Vai al contenuto

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Waterdeep: Il Dungeon del Mago Folle esce il 5 Aprile in italiano

Qualche tempo fa vi avevamo fatto sapere che la Asmodee Italia aveva reso note le date di uscita indicative per i due prossimi supplementi di D&D 5e in italiano. Ora, come descritto sul sito ufficiale della Asmodee, è finalmente disponibile la data definitiva per uno di essi: Waterdeep: il Dungeon del Mago Folle, infatti, uscirà il 5 Aprile 2019.
Il 28 Marzo 2019, inoltre, uscirà la versione italiana di un nuovo Schermo del DM collegato alle due avventure su Waterdeep.
Waterdeep: Il Dungeon del Mago Folle (Waterdeep: Dungeon of the Mad Mage) è un avventura per personaggi di livello 5-20 che prosegue le vicende descritte nell'avventura Waterdeep: Il Furto dei Dragoni (Waterdeep: Dragon Heist), uscita il 24 Gennaio. Le due avventure, tuttavia, sono totalmente indipendenti, quindi potrete giocare Il Dungeon del Mago Folle anche se non avete acquistato Il Furto dei Dragoni. Grazie a Il Dungeon del Mago Folle avrete la possibilità di esplorare i 23 livelli del misterioso mega-dungeon di Sottomonte, creato dal mago pazzo Halastar al di sotto della città di Waterdeep.
Per ulteriori informazioni sull'avventura, potete leggere l'articolo di annuncio e la recensione che abbiamo pubblicato su Dragon's Lair:
❚ Annuncio di Waterdeep: Dungeon of the Mad Mage (Waterdeep: Il Dungeon del Mago Folle)
❚ Recensione di Waterdeep: Il Dungeon del Mago Folle
Qui di seguito, invece, potete trovare le descrizioni dell'Avventura e dello Schermo del DM pubblicate sul sito della Asmodee:
Dungeons & Dragons - Waterdeep: Il Dungeon del Mago Folle
Nella città di Waterdeep c’è una taverna, il Portale Spalancato, che trae il suo nome da un profondo pozzo che si apre nella sua sala comune. In fondo a quel pozzo si snoda un dungeon labirintico che solo gli avventurieri più intrepidi osano sfidare. Quel dungeon, noto come Sottomonte, è il dominio del mago folle Halaster Blackcloak. Da tempo immemore il Mago Folle si nasconde in quelle oscure profondità, disseminando mostri, trappole e misteri nella sua tana... e nonostante le mille dicerie e speculazioni, nessuno sa dire a quale scopo.
Questa avventura ha inizio là dove Waterdeep: Il Furto dei Dragoni terminava, accompagnando un gruppo di personaggi di livello pari o superiore al 5° fino al 20° livello, qualora decidano di esplorare la dimora di Halaster fino in fondo. Questo volume descrive ventitre livelli di Sottomonte, e il rifugio sotterraneo di Skullport. Tesori e segreti in abbondanza vi attendono, ma avanzate con cautela!
Lingua: edizione interamente in italiano.
Data: 5 Aprile 2019.

Dungeons & Dragons: Waterdeep: Schermo del Dungeon Master
Questo schermo è stato appositamente progettato come strumento per l'avventura di Waterdeep. Un lato presenta opere d'arte evocative dell'avventura, mentre l'altro mostra un recap dei crimini, delle scene cittadine, degli alloggi e altro ancora per una rapida consultazione.
Lingua: edizione interamente in italiano.
Data: 28 Marzo 2019.

Sito ufficiale della Asmodee Italia: http://www.asmodee.it/
Leggi tutto...

Un nuovo membro per il team D&D

Articolo di Morrus del 20 Marzo 2019
F. Wesley Schneider, che aveva lavorato in precedenza come redattore per Pathfinder, ha appena iniziato un nuovo lavoro come redattore per Dungeons & Dragons! Schneider aveva lavorato alla Paizo sin dal 2003, partendo come assistente redattore per il magazine Dragon per poi diventarne redattore capo negli anni, lasciando poi il posto nel 2017.

Schneider ha annunciato la sua nuova posizione su Twitter e indica ora nella sua biografia Twitter "Redattore per Dungeons & Dragons".
Link all'articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6150-F-Wesley-Schneider-Is-D-D-s-New-Editor
Leggi tutto...

Chi ha ucciso il Megaverso?

Articolo di Talien del 21 Marzo 2019
La popolarità di Dungeons & Dragons ha aiutato a stabilire una tipologia di genere fantasy che rende il gioco facilmente accessibile a coloro che hanno dimestichezza con i suoi tropi. Ma nei primi giorni di D&D, l’idea di mescolare fantascienza e fantasy era presente nel gioco.

