Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

E' uscito Eberron: Rising from the Last War

A partire da oggi, 19 Novembre 2019, è disponibile in tutti i negozi Eberron: Rising from the Last War, il primo supplemento cartaceo dedicato a Eberron, l'ambientazione steampunk fantasy di D&D. All'interno del manuale potranno essere trovate informazioni generali sul mondo di Eberron (un luogo in cui la magia e la tecnologia medievaleggiante convivono con armi da fuoco, navi volanti, treni folgore, grattacieli e molto altro ancora), informazioni più specifiche sull'area in cui risiede la città di Sharn,  una campagna ambientata nel Mournland, la nuova Classe dell'Artefice, 16 nuove Razze/Sottorazze, (tra cui sono compresi i Marchi del Drago), la meccanica del Patrono di Gruppo, nuovi mostri, nuovi oggetti magici e altro ancora. Il manuale, attualmente disponibile solo in lingua inglese, ha un costo di 49,95 dollari.
La Asmodee Italia non ha ancora rivelato nulla riguardo l'uscita della versione tradotta in lingua italiana.
Se desiderate avere maggiori informazioni su Eberron: Rising from the Last War potete leggere qui e  qui gli articoli che abbiamo scritto riguardo al suo contenuto.
Qui di seguito, invece, potete trovare le anteprime rilasciate in questi mesi sul manuale:
❚ Regole e immagini varie da Fantasy Ground
❚ Il Sommario
❚ L'oggetto magico Arcane Propulsion Arm
❚ Gli incantesimi viventi ci dicono molto riguardo Eberron

Read more...

Anteprima Eberron: Rising from the Last War #3: L'oggetto magico Arcane Propulsion Arm

Come anticipazione all'uscita di Eberron: Rising from the Rising War (potete trovare qui e qui maggiori informazioni sul supplemento), il quale sarà disponibile in tutti i negozi a partire da oggi pomeriggio/stasera (negli USA il 19 Novembre inizierà fra qualche ora), la WotC ha deciso di mostrare una nuova anteprima del manuale: si tratta di un oggetto magico, l'Arcane Propulsion Arm (Braccio a Propulsione Arcana, traduzione non ufficiale), che vi consentirà di fornire al vostro personaggio un braccio bionico come nei film di fantascienza, solo che si tratterà di un braccio con uno stile Steampunk. Come sempre, cliccate sull'immagine per ingrandirla:

Read more...

D&D 3E e il sentore generale di D&D

Articolo di Jonathan Tweet del 08 Novembre
Per la Terza Edizione di Dungeons & Dragons l'idea generale era di far ritornare il gioco alle sue origini, invertendo la direzione che AD&D aveva preso nel rendere il gioco più generico. Il piano era di supportare con decisione l'idea che i personaggi fossero personaggi di D&D in un mondo di D&D. Volevamo enfatizzare l'andare all'avventura e in particolare l'esplorazione dei dungeon, sia con le regole che con i moduli di avventura. Volevamo riportare i giocatori ad una esperienza di gioco condivisa, dopo che la 2E li aveva sparpagliati in varie direzioni.

