Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Idra Bizzarre

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci propone delle varianti peculiari dell'Idra.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild VI - L'isola della Tregua

Questa settimana vi parliamo de L'isola della Tregua, un'avventura uscita dalle menti di Andrea Maffia, Massimo Tartaro, Matteo Galassi e Simone Rossi Tisbeni!

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Death of Divinity, Dreadful Realms, Heroes of the Cypher System

Vediamo assieme le ultime novità su Kickstarter relative al mondo dei GdR.

Read more...

Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 13: Strutture Personalizzate

In questa tredicesima parte della nostra rubrica sulle strutture di gioco, risponderemo alla domanda lasciata in sospeso la settimana scorsa: cosa succede se la struttura adatta non esiste?

Read more...

Punti Vita del personaggio


Recommended Posts

piccola domanda che mi faccio da un pò, sto giocando una campagna di D&D 5.0 , una delle cose che mi fa storcere il naso. e che ogni volta che livelliamo il master ci dice che dobbiamo per forza lanciare il dado , e non utilizzare la metà + cos. ma essendo che io ci gioco poco e non avendo manuali e altro. mi chiedo, è una regola opzionale usare la metà dei dadi vita, o sta al giocatore se utilizzare il dado o la metà? 

Link to post
Share on other sites

  • Replies 18
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Il manuale presenta entrambe le opzioni come accessibili quando si sale di livello. Io solitamente da DM lascio quindi scegliere ai singoli giocatori quale dei due metodi usare per il loro PG durante

Concordo con @Alonewolf87. Ammetto che il mio parere è interessato, perché ho una iella ai dadi leggendaria. Infatti ho sempre detestato anche la generazione dei punteggi di caratteristica c

pensare che io essendo pro 27 punti creazione e PF con dado medio (per dare a tutti la stessa qualità di PG) vengo subissato di critiche 😅

  • Moderators - supermoderator
7 minuti fa, MasterX ha scritto:

mi chiedo, è una regola opzionale usare la metà dei dadi vita, o sta al giocatore se utilizzare il dado o la metà? 

Il manuale presenta entrambe le opzioni come accessibili quando si sale di livello. Io solitamente da DM lascio quindi scegliere ai singoli giocatori quale dei due metodi usare per il loro PG durante una campagna e poi seguiranno quel metodo per il resto della stessa (anche se teoricamente si potrebbe scegliere di volta in volta) Sarei comunque dell'idea che non dovrebbe essere qualcosa di imposto dal DM.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites

Nel nostro gruppo come Master siamo buoni, facciamo tirare il dado e se il risultato è inferiore al numero fisso si tiene il fisso.

Però da persona che fa le schede al pc da remoto per i giocatori che non sanno farsele da soli ho imposto la regola che si tengono i punteggi fissi perchè non posso stare ad aspettare che i giocatori tirino i dadi, se le schede le faccio e le aggiorno io allora le faccio quando fa comodo a me, non quando i pg tirano i dadi

Link to post
Share on other sites

La risposta corretta alla domadna ti è già stata fornita, io comunque sono forse addirittura troppo buono: faccio lanciare il Dado.. se il risultato del tiro è 1 lascio prendere la media.

Il motivo? Boh.. preferisco che i miei giocatori abbiano qualche punto ferita in più, tanto non è che cambia granché la situazione.. sarò io master che mi adatto.

Edited by Graham_89
Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, nolavocals ha scritto:

pensare che io essendo pro 27 punti creazione e PF con dado medio (per dare a tutti la stessa qualità di PG) vengo subissato di critiche 😅

Noi abbiamo giocato con dei punteggi superiori e non uno ma ben due master si sono lamentati di quanto fossero forti i personaggi, invece quando ho fatto io il master ed hanno usato dei personaggi pregenerati con i 27 punti gli scontri sono stati tutti molto più equilibrati.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Io sono per il tiro di dato, ma con un mitigatore per la sfiga.

