Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Anteprima Tasha's Cauldron of Everything #3 - Tatuaggi Magici

Continua la scoperta di nuove anteprime sulla prossima espansione meccanica di D&D 5e, nascoste dalla WotC in una mappa online di Icewind Dale.

Read more...
By senhull

Non Preparare Trame

Per preparare le sessioni è meglio concentrarsi sul creare delle situazioni da presentare ai giocatori. Preparare delle trame delineate e specifiche è controproduttivo.

Read more...

Fantasmi

Eccovi il terzo di una serie di articoli che vanno a guardare sotto una luce nuova molti dei mostri iconici dei nostri giochi, suggerendo nuovi approcci per usarli.

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Scarlet Citadel

La nuova campagna dungeon crawl della Kobold Press per D&D 5E vi porterà dentro un enorme dungeon in un'avventura di stampo classico.

Read more...

Ryuutama, Gioco di Ruolo Natural Fantasy

Ryuutama parla dell'esplorazione un mondo bucolico ed idilliaco, eccovi la recensione di questo nuovo gioco di ruolo fantasy proveniente dal Giappone e tradotto anche in italiano.

Read more...

Sono l'unico che non riesce più ad apprezzare fumetti e cartoni?


Recommended Posts

Mi sono reso tristemente conto di non riuscire ad apprezzare più quasi nessun fumetto o cartone o serie tv con personaggi in carne ed ossa, siano essi americani o giapponesi, vecchi o moderni.
Trovo quelli vecchi pacchiani e ridicoli, mentre quelli moderni troppo cupi e, nel caso di manga e anime, con troppo fanservice gratuito.
Sono l'unico che ha questo genere di problema?

Edited by Ian Morgenvelt
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

  • Replies 28
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

di cowboy bepop c'è anche il lungometraggio, è carino, ma parlando di virus potrebbe non venir apprezzato appieno in questo periodo.

Io più o meno, le robe giapponesi le guardo ancora mentre con serie tv e fumetti americani bisogna pescare dentro un mucchio di letame da quando i social justice warrior hanno preso possesso delle sce

A me invece pare che le serie TV di oggi, una volta ce le saremmo solo sognate, soprattutto nel fantastico. The Expanse e le prime due stagioni di Stranger Things sono stupendi. Altered Carbon è ottim

2 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Mi sono reso tristemente conto di non riuscire ad apprezzare più quasi nessun fumetto o cartone o serie tv con personaggi in carne ed ossa, siano essi americani o giapponesi, vecchi o moderni.
Trovo quelli vecchi pacchiani e ridicoli, mentre quelli moderni troppo cupi e, nel caso di manga e anime, con troppo fanservice gratuito.
Sono l'unico che ha questo genere di problema?

Io più o meno, le robe giapponesi le guardo ancora mentre con serie tv e fumetti americani bisogna pescare dentro un mucchio di letame da quando i social justice warrior hanno preso possesso delle sceneggiature e del casting.

Però il cupo non mi dispiace, è il "woke" che proprio non riesco a sopportare.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Boh, io bene o male ci riesco ancora (o meglio ci riuscivo). Nel caso di manga, tiro giù una tantum dallo scaffale -o scatolone- solo i nr che preferisco o non ricordo. Chiaramente non riguarderei l'ennesima replica televisiva di tutto dragonball e dbz con puntate filler, censure e adattamenti inclusi. 

Poi vabbé, come accennavo in parentesi, in sto periodo di casino  la voglia è un pò altalenante a 360° in generale e -nella speranza che l'inerzia sopperisca- provo a distrarmi per conservare qualche interesse...onde evitar di andar in depressione o dar i numeri.

 

Non so, magari prova a veder come va con un film d'animazione (chessò: quelli di Hayao Miyazaki, o altri classici tipo Akira, Ghost in the Shell o Patlabor2), qualche oav o remake o spin off di serie note. O spulcia su You Tube e così via, io a volte scopro serie che manco conoscevo o mi accorgo dell'esistenza delle versioni anime di qualche manga. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Bho, onestamente mi sono solo accorto che molte delle cose che adoravo da piccolo ora è meglio se non le riguardo altrimenti mi rovino il ricordo che mi ero fatto.
Ma da qua a dire che tutte le serie animate/fumetti sono insopportabili ce ne passa.

Tanto per fare un esempio, negli ultimi anni ho apprezzato moltissimo adventure time, gravity falls e più recentemente il reboot di ducktales. Tutte serie animate "leggere" ma che hanno riservato un sacco di piacevoli sorprese.

Possiamo stare a discutere sulla grafica con cui sono realizzati (che può piacere o meno), ma credo che a livello di scrittura siano tutt'altro che sciocchezze.

 

Lo stesso discorso si può fare con i fumetti, l'ultimo che ho letto è stato murder falcon. A cercarlo su google immagini sembra che sia tenacius d feat pacific rim, poi lo leggi e arrivi a fine storia con il magone e lacrime di commozione.