Per porre l'attenzione sull'andare all'avventura eliminammo vari elementi della 2E che reputavamo portassero i giocatori fuori strada. In particolare rimuovemmo i PG malvagi, le ricompense individuali di PE, le fortezze e la classe chiamata "ladro" (thief in originale, NdT)
I "thieves" vennero rinominati "rogues" per togliere enfasi al concetto che li vedeva continuamente alle prese con furti e borseggi di PNG *. Un tale approccio solitamente si riduceva al sottrarre tempo di gioco agli altri e monopolizzare l'attenzione del DM. E se un ladro rubava agli altri PG per rimanere "nel personaggio" era solo peggio.
* qui sorge una discrepanza con la traduzione italiana, in cui Rogue è stato comunque tradotto come Ladro andando in direzione contraria rispetto alle idee dei creatori, NdT.
Sin da OD&D guerrieri e chierici di alto livello potevano crearsi delle fortezze e decidemmo di eliminare la cosa. Se vi divertivate a giocare il vostro personaggio come un avventuriero nel corso dei livelli perché avreste dovuto improvvisamente voler iniziare a giocare aspetti non legati alle avventure dal 9° livello? Queste fortezze erano presentate come dei benefici quindi se non ne creavate una sembrava che steste perdendo un bonus che vi eravate guadagnati. Gestire una fortezza inoltre era un'attività individuale, non qualcosa per il gruppo. Peggio ancora, se i giocatori volevano divertirsi facendo gestire delle fortezze ai loro personaggi perché forzarli ad andare all'avventura finché non raggiungevano il 9° livello prima di poterlo fare? Nella mia campagna personale alla 3E ho fornito al gruppo la possibilità di gestire un fortino in una zona di frontiera quando i personaggi sono arrivati a livello 6 e hanno deciso di farlo. Si trattava di un progetto che seguirono come gruppo, così come il resto della loro carriera da avventurieri.
Eliminammo le ricompense individuali di PE che invogliavano classi diverse a fare cose diverse. I guerrieri ottenevano dell'esperienza bonus quando uccidevano dei mostri per esempio, e i ladri ottenevano esperienza rubando cose. Sembrava una buona idea in teoria, ma ricompensava i personaggi laddove seguivano obiettivi differenti. Volevamo che i giocatori perseguissero gli stessi obiettivi, specialmente quelli che prevedevano abbattere porte e combattere ciò che ci si trovava dietro.
I personaggi malvagi in D&D hanno le loro origini in Chainmail, un gioco per miniature in cui giocare un'armata malvagia era cosa ordinaria. Avere nello stesso gruppo personaggi buoni e malvagi portava solo a problemi e spesso ad attriti personali tra i giocatori. In una campagna di AD&D 2E che svolgevo nelle pause pranzo alla Wizards un PG malvagio vendette dei finti oggetti magici agli altri PG; i giocatori che furono truffati non la presero bene. Durante un playtest della 3E uno degli sviluppatori creò in segreto un PG malvagio che, alla fine della sessione, ci tradì. Era una sorta di test e il risultato di tale test fu che i PG malvagi non rendevano migliore l'esperienza. La 3E dava delle aspettative per cui i PG erano solitamente buoni o neutrali, uno dei rari casi in cui restringemmo le opzioni dei giocatori invece di espanderle.
Personalmente una parte del processo di creazione della 3E che apprezzai molto fu il descrivere il mondo di D&D nei suoi termini, invece di fare riferimento alla storia e alla mitologia del mondo reale. Quando scrivo per giochi di ruolo mi piace molto aiutare i giocatori ad immergersi nell'ambientazione e ho sempre considerato i riferimenti al mondo reale come delle distrazioni. Nel Manuale del Giocatore il testo e le immagini si concentravano sull'immaginazione dei lettori nei confronti delle esperienze con D&D, a cominciare da un paragrafo scritto da una prospettiva interna la mondo che introduceva ogni capitolo.
In AD&D 2E le regole facevano riferimento alla storia e a figure leggendarie per descrivere il gioco, ad esempio presentando Merlino come esempio di un mago oppure Hiawatha come un archetipo del guerriero. Nel momento in cui cominciai a lavorare sulla 3E D&D aveva avuto un impatto così grande sul fantasy che potevamo usare D&D come fonte per sé stesso. Per esempio la 2E eliminò i monaci dal Manuale del Giocatore, in parte perché degli artisti marziali non avevano un posto in un fantasy medievale. Noi li introducemmo di nuovo perché i monaci avevano decisamente un loro posto nel fantasy alla D&D. Lo stesso vale per gli gnomi. Lo gnomo come razza della 3E è presente perché gli gnomi sono parte importante delle storie di D&D, non per rappresentare gli gnomi del folklore del mondo reale.
Mettemmo l'enfasi sull'andare all'avventura anche creando un avventuriero standard, o "iconico", per ciascuna classe. Negli esempi delle regole, nelle illustrazioni e nella narrativa interna al mondo facevamo riferimento a questi avventurieri, in particolare a Tordek (nano guerriero), Mialee (elfa maga), Jozan (chierico umano) e Lidda (ladra halfling). Laddove AD&D usava i nomi propri per identificare dei maghi particolarmente potenti, come Bigby e i suoi vari incantesimi "mano XXXXX di Bigby", noi usammo i nomi propri per spostare l'attenzione sugli avventurieri, anche se erano dei guerrieri di 1° livello.
Per le illustrazioni di 3E ci impegnammo molto per fare sì che non rappresentassero dei personaggi fantasy in generale, ma nello specifico degli avventurieri di D&D. Per esempio molti di loro avevano degli zaini. Per i personaggi iconici stilammo delle liste di equipaggiamento che un personaggio di 1° livello avrebbe potuto avere all'inizio della sua carriera e le illustrazioni li raffigurano con tale equipaggiamento. Le illustrazioni del Manuale del Giocatore di 2E ci mostrano molti umani guerrieri, maghi umani e castelli. Immagini che rappresentano le normali atmosfere di un fantasy medievale standard, mentre le illustrazioni della 3E riflettono ciò che ci si immagina quando si gioca a D&D.
Le descrizioni delle armi in 2E facevano riferimento a precedenti storici, per esempio se un'arma era stata usata nell'Europa rinascimentale o in Egitto. Con altre 20 tipologie di armi ad asta la lista delle armi sembrava più pensata per dei soldati su un campo di battaglia medievale che per un gruppo eterogeneo di avventurieri pronti a calarsi in un dungeon. Eliminammo i riferimenti storici, come il mazzapicchio, e fornimmo ai nani l'ascia da guerra nanica. E se un'ascia da guerra nanica non era abbastanza, perché non andare su una spada doppia o una catena chiodata?
Le divinità della 2E erano generiche, per esempio il dio della Forza. Usammo le divinità di Greyhawk in modo da avere nomi propri e simboli sacri specifici che erano parte della storia di D&D. Sapevamo che molti DM avrebbero creato i propri mondi, così come avevo fatto io per la mia campagna, ma le divinità di Greyhawk facevano sì che il gioco sembrasse più legato alle sue origini. Questo ci aiutò a dare ai giocatori un punto di partenza condiviso, il che era parte del piano di Ryan Dancey per riportare i fruitori di D&D ad una esperienza condivisa.

I fan furono entusiasti per il modo in cui la 3E dava valore all'avventura, l'esperienza base in cui D&D dà il meglio di sé e che offre l'attrattiva più generale. Fummo fortunati visto che D&D nel 2000 aveva una storia e una solidità tali per cui poteva reggersi in piedi da solo senza fare riferimento alla storia o alla mitologia del mondo reale. Una delle ragioni per cui i fan furono disposti ad accettare gli enormi cambiamenti fatti alle regole fu il fatto che la 3E sembrava più D&D di quando lo fosse stata la 2E. A volte mi chiedo che successo avrebbe potuto avere la 4E se avessi cercato di rafforzare alla stessa maniera l'esperienza alla D&D che forniva, invece di cercare di ridefinirla alla radice.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/3e-and-the-feel-of-d-d.667269/
Read more...

Una breve storia commerciale di D&D sotto la TSR

Articolo di Morrus del 7 Novembre
Nota per il lettore: Nell'articolo si usa il termine D&D per riferirsi alle varie linee commerciali di Basic Dungeons&Dragons (B/X, BECMI, Rules Cyclopedia) in opposizione alle linee di Advanced Dungeons&Dragons (prima edizione, seconda edizione, seconda edizione rivisitata).
La 2° edizione di AD&D vendette molto bene quando fu distribuita per la prima volta. La Guida del Dungeon Master e il Manuale del Giocatore hanno venduto più di 400.000 copie nel primo anno. Si tratta di una cifra altissima. Non furono il prodotto di maggior successo della TSR, ma rimangono comunque numeri rimarchevoli. Per fare un raffronto legato allo stesso periodo storico, nel 1981 il D&D Basic Rules Set vendette più di 650.000 copie nel suo primo anno. Per fare invece un paragone con la precedente edizione di AD&D, la GdDM e il MdG di AD&D 1E vendettero 146.000 copie nel 1979. Osservando questi numeri, viene da pensare che AD&D 2E sia stato un successo strepitoso. Ma in realtà nascondono un problema molto più grande.