Immagine concessa da Pixabay
L’Ispirazione di D&D
Gary Gygax, il co-creatore di D&D, era fiero di far notare che l’ispirazione per D&D attingeva più dalla serie di Conan il Barbaro di R.E. Howard che dal Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien, ma questo non rende giustizia alla lista di autori che identificava nell’Appendice N del Manuale del Dungeon Master di Advanced Dungeons & Dragons (traduzione non ufficiale):
L’Abisso del Passato di De Camp è un romanzo fantascientifico ambientato in una storia alternativa. Fafhrd e il Gray Mouser di Leiber ne Le Spade di Lankhmar incontrano “un uomo tedesco di nome Karl Treuherz di Hagenbeck che sta cercando la sua nave spaziale, che questi utilizza per attraversare i confini tra diversi mondi durante la sua caccia agli animali per uno zoo”. Le opere di Vance sono ambientate nella Terra Morente, nella quale “la magia ha vaghi legami con la scienza di un tempo e la matematica avanzata è considerata come un sapere arcano.” Striscia, Ombra! di A. Merritt è una popolare avventura che presenta:
H.P. Lovecraft ha scritto un bizzarro horror più moderno, mentre il Conan di R.E. Howard è ambientato in un mondo fantasy. Nonostante questo, i due presero reciprocamente in prestito dalle rispettive opere per dare alla luce il mito di Cthulhu che conosciamo oggi. Sommate tutto questo e D&D non è certo solo un “semplice” fantasy. Dunque come siamo arrivati qui?
Ci sono dei Marziani nel Mio D&D!
Su Black Gate James Maliszewski spiega:
L’altro co-creatore di D&D, Dave Arneson, mostrò la sua inclinazione nell’unire fantascienza e fantasy nel Supplemento II, Blackmoor di OD&D:
Era presente l’allettante possibilità che D&D incrociasse i generi, come evidenziato dalle regole crossover di Gamma World e Boot Hill nel Manuale del Dungeon Master di AD&D. E ovviamente, c’era la Spedizione ai Picchi Barriera, a sua volta ispirata da Gamma World di Jim Ward.
Ma così non sarebbe stato. Gygax affermava sovente che l’inclusione di creature tolkieniane in D&D fosse qualcosa di necessario per seguire le tendenze del genere, ma come indica Maliszewski, D&D alla fine divenne un genere a sé, aiutando fortemente a tracciare la linea di demarcazione tra fantasy e fantascienza (traduzione non ufficiale):
L’onore di mantenere la promessa di un universo che attraversava davvero i generi ricadde su altri GDR, e tra di essi Rifts della Palladium fu il primo esempio. D&D avrebbe percorso questa strada solamente in seguito, con le sue ambientazione Planescape e Spelljammer che provavano ad accorpare tutti gli altri universi di D&D, ma anche queste ambientazioni si assestavano sul fantasy come punto di partenza.
Da allora nuove storie a genere misto hanno preso il volo da quell’assunto di base, unendo regolarmente la tecnologia con il fantasy in un modo che appariva innovativo ai fan del cartone animato Thundarr il Barbaro. Grazie ad Internet, l’unione tra generi è una naturale conseguenza di molte idee che si uniscono insieme, e ciò si riflette nelle nostre campagne di D&D nelle quali alieni e robot possono fare comparse a sorpresa. Con l’annuncio da parte di Goodman Games del ritorno di Spedizione ai Picchi Barriera, sembra che ci sia ancora vita nel megaverso.
Link all’articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6132-Who-Killed-the-Megaverse
Leggi tutto...

Novità sull'Artefice

Articolo di J.R. Zambrano del 08 Marzo 2019
Un buon giorno a tutti, oggi andremo a dare uno sguardo all'Artefice. Abbiamo con noi due dei creatori, Keith Baker e Jeremy Crawford, che ci forniranno informazioni e considerazioni su cosa rende questa nuova classe veramente unica! Diamoci assieme uno sguardo.
L'Artefice è una nuova classe molto interessante e apprezzo molto il ruolo che sembra volersi ritagliare. Si tratta di una sorta di Warlock mischiato con un Paladino che ha deciso di focalizzarsi nel supportare gli altri. Non lancia incantesimi come un vero e proprio incantatore, ma ha tutta una serie di capacità uniche che gli forniscono dei vantaggi, tra cui alcune che lo rendono davvero prezioso per gli alleati. Tuttavia queste considerazioni sono secondarie in merito a ciò che un'Artefice evoca come immagine mentale. Quindi come si gioca un'Artefice?

In questo modo
Uno degli aspetti principali con cui si potrebbe avere dei problemi è il come si possano usare gli strumenti per lanciare incantesimi. Keith Baker, lo sviluppatore di Eberron e creatore originale dell'Artefice, ha dei consigli da darci. Il concetto principale che ci vuole trasmettere direi che è il fatto che l'Artefice rappresenta un'occasione per ampliare le nostre partite e prendere davvero le redini di ciò che un personaggio può fare, considerando che buona parte di ciò deriva dal flavour.

