Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Death of Divinity, Dreadful Realms, Heroes of the Cypher System

Vediamo assieme le ultime novità su Kickstarter relative al mondo dei GdR.

Read more...

Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 13: Strutture Personalizzate

In questa tredicesima parte della nostra rubrica sulle strutture di gioco, risponderemo alla domanda lasciata in sospeso la settimana scorsa: cosa succede se la struttura adatta non esiste?

Read more...

Una prima anticipazione sul GdR di Dune

Dopo l'annuncio iniziale di due anni fa, la Modiphius ha rilasciato delle prime anticipazioni su Dune RPG, il GdR dedicato alla famosa serie letteraria di fantascienza.

Read more...

Jaquayare i dungeon: Parte 2 - Le tecniche della Jaquays

Nella seconda parte di questa rubrica su come rendere i dungeon più eccitanti scopriremo le tecniche usate da Jennel Jaquays per disegnare le sue mappe.

Read more...

    Trovare e Gestire un Gruppo di D&D

    • Eccovi un altro articolo di consigli per i DM, incentrato su come trovare e mantenere attivo un gruppo di giocatori.

    Articolo di Mike Shea dell’11 Giugno 2018

    Fare i master richiede un sacco di abilità. Bisogna saper improvvisare. Bisogna conoscere le regole, o almeno le loro basi. Bisogna conoscere il mondo e l’ambientazione del gioco che stiamo masterando. Bisogna risolvere le azioni dei personaggi e far scaturire delle conseguenze da esse. Si deve essere in grado di creare una storia avvincente basandosi su quello che succede al tavolo.

    Ma la parte più difficile è trovare un gruppo di giocatori e tenerlo unito fino alla fine.

    Possiamo trovare metodi per gestire gli altri aspetti mano a mano che giochiamo e probabilmente li analizzeremo in articoli futuri. Ma trovare le persone giuste per il nostro tavolo e fare in modo che tornino ad ogni sessione richiede del duro lavoro e molta attenzione.

    In questo articolo analizzeremo a fondo questo argomento. Identificheremo i migliori posti dove trovare nuovi giocatori, descriveremo tecniche per trovare quelli giusti e parleremo di come tenere assieme il gruppo negli anni a venire.

    large.friends_playing_dnd.jpg.17812941b9b3ed04337525d21b756937.jpg

    Un Breviario per Trovare e Gestire un Gruppo di D&D

    Ecco un breviario con dei suggerimenti per trovare dei giocatori e giocare con loro per anni. Li analizzeremo tutti in maniera più specifica nel corso dell’articolo.

    • Cercate dei giocatori tra i vostri amici, la vostra famiglia, amici di amici e colleghi.
    • Visitate i negozi di giochi locali e prestate attenzione ai circuiti di Gioco Organizzato (come la Adventure League)  per trovare altri giocatori nella vostra zona.
    • Usate Meetup o Facebook per trovare giocatori o gruppi nella vostra zona.
    • Unitevi a delle sessioni online per rivedere dei vecchi amici o farvene di nuovi da tutto il mondo.
    • Ottimizzate i vostri sforzi cercando di allargare il più possibile il vostro giro di conoscenze e rendere noto il vostro desiderio di giocare a D&D.
    • Trovate i giocatori adatti giocando delle one shot o delle campagne brevi per capire se siano adatti al gruppo e viceversa. Fatelo al di fuori delle vostre campagne principali, così che nessuno possa sentirsi rifiutato in caso l’avventura si fermasse lì.
    • Scegliete degli orari e dei ritmi che siano adatti al gruppo. Mandate dei promemoria con qualche giorno d’anticipo per rendere le sessioni un'abitudine.
    • Tenete una lista di sostituti che possano prendere il posto dei vostri giocatori in caso di imprevisti. Cinque-sei giocatori e uno-due sostituti possono permettere ad un gruppo di giocare per anni.
    • Cercate sempre dei giocatori interessati, così da poter riempire un eventuale posto vuoto dovuto a cambiamenti nella vita di un giocatore. Le partite più durature sono proprio quelle dove si è dotati di un sistema per aggiungere giocatori quando altri non possono più giocare.

    Dove Possiamo Trovare dei Giocatori?

    Internet ha cambiato radicalmente il nostro modo di comunicare, ma il miglior modo per trovare giocatori di D&D rimane sempre il passaparola. In migliaia di discussioni DM e giocatori hanno spiegato come abbiano trovato il loro gruppo grazie alla loro famiglia, i loro amici, gli amici degli amici e i colleghi piuttosto che usare uno qualunque degli altri metodi.

