Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Scopriamo gli Old School Essentials e Dolmenwood

Articolo di Charles Dunwoody del 04 Luglio
Garvin Norman ha fondato la Necrotic Gnome per produrre regole, avventure e ambientazioni per D&D Basic/Expert. Ha iniziato a giocare a D&D da bambino negli anni '80 ed è tornato a giocare da adulto con D&D 4E e Pathfinder. Dato che D&D Basic non ha regole per ogni cosa, richiede delle discussioni tra i giocatori e il DM, cosa che Gavin apprezza. Invece di tirare per cercare le trappole i giocatori descrivono cosa e dove stiano cercando, un altro aspetto che gradisce. Ha quindi deciso che vuole tornare a giocare con un sistema più semplice e più "aperto".

Anche se Gavin usa le regole basilari di Basic D&D così come sono scritte, adora creare classi, oggetti magici, incantesimi e mostri. Il suo primo lavoro pubblicato, il The Complete Vivimancer, è una classe che modifica i corpi per i propri fini. La sua passione per la creazione lo ha portato al suo primo Kickstarter, dove offre le regole di Basic/Expert non solo come un manuale rilegato, ma anche in cinque volumi separati. Mano a mano che la Necrotic Gnome pubblicherà altro materiale, le classi potranno essere scambiate con quelle vecchie o mischiate insieme. Le altre regole possono essere tranquillamente tolte od aggiunte. La modularità degli Old-School Essentials è fondamentale per il suo continuo sviluppo.
Gli Old-School Essentials, sviluppati e discussi con impegno nel blog della Necrotic Gnome, sono stati creati partendo dai B/X Essentials, una diretta riproduzione delle regole originali del 1981. Old-School Essentials include varie coppie di pagine con regole correlate, così che il manuale possa essere aperto e messo sul tavolo dando al DM tutto ciò di cui avrà bisogno.
Altri nuovi manuali sono già in fase di sviluppo, con classi e incantesimi da Advanced D&D 1E che stanno venendo convertite agli Old-School Essentials e altre regole in cantiere. Inoltre, Gavin ha creato un'ambientazione chiamata Dolmenwood in una serie di riviste.
Un eccitante novità è che Dolmenwood verrà rilasciata sia per gli Old-School Essentials che per D&D 5E. Il suo secondo Kickstarter riguarderà un manuale sull'ambientazione, con dettagli sulla storia e sul background e con 184 "esagoni" descritti (probabilmente espansi in un secondo libro). Un manuale del giocatore e uno dei mostri verranno pubblicati di lì a breve. Dolmenwood può anche essere inserita come luogo in un'ambientazione già esistente.
Un mondo composto da varie fiabe frammentate e mischiate, Dolmenwood unisce il raccapricciante, il bizzarro e lo psichedelico in una sorta di pozione stregata che viene rovesciata su una foresta piena di miti. Questo strano bosco arcano è la casa di signori ultraterreni degli elfi, di animali parlanti e di streghe volanti dotate di magie in grado di catturare i viandanti innocenti che passano nella foresta.
Dolmenwood è stata descritta solo in delle riviste ed avventure fino ad ora, ma il futuro manuale riceverà il "trattamento deluxe". Gavin si è posto come obiettivo di avere delle illustrazioni a colori per ogni mostro che sarà presentato nell'eventuale bestiario.
Galvin ha pianificato di sviluppare parallelamente le nuove regole per gli Old-School Essentials mentre lavora su Dolmenwood. Sta lavorando a delle regole post-apocalittiche, su mostri avanzati e tesori, su delle avventure e si sta mettendo d'accordo con i produttori di terze parti per il loro sviluppo. 
Gavin ha detto che tutte le edizioni di D&D hanno il loro fascino, i loro pro e le loro particolarità. Vale la pena provarle tutte, facendo tesoro delle differenti esperienze che possono offrire all'interno del mondo dei giochi di ruolo fantasy. E spera che i giocatori delle nuove edizioni di D&D provino le atmosfere delle origini con gli Old-School Essentials.
Gavin consiglia questo prodotto proprio ai giocatori di D&D 5E e Pathfinder, per capire come fosse giocare con le prime edizioni del gioco, pur mantenendo un aspetto moderno e un lavoro attento di editing. Ha un forte rispetto per le nuove edizioni di D&D, ma non per questo ignora quelle più vecchie. Vuole incoraggiare i giocatori a provare uno stile più rilassato e a parlare e disquisire con i propri DM, mentre il mondo viene esplorato con l'improvvisazione e le descrizioni.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/forum/content.php?6305-Gavin-Norman-Necrotic-Gnome-Talks-Old-School-Essentials-and-D-D-5E-Dolmenwood
Read more...