L'opinione di Keith Baker
Vediamo cosa ha da dire Keith Baker:
Il punto fondamentale direi che riguarda il FLAVOR. Da una prospettiva NARRATIVA un artefice non sta "lanciando un incantesimo" come un mago o un chierico, anche se sta usando degli strumenti per produrre effetti magici. Come viene spiegato nel paragrafo sulla magia dell'artefice, anche se essa segue le regole già stabilite per la magia da una prospettiva narrativa è qualcosa di decisamente differente. Un artefice deve usare degli strumenti per compiere effetti magici e la vera domanda è come questo appaia. MECCANICAMENTE un artefice non ha né benefici né svantaggi dati dal fatto che sta compiendo effetti magici in maniera non convenzionale. Ma fintanto che non avrete necessità di qualcosa che cambi le regole, si tratta di un'opportunità per aggiungere spessore al vostro particolare artefice.
Potrebbe sembrare qualcosa di semplice, ma nasconde un grande potenziale. Ecco alcune idee su come differenti strumenti possono aiutare a lanciare incantesimi:
Arnesi da Scasso: Tutti gli artefici sono competenti sia negli arnesi da scasso che negli strumenti da inventore e questo è dovuto al fatto che si usano entrambi in maniere molto simili. Gli arnesi da scasso includono grimaldelli e oggetti per manipolazioni accurate. Non potete usare un grimaldello per lanciare un dardo di fuoco contro qualcuno; il grimaldello vi serve per pulire quella valvola otturata nella vostra pistola drago. Naturalmente se volete inventarvi una qualche forma di artefice incentrato sui lucchetti potete farlo.
Scorte da Alchimista: L'alchimia mischia le reazioni magiche con la magia. Questo è il principio alla base di molte pozioni: la sfida nel creare pozioni è di sospendere la reazione mistica in modo che possa essere sfruttata in un secondo momento. Far scattare un effetto istantaneo risulta molto più semplice ed è questo il modo in cui potete usare le scorte da alchimista per lanciare i vostri incantesimi. Il vostro dardo di fuoco potrebbe essere una fialetta scagliata o una sorta di pistola-drago come accennato sopra, che attiva e sputa un miscuglio infiammato. Spruzzo velenoso potrebbe essere spiegato come un getto di sostanze immonde. Cura ferite, vita falsata, Respirare sott'acqua potrebbero tutte essere pozioni da miscelare sul momento. Camuffare sè stesso o Alterare Sé stesso potrebbero essere dei cosmetici con poteri mistici.
Strumenti da Cartografo: Questa è una sorta di rivisitazione dell'esperto di sigilli. Da un lato potete usare i vostri strumenti disegnando appunto glifi e sigilli. Ma potete anche essere più creativi e specializzarvi nel calcolo delle ley line oppure nelle relazioni tra i piani. Essenzialmente il vostro mondo è pieno di minuscole zone di manifestazione magica che aspettano solo di essere attivate; usando i vostri strumenti potete calcolare gli allineamenti necessari per incanalare le energie di cui avete bisogno.
E questi erano solo tre possibili esempi. Se darete una lettura all'intero articolo potrete trovare ulteriori esempi su come dare un flavor e uno spessore unico al vostro Artefice. In realtà potete trovarci idee ed ispirazioni per personaggi di ogni classe.

Andando oltre vi facciamo anche presente che, come parte dell'edizione mensile di Dragon+, c'è anche stato un live stream di Jeremy Crawford, lo sviluppatore capo di D&D 5E, in cui ha parlato dell'Artefice
In questo stream abbiamo scoperto che ciò che abbiamo visto finora è solo una parte dell'Artefice, ci saranno nuovi dettagli in un futuro Unearthed Arcana. Cosa che ha acceso la nostra curiosità. Alcune altre informazioni degne di nota presentate in questo stream sono state:
L'Artefice ha una dimora specifica anche al di fuori di Eberron. Il Sondaggio correlato è veramente importante. Quando siete in dubbio contro un artefice ricordate che Controincantesimo funziona sempre. L'opinione di Jeremy Crawford sull'Artefice
Articolo di J.R. Zambrano del 15 Marzo 2019
Ecco per voi un altro video sull'Artefice, cortesia dello sviluppatore capo di D&D 5E (nonché eminente DM della Acquisitions Incorporated) Jeremy Crawford.
Potrete scoprire i tratti distintivi di questa nuova ed innovativa classe di D&D tramite le parole di uno dei suoi sviluppatori.
Crawford fa delle affermazioni veramente fantastiche: l'Artefice dà il suo meglio quando viene posta l'enfasi sulle scelte dei giocatori. La classe è di sua natura estremamente flessibile in pressoché ogni aspetto, che si tratti di differenti capacità da dare al proprio Homunculus o alla propria Torretta (Turret), della capacità di scambiare i Trucchetti o di preparare lo strumento giusto per una data circostanza, infondendo gli oggetti di magia. Avere questa versatilità di fondo fornisce davvero quella sensazione di una sorta di MacGuyver della magia. In qualunque situazione si trovi, un Artefice potrà tirare fuori qualcosa in grado di aiutare.

Viene anche presentata un'interessante interpretazione per le invenzioni. Cosa ancora più interessante è il fatto che ci saranno ulteriori contenuti per l'artefice in arrivo tra qualche tempo. Anche se l'unico dettaglio menzionato è che tali contenuti aggiuntivi esistono da qualche parte e che usciranno dopo che la WotC avrà finito di lavorare ai progetti attuali (Ghosts of Saltmarsh e il prossimo grande modulo di avventura), ciò punta fortemente verso qualcosa di nuovo che potrebbe coinvolgere Eberron.

Un altro aspetto su cui vale la pena soffermarsi è quanto supporto un Artefice può offrire in un gruppo, fornendo alcune cure extra (nonché delle cure proattive che gli permettono di fare altre cose) e donando fantastici poteri al gruppo sotto forma dei suoi oggetti infusi. Anche se le altre classi potrebbero essere un po' più focalizzate, l'Artefice è flessibile a sufficienza da permettervi di fargli fare ciò che voi volete fargli fare.

Anche se non giocherete un Artefice, questa classe è ottima per spingervi a considerare ex-novo il flavor dei personaggi. Mi sono reso conto che la mia tendenza di considerare in maniera astratta i miei attacchi (specialmente gli incantesimi) è decisamente calata dopo che ho avuto modo di mettere mano all'Artefice, che rende veramente intrigante aggiungere flavor ai propri incantesimi. Questi stessi principi possono funzionare per qualsiasi altro incantatore o spadatore (o pugnatore?), ma è facile dimenticarsene. Ad ogni modo tra non molto dovremmo poter vedere il prossimo Arcani Rivelati e speriamo che contenga nuovo materiale per l'Artefice.
Buone Avventure!
Link agli articoli originali:
https://www.belloflostsouls.net/2019/03/dd-the-artificer-or-how-to-cast-fireball-with-lockpicks.html
https://www.belloflostsouls.net/2019/03/dd-jeremy-crawford-on-the-artificer.html
Leggi tutto...

