Jump to content

aza

Administrators
  • Content Count

    4,670
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    16

aza last won the day on July 27

aza had the most liked content!

Community Reputation

939 Dragone

7 Followers

About aza

  • Rank
    Administrator
  • Birthday November 25

Profile Information

  • Gender
    Maschio

Recent Profile Visitors

14,162 profile views
  1. Personalmente ritengo che sarebbe stato preferibile un bel reboot dei reami. Ma la cosa avrebbe portato via tempo (e soldi).
  2. In questo mese di agosto corre il 20° compleanno di D&D 3e. Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione. Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi: Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E. View full article
  3. Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione. Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi: Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
  4. aza

    18–100 parte II

    Scusa se rispondo solo ora. Le stats dei mostri sono "da manuale". Alcuni hanno oggetti magici fastidiosi (es. ring of spell turning), altri sono circondati da maree di gregari. In ogni caso per ognuno sono riportate le tattiche da utilizzare contro i giocatori.
  5. No calma, qui non è un problema di "semplificazione", ma di menefreghismo. Dato che l'avventura in oggetto è un'avventura cittadina e, in certe circostanze i PG devono girare per la città alla ricerca di determinate "cose" e in determinati "tempi", se la città è di 3 km, di 6 o di 10, cambia, e come se cambia. Poi qualcuno oggi dirà "E' un gioco d'immaginazione e non cambia", ottimo. Allora non mettete nessuna mappa, visto che non cambia. E' impensabile che l'artista che ha rifatto la mappa di waterdeep (disegnando edificio per edificio simili alle mappe vecchie) non si sia chiesto la scala. Semplicemente non han voluto perdere qualche ora a cercare risposte. In generale le mappe dei prodotti 5e stanno peggiorando in modo imbarazzante. Mappe senza scala o con scale ridicole (vedi vicoli di 12 metri), mappe disegnate al tratto (peggio di quelle degli anni 80), mappe slavate senza distinguere le caratteristiche del territorio (vedi la mappa di mythic odysseys of theros). L'idea che "oggi si è attenti ad altro" per me non funziona nelle ambientazioni. Se io e te giochiamo nella stessa ambientazione pretendo che alcune cose siano oggettive, e quindi comuni a entrambi.
  6. aza

    Auguri a Gary Gygax

    Caso vuole che proprio oggi, 27 luglio, corre l'anniversario della nascita di uno dei padri del gioco di ruolo, E. Gary Gygax. Dato che con questo blog vorrei, nel mio piccolo, onorare l'eredità di Gary Gygax, degli scrittori, degli editori e degli artisti che hanno forgiato D&D non posso esimermi dal dire: buon compleanno Gary! Se volete, alzate un bicchiere e lanciate un D20 in suo onore.
  7. aza

