Jump to content

Zellos

Circolo degli Antichi
  • Posts

    9.1k
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    13

Everything posted by Zellos

  1. Dottore Osserviamo attentamente le ferite del nostro “prigioniero” e, dopo aver fatto cenno alla sacerdotessa di aspettare, andiamo a “caccia di risorse” per questa e le altre ferite che dovremmo curare. Inutile perdere tempo a più riprese, in questo caso. @master
  2. Mishran e Zurran ir’Penragon Dopo il fallimento a bloccare i piccoli goblin prima che riuscissero a raggiungere i loro posti di combattimenti, non resta che, semplicemente, ucciderli tutti. O quasi. Scateniamo il legionario contro il gruppetto più grosso che vediamo ( in modo da rallentargli i movimenti con le sue fruste di legamenti) mentre noi li tempestiamo di dardi incantati. @master
  3. <<Con sincerità: non saprei dire se vuoi io sia interessato o meno. È da troppo tempo che non provo i sentimenti come li provano i mortali, per capire se sia davvero quello.>> il goblin accanto a lui sghignazza, osservando altri invitati. <<Lui non ha di questi problemi. È nato dall’Arazzo, a differenza nostra. A differenza dello Scriba e del Re.>> La Mano del Re in compenso sembra un po’ a disagio, probabilmente per quello che sta dicendo il saggio. <<Non preoccuparti servo. Nessuno metterà mai in dubbio la tua lealtà al Re, dopotutto sei sopratutto un’ombra. Fra tutti noi, forse sei il secondo meno mortale.>> fa un cenno come per congedarlo. Quest’ultimo sembra calmarsi, anche se si muove in modo strano, come se il cenno con la testa fosse limitato da un elmo o simili. <<Oh beh, diciamo che l’invito è giunto in modo strano: dopotutto anche le fate sono state invitate. Poveri Anziani, poveretti.>>
  4. Ealadha Dar Marcades <<Sempre che uno dei gatti non fosse per davvero un incantatore, un mago, un druido.>> dico facendo spallucce, osservandomi attentamente in giro. <<Oh beh, in effetti credo che Zisanie abbia ragione: una trappola può essere davvero l’unica cosa da fare. Anche solo per capirci qualcosa.>>
  5. @Juliano Il Saggio dell’Idra vi guarda attentamente, portando la destra al mento, chiudendola a pugno per appoggiarsi. <<Avete suscitato un interesse…negativo da parte dello Scriba. E la cosa mi rende assai…felice?>> sembra alquanto stupito, persino lui. <<Dovete sapere che io e il resto della Corte viviamo una vita di falsa indipendenza. Lo Scriba descrive tutte le nostre vite, le vite di ognuno asserisce. Ma se qualcuno va contro ciò che egli scrive…tutto, TUTTO cambia.>>
  6. Leovold Fiora <<Iniziate decisamente a stancarmi, bestie.>> dico digrignando i denti, impugnando più saldamente il bastone ed iniziando a sferrare colpi più violenti verso il “sacerdote” dei trogloditi, lasciando perdere la precisione che di base non sembra essere il mio forte, almeno in questa giornata. E che gli dei me la mandino buona. @master
  7. Naugrim Dhurak <<Uhm…certo è che a cercare di leggere ogni libro qui, passerebbe più di una vita.>> mi ritrovo a pensare ad alta voce, aspettando il ritorno di Andr con qualcuno che possa meglio indirizzarci. Mi viene la curiosità, un poco morbosa forse, se esista un luogo dove vengono chiusi libri considerati pericolosi, come si sente spesso nelle storie umane su necromanti e simili malvagi incantatori. Mi guardo un attimo intorno, ben rendendomi conto che probabilmente basterebbe nascondere semplicemente bene un corridooio.
  8. Mishran e e Zareun ir’Penragon Il gruppo di goblin ci prende alla sprovvista e subito tentiamo di evocare quanto possibile da sotto terra, affinché con i loro artigli li blocchino almeno un secondo. Ma troppo poco tempo, troppa poca energia…e fortunatamente troppa poca materia prima per quello che voglia o fare. Imprechiamo sommessamente ( o sussurrando) per evitare che la popolazione rimanga più sconvolta.
  9. @Juliano Il Saggio dell’Idra vi osserva ed il sorriso gli si apre, rivelando solo canini, prima di chiudere nuovamente la bocca. Dagli occhi chiusi fuoriesce un leggerisssimo fumo bianco, come se una forgia alimentata da qualcosa di purissimo bruciasse al suo interno. <<Gli amici del Saggio del Ragno e delle Acque Nere. Sono così felice di incontrarvi. Avete suscitato così tanta curiosità che io ed il mio buon amico, il Goblin, siamo giunti qui quasi esclusivamente per incontrarvi. Raccontatemi qualcosa di voi, orsù! Ne sarei così lieto! Avete suscitato cotanta curiosità a corte! Siete una spina così deliziosamente conficcata nel fianco di…oh, ma perché rivelarvi qualcosa di così lontano nel tempo. Vi prego, vi prego, sedetevi…>> mentre lo spazio accanto a lui si torce un poco dandovi spazio per potervi accomodare più comodamente. Se ne accorgono in molti, ma la servitù sembrano calmare gli animi velocemente.
