Jump to content

PietroD

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    2,319
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    9

PietroD last won the day on May 24

PietroD had the most liked content!

Community Reputation

848 Dragone

About PietroD

  • Rank
    Viandante
  • Birthday 03/17/1977

Contact Methods

  • Skype
    pdagenetica

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Bari, Italy
  • GdR preferiti
    DND, Pathfinder
  • Occupazione
    tecnico C1, Bioanalista
  • Interessi
    Speleologia<br />
    Comics<br />
    GDR<br />
    Apple

Recent Profile Visitors

1,404 profile views
  1. Flint Si stava preparando a partire quando Tanis annunciò le proprie decisioni. Nessuno dei due nominati, ne era sicuro, avrebbe accettato di buon grado, né si poteva arrestarli e consegnarli in catene all'elfo messaggero per riportarli a Qualinesti. Impossibile forzarli, dunque il nano non capiva la richiesta. Non commentò, ma attese gli sviluppi della faccenda. Tanis ultimamente aveva un talento quasi naturale nel generare contestazioni alla sua leadership.
  2. Vassilji “Datemi una mano ad aprire meglio questa porta, e continuiamo ad avanzare. Anche io ho bisogno di luce, Arn. Spero solo che sia sufficiente a non inciampare in una trappola come nell'altro tumulo.” Prestò nuovamente orecchio, una volta ottenuta luce avrebbe dato una buona occhiata, poi non restava che continuare ad avanzare spada in mano.
  3. Mulroht Conosceva Astrid da un sacco di tempo. Praticamente aveva trascorso tutta l'infanzia con suo padre come tutore per la gestione del combattimento con armi naturali, ma non era con lui che era venuta ad Huruk-Rast. Era arrivata con Chandra, e Trull aveva sempre ospitato la comitiva ci tradizionali pranzi da nonna Delila. Non di rado i due erano stati l'uno lo sparring partner dell'altra, quando Trull lo spingeva ad allenarsi insieme per digerire le prime cinque portate. La ragazza aveva mostrato da subito maggiore volonta' guerriera nel combattimento a contatto e tendeva a predominare. Murloht si sottoponeva agli allenamenti sapendo di non poterlo trascurare, come estrema risorsa in caso di guai, e per accontentare il padre. Inoltre, era un allenamento anche riguardo il gestire la volonta' di usare quegli stessi artigli e quelle zanne... o meglio, di non usarli. Astrid quindi sapeva bene di non rischiare, afferrando la mano del nano mezzo-immondo. Pero' Astrid non sapeva affatto tutto. Sollevo' la mano guidato dalla compagna di lotte infantili e, attualmente, di viaggio. Comincio' a sudare copiosamente per l'agitazione ed il tentativo di mantenere il controllo di 'ogni parte' del proprio corpo.
  4. Mulroht Come ci fosse finito quel esemplare in mezzo agli altri fu la prima cosa che si chiese il nano mezzo-immondo. Guardo' lo strano deambulare del quadrupede, gli occhi che guardavano ognuno una direzione, quasi ne fu intenerito. Scelse perfino il nome, nel tempo che quello impiego' ad arrivare da lui. L'avrebbe chiamato 'Leonte' di nome, e 'Kama' di cognome. Gli sembrava che avesse tutta la dignita' per meritarsene uno, nonostante il suo aspetto. Se era li', doveva pur essere uno dei cavalli migliori. Quello pero' tento' di morderlo in testa, come se avesse uno zuccherino fra i capelli. Un'ascia comparve nelle mani del giovane nano, che pensava di tagliare di netto il collo del cavallo. L'animale pero' stava gia' male per conto suo, ed ora stava peggio, avvolto da una nuvola fredda e stucchevole di unta oscurità mentre si accasciava al suolo. Murloht si guardo' intorno e fece scomparire l'ascia, per fortuna non c'era nessun altro nella nube ed anche Forgrim pareva impegnato con la scelta della cavalcatura. C'erano buone probabilita' che la facesse franca. Mise il sacco con le provviste in spalla ed entro' nel recinto. Sentendone di nuovo il peso sulla schiena, si senti' come quel vecchio nano dispensatore di doni della festa del solstizio d'inverno. Soprattutto si rese conto di aver fatto un favore a Leonte, non avrebbe retto nemmeno il sacco, figuriamoci un cavaliere ben piazzato come lui. Si diresse direttamente da Astrid e dal suo animale, inaccorto del fatto che stesse parlando con qualcuno o meno. "Ehi, Astrid. Scusa. Ne sceglieresti uno adatto a me? Mi basta che non si accasci appena ci monto sopra!"
