Jump to content

PietroD

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    2,475
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

PietroD last won the day on December 31 2019

PietroD had the most liked content!

Community Reputation

923 Dragone

About PietroD

  • Rank
    Viandante
  • Birthday 03/17/1977

Contact Methods

  • Skype
    pdagenetica

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    Bari, Italy
  • GdR preferiti
    DND, Pathfinder
  • Occupazione
    tecnico C1, Bioanalista
  • Interessi
    Speleologia<br />
    Comics<br />
    GDR<br />
    Apple

Recent Profile Visitors

1,482 profile views
  1. Mulroht Tanner Sebbene la conversazione con Malik circa le rispettive vite ed i rispettivi fratelli fosse estremamente interessante e divertente, e altresì fosse piacevole la pozza scelta dal rettiloide per la loro serata alternativa, occasionalmente era d'uopo, per Mulroht, concedersi una pausa. Un pipistop, come lo chiamavano i piccoli nani di Huruk-Rast quando dovevano interrompere i loro giochi forsennati per andare alla latrina. Il mezzodemone mezzonano aveva comunque cura di rivestirsi a sufficienza per non dare scandalo, ed in ogni caso di piu' aiutavano le ali. Mentre passava in cerca del luogo appartato che gli occorreva, gli capitò la ventura di incontrare una ninfa sui generis, in quanto sfregiata nel volto da una evidente cicatrice. Tarassia
  2. Flint "Un giorno. Un giorno i nani torneranno in queste aule, ed esse risuoneranno dei giochi innocenti dei quarantenni, e delle risate argentine delle ottantenni al loro primo amore." si lasciò sfuggire il nano, mentre passava una mano su alcuni dettagli del bassorilievo senza toccarlo, a stento facendo smuovere la polvere che il tempo vi aveva delicatamente posto come una amorevole coperta materna. Si staccò, strofinando gli occhi prima di girarsi verso gli altri. "Dannata polvere, ha il vizio di infilarsi negli occhi." spiegò mentre si spostava verso il crollo. Qualcosa aveva attirato la sua attenzione, e cercò di allungare sguardo e udito, per penetrare quell'ammasso di pietre. Sospettava la presenza di topi, ed era pronto a tirar loro in collo il filo dell'ascia se si fossero anche solo affacciati, ma finché non avesse sentito uno squittio o il sibilo di un rettile non avrebbe abbassato la guardia. Attento a non provocare nuovi crolli, pungolò la zona dove pensava vi fosse più attività con la punta dell'ascia.
  3. Vassilji Se non era fuggito a gambe levate fin dal primo istante di quello scontro, era solo e soltanto per un motivo. Il timore di ritrovarsi solo sopravvissuto in quella vasta foresta, e di non rimanerlo a lungo perché facile preda di qualunque essere si aggirasse da quelle parti, senza dei compagni a spalleggiarlo. Non si fece ripetere due volte l'invito. "Via!" fece eco ad Illius mentre tentava di lasciare l'area incantata intorno a quel tumulo.
  4. Mulroht Tanner Negozio di Levantia Dopo la fine della consulta delle ninfe e mezzeninfe, gli eventi si susseguivano a ritmo forsennato. Tutti parevano letteralmente sconvolti, forse quanto il mezzo immondo o addirittura di più, nonostante il diverso esito e coinvolgimento nelle decisioni della consulta delle ninfe, appunto. Perfino Shaun, coinvolto da una discussione con Luna in conseguenza di questo, non diede il minimo peso all'offerta del mezzonano di cedergli l'uso del profumo ricevuto in dono quel giorno che aveva dormito nella mangiatoia. La cosa lo lasciò di stucco, costringendolo ad ingoiare un altro po' di fiele. Non si era degnato nemmeno di rifiutare l'offerta e andare avanti, come richiesto da qualsiasi notaio amico che si rispetti. Forse, però, era lui ad essersela persa, o piuttosto non aveva scelto il momento adatto per interferire intervenire nelle conversazioni altrui. Quando propose la partita ad Orcbowl, che riteneva avrebbe rappacificato Efraym col mondo e permesso ai quattro fratelli di divertirsi a prescindere dalle malevolenze e dispetti altrui, la proposta finì a rotoli. L'orgoglio, gli ideali, la testardaggine, la lingua biforcuta o il doppio cervello che doveva avere nei pantaloni fecero reagire il lucertoloide in modo tale da indispettire la regina degli autoctoni, e così venne meno il quarto per la giocata con la palla ovale. La cosa lo gettò in uno sconforto alquanto profondo. Era quasi tentato di tornare a spaccare legna, poichè solo asce e ciocchi non lo deludevano mai. Malik tuttavia lo sorprese, facendolo emergere dei suoi grigi pensieri. La proposta era di quelle che non si sentì di rifiutare. "Vasche di acqua termale? Sembra interessante, ancora non le ho provate... ma non sarà uno scherzo? Non sarai tu che farai le bollicine... ehm... da sotto la coda?" Mulroht mise in conto che la serata sarebbe stata goliardica, e le distanze avrebbero rischiato di accorciarsi molto. Pacche, scherzi. Tuttavia aveva bisogno di Malik. Forse più che di Forgrim, e perfino più di Shaun. Un nuovo amico. Forse non sarebbe stata la pessima nottata che immaginava.