AD&D 2E non si dimostrò solido sul lungo periodo come AD&D 1E. Le vendite di GdDM e MdG della 1E aumentarono nei primi anni, vendendo più di 390.000 copie nel 1980, più di 577.000 nel 1981, più di 452.000 nel 1982 e 530.000 nel 1983 prima di scendere finalmente alle 234.000 nel 1984, anno della prima crisi della TSR. Nel frattempo, la versione della 2E degli stessi prodotti non ha mai superato le 200.000 copie annue dopo il 1989. In breve, la 2E non stava vendendo bene come il suo predecessore.
Ma se AD&D 2E sembra non reggere il confronto con AD&D 1E entrambe impallidiscono rispetto a Dungeons&Dragons. Inclusa la 1E, la 2E, la 2E revisionata e i set introduttivi, AD&D ha venduto nel complesso un totale di 4.624.111 manuali tra il 1979 e il 1998. D&D, invece, ha venduto 5.454.859 copie nello stesso periodo, la maggior parte dei quali tra il 1979 e il 1983.
La TSR non era più in grado di ottenere le stesse vendite di un tempo. Persino D&D, con vendite migliori di entrambe le edizioni di AD&D, ha avuto un calo negli anni '90 rispetto al decennio precedente. Cos'era cambiato? Perché qualcosa era sicuramente cambiato, ma cosa? L'estromissione di Gary Gygax, forse? Qualche errore con la 2E? Un cambiamento sgradito nel regolamento? Un'eccessiva complessità? Era troppo poco complesso? I GdR erano forse una moda ormai passata? Avrebbero dovuto cancellare l'intera linea di AD&D per focalizzarli su D&D, migliore dal punto di vista delle vendite?
Questi numeri avrebbero dovuto essere un'occasione per delle riflessione interne e per delle correzioni da parte dell'intera TSR.
Ma non fu così.
Questi numeri furono lasciati negli uffici dei manager di alto profilo. Zeb Cook in persona ha dichiarato di non aver mai visto alcun numero concreto di vendite per AD&D 2E. La decisione gestionale di Lorraine Williams di tenere i numeri delle vendite riservate ai soli vertici della compagnia fu indubbiamente un errore. Gli sviluppatori non potevano avere un riscontro delle vendite dei loro prodotti da questi feedback economici. Quando ho visto questi numeri, ho pensato immediatamente che la clientela della TSR aveva comprato i manuali della 2E, li aveva letti e non li aveva amati particolarmente. (Sebbene io sia di parte e li apprezzi molto, dato che sono ciò con cui sono cresciuto). Ma Zeb Cook non lo sapeva, quindi come avrebbe potuto essere in grado di migliorare i propri prodotti per il futuro?
Benjamin termina parlando della sua fonte: "Ho una fonte che mi ha inviato un paio delle pagine dei dati di vendita della TSR. E' materiale di "prime parti". Non ho tutti i dettagli, ma ho i dati contenuti nel post qui sopra." Al momento sta scrivendo un libro sulle vendite della TSR fino al passaggio alla Wizard of the Coast.
Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/the-sales-of-d-d-vs-ad-d-vs-ad-d-2nd-edition.668409/
Read more...

Guida per torturare i vostri amati avventurieri: nello stile di Rick and Morty

Articolo di Dan Telfer del 05 Novembre
Heilà avventurieri, e Wubba Lubba (e penso che conosciate questo tormentone, è in giro ormai da un bel po' no?).
Come forse già sapete ho scritto un paio di articoli sul prossimo boxed set in arrivo per il gioco di ruolo più famoso del mondo, intitolato Dungeons and Dragons vs. Rick e Morty, e a questo punto ho persino avuto l'opportunità di giocarlo come Dungeon Master. Penso che i fan di entrambi i franchise lo adoreranno e, si spera, andrà veramente a ruba come una certa salsa per le McNugget ormai fuori produzione.

Mentre giocavo con questo set da Dungeon Master, mi sono accorto di una cosa in particolare. In passato ho giocato molte partite divertenti a D&D e con i giocatori abbiamo spesso scherzato sul fatto che io fossi o meno una forza onnipotente ed antagonistica nel gioco, ma in questo caso Rick Sanchez è una forza indiscutibilmente ostile e quasi onnipotente, che trascina la sua famiglia attraverso una serie di situazioni letteralmente infernali. Quindi aggiungere questo tono e stile ad una partita implica prepararsi a delle sessioni veramente antagonistiche.
Quindi nell'interesse di tutti voi colleghi nerd che vi divertite un sacco a tormentare durante le partite le vostre persone care del mondo reale, ho deciso di condividere qualche consiglio SENZA SPOILER su come rendere gestibili le vostre tendenze malvagie in stile Rick, e dunque vi mostrerò quello che ho.
La Bontà Che Si Cela Nel Profondo

Avrete alcune ovvie opportunità come Dungeon Master per forzare, schernire e sminuire i vostri cari. La scelta più ovvia è quella di interpretare un dio malvagio, che guarda questi eroi come ingenue pedine per le quali ha un disprezzo infinito.
Ma ricordiamoci anche che Rick Sanchez è una specie di co-protagonista con Morty e, nonostante abbia visto sofferenza e solitudine nel corso di una infinita distesa di tempo e spazio, deve occasionalmente essere qualcuno con cui potersi "identificare" e quindi possedere una certa fragilità umana. In altre parole, la forza ultraterrena simile a un dio che guida questi personaggi ha empatia per essi ed è nella propria essenza una forza benigna.
Questo non è un esempio preso direttamente dall'avventura, ma immaginiamo per ipotesi che un personaggio che assomiglia tantissimo a Jerry, il genero tira e molla, finisca impalato su degli spuntoni di ferro e stia supplicando di essere aiutato. La scelta più ovvia, presumendo che il Dungeon Master sia la voce diretta di Rick, è di prendere in giro Jerry su quanto assomigli ad una fetta di groviera.
Tuttavia, Rick prova anche pena per Jerry, e più che deriderlo quando è in preda al dolore, gli farebbe un cupo monologo sulle conseguenze delle sue scelte.
Inoltre, un Rick onnipresente e incorporeo non parlerebbe nemmeno direttamente con Jerry a meno che lui non abbia fatto un tiro con CD 10 su Intelligenza (Religione), quindi fate in modo che Jerry si genufletta al vostro altare, per modo di dire.
Questo È L'Orrore Da Cui Vi Ho Protetti
É anche possibile che ci siano visioni di sventura e cattivi presagi da cui qualcuno come Rick difficilmente si farebbe spaventare o sorprendere, ma che sicuramente terrorizzerebbero un fragile avventuriero. Questo è un momento eccellente per i Dungeon Master per improvvisare un po', perché dal punto di vista di Rick questi orrori si nascondevano sotto gli occhi dei personaggi da tutta loro vita senza che loro si accorgessero di nulla ed il fato, se non direttamente la mano protettiva di Rick, fino adesso è stato semplicemente troppo clemente nel fargli passare liscia la loro inaccortezza.
Quando trappole e mostri incombono in grande quantità e le loro minacce di violenza promettono la fine delle vite di coloro che Rick ama, sarebbe carino da parte sua controbattere dicendo che tutte queste paure e preoccupazioni se le sono andate a cercare. Del resto, sono loro che sono scesi giù per una scalinata buia per entrare nel dungeon, cos'altro si aspettavano?
Cioè, quando mai una scalinata buia ha mai portato a qualcosa di divertente? Tutti sanno che i regali di Natale sono nascosti in soffitta e non in cantina. In cantina non ci sono nient'altro che predatori antropomorfi e sogni infranti. È ora di affrontare direttamente la realtà e farsi crescere i cosiddetti.
Un Dungeon Master che incanali Rick non si diletterebbe nel descrivere questi orrori. Descriverebbe invece nel dettaglio le metafore che essi rappresentano, le scelte sbagliate rese manifeste, lo stupido viaggio per andare in un parco acquatico pubblico il cui unico risultato è trovarsi, nel bel mezzo dello scivolo ad acqua, con dei cerotti abbandonati e pieni di malattie che vi si attaccano alle cosce come delle lamprede non morte.
La Morte: Un Momento Di Apprendimento

