Ho molto a cui pensare.
  5. Moggo Din Non riesco a guardare Chazia in volto, così mi sfilo l'altra ascia che ho preso ai briganti e il pugnale, facendoli cadere a terra.
  6. Moggo Din Continuo a fissarmi le mani come se non fossero mie. Come se qualcuno mi avesse sostituito con un arrocco all'ultimo secondo. Se non fosse già successo, direi che qualcuno mi ha incastrato. Ma in fondo lo so... "La colpa è mia. Solo mia." Speravo di raggiungere i chierici della montagna prima del prossimo episodio. Che sciocco che sono stato. "È stato come tornare indietro. Ho visto Lora, ho pensato al matrimonio, il mercante e l'egoismo, la ragazza che voleva fuggire, ho ricordato tutto e mi sono arrabbiato. È per colpa di quello che ho mangiato nella foresta. Mi ha fatto venire la febbre e poi mi ha reso...malato." Come suggerito da Andr, mi siedo e guardo il corpo decapitato dell'uomo, fisso. Sto ancora tremando.
  7. Moggo Din È come un deja-vù che continua a verificarsi di volta in volta. L'ascia cade ai miei piedi con un tonfo rumoroso, il respiro è ancora goffo, l'animale è andato via ed io sono tornato in me. Non capisco. Non riesco a muovermi, ma non realizzo subito che si tratta di qualcosa di magico lanciatomi da Snorri: all'inizio penso sia solo la paura, o lo shock. Guardo Naugrim imbrattato di sangue e mi faccio la stessa domanda che mi pone Chazia. Vorrei dire ad Andr che non c'è motivo di essere sulla difensiva, che non torcerei mai un capello agli altri nani o alla ragazza. Ma come mi aspetto che mi credano dopo quello che è appena successo? E come posso garantirlo? La prossima volta magari qualche innocente finirà tra il filo dell'ascia e la testa di colui che voglio uccidere. "Io-" Io cosa? Come posso giustificarmi? Meglio dire la verità senza troppi fronzoli. "...ho bisogno di aiuto."
  8. Moggo Din Tutto diventa ovattato. Ci metto più del previsto a realizzare cosa sta succedendo, perciò la domanda di Naugrim cade nel vuoto. La mia mente è tornata altrove, a cercare risposte che non posso trovare qui. Si trova - mi trovo - in una capanna di legno al limitare del villaggio di Prati Fischianti, a qualche decina di metri da un boschetto. Il recinto accanto è pieno di ceppi ancora da spaccare e ortiche che mi prometto di estirpare sempre all'indomani da ormai qualche anno. Sto bevendo. Sto bevendo un sacco. Da solo, in aggiunta. Si potrebbe dire che a volte è meglio quando si è in compagnia, come se il vizio del bere, come un albero in una foresta, si nasconda meglio laddove alzare il gomito è sinonimo di convivalità, e non di solitudine. Perciò alla solita ora sposto il mio bere in taverna. La malattia mi ha deformato. Già prima, essere una spanna e mezzo più basso di tutti coloro che mi circondano provocava qualche sintomo di ilarità o discriminazione; ora che i miei denti sono più affilati e le mie fattezze sono più selvagge, ancora meno popolani mi rivolgono la parola. Le mie abitudini sono mutate di conseguenza, avvicinandomi sempre di più all'animale che sono. Un cane rabbioso in una gabbia di villaggio...pieno di persone. E poi c'è lei: Lora. Bella, alta, meravigliosa come il mattino timido che si sveglia tra le fronde. Mi passa davanti e mi guarda disgustata. Fa la diffidente. Mi piace. Ho una preda da catturare...e un rivale da scacciare. Alfie. Il bardo della taverna: alto più di lei, con una voce da usignolo e delle brache colorate che fanno venire il voltastomaco. Bevo di più. Spingo i complimenti. Fischio, allungo le mani. La voglio. Volano parole, con lei, con Alfie, un po' con tutti. Come sempre, mi mandano via con qualche cattiva parola e un'occhiataccia. Ma finché piscio sul mio angolo, come ogni sera, e tutti sanno chi sono. Nessuno mi ignora per davvero, tantomeno Lora. Non le dò scelta: DEVE guardarmi. DEVE sapere che la voglio. Alla fine si arrenderà, con le buone o le cattive. Ma stasera è diverso. Lora in taverna non c'è. Tutto è più silenzioso: manca anche Alfie. Passo la prima metà della serata a bere e giocare a dadi, e qualcuno con cui fare a botte si trova sempre. Per la prima volta metto piede fuori dalla taverna senza che nessuno prima abbia provato a buttarmi fuori. Sto andando nel centro del villaggio, di fronte al pozzo. So di trovarla lì. Magari da sola. Magari