Non essendo troppo esperto di quinta edizione non saprei dire quale soluzione adotterei per una campagna seria e di lunga durata. Tenete conto che l'opzione fissa del manuale è un po' più conveniente rispetto al tiro di dado puro, perciò credo che il tiro di dato andrebbe un po' aiutato. Avevo pensato a (2d+1)/2, che penalizza un po' i tiri alti ma aiuta a rimanere nella media mantenendo il fattore casuale e corregge lo svantaggio del tiro puro.

Link to post
Share on other sites

Mah soluzioni che complicano non sono l'ideale, alla fine la scelta spetta ai giocatori in genere (salvo il caso di cui parliamo) far fare tiri e medie non mi pare una buona idea. Anche se in effetti far tirare il dado è sempre una opzione adeguata. io facevo rerollare gli 1 una volta. escludendo dai risultati gli 1 e gli 1 e i 2 per chi ha il d10 d 12 magari si incentiva il tiro, ma alla fine prendere la media arrotondata per eccesso è troppo ghiotto per evitare gli 1 o i 2.

Link to post
Share on other sites

io penso (parere personale ovviamente) che se si decide di tirare i dadi (decisione presa tutti insieme) si deve accettare bello e brutto fare il tiro però se va male ti aiuto stile rotelline da bicicletta lo trovo davvero strano.

Edited by nolavocals
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

@Lord Danarc

Io trovo che se non ci mettiamo a tirar fuori algoritmi frattali soluzioni un po' più complesse non siano poi da scartare. Del resto non stai rallentando alcuna meccanica di gioco, è un tiro che fai molto di rado ed è di grande importanza nell'economia del passaggio di livello.

Una variante (più favorevole) della meccanica che proponevo prima potrebbe essere quella del tiro secco che, se non ti soddisfa, può essere mitigato da un secondo tiro dividendo poi il risultato per due. Ha il vantaggio di non rendere più rari i punteggi alti pur mitigando quelli bassi, ma con ovvi risvolti matematici sulle medie.

@nolavocals

Se ci pensi, non è poi così strano. Il tiro del dado ha il suo fasciano e credo che molti sceglierebbero quello, ma un tiro di dado particolarmente sfortunato può rovinarti la giornata, tanti sforzi per passare di livello e poi gran delusione proprio li, nell'unico tiro che conta. Le mitigazioni servono a mantenere il fascino del tiro cercando di non rovinare troppo la giornata al povero giocatore sfortunato.

 

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, nolavocals ha scritto:

io penso (parere personale ovviamente) che se si decide di tirare i dadi (decisione presa tutti insieme) si deve accettare bello e brutto fare il tiro però se va male ti aiuto stile rotelline da bicicletta lo trovo davvero strano.

il problema che la decisione non è stata presa tutti assieme... non lo capisco ancora.. e mi sta su i nervi sta cosa, che non posso usare il mio amato valore fisso. 

Link to post
Share on other sites
53 minuti fa, MasterX ha scritto:

il problema che la decisione non è stata presa tutti assieme... non lo capisco ancora.. e mi sta su i nervi sta cosa, che non posso usare il mio amato valore fisso. 

Non so se giochi con amici o gruppi formati via internet in ogni caso il master deve avvertire subito del metodo che intende adottare ed ascoltare tutti (che dubito abbia fatto) se sei entrato in una partita già avviata ed ha dimenticato di informarti dovresti parlarne poi vedere che disponibilità tira nel gruppo e valutare cosa fare. Giocare senza essere contenti/soddisfatti non è bello per nessuno.

Link to post
Share on other sites

Il gioco è fatto per divertirsi questo è il concetto e secondo me non c'è un modo giusto o sbagliato l'importante è che piaccia a tutti, ed è qui che sbaglia secondo me il tuo master ed in ogni caso deve essere bilanciato con i mostri.