Questo è Dungeons and Dragons, dopo tutto, e qualunque sia il legame che questi eroi possano sviluppare tra di loro, c'è un'alta probabilità che prima o poi la matematica dei punti ferita smetta di favorirli e uno di loro debba essere riportato in vita, o semplicemente riapparire in qualche modo grazie all'antica scuola di magia di "vogliamo che continui a giocare con noi, quindi ecco un personaggio uguale al precedente".
Un dio crudele e indifferente potrebbe farsi beffe della situazione, ma cari Dungeon Master, non pensate a questa come ad un'opportunità per augurare la morte ai vostri amici. Queste morti sono un'occasione per riflettere su una vita trascorsa male davanti ad una sfera di cristallo interdimensionale, osservando storie inutili che si svolgono su piani di nessuna importanza, quando invece avrebbero potuto pensare di effettuare un tiro di Intelligenza (Indagare) su quella botola prima di afferrarla disperatamente come se fosse un'innocua tetta aliena.
Perché quando i personaggi muoiono, incontrano il loro creatore, e dato che il creatore di questo gioco non è letteralmente nella stanza, sarete la cosa più vicina che potranno vedere. E potrete divertirvi col meta-gioco e far loro presente questa cruda realtà nella vostra migliore e roca imitazione di Rick. Sta a voi decidere se farli riapparire nella stanza accanto, tornando in vita come Super Mario ma con un braccio solo, o praticamente identici a prima ma con un nome più umiliante. E ricordare loro che queste scelte sono nelle vostre mani significa essere comprensivi, in un certo qual modo.
Ma la cosa più importante è che direzioniate i vostri tossici rutti divini lontano da loro. Perché puzzano veramente di brutto.
Link all'articolo originale: https://www.dndbeyond.com/posts/656-a-guide-to-torturing-players-you-love-rick-and
Read more...