è la volta buona. Cammino barcollando. Quando arrivo fuori dalla porta, sento un odore...nuovo. Caldo. Di pelle e sudore, dolce sotto al filo di fumo che fuoriesce dal comignolo della casa. Busso animatamente, e qualcuno dentro squittisce. Qualcosa non torna: apro la porta con un calcio, e trovo una scena orrifica fatta di lenzuola, vestiti sparsi e...amore. In quel preciso momento, qualcosa è scattato. La consapevolezza di essere un vagabondo, un estraneo nel proprio villaggio, reso ancora più grottesco dalla deformità della malattia. Prati Fischianti non me lo dice in faccia, ma mi tratta ugualmente come un mostro. Come ho fatto a non capirlo finora? Come ho fatto a non capire che non sono e non sarò mai abbastanza per nessuno. E questa cosa...dovrebbe rendermi triste. E invece mi fa incazzàre. Ho ricordi confusi. Istinto animale che prende il sopravvento, sangue, arti strappati e urla. Quando inizio a respirare più regolarmente ho la bocca piena di sangue, ma non mio. Ho divorato Alfie. Lora mi guarda con il terrore più profondo, e come uno riflesso la sua paura mi entra dentro. Ho ucciso un uomo. Lascio il villaggio in fretta e furia verso Kel Boldar, ma non mi dò pace. Le mie azioni hanno rovinato la vita mia, e dell'unica persona che desideravo. Nel mio desiderio egoistico, non ho mai pensato che avrebbe potuto vivere felicemente; magari il bardo non era la scelta migliore, o quella più azzeccata, ma la felicità si trova nei posti che meno ci aspettiamo. L'ho capito troppo tardi, qui a Thrylkhol, tra la mia vera gente. Ma nel frattempo ho costretto una persona a vivere nel terrore e nella disgrazia per il resto dei suoi giorni. E ora la ragazza. Anch'ella costretta a vivere una vita imprigionata nella mestizia perché sono stato troppo egoista, orgoglioso e bruto da concederle la possibilità di vivere come le pare. E chi è, stavolta, che le sta togliendo questo diritto? Chi è che mi ricorda tremendamente la presunzione e l'arroganza con cui ho compiuto quell'efferatezza? Digrigno i denti, ringhio, sbavo. Le luci diventano bagliori accecanti, le forme delle persone delle cose sono poco più che macchie colorate, vivide come un'intensa allucinazione. Sento odore di carne cruda. Forse è solo nella mia testa. Forse è lì, proprio di fronte a me. Quello che succede dopo, lo percepisco come attimi tinti di rosso, violenti, intensi. L'istinto animale che prende il sopravvento, desiderio di sangue, urla. Mie. O forse anche di altri.
  9. Moggo Din Incrocio le braccia mentre il mercante parla, e vorrei dirgliene quattro sul fatto che dovrebbe farci una statua d'oro solo per avergli riportato la figlia, invece di pretendere il resto del suo bottino. Faccio per aprire bocca, sicuro di avere le spalle coperte da Andr, quando le parole mi restano in gola. Cos'è che ha appena detto? "Matrimonio?" guardo la faccia della figlia. Se non era un addio al nubilato quello che abbiamo interrotto nei boschi, forse era un tentativo di fuga? Reminiscenze della mia vita precedente alla Montagna riemergono violentemente, facendomi stringere i pugni.
  10. Harumori "Akai" Ashikaga @Pressi della Sezione II
  11. Moggo Din Per quanto mi riguarda, i klaya possono tenersi i gioielli dei caduti. Due ninnoli non mi cambieranno la vita. Quello su cui metto gli occhi sono l'armatura di cuoio, ma dopo averla soppesata capisco che è troppo pesante per i miei gusti. La ributto nel mucchio. Piuttosto prendo la grossa ascia da battaglia e me la lego, deciso a sostituirla a quella da falegname appena possibile. E perché no? Anche un pugnale, che male non fa. Il resto delle cose scintillanti non m'interessa; che fossero gli altri a spartirselo. [...] Per tutto il viaggio continuo a ripetere alla ragazza che questi buoni a nulla non avrebbero portato niente di buono né a lei né a loro stessi. Tornare da suo padre è l'unica scelta sensata. Basta guardarla per capire che non è adatta a randagiare, dopotutto. [...] Sono felice di rivedere il villaggio. Quando mi accorgo che il padre della ragazza si è messo più comodo del dovuto mi viene voglia di rimangiarmi tutto quello che ho detto alla ragazza e di rispedirla dai briganti solo per sfregio a quell'avido ingrato. "Vecchio, la gozzoviglia è finita. Ti abbiamo portato tua figlia."