Quando eravamo bimbi nel BECMI prendevamo i PF massimi ad ogni livello, ma va da se che anche i mostri avevano il PF massimi. 

Dall'Advanced fino alla 5ª invece (e cavolo sono passati 20 anni) con il mio gruppo usiamo una regola personale che piace a tutti ovvero si lancia il dado, si vede il risultato e se il risultato non soddisfa si lancia una seconda volta ma si è obbligati a prendere comunque il secondo lancio. 

Non penso che il nostro metodo sia migliore o peggiore di molti altri ma è un metodo che piace a tutti quelli del nostro gruppo ed è questa la cosa fondamentale. Ti lascia l'adrenalina e la casualità del lancio ma ti da un minimo (o almeno l'illusione) del controllo rendendolo un po' un gioco d'azzardo, ed è sopravvissuto a 20 anni e svariati cambi di regole. 

Link to post
Share on other sites

Personalmente non ho mai capito che scopo di game design possa avere tirare i dadi per i punti ferita. Capisco sia un retaggio del passato, ma è superato e può tranquillamente essere dimenticato se non per oneshoot o campagne Old School o altresì molto particolari (ad esempio molto letali, in cui si cambiano spesso PG).

Ha davvero poco scopo anche tirare le caratteristiche in realtà. Posso accettare il tiro di dado per le caratteristiche nell'ordine in cui le tiri, che ha uno scopo: crea un vincolo interessante che può stimolare l'immaginazione e farti giocare un personaggio che non avresti giocato altrimenti. Non è il modo migliore per ottenere questo scopo, ma ha uno scopo.

Se si vuole avere uno squilibrio al tavolo, con personaggi molto più forti di altri, trovo sia molto più sano che sia una scelta del gruppo piuttosto che il risultato di un tiro di dado.

PS: se proprio si vuole far tirare, la regola proposta da @Graham_89 di far tirare ma poi far prendere la media in caso di 1 ha quantomeno il vantaggio di avere la stessa media di prendere la media e ridurre (poco) la varianza, mi sembra la scelta meno peggio.

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Per me dev'essere il DM in accordo coi PG a decidere il metodo, metodo che deve essere applicato a tutti i PG.

Io personamente uso il metodo del "tira, valuta e se mai ritira ma ti tieni quello che è uscito"

usiamo cioè il tiro di dado e non la media, ma il PG ha facoltà, se il risultato del primo tiro è troppo basso o non gli piace, di provare a ritirare ma dovrà tenere per forza il secondo tiro (quindi tendenzialmente, un tiro medio viene accettato, mentre un tiro molto basso viene ritirato col rischio di fare 1)

Link to post
Share on other sites
Il 8/9/2020 alle 13:17, bobon123 ha scritto:

Personalmente non ho mai capito che scopo di game design possa avere tirare i dadi per i punti ferita.

A mio parere si sposa bene con il resto del gioco, del resto se il "ventone" al momento giusto dello scontro può far esultare il giocatore che lo tira, un buon tiro per i punti ferita al passaggio di livello può essere altrettanto trascinante. Ha poi l'effetto positivo di creare una certa variabilità, che a mio parere non fa male. Il problema è forse che ne crea troppa (come del resto altri meccanismi in D&D), e per questo motivo quasi tutti usano un qualche sistema di mitigazione, probabilmente non si è mai voluto modificare un meccanismo che esiste dagli albori del gioco, per quanto se ne siano fornite alternative (oltre al fatto che, nella quinta, al primo livello viene assegnato il valore massimo).

9 ore fa, AVDF ha scritto:

Per me dev'essere il DM in accordo coi PG a decidere il metodo, metodo che deve essere applicato a tutti i PG.

