Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

I romanzi di D&D arrivano in edicola

Alcuni famosi romanzi legati al gioco di ruolo più famoso del mondo sbarcano in tutte le edicole: eccovi tutti i dettagli.

Read more...

Lignaggi Gotici

La WotC ha rilasciato gli Arcani Rivelati di Gennaio 2021, nel quale possiamo trovare tre nuove Razze per D&D 5e basate sul tema dell'orrore gotico.

Read more...

Weis e Hickman annunciano ufficialmente 3 nuovi romanzi su Dragonlance

Margaret Weis e Tracy Hickman, i creatori originali di Dragonlance, hanno annunciato ufficialmente l'arrivo di tre nuovi romanzi basati sulla celebre ambientazione di D&D.

Read more...

Wizlocks

In questo articolo di GoblinPunch un mago pazzo da per sbaglio vita a una creatura folle...ed esilarante.

Read more...

Strumenti per i nuovi DM III - Improvvisazione per i nuovi Dungeon Master di D&D

In questo terzo articolo della nostra rubrica dedicata ai nuovi DM affronteremo il tema dell'improvvisazione e di tutte le abitudini che possono renderci più flessibili quando masteriamo.

Read more...

    Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

    • In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

    In occasione dell'uscita negli USA di Tasha's Cauldron of Everything (che da noi arriverà l'1 Dicembre 2020), Jeremy Crawford della WotC ha partecipato a un'intervista sul sito Dicebreaker riguardante il tema della modifica di razze e allineamenti all'interno di D&D 5e. Nel manuale dedicato a Tasha, infatti, sarà presente un sistema che consentirà ai giocatori di personalizzare l'origine del proprio PG, andando a sostituire alcuni dei tratti tradizionalmente forniti da una razza (tra cui l'all'ineamento) con altri a scelta del giocatore. Partendo da questo dettaglio, il Lead Designer della WotC ha cercato di chiarire ulteriormente il modo in cui la casa editrice ha intenzione di gestire la modifica di simili regole in futuro, riconoscendo quanto non sia facile onorare l'eredità di D&D e garantire allo stesso tempo ai giocatori la libertà di giocare a quello che vogliono.

    CAE9B64B-514C-470E-96A4-7CD5F0C5D6C1.jpeg

    Innanzitutto, Crawford ha voluto chiarire che una delle motivazioni dietro all'inserimento della Personalizzazione dell'Origine nel supplemento di Tasha è stata quella di scollegare le Razze dalle Classi (in maniera da non far sentire i giocatori obbligati a scegliere una data razza solo per rendere il PG migliore in una data classe, NdRedattore). "Una delle motivazioni è stata: scolleghiamo la vostra scelta di classe dalla vostra scelta della razza", ha dichiarato il Lead Designer.
    La seconda motivazione, invece, è stata quella di aggiornare le regole di D&D 5e in modo da rispondere meglio alle esigenze del pubblico odierno. "La nostra altra motivazione [...] era che, facendo questo, D&D avrebbe smesso di appoggiarsi a un tema che il gioco ha avuto dagli anni '70 riguardante delle specie che hanno questi vantaggi innati, (tema) che davvero non parla alla narrazione che i giocatori vogliono raccontare sui loro personaggi, e che mette a disagio in maniera simile a quanto fatto da alcune narrazioni razziste proposte nel mondo reale", ha continuato. "Anche se queste narrazioni razziste non erano l'intento del design originale di D&D, non si può negare che le persone si sentissero ancora ferite da esso. L'ultima cosa che vogliamo nel nostro gioco [...] è che ci siano queste ferite del mondo reale che s'intrufolano nell'esperienza del giocatore".

    Tuttavia, Crawford ammette che coniugare l'esigenza di libertà dei giocatori con quella di onorare l'eredità di D&D (ovvero l'approcio che è stato e rimane ancora uno degli obbiettivi su cui è stata fondata la 5e, NdRedatore) non è semplice. "Quello che abbiamo scoperto di questo approcio, quello attraverso il quale stavamo onorando l'eredità iniziale del gioco pur riconoscendo che le persone vogliono essere in grado di creare i personaggi che vogliono, è il fatto che il cercare di camminare in equilibrio su questa fune non è riuscito in maniera efficace", ha dichiarato (per evitare equivoci per via della traduzione: cercare di coniugare quelle due esigenze è un po' come cercare di mantenersi in equilibrio su una stretta fune e Crawford ha ammesso che il D&D Team non è riuscito a percorrere quella fune con efficacia, non riuscendo dunque a coniugare bene le due esigenze come sperato, NdRedattore).

    Parlando specificatamente dell'allineamento, Crawford ha spiegato che l'intenzione dei designer è quella di rendere l'allineamento solamente uno strumento d'interpretazione, slegandolo da specifici gruppi di creature (da notare che ciò è pienamente in linea con un altro degli obbiettivi di design su cui è stata fondata la 5e fin dal 2012-13, ovvero quello di rendere l'allineamento una regola opzionale e non più vincolante; si ripensi, ad esempio, al fatto che già le classi della 5e sono state progettate per funzionare indipendentemente dall'allineamento scelto per il PG, NdRedattore). "L'allineamento si trasformerà interamente in uno strumento d'interpretazione utilizzato per descrivere la bussola morale del personaggio", ha spiegato Crawford. "Non è qualcosa su cui faremo affidamento per descrivere interi gruppi".