    Gli amici e i loro conoscenti sono sempre stati e sempre rimarranno un’ottima fonte per trovare nuovi giocatori. Spesso i nostri amici hanno dei gusti simili ai nostri e dobbiamo solamente dare loro una piccola spinta per convincerli a provare D&D. Se i nostri amici amano i giochi da tavolo o i GdR per PC il passaggio a D&D sarà quasi immediato. E possiamo applicare lo stesso ragionamento ai membri della nostra famiglia. Non sapremo mai se la nostra moglie, i nostri figli o qualunque altro famigliare abbiano un interesse per D&D fino a che non glielo chiederemo.

    Molti giocatori di D&D e DM si sono incontrati o uniti a dei gruppi grazie ai propri colleghi di lavoro. Magari, se siamo fortunati, lavoriamo con dei fan della fantascienza o del fantasy che vorrebbero provare una sessione di D&D. Ancora una volta, non possiamo saperlo fino a che non lo chiediamo, quindi parlare della nostra passione può essere un ottimo metodo per trovare nuovi giocatori. Certo, molti nostri colleghi non lo troveranno interessante, ma qualcuno potrebbe esserne incuriosito e potrebbe rivelarsi perfetto per il nostro gruppo. Il pensiero comune sui giochi di ruolo potrebbe renderlo abbastanza complesso, ma negli ultimi anni la situazione è migliorata e ora questa passione è sempre più accettata. Potremmo essere spaventati dal pensiero di parlare di D&D in pubblico, ma vi assicuro che sarà semplice più facile mano a mano che lo fate.

    Negozi di Giochi Locali e Gioco Organizzato

    Molti DM e giocatori continuano ancora oggi a trovare i loro gruppi grazie ai negozi di giochi che tengono sessioni di D&D pubbliche. Non è un’opzione per tutti, ma in caso conoscessimo un posto del genere potremmo far sapere al proprietario che stiamo cercando dei giocatori.

    I negozi locali ospitano spesso dei circuiti di gioco organizzato come la D&D Adventurer’s League. Questi programmi ci forniscono delle enormi campagne e delle storie complesse che permettono ai giocatori e ai DM di provare le stesse esperienze a qualunque tavolo. Analogamente, molte fiere in giro per il mondo ci danno modo di incontrare moltissimi giocatori che condividano la nostra passione per questo hobby.

    Per alcuni il gioco organizzato è il modo perfetto per godersi D&D. Ma altri giocatori preferiscono un’esperienza “privata”, con un singolo DM e un gruppo stabile di giocatori. Tuttavia provare delle sessioni di gioco organizzato può permetterci di ottenere entrambe le cose. È indubbio che il metodo migliore per trovare altri giocatori per il nostro tavolo sia quello di parlare con persone che giocano abitualmente a D&D e che lo amano.

    Trovare Giocatori e Sessioni Online

    Molte persone creano i loro gruppi con il passaparola, ma Internet ci ha fornito nuovi metodi per comunicare con altri giocatori.

    Meetup.com è un modo molto popolare per creare degli eventi legati a D&D o vedere cosa sia stato organizzato da altri gruppi. Molti organizzatori usano inoltre Meetup per sponsorizzare il gioco organizzato o le proprie sessioni. Potete, inoltre, creare una nuova richiesta in caso non troviate nulla di soddisfacente.

    Esistono, inoltre, diversi gruppi su Facebook dove discutere di D&D o di altri giochi di ruolo. Dovete fare un po’ di attenzione per capire dove postare il messaggio di ricerca del gruppo, ma potrebbe valerne la pena.

    Anche il forum di D&d Beyond contiene una sezione dove cercare un gruppo. Dategli un’occhiata!

    Giocare Online

    Tutte le opzioni che abbiamo presentato erano mirate a giocare dal vivo o trovare giocatori per farlo, ma alcuni non hanno questa possibilità.

    Giocare online grazie a strumenti come Roll20 o Fantasy Grounds si è sempre più diffuso nel corso degli ultimi anni. Giocare di ruolo online ci permette di superare le barriere geografiche e di giocare con i nostri amici in tutto il mondo.

    Molti gruppi di amici di lunga data sono riusciti a continuare le loro avventure proprio grazie al gioco online. I siti nominati in precedenza hanno dei forum per cercare gruppi o giocatori. Questi forum comportano un piccolo rischio, dato che sono soggetti all’anonimato tipica del web. Non tutte le sessioni sono adatte al nostro stile. Probabilmente dovrete fare qualche tentativo prima di trovare il gruppo adatto a voi. Armatevi di pazienza e lanciatevi in questa ricerca.