Secondo La WotC Ad Oggi 40 Milioni Di Persone Hanno Giocato A D&D

Articolo di J.R. Zambrano del 10 Luglio 2019
Quaranta milioni di persone come voi sono là fuori, a fare tiri salvezza, salvare regni e più in generale a divertirsi, questo secondo un recente articolo di Bloomberg.
D&D è grande, ma non avevamo idea che fosse così immenso. Dei dati rivelati di recente da Bloomberg [un importante sito di analisi e distribuzione dati sui mercati ecomici, NdT] rivelano che dal 1974 circa 40 milioni di persone hanno giocato a D&D (e alcuni di loro sono DM professionisti, che è tutt'altra cosa), e che circa 9 milioni di persone guardano giochi in streaming. Questi dati vengono gentilmente concessi dalla WotC, che si mantiene sulla cresta dell’onda grazie a D&D e al suo picchi di popolarità più alto che mai.

Se mi aveste detto nell’epoca d’oro della 3.x che le persone non si sarebbero solamente sedute per guardare altre persone giocare a D&D, ma che avrebbe avuto un pubblico grande quanto alcune serie televisive (certo delle serie minori, ma comunque) non vi avrei creduto ... Eppure eccoci qui, in un mondo di quaranta milioni di giocatori di Dungeons and Dragons. È un bel numero.
Da Bloomberg

La Wizards è una sussidiaria di Hasbro Inc. dal 1999. Stewart afferma che le vendite della quinta edizione del gioco, che è stata pubblicata per la prima volta nel 2014, sono aumentate del 41% nel 2017 rispetto all'anno precedente, e sono aumentate del 52% nel 2018, l’anno che misura il più alto numero di vendite del gioco. Secondo la Wizards, circa 40 milioni di persone hanno giocato al gioco dal 1974. Mentre Dungeons & Dragons non ha dominato il mondo degli e-sport come, ad esempio Overwatch, gli streaming di D&D sono un mercato in crescita – e un modo per attirare nuovi giocatori. Nel 2017, 9 milioni di persone hanno visto altri giocare a D&D su Twitch, immergendosi nel mondo di gioco senza dover mai prendere un dado o lanciare un incantesimo.
È un futuro quasi incredibile quello nel quale ci stiamo gettando a capofitto. Il vero trucco sarà capire come mantenere interessati così tanti giocatori e come costruire una community sulla base di questo successo - ma pare che là fuori ci siano in cantiere un gran numero di streaming ed eventi.
Buone Avventure Là Fuori!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/40-million-people-play-dd-according-to-wotc.html
Read more...

Apparentemente esiste una Bibbia segreta che contiene vari segreti su D&D

Articolo di J.R. Zambrano del 08 Luglio 2019
Da qualche parte nei meandri dell’edificio della Wizards of the Coast (o almeno in quelli della sua architettura server), giace nascosta una bibbia segreta di storie ed informazioni che contiene le risposte a domande sia magiche che mondane, domande che potrebbero non essere mai poste e risposte che potrebbero non essere mai date. O quanto meno questa dovrebbe essere la storia stando ad una recente intervista concessa a Polygon in merito a Baldur’s Gate 3, imminente GDR per computer in sviluppo presso Larian Studios. Durante l’intervista Swen Vincke, fondatore di Larian, si è lasciato sfuggire questa informazione sui retroscena segreti di D&D:
“Hanno questa piccola cosa che non divulgano” Vincke ha detto riferendosi agli editori di D&D presso la Wizards of the Coast. Pare che si sia subito pentito di aver sollevato la questione. “È decisamente interessante […] Loro… Hanno molti più dettagli su tutto ciò che sta accadendo nel mondo e, non appena abbiamo iniziato a scoprire che esisteva…”

Ovviamente questo libro segreto sulla lore è solamente uno dei pochi dettagli confermati in questa intervista, altri punti più rilevanti e decisamente più dimostrabili includono il fatto che Baldur’s Gate 3 non sarà un sequel dei giochi originali della serie di Baldur’s Gate, ma sarà invece un seguito dell’imminente Baldur’s Gate: Descent into Avernus, e il fatto che gli eventi narrati nel gioco si svolgeranno 100 anni dopo la fine degli eventi narrati in Descent into Avernus.