Credo che questo dipenda molto dai rapporti all'interno del gruppo. Se "paritario" la scelta condivisa è la soluzione più naturale, se il DM è l'elemento trascinante del gruppo o della campagna, ci sta che decida lui, l'importante è essere equi nell'applicare il metodo.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Hero81
      Ciao a tutti,
      ho scritto questo piccolo file per giocare a Rolemaster senza le tabelle: ispirato alle Express Addenda Issue 3. (Un'espansione di Rolemaster Express)
      Provai a pubblicarlo sul forum ICE ma non mi hanno dato l'imprimatur.
      Un comportamento strano: all'inizio si erano detti interessati.....poi non si sono fatti più sentire.
      Forse è stata colpa dell'inglese... mmmh...imperfetto ma tant'è: mi sembra un peccato che marcisca sul mio hard disk per cui lo condivido qua.
      Chissà che qualche appassionato di questo antico regolamento non mi dia un parere.
      Ho aggiornato il file causa errore nella versione precedente.
       
       
      Rolemaster Hack (3).pdf
    • By Keyn
      Salve è da un pò che sto lavorando a questo contenuto homebrew, si tratta di un Giuramento sacro per la classe del Paladino per D&D 5° edizione.
      Inizialmente l'idea era quella di creare un archetipo che si concentrasse sul combattere draghi e creature simili (il nome iniziale era giuramento dell'Ammazzadraghi). Ho bocciato quest'idea quasi subito poiché portava l'archetipo ad essere nulla di più che un paladino Giuramento di vendetta incrociato con un ranger. Di questa idea l'unica cosa che rimane è il collegamento con i draghi ma il flavour è estremamente diverso rendendolo più simile a quello che potrebbe essere un paladino di bahamut o di Tiamat (o qualsiasi altra divinità di natura draconica) I dettami infatti sono molto liberi e non favoriscono un particolare allineamento rispetto ad un altro.
      L'archetipo è quasi completo e per come si presenta ora credo possa tranquillamente essere utilizzato in una campagna, tuttavia sono convinto che possano essere apportati ancora alcuni aggiustamenti per renderlo meglio equilibrato
      Di seguito il pdf del giuramento, se avete qualche suggerimento fatemi sapere
      Giuramento del Dragone.pdf
    • By Hero81
      Ciao,
      ogni master ha le sue varianti sui riposi, il manuale ne suggerisce alcune.
      Per la mia prossima campagna stavo valutando le seguenti.
      Tre categorie in vece delle solite due:
      Breve (30 min): non si recuperano punti ferita, nessuna modifica alle abilità che consentono di recuperare slot ogni riposo breve.
      Lungo (8 ore): si tirano i dadi vita, si recuperano tutti gli slot.
      Esteso (1 settimana): si recuperano tutti i punti ferita, i dadi vita e gli slot.
       
      Che ne pensate?
    • By Hero81
      Ciao,
      questa variante non ha niente a che fare con i miniciccioli: si tratta invece, quando un dado di danno ottiene il risultato massimo, di ritirarlo e sommare.
      Se si ottiene di nuovo il massimo continuare a ritirare e sommare finché non si ottiene un punteggio diverso dal massimo.
      Esempio: danno da ascia a due mani = 1d12.
      Si ottiene 12...si ritira...si ottiene un altro 12...si ritira....si ottiene 5 risultato: 12 + 12 + 5 = 29 danni.
      La variante è simmetrica: impatta PG e PNG allo stesso modo ma, in generale, rende il gioco più letale e  più pericolosi i gruppi numerosi di nemici inferiori.
    • By Arkoss
      Salve a tutti, ho già masterato una campagna e una oneshot e adesso sto mostrando un'altra campagna ma ho sempre riscontrato il problema di come gestire i tempi e le sessioni di viaggio. Se i PG devono percorrere una lunga distanza per arrivare al punto o al luogo in cui la storia continua, come fate voi a gestire ciò? Fate giocare tutta la sessione e se serve continuare anche nella prossima  in cui i PG viaggiano e quindi inserite qualche incontro nelle terre selvagge o saltate buona parte del viaggio per non perdere il flusso della storia? Grazie in anticipo 🙂

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.