Edited by tamriel
  • Like 1
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
17 ore fa, Grimorio ha scritto:

mentre con serie tv e fumetti americani bisogna pescare dentro un mucchio di letame da quando i social justice warrior hanno preso possesso delle sceneggiature e del casting.

Beh Adventure Times e il remake di Ducktales sono roba di grandissimo pregio secondo me.

Link to post
Share on other sites
19 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Mi sono reso tristemente conto di non riuscire ad apprezzare più quasi nessun fumetto o cartone o serie tv con personaggi in carne ed ossa, siano essi americani o giapponesi, vecchi o moderni.
Trovo quelli vecchi pacchiani e ridicoli, mentre quelli moderni troppo cupi e, nel caso di manga e anime, con troppo fanservice gratuito.
Sono l'unico che ha questo genere di problema?

io ho dal nuovo millennio ho iniziato a notare un mio calo di interesse verso molti stili , impostazioni e\o idee .

vaglio le opere (nuovo) quando posso , ma mi affeziono a poche di queste .

di solito non rimango deluso da autori che conosco (spesso , ma non sempre) .

Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Beh Adventure Times e il remake di Ducktales sono roba di grandissimo pregio secondo me.

Si, io intendevo pescare le perle in mezzo al letame, entrambe le cose che citi piacciono anche a me (stile di disegno di Adventure Time a parte)

Link to post
Share on other sites

Mi sento di condividere in parte il tuo pensiero e ti dico che secondo me è anche colpa della saturazione del mercato.

Oggigiorno tra tutti i prodotti che ci sono in streaming si rimane a volte spaesati e non è facile che un prodotto riesca a spiccare in mezzo alla marea di roba disponibile. A volte mi ritrovo a scorrere la bacheca di Netflix o Amazon Prime senza poi decidere cosa guardare (e di roba discreta ce ne sarebbe anche).
Pochi anni fa mi bastava poco per guardare una serie; ora sono molto più esigente e in compenso mi godo meno l'intrattenimento.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
21 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

non riuscire ad apprezzare più quasi nessun fumetto o cartone o serie tv con personaggi in carne ed ossa, siano essi americani o giapponesi, vecchi o moderni.
Trovo quelli vecchi pacchiani e ridicoli, mentre quelli moderni troppo cupi e, nel caso di manga e anime, con troppo fanservice gratuito.
Sono l'unico che ha questo genere di problema?

Quelli vecchi o erano veramente ben fatti o oggi, 2020, pagano l'evolversi degli usi e costumi.

Per quanto riguarda gli anime, ce ne sono talmente tanti, e ne vengono prodotti talmente tanti che è facile incappare  consecutivamente in tre/quattro/cinque schifezze prima di trovare qualcosa di bello o comuqnue interessante.

Questa estate ne ho visti diversi (penso una trentina), ma almeno il doppio li abbandonati schifato/deluso dopo alcune puntate o  dopo 5 minuti. Questo penso sia indipendentemente dal gusto personale. Alcuni erano recenti, altri con qualche annetto, dei generi più disparati.

Bisogna aver pazienza e scavare che qualcosa di soddisfacente la si trova.

Le serie tv quelle di oggi el consoco poco e non saprei dire... ma non so se mi paicerebbero, almeno a leggernene gli incipt.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
10 ore fa, Nyxator ha scritto:

Non so, magari prova a veder come va con un film d'animazione (chessò: quelli di Hayao Miyazaki, o altri classici tipo Akira, Ghost in the Shell o Patlabor2), qualche oav o remake o spin off di serie note. O spulcia su You Tube e così via, io a volte scopro serie che manco conoscevo o mi accorgo dell'esistenza delle versioni anime di qualche manga.

Ormai guardo quasi solo film d'animazione (di Miyazaki credo di aver visto tutto o quasi... quell'uomo è un genio! Di "Ghost in the Shell" ho visto tutte le versioni, e nessuna mi ha deluso).
Tra un'anime, e il manga da cui è tratto, preferisco sempre il manga: meno filler, in genere una migliore introspezione ed evoluzione dei personaggi, maggiore serietà.

 

10 ore fa, tamriel ha scritto:

Bho, onestamente mi sono solo accorto che molte delle cose che adoravo da piccolo ora è meglio se non le riguardo altrimenti mi rovino il ricordo che mi ero fatto.

Ecco, è questo quello che volevo dire: cose che da piccolo guardavo con occhi più "innocenti", ma di cui ora vedo tutti i limiti (epoca in cui erano fatti, target a cui erano indirizzati).
Poi, sfortunatamente, io ho un'ottima memoria per le cose che mi piacciono, quindi alle volte mi basta vedere i primi minuti dell'episodio di un cartone/anime/serie tv/film/film d'animazione, e ricordo il resto, e mi prende una sensazione di noia che mi spinge a smettere di guardare... sò che è una cosa stupida, sono il primo a dirlo e ad odiarmi per questo, me alle volte è più forte di me.