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 03/25/2017 in all areas

  1. 2 points
    mandate tutto qui, tanto non c'è nulla di segreto
  2. 2 points
    Adesso hai un nuovo amico al quale puoi dare le lettere.
  3. 2 points
    Ma guarda che roba... fa del puro terrorismo psicologico al Master...
  4. 2 points
    Perché evitare di ammazzarvi a vicenda è troppo mainstream...
  5. 2 points
    Ho già una bella idea, mi basterà sapere l'ambientazione per poter scrivere un bel gb, ma la mia teocrazia costituzionale sta già prendendo forma nella mia mente
  6. 2 points
    @Gaspa e @Xolum Ecco qui un post con il regolamento. se avete domande, fatemele xD questa incarnazione di regolamento da strategico la ho fatta io ^^
  7. 1 point
    Annunciata la localizzazione dei prodotti della 5E di D&D 21 Marzo 2017 Dungeons & Dragons ha alcuni tra i migliori fan del mondo e grazie a tutti voi il 2016 è stato uno degli anni migliori per il nostro marchio. Tantissimi ringraziamenti ai nostri giocatori e sostenitori. Siete fantastici! Oggi annunciamo un nuovo eccitante passo avanti nel rendere possibile per i fan di D&D di tutto il mondo di goderne la 5a Edizione. La Wizards of the Coast è entrata in collaborazione con Gale Force Nine per localizzare in vari linguaggi i contenuti della 5a Edizione del GdR Dungeons & Dragons. Cominceremo con il Manuale del Giocatore, la Guida del Dungeon Master e lo Starter Set, oltre ad accessori creati dalla Gale Force Nine (come le carte incantesimo e gli schermi del Dungeon Master. Le prime traduzioni saranno in francese, tedesco, italiano, giapponese, spagnolo, polacco e portoghese, con altre a seguire. Vogliamo che i fan sappiano che eravamo da tempo al corrente delle vostre richieste per delle traduzioni e ci rendiamo conto che nelle precedenti edizioni vi sono state varie traduzioni per i manuali base. Quindi cos'è cambiato questa volta? Il nostro approccio a questa edizione è stato diverso sin dall'inizio – a partire dal playtest, per spostarci ad un approccio focalizzato per i contenuti pubblicati e fornire la OLG per la 5a Edizione mentre nel contempo supportavamo una community online per creare contenuti condivisi nella DMs Guild. É stata per via di queste differenze filosofiche che il nostro approccio alle traduzioni è stato differente. Abbiamo deciso che far semplicemente uscire i manuali nel linguaggio locale non era abbastanza. Volevamo anche assicurarci che la qualità, consistenza, attenzione e supporto alla community dei giocatori che hanno reso la 5a Edizione così popolare in inglese fossero presenti anche per gli altri linguaggi. Abbiamo lavorato a stretto contatto con la Gale Force Nine fin dal lancio dell'edizione, quindi siamo sicuri che apprezzano la nostra attenzione alla qualità e alla solidità. Con questa partnership la Gale Force Nine sarà responsabile della traduzione dei prodotti fisici e per la supervisione della produzione e degli agganci nei mercati locali necessari per supportare questo hobby. Visto che lavorano con esperti del linguaggio, stamperie e fan di D&D in varie nazioni siamo sicuri che comprendano a fondo le sfide uniche insite in ciascun mercato. Anche se non abbiamo annunciato gli esatti dettagli per ogni mercato il piano generale è che i prodotti per questi linguaggi iniziali sarà reso disponibile intorno all'estate con una serie di uscite nel corso di tre mesi. Traduzioni aggiuntive di altri supplementi o futuri manuali di avventura seguiranno le uscite inglesi il più da vicino possibile, ma potrebbero varia sulla base del mercato o del linguaggio. Anche se questo annuncio non include tutte le lingue in cui abbiamo tradotto in passato sappiano che la Gale Force Nine si dedicherà ad andare incontro alle richieste dei mercati e a supportare i nostri fan. Q: Perché avete scelto la Gale Force Nine invece di lavorare direttamente in ogni nazione? A: Mettersi in partnership con una solo ditta ufficialmente affiliata assicura delle uscite più consistenti tra i vari linguaggi, oltre alla presenza di un team apposito nel Regno Unito che lavora a stretto contatto con gruppi di traduzione e stamperie europee. Q: Troverò in vendita i prodotti tradotti nel mio negozio di fiducia? A: La distribuzione varierà tra gli stati ma in generale i vostri negozi di giochi e librerie di fiducia dovrebbe avere accesso ai prodotti di Dungeons & Dragons a prezzi paragonabili agli attuali prodotti americani ed inglesi pubblicati direttamente dalla Wizards of the Coast. Q: Come posso scoprire informazioni in più riguardo i vari mercati? A: Come parte di queste uscite forniremo alle persone nei vari mercati indicazioni sui nostri gruppi di distributori locali e i loro siti web. Queste informazioni sono reperibili anche sul sito della Gale Force Nine. Distributori localizzati per D&D 5a Edizione Lingua tedesca: Ulisses Spiele Nome del contatto: Ulisses Sales Team Sito web: www.ulisses-spiele.de Numero di telefono: +49 (0)6087 / 988700 Email: vertrieb@ulisses-spiele.de Lingua francese: Black Book Editions Nome del contatto: Laura Hoffmann Sito web: http://www.black-book-editions.fr Numero di telefono: +33 (0)4 37 50 32 46 Email: infos@black-book-editions.fr Lingua portoghese: Fire on Board Jogos Nome del contatto: João Barcelos Sito web: www.fireonboardjogos.com.br Numero di telefono: (27) 3075-0445 Email: fireonboardjogos@gmail.com Lingua italiana: Asmodee Italia Nome del contatto: Massimo Bianchini Sito web: www.asmodee.it Numero di telefono: +39 0522 637570 Email: info@asmodee.it Lingua spagnola: Edge Entertainment Nome del contatto: Edge Entertainment Sito web: www.edgeent.com Numero di telefono:+34 955 28 52 72 Email: comunicacion@edgeent.com
  8. 1 point
    Questa sera, orario italiano, l'account Twitter ufficiale di D&D ha inviato un messaggio davvero misterioso e potenzialmente intrigante: Dungeons & Dragons: "Un conto alla rovescia è stato portato alla nostra attenzione. Plan Escape? Qualcuno di voi sa di cosa si tratta? planescape.com " Tramite l'account ufficiale di D&D, insomma, la Wizards of the Coast ha deciso di stuzzicarci facendo riferimento al misterioso indirizzo internet planescape.com. Se si va a leggere il titolo della scheda, in alto, si trova scritto "Plane Escape". Non si può, tuttavia, evitare di notare che l'indirizzo del sito stesso cita il nome della famosa ambientazione "planescape". Considerato che tutto questo è stato orchestrato dalla Wizards of the Coast in riferimento a D&D, è molto difficile pensare che la famosa ambientazione di D&D non c'entri nulla. Al temibile 1° di Aprile manca ancora qualche giorno e il fatto che il sito riporti un conto alla rovescia, che si concluderà fra poco meno di 4 giorni, fa pensare che qualcosa di concreto bolla realmente in pentola. Ciò che rimane da capire è che