Jump to content

illurama

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    226
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

illurama last won the day on September 7 2013

illurama had the most liked content!

Community Reputation

21 Goblin

About illurama

  • Rank
    Apprendista
  • Birthday 09/24/1988

Profile Information

  • GdR preferiti
    D&D

Recent Profile Visitors

1,057 profile views
  1. Salve a tutti! Nell'ultima sessione i nostri eroi si teletrasportavano contro i nemici in volo saccagnandoli di botte, e ci siamo resi conto di aver trascurato alcune regole riguardo l'abilità volare. Domanda: Il passo di 1.5m è considerato movimento? (non azione di movimento) Vi chiedo questo perché: - Volare richiede una prova con CD 10 per rimanere in volo muovendosi meno di metà della propria velocità. - Volare richiede una prova con CD 15 per fluttuare. Ora, se il passo di 1.5m fosse considerato movimento, sarebbe banale nella stragrande maggioranza dei casi spostarsi di un 1.5m pur restando adiacente al nemico per poter fare attacco completo, oppure lanciare un incantesimo con tempo di lancio 1 round o fare azioni che non prevedano lo spostamento (se ritenete non sia banale, vi invito a elencare alcune situazioni in cui questo banalmente accade). Eppure, viene strano dire che il passo di 1.5m non sia movimento, dal momento che si esce da un quadretto e si entra in un altro. Grazie a tutti in anticipo.
  2. Jivvinul, dopo una rapida ricognizione della pozza, ti rendi conto che Sgabello galleggia sull'acqua alle spalle di Glabbagool. Ti fiondi verso di lui per raggiungerlo e quello che vedi e' qualcosa di raccapricciante. Capisci che si tratta di Sgabello solamente per la forma del suo corpo, che pero' odora ha uno strano odore acidulo ed e' completamente sfregiato e reso irriconoscibile come se fosse stato preso e cotto vivo. Anche Sarith si copre gli occhi e si volta verso dite quando la luce comincia ad espandersi. Sairth [sottocomune] Ma non ti sembra di conoscerla questa voce? Sembra l'elfa, quella che era fuggita con quei goblin. La luce intanto, molto lentamente, continua ad espandersi nella stanza. Zoey, vedi le voci continuano a dialogare tra di loro. Vedi che una delle due si fionda nell'acqua come per fuggire dalla luce di Astra. E man mano che la tua vista riesce a penetrare l'ombra cominci a riconoscere queste figure. Riconosci entrambe le voci e anche i loro profili ti sembrano noti. La cosa che ti turba di piu' e quell'enorme cubo gelatinoso alle loro spalle, al cui interno sono sospesi degli oggetti e chiaramente un cadavere in decomposizione.
  3. Jivvinul, distesa per terra a pancia in giù, con il fiato ancora corto e i capelli davanti agli occhi, hai incoccato la balestra in maniera alquanto maldestra. Ovviamente, è un miracolo che ci sia ancora qualche dardo nella tua faretra, e tutto ovviamente è zuppo. Però ti permette quantomeno di dare una parvenza di minaccia. Il cuore ti palpita a mille, non sai ancora se per la paura o l'eccitazione di essere ancora vivo. Sarith ti ha imitato ed è anche lui per terra accanto a te, per metà ancora in acqua. Anche lui ha soppresso la sua luce danzante per poter rimanere nell'ombra. Mentre maneggi con la balestra, le luci sembrano sdoppiarsi. Il fuoco rimane lì dov'è mentre qualcuno saetta verso un'uscita con in mano un'altra sorgente di luce. Una fiaccola forse. Ma ad un certo punto si ferma. Zoey, mentre stai correndo verso l'uscita, Astra in mano, destata dal tuo sonno con un picco di adrenalina, ti rendi conto che riconosci quella voce. Non è nella tua lingua, è chiaramente la lingua del sottosouolo, ma in questo momento quella voce è quanto di più familiare potessi sperare. E' chiaramente la voce di Jivvinul. Ma nell'esatto momento in cui tu realizzi questo, senti anche la voce di Astra nella tua mente. @Zoey Ciò detto, la sua luce comincia ad espandersi. Diventa più luminosa e illumina sempre più la grotta. Con le vostre viste acute, riuscite a distinguere i colori, l'acqua limpida, i funghi che vanno dal blu al viola al verde al giallo. Vi da come l'impressione della luce del sole che all'alba illumina il mare, la foresta, le montagne. Jivvinul, questa luce è troppo intensa per i tuoi gusti, quasi accecante. E' luce solare, e il solo guardarla ti sembra possa incenerire i tuoi occhi. Altri suoni gutturali provengono dalle creature nell'acqua. E' la voce di Sarith. Non sembra molto contento. @Jivvinul