10 ore fa, tamriel ha scritto:

Ma da qua a dire che tutte le serie animate/fumetti sono insopportabili ce ne passa.

Ok, ammetto di avere un pò esagerato, per amore di discussione; in realtà ci sono parecchie cose recenti che mi sono piaciute; alcuni esempi sparsi sono:

  • Tra i manga, "Kimetsu no yaiba" e "Boku no hero academia".
  • Tra i cartoni americani, "Avengers, i più potenti eroi della Terra" (non perdonerò mai chi ha permesso che quella serie morisse, per creare quell'aborto di "Avengers Assemble"), "Justice League" e "Justice League Unlimited" (mentre non sono riuscito a finire nemmeno il primo episodio di "Justice League Action" e "Batman: the brave and the bold"); poi ci sono i vari film d'animazione Marvel e DC, che mi sono piaciuti quasi tutti.

Diciamo che il problema maggiore è una seria assenza di serie tv (in special modo di fantascienza) che riesca a stimolare il mio interesse.

10 ore fa, tamriel ha scritto:

Possiamo stare a discutere sulla grafica con cui sono realizzati (che può piacere o meno)

Ah, guarda, se la storia è interessante e ben sviluppata, della grafica non me ne può fregare di meno... uno dei cartoni che mi sono piaciuti di più, negli ultimi anni (e uno dei pochi che riguardo con piacere ancora oggi), è "Samurai Jack"!

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
31 minuti fa, MattoMatteo ha scritto:

Diciamo che il problema maggiore è una seria assenza di serie tv (in special modo di fantascienza) che riesca a stimolare il mio interesse.

La serie The Clone Wars non è affatto male.

31 minuti fa, MattoMatteo ha scritto:

Tra un'anime, e il manga da cui è tratto, preferisco sempre il manga: meno filler, in genere una migliore introspezione ed evoluzione dei personaggi, maggiore serietà.

Concordo in generale, anche se ogni tanto c'è il raro caso inverso (per esempio Gintama, Attack On Titan, Haikyuu, Made in Abyss, Usagi Drop, Planetes o The Promised Neverland)

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

@MattoMatteo nel caso tu non l'abbia già visto ti consiglio Cowboy Bebop, ha più o meno tutto quello che cerchi: fantascienza, momenti seri, introspezione dei personaggi e pochi filler. L'ho riguardato di recente ed è davvero un anime eccezionale.

Edited by Knefröd
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Alonewolf87 ha scritto:

La serie The Clone Wars non è affatto male.

Quella disegnata da Genndy Tartakovsky, o quella fatta in CG?

 

12 ore fa, Knefröd ha scritto:

@MattoMatteo nel caso tu non l'abbia già visto ti consiglio Cowboy Bebop, ha più o meno tutto quello che cerchi: fantascienza, momenti seri, introspezione dei personaggi e pochi filler. L'ho riguardato di recente ed è davvero un anime eccezionale.

In effetti è un'anime che dovrei rivedere; la prima volta era piaciuto molto anche a me. :thumbsup-old:

Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
1 minuto fa, MattoMatteo ha scritto:

Quella disegnata da Genndy Tartakovsky, o quella fatta in CG?

Quella in CG del 2008

Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

Quella in CG del 2008

In tal caso mi consiglieresti anche "Star Wars: Rebels" e "Star Wars: Resistance"?

 

Altra domanda, per tutti: tenendo presente che, come esempi di serie tv di fantascienza, mi sono piaciuti sia "Stargate SG1", "Star Trek Enterprise", "Fringe", Doctor Who" (ma solo i dottori 9/10/11, con Tennant come preferito, mentre i dottori 12 e 13 non mi sono piaciuti), e "Primeval", mi consigliereste di vedere "Agents of Shield"?

Link to post
Share on other sites
In questo momento, MattoMatteo ha scritto:

In tal caso mi consiglieresti anche "Star Wars: Rebels" e "Star Wars: Resistance"?

 

Altra domanda, per tutti: tenendo presente che, come esempi di serie tv di fantascienza, mi sono piaciuti sia "Stargate SG1", "Star Trek Enterprise", "Fringe", Doctor Who" (ma solo i dottori 9/10/11, con Tennant come preferito, mentre i dottori 12 e 13 non mi sono piaciuti), e "Primeval", mi consigliereste di vedere "Agents of Shield"?

no, l'ho seguita a fatica solo perchè è marvel, è veramente sciocca.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
  • Moderators - supermoderator
4 minuti fa, MattoMatteo ha scritto:

In tal caso mi consiglieresti anche "Star Wars: Rebels" e "Star Wars: Resistance"?

Non li ho visti purtroppo, ma ho sentito parlare bene di Rebels.

4 minuti fa, MattoMatteo ha scritto:

Altra domanda, per tutti: tenendo presente che, come esempi di serie tv di fantascienza, mi sono piaciuti sia "Stargate SG1", "Star Trek Enterprise", "Fringe", Doctor Who" (ma solo i dottori 9/10/11, con Tennant come preferito, mentre i dottori 12 e 13 non mi sono piaciuti), e "Primeval", mi consigliereste di vedere "Agents of Shield"?