cosa sia esattamente in arrivo. In una intervista di qualche mese fa, Mike Mearls aveva raccontato un piccolo aneddoto riguardante la produzione della prossima Storyline in arrivo per D&D 5e: mostrando ai suoi colleghi della WotC (coloro che non lavorano su D&D) una immagine direttamente collegata alla prossima Storyline, Mearls era stato colpito dalla grande emozione che questa immagine era riuscita a provocare nei suoi colleghi, subito intrigati per l'ottima novità in arrivo. L'esempio fatto da Mearls lasciava intendere, insomma, che qualcosa di molto atteso era in cantiere, forse una nuova ambientazione (e l'uscita di Planescape provocherebbe non poche grida di felicità nella comunità di giocatori). Al momento, tuttavia, non abbiamo alcuna prova concreta che ci consenta di essere sicuri di quello che sarà pubblicato prossimamente. Ancora meno possiamo essere certi che una Storyline su Planescape sia in arrivo così presto. Di recente, invece, abbiamo scoperto che il Nome in Codice della prossima Storyline è "Dust". Questo indizio, purtroppo, non ci aiuta particolarmente a svelare l'arcano. Naturalmente, l'uscita dell'Ambientazione di Planescape per D&D 5e era già stata prevista dai designer fin dall'inizio, tanto che la famosa Sigil è citata in maniera evidente anche nella Guida del DM della 5a edizione. Ma è davvero possibile che questa particolare ambientazione faccia già la sua comparsa ora? Una ulteriore possibilità è che la Beamdog, già artefice di Baldur's Gate Enhanced Edition 1 e 2 (le versioni rimasterizzate dei due famosi giochi di D&D per PC), abbia deciso di pubblicare una versione rifatta anche dell'acclamato videogioco Planescape: Torment, uscito nel 1999 sempre per PC. Considerato che la WotC aveva già dato il suo appoggio per il lancio di Baldur's gate Enhanced Edition 1 e 2, non stupirebbe scoprire che abbia deciso di fare la stessa cosa nel caso della pubblicazione di un nuovo Torment. Questa possibilità, inoltre, è sostenuta dal fatto che la stessa Beamdog tramite il suo account twitter ufficiale ha immediatamente rilanciato il sito con il conto alla rovescia evidenziato dall'account ufficiale di D&D. Considerato, infine, che la politica della WotC riguardo alla 5a Edizione è quella di rilasciare più prodotti tutti collegati alla stessa Storyline, una ulteriore possibilità è quella dell'uscita di una Storyline legata a Planescape, alla quale facciano riferimento prodotti di vario tipo, come videogiochi, Gdr cartaceo, board game, ecc. Anche se fin ora la WotC e la Beamdog non hanno collaborato direttamente assieme, la WotC non è nuova negli ultimi anni all'idea di assegnare ad aziende esterne il compito di progettare alcuni prodotti legati ad uno specifica Storyline. Purtroppo, però, non ci sono al momento prove che ci permettono di considerare questo terzo scenario come qualcosa di più di una supposizione. Ovviamente, per avere una risposta definitiva non potremo fare altro che aspettare il termine del conto alla rovescia. Nel frattempo, tuttavia, fateci sapere le vostre ipotesi su quello che credete succederà fra circa quattro giorni.
  9. 1 point
    Valandhir Ultimate Magus piromane in Il Mercante di Dawnstar - (TDS) Norven Crusader protettore in Nuove Reclute - (TDS) Valery Van der Wurt Unseen Seer spericolata in Eroi - La Mazza di Orcus - (TDS) Valon Incantatrix smemorato in Ritorno al Tempio del Male Elementale - (TDS) Lathandhel Paladino di Avandra in Verso i Picchi del Tuono - (TDS) Thorgan Ironblood Fabbro Guerriero disperso nelle Nebbie di Ravenloft - (TDS) Telemnar 'Silver Flame' stregone corazzato e portatore di luce sotto un SOLE NERO - (TDS)
  10. 1 point
    @Ghal Maraz dopo essermi consultato con @Landar io vorrei fare il fratello gemello del suo pg. Anch'io cavaliere errante! Ta-Da!
  11. 1 point
    Vorrei un rosso di Luccini del 2515, grazie.
  12. 1 point
    Nessun problema, dal prossimo post segno il momento della giornata. Adesso è sera, verso le 19/20 per intenderci.
  13. 1 point
    Londra: Nel clima di terrore e ribellione, anche Londra, baluardo dell'Europa benpensante, cade in mano alla follia e al caos dei criminali. L'AIM, alla continua ricerca di cavie, è riuscita con un arma batteriologica a prendere il controllo del parlamento, uccidendo la famiglia reale. Controllando la città con il pugno di ferro, l'AIM porta avanti i suoi esperimenti sulla popolazione con discendenza Inumana, risvegliata dopo il bombardamento Terringer per evitare l'invasione dei Mad Titans. Per fortuna l'incubo duró poco e, caso piú unico che raro, i bombardamenti vennero accolti con gioia dai pochi sopravvissuti. Ma il Fato aveva in serbo ben altri progetti per Londra: i laboratori distrutti liberarono i mostri impazziti e mutati dagli esperimenti, che decimarono i pochi ancora in vita. Ora Londra è una città divisa a metà: il sopra abitato da mostri, i tunnel della metropolitana e l'impianto fogniario abitati dai pochi vivi, divisi in bande piú o meno organizzate. C'é chi sussurra di aver visto una coppia di spadaccini formidabili combattere contro i mostri, nient'altro che Capitan Britannia e il Cavaliere Nero. E c'é anche chi sussurra che questi non siano altro che gli ultimi membri sopravvissuti della famiglia reale. Idealisti o profeti?
  14. 1 point
    Occhio che il primo che chiede una prima vendemmia di Bordoleaux gli faccio portare la birra calda dello Stirland, scaldata direttamente con l'attizzafuoco nel boccale eh?!! XD
  15. 1 point
    Giusto per sapere che Voignar aspetta una mia risposta da giorni xD
  16. 1 point
    Se andiamo nel Faerun qualcuno me lo spiega o linka? Mai giocatoci
  17. 1 point
    Il popolano il suo posto è con il viso a terra e siamo nel Faerun, se le emergenze non sono ogni settimana è normale amministrazione. Comunque, battute a parte, se non si offende @Fezza no problem. Infatto ho scritto SE veniva fatta ad una delegazione mia, andava via ( se eri fortunato, sennò attaccava casino) xD
  18. 1 point
    EDIT: ho guardato un po' di cose, alla fine penso sia meglio se iniziamo al livello 9 (non so quanti punti siano però, credo 145)
  19. 1 point
    Dello stregone potresti prendere n considerazione l'anima prescelta che in pratica è un misto chierico/stregone. Può andare in giro in armatura ed ottiene parecchi incantesimi divini extra grazie al dominio scelto oltre a quelli normalmente guadagnati da stregone. Perde ovviamente la specializzazione nel danno tipica di uno stregone draconici, ma a livello di roleplay trovo che legare un incantatore arcano ad una divinità dia parecchio spessore
  20. 1 point
    Non fatemi mettere pace tra voi a me xD Eloise però ammetto che ha la minaccia di morte mooolto facile! pure leah stava per arrivare alle mani ricordo xDD
  21. 1 point
  22. 1 point