    Implementare il progetto che hanno in mente i designer, tuttavia, richiederà molti anni e non potrà essere risolto solamente con la pubblicazione delle regole della Personalizzazione dell'Origine nel manuale di Tasha. "Non consideriamo ciò che stiamo facendo in Tasha's Cauldron come la fine del nostro lavoro riguardo a questo aspetto", ha spiegato Crawford. "In realtà fa parte di una serie molto più ampia di passaggi che stiamo intraprendendo, i quali richiederanno davvero diversi anni per essere pienamente implementati mentre cambiamo il modo in cui trattiamo alcuni di questi aspetti del gioco".

    Crawford non ha confermato al sito Dicebreaker se la WotC ha o meno l'intenzione di includere le regole della Personalizzazione dell'Origine all'interno di altre pubblicazioni della 5e, tra cui il Manuale del Giocatore e la Guida del DM, o in una potenziale 6e (da ricordare, però, che negli anni i designer della 5e hanno più e più volte fatto sapere che, prima di dare il via a una vera e propria Revisione dei 3 Manuali Base tramite l'inserimento di importanti modifiche al loro interno, sonderanno direttamente l'opinione dei giocatori sulla questione in uno dei vari sondaggi annuali dedicati al futuro dell'Edizione, NdRedattore).

    Il Lead Designer della 5e ha, invece, fatto sapere che proprio in queste settimane il D&D Team sta concludendo lo sviluppo di uno dei manuali che uscirà nel 2021.



    Article type: Interviste


    User Feedback

    Recommended Comments

    Serve solo il ricambio generazionale e che gli autori non si sentano in dovere di camminare su quella fune, per via di quelli che giocavano un certo tipo di D&D negli anni 80. Gli tocca fare i salti mortali per risolvere dei problemi che non sono più tali da anni per molti giochi eccellenti; uno di questi è una love letter a D&D (13th age). Gli sarebbe bastato "copiare"; quanto ci mettono ad arrivare alla soluzione delle Chiavi di Lady Blackbird o delle Milestones del Cortex per ritradurre in maniera soddisfacente l'allineamento? 3 manuali ufficiali e 2 opzionali per inserire come regola facoltativa (e fatta pure male) il fail forward (che è diventato una consuetudine persino nei prodotti mainstream), il pitch, la creazione libera dei pg, i punti esperienza slegati dalle uccisioni e dai tesori. Tutto cambia per restare sempre uguale. Aveva fatto meglio il True20, con meno pagine e più coraggio, pur non essendo chissà quale vetta di game design. Ma Crawford non è nuovo a queste prudenti ammissioni; e questo mi pare emblematico.

    • Like 2
    • Thanks 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Ok, se è così, si tratta di rimanere con la 3.5 ancora per decenni. .. non è un problema, visto il tanto materiale di qualità, approfondito, non all'acqua di rose, la profondità del sistema, nonché infiniti mondi da esplorare.

    • Like 5
    Link to comment
    Share on other sites

    Speriamo non si inneschi il solito flame. L'articolo è interessante e parla di come si sta evolvendo il gioco. Vogliono renderlo più moderno e personalizzabile. Si può continuare a giocare nel vecchio modo, ma aggiungere possibilità non è mai male. Poi ogni tavolo ne farà quello che vuole. L'errore peggiore commesso in passato secondo me è stato di pensare che a D&D si dovesse giocare in un solo modo, mentre ci sono infiniti modo per adattare il gioco al proprio stile personale.

    Le regole in Tasha sono interessanti e aggiungono elasticità. Poi vedremo al nostro tavolo se usarle o meno. Però è bene ci siano.

    • Like 6
    Link to comment
    Share on other sites
    52 minuti fa, Albedo ha scritto:

    La mia perplessità sul "tutti possono fare tutto in egual misura" rimane.

    Non è del tutto vero, comunque. Un elfo potenzialmente può essere tanto forte quanto un mezz'orco. Ma non avrà la medesima resistenza, o la naturale propensione all'incutere timore. 
    Allo stesso modo possiamo immaginare un mezz'orco intelligente come il più acuto degli elfi alti, ma non avrà la stessa padronanza con le basi della magia (non ha il trucchetto bonus).
    Un umano può essere tosto come un nano, ma dovrà comunque stare più attento ai veleni. 
    Solo un goliath potrà dirsi davvero a suo agio nella neve, e così via. 

    Principalmente credo che finché una creatura è

    • Vivente
    • Organica
    • Senziente

    possa benissimo essere in grado di spaziare entro i limiti delle capacità umanoidi. Un elfo può decidere di passare vent'anni a fare bodybuilding e può partire con +2 alla Forza. Un giovane nano può appassionarsi nella danza e allenandosi fin da bambino migliorare la propria flessibilità (e guardate, nemmeno un umano adulto può "diventare più agile" addestrandosi, perciò se lo permettiamo agli umani che da teenager diventano agilissimi ladri-ninja, possiamo concederlo ad un nano!). 