No (al massimo fermati alla stagione 2), piuttosto guardati The Expanse.

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites
2 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

In tal caso mi consiglieresti anche "Star Wars: Rebels" e "Star Wars: Resistance"?

Rebels ha dei momenti molto evocativi, ma la prima stagione è lenta e non mi ha fatto venir voglia di proseguire. Per apprezzarlo fino in fondo ti conviene guardare prima The Clone Wars (sono 6 stagioni complete + la 7° che sta uscendo adesso), serie molto ben fatta (se n'è occupato Dave Filoni, lo stesso di The Mandalorian).

2 ore fa, MattoMatteo ha scritto:

Altra domanda, per tutti: tenendo presente che, come esempi di serie tv di fantascienza, mi sono piaciuti sia "Stargate SG1", "Star Trek Enterprise", "Fringe", Doctor Who" (ma solo i dottori 9/10/11, con Tennant come preferito, mentre i dottori 12 e 13 non mi sono piaciuti), e "Primeval", mi consigliereste di vedere "Agents of Shield"?

Prima stagione sì, in particolare se la metti nel contesto dei film usciti prima di Captain America 2. Le stagioni successive alternano buone idee a momenti di vuoto e sono meno integrate nella continuity.

Su Doctor Who nella run del 13° non mi esprimo, visto com'è andata l'ultima stagione (quella appena conclusasi), sul 12° ci sono purtroppo stati pochissimi episodi in cui ho potuto apprezzare il personaggio. Peccato perché di potenzialità ne aveva.

Tornando alla domanda originale, dedico poco tempo alle serie, perciò inizio a vederne una solo se mi interessa particolarmente l'argomento (DW, SW, AoS), e in tal caso sono meno esigente, o se trovo che abbia idee valide e una buona trama (WestWorld, Deep Space Nine le ultime stagioni, Good Omens).
Di animazione qualche mese fa avevo iniziato a vedere Paranoia Agent, ho smesso dopo i primi episodi per mancanza di tempo ma mi stava piacendo non poco. Quasi quasi con questo blocco forzato mi rimetto in pari.

Link to post
Share on other sites
Il 11/3/2020 alle 10:54, MattoMatteo ha scritto:

In tal caso mi consiglieresti anche "Star Wars: Rebels" e "Star Wars: Resistance"?

Ti consiglio Rebels, a me è parsa ben fatta.
E per lo sci-fi un po' datato prova Babylon5!

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By ARRY
      Buongiorno, vi scrivo per un'informazione, sono un grandissimo appassionato di Tolkien e credo di aver letto praticamente tutti i suoi romanzi tradotti in italiano. Ora vorrei leggere una sua biografia ma ho visto che ne sono state pubblicate e tradotte in italiano varie edizioni e non so quale scegliere. Personalmente cerco un'opera che non sia solo il racconto di una successione di eventi ma un'opera che mi dia anche un punto di vista critico sull'opera del grande scrittore. Come esempio di una biografica "critica" molto ben riuscita personalmente citerei "Io sono vivo, voi siete morti" di Emmanuel Carrèr.   Sapreste consigliarmi qualcosa di simile sulla vita di Tolkien?  
    • By Demetrius
      Ecco a voi un intervista con Thomas Härenstam, il CEO della Free League, una casa editrice di GdR svedese, celebre per Tales from the Loop e con ora in mano la licenza dei giochi di ruolo ambientati nella Terra di Mezzo.
      Articolo di Egg Embry del 03 Aprile
      Tales from the Loop è adesso in streaming su Amazon Prime e, per sfruttarne i riflettori, la Free League Publishing sta lanciando dei nuovi prodotti. Inoltre, il loro Free League Workshop sta crescendo e stanno acquisendo la licenza per i giochi di ruolo da tavolo della Terra di Mezzo (prodotti come L'Unico Anello e Avventure nella Terra di Mezzo di Francesco Nepitello, NdT). Il CEO della Free League, Thomas Härenstam, mi racconta di questi risultati, della loro storia con Simon Stålenhag, il creatore di TftL, e su cos'altro stanno lavorando.