    Ciao! Quoto la tua frase per darti una conferma: dovresti seriamente scegliere un incantatore. Se non ti diverte totalmente il "picchiare in mischia" escluderei anche classi che hanno accesso alla magia in modo secondario alla classe (ad esempio il Fighter con il suo archetipo Eldritch Knight). Io ti consiglio di fare di nuovo il mago, segui il tuo istinto perchè spesso ti suggerisce cosa ti diverte e cosa ti stimola. Magari stavolta scegli un'altra scuola di magia! La scuola di illusione per esempio stimola molto il giocatore, con ovvi limiti insiti nella spell di livello basso, ad usare la creatività. E se non volessi scegliere di nuovo il mago? Ora, se quello che hai scritto corrisponde veramente a quello che vorresti e a quello che non vorresti hai già escluso determinate classi.. Ottimo ci possiamo concentrare su quelle Full Caster (cioè quelle classi che sbloccano i potentissimi incantesimi di livello 9 come il mago che tanto ti piace!! Altro che affidarsi ad un'ascia!). Paragoniamole brevemente al mago (che tanto ti piace), giusto per capire le principali differenze: - Bard: in questa edizione ha ricevuto un enorme boost! Ha a disposizione spell molto potenti (infatti arriva fino a quelle di livello 9) e in più le altre abilità del bardo sono incentrate sull'essere il classico "Skill monkey" se leggi le sue features noti che alla fine sarà in grado di raddoppiare il proficiency bonus per 4 abilità e dando metà bonus a tutte le abilità nelle quali non hai la proficiency, questo lo rende versatile. Puoi dire sempre la tua e fare sentire la tua presenza nel party, sia con le spell (combattendo e non) sia con le tue abilità quando si tratta di esplorazione e interazione sociale. Questa è una classe solida, veramente consigliata! Certo non sembra avere tante spell di attacco tipo Fireball: ERRATO! Guarda il College of Valor e vedrai che puoi scegliere spell da altre liste di incantesimi oltre a quelle del bardo! - Cleric: rispetto al mago qui hai tutta la lista a disposizione! Basta perdere tempo a scegliere gli incantesimi uno per uno: qui devi solo scegliere quali preparare. So che hai già un chierico nel party.. Ma guarda quanti domini hai a disposizione! Potresti scegliere un'altra divinità e un altro dominio, rispetto all'altro giocatore, così ogni chierico nel party rimane unico. Anche se il chierico è una classe che se la cava bene anche nel combattimento in mischia (ha determinate proficiencies nella classe che servono a questo scopo) tu puoi ottenere scegliendo appunto i vari domini capacità o competenze extra ed incantesimi extra. Credimi se ti dico che il chierico cambia molto proprio in base a questa scelta. Inoltre io sono sempre del parere che avere attorno mille classi diverse ma che vengono interpretate tutte nello stesso "modo piatto e impersonale" non ha senso: le classi su carta sono sicuramente diverse ma in gioco i personaggi saranno tutti uguali in termini di roleplay (le features o le capacità non sono tutto in un GDR, non stai giocando al pc insomma).. - Druid: oltre agli incantesimi hai molte forme animali da assumere, la varietà non manca e non ha nulla a che invidiare sul fronte del numero di opzioni che un mago può scegliere! Non so adesso come sia morto il tuo mago, ma grazie alle trasformazioni del drudo ti assicuro che non ti sarà così facile lasciarci le penne un'altra volta (trasformarsi in un falco e volare via oppure in un grosso orso con tanti HP cambia veramente tutto). - Sorcerer: è inutile paragonare questa classe direttamente con il mago: ognuna ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi! Ho visto diversi dibattiti su quale sia la classe “migliore”, ma onestamente entrambi sono ottimi spellcaster, e in realtà dipende da quello che TU vuoi giocare (questo avrà infatti effetto su cose come le skills): il sorcerer è basato su CHA, mentre il mago si basa su INT. Nulla ti vieta di fare un "mago carismatico", ma sicuramente interpretare un sorcerer può semplificare la cosa. Del resto osserva bene le due classi: hanno liste di incantesimi quasi identiche, e gli stessi slot di incantesimi al giorno. I grandi vantaggi del mago sono soltanto relativi alla numero di incantesimi che possono essere scelti (il mago conosce più incantesimi rispetto a un sorcerer).. Ma dall'altra parte il sorcerer grazie alla metamagia lancia le spells in un modo unico, nessun mago può lanciarle come lui (il sorcerer sarà certamente felice quando lancia una spell come Disintegrate con la metamagia Twinned Spell: potendo disintegrare 2 bersagli con uno spell slot)! Certo il mago può anche usare i rituali e risparmiare spell slot, ma è vero che il sorcerer può crearne di nuovi spendendo i suoi punti sorcery! - Warlock: Ti prego di prenderlo in considerazione: Questa è una classe che mi ha divertito tantissimo. Il warlock in 5e è piuttosto ben sviluppato per quanto riguarda efficacia della classe e roleplay (avere stretto patti con determinate entità è qualcosa di meraviglioso). Questa classe sembra avere pochi spell slot rispetto a un mago (ma al contrario del mago i suoi spell slot permettono di lanciare le spell al al massimo livello possibile per la classe); ma questi slot si ricaricano ad ogni riposo lungo e breve... In effetti gli spell slot, numericamente parlando sono di meno, ma ti invito a leggere bene tutta la classe: hai un casino di invocazioni da scegliere e i patti che puoi stipulare cambiano lo stile di gioco e la magia a te disponibile. Questo significa che il warlock ha molti tipi di frecce da aggiungere al suo arsenale e una minore necessità di diversificare i suoi incantesimi. Ovvio che se ti piace una vasta selezione di incantesimi, gioca il mago e basta. Insomma gioca sempre ciò che preferisci, anche lo stesso mago con un'altra tradizione arcana ti incentiva a scegliere spell diverse per ottenere i vantaggi della scuola scelta! La mia analisi non è esaustiva e quindi ti conviene leggere il PHB (il manuale presenta sicuramente in maniera dettagliata tutte queste classi), ma qui hai dei piccoli paragoni con la tua classe preferita. Buon gioco!
  23. 1 point
    Pagina 136 del manuale del giocatore 3.5, più o meno la stessa di quello 3.0 penso. Per il mezzo donna mezzo serpente ci sono le naga su oriental adventures, che sono tutte così. Come mostro echidna non mi viene in mente nulla.
  24. 1 point
    Per la cronaca, se sapesse della cosa Marcus tiferebbe per l'Elfo
  25. 1 point
    Quello che consiglio sempre ai neofiti del gioco è di partire prima dal personaggio . Pensa che tipo di pg vuoi giocare . Butta giù qualche appunto sul carattere e sul comportamento . Solo in seguito cerca classe e mestiere che più si lega alla tua idea
  26. 1 point
    Il druido del circolo che preferisci. Sono tutti belli.
  27. 1 point