    Questo a livello di lore/flavor. 

    A livello meccanico capisco le obiezioni, ma le trovo un po' sterili. Senza offendere nessuno, bene inteso. Lo ripeto è la mia opinione. 
    Ma se vi da così tanto fastidio che un elfo abbia +2 alla Forza, vietatelo se siete i DM. Avrete forse un giocatore leggermente meno soddisfatto del proprio personaggio, ma se gli spiegate le vostre ragioni il giocatore potrà accettarle o rifiutare di partecipare all'avventura. Libero di farlo. Se non siete i DM direi che non avete molta voce in capitolo sul personaggio di un altro giocatore (che poi, io come DM messi dei paletti iniziali dettati dal tema dell'avventura/dall'ambientazione, non mi permetto di dire punto sui personaggi dei miei giocatori, ma questo è un altro discorso). 
    La regola è opzionale. Chi non ama la regola può continuare come se non esistesse. Come dicevo qualche tempo fa ad un amico un po' schizzinoso, se gli piace così tanto AD&D e detesta tanto le "troppe opzioni senza senso" della 5a edizione, può benissimo continuare a giocare ad AD&D. 

    • Like 5
    Link to comment
    Share on other sites
    35 minuti fa, Pippomaster92 ha scritto:

    Non è del tutto vero, comunque. Un elfo potenzialmente può essere tanto forte quanto un mezz'orco. Ma non avrà la medesima resistenza, o la naturale propensione all'incutere timore. 
    Allo stesso modo possiamo immaginare un mezz'orco intelligente come il più acuto degli elfi alti, ma non avrà la stessa padronanza con le basi della magia (non ha il trucchetto bonus).
    Un umano può essere tosto come un nano, ma dovrà comunque stare più attento ai veleni. 
    Solo un goliath potrà dirsi davvero a suo agio nella neve, e così via. 

    Principalmente credo che finché una creatura è

    • Vivente
    • Organica
    • Senziente

    possa benissimo essere in grado di spaziare entro i limiti delle capacità umanoidi. Un elfo può decidere di passare vent'anni a fare bodybuilding e può partire con +2 alla Forza. Un giovane nano può appassionarsi nella danza e allenandosi fin da bambino migliorare la propria flessibilità (e guardate, nemmeno un umano adulto può "diventare più agile" addestrandosi, perciò se lo permettiamo agli umani che da teenager diventano agilissimi ladri-ninja, possiamo concederlo ad un nano!). 

    Questo a livello di lore/flavor. 

    A livello meccanico capisco le obiezioni, ma le trovo un po' sterili. Senza offendere nessuno, bene inteso. Lo ripeto è la mia opinione. 
    Ma se vi da così tanto fastidio che un elfo abbia +2 alla Forza, vietatelo se siete i DM. Avrete forse un giocatore leggermente meno soddisfatto del proprio personaggio, ma se gli spiegate le vostre ragioni il giocatore potrà accettarle o rifiutare di partecipare all'avventura. Libero di farlo. Se non siete i DM direi che non avete molta voce in capitolo sul personaggio di un altro giocatore (che poi, io come DM messi dei paletti iniziali dettati dal tema dell'avventura/dall'ambientazione, non mi permetto di dire punto sui personaggi dei miei giocatori, ma questo è un altro discorso). 
    La regola è opzionale. Chi non ama la regola può continuare come se non esistesse. Come dicevo qualche tempo fa ad un amico un po' schizzinoso, se gli piace così tanto AD&D e detesta tanto le "troppe opzioni senza senso" della 5a edizione, può benissimo continuare a giocare ad AD&D. 

    Per 1uanto riguarda intell, sagg e carisma concordo e anzi li eliminerei, perché sono fattori personali e non di "razza" ma converrai che un mezz'orco sia mediamente più forte di un halfling. Possono esistere orchi più deboli di un halfling? Certo. E viceversa. I vari + e - li vedo come situazioni di partenza. Un halfling si allena duramente e può diventare molto forte. Certo. Ma la sua condizione di base è più debole di una creatura 3 volte lui.

    Cambierò opinione quando un caucasico vincerà i 100 metri alle olimpiadi 🙂

     

    • Haha 1
    Link to comment
    Share on other sites
    1 minuto fa, Albedo ha scritto:

    Per 1uanto riguarda intell, sagg e carisma concordo e anzi li eliminerei, perché sono fattori personali e non di "razza" ma converrai che un mezz'orco sia mediamente più forte di un halfling. Possono esistere orchi più deboli di un halfling? Certo. E viceversa. I vari + e - li vedo come situazioni di partenza. Un halfling si allena duramente e può diventare molto forte. Certo. Ma la sua condizione di base è più debole di una creatura 3 volte lui.

    Certo che il giocatore deve giustificare un halfling che parte con Forza 17. Ci deve essere una ragione valida. Ma è impossibile che sia così forte? Certo che no! Un orco più debole di un halfling resta un orco più debole della media degli altri orchi, paragonato ad un halfling che è più forte della media degli altri halfling. 