  5. Ludwig Salutati con il dovuto rispetto il militare e la sua consorte, si sedette a un paio di sedie di distanza dalla donna, perche' la moglie di Terence potesse accomodarsi al fianco di lei ed il dottore suo marito a sua volta fra la moglie ed il tedesco. In quel modo le donne avrebbero avuto modo di chiacchierare tra loro senza interferire con le conversazioni maschili del resto della tavolata. Non aveva neanche bisogno di suggerirlo, tanto era sicuro che sarebbe andata in quel modo. Ascolto' con accondiscendente cortesia la conferenza, trovando nell'eloquio dell'oratore, piu' che nell'argomento, sufficiente soddisfazione da non abbandonarsi al tedio. Quando l'argomento viro' invece verso l'argomentazione opposta, difinibile come 'possibilista', l'attenzione di Ludwig dovette dividersi fra l'intenzione di ascoltare e quella di abbandonare la sala. Come poteva spacciare per autentiche prove foto che, presumibilmente, potevano essere niente altro che doppie esposizioni della lastra fotografica? Aveva visto errori simili fatti da fotografi principianti, errori costosi perche' si sprecava la lastra e si perdevano ben due scatti, poiche' l'uno si sovrapponeva all'altro. Suggestiva la questione dei tre scatti simultanei, come metodo di scrematura. Suggestiva in quanto suggeriva che lo Smith fosse vittima di un raggiro, da parte dei tre fotografi. Spero' che ci fosse ben altro in programma per il rendez-vous dopo cena. Applaudi' con poca convinzione, per dissimulare almeno parzialmente la propria delusione.
  6. Gromnir Il guerriero con la catena aggiorno' il nuovo arrivato sul risultato della chiacchierata con l'oste. "Da qualche settimana sono vessati da spettri, non entrano nelle case con le porte sbarrate ma se riescono ad entrare fanno una strage. Hanno provato a chiudere le porte delle mura ma sono stati minacciati da voci dall'accento 'dei mercanti del sud' di esseri distrutti con macchine da assedio, percio' le lasciano aperte. Le guardie ed il prete locale non sono riusciti a fermarli, a quanto pare non aveva armi incantate e nemmeno una fede abbastanza salda. Lo Skrywalker e' assente ed il Consiglio cittadino impantanato e inconcludente." Non c'era altro di rilevante da aggiungere, a parte proporre un piano di battaglia. "Io andrei a chiudere quelle porte, spazzando un po' di spettri lungo la strada. Poi attendiamo che le minacce proferite abbiano un seguito... che ne dite?"
  7. Mulroht Tanner Dalla sua posizione defilata, il nano aveva modo di osservare tutti. Era incuriosito dai due scagliosi fratelli della savana, ben piazzati fisicamente e quindi probabili combattenti da mischia. Si chiese se nascere nella stessa covata fosse come nascere dallo stesso utero, e se questo li rendesse gemelli. Tra gli umanoidi mammiferi si diceva vi fosse un affiatamento speciale nelle coppie di gemelli; lui personalmente aveva visto due giocatori di Pallatonda correre all'infinito su un campo lunghissimo provenendo da due angoli opposti della difesa e poi calciare il pallone all'unisono, con una potenza tale da sfondare le mani guantate del paratore, la rete retrostante, il parapetto della tribuna e lo sterno di uno sfortunato spettatore della terza fila. Non vedeva l'ora di vederli agire con la stessa coordinazione. Un'altra che l'incuriosiva, eccola, Vassilixia Draconis, promessa di Shaun. Un vero mistero, nonostante tutto. Un sorriso gentile, anche l'ultimo che gli aveva rivolto prendendo il suo posto per scrivere; un sorriso sincero. Aveva risposto al suo meglio, ma gli usciva sempre una smorfia, perché cercava di sorridere mostrando i denti ma nascondendo la punta delle zanne. Temeva di essere risultato sgradevole. Si sarebbe scusato con Shaun, assicurandogli che non desiderava Vassilixia... cioè, che non desiderava importunare Vassilixia. Cambiò idea, niente scuse. Meglio non rischiare gaffe. Fischiò di nuovo verso i cavalli.