Novità sulla DM's Guild per Eberron

Keith Baker, il creatore originale di Eberron, si è associato con altri autori per produrre un nuovo supplemento di 164 pagine in PDF per Eberron, a fare da seguito alla Wayfarer's Guide to Eberron uscita qualche mese fa. Questo supplemento è ora disponibile per $14.95 sulla DM's Guild.

Oltre che da Keith Baker questo supplemento è stato scritto da Ruty Rutenberg, Greg Marks, Shawn Merwin e Derek Nekritz.
Esso contiene nuovi archetipi basati sulle classi di prestigio della 3E, razze, talenti razziali, nuove forme di marchi del drago, più informazioni sulla storia e sul mondo di Eberron e svariati agganci narrativi.
Link all'articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6145-Morgrave-Miscellany-Eberron-Sourcebook-from-Keith-Baker
Leggi tutto...
Accedi per seguirlo  
  1. Cosa c'è di nuovo in questa gilda
  2. Riccardo Mi unisco nelle ricerche
  3. Michele Della Torre Non sono un animale selvaggio, Farina. Non mangerò la tua gente. E comunque ci sono altri morti tra la gente di Ivrea. Una volta uscito noto l'inconfondibile presenza di Maddalena Schwarz, accenno ad un sorriso. È un piacere rivederti, signorina Schwarz. Dov'è Della Rovere? Rapidamente comunico ai presenti, senza far sentire alla popolazione, dell'attentato subito dall'Antico e della decisione di trovarlo per allearci con lui. Mi dirigo poi dalla strega. Isabella, devo parlare con te. In privato. Quando ci siamo allontanati, riprendo a parlare.Una volta hai rintracciato la Zingara attraverso un rituale, sei in grado di rifarlo per trovare l'Antico? Poi c'è Eleonora... il suo coma è dovuto a qualche magia? E se non dovesse riprendersi, c'è un modo di prendere i suoi poteri? Poiché perderli sarebbe un terribile spreco vista la guerra che ci attende. -.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.- Nonostante il passare dei giorni, vivere a Dite mi appare sempre più monotono e soffocante. Alla faccia della libertà assoluta... Rimpiango la mia sala di tortura e, in generale, la libertà che avevo ad Ivrea. Passo del tempo con Sonia, approfittando dei momenti in cui possiamo stare soli. Quando finalmente Farina propone una squadra di ricerca, mi faccio avanti. Vengo con voi.
  4. @Riccardo - Gabriele Maddalena risponde: il cacciatore sa controllare i morti. Li comanda e può anche farli possedere dal diavolo… quando succede puoi vedere i cadaveri iniziare a camminare a quattro zampe, sulle pareti, possono persino volare. Quando il cacciatore fa tutto questo, i suoi occhi diventano rossi… la donna indica Isabella e le rivolge una domanda …e tu invece cosa sai fare? La strega scuote la testa e risponde: nulla. Non sono sicura se per mia incompetenza o per il fatto che il cacciatore è morto… e quindi solo un morto può comandare i morti. L’unica cosa che so è che il cacciatore può accendere il rosso dei suoi occhi e io no. Questo ti fa capire quando sono inesperta. La verità è che questi occhi sono una condanna… c’è chi mi vede come un mostro, altri come un fenomeno da baraccone e altri ancora come una cavia da esperimenti. Ma io sono una persona normale. Maddalena ridacchia: tesoro… ora come ora non puoi essere più lontana di così dal concetto di normalità. @Michele – Luca Umberto Farina ascolta le vostre parole. Infine batte un colpo sul tavolo e dice: dunque è deciso, troveremo l’Antico. Costi quel che costi. Ma non possiamo muoverci ora. Aspettiamo lo sfogo della Culla. Loro non ci troveranno fino a quando resteremo qui. Questa è l’unica difesa che Dite ha contro quelle bestie. Quindi… aspettiamo che passi la tempesta. Ah… caro Della Torre …Dite ha accolto tutti voi ma se la signorina Ombrosi dovesse rivelarsi un problema… beh …dovrà sparire. Un’ultima cosa, inquisitore, qui sei libero di fare quello che vuoi ma a Dite non ci sono le regole della tua chiesa… e non si mangia la gente. Penseremo noi a darti la carne che ti serve. -.-.-.-.- @tutti Nei giorni seguenti cercate di ambientarvi nella città di Dite ma non è una cosa facile. L’ambiente è buio e claustrofobico. Gli uomini di Dite si tengono in disparte e i rifugiati di Ivrea sono sempre più spaventati. Gli esploratori di Umberto raccontano di strane storie quando ritornano dalla superficie. Storie irreali riguardo un bosco sorto in pochissimi giorni e che sta invadendo l’intera regione. Le piogge di sangue continuano a bagnare il terreno e nuvole scure coprono il cielo. Dopo dieci giorni, sentite che Umberto sta organizzando una prima squadra di ricerca per raccogliere altre informazioni a proposito della superficie. Raffaele e Alessandro si sono proposti di unirsi al corpo di ricerca.
  5. Darakan

    topic di servizio

    si può andare avanti se aumentiamo il ritmo, se dobbiamo postare una volta alla settimana tanto vale chiudere.
  6. Luca Neri Guardo Umberto Bhè penso che l'antico sia disposto ad un alleanza per un semplice motivo.. Un uomo, immortale, che fino a qualche tempo fà aveva sotto controllo un intera setta ora si trova con un pugno di mosche. Non penso che gli interessi moltro altro oltre che il potere e la vendetta. La vendetta contro chi gli ha levato il suo bel posto di spicco, ecco cosa possiamo offrire noi all'antico in cambio della sua conoscenza, un alleato contro chi lo ha levato dai posti di comando della culla, in ogni caso lui non ha nulla da perdere. Guardo poi Michele , se conosce qualcuno che potrebbe sapere qualcosa penso sia il caso di provare a mettersi in contatto. E' sicuramente meglio che aspettare inermi che la culla arrivi a bussare alla nostra porta, perchè Umberto lo sai anche tu che sarà così.
  7. Largo

