Jump to content

Ghal Maraz

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    6,279
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    17

Everything posted by Ghal Maraz

  1. Arn Arn allungó la sua torcia a Babushka, pregandola di prenderla al suo posto, in modo da liberare la mano dello scudo. Avrebbe così reso più salda la sua guardia al passaggio.
  2. Caranthiel "Vi domando scusa, ma io non parteciperò a questa cosa. Come ho più volte detto, sono una guaritrice ed una studiosa, non una guerriera: il mio unico desiderio è raggiungere lesta mastro Dindi, liberarlo da ciò che lo blocca, tenere lontano il Capo Orco da lui - se necessario - e condurlo fuori dalla stanza. Spero possiate capirmi. E no, non mi pare che la chiave serva più, no?", dico, già abbastanza provato dalle uccisioni delle ultime ore e dalla tensione dello sciocco inganno tentato. A mente fredda, mi stanno venendo in mente altri approcci che sarebbero stati meno rischiosi per noi, anche se, probabilmente, più lunghi. E, forse, maggiormente pericolosi per il povero Hobbit. Ma tant'è. Ciò che è fatto, è fatto. Mi tengo pronta a scattare, una sola lama in mano, per difendere il nostro protetto.
  3. Se tu li vedessi e avessi movimento libero, potresti caricare. Altrimenti puoi o muovere, o fare un'altra azione. Tieni comunque presente che round di sorpresa vuol dire che questo round agiamo solo noi. Poi, inizia un nuovo round, ad azioni piene. E lì si va di conteggio di iniziativa. Nel senso che, con un po' di fortuna, qualcuno di noi potrebbe comunque agire prima di loro, anche nel round normale, facendo, in pratica, due turni a fila prima di loro. Scusa, Dmitrij, ma quali sono i conteggi di iniziativa nostri?
  4. Clint Draconis Esistono, nel multiverso, mondi di tutti i tipi. Luoghi che nessuno si aspetta. Luoghi quasi impossibili. E poi, esistono luoghi come Shendilavri. Posti in cui sai cosa potresti aspettarti. E che ti sorprendono comunque. Del resto, esistono specificamente per quello scopo. Clint, dopo qualche secondo dall'arrivo, si accorse di stare, inconsciamente, trattenendo il fiato, mentre cercava di sopprimere la tensione. Dare nell'occhio era assolutamente da evitare, per non attirare eccessive attenzioni. Erano in un luogo specificamente progettato per tentare le creature viventi. Ed ingannarle. Dovevano sopravvivere, a tutti i costi, nonostante ciò. E con le loro anime intatte. Ma dovevano anche, ugualmente, interagire con quel luogo e con i suoi abitanti. Subito, si rivolse ad Oceiros: "Credi sia il caso di leggere già una delle pergamene che hai acquistato coi soldi offerti da mio zio?". Guardò poi Bjorn e, successivamente, Evelynn: "Suggerisco che il cubo lo custodisca Bjorn, quando non ne abbiamo bisogno". Non voleva imporre nulla a nessuno, ma cercò il conforto visivo di Oceiros, Trull e di Bjorn stesso, a questa sua affermazione. Non solo dovevano sopravvivere. Non solo dovevano conservare le loro anime. Non solo dovevano trovare quel filatterio. Dovevano anche tornare a casa, alla fine. Quasi subito, una dei residenti gli si rivolse. La stessa titubanza della donna nel dargli la mano fece riflesso alla sua: il luogo degli inganni andava oltre le parole. Non avrebbero mai potuto sapere chi fossero veramente le persone con cui avrebbero parlato. O che avrebbero dovuto toccare. Clint rivolse una preghiera silenziosa a Bahamut e prese la mano della Mezzelfa (se Mezzelfa era, invero!), a cui rivolse un leggero, perfetto bacio: "No, mia signora, mi dispiace ritenere che non ci conosciamo, dacché me lo ricorderei certamente! Siamo appena giunti in questa... zona... in effetti. Il mio nome è Klimt Connor, madamigella, è un immenso piacere conoscervi". Non era strettamente indispensabile che gli abitanti del posto conoscessero i loro veri nomi, ma era anche bene non eccedere nelle bugie: in fondo, un piccolo errore di pronuncia del nome ed un vecchio cognome erano una menzogna facilmente scusabile! E poi, quel Klimt, di cui aveva sentito parlare, pareva essere un discreto imbrattatele: si appuntó di chiedere un parere su di lui a Vixenia. Se mai fossero tornati. "Credete, mia signora, di poter essere tanto gentile da condividere qualche indicazione su queste parti? Sapete se esistono luoghi ove si recano i nuovi arrivati? Devo ammettere di sentirmi un poco spaesato e voi mi sembrate una fanciulla di grande gentilezza e cortesia: mi potete forse aiutare? Se non vi chiedo troppo, ovviamente!". Poi, facendo come per studiare l'ambiente con occhi nuovi, l'adepto aggiunse, con tono vago: "Curioso, non mi sembra di vedere in giro degli Hin: attirano così poco gli Halfling, questi luoghi tanto gradevoli? Avrei detto fosse un posto di grande gradimento, per quella genìa...".