Ma basta dati chiari e rilevanti, torniamo a cercare indizi su cosa potrebbe nascondersi nel libro dei segreti di D&D. Abbiamo già potuto cogliere degli accenni all’esistenza di una storia dalla portata decisamente più ampia che si dirama nelle varie avventure di D&D. Potete trovare degli strani obelischi neri in ciascuna delle grandi avventure fino ad ora pubblicate, così come potete seguire la saga attualmente in corso di Artus Cimber e dell’Anello dell’Inverno. Ma verso cosa sta puntando tutto questo? Beh, stando all’intervista, verso alcuni punti abbastanza confusi:
Naturalmente ci sono personaggi potenti in tutta la narrativa di D&D. I più potenti tra questi, gli dei ad esempio, compaiono in pressoché tutte le incarnazioni del gioco. Ma potrebbero anche non sapere ciò che non sanno, poiché la struttura del mondo stesso potrebbe aiutare a creare determinati punti ciechi all’interno dell’universo del gioco. “Orcus, in teoria, compare in ogni ambientazione. Eccetto nel caso in cui non lo faccia. Per cui avete questa cosa interessante; Orcus è cosciente di tutti questi mondi, eccetto di quelli dei quali non è a conoscenza.”
La premessa posta è interessante. Il mondo stesso potrebbe lasciar intendere che gli dei non sono totalmente onniscienti. Ma poi in un certo senso esita affermando quanto segue “Orcus compare in ogni ambientazione eccetto che per quelle in cui non lo fa, il che significa che le conosce tutte, eccetto quelle che non conosce, e COSA SIGNIFICA QUESTO” che sembra essere pensata come rivelazione stupefacente, ma che pare semplicemente buon senso.

Suggerisce il fatto che esiste una meta-continuità che lega insieme tutte le precedenti incarnazioni di D&D, ma sa anche di fumo negli occhi e vaghezza simili al finale di Lost. Specialmente perché secondo l’articolo “esistono cose che non pubblichiamo.” Non le pubblicano perché sono prive di senso? Oppure perché non hanno impatto sul gioco? Ma messe da parte queste bizzarre opinioni su Orcus, sembra che ci siano dei segreti ancora da scoprire nell’ambientazione.
Risposte a come si dirama la linea temporale, a come gli eventi nei Reami abbiano un impatto e delle conseguenze, così come su quale sia effettivamente la storia generale del gioco si trovano da qualche parte in questo libro. E sebbene potrebbero non essere mai rivelate, dietro ogni cosa esiste una coerenza interna.
Quali segreti avete scoperto in merito a D&D?
Link all’articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/apparently-theres-a-secret-dd-lore-bible.html
Read more...

Adesso su Kickstarter #13: Spie nella 5e

Articolo di Morrus del 02 Luglio
Lo spionaggio è stato aggiunto alla lunga lista di generi giocabili con D&D 5E grazie a The Spy Game, della Black Cats Gaming, guidata da Sam Web della Modiphius. Viene descritto come "... un mondo di intrighi internazionali e azioni furtive in un'ambientazione moderna, basato su D&D 5E, creato dagli sviluppatori di Star Trek: Adventures." Ed è su Kickstarter!

Userà le meccaniche di D&D 5E, con 8 nuove classi: Diplomatico (Face), Hacker, Infiltrato (Infiltrator), Maestro d'arti marziali (Martial Artist), Medico (Medic), Ranger, Soldato (Soldier) e Tecnico (Technician).
Potete già dare un'occhiata ad una piccola anticipazione, contenete un'anteprima delle regole, un'avventura in tre parti e otto personaggi pregenerati.

Su Kickstarter potete ottenere il PDF a 15£ o il manuale a copertina rigida a 35£.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/forum/content.php?6449-The-Spy-Game-is-a-5E-Powered-Espionage-RPG
Read more...

15 Anni di Eberron

Articolo di J.R. Zambrano del 03 Luglio 2019
Eberron venne rilasciata per la prima volta quindici anni fa. Unitevi a noi mentre il team creativo originale di questa ambientazione ci parla di qual'è stato il passato per Eberron e di quale sarà il suo futuro.
Indipendentemente dal fatto che stiate giocando tra le perigliose strade di Sharn, la Città delle Torri, oppure nell’inesplorato continente di Xen’drik, si tratta di un mondo che sembra diverso dalle altre ambientazioni di D&D. Ha un suo particolare sentore, che si richiama a quello delle avventure pulp. Con la sua prevalenza di magia e innovazione e il suo ben radicato amore per i misteri, gli intrighi e la suspense, Eberron è un mondo che ha lasciato il segno su molti giocatori. E ora, per celebrare i quindici anni dell’ambientazione, il team creativo originale si è riunito sul podcast di Manifest Zone per parlare di cosa significhi per loro l’ambientazione, quali temi li ha aiutati ad esplorare e dove è diretta la stessa.
Ascoltate qui il podcast
È decisamente affascinante ascoltare il team che parla di ciò che rende Eberron degno di essere esplorato ai loro occhi. Che si tratti di approfondire le origini di Eberron in quanto ambientazione più pulp che unisce la narrativa investigativa con il sword & sorcery o di come il team stesso abbia gravitato verso alcuni dei temi unici che hanno messo in risalto Eberron e l'hanno resa così amata.