    Il Codice dei Dannati

    Gabriele @Riccardo De Santis All'ultima affermazione di Riccardo balzo guardandomi immediatamente intorno. Sono rare le volte che le mie membra si agitano per qualcosa, infatti rimango impassibile anche di fronte alla morte stessa ma quella situazione mi ha scosso e non poco. Afferro l'uomo per il colletto del suo indumento superiore per portarlo a pochi centimetri dal mio viso in modo che possa sentirmi solo lui. Sei impazzito? Io scoparm* Isabella?! Quella donna mi ha ammaliato con la sua bellezza. Non provavo questi.... Sentimenti, da quando ero vivo. Sento di nuovo il sangue scorrere nelle mie vene. Digrigno i denti per poi continuare a fissarlo in maniera minacciosa. L'occhio non coperto dalla benda per un attimo si vela di un nero pece. Continuo sviando il discorso. Anche "lui" ha qualcosa da dire. Controparte svitata? Ti conviene non sottovalutarci... .... Il tutto viene interrotto dall'arrivo di Maddalena. Il gesto di togliermi la sigaretta dalle labbra per poi creare quel malizioso atto di carisma misto a sensualità mi colpisce. E' una donna vorace che può conquistarti con uno schiocco delle sue dita. La sua risposta alla mia domanda è abbastanza esauriente. Spie nella setta? Questa gente pare essere molto informata su chi ha accolto nella propria città. Credo che vogliono ottenere qualcosa in più di un semplice atto di generosità. La donna comincia a parlare con Isabella e tranquillizzandola e senza insistere troppo, la strega, si priva della sua benda. Gli occhi di Isabella mi incantano. Nella loro brillantezza il commento di Miss. Schwarz mi lascia perplesso ma la domanda di Riccardo è piuttosto incalzante. Attendo anche io una risposta aggiungendo del mio al quesito posto da Maddalena. Nelle ultime ore ad Ivrea ho visto solo morte senorita Schwarz. Affianco Isabella ponendo le mie mani sulle sue spalle a mo di "protezione".
  8. Se c è voglia si può continuare per me va bn andare avanti
  9. darteo

    topic di servizio

    Cosa dice il resto del popolo?
  10. Minsc

    topic di servizio

    Bè stiamo perdendo un pezzo la volta un po' tutti senza che neanche avvisino, forse è meglio interromperla qua e ci vediamo di là della campagna di bomba
  11. NinjaCow

    topic di servizio

    Come anticipato in privato al narratore io abbandono Quest.
  12. Michele Della Torre Dall'atteggiamento di Farina capisco che ho ragione sull'esistenza di un'eminenza grigia dietro alla Culla, ma il capo di Dite sembra non sapere altro. Chi può essere? Chi è più potente anche di Sprenger?.... Santarosa? No. Non ce lo vedo ad aiutare gli eretici. Oppure quel Pontecorvo... Può darsi. Ma anche il tuo uomo ha ragione. indico Luca. La Chiesa è disposta a sacrificare qualcuno dei suoi soldatini... ma non può ignorare la sorte di un uomo famoso come Sprenger e nemmeno lasciare mezzo Piemonte in mano ad una setta. Perciò dobbiamo aspettarci l'arrivo della "cavalleria pesante"... cioè templari, crociati e magistri dell'inquisizione... per un momento penso al mio di maestro, Fra' Ruina. Se non sapranno della mia presenza qui, con me parleranno. Così sapremo come intendono muoversi e cosa hanno scoperto. Inoltre questo posto è sicuramente ben nascosto...ma come farete a resistere agli attacchi della Culla? L'unico modo per scoprirlo, è trovare l'Antico. rifletto un istante. Isabella forse sa qualcosa... Ma c'è una persona che potrebbe avere delle informazioni. Andrò a parlarci. Guardo di nuovo Umberto. In ogni caso anche Eleonora Ombrosi è qui. Non potevo seminare il panico rivelando la sua identità davanti a tutti... L'ho portata con me perché intendevo usare i suoi poteri per respingere l'assedio di Ivrea... ma è entrata in una specie di coma. E poi una simile arma non deve finire nelle mani della Culla.
  13. Riccardo De Santis In particolare di cosa stiamo parlando?
  14. Darakan

    topic di servizio

    Io sono presente, in ambito di gioco direi di continuare per la grotta, vedere se riusciamo a preparare un imboscata
  15. Minsc

    topic di servizio

    @MaxEaster93 @Largo @Darakan @NinjaCow che si fa? Ci siete ancora tutti?
  16. darteo