    Gary Gygax

    Immagini di uno dei creatori di D&D
  8. Si, ma la cosa non è che mi piaccia. Stiamo parlando di un'ambientazione commerciale. Gradirei che se mi vendi qualcosa quella cosa sia completa. Non stiamo parlando di regole vaghe che ogni DM adatta al suo stile. Qui stiamo parlando di una città. Se mi fornisci una mappa, per cortesia gradirei avesse una scala. Non è una richiesta assurda, tutt'altro. Dividi per 2 quelle distanze.
  9. Le vere dimensioni della città di Waterdeep sono andate perdute nel corso delle varie edizioni del gioco. L'ultimo supplemento che ne parla (Il Furto dei Dragoni) ha una bellissima mappa della città, ma senza scala! Quali sono quindi le vere dimensioni della Città degli Splendori? A questa domanda, in apparenza semplice, l’attuale editore di D&D non sa rispondere. L’ultimo prodotto a trattare Waterdeep è Il Furto dei Dragoni (Dragon Heist). Chiunque abbia visto la splendida mappa della città che accompagna questa meravigliosa avventura, avrà notato la mancanza di una cosa fondamentale: la scala. Quella che sembra all’apparenza una dimenticanza (gravissima), secondo me è una scelta ben precisa. Il problema è che le dimensioni della città sono state incasinate nel corso delle edizioni e la WotC non si è preoccupata di ricostruire le dimensioni corrette... molto probabilmente perché non sa quali siano. Ma partiamo da Il Furto dei Dragoni. Quella che vedete è la mappa del vicolo Teschio di Troll (Trollskull Alley). Chiunque analizzi con occhio critico quella mappa nota subito che qualcosa non va. La scala dice 1 quadretto = 3 metri. Quindi il nostro vicolo (sottolineo vicolo) ha queste caratteristiche: i passaggi stretti all’interno del vicolo sono di 6 metri; una delle case più piccole (quella bordata in rosso) è 12x18 metri (216 mq); la via a nord del vicolo è larga 12 metri nel punto più stretto; la via a sud del vicolo è larga 18 metri (praticamente un’autostrada). È evidente che per una città medievale sono misure senza senso. E infatti, nel corso delle edizioni, sono state erroneamente raddoppiate. Se osservate le dimensioni della mappa della Locanda Teschio di Troll (edificio T1) in fondo al manuale, sono ben più piccole rispetto a quelle che risultano dalla mappa del vicolo. Pensate che quelle dimensioni sono, per puro caso, quasi identiche alla versione corretta. Il problema è che alcuni utilizzano le dimensioni del vicolo Teschio di Troll per estrapolare le dimensioni della città, e avendo il vicolo dimensioni enormi, ottengono una città grande circa il doppio di quella che dovrebbe essere. Quando è successo tutto ciò? Quando in AD&D 2a edizione uscì il supplemento City of Splendors (1994), la mappa della città non riportava nessuna scala, ma le mappe degli edifici (in particolare quella del castello di Waterdeep) riportava 1 quadretto = 20 piedi (6 mt). Questo ha reso improvvisamente il castello adatto ai giganti delle tempeste. La mappa del castello avrebbe dovuto essere 1 quadrato = 10 piedi (3 mt); sarebbe comunque stato un castello molto grande, ma decisamente in scala umana. Il problema, anche in quel caso, è che le persone hanno estrapolato le dimensioni complessive della città da quelle del castello, e Waterdeep, in un colpo solo, ha raddoppiato le sue dimensioni. In seguito, tutti i supplementi della terza edizione sulla città degli splendori hanno continuato a mantenere quelle dimensioni errate. Quindi il povero popolano del quartiere del porto si ritrovò a vivere improvvisamente in una casa di 9x12 metri, anziché in un tugurio di 4,5x6 metri della versione originale. Gli stretti vicoli tortuosi si spalancarono all'improvviso come autostrade a due corsie. E purtroppo molti fan crearono ogni sorta di mappa basandosi sulle dimensioni delle mappe della nuova edizione (3e). D'altronde perché non avrebbero dovuto farlo? La conseguenza è che quasi tutte le mappe che trovate in giro hanno una scala sbagliata, a iniziare dall’usatissima https://www.aidedd.org/atlas/index.php?map=W&l=1 Quindi quanto è grande Waterdeep? Le uniche dimensioni corrette della città di Waterdeep sono riportate nel supplemento FR1, City System (1988). Per farvi capire le dimensioni della mappa contenuta nel Boxed Set: In questo supplemento c’erano molte, molte planimetrie di edifici e di grandi strutture cittadine la cui scala si adattava perfettamente con la gigantesca mappa del sistema cittadino, la quale aveva come scala 1 pollice = 100 piedi (1 cm = 11,8 mt). Tutto era estremamente coerente. In base quindi a questo supplemento, la città di Waterdeep, misura in linea d'aria dalla Porta del Troll (nord ovest) alla Porta Sud esterna (sud est) poco meno di 2 miglia (3,2 Km). Rapportando la scala che troviamo nel supplemento originale si ricava la seguente scala per le mappe che trovate ne Il Furto dei Dragoni: la mappa del DM ha una scala di 1 pollice = 400 piedi (1 cm = 47 metri); la mappa dei giocatori ha una scala di 1 pollice = 450 piedi (1 cm = 53 metri). Rimane un po' di amarezza perché, ancora una volta, la Wizards of the Coast ha sprecato questa occasione per riportare la Città degli Splendori alle sue dimensioni corrette. Peccato per l'occasione mancata. Visualizza articolo completo
  10. A questa domanda, in apparenza semplice, l’attuale editore di D&D non sa rispondere. L’ultimo prodotto a trattare Waterdeep è Il Furto dei Dragoni (Dragon Heist). Chiunque abbia visto la splendida mappa della città che accompagna questa meravigliosa avventura, avrà notato la mancanza di una cosa fondamentale: la scala. Quella che sembra all’apparenza una dimenticanza (gravissima), secondo me è una scelta ben precisa. Il problema è che le dimensioni della città sono state incasinate nel corso delle edizioni e la WotC non si è preoccupata di ricostruire le dimensioni corrette... molto probabilmente perché non sa quali siano. Ma partiamo da Il Furto dei Dragoni. Quella che vedete è la mappa del vicolo Teschio di Troll (Trollskull Alley). Chiunque analizzi con occhio critico quella mappa nota subito che qualcosa non va. La scala dice 1 quadretto = 3 metri. Quindi il nostro vicolo (sottolineo vicolo) ha queste caratteristiche: i passaggi stretti all’interno del vicolo sono di 6 metri; una delle case più piccole (quella bordata in rosso) è 12x18 metri (216 mq); la via a nord del vicolo è larga 12 metri nel punto più stretto; la via a sud del vicolo è larga 18 metri (praticamente un’autostrada). È evidente che per una città medievale sono misure senza senso. E infatti, nel corso delle edizioni, sono state erroneamente raddoppiate. Se osservate le dimensioni della mappa della Locanda Teschio di Troll (edificio T1) in fondo al manuale, sono ben più piccole rispetto a quelle che risultano dalla mappa del vicolo. Pensate che quelle dimensioni sono, per puro caso, quasi identiche alla versione corretta. Il problema è che alcuni utilizzano le dimensioni del vicolo Teschio di Troll per estrapolare le dimensioni della città, e avendo il vicolo dimensioni enormi, ottengono una città grande circa il doppio di quella che dovrebbe essere. Quando è successo tutto ciò? Quando in AD&D 2a edizione uscì il supplemento City of Splendors (1994), la mappa della città non riportava nessuna scala, ma le mappe degli edifici (in particolare quella del castello di Waterdeep) riportava 1 quadretto = 20 piedi (6 mt). Questo ha reso improvvisamente il castello adatto ai giganti delle tempeste. La mappa del castello avrebbe dovuto essere 1 quadrato = 10 piedi (3 mt); sarebbe comunque stato un castello molto grande, ma decisamente in scala umana. Il problema, anche in quel caso, è che le persone hanno estrapolato le dimensioni complessive della città da quelle del castello, e Waterdeep, in un colpo solo, ha raddoppiato le sue dimensioni. In seguito, tutti i supplementi della terza edizione sulla città degli splendori hanno continuato a mantenere quelle dimensioni errate. Quindi il povero popolano del quartiere del porto si ritrovò a vivere improvvisamente in una casa di 9x12 metri, anziché in un tugurio di 4,5x6 metri della versione originale. Gli stretti vicoli tortuosi si spalancarono all'improvviso come autostrade a due corsie. E purtroppo molti fan crearono ogni sorta di mappa basandosi sulle dimensioni delle mappe della nuova edizione (3e). D'altronde perché non avrebbero dovuto farlo? La conseguenza è che quasi tutte le mappe che trovate in giro hanno una scala sbagliata, a iniziare dall’usatissima https://www.aidedd.org/atlas/index.php?map=W&l=1 Quindi quanto è grande Waterdeep? Le uniche dimensioni corrette della città di Waterdeep sono riportate nel supplemento FR1, City System (1988). Per farvi capire le dimensioni della mappa contenuta nel Boxed Set: In questo supplemento c’erano molte, molte planimetrie di edifici e di grandi strutture cittadine la cui scala si adattava perfettamente con la gigantesca mappa del sistema cittadino, la quale aveva come scala 1 pollice = 100 piedi (1 cm = 11,8 mt). Tutto era estremamente coerente. In base quindi a questo supplemento, la città di Waterdeep, misura in linea d'aria dalla Porta del Troll (nord ovest) alla Porta Sud esterna (sud est) poco meno di 2 miglia (3,2 Km). Rapportando la scala che troviamo nel supplemento originale si ricava la seguente scala per le mappe che trovate ne Il Furto dei Dragoni: la mappa del DM ha una scala di 1 pollice = 400 piedi (1 cm = 47 metri); la mappa dei giocatori ha una scala di 1 pollice = 450 piedi (1 cm = 53 metri). Rimane un po' di amarezza perché, ancora una volta, la Wizards of the Coast ha sprecato questa occasione per riportare la Città degli Splendori alle sue dimensioni corrette. Peccato per l'occasione mancata.
  11. aza

