Jump to content

illurama

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    343
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

illurama last won the day on September 7 2013

illurama had the most liked content!

Community Reputation

38 Orco

About illurama

  • Rank
    Apprendista
  • Birthday September 24

Profile Information

  • GdR preferiti
    D&D, Pathfinder

Recent Profile Visitors

1.7k profile views
  1. Jveng [Nessuno] "Carcasse?" Ecco, lo sapevo... Esamino nella mia mente tutta una serie di possibilità, di strategie, ma quando vedo la spada della carcassa trapassarlo da parte a parte, la mia scelta diventa molto più semplice. Mentre sto per caricare di nuovo il mio arco osservo le spettacolari acrobazie di Ubert e di come questo fulmine folgorante lo colpisca a mezz'aria. Capisco allora che devo rivedere le mie strategie perché tanto le mie frecce sono molto probabilmente polvere nel vento per queste... carcasse. "Comunque non penso verrà, da quanto ho capito è una
  2. Jveng [Nessuno] Beh... Spero proprio di non avere ragione... Restando nascosto tra le ombre mi avvicino alla battaglia se non lo sono già abbastanza e scaglio una freccia. "Ma quindi fatemi capire. Zampadileonetenebrosa non può entrare ma i suoi scagnozzi si? Ma poi... che sono questi scagnozzi che coalesciono dall'ombra... Cioè spiegatemelo, io vorrei imparare a fare il contrario! Dai su, ditemi che non vorreste saperlo fare pure voi!" Miro ai punti più fragili, voglio capire di che pasta sono fatte queste creature. "Comunque Chicca, sei prorpio una codarda... Cioè tu
  3. Jveng [Nessuno] @dm@Ubert "Ola Chica, sono Jveng!" Richiamo l'attenzione della sacerdotessa appena sull'uscio del tempio. "Dunque, esaminiamo i fatti. Ti sei fatta abbattere un'intero drappello di scagnozzi da tre tizi neanche troppo svegli. Poi questi si sono pure allenati al tiro al bersaglio con te. Quindi, checchè tu ne dica, con te ci siamo già allenati!" "Dopo di che, sempre i tre tizi, hanno abbattuto 'una delle tue bestie'. Chiamiamo le cose con il loro nome... 'La bestia più cicciona che avevi'. E' vero, abbiamo ricevuto una mano, ma come spiegavo prima al resto
  4. Jveng [Nessuno] Assisto merevigliato alla scena dello stregone che srotola la misteriosa pergamena che avevo trovato nella sacca di Telesia. Al vedere questo strano sortilegio, sono un attimo allarmato, ma guardandomi intorno e guardando le espressioni di tutti mi tranquillizzo. Forse sto diventando paranoico. Poi la risata di Rabubunangan dissolve ogni dubbio. Principesse... Lo saranno anche tutte le altre? Faccio un segno di ringraziamento con la mano verso Rabubunangan quando mi parla di Jojobo mentre sistemo le mie cose nel mio angolo personale. Mi avvicino ad Atahualpa
  5. Jveng [Nessuno] Rabubunangan! Non immagini neanche che piacere sia vederti... Spero non ti dispiaccia se abbiamo portato compagnia... Vedo che anche tu ti sei dato da fare. Dov'è Jojobo? Mi dirigo verso il tempio sorreggendo Amara ma alle parole dello stregonone rispondo "Beh, certo, bravi... Partiamo dal fatto che Atahualpa ci ha quasi rimesso le scaglie. E poi senza la nostra compagnia" dico indicando le due creature che portiamo con noi "non ce l'avremmo assolutamente fatta... Sono decisamente prodigiose! Ma ho il dubbio che tu lo sappia già." "Vabè dai, scherzo... ha fat
  6. Jveng [Nessuno] Stremato dalla fuga, mi sdraio a terra per riposare un secondo. Se chiudo gli occhi posso ancora sentire l'odore dello sterco di quell'obrobrio nella cui caverna ci siamo andati a cacciare quando le gocce di sudore si avvicinano alle mie narici. "Beh, direi che posti sicuri da queste parti non è che proprio ce ne siano. L'ultima volta ci eravamo appartati su un albero che il cattivo riteneva sicuro... Ma forse perché ancora non puzzavamo di sterco... ora siamo al sicuro" "Ubert, sicuramente tu sei più bravo di me ad orientarti in un posto del genere. A occhio,
  7. Jveng [Nessuno] Seguo il consiglio di Telesia e mi pulisco bene dal sangue di Amara. Poi mi prodigo ad assistere Ubert e Telesia nelle cure che stanno fornendo ad Atahualpa e ad Amara. Quando ho un attimo di respiro mi avvicino a studiare il cadavere del drago. Lo tocco, e osservo bene i punti in cui le nostre frecce lo hanno colpito. Cerco di capire come sia mai possibile che la sua testa sia stata recisa in questa maniera, e osservo gli altri segni evidenti della battaglia. Quando il sole sta calando e mi appresto a tagliare un pezzo della carne del drago con la mia ascia, m
  8. Jveng [Nessuno] Rimango un attimo a contemplare quello che ho appena visto, la sua bellezza e la sua rarità. Ma il tempo è tiranno, e devo muovermi svelto per aiutare i compagni che lottano contro la morte. Corro verso Amara quando vedo che Atahualpa è nelle ottime mani di Ubert e comincio a schiaffeggiarle il volto per cercare di svegliarla. Non sono molto bravo a tirare su la gente moribonda, ma quantomeno vorrei capire se è viva, se respira, e se questa pozza di liquido violaceo è il suo sangue. "Io sto bene!" rispondo a Ubert "Ho solo respirato un po' di quella schifezza s
  9. Jveng [Nessuno] Diamnie, ho parlato troppo presto! Comincio a tossire e a sentire anche io gli effetti di questo miasma velenoso che però fortunatamente si disperde. Eeeeh, si certo, col cavolo che lo abbattevamo questo coso qui senza quella lì! Guardare Amara scatenare questi prodigi mi incanta, ma vengo subito riportato alla realtà dalle urla di Atahualpa che continua a lottare tra la vita e la morte contro il drago. Esamino rapidamente nella mia mente le varie possibilità, ma di nuovo mi rendo conto che qualsiasi alternativa sarebbe più inefficace che continuare ad attacc
  10. Jveng [Nessuno] Preparativi per la battaglia Non appena il drago compare davanti a noi, un brivido freddo mi risale per la schiena. Sono consapevole che potrei lasciarci la pelle, e non sono così entusiasta della situazione come altri dei miei compagni. La presenza delle ombre vicino a me mi conforta come una calda coperta, ma mentre osservo il drago divorare i facciadiiena, so che questo momento di conforto sta per terminare. Nel frattempo, bevo la mia dose di antitossina. Subito dopo che Ubert scaglia la sua pioggia di frecce, restando nascosto tra le mie ombre, sc
  11. Jveng [Nessuno] Io direi di cominciare ad imbottire di veleno i due agnelli sacrificali. Visto che ci siamo, piazzerei pure addosso a loro 'qualcosa per accendere il fuoco'... dovresti averle tu le altre Atahualpa... Immagino sia complicato attirare la bestia in mezzo all'erba alta se l'unico motivo per cui scende a terra è mangiare i suoi sacrifici. Questo renderà le cose complicate per noi tiratori. Dobbiamo essere abbastanza vicini per colpirla dove fa più male, ma ciò vuol dire essere esposti e non avere particolare copertura. La cosa che mi turba più di tutte è questo mia
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.