    Ͽ***QUEST***Ͼ

    Il nemico si è già riversato sulla vallata e ora lo vedete che si avvicina a voi. Lì all’orizzonte, non ci sono solo orchi e ogre… ma anche essere umani. Non avevate mai visto (o sentito) uomini marciare al fianco degli orchi. Quegli uomini vestono pelli di animali e brandiscono armi rudimentali, molto simili a quelle impugnate dai loro compagni verdastri. Correte verso le grotte ed entrate in una di loro. Avanzate fino a quando non venite immersi nel buio. Accendete una torcia e vi guardate attorno. La galleria prosegue in linea retta e le sue pareti sono levigate. Antichi disegni sono stati incisi sulla pietra. Raffigurano creature umanoidi che lavorano e spostano blocchi di roccia per la costruzione di un castello. Lo stile delle raffigurazioni sono particolari… ogni oggetti è riempito con linee ondulate e spirali. Un ruggito si eleva dalle vostre spalle (il punto in cui siete entrati). Degli orchi sono entrati nel vostro stesso tunnel. @tutti
  17. @Luca – Michele Umberto non risponde ma dalla sua espressione capite che Michele ha indovinato. Il capo della città di Dite non conosce l’identità dell’uomo che muove i fili della Culla, per questo motivo preferisce tace e aspettare che Michele finisce il suo discorso. Umberto Farina ridacchia mentre si sporge in avanti e risponde all’inquisitore: “canali ufficiali” ? Non esistono più i canali ufficiali. Torino è stata distrutta e tu ti trovi nel covo di un branco di eretici… non sei mai stato così lontano ed estraneo ai cosiddetti canali ufficiali. L’uomo commenta anche le notizie sull’Antico: noi di Dite non lo abbiamo mai visto ma sappiamo che la Culla utilizza alcuni “punti” sparsi in tutta la regione per mandare messaggi e per richiamare i cinque della stella di Astaroth. Magari possiamo raggiungere questi punti per mandare un messaggio all’Antico ma potrebbe benissimo essere un bel buco nell’acqua. Umberto alza poi lo sguardo verso Luca. La sua possente mano impatta sulla spalla di Luca in quella che potrebbe essere definita la più rumorosa delle pacche: mi piace il tuo spirito di iniziativa ma… facciamo finta che abbiamo trovato l’Antico: chi ci dice che vuole parlare o allearsi con noi? Chi ci dice che non risulterà minaccioso? E se l’Antico vuole qualcosa da noi in cambio di una sua alleanza? Umberto guarda Luca negli occhi: sto facendo troppe domande, vero? Ufff… sto invecchiando. @Gabriele – Riccardo Maddalena si sporge lentamente verso Gabriele. Alza la mano verso il suo volto per poi sfilare dalle sue labbra la sigaretta ancora accesa. La donna si prende il suo tempo nell’assaporare il sapore del fumo che le riempie i polmoni. Ispira e solo dopo altri secondi, momenti in cui la tensione aumenta, risponde a Gabriele: devi goderti ogni millimetro di questi piccoli miracoli di tabacco. Da oggi in poi le sigarette saranno sempre più rare. Maddalena ripassa la sigaretta a Gabriele. La donna prende altro tempo prima di continuare a parlare: noi di Dite non siamo solo fuggiaschi e briganti. Noi di Dite siamo anche spie. Ci infiliamo nelle città come i vermi che iniziano a parassitare i tronchi degli alberi. Avevamo spie a Vercelli, dove la vostra strega è stata catturata, e avevamo spie a Ivrea. Isabella si sporge in avanti e dice: avevamo? Sono morti, mia cara. Da quello che sta accadendo in superfice mi fa pensare che solo chi si trova in questo buco sia ancora vivo. Si genera di nuovo un grande silenzio e Maddalena ne approfitta per scrutarvi uno alla volta. Isabella però non ha esaurito le sue domande: sei tedesca? Oh si, ma c’è anche del sangue italiano nelle mie vene. La donna insiste sul voler rimuovere le bende da Isabella: so che hai paura… i tuoi occhi sono un biglietto di sola andata per il rogo. Ma posso assicurarti che in questo luogo ci sono cose ben peggiori dei tuoi occhi… ma nessuno ci fa più caso. Coraggio… L’insistenza di Maddalena spinge Isabella a rimuovere le bende. La strega procede lentamente per poi aprire pian piano i suoi occhi. Il suo colore rosso sanguigno sembra risplendere di una luce propria. Sono occhi grandi, espressivi e magnetici. Racchiudono in se una forza misteriosa e primordiale come il peccato eppure quegli occhi si muovono con paura e timore. Maddalena li fissa con orgoglio. Allora… chiede Isabella …come ti sembrano? Eccitante, risponde Maddalena con tono malizioso. La strega è ancora più confusa. La donna di Dite si rivolge verso di voi: sapete cosa sono? Quei due occhi, intendo. Sono gli occhi del cacciatore. E’ incredibile che la Culla delle bestie sia riuscito a dare questi occhi a una vivente. Ma immagino che non è la cosa più strana che avete visto a Ivrea… giusto?
  18. Riccardo De Santis Non mi è mai capitato di dare ragione ad un inquisitore ma in questo caso Michele ha ragione. Sei un rinnegato? Non mi importa ciò nonostante devi tenere la bocca chiusa. In futuro quello che dici, come lo dici, a chi lo dici può mettere in pericolo non solo te ma anche a chi ti sta intorno. Ironia della sorte ultimamente sono io quello che ti sta intorno... Più del dovuto, quindi, la prossima volta pensavi due volte prima di parlare a vanvera. Tutto ciò dovresti saperlo, eri un inquisitore nonché uomo di fede, ed essa come la corruzione, è una malattia della società. Certo, non c è niente di male a credere in qualcuno ed amarlo ma oggi quelli come te la stanno usando come arma. Quindi finché gli uomini del Signore hanno il controllo di questa civiltà non sarai mai libero né di essere chi vuoi né di avere altre credenze né di dire stron.zate. Non credo che questa gente viva sotto terra semplicemente per il gusto di farlo no? Comunque sia, no... Non credo passerai dei guai, dubito che in questo momento la tua posizione interessi a qualcuno. Sai benissimo che mi fido solo di una persona. Sai bene anche che tento a diffidare delle persone che nominano troppo spesso il loro signore però diciamo che tu hai un occhio di riguardo. Per me non sei una minaccia quindi puoi stare tranquillo. Sinceramente credo che tu possa stare tranquillo, sono convinto che Michele non ha mai avuto buone considerazioni nei tuoi confronti. Non ti preoccupare per quello che pensa, non prenderlo troppo sul serio... Basti pensare che fino a qualche ora fa mi ha accusato di essere uno scagnozzi della Culla ed ora mi chiede di badare alle sue streghe perlopiù due obbiettivi della setta. Sappi che le cose non miglioreranno quando scoprirà che vuoi scomparti la sua strega(Isabella) spero di essere presente quando arriverà quel momento. Comunque pensavo fossi un lupo solitario, non credevo ti importasse molto dei pareri delle persone riguardo la tua controparte svitata. Ci si può convivere tranquillamente, sai che odio sentir messa tutto il giorno no? Quindi per ovviare al tuo demone interiore faccio semplicemente finta di ascoltarlo. Non so che dirti, ci è stato chiesto di sorvegliarla e ci è stato impedito di farlo. Sonia è con lei credo saprà gestire la situazione.
  19. Minsc