  4. @Zoey Passano ore, o forse giorni, o forse piu', non sapresti dirlo. Ti nutri del cibo che ti e' avanzato solamente quando hai davvero fame, e intanto mediti sul da farsi, a momenti interpellando la tua spada luminosa che cerchi di tenere ben lontana da qualsiasi apertura possa dare sulla via della seta. Ad un certo punto decidi di incamminarti verso neanche tu sai dove. Certo e' che qui il cibo puo' solo finire, e la probabilita' di sopravvivere si riduce sempre di piu'. Puntando sulla compassione e sulla pieta', riesci a convincere Astra a ridurre l'intensita' della sua luce, e cerchi di tenerla sempre sulla spalla sotto questa specie di pelle rovinata che usi come mantello. Un mantello la cui parte aperta cerchi di tenere sempre rivolta verso il muro. Prosegui su innumerevoli sentieri, piu' interni alle rocce che esposti alla via della seta. Sei conscia del fatto che se non incontrerai qualcuno prima o poi, sebbene tu possa in qualche modo riuscire a sopravvivere, difficilmente riuscirai ad uscire da questo labirinto. Ti ci potrebbero volere anni. E' piu' facile che i drow ti trovino prima e vendano come una schiava. Hai trovato una grotta riparata, ci sono dei funghi, e una piccola cascata che da su un laghetto poco profondo. L'unica apertura sembra dare sulla via della seta. Cerchi di accendere un fuoco, ti ci vuole un sacco di tempo per farcela, ma con i consigli di Astra alla fine ci riesci. Posizioni il fuoco ed Astra in maniera che la luce non sia visibile dall'esterno della grotta, e ti assopisci certa che Astra vegliera' su di te. -- Svegliaaaa! Svegliaaa! Qualcosa si muove nell'acqua -- In effetti, l'acqua prima ferma sta gorgogliando. Ne fuoriescono alcune creature, venute chissa' da dove. Non si riesce a vedere bene, fanno un sacco di rumore, annaspano, come se mancasse loro l'ossigeno. Hanno la carnagione scura, potrebbero essere drow se non fosse che i drow non vivono sott'acqua. Alle loro spalle, un enorme.... cubo... non sapresti definirlo meglio, fuoriesce dall'acqua facendola scivolare su se stesso, e alzando il livello del laghetto fino a quasi raggiungere i tuoi averi sul pavimento. Non ricordavi che l'acqua fosse cosi' alta. @ Jivvinul Senti che in poco tempo il panico sopraggiunge. Non avete via di fuga, e realizzi che molto probabilmente finirete la vostra vita affogati in questa caverna. -- [Sa] Ragioniamo. Questo posto probabilmente prima non sara' stato pieno di acqua. Ha cominciato a riempirsi quando c'e' stato il terremoto. Questo vuol dire che quest'acqua sta arrivando qui da un qualche bacino o fiume sotterraneo. Se restiamo qui, siamo spacciati. Ma quello che potremmo fare e provare a risalire il condotto e sperare di trovare una qualche sacca d'aria o meglio una caverna. D'altro canto, la corrente potrebbe essere cosi' forte da maciullarci la testa contro la roccia. Ma non quando avra' completamente riempito la stanza. Quando la stanza sara' completamente piena, l'aqua non potra' piu' defluire da questa parte e si fermera'... o andra' altrove. -- [Sg] Beh... non mi convince molto questo piano, ma al momento e' l'unico che abbiamo. Non credo che voi ci passiate da li' pero'. -- [Sa] Chiaro, dobbiamo ingrandire il passaggio finche siamo in tempo. Cerchiamo di raccogliere pietre e spaccare l'apertura ulteriormente. Quando saremo piu' vicini la potremo forzare con... mah con la spada direi, non abbiamo molto altro. Cosi' fate, immergendovi raccogliete delle pietre abbastanza grosse da rompere la roccia e cominciate a scagliarle contro l'apertura. Dopo qualche tentativo, l'apertura comincia in effetti a rompersi, e il flusso ad aumentare. Il panico e' sempre piu' forte, l'adrenalina a mille. Non toccate piu' ormai, e attendete di arrivare a quel pertugio dove poter forzare ulteriormente il passaggio. Quando mancano pochi centimetri a riempire la stanza, siete finalmente all'altezza dell'apertura. Con le vostre armi fate leva e riuscite a creare un passaggio abbastanza grande per voi. La stanza si riempie completamente e anche il flusso sembra diminuire. Facendovi guidare dalle vostre luci danzanti, vi infilate nel pertugio. Sentite ancora un po' di corrente, ma la vostra voglia di sopravvivere vi fa andare avanti. Nuotate con tutte le vostre forze, risalendo controcorrente. Non sapresti dire per quanto tempo avete nuotato, forse era il momento in cui hai perso le speranze, quando hai capito che, in effetti, saresti morto come un topo in una conduttura, il momento in cui ti rendi conto che la tua luce danzante attraversa una superficie, il momento in cui quasi scompare dalla tua vista e vedi solo il riflesso dell'altra luce danzante. Sarith ti tira per i capelli ed entrambi affiorate fuori dall'acqua, il petto che ti brucia quando lo riempi finalmente nuovamente di aria. Mentre arrancate sulle ginocchia per riuscire a respirare, alle vostre spalle vi rendete conto che un'enorme massa d'acqua viene spostata da un cubo gelatinoso. Glabbagool ha preso il vostro invito alla lettera e in qualche modo vi ha seguito. Di fronte a voi, una luce di un fuoco. Di Sgabello, per ora, nessuna traccia.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.