    Fortuna e Perseveranza

    Per quanto non sia facile accettarlo, trovare un buon gruppo richiede una grossa dose di fortuna. Ma non è un singolo tiro di dado, a meno che non si faccia un solo tentativo. Circondandoci di persone che hanno dei gusti simili ai nostri e continuando a parlare della nostra passione per il gioco di ruolo, ci stiamo garantendo la possibilità di fare diversi “tiri di dado” e riuscire ad ottenere il risultato che speriamo.

    Grazie ad un pizzico di fortuna, sfruttando tutte le nostre opzioni e continuando a fare nuovi tentativi saremo in grado di trovare un gruppo fantastico.

    Portare i Giocatori Giusti al Tavolo

    Trovare dei giocatori e iniziare le proprie campagne è una sfida, ma trovare quelli giusti è ancora più impegnativo. Non tutti riescono ad andare d'accordo e, nel caso di D&D, non tutti cercano le stesse esperienze al tavolo.

    Esiste una sola cosa peggiore di non trovare persone per giocare: avere al tavolo le persone sbagliate e non avere un modo per liberarsene. Potremmo avere un buon presentimento a proposito di una persona, solamente per scoprire che non è adatta al nostro gruppo.

    Quindi come possiamo trovare la giusta combinazione di giocatori? Procedendo per tentativi, ovviamente.

    Il metodo più facile è quello di giocare delle one-shot, più o meno di quattro ore, e invitare dei potenziali giocatori. Potremmo includere dei giocatori che conosciamo e di cui ci fidiamo per valutare ogni nuovo giocatore che si presenti al tavolo.

    Se le cose sembrano funzionare, possiamo fissare una seconda sessione o invitare questi giocatori ad unirsi ad un gruppo già attivo, ammesso ci sia. In caso contrario abbiamo perso solamente una sessione. Invitare un giocatore ad una singola sessione gli evita di farsi delle aspettative sull'ingresso in un gruppo. Non li stiamo rifiutando se non li invitiamo per delle altre sessioni, era semplicemente una giocata auto-conclusiva.

    E se volessimo un po’ più di tempo per valutarli potremmo creare una mini-campagna di quattro sessioni e vedere come va.

    Invitare un nuovo giocatore ad unirsi ad un gruppo già esistente potrebbe portarci a delle conversazioni fastidiose in caso non li volessimo far partecipare ad altre sessioni. È molto più semplice fissare una singola sessione o una campagna breve in un orario differente e definirla completa una volta finita. Senza dover rifiutare nessuno.

    Gestire il Gioco

    A questo punto avremo probabilmente trovato un buon gruppo di giocatori di D&D. Come possiamo fare in modo che questo gruppo continui ad esistere di settimana in settimana, anno dopo anno? Sfortunatamente non sarà semplice.

    La frequenza e la durata delle nostre sessioni potrebbe avere un grosso impatto sull'argomento. Giochiamo ogni settimana per qualche ora? Facciamo delle “maratone” di nove ore una volta al mese? Ogni gruppo vi darà la sua risposta, sebbene la più popolare sia quella delle giocate settimanali da quattro ore.

    Abbiamo tutti degli impegni, quindi spesso è difficile aggiungerne uno. E non tutti possono permettersi di modificare liberamente il loro calendario. Se vogliamo che il nostro gruppo continui ad esistere è nostro dovere fare in modo che la frequenza delle sessioni rimanga costante e ricordarle agli altri giocatori.

    Stabilizzare un Gruppo con dei Giocatori di Riserva

    Indipendentemente da quanto si possano organizzare con cura le nostre sessioni, ci sarà sempre chi non potrà partecipare ogni volta. Le persone potrebbero avere un impegno o essere ammalate o, semplicemente, avere una vita che non gli permette di spendere sempre qualche ora a giocare.

    Certi gruppi cancellano le sessioni se uno o due giocatori non possono presentarsi, ma esiste un’alternativa: una lista di giocatori di riserva.

    Mentre si cercano dei giocatori si potrebbero trovare una o due persone interessate a giocare, ma che non possono permettersi di farlo con frequenza. Oppure potremmo avere un gruppo stabile di cinque-sei giocatori e trovarne altri interessati a giocare. E non vogliamo sovraffollare il tavolo, ottenendo come unico effetto quello di togliere spazio al singolo giocatore.

    Possiamo parlare con questi potenziali giocatori e convincerli a diventare giocatori “di riserva”. Ogni volta che un posto si libera al nostro tavolo, chiameremo uno di loro per fargli sapere che possono unirsi. E non si risentiranno per il fatto di non essere chiamati settimanalmente, a patto di mettere in chiaro fin da subito la loro posizione.