    5 minuti fa, Albedo ha scritto:

    Cambierò opinione quando un caucasico vincerà i 100 metri alle olimpiadi 🙂

    Un discorso un po' così eh. Non è che tutti i non-caucasici sono più veloci sui 100 metri di tutti i caucasici. 
    Il campione olimpionico dei 100m è probabilmente il migliore in quel campo, il più allenato.
    Naturalmente il barbaro "olimpionico" sarà l'individuo con la Forza più alta e ragionevolmente sarà il membro di una specie in media più forte. Ma non è detto!

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Partiamo da un punto, le regole razziali di Tasha, almeno per come sono presentate nel documento della Adventure's League, non cambiano le razze, cambiano gli individui. Nelle regole c'è scritto che lo scambio di un bonus per un altro è valido solo per certi avventurieri (ovvero i personaggi dei giocatori che vogliono giocare una classe con una razza che di per se non è proprio adatta a massimizzarne le caratteristiche). A livello di lore poi sta ai giocatori, magari con l'aiuto del DM, spiegare le motivazioni per i cambi:

    Perchè il Mezzorco Mago ha For 8 e  Int 18? Magari perchè è nato disabile (come Efialte in 300) e non essendo tollerato nella società degli orchi è stato abbandonato nella foresta per essere divorato dalle belve, ma invece è stato salvato da un Mago Umano che lo ha adottato ed educato alla magia, sviluppando la sua intelligenza tramite lo studio.

    Perchè l'Halfling Guerriero è più forte di un Mezzorco? Perchè quando a sua madre si sono rotte le acque la famiglia era in viaggio lontano dalle città ed hanno chiesto aiuto al tempio più vicino, che era quello del dio della Guerra, essendo stato partorito all'interno del suo tempio il dio ha deciso di benedire il piccolo halfling concedendogli una forza straordinaria per gli standard della sua razza.

    A livello di regole invece quelle presentate nel documento, che sono le stesse presentate in Tasha's, le trovo alquanto buttate lì,e a livello puramente giochista risolvono la situazione a metà. Il nostro Mago Mazzorco avrà anche 18 in Intelligenza e potrà scegliere altre abilità razziali relative alla magia, ma i poteri rimarranno sempre quelli, avrà comunque Attacchi Selvaggi, ovvero un critico migliorato con le armi da mischia...di cui un mago se ne fa poco o nulla. 

    Personalmente, come detto prima, mi sembrano essere state realizzate un po' in fretta e furia e in modo poco elegante (vedasi anche il problema del nano di montagna che mette due +2 dove preferisce), ma sono comunque regole opzionali, almeno al tavolo, non nella Adventure League. Un DM è libero di applicarle, non applicarle, o applicarle a metà, magari consentendole solo per i personaggi mezzi umani come Mezzelfi, Mezzorchi, Tiefling, Aasimar e Genasi in qualità della parte umana del loro retaggio, o magari concedendo i cambiamenti a tutte le razze ma solo tra le caratteristiche mentali (SAG, INT, CAR) ma non tra quelle fisiche (FOR, DES, COS)

     

     

    Il secondo punto della questione è invece il futuro di D&D, alcune persone non sono rimaste soddisfatte della soluzione presentata su Tasha, soprattutto a livello di lore. Per loro serve un totale cambiamento perchè, sempre secondo loro, le razze di D&D sono stereotipi di minoranze etniche (nell'articolo linkato si arriva a dire che gli Orchi sono rappresentati come i Neri). Per loro non è una motivazione di gioco ma politica e, da quel che mi pare di capire, non saranno contenti fino a che questi cambiamenti radicali al lore saranno presenti in tutte le ambientazioni, non solo in Eberron e Wildemount dove è già così. Come scrive lo stesso Crawford alla Wotc stanno cercando si salvare capra e cavoli, cercando di soddisfare i fan di lunga data più tradizionalisti e i nuovi arrivati che vogliono un cambiamento, ma, personalmente, al momento non mi sembra abbiano le idee chiare sul da farsi, e queste nebulose promesse di cambiamento in un futuro lontano fatte sullo stesso sito, Dicebreaker, che ha pesantemente criticato le regole di Tasha's mi sembrano solo come un tentativo di calmare gli animi.

    Cosa ci riserva il futuro? Ovviamente non posso saperlo, ma nel caso decidano di fare cambiamenti molto radicali potrebbero trovarsi di fronte all'effetto 4E (anche senza avere necessariamente un cambio di edizione), che fece disinnamorare tante persone dal gioco le quali optarono per ritornare alle vecchie edizioni o usare Pathfinder. E qualcosa come Pathfinder potrebbe in effetti essere il futuro per molti se la WOTC farà cambiamenti molto radicali in una 5.5 o una fantomatica 6E più avanti negli anni. Ho letto dello sviluppo di una versione "Advanced" della 5a E da parte di ENworld che sarà un manuale stand alone che non richiederà i manuali base, ebbene, è facile pensare che gli appassionati di lunga data che rimarranno scontenti dei cambiamenti radicali che la WOTC promette di fare negli anni rappresenteranno una fetta di mercato che prima o poi verrà coperta, magari da un manuale OGL stand alone che invece si ispirerà allo spirito delle precedenti edizioni, presentando le razze, a livello di regole e lore, come le abbiamo conosciute finora.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    Il 28/11/2020 alle 09:29, Shinsek ha scritto:

    Ok, se è così, si tratta di rimanere con la 3.5 ancora per decenni. ..