      EGG EMBRY (EGG): Questa è la nostra terza intervista (ALIEN RPG su EN World e la chiacchierata su come la Free League Publishing supporta i rivenditori di Around the Table #2 di GAMA) e voglio ringraziarti per aver trovato il tempo di parlarmi. Detto questo, Tales From The Loop di Simon Stålenhag ha ispirato sia il pluripremiato gioco di ruolo da tavolo della Free League sia la serie ora in streaming di Amazon. Cosa vi ha spinto a trasformare le opere d’arte di Simon in questo gioco di ruolo? Com’è iniziato tutto?
      TOMAS HÄRENSTAM (TH): Ciao e grazie per avermi invitato! La nostra collaborazione con Simon risale a molto tempo fa. Noi, così come molti altri, abbiamo iniziato a notare le sue opere d’arte nel 2013. A quel tempo aveva semplicemente pubblicato il tutto sul suo blog. Attraverso un conoscente in comune ci siamo messi in contatto con Simon e abbiamo iniziato a discutere di pubblicare le sue creazioni in un formato da artbook. Presto ci siamo resi conto che non c'era solo dell'arte: Simon aveva creato un intero universo e aveva scritto racconti abbinati alle immagini. Abbiamo pubblicato l'originale Tales from the Loop artbook, all'inizio solamente in svedese, nel 2014. L'anno successivo, abbiamo realizzato un Kickstarter per l'edizione inglese di Tales e il libro successivo, Things from the Flood, ed è allora che le cose sono davvero decollate. Per quanto riguarda il gioco di ruolo - come editore di giochi, l'idea di creare un gioco di ruolo basato sul lavoro di Simon è nata in modo molto naturale. Quando siamo entrati in contatto con Nils Hintze e lo abbiamo assunto come lead writer del progetto, le cose sono passate rapidamente dall'idea alla realtà. Dopo il successo di Stranger Things nell'estate del 2016, abbiamo spinto sempre di più sul progetto e abbiamo lanciato un Kickstarter per Tales from the Loop RPG più tardi nello stesso anno. Il gioco è stato quindi rilasciato nell'aprile 2017.
      EGG: le opere d'arte di Simon Stålenhag hanno ispirato Tales From The Loop - The Roleplaying Game, Our Friends The Machines & Other Mysteries, Out of Time Mystery Compendium, e Things From The Flood - The Roleplaying Game. Con la serie Amazon lanciata oggi, quale nuovo prodotto state rilasciando per sfruttare questo prezioso riflettore?
      TH: Tre cose, in realtà. Innanzitutto, il nuovo Starter Set per Tales from the Loop RPG, che include un nuovo Mistero completo da giocare con personaggi pre-generati. Sarà lanciato ad Aprile. In secondo luogo, una nuova edizione dell'artbook di Tales from the Loop. La terza novità non è stata ancora annunciata, ma sarà fatto molto presto...
      [NOTA DELL'AUTORE: da quando ha condotto questa intervista, Free League ha annunciato la sua terza proposta per TftL. "Martedì prossimo, 7 aprile alle 15:00 CEST, lanceremo il Kickstarter per TALES FROM THE LOOP BOARD GAME, un gioco da tavolo cooperativo ambientato nell'universo creato da Simon Stålenhag e con miniature di Dust Studio di Paolo Parente.”]
      EGG: Tales From The Loop e lo Year Zero Engine (ossia il suo motore di gioco) sono prodotti molto apprezzati in quanto hanno ottenuto numerosi riconoscimenti, alcuni dei quali sono elencati qui e qui. Perché quel motore funziona così bene nel creare divertimento attorno al tavolo da gioco?
      TH: Bella domanda! L'obiettivo cardine della progettazione è un sistema intuitivo e facile da imparare, che non interferisca con il gioco di ruolo, ma che al contempo supporti i temi chiave del gioco in questione. Penso che lo Year Zero Engine faccia tutto questo abbastanza bene. È anche facile da modificare e aggiustare, che è la motivazione per cui lo usiamo anche per ambientazioni e giochi molto diversi.
      EGG: Tra la visibilità di questo gioco di ruolo e altri giochi come ALIEN RPG, ci sono piani per costruire un programma di eventi di gioco organizzato?
      TH: Un'altra bella domanda! Un programma di gioco organizzato è qualcosa che finora non siamo riusciti a realizzare, ma ne abbiamo discusso recentemente con diversi partner al GAMA Trade Show e le cose su questo fronte dovrebbero iniziare ad avvenire molto presto.

      EGG: I nuovi giocatori possono passare dal set iniziale in scatola al manuale delle regole e alle avventure. Per coloro che quindi vogliono di più, di cosa tratta Things From The Flood - The Roleplaying Game?
      TH: Definiamo Things From The Flood un gioco sequel di Tales from the Loop. Condividono lo stesso universo, ma Things è ambientato negli anni '90 e si concentra su dei personaggi più grandi come età. I temi sono più scuri e presentano elementi più forti di orrore e stranezze. Potete persino fare "diplomare" i vostri personaggi da Tales e trasferirli su Things man mano che invecchiano.
      EGG: Avete collaborato con Sophisticated Games per pubblicare i giochi di ruolo basati su Middle-earth di J.R.R Tolkien. Saranno quindi le continuazioni delle linee editoriali di Avventure nella Terra di Mezzo per Dungeons & Dragons 5a Edizione e L'Unico Anello?
      TH: Sì, questa è l'idea!