  5. Clint Draconis Aggiornato velocemente dai compagni sui principali sviluppi, Clint si precipitò in un emporio stregonesco, che aveva già addocchiato, ma non ancora visitato nella concitazione di quei due giorni. Spese un poco dei suoi risparmi personali avanzati in qualche trucchetto magico, da giocarsi tipo asso nella manica, per poi tornare dai compagni, per la separazione definitiva. Gli rimaneva, principalmente, da salutare Chandra, che abbracció con riconoscenza, ringraziandola per il suo ruolo del giorno precedente. Passò poi ad onorare Tom Po e Liang, davanti ai quali si inchinó profondamente, ed a ricambiare l'augurio e la confidenza di Golban, a cui rispose con una benedizione di Bahamut. Infine, salutó con un sorriso i nuovi arrivati, Winn'ler e Dravicov, per poi tornare ad invocare la protezione del Drago di Platino, a custodia di Sharifa. Guardò infine il cubo nelle mani di Seline, con un sospiro. DM (ultimi acquisti, se ho tempo)
  6. Mogmurch Veh, se non sanno inventare giochi stupidi, 'sti qua! Caccio una bevuta di Puliscibudella di Casa Mogmurch e poi comincio a rimbalzare lungo l'asse, lanciando pernacchie agli uccellacci schifosi (e, purtroppo, immangiabili) che provano a beccarmi. Almeno finché quel cretino mezzo orbo di Poog non prova a darmi fuoco al culo!!!
  7. Temo di non avere nulla di adatto: l'unica cosa di carattere comunicativo che possiede Caranthiel è la specialità Rime di Sapienza. Comunque, Persuasione è +3.
  8. Clint Draconis Alcova (si fa per dire) Clint raggiunse i compagni con una nota di sollievo nel volto, facendosi poi ragguagliare sugli ultimi preparativi. Sorpreso dal gesto di Constantin, lo abbracció di tutta risposta, ringraziandolo per ciò che aveva fatto per lui nel corso di quegli ultimi mesi: "Acquastrino è proprio come me la avevate descritta, zio". Ricambiò il lungo bacio di Calixtria, promettendole il ritorno con un sorriso: "Non temere, mia signora, sono tra gente di assoluta fiducia. Sono un uomo fortunato". Si congedó, infine, anche da Vixenia: "E vedrò anche i tuoi dipinti, cugina, quando sarò di ritorno, finalmente. Te lo prometto". Cercò con lo sguardo Trull, Bjorn, Oceiros e Celeste. Persino Evelynn. E seppe che tutto era al suo giusto posto.
  9. Carter Carter affiancò Ludwig, salutando i due ufficiali cordialmente: "Sono il professor Carter Grant, docente presso la Miskatonic University di Arkham, negli USA. Ovviamente, ho i miei documenti con me. Se possibile, sarebbe meglio, in effetti, parlare in un posto più appartato".
  10. Victor "Non ne ho idea. Non ho mai nemmeno visto un Titano dal vivo, prima, in vita mia. Comunque, sono dell'idea che faremmo meglio a finire il giro di esplorazione, prima di provare ad agire sugli Spiriti Macchina...", rispose, più o meno, Victor.
  11. Caranthiel 'Va bene, proviamo...'. Arretro di diversi passi nella caverna, per poi mettermi a gridare in una lingua oscena e gutturale. (Orchesco) "Avete sfidato il Nuovo Grande Goblin! Avete perso! Il vostro capo è morto là fuori ed adesso vi fate guidare da uno che non sa proteggervi, mentre vi nasconde tutto il vino miglior, se lo scola in gran segreto, mangia la carne migliore ed ha paura di un piccolo Hobbit incatenato! Persino il vino vi ruba sotto il naso e vi costringe a bere annacquato quel poco che vi lascia!".
  12. Andrej Tars Mormoro qualche sillaba arcana, che mi fa scaturire in mano quattro luci colorati, le quali, subito, piroettano all'interno della stanza. DM
  13. Sì, quindi non è una regola generale, che non si possa fare. Volevo capire quello.
  14. Mía "Mmmmhhhh... sì. Sì. È possibile", rifletté Mía, a voce alta.."Conviene dunque liberarsi dei sacchi e poi ripartire".
  15. Sturm "No, Flint... Vado io. Se la corrente dovesse essere davvero troppo forte, Tass non riuscirebbe ad opporsi, col rischio, poi, che la corda si spezzi. Inoltre, non è proprio detto che riesca ad attraversare", ragionó allora Sturm.
  16. Arn si apposta in un punto da cui può bloccarli nella avanzata lungo il ponte.
  17. Intanto... Iniziativa: GhalMaraz: roll 1D20+1 → 21(20 + 1)#Iniziativa Andrej Manovre pronte: GhalMaraz: roll 1D5 → 4(4)#prima manovra pronta Andrej Battle Leader's Charge GhalMaraz: roll 1D4 → 3(3)#seconda manovra pronta Andrej Mountain Hammer
  18. Andrej Tars "Sì, sì, sì, sta bene. Butto uno sguardo io alle porte", rispondo, prima di accostarmi alle uscite, guardingo. Appoggio l'orecchio, prima di aprire la porta di sinistra. DM
  19. Clint Draconis Clint ebbe a malapena il tempo di confortare Vixenia, abbandonatasi ad uno slancio di affetto imprevisto, ma sentito: "Clint andrà benissimo, a questo punto, Vixenia! Spero tu possa vedermi come un volto amico, non come un semplice parente dimenticato apparso dal nulla". Ma l'intervento della novella sposa pose ben presto fine ad ogni ulteriore dialogo: Calixtria pareva padrona assoluta della situazione, come a controllare l'operato di Clint - e di chi gli stava attorno - con gli occhi di un falco (o, forse, piuttosto, di un drago verde?). Il tempo scivoló via, per il resto, tra le trame di una celebrazione su cui Clint non aveva avuto alcun controllo, fino al momento, decisamente celebrato, dell'accompagnamento della coppia al talamo. E fu lì che Clint ebbe modo di capire se parte dei suoi dubbi fossero mal posti. Oppure no.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.