    O Path, che il nano che vive al mare piuttosto che l'elfo adottato dagli umani o l'orco coi tratti alternativi ce l'aveva già tra le opzioni nel 2012 senza far la morale di comodo a Tsr o scomodare questioni sociali/morali reali che col fantasy, le creature del fantasy (o del folklore) e le meccaniche del gdr fantasy c'entrano spesso e volentieri come i cavoli a merenda. 

     

    Non che 3x o i romanzi di Salvatore non avessero già nani maghi o umane adottate dai nani abili con l'arco, comunque... (Catti-Brie? )

    Edited by Nyxator
    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites

    Ma il problema di Tasha mi pare non esistente in realtá. I singoli possono essere individui eccezionali e unici quindi ci sta il barbaro mago con int 18 e l’halfling che se la gioca con gli orchi a braccio di ferro. Sono individui probabilmente unici delle due razze.

    Diversa è invece la valutazione di lungo periodo come quella a cui fa riferimento Crawford. Le razze infatti sono diverse perchè devono esserlo. Perchè è immanente nel senso del gioco. Se un giorno ci saranno elfi nani e orchi che possono scegliersi bonus e capacità tutti dalla stessa tabella non abbiamo razze diverse ma abbiamo un’unica razza e gente che si sente di appartenere a un determinato gruppo nazionale.

    Ecco questo non è D&D. Non giocherei a una gioco con tutti umani o tutti elfi (perchè questo sarebbe) con N opzioni di personalizzazione.

    Per me la cosa è molto chiara. Le razze nel gioco, a differenza delle “razze” umane, che non esistono, ci sono, sono diverse ed hanno peculiarità.  Non vogliamo chiamarle razze? Mi sta bene. Sono Specie diverse. Gli elfi non sono elfi perchè hanno gli orecchi a punta e gli orchi perchè hanno le zanne e la pelle verdognola. No. Gli elfi sono agili, magici, leggiadri, hanno capacità specifiche legate a queste caratteristiche. I nani robusti, resistenti eccetera e anche in questo caso hanno capacità correlate. Non voglio vedere un elfo con resistenza ai veleni o che se va sotto 0 rimane a 1 pf. Perchè non è un elfo.

    Mi piacerebbe invece avere (per i PG) la scelta a cosa dare il +2 e il +1 per tutti, ma poi scegliere le capacità razziali (o speciali) da tabelle ad hoc per razza (o specie). Il resto degli appartenenti dovrebbe continuare ad avere specificità. Gli elfi +2 des e alcune abilità correlate e così via.

    Sull’allineamento solito discorso. I drow sono malvagi. Lo stesso gli Illithid, i Derro, i Duergar. Non perchè vi nascono ma perchè hanno societá malvagie e l’influsso li crea così. Ma esistono individui singoli che rompono le catene della società e quindi sino neutrali e buoni. Se così non fosse avremmo un’unica società, un unica razza insomma un gioco povero e anche noioso. Non epico. Non D&D.

    un ultima cosa: secondo me chi rompe il cavolo su questa roba è gente che non gioca o comunque sono una percentuale bassa rispetto al totale ma che da un lato fa molto rumore e dall’altro è sostenuta da molta gente che non sa nemmeno cosa sia D&D. Ecco chi non gioca non dovrebbe influenzare l’evoluzione del gioco (pur avendo legittimamente una propria idea). 

    Edited by Lord Danarc
    • Like 3
    • Thanks 1
    Link to comment
    Share on other sites
    On 11/28/2020 at 9:14 PM, Albedo said:

    Cambierò opinione quando un caucasico vincerà i 100 metri alle olimpiadi 🙂

    Se posso permettermi, la strada migliore secondo me sarebbe proprio allontanarsi da parallelismi di questo tipo, che sembrano presupporre una qualche affinità tra razze fantasy e gruppi etnici. Un caucasico e un nero a D&D hanno gli stessi identici tratti, da sempre. Le razze di D&D sono nate per modellare creature fantastiche e non per descrivere gruppi etnici. Non dico che tu volessi dire il contrario, assolutamente, ma vedo spesso commenti che involontariamente finiscono per perpetuare l'equivoco.

     

    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites

    Mi sembra che, come spesso accade in questo frangente, vi siano abbandonati stracciamento di vesti sulle intenzioni, ma più o meno nessun problema con l'effettiva implementazione. La regola opzionale che hanno aggiunto era una regola di buon senso che molti avevano sempre applicato. Eppure tutti sono arrabbiati, una parte perché dice che non è stato fatto abbastanza, una parte perché dice che verrà una tragedia che distruggerà il fantasy. Direi che a JC camminare sulla corda riesca bene.