E ciò colpisce davvero nel segno. Eberron è l’ambientazione preferita (o la seconda ambientazione preferita) da molti in virtù del suo essere diversa dalle altre, senza però essere al contempo fuori luogo per D&D. Narra una storia ricca di molte tematiche umane reali, che possono essere esplorate sotto la patina di avventure pulp. Troverete soldati che sono stati letteralmente prodotti in massa come parte di un’industrializzazione magica e che sono stati costruiti per una guerra che ormai non viene più combattuta. Ormai privi di uno scopo, quale significato possono dare alle loro vite?

Anche il modo in cui su Eberron viene vista l’Ultima Guerra è decisamente differente da gran parte di ciò che si può trovare nel fantasy. Ci sono molte nazioni e molte prospettive sulla stessa. Vengono trasmesse molte delle caotiche sofferenze della guerra, una guerra nella quale non ci sono né buoni né cattivi e neppure un vero vincitore. Neppure Game of Thrones con tutte le sue nudità e le sue imprecazioni, riesce davvero in questo. In Eberron sembra che ogni nazione abbia i propri eroi, i propri cattivi e le proprie ragioni per fare ciò che ha fatto. Su Eberron nulla è privo di una ragione o di una motivazione, e si tratta di solide motivazioni, non di cose come “sono sempre stati caotici malvagi nelle precedenti edizioni, per cui devono essere caotici malvagi anche ora.”. La guerra non viene glorificata, non si tratta di una grande e nobile cosa alla quale prendono parte gli eroi; si tratta di una semplice fisima umana che non fa altro che portare sofferenza da tutte le parti.
Tutto questo è racchiuso in un modo che narra la storia di come una società fa i conti con l’avvento dell’industrializzazione. Anche la magia delle casate del Marchio del Drago ha cambiato la società. Queste premesse portano ad avere un mondo che è abbastanza moderno da poterlo comprendere e che al contempo sembra logico e funzionale, che tende più verso La Leggenda di Korra che verso il nonsense ad alta tecnologia delle ultime espansioni di World of Warcraft. Ogni aspetto del mondo ha dietro delle motivazioni e un notevole spessore.

La vasta portata di Eberron è comunque decisamente focalizzata in termini di tematiche e flavor. Sa cosa vuole dire e lo dice; è coerente con sè stesso ed offre una storia che unisce il presente del mondo rendendolo interconnesso. Si tratta di un’ambientazione sviluppata con un determinato insieme di regole in mente e spicca proprio per questo. Ma forse il dettaglio più interessante è il fatto che, e questa è una delle ragioni principali per la quale più avanti nell’anno vedremo rilasciato un volume a copertina rigida sull’ambientazione, la Wayfinder’s Guide to Eberron ha ricevuto davvero un’ottima accoglienza sulla DM’s Guild. Sono stati gli sforzi della comunità che hanno riportato Eberron in prima linea nel ciclo di sviluppo e produzione della WotC, dunque ancora una volta non posso che raccomandarvi di compilare quei sondaggi per far pervenire ciò che desiderate alle persone che si occupano dello sviluppo del gioco. Fate sì che le cose avvengano.
Potete ascoltare di più su Eberron nel podcast linkato sopra. Oppure potete seguirci per altre notizie su Eberron, in arrivo questo autunno.
Divertitevi ad andare all’avventura!
Link all’articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2019/07/dd-15-years-of-eberron-original-creators-talk-eberrons-past-present-and-future.html
Read more...
Bellerofonte

Capitolo V: Una Piccola Parte

Recommended Posts

Sandrine Alamaire

"Sì. Da quando ho capito, sebbene le schiere non siano state messe a riposo, i morti che, d'ora in più cadranno, non potranno più ritornare",  annuisco,  ripensando al sogno. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il 10/5/2019 alle 17:31, Bellerofonte ha scritto:

Quarto giorno del X mese, anno 1491, ore 12:15 || +162 giorni dalla partenza

Foresta Yechilay, Barusha || Brezza, temperato || Cibo per 23 giorni 

Infine partite, chi più chi meno desiderosi di tornare alla civiltà. Tra l'incantesimo di Fortunale, la marcia forzata e il sottobosco poco praticabile della foresta, Ventura è costretta a rifare i calcoli strada facendo, giungendo ad una conclusione: "Di questo passo saremo a Samre tra 5 giorni e mezzo" ma se camminare otto ore già non è una passeggiata, figuriamoci il doppio! Asvig o il capitano non hanno problemi a farlo, ma gente come Barbara, Sandrine o la piccola Ventura non sono abituate a sopportare sforzi fisici del genere. Il nordico comandante segue a ruota le tre donzelle motivandole a proseguire, offrendo loro un braccio di supporto quando queste iniziano a zoppicare.

Razul non soffre di nessuno di questi problemi ed anzi, si muove molto più rapidamente attraverso il sottobosco. Per tale motivo si avvicina al capitano e chiede: "Chiedo il permesso di ricognizione, signore."