      EGG: Cubicle 7 ha pubblicato questi giochi, ora stai prendendo il controllo. Come è nato questo accordo?
      TH: Il nostro accordo è con il titolare della licenza Sophisticated Games e Francesco Nepitello, il designer principale di L'Unico Anello. Dopo che loro e Cubicle 7 hanno seguito strade separate - qualcosa di cui ovviamente non avevamo alcuna parte - si sono avvicinati a noi. Riteniamo di avere una filosofia molto simile a quella di Francesco quando si tratta di game design e lui sembra vederla allo stesso modo. Pensiamo semplicemente che L'Unico Anello si adatti perfettamente al nostro portfolio e non vediamo l'ora di scoprire cosa potremo fare insieme.
      EGG: So che è presto, ma c'è qualche discussione sull'uso di questa impostazione in combinazione con lo Year Zero Engine?
      TH: Attualmente, il piano è di pubblicare una nuova edizione di L'Unico Anello con le regole progettate da Francesco, sviluppando ulteriormente le regole della prima edizione. Molto probabilmente non si utilizzerà il motore di gioco Year Zero Engine. Detto questo, saremo sicuramente coinvolti nel processo di design e avremo il nostro contributo sulle regole. Non vedo l'ora di avere con Francesco molte discussioni interessanti e gratificanti riguardanti il design!
      EGG: spostiamo l'attenzione da TFTL e Middle-earth a un altro progetto: Free League Workshop (FLW) su DriveThruRPG. Questo è il vostro programma di contenuti creati dalla community. Nel FLW, per quali sistemi e giochi i fan possono scrivere contenuti? Come è stata la reazione?
      TH: Attualmente, il programma è aperto a Forbidden Lands, Symbaroum, Coriolis e Mutant: Year Zero. Dovrebbe seguire a breve Tales from the Loop. La reazione è stata finora eccezionale! Sappiamo di avere una comunità molto creativa e siamo molto felici di poter offrire tale sfogo per questo.
      EGG: i giochi della Free League sono stati localizzati in più lingue attraverso diversi partner editoriali. Esistono versioni localizzate del Free League Workshop oppure tutte le parti che creano dei lavori originali dovrebbero passare attraverso quell'hub?
      TH: Al momento, i prodotti di Free League Workshop devono essere in inglese o svedese. Se possibile, lo estenderemo in futuro.
      EGG: Oltre Tales From The Loop e il Free League Workshop, su cosa sta lavorando la Free League?
      TH: Molte cose! Abbiamo molti prodotti legati ad ALIEN in lavorazione: prima c'è un nuovo Starter Set e un nuovo scenario cinematografico chiamato Destroyer of Worlds, e poi un manuale di Campagna per i Marine Coloniali. Per Forbidden Lands, lanceremo presto un nuovo enorme manuale di campagna chiamato The Bitter Reach. Stiamo anche lavorando al prossimo capitolo dell'epica campagna Mercy of the Icons per Coriolis, una conversione a 5E e altro per Symbaroum, e ovviamente l'imminente gioco di ruolo di Gothic Horror Vaesen. E molto altro ancora che non siamo ancora pronti ad annunciare!
      EGG: siete molto impegnati! Grazie per aver parlato con me. Dov’è che i fan possono saperne di più sulla Free League Publishing?
      TH: sul nostro sito Web o su Facebook. Grazie!
      Potete leggere la mia recensione di ALIEN RPG della Free League (qui), Coriolis (qui) e Symbaroum (qui). Lo Starter Set di Tales from the Loop RPG è disponibile per il pre-ordine (qui). Free League Workshop è disponibile tramite DriveThruRPG.
      La serie di Tales from the Loop viene trasmessa in streaming su Amazon Prime a partire dal 3 aprile.
      Egg Embry partecipa al OneBookShelf Affiliate Program ed è un associato Amazon. Questi programmi forniscono commissioni pubblicitarie collegandosi a DriveThruRPG e Amazon.
      Articolo originale: https://www.enworld.org/threads/tales-from-the-loop-middle-earth-and-free-league-interview-with-tomas-härenstam.671219/
      Visualizza articolo completo
    • By Demetrius
      Articolo di Egg Embry del 03 Aprile
      Tales from the Loop è adesso in streaming su Amazon Prime e, per sfruttarne i riflettori, la Free League Publishing sta lanciando dei nuovi prodotti. Inoltre, il loro Free League Workshop sta crescendo e stanno acquisendo la licenza per i giochi di ruolo da tavolo della Terra di Mezzo (prodotti come L'Unico Anello e Avventure nella Terra di Mezzo di Francesco Nepitello, NdT). Il CEO della Free League, Thomas Härenstam, mi racconta di questi risultati, della loro storia con Simon Stålenhag, il creatore di TftL, e su cos'altro stanno lavorando.