    Ͽ***QUEST***Ͼ

    Gul'Thak L'inseguimento fortunatamente finisce in fretta e l'uomo crolla a terra: corro a recuperare il giavellotto insanguinato estraendolo dalla testa dell'esploratore e guardo con aria interrogativa gli altri: muoviamoci, dobbiamo trovare un riparo prima che arrivino e fortificare l'ingresso!
  20. Darakan

    Ͽ***QUEST***Ͼ

    Denaos Vediamo di nasconderci in quelle caverne. Dobbiamo organizzarci
  21. MaxEaster93

    Ͽ***QUEST***Ͼ

    Logan Controllo il corpo del tipo per vedere chi è e se ha qualcosa di utile per poi fuggire
  22. Riccardo De Santis Le origini di quel nome e il suo accento cominciano a suscitare in me brutti ricordi. Non ho voglio ne di fare amicizia ne conversazione rispondo alla sua semplice domanda con un freddo ja
  23. Largo

    Il Codice dei Dannati

    Gabriele Allontanati da occhi "indiscreti" ne approfitto per darmi una bella rinfrescata. Il calore provocato dalle venature dell'entroterra permettono di vestirmi in maniera più adeguata all'ambiente. Chiedo ad alcuni inservienti di portarmi dei vestiti adatti alla temperatura interna della città di Dite. Mentre mi cambio ripongo in maniera meticolosa in miei eleganti abiti all'interno del doppio fondo della mia valigetta restando piuttosto deluso delle condizioni in cui si sono ridotti. Mi avvicino alle pietre dove Isabella, Eleonora, Dorotea e Riccardo si stanno riposando. Camicia di lino bianca avorio sbottonata in modo da mostrare il mio ciondolo-cimelio; un crocifisso fatto da due bossoli differenti. Pantaloni di stoffa pesante e semiaderenti al corpo con un cinturone piuttosto vistoso dove riporre la mia Radamanto. Bretelle dove, tramite due ganci tengo issata sulla mia schiena il contenitore della mia doppia corona. Capelli legati dietro da una coda e viso scoperto. Il mio occhio cicatrizzato è coperto da una benda nera a mo di pirata. Ormai distrutto dalla fuga da Ivrea e pensieroso per essere tornato nella città di Dite, mi rivolgo a Riccardo mentre accendo una sigaretta. Dal mio contenitore di latta ne estraggo un paio per offrirla al mio amico. Pensi che mi sono messo nei guai sbandierando il fatto che sono un rinnegato di entrambe le fazioni dove ci troviamo? Il mio tono è fermo ma si percepisce il mio nervosismo. Tra una frase e l'altra aspiro avidamente per buttare fuori dai polmoni una grossa quantità di fumo color grigio topo. Non gli do nemmeno la possibilità di rispondere che mi lascio andare ad una fievole risata. Si insomma, sono un rinnegato. Sia il Santo Impero che la setta di Dite ha la propria corruzione. La giustizia divina è un'altra cosa. Purtroppo l'uomo non la comprende e non prenderà mai il posto di Dio anche se è quello che brama di più dall'inizio dei tempi. Basti pensare a Adamo ed Eva. Nulla è cambiato e ora il mondo sta pagando le conseguenze. Continuo a fumare per poi scuotere il capo allontanando questi pensieri. Potrei star qui a parlare per ore e non voglio creare dibattiti. Spero solo che tu ti fidi di me più dei superstiti di Ivrea e detto fra noi... Mi avvicino al suo orecchio in modo che solo lui possa sentirmi. ...Credo che Michele abbia cambiato idea su di me, ma questo non muterà ciò che sono. Il mio compito divino è giudicare le anime che devono marcire all'inferno oltre che placare la mia fame. Il demone che porto dentro di me avvolte prende il controllo della mia persona. E' proprio per questo che tendo a rimanere da solo ma la mia fedeltà è incommensurabile. L'hai provato tu stesso quando ti ho seguito per cercare di salvare Massimo. Il mio volto si cosparge di un velato senso di fallimento misto a tristezza. Con le mani simulo il segno di croce baciando in fine il crocifisso. Ora ha smesso di soffrire pagando con la sua stessa vita. Che riposi in pace. Mi alzo alzando di nuovo il tono di voce e focalizzando la mia attenzione su Eleonora ancora in stato di coma. Mis amigos. Che facciamo se la bambina dovesse improvvisamente svegliarsi? Aspettando una risposta ecco avvicinarsi una donna vestita di pelle. Sinuosa e sensuale si rivela rassicurando Isabella che all'interno della città di Dite ognuno è libero di essere ciò che vuole. Sfioro con una mano la mia benda e tiro un sospiro di sollievo nel credere che in questo luogo non posso venire additato come una sorte di persona maledetta. Di certo sappiamo benissimo di non essere "vivi" e pare che miss Schwarz abbia larghe vedute su chi si trova davanti. Seneorita. Dico scavalcando le parole di Dorotea. Mi inchino sfiorando le mie labbra sulla sua candida mano. Il mio nome è Gabriele Ramirez. Encantado de haberla conocido. Dite non è nuova ai miei occhi e sia io che i miei compagni siamo felici di essere stati salvati dall'attacco della Culla. Noto la preoccupazione di Isabella. Isabella è preoccupata perchè ha conosciuto solo l'ignoranza della gente al di fuori di questo luogo. Non mi stupisce il fatto che vuole celare la sua identità, ma una domanda mi sorge spontanea. Come sa che è una strega? @DM