Arrigo invece accompagna il carretto con i viveri e le scorte giocando con il Tressym di Randal; pare che quello sia l'unico modo per farlo stare zitto - per modo di dire: emette suoni infantili e ridicoli al gatto volante alternando un micinobellino a un puccipuccigattino. Mentre camminate, Barbara pensa a voce alta: "Dite che lo sciagurato messer Gomez possa essersi rimesso mentre noi eravamo via?" Ventura la guarda poco convinta: "Stai davvero pensando al pirata? Adesso? Ora, in questo momento?" e la lady risponde, serissima: "Ho solo posto una domanda" ma la lingua ballerina della cartografa proprio non riesce a non controbattere: "In una foresta piena di morti che camminano, uno dei quali ci vuole probabilmente uccidere mentre fa finta di essere la nostra guida - scusa Razul, niente di personale, ma non mi fido di chi non respira" il non-morto non risponde, ignorando la ragazzina - "dicevo? Ah sì, dopo essere rimasti la metà, aver perso il più potente tra noi, senza un carpentiere e Procan solo sa se la Speranza è ancora dove l'abbiamo lasciata...tu pensi a Nero? Sei pazza, Barbara?" sembra il preludio di un nuovo litigio tra le due lady di bordo, ma Barbara risponde invece placidamente: "Avresti potuto esserci tu al suo posto." e Ventura non si fa attendere, più sarcastica che mai: "Ti saresti preoccupata allo stesso modo per me, certo, certo..." "Zotica impertinente." lady Fisher soffia un ciuffo di capelli all'insù e questo conclude la conversazione.

Nel frattempo, Asvig guarda sottecchi Randal quasi come se lo tenesse sotto controllo; come se da un momento all'altro si aspettasse qualche mossa avventata, forse un altro omicidio nella ciurma. "Capitano, contessa, a quale verdetto siete giunti riguardo la situazione del signor Ridley? Possiamo fidarci di lui?" "T'aggia preparàt a colaziò e ti lamenti pure?" controbatte Arrigo in difesa del cuoco. Ma Asvig non è Barbara, e non intende inscenare un altro teatrino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortunale

Lascio a Razul il compito di avanguardia, e marcio in testa alla colonna tenendo gli occhi aperti. Ascolto i discorsi della ciurma con un solo orecchio, impegnato come sono ad evitare incontri improvvisi con i nommorti, ma poi Asvig pone la giusta domanda.

"I pugnali non li ha più lui, e per ora lavoriamo tutti uniti. Ma nessun verdetto per ora...troppe cose da discutere con il resto della ciurma"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sandrine Alamaire

"Vendetta ha abbandonato il corpo di Randal", faccio eco a Fortunale, cercando di gettare maggior luce sulla situazione. 

"Definitivamente", chiarisco, accarezzando, con gesto esplicativo, il terzo medaglione. 

"Ora un nuovo Spirito condivide il corpo del nostro cuoco: lo Spirito dei Pesci, che ha reso il signor Ridley ľArconte del Focolare. La sintonia tra le due parti, lo capirete, è maggiore, rispetto alla ingannevole e forzata coabitazione precedente".

Scivolo tra Ventura e Barbara: "Ognuno si sostiene con ciò che ha o con quanto gli da forza. Anche la speranza o il ricordo danno forza. Soprattutto se legati assieme. 

Noi siamo la Speranza, e vorrei non ve ne scordaste mai. Noi stessi siamo il nostro, personale, unico ed univoco legame".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortunale

Sollevo le sopracciglia sorpreso "Oh, notizia interessante! Dunque ora quei pugnali sono intrisi di Vendetta, oppure sono due normali lame?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sandrine Alamaire

"Vendetta è imprigionato, nella gabbia approntata da Tiberius", riprendo. 

"Gli Spiriti paiono spesso in competizione o lotta tra loro. Tiberius era... stato un Arconte lui stesso. Veicolava lo stesso Spirito che, adesso, si è legato a me. 

Ma Tiberius ha capito come staccarsi da esso senza soccombere e senza necessità di fare abitare il suo corpo da un altro, diverso Spirito. 

Il nostro defunto Arcanista aveva molti, molti, molti segreti. Ed una vita passata dalla lunghezza incalcolabile. Aveva appreso parecchi segreti degli Spiriti, anche grazie al suo padroneggiare il Primordiale. 

I nomi degli Spiriti sono trascritti in Primordiale. Sono pronunciati in Primordiale. 

Tiberius pareva, pur nella sua malcelata spocchia ed antipatica superiorità, realmente intento ad una missione che lui considerava fondamentale. Una redenzione, se volete. 

Ma forse... forse... qualcosa del suo essere stato un Arconte gli era rimasto addosso. Qualcosa che lui non riusciva nemmeno a vedere, probabilmente".