    18–100 parte II

    Dopo aver visto nella prima parte i consigli forniti da Doug Niles per la gestione dei personaggi di 100° livello, l'avventura ci fornisce 4 personaggi pronti all'uso. I personaggi prendono il nome da miti greci, ma non sono quei miti. Per la cronaca, le statistiche dei miti greci in AD&D sono nel manuale Deities & Demigods. Visto così è potente, ma non eccessivamente potente in termini di AD&D. I suoi oggetti magici sono limitati dal codice del paladino, e includono sicuramente: una spada Holy Avenger +5 (sacro vendicatore); un'armatura magica +5, uno scudo +5, Quindi la sua CA è -10 (il massimo raggiungibile; equivalente a 30 in 5e). Con forza a 25 (+7 al colpire e +14 ai danni), la spada +5 e la doppia specializzazione nell'arma (+3) ha un THAC0 di -11 (equivalente a +31 in 5e). Tradotto, colpisce classe armatura -10 (ribadisco, non si può avere una CA migliore in AD&D) sempre, tranne con un 1 naturale. Vediamo i danni: la sua arma (spada lunga) fa 1d8+22 (32 se il bersaglio è caotico). Ha 5 attacchi ogni 2 round (2 il primo, poi 3, poi 2, poi 3, e via così), la media dei danni è quindi di 50-75 punti ferita a round (50 i round dipari e 75 quelli pari). Non dimentichiamoci che la spada Holy Avenger gli conferisce l'incantesimo dissolvi magie sempre attivo, come se fosse lanciato da un mago di 100° livello... meraviglioso. Oltre a questo, come tutti i guerrieri in AD&D, contro creature con meno di 1 DV, fa un numero di attacchi uguale al livello... quindi il nostro Perseo attacca 100 coboldi a round... Essendo un paladino ha anche un certo numero di incantesimi, ma poco importa. Se lo scagliamo contro il vero mito greco Perseo (Deities & Demigods - Paladino 15°/Bardo 5°), lo neutralizza in circa 2 round. Passiamo al mago. Circe è qualcosa di stratosferico... Come ricordato nella prima parte, gli incantesimi in AD&D "scalano" all'infinito. Gittata, area d'effetto, durata e danni aumentano all'aumentare del livello del mago e non esiste un limite massimo. Dardo incantano ha una gittata di 318 metri negli interni (poco più di 1 Km all'esterno), crea 50 dardi, colpiscono automaticamente e ogni dardo fa 1d4+1 pf. 175 danni di media garantiti, non male per un incantesimo di primo livello. Si sa, i dardi incantati possono essere fermiti solo dall'incantesimo scudo (1° liv.), e l'incantesimo scudo di Circe dura 500 round (8 ore e 20 minuti). Palla di fuoco (3°liv), ha una gittata di 330 metri in interno (poco più di 1 Km all'esterno). Ovviamente fa 100d6 pf per una media di 350 pf, 175 se riesce il tiro salvezza. L'incantesimo volare (3° liv) dura 16 ore. Cono di freddo (5° liv) fa 100d4+100 pf in un area di 150 metri. Questi sono solo alcuni degli incantesimi più conosciuti. Contro il vero mito greco Circe (Deities & Demigods - Maga 12°/Illusionista 9°/Bardo 5°), non c'è partita. Vediamo ancora il chierico e vi risparmio il ladro. Anche Artemis, come incantatore è estremamente potente, anche se non ai livelli di Circe. Ricordiamo subito che in AD&D i chierici hanno incantesimi fino al 7° livello. Non dispongono quindi dei più potenti incantesimi di 8° e 9° livello. Non solo, la lista degli incantesimi da chierico è molto diversa da quelli dei maghi e non è altrettanto spettacolare. Con l'aumentare del livello, la maggior parte degli incantesimi clericali, aumenta la gittata e la durata, ma non i danni. Quest'ultimi infatti tendono ad avere un ammontare fisso. L'alta saggezza, concede ad Artemis un numero ridicolo di incantesimi ogni giorno (ben 143 - 81 da chierico e 62 da driudo). Ricordo che può lanciare 12 incantesimi Harm (ferire) che riducono i pf del nemico a 1d4 (senza TS). Poi c'è la parte da Druido... Perché è al 23° livello? Perché questo è il massimo livello che un druido può raggiungere. Proprio come i monaci 1e, i druidi hanno un limite massimo a cui possono arrivare e ottengono abilità stravaganti ad ogni livello. Essendo Gerofante di massimo livello possibile, Artemis può: alterare l'aspetto a piacimento. ibernarsi. entrare nel Piano Elementale di: Terra, Aria, Acqua o Fuoco a volontà (e ovviamente ha l'abilità di sopravvivere in quei piani estremamente mortali). evocare elementali di: aria, terra, fuoco, acqua, magma, melma, fumo e ghiaccio. entrare anche nei piani para-elementali e nel piano dell'ombra. entrare in tutti i piani interni, inclusi il positivo e il negativo e i loro piani quasi-elementali. vivere sul piano di concordant opposition (Outlands in Planescape). ed è immune a tutti i veleni naturali. Vi risparmio il personaggio più triste di 100° livello mai visto: Hermes il