  24. Luca Neri incrocio le mani e le metto avanti alla faccia L'antico è stato tradito... interessante, se è potente come si crede penso che sia riuscito a scappare da uno dei suoi, ma penso sia il caso di accertarci della cosa, voglio dire lui saprà tutti i segreti della setta se è ancora vivo e riusciamo a portarlo dalla nostra parte abbiamo una possibilità. Guardo poi Michele quando nomina Sprenger Ah uno dei più grandi "seguaci" della chiesa si trova lì , speriamo sia morto. Se dovesse capitare qualcosa a lui la chiesa sarebbe costretta a reagire con forza contro la culla, perchè sinceramente al momento non mi sembra che stiano facendo sul serio. Allora, Umberto dobbiamo andare a cercare l'Antico o hai in mente altro?
  25. Dorotea risponde: non ho mai visto quell’uomo in vita mia… ma da come mi mangia con gli occhi non credo sia un timido verginello. Farina annuisce: non credo abbiamo dei posti letto pronti per voi… se non consideriamo il nostro ospedale, portate lì la bambina. Sonia prende in braccio Eleonora e dice: penso io a lei, non preoccupatevi. -.-.-.- @Gabriele – Riccardo I feriti di Ivrea sono stati portati all’ospedale. Avete la sensazione che questa struttura non assomiglia assolutamente agli ospedali che siete abituati a vedere nelle città del santo impero. Ora che Farina e l’inquisitore sono andati via, attendente il loro ritorno seduti sulle pietre tra le vie di Dite. Vi siete anche allontananti di qualche metro dal resto degli abitanti di Ivrea per avere un po' di spazio… del resto, in questo momento, anche gli abitanti di Ivrea vogliono stare per conto loro. Con voi c’è Dorotea e Isabella. La strega è ancora bendata. Sentite ora un picchiettio farsi sempre più vicino. Si tratta di una donna che si sta avvicinando a voi. E’ alta, dalla pelle chiara e i capelli corvini e mossi. Ha occhi scuri e veste abiti in pelle nera… ma è il suo prosperoso petto che attira l’attenzione più ogni altra cosa. La donna vi raggiunge con fare spavaldo e si siede su una pietra, proprio di fronte a Isabella. Lei indica la strega e dice: qui non serve tenera benda su occhi. Dal suo accento e dal suo modo di parlare capite che è straniera. Forza, togli benda, a Dite si è liberi di essere chi volete. La strega, che ha ancora gli occhi coperti, chiede: ma chi sta parlando? La straniera però continua: qui occhi rossi non è condanna a rogo. Isabella si irrigidisce: m-ma come fai a saperlo?! Si può sapere chi sei? Interviene anche Dotorea, che scruta la straniera con fare sospetto: si… chi sei? Hai una faccia nota. Mi chiamo Maddalena Schwarz. Dorotea cambia espressione, ha riconosciuto quella donna. Si volta verso di voi e dice: lei è Maddalena Schwarz, lei è… mmm …come posso dire?! La protetta di un inquisitore chiamato Della Rovere. Maddalena annuisce e continua: Della Rovere è finto inquisitore. Io e lui siamo abitanti di Dite. Voi nuovi abitanti? @Michele – Luca Umberto Farina vi conduce in una piccola dimora. Entrate in una piccola sala con scarso arredo. Vi sedete a un tavolo rotondo e dice: verrò subito al dunque… la Culla crede di poter continuare le tappe dell’apocalisse grazie ai rituali del Codice dei dannati. Mi spiego… la Culla ha una copia incompiuta di quel libro… e in quel libro ci sono diversi rituali. Io non ho mai letto quel tomo ma sembra che al suo interno ci sono dei rituali in grado di… bhè …lo avete visto pure voi a Ivrea: pioggia di sangue, giganti, orde di morti… Sotto Torino si trova una gigantesca e antica catacomba. La Culla ha usato quella catacomba per generare un’arma di morti. Risvegliare tutti quei cadaveri… e mostri …è stato possibile grazie alla loro copia del Codice. La tappa successiva della Culla sarà occupare il territorio dominato dall’arcidiocesi torinese. Le mie conoscenze si fermano qui. Non so cosa vuole fare la Culla ora che hanno preso Torino e non so cosa succederà a questa terra. Però posso dirvi una cosa: prima di sferrare quest’attacco, l’Antico si era opposto e per questo è stato tradito dal resto della Culla. Morte ha organizzato un attentato nei confronti dell’Antico e non ho ancora scoperto se è riuscito a fuggire o è stato ucciso… ucciso “definitivamente”, non so se mi sono spiegato.
  26.  
×
×
  • Crea nuovo...

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.