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Bellerofonte ha scritto:

Quarto giorno del X mese, anno 1491, ore 20:15 || +162 giorni dalla partenza

Foresta Yechilay, Barusha || Bonaccia, freddo || Cibo per 23 giorni 

Asvig mugugna qualcosa in Silvano, forse un'imprecazione; forse la situazione si è sbrogliata ora che Randal non è più posseduto da uno spirito malevolo, ma le cose restano comunque troppo complicate per un uomo che ha sempre visto la magia come la manifestazione di palle di fuoco e ferite chiuse all'istante. "Quindi non è un nemico."  messa così invece sembra essergli più congeniale; mentre lo dice, guarda con disprezzo il non-morto come per sottolineare che se con il cuoco la situazione è conclusa, il non-morto ha ancora parecchie spiegazioni da dare in merito alla sua...beh, vita, se così possiamo chiamarla. Pare che l'unico che sia completamente immune al razzismo verso di lui sia Arrigo, che fa battute inopportune che l'elfo non capisce la maggior parte delle volte.

Dopo essersi defilato tra gli alberi, Barbara e Ventura si guardano e ascoltano Sandrine; lady Syvis fa per dire qualcosa come "No mia cara, ma io non-" eppure ogni parola di discolpa di fronte a Ventura è un'altra vangata verso la fossa della vergogna; così Barbara decide di stare in silenzio mentre invece la cartografa non esita a urlare saltellando: "Siamo la SPERANZA DELL'EST! NON MORTI VENITE PURE, VI FACCIAMO VEDERE NOI COME SI FA DALLE PARTI DI CAPO VENTURA!" "Essì ja, ieri sera nun c'è bastat, ccà vulimm murir tutti quant" Arrigo non è felice dell'attenzione che la ragazzina chiama su di sé.

Dopo circa mezz'ora di cammino, sentite tutti distintamente alcune terribili urla roche provenire più avanti; affrettate il passo ma trovate solo cadaveri putrefatti stesi a terra, macellati da numerosi segni di lame. Razul vi spiana la strada contro i fastidiosi vaganti che infestano la foresta, agendo con discrezione e precisione da vero professionista. La cosa dovrebbe sollevare Asvig, le cui opinioni sulla sua visione della Eurus composta da marinai addestrati e pronti all'azione sono note a tutti nonostante l'uomo sia di poche parole; ma invece l'abilità di Razul non fa che preoccuparlo ancora di più.

Proseguite attraverso la foresta affidandovi al senso dell'orientamento di Ventura senza incorrere in pericoli durante il primo giorno di viaggio. Avendo sedici ore al giorno di camminata, disponete di abbastanza tempo libero che potete sfruttare, anche se in maniera limitata; al calar della sera il meteo cambia esponendovi al freddo.

Spoiler

//Asvig infonde Aura Minore di Costituzione [+2 COS]

La marcia forzata obbliga ad effettuare tiri di COS ogni ora dopo le 8 ore di cammino standard. La CD è 10+2*ore trascorse, e se non superata infligge 1D6 non letali e siete affaticati. Il punto è che al tasso di recupero dei vostri PF non letali, anche fallendo con un 1 naturale riuscite comunque a tornare belli e arzilli la mattina successiva; ergo non tirerò almeno fin quando non capiterà qualcosa che influisce sui vostri PF come ad esempio un encounter casuale.

Intanto ditemi se avete intenzione di combinare qualcosa nel mentre del vostro cammino, altrimenti passo avanti.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sandrine Alamaire

"Fortunale...", riprendo, facendo cenno anche a Barbara, Ventura ed Asvig di prestare particolare attenzione, "c'è un'altra questione che merita un significativo riguardo. Ricordate che abbiamo visto Tiberius uscire dalla zona degli appartamenti reali, a Lalibela? Ricordate che Tiberius ha sostenuto di avere donato loro ciò che chiedevano? Lui, in seguito, mi ha spiegato che aveva subito intuito, in loro, la presenza dello Spirito della Conoscenza. 

Poi, quando siamo tornati alla capitale senza di voi, lady Tamara, inspiegabilmente e curiosamente, non ha avuto modo di riceverci, mandando una sua aiutante da noi. 

Questa notte, nel mio sogno, le parole dello Scacchista e l'avere scoperto l'origine di Tiberius mi hanno fatto sovvenire una intuizione, che il mio Spirito patrono pare avere indirettamente confermato: Tiberius ha imprigionato lo Spirito della Conoscenza nel suo bastone, quando ha fatto visita ai monarchi. E, quindi, la regina delle stelle ed il re del mondo, presumo... sono deceduti...".