ladro. E' uno gnomo del profondo Ladro di 100° e Illusionista di 7°. Se vi state domandando perche solo 7° livello come illusionista è perche è il livello massimo a cui in AD&D gli gnomi possono arrivare in quella classe. Concludiamo mettendo a confronto ognuno di questi personaggi contro il Grande Antico: CTHULHU! SI. Deities & Demigos fornisce le statistiche per Cthulhu... ed è terribilmente cattivo. Cthulhu attacca come una "creatura da 16+ DV" ma ha una Forza di 25. Quindi il suo THAC0 va a 0 (+20 al colpire in 5e). I suoi 30 attacchi infliggono 1d10 danni ciascuno e può lanciare incantesimi come un Mago di 20° livello. Terrò le cose semplici, principalmente guardando la matematica, quindi questa non è una specie di simulazione. Perseo è un Paladino di 100° livello con una Holy Avenger e combatte un'entità caotica malvagia. Quindi parte già bene. Ha un incantesimo di Protezione dal Male sempre attivo e dissolve automaticamente tutta la magia in un raggio di 10' (3 m) come un incantatore di 100° livello. Ciascuno dei suoi attacchi infligge una media di 36,5 danni e attacca 5 volte ogni 2 round, mancando solo con un 1 naturale. Nei round dispari, farà una media di 73 danni e nei round pari una media di 109,5 danno. A parità di condizioni, fa fuori i 400 pf di Cthulhu in 11 attacchi (5 round) - ma il buon Cthulhu rigenera 10 pf per round. Quindi in quei quattro round prima del colpo mortale, Cthulhu recupera 40 punti ferita. Ci vorrà quindi un sesto round per sconfiggere il Grande Vecchio. Cthulhu, d'altra parte, colpisce Perseo con un 10 o superiore... ma ha una penalità di -2 ai suoi tiri per colpire a causa dell'aurea di protezione dal male del paladino. I suoi incantesimi possono fare schifo, quindi gli faremo usare i suoi 30 tentacoli contro Perseo. Colpirà una media di 13,5 volte ogni round, infliggendo un danno medio di 5,5 per attacco... Quindi 74,5 danni per round, contro i 390 punti ferita di Perseus. Ci vogliono 6 round per uccidere Perseo. Quindi diciamo che in questo caso l'iniziativa fa la differenza. Circe vaporizza Cthulhu da oltre mezzo miglio di distanza, mentre vola. Cthulhu ha quella che sembra essere una grande resistenza magica: ben 80%. Ma in AD&D 1e la resistenza alla magia funziona in modo strano. Il valore della resistenza è basato su un avversario di 11° livello. Per ogni livello inferiore dell'avversario, la resistenza aumenta di un 5%. Per ogni livello superiore all'11 dell'avversario, diminiusce di 5%. Contro un incantatore di livello 100, Cthulhu ha una resistenza magica effettiva di -365% (quindi non ne ha alcuna). Fortunatamente, ha tutti i tiri salvezza a 2 (2 o più per salvare), ma sfortunatamente a Circe basteranno solo tre palle di fuoco da 100d6 pf o tre dardi incantati da 50 dardi ognuno (lanciati da 1 km di distanza ricordiamo), per sbarazzarsi del Grande Vecchio. Artemis... Beh, Putroppo non può usare i 1.000 pf di danno di Creeping Doom (piaga strisciante) in quanto Cthulhu può essere ferito solo da armi magiche +2 o migliori. È un peccato, perché basterebbe quello a finirlo. Non riesco a vedere Cthulhu seduto in attesa mentre Artemis passa l'intero round a lanciare Harm (ferire). Quindi il mio istinto mi dice che Artemis senza supporto non può sconfiggerlo. Probabilmente la sua chance migliore è quella di usare Gate (portale) ed evocare il suo dio (chi è più debole di Artemis ma in combattimento decisamente migliore). Termino il ricordo di questa epica e irripetibile avventura con alcuni degli incontri che i giocatori devono affrontare. Attenzione, non neccessariamente combattere e sconfiggre, in alcuni casì basterà l'idea giusta. il gigantesco drago bianco Arctigis il re stregone Zhengyi - un Lich di 30° levello 100 demoni di tipo III il drago abissale Fyrillicus, un drago di dimensioni enormi rispetto a quelli dei piani materiali una città con 10.000 zombie 100 lich Tiamat, il drago cromatico il Tarrasque (si proprio lui...) varie divinità minori e principi dei demoni tra cui: Baphomet (signore dei demoni) Pazuzu, principe degli spiriti malvagi dell'aria (signore dei demoni) Caronte Demogorgon (signore dei demoni) Yeenoghu, principe demoniaco dei Gnoll Lolth, regina demoniaca dei ragni Juiblex, il signore senza faccia (signore dei demoni) Urdlen (divinità minore) Zuggtmoy, signora demoniaca dei finghi Graz'zt (principe dei demoni) Fraz-Urb'luu, principe demoniaco dell'inganno Kostchtchie (principe dei demoni) Kali, dea della distruzione Vaprak, semidio dei Troll e Ogre Laogzed, semidio dei Trogloditi E infine, ovviamente lui, il responsabile della gita nell'abisso: Orcus!
  12. aza