      EGG EMBRY (EGG): Questa è la nostra terza intervista (ALIEN RPG su EN World e la chiacchierata su come la Free League Publishing supporta i rivenditori di Around the Table #2 di GAMA) e voglio ringraziarti per aver trovato il tempo di parlarmi. Detto questo, Tales From The Loop di Simon Stålenhag ha ispirato sia il pluripremiato gioco di ruolo da tavolo della Free League sia la serie ora in streaming di Amazon. Cosa vi ha spinto a trasformare le opere d’arte di Simon in questo gioco di ruolo? Com’è iniziato tutto?
      TOMAS HÄRENSTAM (TH): Ciao e grazie per avermi invitato! La nostra collaborazione con Simon risale a molto tempo fa. Noi, così come molti altri, abbiamo iniziato a notare le sue opere d’arte nel 2013. A quel tempo aveva semplicemente pubblicato il tutto sul suo blog. Attraverso un conoscente in comune ci siamo messi in contatto con Simon e abbiamo iniziato a discutere di pubblicare le sue creazioni in un formato da artbook. Presto ci siamo resi conto che non c'era solo dell'arte: Simon aveva creato un intero universo e aveva scritto racconti abbinati alle immagini. Abbiamo pubblicato l'originale Tales from the Loop artbook, all'inizio solamente in svedese, nel 2014. L'anno successivo, abbiamo realizzato un Kickstarter per l'edizione inglese di Tales e il libro successivo, Things from the Flood, ed è allora che le cose sono davvero decollate. Per quanto riguarda il gioco di ruolo - come editore di giochi, l'idea di creare un gioco di ruolo basato sul lavoro di Simon è nata in modo molto naturale. Quando siamo entrati in contatto con Nils Hintze e lo abbiamo assunto come lead writer del progetto, le cose sono passate rapidamente dall'idea alla realtà. Dopo il successo di Stranger Things nell'estate del 2016, abbiamo spinto sempre di più sul progetto e abbiamo lanciato un Kickstarter per Tales from the Loop RPG più tardi nello stesso anno. Il gioco è stato quindi rilasciato nell'aprile 2017.
      EGG: le opere d'arte di Simon Stålenhag hanno ispirato Tales From The Loop - The Roleplaying Game, Our Friends The Machines & Other Mysteries, Out of Time Mystery Compendium, e Things From The Flood - The Roleplaying Game. Con la serie Amazon lanciata oggi, quale nuovo prodotto state rilasciando per sfruttare questo prezioso riflettore?
      TH: Tre cose, in realtà. Innanzitutto, il nuovo Starter Set per Tales from the Loop RPG, che include un nuovo Mistero completo da giocare con personaggi pre-generati. Sarà lanciato ad Aprile. In secondo luogo, una nuova edizione dell'artbook di Tales from the Loop. La terza novità non è stata ancora annunciata, ma sarà fatto molto presto...
      [NOTA DELL'AUTORE: da quando ha condotto questa intervista, Free League ha annunciato la sua terza proposta per TftL. "Martedì prossimo, 7 aprile alle 15:00 CEST, lanceremo il Kickstarter per TALES FROM THE LOOP BOARD GAME, un gioco da tavolo cooperativo ambientato nell'universo creato da Simon Stålenhag e con miniature di Dust Studio di Paolo Parente.”]
      EGG: Tales From The Loop e lo Year Zero Engine (ossia il suo motore di gioco) sono prodotti molto apprezzati in quanto hanno ottenuto numerosi riconoscimenti, alcuni dei quali sono elencati qui e qui. Perché quel motore funziona così bene nel creare divertimento attorno al tavolo da gioco?
      TH: Bella domanda! L'obiettivo cardine della progettazione è un sistema intuitivo e facile da imparare, che non interferisca con il gioco di ruolo, ma che al contempo supporti i temi chiave del gioco in questione. Penso che lo Year Zero Engine faccia tutto questo abbastanza bene. È anche facile da modificare e aggiustare, che è la motivazione per cui lo usiamo anche per ambientazioni e giochi molto diversi.
      EGG: Tra la visibilità di questo gioco di ruolo e altri giochi come ALIEN RPG, ci sono piani per costruire un programma di eventi di gioco organizzato?
      TH: Un'altra bella domanda! Un programma di gioco organizzato è qualcosa che finora non siamo riusciti a realizzare, ma ne abbiamo discusso recentemente con diversi partner al GAMA Trade Show e le cose su questo fronte dovrebbero iniziare ad avvenire molto presto.

      EGG: I nuovi giocatori possono passare dal set iniziale in scatola al manuale delle regole e alle avventure. Per coloro che quindi vogliono di più, di cosa tratta Things From The Flood - The Roleplaying Game?
      TH: Definiamo Things From The Flood un gioco sequel di Tales from the Loop. Condividono lo stesso universo, ma Things è ambientato negli anni '90 e si concentra su dei personaggi più grandi come età. I temi sono più scuri e presentano elementi più forti di orrore e stranezze. Potete persino fare "diplomare" i vostri personaggi da Tales e trasferirli su Things man mano che invecchiano.
      EGG: Avete collaborato con Sophisticated Games per pubblicare i giochi di ruolo basati su Middle-earth di J.R.R Tolkien. Saranno quindi le continuazioni delle linee editoriali di Avventure nella Terra di Mezzo per Dungeons & Dragons 5a Edizione e L'Unico Anello?
      TH: Sì, questa è l'idea!