  5. Io immaginavo fosse un innesco a pressione. Tutti noi evitiamo di calpestare il punto, mentre gli orchi inseguendoci ci passano e la attivano senza saperlo. Credo sia previsto un discreto malus a percezione quando si insegue una preda. Se invece è un innesco a miccia, allora ci pensa Tariam, lasciando passare avanti gli altri (rana inclusa).
  6. Se coinvolgi altri rispetto a quelli gia' coinvolti nella partita, ti conviene farlo nuovo, e inserire li' che l'idea viene accantonata perche' Ef ha da dire qualcosa a Veldrada prima di cominciare a giocare... e non torna piu'. 😅 Noooo... non sarebbe piu' la stessa cosa senza di te!
  7. Devi invece segnarti 1230 mo, come da conto aggiornato di Ian/Ragnar. Inoltre c'è una incongruenza tra il tuo post e quello del DM, poiché Efraym viene arrestato. La partita proposta da Mulroht non è più fattibile.
  8. Gromnir “Amico mio, in questo momento siamo più cacciatori che guerrieri. Introdursi in un territorio vasto senza avere idea di dove andare a battere la pista significa trascorrere mesi a cercare una tana cui si passa accanto senza notarla. Prima di impantanarci in una simile cerca, dobbiamo trovare qualcuno disposto a dirci dove si trovi la Megera, anzi...” guardo Bjorn, poiché voleva essere un suggerimento “piuttosto che chiedere di lei, chiediamo del castello in cui l'hai vista trovarsi. Questo non insospettirà nessuno, se accampiamo la scusa della riscossione di una eredità, per esempio.”
  9. Mulroht Tanner “Shaun... ho avuto questo profumo, a Pescalia. A me non serve.” Quando il mezzodemonano riuscì a tirar su la mascella e spiccicare parola, queste furono le sue prime parole. Era passata infatti una buona mezz'ora da quando era stato comunicato l'esito del convivio fra ninfe, ed era riuscito a trovare alcuni bandoli nella matassa di sensazioni che la faccenda gli aveva procurato. Il primo che aveva seguito portava al suo amico Shaun, appunto. “Sono certo che saprai rendere fiero tuo padre.” alzò la mano per battere palmo contro palmo, poi si sarebbe ritirato ordinatamente in disparte. @Ghal Maraz Negozio di Levantia Doppia copia, doppia coppia. Non era altro che razzismo, Mulroht se ne stava convincendo. Gli esclusi erano i due nani e i due rettili, guarda caso. Forgrim infatti, anche se morfologicamente umano, passava per uno dei FiglidellaRoccia, formalmente. “Che ne dite di due tiri a orcbowl?” Una proposta per passare il tempo e spezzare la monotonia e l'imbarazzo. “Io e Malyk contro Forgrim ed Efraym, famiglie miste. Inclusivi! Alla faccia di chi non ci apprezza!” @GelTheBest @SassoMuschioso @Redik
  10. Ludwig “Un uomo, sulla trentina, pelle abbrunata e baffi neri molto folti. Credo si possa considerare uno straniero, tale infatti era anche l'impressione dei commessi all'entrata.” girò lo sguardo di presenti “Nessuno di voi lo ha notato, per caso, durante la serata?”
  11. Mulroht Tanner Il mezzonano capì che si sarebbero fermati per un po', decise che era una buona occasione per allenarsi. Prendere a colpi d'ascia un albero, tuttavia, gli parve una cattiva idea, dal momento che i loro ospiti erano fissati con la natura ed il rispetto degli esseri viventi. Più di Efraym e forse anche più di Forgrim, addirittura! Chiese se vi fosse legna da ardere, da spaccare in ciocchi ed accatastare, tanto per non starsene con le mani in mano. Anche in una foresta fatata il ciclo della vita doveva produrre legname morto, da smaltire in qualche modo. Se non avesse trovato niente da rompere con l'ascia ricevuta da Beregar, allora avrebbe usato l'ascia e gli artigli in altro modo. Gli era venuta l'idea di provare a replicare quella forma abbozzata, quasi una copia di un Puzzo, delle bacchette per l'igiene orale. Scelto il ramo col giusto spessore avrebbe rimosso la corteccia e levigato il tutto perché assumesse quella tipica forma a funghetto.
  12. Vassilji Riposare era una utopia, Arn ridotto allo stremo delle forze ma l'idea di dormire in una di queste catacombe maledette repelleva tutti, nonostante fossero state ripulite, almeno apparentemente, dai pericoli. Si avviarono all'ultima, finendo nel peggiore degli incubi. Dovevano reagire. Vass adopero' il pugnale che si erano appena procurati, non sapendo chi ringraziare per la fortuna di averlo piuttosto che impugnare una inutile balestra. Inutile tentare di nascondersi contro esseri fatti di ombre, poteva solo affondare il colpo e sperare di andare a segno.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.