    Disclaimers & Dragons

    Come detto non ho nulla da aggiungere rispetto al primo post. Mi sento solo in obbligo di commentare questa tua affermazione, in quanto tutto è nato da lì. La dichiarazione di esclusione di responsabilità della WotC è l'ultima in una serie di dichiarazione dove è evidente che ha abbracciato in toto l'attuale corrente SJW. Tutto è nato dal fatto che alcuni vedono in razze fantasy, che ricordo NON ESISTONO, una similitudine con le minoranze eltniche. Quindi l'orco non puo essere malvagio, il drow nemmeno (pensa poi che lo rappresentano con la pelle scura), gli allineamenti sono da eliminare perchè impongono un certo comportamento, adirirrura la follia che un semplice -2 a intelligenza è discriminatorio, e via dicendo. Qui una delle tante discussioni: https://www.belloflostsouls.net/2020/04/dd-orcs-trend-on-twitter-and-controversy-followed.html Per me quella roba lì è pura follia. Non solo: ha il potere di incidere sulla realtà, e quindi su come nel mondo reale le minoranze vengono trattate, meno di un due di picche a briscola. Anzi, porta semplicemente a polarizzare le opinioni e a "spaccare" la fanbase di D&D. La situazione è identica al "satanic panic" degli anni '80 (ovviamente potenziata dai social), anche se al momento la religione non c'entra. Ma non mi sorprenderebbe che prima o poi qualche gruppo o movimento inizi a lamentarsi di divinità, diavoli e cose simili in D&D. D'altronde se il "tempio satanico" denuncia Netflix per avergli copiato la statua di satana tutto può accadere...
  13. aza