  10. Leovold Fiora Svanita l’arma, ritorno al mio “bastone piccone”, con una leggera amarezza. Un passo in diagonale e si torna a picchiare il capo di questi selvaggi. @master
  11. Ach’eron de Plano <<Finiamo di esplorare questo pieno. E direi che una preghiera per il servitore non sarebbe male, è con me, sorella?>> dico mentre mi avvicino un poco, estraendo un rosario che inizio già a sgranellare.
  12. Mishran e Zareun ir’Penragon Entrambi puntiamo gli occhi al cielo, con espressione estremamente annoiata ed irritata. <<Morite, bestie!!!>> urliamo contemporaneamente, iniziando a cantilenare e mulinellare le braccia.
  13. @Juliano Il pranzo sta per terminare, con gli invitati che parlottano fra di loro. Sembra che alcuni, specialmente quelli delle potenze dei regni fluviali si fermino a parlare con il Saggio dell’Idra.
  14. Leovold Fiora Il colpo al petto mi lascia un istante stranito, visto il dolore. La mia dissociazione con la realtà mi porta ad inclinare leggermente la testa, prima che mi esca un fiotto di sangue dalla bocca. La spada mi svanisce letteralmente dalla mano, tornando forse alla presa del suo cadavere. Con un’espressione sdegnata, afferro un coltello dalla cinta. <<Morite, BESTIE!>> @master
  15. Leovold Fiora Il colpo evitato mi da una apertura, mentre utilizzo la spada proveniente da un’altra realtà per cercare di colpire il “comandante” dei selvaggi con violenza. Quando Thalia “ordina la ritirata” non me lo faccio ripetere: attento agli avversari, faccio per spostarmi in una posizione più favorevole. @master
  16. Dottore Osserviamo con poco interesse lo svolgersi della situazione: la nostra vita è tutta dedicata al curare i feriti in ogni modo possibile ed in ultimo fermare le sofferenze. Le parole di Ropp riguardo a Ku mi riportano alla mente pietose esecuzioni: alcuni ricordi parlano di Pietà con una grandiosità che non ci appartiene. Scuoto leggermente il capo come ad accantonare l’inutile roboante pensiero. Solo a quel punto sento la Sacerdotessa. Non fa parte di Casa e quindi è “secondaria”. Sarebbe di sicuro tinta di nero o di bianco, qualora ci fossero molti feriti. <<L’aiuto potrebbe essere utile. Presenzia pure.>> le rispondiamo. Una parte di noi, il corpo in cui stiamo bruciando come una febbre e di cui tingiamo l’iride di nero, osserva la clone con una leggerissima curiosità. La sua mimica facciale cambia visibilmente quando parla con noi invece che con gli altri. Non che ci interessi, fintanto che ciò non va contro il nostro compito. Anche se dentro di noi una leggera curiosità continua a montare.
  17. Ach’eron de Plano <<L’idea di essere manovrato in tal guisa inizia ad irritarmi. Concordo con voi, scendiamo.>> dico mentre con un impulso mentale comando di scattare ai servomeccanismi delle gambe della mia armatura.
  18. Mishran e Zarrun ir’Penragon <<Sono arrivati ad infondere un incantesimo direttamente nelle carni del troll.>> dice Mishran con espressione pensierosa. Zarrun prosegue <<Se sono arrivati…a questo… vuol dire che intendono spezzare…l’assedio velocemente. Dobbiamo prepararci…al meglio.>>
  19. Leovold Fiora Il collo violento mi raggiunge alla spalla, perforandola e dannegiandomi un polmone, tutto si fa nero ed inizia ad incrinarsi, mentre tossisco e mi inginocchio, sangue verde sulle vesti sacerdotali… Uno dei miei riflessi letteralmente esplode, investendo di ghiaccio colui che mi ha colpito, deviando la lama quanto basta per rendere il colpo ben meno mortale di quanto uno dei miei riflessi abbia provato. A quel punto, mi volto verso di lui con una ben più elevata attenzione, mentre lascio cadere il bastone a terra e faccio cenno ad uno dei riflessi che si sta dissipando intorno a me, prendendogli la spada di mano. @master
  20. Ealadha dar Marcades Guardo un poco il grano, avviandomi per osservarlo meglio. Ne prendo una manciata, di quello marcio per annusarlo leggermente e guardarlo. <<Uhm…>>
  21. Ach’eron de Plano Rimasto in silenzio pure troppo, sono pensieroso. <<Andiamo dagli astartes: avete ragione, fermare per poi dover comunicare che sono morti non servirà a nulla.>>
  22. Il Dottore Rimaniamo in silenzio, mentre osserviamo in lungo e largo segni di ferite od altro. Altrimenti avremmo dei pazienti da curare urgentemente.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.