  12. Moggo Din Sbuffo seccato, e mi accodo a Snorri. Non mi scomodo nemmeno di usare il korth, sbotto grugnendo verso l'umano: "Il càzzo con le patate, Ektor. Alza il cùlo o ti mando al villaggio un pezzo alla volta!"
  13. Moggo Din "Se li lasciamo senza un soldo e li cacciamo via, non solo ci odieranno ma non avranno altra scelta che vendicarsi. Facciamoci dare qualcosa, ma non esageriamo." guardo i volti dei briganti legati. "Lo dico per noi, non per loro!" Sull'arruolare qualche umano non ho problemi, e non metto il naso. Spero che al villaggio la pensino come me...
  14. Moggo Din Sono d'accordo con Snorri e Chazia. "Dimenticate il draco. Gli umani sono subdoli, e se li prendiamo con noi qualche simpaticone potrebbe vendicarsi del marito/fratello/cognato stuzzicando la cosa più pericolosa nel raggio di miglia. È troppo tardi per la diplomazia." semmai fosse stata anche necessaria. "E non credo che 'sti cretini vogliano davvero lavorare. Sono uomini liberi. Sono qui perché non vogliono stare sotto nessuna bandiera. Tantomeno la nostra. Detto ciò" mi avvicino alla ragazza, prendendole il mento tra due dita e sorridendo malvagio "Riportiamo la colombella a casa e usiamo i prigionieri per strappare un accordo. Li riavranno indietro quando se ne saranno andati. E se provano a fare brutti scherzi, se la vedranno con l'intera Kel Boldar."
  15. @Bille Boo sempre molto diplomatico vuole in realtà chiederti: dove sta il divertimento per il giocatore?
  16. Harumori "Akai" Ashikaga Facce nuove, astronavi, assalti alla sezione. Nulla di tutto questo mi tange finché Aycan è spaventata, e si regge a me in questo turbinìo di eventi che se già per me è traumatico, per lei dev'essere infernale. Mi sono messo in disparte insieme a lei per tutto questo tempo, tenendole le mani e rassicurandola. Con quelle poche parole che so nella sua lingua le ripeto che va tutto bene. Fin quando è con me, né questi improbabili alleati, né i Gurahal che ci aspettano a casa potranno farle del male. Intanto osservo in silenzio ciò che accade attorno a noi: riconosco alcuni visi che come il mio, non sono cambiati nemmeno dopo secoli nelle bare di ghiaccio. Mi sembra l'altro giorno che facevamo conoscenza sulla luna. Non che abbia più importanza. La diffidenza regna sovrana. Non potrebbe essere altrimenti. Le guerre in corso su Kepler sono con tutta probabilità frutto di altri figli della Visnu, come possiamo essere sicuri che loro siano diversi? E per loro deve valere la stessa cosa. Il respiro di Aycan è più regolare adesso. Le accarezzo i capelli e la lascio per andare verso Clarke-sama, che sta dando gli ordini in plancia. "Io e Shen li prenderemo dal lato, non visti. Attraete il fuoco su di voi quanto basta, e tenete al sicuro la Aycan." Poi dò un'occhiata agli altri della Sezione III: c'è Reyna, che ricordo vagamente. I miei occhi istintivamente volano sulla sua maglietta: chissà se ha ancora quelle lucine che diventano parole a comando...? "Clarke-taicho. La Sezione III si unirà a noi?"
  17. Moggo Din Sbuffo, guardando la ragazzina in lacrime. Dò un calcio a un sasso e alzo gli occhi al cielo, seccato da questo branco di ragazzini. La situazione si fa complicata. Guardo gli altri in cerca di consiglio "Che ne pensate?" indico la ragazzina "Lei torna dal padre. È troppo stupida per capire che ci finisce secca tra i briganti." poi faccio un gesto verso gli altri "Loro invece sono un problema. Nel migliore dei casi sotterrano l'ascia da guerra per vent'anni, fin quando i loro figli verranno a cercare rogne per questi qua" smuovo un cadavere con un piede. "...e saremo punto e da capo." "La Montagna ci ha incaricato di tenere al sicuro il villaggio. Io dico: dobbiamo farli andare via, loro e il campo che hanno tirato su a nord. Si dicono liberi, no? Che andassero a libertinare da un'altra càzzo di parte!" Mi balena in mente che potremmo tenere questi qui come ostaggi, e chiedere in cambio di smontare il campo. Prima di scendere nei dettagli però voglio sentire che dicono gli altri.
  18. Moggo Din Qualcosa non torna. "Ma sei cretina?!" mi rivolgo in Malke alla ragazza: "Perché càzzo sei scappata da tuo padre con dei briganti sconosciuti? Credevi di fare l'avventuriera, con quello stuzzicadenti?" indico con un cenno il pugnale che ha buttato già via. Mi rivolgo agli altri in nanico: "Diamoli in pasto al draco. Se la sono cercata."
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.