  8. Nuadap Dop Appena ebbe modo di leggere i dettagli, per quanto scarni, della missione, il Tecnoprete cambio' immediatamente registro verbale. L'annotazione circa la riservatezza di certi coinvolgimenti gli giungeva inattesa, ma richiedeva questa variazione. "Quindi siete qui in cerca di contatti per avviare un commercio di granaglie. Forse ho le persone giuste a cui presentarvi. Nel frattempo, potrebbe essere distensivo e 'interessante' recarsi nei luoghi proposti da costui a scopo ricreativo. Io intanto mandero' un messaggio ai miei contatti perche' organizzino l'incontro d'affari."
  9. Mulroht Tanner Il nano approfitto' della possibilita' di avere quelle pergamente per scriverne una allo gnomo apprendista geometra e miniaturista Gibberdale PaintPro, che aveva conosciuto non piu' tardi di un'ora prima. Osservando la lettera scritta di getto, il nano si senti' soddisfatto nonostante le cancellature. Non aveva scritto molte missive prima d'allora, questa gli sembrava perfetta. Anche le cancellature gli parevano dare un'aria di personalita'. Chiese che fosse consegnata al destinatario, riportando anche il numero della stanza, la stessa del balor quaterback dei Satanassi. Ripensandoci, aggiunse la scritta "nelle sue proprie mani." vicino al nome del destinatario, per essere certo che non finisse per essere cestinata da quel compagno di stanza ingombrante quanto balordo. Andando alle stalle, fece prima un rapido volo fino alla propria camera. Per far prima entro' dalla finestra, che aveva l'abitudine di lasciare accostata. Raccolse un paio di cambi d'intimo, che i parenti di Huruk-Rast, soprattutto nonna Delila, ci tenevano all'igiene personale. Con un paio sarebbe di certo stato a posto per altrettante settimane. Uscendo dalla stanza richiuse accuratamente la finestra, dovendo mancare per giorni non poteva lasciare che il vento facesse sfacelo delle sue cose. Passo' dalla mensa, a vedere se qualche inserviente caritatevole potesse preparargli uno spuntino per il viaggio; noto' per puro caso che il suo volantino presentava una annotazione. Eolion gli indicava quale fosse la sua camera... Stacco' il proprio annuncio e lo intasco', verifico' se l'inserviente era riuscita ad incartargli qualcosa con l'intenzione di ringraziarla sentitamente in qualsiasi caso, poi si reco' alla meta finale: le stalle. Quello era un posto che gli era sempre piaciuto, anche se preferiva le voliere dei piccioni messaggeri. Aveva un piccolo sogno personale, quello di addestrare dei pipistrelli messaggeri, perche' le missive potessero viaggiare di notte e fornire un servizio 'Prime' ai committenti: consegna espressa garantita entro le 24 ore per spedizioni fino a 600 miglia, entro un'ora fino a 100 miglia di distanza. Da grande avrebbe di certo fatto l'allevatore. Dopo la sua dose di avventure, naturalmente. Ora pero' doveva scegliere un cavallo. L'assembramento dei giovani figli di Eroi era letale, per il suo amor proprio. Allora sorvolo' il recinto e si mise dalla parte completamente opposta di esso, a cavalcioni della staccionata, e fischio' a labbra strette. Un fischio potente, bitonale. Il primo animale che fosse venuto da lui sarebbe stato il suo compagno di trotto.
  10. “Voglio essere sicura che il tu panino sia preparato all'evenienza così da non avere tentennamenti” Questa suona come una 'interessante ed intrigante metafora'. Brava la nostra Eolion. 😅 @Pyros88