Edited by Ghal Maraz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortunale

La notizia della Contessa mi pietrifica. Non ho certo in simpatia quei due elfi spocchiosi, ma...la situazione è assai problematica. "Dannazione! Dannazione! Questo è un problema...Tiberius ha combinato un disastro enorme! Ora gli elfi accuseranno noi della morte del loro sovrani...e il resto della ciurma non sa nulla. Dobbiamo pensare a cosa fare...però Lady Tamara non vi ha ricevuto...ma non vi ha nemmeno fatto arrestare. Eppure devono aver capito che la colpa fosse di Tiberius" 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sandrine Alamaire

"O forse no. I sovrani erano gli Arconti della Conoscenza. Sostenevano di sapere tutto ciò che accadeva sull'isola. Eppure...

...eppure non hanno bloccato Tiberius, che pure se ne andava in giro per il mondo ad imprigionare Spiriti. Hanno permesso a Tamara di curarlo. Lo hanno fatto - diamine! - persino avvicinare. Può darsi...

...può darsi...

... che Tiberius sapesse come ingannarli. E non credo Tamara sospettasse di noi - di lui, in particolare -, visto che, a parte non riceverci, ci ha comunque aiutato. 

E Tiberius era con me, ricordate?

Alla fine, per quanto ci possano sembrare avvenimenti lontani, abbiamo fatto ritorno soltanto ieri sera", ragiono. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortunale

"Andiamo comunque incontro ad un grande pericolo. Ho deciso: quando arriveremo vicino a Lalibela andrò avanti io e sonderò il terreno. Nessun motivo di rischiare tutta la ciurma se non è strettamente necessario"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Randal

Preso com'ero dai nuovi poteri che lo Spirito mi ha concesso mi sono perso gran parte del viaggio, dei loro discorsi e di cosa han detto su di me

Devo ringraziare Sandrine esordisco ad un certo punto perchè senza di lei, sogno o non sogno importava poco credo, appena Vendetta si è allontanato da me mi sono sentito morire e se non lo avesse imprigionato consentendomi di unirmi ad un altro Spirito credo che Peppiniello non avrebbe più un compagno umano.

Non so padroneggiare i poteri che mi ha conferito, ma so che hanno a che fare con la mia professione, dunque credo che dovrò sperimentare un pò di più a livello di cucina, credo che a nessuno di voi dispiacerà.. spero almeno.

Questa cosa che stai dicendo Sandrine.. Lalibela.. questi altri tizi che erano, o sono? Non l'ho capito.. degli Arconti? 
Insomma, avete capito credo che io e Arrigo abbiamo visto TANTE cose di Barusha che non conoscete e dei quali non avete idea, ma una ve l'ho detta: Lalibela è osteggiata da altre cittadine e non so se sia vero ma potrebbe verificarsi un'insurrezione

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sandrine Alamaire

"Sì, questa cosa mi è chiara e non ho ragione di dubitarne. Sicuramente, un vuoto di potere del genere potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso... ammesso che la notizia sia trapelata", rifletto, in tutta risposta. 

"Lady Tamara potrebbe stare coprendo l'informazione, nascondendola. Amministrando la città oltre i suoi doveri usuali, priva delle direttive normalmente date dalla coppia reale. 

Una cosa, che mi è parsa ormai certa, è questa: noi siamo rimasti, improvvisamente, gli ultimi tre Arconti dell'isola.

Bene o male, giusto o sbagliato. Noi potremmo essere l'ago della bilancia...

Ed ora, Randal... perché non inizi a farci un riassunto delle vostre avventure? La strada è lunga...".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Randal

Si, mi sembra giusto informarvi su cosa ci è capitato..

[Vista la lunghezza del post, e delle millemila info che Randy dovrebbe dare a Fortunale e Sandrine, valutate se non vi conviene leggervi la parte esclusivamente di Randy & Arrigo nel TdG per approfondire argomenti, io non farò una descrizione dettagliata perchè starei qui ore ed ore..]

..ci siamo allontanati dal campo base perchè volevo fare delle ricerche sulla flora e fauna, per il mio libro di ricette insomma, lo sapete, poi ci siamo persi [..] abbiamo sconfitto dei grossi cinghiali e un DRAGO, si UN DRAGO planando si è portato via il nostro bottino, per fortuna perchè pensavamo di essere noi i bersagli [..] poi abbiamo incontrato il Capitano di Forte Adigrat (Arsak) e ci ha accusati di avere rapito il reggente di Ibnat (Lord Iskander), entrambe cittadine di Barusha, posizionate a Ovest, MOLTO a Ovest da qui [..] 
poi ci siamo chiariti e tramite traversìe varie abbiamo conosciuto la figlia del reggente (Lady Kara) [..] ho salvato il Lord tenuto prigioniero in una casa dai goblin in un'altra cittadina, Negash 
..scoprendo poi che non era altro che un impostore che voleva impadronirsi della cittadina di Iskander sostituendosi a lui [..] insomma alla fine della fiera ho salvato due cittadine