    Disclaimers & Dragons

    Personalmente non ho molto da aggiungere rispetto a quanto detto da Joe. La WotC può mettere tutte le dichiarazioni che vuole ma quando dice "questi contenuti erano sbagliati allora e lo sono adesso" insulta e indirettamente da dei razzisti a tutti quelli che su quei supplementi ci hanno lavorato (Gygax, Greenwood, Salvatore, Cook, Weiss, Hickman e altri). Tutti quelli che hanno contribuito a creare e mantenere il gioco attraverso gli anni. Hanno sputato sopra la storia del gioco, scaricando tutta la responsabilità (di cosa poi non si sa) su altri. Il gioco di ruolo D&D oggi è vittima del suo successo (un po' come negli anni '80). Sono senza alcun dubbio molti di più quelli che guardano giocare a D&D sui social di quelli che ci giocano costantemente ogni settimana. Io non ho MAI sentito un giocatore "appassionato" di D&D definire "problematici" i vecchi prodotti. Ma agli occhi dei moderni SJW ogni cosa è problematica e si arriva alla follia di definire gli scacchi un gioco razzista. L'editore è libero di fare quello che vuole. Ma se una cosa ha insegnato la quarta edizione è che se fai cose che non sono gradite alla tua fanbase, la fanbase ti molla senza pensarci troppo. Quando uscirà la prossima edizione (non per forza la 6a) riveduta e corretta dei 3 manuali base staremo a vedere. Nel frattempo giusto oggi c'è un gradevole articoletto sull'HuffPost che parla della Cancel Culture. Se volete dargli una letta...
  14. Il forum di discussione Dragons' Lair è uno spazio virtuale gestito privatamente, e in quanto tale ogni utente visitatore o registrato può essere soggetto a restrizioni o allontanamenti secondo il giudizio insindacabile degli Amministratori del sito. Il presente Regolamento del Forum Dragons' Lair contiene le norme stabilite dagli Amministratori come condizione necessaria per la partecipazione degli utenti alle attività della Community D'L. Per Community D'L si intendono sia le persone fisiche degli utenti registrati, sia le Aree di Discussione (ovvero le sezioni del Forum e i vari Sottoforum), le Aree Utente (ovvero Messaggi Privati, Bacheche, Firme, Avatar, e Informazioni pubbliche del profilo), e le Aree Accessorie (ovvero Download, Blog, Gallery, Gilde e Calendario). Il presente Regolamento del Forum è suscettibile di modifiche e integrazioni che verranno annunciate nella Sezione del Forum Dragons' Lair. Ogni modifica del Regolamento viene applicata in vista di una migliore chiarezza espositiva e della risoluzione di problematiche controverse. Il buon senso di tutti gli utenti registrati, è un valore a cui gli Amministratori si appellano affinché le norme del presente Regolamento del Forum possano configurarsi sempre più come concetti scontati e condivisi, e sempre meno come limitazioni da rispettare. CAPITOLO 1: AREE DI DISCUSSIONE Per Aree di Discussione si identificano le varie Sezioni del Forum con relativi Sottoforum nonché tutte le aree aperte ad eventuali commenti degli utenti. All'interno delle Aree di Discussione ogni utente è tenuto a comportarsi secondo le norme descritte in questo Capitolo. Alcune Sezioni del Forum o Sottoforum possono essere regolamentate da ulteriori norme, che saranno esposte in evidenza nella descrizione del forum col titolo Regolamento di Sezione. Per qualsiasi chiarimento si invitano gli utenti a contattare privatamente un Amministratore, un Supermoderatore, o un Moderatore della Community (link) 1: Cosa non è consentito fare nel sito 1.1 Inserire messaggi che insultano, offendono o diffamano sia persone fisiche, sia persone giuridiche di diritto pubblico o privato. 1.2 Inserire messaggi provocatori, denigratori, sarcastici o dai toni aggressivi. Astenersi da tali comportamenti è necessario per creare un ambiente sereno di discussione. 1.3 Fornire o richiedere materiale pornografico, pirata, o finalizzato a pratiche commerciali scorrette, o a qualsiasi altra attività illecita ai sensi delle vigenti leggi italiane. 1.4 Fornire o richiedere immagini di nudo, scabrose o comunque sconvenienti, sia direttamente che tramite link a siti esterni. 1.5 Scrivere messaggi in linguaggio scurrile, usando abbreviazioni tipiche dei messaggi SMS, abusando del maiuscolo, o comunque in qualsiasi modo che ostacoli la lettura del testo. 1.6 Promuovere o difendere ideologie, movimenti, o pensieri che siano discriminatori o non rispettosi della libertà individuale. 1.7 Rispondere a tono a provocazioni, flamebait, o a qualsiasi violazione del regolamento descritta nei punti precedenti. 1.8 Utilizzare un account in modo condiviso con altri utenti. Similmente nessun account può essere ceduto, anche temporaneamente, ad altre persone. 1.9 Registrare o utilizzare più di un account per la stessa persona. Nel caso avvenga per errore o per email non più valida, siete pregati di rivolgervi a un moderatore o admin per la fusione degli account. 1.10 Iscriversi con un indirizzo e-mail che non sia riconducibile alla propria persona. Ad esempio tramite indirizzi e-mail di familiari o amici. 1.11 Inserire messaggi fuori tema (in gergo Off Topic - OT), in particolare per: autopromozione o referral non autorizzati; post-counter SPAM; ringraziamenti. 1.12 Inserire discussioni in sezioni non adatte al tema della stessa, o trattare Temi a Rischio. I Temi a Rischio sono argomenti di discussione considerati ad alto rischio di degenerazione. Una lista dei Temi a Rischio attuali è sempre presente in un apposito topic in evidenza collocato nelle sezioni opportune (vedi punto 4). 1.13 Crossposting, ovvero utilizzare lo stesso testo per creare risposte in più discussioni. 1.14 Necroposting, ovvero rispondere ai singoli messaggi di discussioni a tema esaurito. Si considerano discussioni a tema esaurito quelle senza nuove risposte per più di 30 giorni. Utilizzare un topic a tema esaurito per porre una nuova domanda non è considerato necroposting. 1.15 Topic bump, ovvero rispondere ad una discussione al solo scopo di portarla in cima alla lista nella relativa sezione. 1.16 Inserire messaggi multipli consecutivi a intervalli di tempo inferiori alle 24h. Entro 24h dall’invio di un messaggio è possibile modificarne il contenuto. 1.17 Scrivere messaggi di carattere commerciale contenente pubblicità, link a prodotti o aste senza aver ricevuto preventivamente l’autorizzazione da parte di un amministratore o di un super moderatore. Le discussioni di compravendita tra utenti vanno inserite nella Sezione del Forum Mercatino. 1.18 Pubblicare il contenuto di e-mail, chat private o M.P. senza l'esplicito consenso dell'autore. Si può comunque segnalare privatamente ai Moderatori o degli Amministratori. 1.19 Incitare alla violazione delle regole qui descritte, o criticare pubblicamente l'operato dei Moderatori o degli Amministratori. La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può portare all'applicazione di provvedimenti disciplinari a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link). 2: Cosa è necessario comprendere prima di pubblicare contenuti nel sito 2.0 Buonsenso, rispetto ed educazione sono ingredienti fondamentali per qualsiasi discussione civile e proficua. 