  11. Mulroht Tanner Le parole del fratello lo lasciarono perplesso. Ne aveva fatti di errori nella sua vita, a diversi di questi proprio Forgrim aveva posto rimedio, e per tutto l'aiuto il nano gli era grato. Ma il mezzo demone non si capacitava di quella correzione... era sicuro di aver sentito bene! Il premio era per chi uccideva il rapitore! Quando Sophia Von Gebsatell lo ripetette, poco dopo, calmatasi parzialmente la baraonda, lui guardo' il fratello in attesa che l'incrocio di sguardi gli consentisse di fare un gesto, a dire *Te l'avevo detto! Avevo ragione io!*, come nella piu' classica delle sfide fra fratelli. Non ribadi' comunque la propria volonta' di uccidere. Sentiva nelle orecchie le parole di papa' Trull e sapeva in cuor suo che cedere a quella tentazione avrebbe reso estremamente triste e scontento il suo genitore adottivo. La contessa presento' quindi la loro guida, ma Mulroht non ne intese il nome. Si ritrovo' invece ad intercettare in volo una palla che aveva rotto la finestra. Spalanco' i resti dell'intelaiatura, prese accuratamente la mira e la tiro' direttamente in mezzo alle ginocchia di quello che pareva uno dei responsabili, poiche' lo vedeva in fuga. Soddisfatto per aver restituito *con gli interessi* la palla al legittimo proprietario, il neo lanciatore rivolse la propria attenzione alla 'Mamma di Celeste'. Si riscosse dai pensieri prima che le asce gli comparissero in mano, o che divenisse evidente al pubblico l'unica mazza contundente che possedeva. Si focalizzo' sulle figure del piffero che stava facendo fare ai nipoti, apprezzando ogni secondo di piu' l'opulento affetto di nonna Delila, che gli riempiva la pancia fino a straripare, ma senza averlo mai messo in imbarazzo se non di stomaco. "Io avrei solo due domande, giacche' sarei pronto a partire anche all'istante. Possiamo lasciare un messaggio a qualcuno, spiegando che siamo in gita per qualche giorno, che non si preoccupi della nostra assenza? Proprio stamattina avevo promesso ad un... amico... di vederci domani a mensa." la prima domanda era rivolta alla Contessa, la seconda invece fu rivolta all'altra donna "A lei invece volevo chiedere... possiamo chiamarla semplicemente 'Mamma'? Come nome in codice per la durata della 'Gita', intendo."
  12. Visto che a me tu doni non riesci a farne... indico genericamente il disordine sul tavolo, alludendo alle pietre 'emana-buio' che questo gnomo ancora non e' stato in grado di realizzare per me... i doni di questa 'veggente' potrebbero arricchire la mia collezione. Quantomeno la sua testa. Chissa' che non sia cio' che davvero desidera il mio nemico. fingo di riflettere, e farmi solleticare dall'idea, mentre mi gusto la faccia che l'idea suscita in Ecaflip. Un gesto come a scacciare la tentazione Sara' il caso di darmi un obiettivo alla volta. Prima di tutto Shiluk. Se costituisce il mezzo con cui intendono raggiungere la Profetessa... devo impedire loro di trovarlo, avendolo per primo! Certo, potrebbe essere un disperato anche lui, per questo vicino alla Profeta. Lascio in pace il mio gnomo, mettendomi appoggiato al bastone come contemplandolo. Voi siete tutti disperati, pero', e non avete neanche tanta liberta' di andarvene in giro. Ci deve pur essere un posto dove voi altri scarti, no, dove gli scarti degli scarti fra di voi vanno a dimorare e morire d'inedia e di stenti. attendo che Ecaflip mi suggerisca un luogo, mentre passo mentalmente in rassegna i quartieri della citta', cercando di ricordare dove posso essere stato infastidito da un eccesso di puzzolenti servi abbandonati a se stessi dopo che sono diventati di nessuno utilita' o divertimento per i loro padroni.
  13. Vassilji "Questo odore non mi piace affatto." si lamento' sottovoce l'avventuriero, prima di cominciare i controlli consigliati dalla prudenza sulla porta che si trovavano davanti, nonostante fosse parzialmente aperta. "Rhal, mentre controllo questo lato con la luce, tu dimmi cosa vedi dall'altro, nell'oscurita'. Mi raccomando, non toccare l'anta di pietra e nemmeno il muro." raccomandazioni forse superflue, ma meglio ripetersi che pentirsi.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.