    Per chi è contrario alla regola opzionale attuale (pochi mi sembra, anche qui)...

    On 11/28/2020 at 7:29 PM, Albedo said:

    La mia perplessità sul "tutti possono fare tutto in egual misura" rimane.

    Non è questo il punto. Il punto è: il limite di punti con caratteristiche max 17 a cosa serve? A fare in modo che i personaggi rappresentino correttamente la distribuzione reale di caratteristiche nella popolazione, o a avere personaggi bilanciati, con max +3 nella caratteristica dominante? Io propendo per la seconda. Se anche quindi il mio Halfling con STR 16 è nel 99esimo percentile della popolazione halfling mentre un equivalente mezz'orco sarebbe nel 85esimo, è completamente inifluente perché non è questo lo scopo della regola. Quindi sì, probabilmente è più esotico e particolare se metto il +2 dell'Halfling alla forza piuttosto ad un mezz'orco, ma questo non significa molto: i personaggi sono sempre esotici e particolari.


    Per i tanti che hanno dubbi sul futuro invece, personalmente mi sembra che JC si stia muovendo bene per venire incontro a tutti i giocatori. Da un lato ambientazioni nuove più moderne, con differenze sociali più marcate delle differenze biologiche. Dall'altro ambientazioni vecchie immutate, e ancora centrali nella pubblicazione. Personalmente preferisco ambientazioni con sfumature di grigio piuttosto che gli orchi prodotti da un dio malvagio, anche perché mi sembra una narrazione più positiva e evocativa di una corretta interpretazione di dinamiche reali. Ma non vedo i problemi di intolleranza evocati (da pochi) se continuano a produrre materiale per ambientazioni tradizionali basate su narrazioni più novecentesche. E personalmente gioco senza problemi ad entrambi, così come leggo Conrad senza problemi anche se non scriverei oggi Cuore di Tenebra nello stesso modo. Trovo problemi solo con pochi casi effettivamente e palesemente diretti a popolazioni reali (come il caso dei Vistani), ma trovo quanto fatto sufficiente e poco invasivo. Non credo che qualcuno si sia trovato impossibilitato a giocare per via di una regola opzionale o per via di un disclaimer quando si compra un modulo vecchio.

    Personalmente non mi preoccuperei che la WotC si comporti in maniera diversa in futuro: la WotC continuerà a produrre qualsiasi cosa che venda al pubblico attuale e garantisca pubblico futuro. E quello che hanno fatto fino ad ora in pratica spiega meglio il futuro di qualsiasi interpretazione delle loro parole. In particolare qualsiasi ricostruzione del futuro che immagini la povera WotC perdere soldi seguendo le esigenze di pochi non giocatori, credo sia decisamente malposta. Si vota con il portafogli: se e quando FR non venderà più, verrà interrotto, se continuerà ad esserci il pubblico, rimarrà. Che è alla fine un sistema più democratico e rappresentativo della società di qualsiasi sondaggio o twitter war.

    • Like 5
    • Thanks 1
    • Sad 1
    Link to comment
    Share on other sites
    53 minuti fa, Bille Boo ha scritto:

    Se posso permettermi, la strada migliore secondo me sarebbe proprio allontanarsi da parallelismi di questo tipo, che sembrano presupporre una qualche affinità tra razze fantasy e gruppi etnici. Un caucasico e un nero a D&D hanno gli stessi identici tratti, da sempre. Le razze di D&D sono nate per modellare creature fantastiche e non per descrivere gruppi etnici. Non dico che tu volessi dire il contrario, assolutamente, ma vedo spesso commenti che involontariamente finiscono per perpetuare l'equivoco

    Dovresti dirlo anche alla WoTC, visto che sono loro che partono da quel presupposto e  aggiungerei che sarebbe anche il caso, e il tempo, di parlare sempre di "popolazione" e non di razza.

    Comunque il mio "parallelismo" era per dire che a parità un nano non potrà avere l'agilità di un elfo, perché parte da una costituzione diversa. Quello che mi lascia perplesso è "il tutti devono poter fare tutto con la massima efficacia". Ma anche no.

    Allora tutte le armi devono fare tutte lo stesso danno, perché, parafrasando Crawford "scollegare le Razze armi dalle Classi (in maniera da non far sentire i giocatori obbligati a scegliere una data razza arma solo per rendere il PG migliore in una data classe, NdRedattore) Ma puoi usare anche la parola talento.

    Visto che l'esempio sportivo è poco felice, userò quello automobilistico e poi quello canino.

    Se compro una lamborghini aventador e poi voglio fare la Parigi Dakar e lamentarmi che non posso fare tutte le tappe, oppure fare tutte le tappe della Parigi Dakar in autostrada in modo da non discriminare alcun mezzo... anzi no, strada urbana, altrimenti la panda è svantaggiata rispetto alla lamborghini.