2.1 Denigrare l'altrui modo di giocare o di concepire il gioco, in questo sito è sempre considerato un comportamento provocatorio se non offensivo. Si consiglia di evitare di dare giudizi negativi anche impliciti in questo senso. 2.2 Scrivere in maniera sintetica, curando ortografia, grammatica, sintassi e formattazione del testo, aiuta a rendere comprensibile il messaggio. Un messaggio eccessivamente lungo scoraggia il lettore, così come un messaggio presentato come un paragrafo di testo concentrato privo di maiuscole, linebreaks o spazi appropriati. 2.3 L'avatar (immagine profilo) di ogni utente ne consente l'identificazione immediata e facilita la comprensione delle discussioni. Avere un avatar è obbligatorio. Si sconsiglia di cambiare avatar frequentemente. 2.4 L'utilizzo dei TAG e PREFISSI aiuta la catalogazione dei contenuti per facilitare eventuali consultazioni future. 2.5 Un titolo sintetico, essenziale, e privo di punteggiatura, aiuta la catalogazione della discussione per facilitare eventuali consultazioni future. Durante la creazione del titolo di una discussione si consiglia di evitare: termini generici come "aiuto" o "suggerimento"; la forma interrogativa; slash, backslash, virgole, punti, punti esclamativi o qualsiasi segno di punteggiatura non strettamente necessario. 2.6 Rispondere a una discussione esistente è preferibile ad aprire una nuova discussione con lo stesso tema. A meno che la discussione non sia parecchio datata (vedi punto 1.14). La funzione Cerca è una risorsa che può aiutare voi e gli altri a trovare la soluzione al vostro problema. 2.7 Leggere le discussioni in evidenza permette di conoscere molte risorse messe a disposizione degli utenti. La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può: determinare un'aggravante per le violazioni del punto 1; in casi particolarmente significativi, portare all'applicazione di provvedimenti disciplinari a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link). 3: Regolamenti di Sezione All'interno delle Aree di Discussione, ovvero le Sezioni del Forum e i Sottoforum, possono essere presenti delle discussioni dal titolo REGOLAMENTO di SEZIONE. Tali discussioni riportano norme specifiche richieste per quella particolare Area di Discussione. Gli utenti sono invitati a verificarne la presenza nelle sezioni in cui intendono inviare contenuti. 4: Argomenti Trattati Il forum Dragons' Lair è uno spazio virtuale di discussione su temi relativi agli hobby ludici, ed in particolare ai Giochi di Ruolo. La struttura del forum stabilisce e regolamenta la suddivisione degli argomenti trattati in apposite Aree di Discussione che gli utenti sono tenuti a seguire quando aprono delle discussioni. Nonostante ciò, alcuni argomenti non possono essere trattati (vedi i punti 1.3 e 1.12). Discussioni a tema politico, religioso, di attualità e contestazione sociale sono vietate, fatta eccezione per quanto indicato nel punto 4.1 4.1 Laddove una discussione legata ai Giochi di Ruolo sia indissolubilmente connessa ad uno degli argomenti sopracitati è concesso aprirla, tenendo però presente che essa sarà controllata con particolare attenzione dalla Moderazione e che al primo accenno di degenerazione della discussione, sia come contenuti che come toni, questa sarà chiusa e verranno comminate le infrazioni reputate necessarie. 4.2 Se un topic viene aperto in un'Area di Discussione non idonea lo Staff provvederà a spostarlo, lasciando un link di collegamento nell'area di origine per alcuni giorni e avvisando il creatore del topic (e chi vi avesse partecipato) della cosa. 4.3 Se un utente ha dei dubbi in merito all'Area dove aprire una discussione o sui prefissi e tag da impiegare è invitato a rivolgersi ad un Moderatore di Sezione per chiedere consigli. 5: Moderazione e Contestazioni L'Amministrazione del forum delega ad alcuni utenti meritevoli, denominati Moderatori, il compito di controllare e intervenire per garantire il rispetto del Regolamento, la risoluzione di problemi tecnici, e la catalogazione efficiente dei contenuti. L'organico dei Moderatori viene rinnovato ciclicamente, e ogni cambiamento viene annunciato pubblicamente nella Sezione del Forum Dragons' Lair. L'attività degli amministratori e dei moderatori della Community è insindacabile e soggetta esclusivamente al giudizio dello Staff del Sito. In particolare, gli amministratori del sito ed i moderatori sono autorizzati a rimuovere e/o modificare ogni informazione e contenuto che per qualche ragione possa essere considerato una violazione del presente regolamento, dei termini di servizio, delle norme sulla privacy, e delle leggi vigenti. Analogamente, gli amministratori hanno piena discrezionalità circa la pubblicazione e la cancellazione di materiale di qualsiasi genere sottoposto dagli utenti, come discussioni, inserzioni, download, link, recensioni ed altro ancora. È comunque possibile chiedere spiegazioni ed approfondimenti a Moderatori ed Amministratori, purché tali comunicazioni non avvengano in via pubblica attraverso il forum, ma piuttosto mediante email o messaggi privati anche attraverso il sito stesso. La preferenza per tale forma di comunicazione scaturisce dal fatto che tramite una forma di comunicazione privata possono essere raggiunti più facilmente chiarimenti e soluzioni condivise grazie ad un dialogo più costruttivo rispetto a quella pubblico. A tale scopo, i moderatori sono autorizzati a chiudere e cancellare ogni forma pubblica di polemica e contestazione. Da parte dei moderatori e dell'amministrazione del forum vi è sempre piena disponibilità al dialogo, in forma privata per cercare di appianare possibili rimostranze. Cercare il dialogo è in ogni caso la strada preferibile per appianare discordie o, quantomeno, meglio capire le motivazioni degli interventi da parte dei moderatori e/o degli amministratori. Le seguenti norme definiscono i poteri dei Moderatori 5.1 Gli utenti Moderatori vengono abilitati dal sistema alle seguenti azioni: Modificare/spostare/fondere/clonare qualsiasi contenuto presente nelle sezioni di propria competenza. Mettere in rilievo/aprire/chiudere qualsiasi contenuto presente nelle sezioni di propria competenza. Modificare sondaggi presenti nelle sezioni di propria competenza. Assegnare avvertimenti a qualsiasi utente, nonché rimuoverne i PE più recenti, in seguito a violazioni del regolamento generale o di sezione. Nelle sezioni di propria competenza, chiamare lo SLOW DOWN per una discussione secondo le modalità descritte di seguito. 5.2 Lo strumento di moderazione SLOW DOWN per una discussione, viene chiamato con un post del moderatore e l'aggiunta di un messaggio [SLOW DOWN] in testa ad ogni pagina della discussione. In una discussione con tag [SLOW DOWN], ogni utente può rispondere una sola volta per giorno solare (dalle 00:00 alle 23:59 della stessa giornata). I trasgressori di tale regola verranno sanzionati secondo le modalità descritte nella sezione 7. 5.3 In caso di dinamiche impreviste, di dubbia interpretazione, o non contemplate dal Regolamento, si delega all'autorità dei Moderatori la possibilità di decidere caso per caso in che modo operare. 