    Meno male che questa cosa non è successa con me xD Piccola nota per tutti: controllare i diplomatici ( che di solito sono nobili [non so questo caso] ) è considerato più o meno come ammazzare ospiti in casa xD è come chiedere in un accordo fra gentiluomini che sia messo per iscritto qualcosa invece che accontentarsi del giuramento xD
  28. 1 point
    Come preferisci, se capiscono che sono livree di Vogradas e non di Neverwinter venuti a distruggere la città, passa all'Interno di Florivum
  29. 1 point
    quindi saremmo già a tre giocatori, perfetto EDIT: se interessa, lascio il link al pdf che dicevo prima, se volete darci uno sguardo, è solo in inglese, ma si capisce senza problemi http://www.clanwebsite.org/games/rpg/Dawn_of_Worlds_game_1_0Final.pdf
  30. 1 point
    Ogni tanto inserirò nelle immagini dell'album un breve riassunto per potervi permettere di unire i pezzi del puzzle man mano. @Abelas ci sei? Aggiornamento album: - lord tywin Sterlin - sir breddock Sterlin
  31. 1 point
    con 2 campagne come player e 2 come master, Veterinaria e il mantenimento di una vita sociale una campagna extra è già tanto, pensare due
  32. 1 point
    Preceduto, avevo appena ritrovato il post giusto
  33. 1 point
    Si, già fatto . Intorno le 14,00 dovrei riuscire ad aggiornare @Priscillia e tutti . Mappa aggiornata e inserita nel mio ultimo post Il genasi che si getta nel pozzo, mitico XD .
  34. 1 point
    Ismark trova le chiavi e si avvia verso il porticato ma viene raggiunto dalle parole dell'elfo. vede signore, mia zia soffre di deliri.. spesso dorme in aree diverse della casa e altrettanto spesso non dorme affatto, spiando attentamente dalle finestre, scrutando il buio per vedere se il Barone arriva, non mi sorprenderebbe affatto trovarla giusto dietro la porta. meglio se entriamo in pochi... ma se si sente in pericolo qui fuori può entrare anche lei, prego. detto questo il ragazzo apre la porta e con passo leggero si inoltra nel buio che risiede all'interno, la luce della luna filtra a mala pena oltre la soglia ma Ismark sembra conoscere bene il locale e le sue stanze, tanto da orientarsi perfettamente anche al buio. poco dopo anche Logan e Gilthead lo seguono. @Kelemvor @Pyros88 @gli altri @ posizione mappa
  35. 1 point
    Un successo di Torment EE spalancherebbe le porte a un Planescape di carta.
  36. 1 point
    se si trova un gruppo di tre-quattro giocatori, io ci sono tranquillamente come master,
  37. 1 point
    Oswyn "Ragazzino qua, ragazzino là, mica ho quindici anni o giù di lì... Va bene, ti lascio stare." risponde stanco Oswyn, per poi proseguire con il lavoro. Per lo meno non sembra malintenzionato... Pyros88
  38. 1 point
  39. 1 point
  40. 1 point
    Vi allontanate dall'albero rosso e proseguendo trovate una radura piuttosto nascosta vicino ad un laghetto la cui acqua proviene da un ruscello, ma del quale non riuscite a stabilire la provenienza. Questa zona dista circa un'ora di cammino dal vostro punto iniziale, e una volta lì, decidete di fermarvi per riposare.
  41. 1 point
    Nella sezione omonima in fondo al manuale dei mostri, subito dopo i parassiti Il drago è un caso molto particolare perché acquisisce DV e capacità col passare del tempo, che sono parecchi (troppi) anni per un umano. Nel senso che anche se avesse 25 anni, ufficialmente potrebbe diventare solo adolescente, perché dovrebbero passare 25 anni per diventare giovane adulto. Quindi la risposta breve è che il DV non aumentano, semmai si può decidere di renderlo equivalente ad un PNG in termini di LEP e fargli prendere livelli di classe. Cioè supponiamo che abbiate un drago nero giovane con 12 DV, equivale ad un PG di 15°. Raggiunti i PE per passare al 16°, potrà acquisire un livello in una classe. Altrimenti in accordo col DM si può decidere col DM di farlo "magicamente" crescere col passare dei vostri livelli, andando a spanne e trattandolo come un gregario di livello equivalente, basandosi su GS e LEP.
  42. 1 point
    Un personaggio del genere probabilmente ha un tiro salvezza sulla volontà basso. Sfruttalo a tuo vantaggio
  43. 1 point
    Caduta lenta si ottiene al 4° livello, il fatto che venga indicata nella tabella quando migliora nei livelli seguenti per comodità non significa che viene presa anche ai livelli seguenti. Se rinunci a caduta lenta al 4° livello per un archetipo perdi anche tutti i successivi incrementi relativi (a meno che l'archetipo non indichi esplicitamente diversamente).
  44. 1 point
    Un buon tank deve essere in grado di fare danno decente per attirare danni su di sé, essere robusto per sopportare gli attacchi e avere qualche capacità di controllo. Alcune buone opzioni possono essere: -Nano guerriero con armatura pesante e arma a due mani. Sei lento, ma corazzato, puoi fare qualche danno con power strike e il +2 alla Cos ti da qualche hp in più. Idem con i vari bonus contro alcune manovre. Potresti anche usare uno scudo, ma questo abbassa di molto il tuo danno e spesso i nemici intelligenti ti ignoreranno. -Teoricamente un secondo barbaro con il talento Antagonize può essere utile (specialmente se il barbaro è Unchained, visto che li gli hp dati dall'ira sono tolti per primi) e intimidire alto...attiri i nemici verso di te, hai tanti hp ma poca Ca. -Un guerriero con una destrezza medio-alta, combat expertise e bodyguard. Impugnando un'arma con portata ti tieni in seconda linea e puoi usare la manovra di Aiutare per dare dei bonus alla Ca spendendo un attacco di opportunità. Avendone tanti, dovresti riuscire ad alzare la Ca contro un po' di attacchi. Se sei un halfling, abbassi i tuoi danni, però puoi prendere il tratto Helpful che ti permette di alzare i bonus dati con Aiutare, e quindi i bonus alla Ca che fornirai. Inoltre sarai Piccolo e con un bonus alla Destrezza senza perdere portata con la tua arma, il che ti rende particolarmente difficile da colpire anche se non hai uno scudo e indossi magari un'armatura media. Se sei un guerriero, usa i talenti che ti avanzano per alzare la tua Ca con Dodge, per esempio, o per alzare i danni che puoi infliggere. Se il chierico riesce a stare in prima linea tu puoi nasconderti dietro lui e il barbaro per alzare la Ca ad entrambi, usare i tuoi attacchi per colpire mentre sei protetto oppure usare la tua Standard per alzare il txc di un alleato usando sempre Aiutare. Appena hai soldi, comprati un'arma e/o un'armatura allying che alzano ancora il bonus ad Aiutare...probabilmente con questo equipaggiamento al lv6 dovresti poter dare +5 alla Ca come interruzione immediata contro un numero di attacchi pari al tuo Mod Destrezza+1. Non male, se raggiungi una destrezza decente. -Il tank definitivo comunque è probabilmente costruito con la CdP dello Stalwart Defender, ma non lo conosco molto bene.
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.