    Esempio canino, ti sei mai chiesto perché alcuni compiti/lavori, vengono fatti fare a cani con determinate caratteristiche? E non a tutti? Per non tutti possono fare tutto*

     

    *per prevenire chi parte a dire che è un gioco fantasy e non un simulatore di realtà, allora voglio che gli umani possano vedere  nel buio, altrimenti sono svantaggiati nei doungeon rispetto a nani ed elfi. Sì è un po' polemico perché le regole sono come una diga e queste variazioni sono buchi che vi vengono praticati rischiando di appiattire tutto e rendere la scelta elfo/nano/umano/tiefling un mera parola su un foglio senza effetti concreti...giusto una skin.

    Ripeto, per quanto riguarda le statistiche non fisiche (int, car, sag) abolirei ogni bonus/malus legato alla popolazione del pg perché a dir poco assurdo, ma le altre no... e no, non mi convincerete mai che un nano possa essere più agile di un elfo a parità di condizioni (e non un elfo non potrà avere la stessa resistenza del nano).

    @bobon123

     ho scritto che sono PERPLESSO*  non che sono arrabbiato o che condanno. Ammetto che è una modifica che non mi piace e continuerò ad essere di questa opinione.

     

    *perplesso: agg. [dal lat. perplexus «intricato, confuso», propr. part. pass. di perplectĕre «intrecciare»]. – 1. Detto di persona, incerto, dubbioso, irresoluto: alla domanda inattesa rimase p.; restò un attimo p. sul da farsi; la questione mi lascia p.; sono ancora un po’ p. di fronte a tante difficoltà. 2. letter. Detto di cosa, poco chiaro, complicato, ambiguo: costui ... con risposte p. ingegnandosi di farlo parlare, primieramente disse ... (Boccaccio); vago, indistinto: quelle immagini p. e indeterminate, delle quali esso medesimo ... non poteva produrre alcun esempio reale (Leopardi).

     

    Edited by Albedo
    Link to comment
    Share on other sites

    @Albedo, avevo capito il senso del tuo paragone. Ho solo colto l'occasione per far notare che spesso, da entrambe le "parti" (se mi è consentita l'espressione), si tende ad usare, con buonissime intenzioni, paragoni impropri che hanno l'effetto collaterale di perpetuare l'equivoco. Non volevo polemizzare con te in particolare.

     

    4 minutes ago, Albedo said:

    Ripeto, per quanto riguarda le statistiche non fisiche (int, car, sag) abolirei ogni bonus/malus legato alla popolazione del pg perché a dir poco assurdo, ma le altre no... e no, non mi convincerete mai che un nano possa essere più agile di un elfo a parità di condizioni (e non un elfo non potrà avere la stessa resistenza del nano).

    Se è per questo, io invece non trovo niente di assurdo nel differenziare le caratteristiche mentali, o comunque nel trattarle allo stesso modo di quelle fisiche.

     

    Comunque non vedo nessun problema in Tasha e affini: si tratta di aggiungere opzioni e flessibilità. Poi ognuno sarà libero di limitare le opzioni disponibili al suo tavolo se lo ritiene appropriato alla sua campagna. Sempre meglio avere risorse in più.

     

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    Sulla questione Vistani mi piacerebbe fare un leggero approfondimento, ma, onde evitare fraintendimenti voglio subito porre in chiaro alcune questioni:

    - Non ritengo che le popolazioni rom siano composte da soggetti che rubano, uccidono, rapiscono, mendicano. Ci sono soggetti che compiono queste azioni come vi sono in ogni gruppo etnico/nazionale/sociale. 

    - Non ritengo che vi sia uno stereotipo adatto a nessun gruppo etnico/nazionale/sociale, per gli stessi motivi di cui sopra.

    Stante ciò, i Vistani sono effettivamente tratti da uno stereotipo rom che in passato era più diffuso che nel presente, ma nel momento in cui è stato scritto CoS ritengo che la popolazione Vistana sia funzionale all'ambientazione e non a veicolare una determinata idea palesemente razzista (oggi). In tale ambito un Vistano che beve ruba e legge le carte non deve necessariamente essere correlato a un determinato tipo di cultura, anche se riconosco che alcuni errori siano stati fatti, come ad esempio utilizzare parole di quello specifico gruppo. Detto ciò credo che i vistati siano un importante elemento in CoS come sono, e il fatto che girino per i piani rapendo persone e che possano essere ritenuti ladri (ma anche li andando a vedere in profondità la situazione varia da individuo a individuo) non incide necessariamente sull'appartenenza. 

    SPOILER di CoS

    Spoiler

    Il fatto poi che uno specifico soggetto accetti di perdere la figlia o venderla per del vino non implica anche li che ci debba essere un riferimento ai rom ma semplicemente che il soggetto in questione è un PDM indipendentemente dal gruppo etnico/nazionale/sociale di appartenenza. 

    Personalmente quando ho avuto modo di rapportarmi con i Vistani (prima che emergessero tutte le critiche) ho rilevato un riferimento a quella cultura, ma non ho immediatamente associato Vistani = Rom (come non mi è mai MAI venuto in mente che gli orchi potessero in qualsiasi modo essere accomunati agli afroamericani) ma semplicemente ho ritenuto i Vistani soggetti con quelle determinate caratteristiche. (Poi quando ho scoperto che alcuni termini erano propri della cultura Rom ovviamente li ho storto un po' la bocca, perchè li per lì probabilmente a chi ha scritto Sthrad può essere sembrata una grande idea, ma successivamente è divenuto palese come non sia stata sta gran cosa). 