5.4 I Moderatori non sono obbligati ad avvisare alcun utente prima o dopo un loro intervento, di qualsiasi natura esso sia (modifica del titolo di un topic, trasferimento di una discussione da una sezione ad un'altra, eliminazione di un intervento/discussione). 5.5 In conformità con quanto espresso al punto 1.19 di questo Regolamento, non è consentito criticare apertamente l'operato degli Amministratori o dei Moderatori sul forum, ma è comunque possibile richiedere spiegazioni o segnalare un comportamento scorretto tramite M.P. al diretto interessato, a un Supermoderatore o a un Amministratore. 6: Segnalazioni In ogni contenuto, compresi quelli privati, è presente il pulsante "Segnala Messaggio", che riporta il messaggio all'attenzione dei Moderatori, con l'aggiunta di un commento inseribile dall'utente segnalatore. Per qualsiasi violazione impunita del Regolamento, comportamento ritenuto scorretto, o lamentela relativa ad un messaggio, gli utenti sono tenuti ad utilizzare questa funzione e attendere l'intervento di un Moderatore. Eventuali abusi di questa funzione saranno soggetti a provvedimenti. 7: Infrazioni e Sanzioni Ogni moderatore può assegnare delle Infrazioni o Sanzioni, secondo le modalità descritte nell'attuale Sistema di Avvertimenti (link). Le Infrazioni e le Sanzioni ricevute sono visibili ad ogni Moderatore del forum, e lo storico delle Infrazioni di ogni utente viene usato come base per decidere i provvedimenti da prendere in caso di violazioni future. Ogni Infrazione assegna all'utente una certa quantità di punti avvertimento. I punti avvertimento non comportano di per sé alcuna limitazione, ma al raggiungimento di alcune soglie di punti il sistema impedirà all'utente di pubblicare contenuti o di accedere al sito per un periodo di tempo variabile, proporzionale alla quantità di punti avvertimento accumulati. L'eventuale espulsione dal forum (Ban) riguarda la persona fisica e non l'account dell'utente, quindi si provvederà a eliminare qualsiasi altro account clone creato successivamente. Ogni utente sanzionato o "infrazionato" è tenuto a richiedere spiegazioni ad un Moderatore, qualora non gli fosse chiaro il motivo. CAPITOLO 2: AREE UTENTE I contenuti inviati nelle Aree Utente sono soggetti alle stesse norme descritte ai Paragrafi 1, 2 e 4, Capitolo 1 del presente Regolamento del Forum. 1: Avatar e Firma Con il termine Avatar si intende un'immagine personale scelta da ogni utente che lo rappresenta all'interno del forum. La Firma è un contenuto di testo (e/o immagine) che viene visualizzato al termine di ogni messaggio inviato dall'utente. Testo e immagini scelti dall'utente come Avatar e Firma non possono contenere 1.1 Link a siti esterni: pubblicitari, noti o segnalati per phishing, di giochi con contatore di visite. 1.2 Immagini o riferimenti a personaggi politici, o ricollegabili ad ideologie politiche, di qualsiasi nazione o epoca. 1.3 Immagini che espongano nudità, di qualsiasi genere. La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può portare all'applicazione di provvedimenti amministrativi a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link). 2: Bacheca e Informazioni pubbliche del profilo Per Bacheca si intende l'omonima pagina del profilo di ogni utente registrato sul forum. Per Informazioni pubbliche del profilo si intendono le informazioni visibili nella pagina Informazioni del profilo di ogni utente. 3: Messaggi Privati e Chat Messaggi Privati e Chat sono dei sistemi di comunicazione privata gestiti dalla piattaforma software del forum. Questi contenuti privati non sono visibili ai Moderatori, ma possono essere segnalati attraverso la funzione apposita descritta al punto 6, Capitolo 1 del presente Regolamento del Forum. 4: Cancellazione di un utente registrato Gli utenti che vogliono veder rimossi i propri dati di registrazione dal forum D'L devono inviare un'e-mail all'indirizzo privacy[AT]dragonslair.it tramite il loro indirizzo di registrazione specificando il nome dell'account utente, oppure inviare un messaggio privato ad un Amministratore del sito. La procedura di rimozione di un account prevede la cancellazione dei dati inseriti all'interno del profilo del forum (compreso ovviamente l'indirizzo e-mail). Il nickname scelto in fase di registrazione rimane associato ai messaggi scritti dall'utente prima della cancellazione del profilo; il nickname compare nelle pagine delle discussioni con il titolo di "ospite", senza profilo associato. Lo Staff D'L non può eliminare la totalità dei contenuti inviati dall’utente (vedi Termini di servizio). Anche nel caso in cui vengano cancellati tutti i messaggi scritti, potranno rimanere visibili eventuali citazioni (totali o parziali) di questi messaggi all'interno dei contenuti inviati da altri utenti. Ogni utente può provvedere autonomamente alla cancellazione dei propri messaggi privati, scritti e ricevuti, prima che l'account venga cancellato. È anche possibile scaricare i messaggi privati in vari formati, utilizzando l'apposita funzionalità presente nel proprio profilo personale. Una volta cancellati, i messaggi non potranno essere ricuperati in alcun modo. CAPITOLO 3: AREE ACCESSORIE I contenuti inviati nelle Aree Accessorie sono soggetti alle stesse norme descritte ai Paragrafi 1, 2 e 4, Capitolo 1 del presente Regolamento del Forum. 1: Gallery Per Gallery si intende l'insieme delle immagini caricate dall'utente sul proprio profilo. Le immagini inserite non possono 1.1 essere protette da copyright, a meno che i diritti d'autore non appartengano direttamente all'utente, o al sito dragonslair.it. 1.2 contenere nudità, totale o parziale, a prescindere dallo scopo per cui è presente (vedi anche la voce 1.4 del Capitolo 1). Alcuni motori di ricerca monitorano le nostre immagini pubbliche in maniera automatica, e possono imporci pesanti restrizioni per la presenza di nudità. 1.3 contenere riferimenti politici, ideologici o religiosi controversi, secondo la valutazione dei Moderatori. 2: Articoli, Blog, Download, Gilde e Calendario Oltre alle Aree finora descritte, ogni utente registrato è abilitato a inserire contenuti: nel proprio Blog, sotto forma di inserzione o di commento. Ogni utente registrato è abilitato a possedere un Blog all'interno del sito. nel Blog di un altro utente, sotto forma di commento ad un inserzione. nel Calendario comune Dragons' Lair, sotto forma di evento o commento. come commento a un Articolo, pubblicato nella pagina Articoli del sito. in area Download, sotto forma di file scaricabile o commento ad un file. Ognuna di queste Aree va utilizzata per esclusivamente per le finalità ivi dichiarate. Ricordiamo in particolar modo la validità delle norme 1.3 e 1.4 del Capitolo 1. 2.1 Qualsiasi contenuto pubblicato in area Download deve essere libero da copyright, a meno che i diritti d'autore appartengano direttamente all'utente, o al sito dragonslair.it La violazione delle norme contenute in questo Paragrafo può portare all'applicazione di provvedimenti amministrativi a discrezione dei Moderatori, secondo le modalità specificate nel Sistema di Avvertimenti (link).
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.