      EGG: Cubicle 7 ha pubblicato questi giochi, ora stai prendendo il controllo. Come è nato questo accordo?
      TH: Il nostro accordo è con il titolare della licenza Sophisticated Games e Francesco Nepitello, il designer principale di L'Unico Anello. Dopo che loro e Cubicle 7 hanno seguito strade separate - qualcosa di cui ovviamente non avevamo alcuna parte - si sono avvicinati a noi. Riteniamo di avere una filosofia molto simile a quella di Francesco quando si tratta di game design e lui sembra vederla allo stesso modo. Pensiamo semplicemente che L'Unico Anello si adatti perfettamente al nostro portfolio e non vediamo l'ora di scoprire cosa potremo fare insieme.
      EGG: So che è presto, ma c'è qualche discussione sull'uso di questa impostazione in combinazione con lo Year Zero Engine?
      TH: Attualmente, il piano è di pubblicare una nuova edizione di L'Unico Anello con le regole progettate da Francesco, sviluppando ulteriormente le regole della prima edizione. Molto probabilmente non si utilizzerà il motore di gioco Year Zero Engine. Detto questo, saremo sicuramente coinvolti nel processo di design e avremo il nostro contributo sulle regole. Non vedo l'ora di avere con Francesco molte discussioni interessanti e gratificanti riguardanti il design!
      EGG: spostiamo l'attenzione da TFTL e Middle-earth a un altro progetto: Free League Workshop (FLW) su DriveThruRPG. Questo è il vostro programma di contenuti creati dalla community. Nel FLW, per quali sistemi e giochi i fan possono scrivere contenuti? Come è stata la reazione?
      TH: Attualmente, il programma è aperto a Forbidden Lands, Symbaroum, Coriolis e Mutant: Year Zero. Dovrebbe seguire a breve Tales from the Loop. La reazione è stata finora eccezionale! Sappiamo di avere una comunità molto creativa e siamo molto felici di poter offrire tale sfogo per questo.
      EGG: i giochi della Free League sono stati localizzati in più lingue attraverso diversi partner editoriali. Esistono versioni localizzate del Free League Workshop oppure tutte le parti che creano dei lavori originali dovrebbero passare attraverso quell'hub?
      TH: Al momento, i prodotti di Free League Workshop devono essere in inglese o svedese. Se possibile, lo estenderemo in futuro.
      EGG: Oltre Tales From The Loop e il Free League Workshop, su cosa sta lavorando la Free League?
      TH: Molte cose! Abbiamo molti prodotti legati ad ALIEN in lavorazione: prima c'è un nuovo Starter Set e un nuovo scenario cinematografico chiamato Destroyer of Worlds, e poi un manuale di Campagna per i Marine Coloniali. Per Forbidden Lands, lanceremo presto un nuovo enorme manuale di campagna chiamato The Bitter Reach. Stiamo anche lavorando al prossimo capitolo dell'epica campagna Mercy of the Icons per Coriolis, una conversione a 5E e altro per Symbaroum, e ovviamente l'imminente gioco di ruolo di Gothic Horror Vaesen. E molto altro ancora che non siamo ancora pronti ad annunciare!
      EGG: siete molto impegnati! Grazie per aver parlato con me. Dov’è che i fan possono saperne di più sulla Free League Publishing?
      TH: sul nostro sito Web o su Facebook. Grazie!
      Potete leggere la mia recensione di ALIEN RPG della Free League (qui), Coriolis (qui) e Symbaroum (qui). Lo Starter Set di Tales from the Loop RPG è disponibile per il pre-ordine (qui). Free League Workshop è disponibile tramite DriveThruRPG.
      La serie di Tales from the Loop viene trasmessa in streaming su Amazon Prime a partire dal 3 aprile.
      Egg Embry partecipa al OneBookShelf Affiliate Program ed è un associato Amazon. Questi programmi forniscono commissioni pubblicitarie collegandosi a DriveThruRPG e Amazon.
      Articolo originale: https://www.enworld.org/threads/tales-from-the-loop-middle-earth-and-free-league-interview-with-tomas-härenstam.671219/
    • By MattoMatteo
      No, non parlo del nostro sito, ma della famosa serie a cartoni (anche se ne fecero un videogioco) da cui prendiamo il nome.
      Solo che, in questo caso, si tratta di un remake con attori in carne ed ossa.
      Cosa ne pensate?
    • By Ian Morgenvelt
      Ho recentemente finito "Shadow of Self", il secondo libro della seconda era di Mistborn, dove sono presenti i primi riferimenti al "Cosmere". Chiedo quindi un consiglio agli altri appassionati: è sensato concludere la trilogia? Oppure sarebbe più opportuno leggere qualche altro libro di Sanderson, dato che la mia conoscenza del Cosmere si ferma a Scadrial?

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.