    Altrimenti dovremmo arrabbiarci per l'associazione TILEANI=ITALIANI nel vecchio mondo di WH? Mercenari che non hanno uno stato (cosa avvenuta nel medioevo)? Bho mi pare un po' assurdo.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    21 hours ago, Albedo said:

     ho scritto che sono PERPLESSO*  non che sono arrabbiato o che condanno. Ammetto che è una modifica che non mi piace e continuerò ad essere di questa opinione

    Non ho capito la precisazione, non mi sembra di aver mai travisato le tue parole né ho mai detto che sei arrabbiato. Ho usato il tuo commento come un esempio di opinioni contrarie alla regola opzionale, che mi sembra attinente con la tua perplessità sulla stessa e con l'essere una modifica che non ti piaccia.

    21 hours ago, Lord Danarc said:

    Sulla questione Vistani mi piacerebbe fare un leggero approfondimento

    Sono abbastanza in linea onestamente con la tua analisi, nel senso che il problema in quel caso è l'esagerazione del parallelo. Personalmente trovo che il problema con i Vistani sia composto di due parti. Da un lato, la similitudine è palese e non velata. Dall'altra, la loro identità fantastica è basata sulla leggenda metropolitana storicamente alla base del pregiudizio verso il gruppo, il furto e commercio di bambini (oltre a tanti problemi minori come alcool, gioco d'azzardo, furti). Sarebbe come avere un popolo basato sugli Ebrei basato sull'idea che a Pasqua mangino biscotti fatti col sangue dei bambini cristiani, che abbiano ucciso il salvatore del mondo crocefiggendolo, che siano avidi e che contrillano la finanza mondiale.

    Quando entrambe le parti sono presenti, identificazione con gruppo reale e pregiudizio reale di cui quel gruppo soffre, onestamente mi sembra che passi la linea del decente e del danno reale a persone reali.

    Quote

    come non mi è mai MAI venuto in mente che gli orchi potessero in qualsiasi modo essere accomunati agli afroamericani

    Concordo: di base troverei sicuramente molto più razzista qualcuno che oggi, senza un input esterno, pensi che siano ispirati ai neri piuttosto che qualsiasi pratica di pubblicazione. Però lo trovo un caso utile su cui discutere. È utile sapere che in quel caso la motivazione delle proteste è più storica che altro. Tolkien ha scritto in modo abbastanza esplicito in corrispondenze private che ha creato gli orchi basandosi su popolazioni indigene delle colonie (non afroamericani in particolare). Trovo che Tolkien sia stato scrittore abbastanza raffinato da non aver lasciato niente dell'originale similitudine se non il nucleo del pregiudizio, e il pregiudizio di per se non è problematico. In questo caso, la seconda parte dell'equazione fatta per i Vistani è invariata: il pregiudizio reflette tanto quanto quello sui Vistani il pregiudizio dell'epoca sui popoli "feroci e inumani" delle colonia. Ma manca la prima parte, il pregiudizio viene slegato dal soggetto e quindi non ha nessun effetto negativo sulla società di oggi.

    Mentre nel caso dei vistani lo stereotipo rinforza lo stereotipo reale, nel caso degli orchi sta solo dicendo che esistono popoli feroci e inumani, ma per sapere che era basato su idee razziste bisogna sapere la storia. Non rinforza uno stereotipo.

    Quote

    Altrimenti dovremmo arrabbiarci per l'associazione TILEANI=ITALIANI nel vecchio mondo di WH? Mercenari che non hanno uno stato (cosa avvenuta nel medioevo)? Bho mi pare un po' assurdo.

    Nel caso dei Tileani manca la seconda parte, il pregiudizio negativo. Il fatto che per secoli sia stato vero che "non siam popolo, che siam divisi", lo mettiamo anche nel nostro inno nazionale. È una rappresentazione divertente (è uno dei miei eserciti preferiti) dell'Italia dei comuni, che non crea nessun problema agli Italiani nel mondo.

    Vi è infatti una terza parte all'equazione: la presenza di quel pregiudizio negativo oggi verso quel gruppo sociale. Oggi gli Italiani non sono un popolo soggetto a particolari pregiudizi, le poche cose rimaste (mafia, confusione e disordine, scarsa attenzione al fisco, passione per il sesso opposto), sono più divertenti che altro e non influenzano in nessun modo in modo negativo la vita di un Italiano (anche di noi Italiani all'estero). E quindi diventa difficile immaginare il parallelo. Ma se negli anni '30 in America - quando il pregiudizio era ancora forte e presente - ci fosse stato un gioco sugli Italiani mafiosi e sporchi, sarebbe stato sicuramente motivo di derisione e problemi per i nostri connazionali emigrati. E quindi magari avrei avuto una reazione simile, dicendo che si sarebbe potuto evitare.

    Edited by bobon123
    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites


    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.