Il risultato è che mi sono inimicato il popolo goblin in vece dei parenti di questo tizio che ho ucciso, un tizio pericoloso e capace, Razul sa [..] poi ho intrapreso il viaggio verso il bosco sacro dove speravo di trovare un saggio che potesse togliermi Vendetta [..]
..ho dovuto affrontare altri goblin e un fratello di quello che avevo ucciso, uccidendolo per fortuna, ma ce la siamo vista brutta troppe vole

[..] giunti al bosco siamo arrivati al Tempio di Rao dove abbiamo conosciuto Ardager, un monaco solitario che vive lì che mi ha detto di attraversare la Foresta Sacra per giungere a Samre dove suo fratello, il reggente del villaggio, avrebbe forse potuto fare qualcosa per me
[..] ho trovato Peppiniello nel tragitto
[..] ho conosciuto Abelas in una tomba sotterranea dopo aver perso (DI NUOVO) Arrigo che si era allontanato senza dire dove fosse

.. e ci siamo ritrovati nel circolo di Pietre, il resto lo sapete

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Bellerofonte ha scritto:

Quarto giorno del X mese, anno 1491, ore 20:20 || +162 giorni dalla partenza

Foresta Yechilay, Barusha || Bonaccia, freddo || Cibo per 23 giorni 

Arrigo commenta le avventure di Randal con espressioni tipo "Maroooonn!" ogniqualvolta il racconto raggiunge apici di pathos. Barbara interviene mentre Sandrine parla della morte dei sovrani di Lalibela: "Mentre aspettavamo il vostro ritorno ho trascorso alcuni giorni cercando di parlare con le sentinelle di Samre. Mi hanno detto che il loro capo Galifar è l'unico Somniari dell'isola, che in elfico significa oniromante. Forse della stirpe di Tib- pardòn, Fen'Harel. Il Temibile Lupo potrebbe aver fatto ricadere la colpa su di lui." e Asvig continua "Dando un causus belli contro gli elfi selvaggi che potevano riconoscerlo. Ha pensato a tutto, quel bastàrdo. Randal, quanto tempo pensi che abbiamo prima che le città si uniscano e muovano guerra? E capitano, abbiamo intenzione di combattere ancora le battaglie altrui?"

Edited by Bellerofonte

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fortunale

"Battaglie altrui...gli elfi di Lalibela ci hanno accolto e aiutato. Diamine, ci hanno pagato parecchio bene! Con questo non voglio dire che dobbiamo loro tutto, o anche solo fedeltà...ma amicizia?" scrollo le spalle "non combatteremo la loro guerra, ma nemmeno ce ne andremo voltando loro le spalle nel momento del bisogno"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Randal

Ho conosciuto il Capitano Arsak e Lady Kara - più approfonditamente il primo della seconda - e sono stato insignito di un titolo.. che adesso non ricordo benissimo.. comunque ho salvato la loro città e porto questo anello a dimostrazione di quel che dico.. credo che potrei dire la mia e magari anche a fermare un disastro annunciato.

Andiamo verso Samre? Mi servirebbe conoscere questo Galifar 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 13/5/2019 alle 17:04, Bellerofonte ha scritto:

Quarto giorno del X mese, anno 1491, ore 20:25 || +162 giorni dalla partenza

Foresta Yechilay, Barusha || Bonaccia, freddo || Cibo per 23 giorni 

Asvig si corregge: "E' stato già sparso molto sangue lalibeliano, voglio evitare un'altra guerra. Ma se mi date ordini diversi, capitano, li seguirò." La domanda di Randal trova risposta attraverso Barbara: "Sì, Galifar ci è debitore. Spero solo che quando arriveremo troveremo ancora il villaggio e non un mucchio di legno fumante, se Lalibela pensa che siano stati gli elfi selvaggi a uccidere i loro sovrani." Intanto Arrigo sussurra: "Si' nu Libero Cavalière, Randàl! Ti l'aggia scurdat?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Randal

Libero Cavaliere.. ecco.. si. Con una occhiata e smorfia di sufficienza faccio capire ad Arrigo che in realtà ricordavo l'appellativo del quale mi avevano insignito, solo non ne vado fiero per il mio risaputo ostracismo verso le istituzioni

Non conosco gli elfi selvaggi ma non credo che Lallibela si metta a muovere guerra contro Samre così a caso. Troveremo il villaggio così come lo avete lasciato.. però insomma, sbrighiamoci

@DM

Spoiler

Ma gli spell che posso "infondere" nel cibo si conservano? 
Tipo.. carne essiccata o cose così

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sandrine Alamaire

"Sì, sì, ci sbrighiamo... Ma senza farci ammazzare, eh! Che i morti ri-morti resteranno anche tali, ma i molti nonmorti sono ancora pericolosi!", concludo, infine. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.