    Gestire una lista di giocatori di riserva richiede un po’ di impegno. Non vogliamo che questi giocatori si sentano inferiori rispetto agli altri, dobbiamo fargli capire che è semplicemente una questione di numeri. Senza contare che uno dei giocatori potrebbe non essere più in grado di giocare con regolarità e diventare, di conseguenza, una riserva: questo permetterà ad uno dei giocatori della nostra lista di unirsi stabilmente a noi. E potremmo fare la stessa cosa in caso uno dei giocatori sia costretto ad abbandonarci definitivamente, anche se in quel caso dovremo trovare delle nuove riserve.

    E’ difficile che un gruppo riesca a rimanere stabile per anni. Se vogliamo che le nostre giocate non terminino all'improvviso non dovremo limitarci a cercare giocatori prima di iniziare, ma sarà un impegno continuo. Tutte le tecniche descritte in precedenza diventeranno un’abitudine mano a mano che cercheremo sostituti per i giocatori costretti ad abbandonarci.

    Se siamo abili riusciremo ad avere un gruppo di cinque-sei giocatori regolari e uno-due giocatori di riserva. In questo modo serviranno almeno tre-quattro assenti per impedirci di giocare.

    Il Difficile Lavoro del Dungeon Master

    Conoscere le regole del gioco, migliorare le nostre abilità nell'improvvisazione e costruire dei mondi fantastici per i nostri giocatori sono dei compiti difficili per un DM, ma trovare dei giocatori e convincerli a rimanere è indubbiamente il più complesso. Se vogliamo una campagna che duri anni, dovremo investire continuamente tempo e risorse per trovare giocatori, portarli al tavolo, continuare a farli venire al nostro tavolo fino a che ne siamo in grado e aggiungere nuovi giocatori mano a mano che ne abbiamo bisogno. Ma spero che questo articolo possa darvi delle idee per creare il vostro fantastico gruppo di D&D. E continuate a tirare 20!


    Link all'articolo originale: https://slyflourish.com/finding_players.html

    Edited by Alonewolf87


    Article type: Approfondimenti


    User Feedback

    Recommended Comments

    La storia del giocatore di riserva non mi convince molto, di fatto avrei al tavolo un personaggio che non e' lo stesso di prima sebbene lo sia sulla carta.

    Pensera' ed agira' con una logica diversa ed a mio parere potrebbe creare qualche problema.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Lord Danarc ha scritto:

    La lista dei giocatori di riserva è una cagata pazzesca (cit.)

    Direi di sì. L'idea della one shot o della campagna breve di quattro sessioni può funzionare. Manca il concetto di "sessione zero" che forse ti evita molte perdite di tempo.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    3 ore fa, Lord Danarc ha scritto:

    La lista dei giocatori di riserva è una cagata pazzesca (cit.)

    Credo funzioni molto male se si gioca un Adventure Path o similari, specialmente se si utilizzano sistemi complessi come Pathfinder. Ma in un Tavolo aperto, usando un sistema che permetta di creare i PG velocemente, le riserve funzionano benissimo. E impostando la campagna in stile West Marches potrete avere continuamente nuovi giocatori, allargando di molto la possibilità di giocare.

    Link to comment
    Share on other sites

    Ha un senso solo se ogni sessione è una one shot, cosa estremamente difficile da fare, anche in d&d.

    insomma confermo la citazione. L’unica “panchina” Che ha senso tenere in considerazione è quella da usare se qualcuno smette e si vuole inserire un altro giocatore. 

    Link to comment
    Share on other sites
    4 hours ago, Percio said:

    Credo funzioni molto male se si gioca un Adventure Path o similari, specialmente se si utilizzano sistemi complessi come Pathfinder. Ma in un Tavolo aperto, usando un sistema che permetta di creare i PG velocemente, le riserve funzionano benissimo. E impostando la campagna in stile West Marches potrete avere continuamente nuovi giocatori, allargando di molto la possibilità di giocare.

    Hai pienamente ragione che stili di gioco e regolamenti diversi lo rendano meno un problema dal lato del gioco di ruolo in particolare.

    Ma onestamente mi sembra un problema secondario rispetto al problema sociale di avere degli amici in riserva, che giocano un giorno, iniziano una storia, e poi gli si dice "No, la prossima volta non giochi, non c'è posto".

     Se hai cinque giocatori e un giocatore di riserva, hai sei giocatori. Se ci sono tutti il gioco è un po' più lento? Pace.

    Diverso può essere il caso in cui hai ad esempio due gruppi da quattro giocatori, con cui giochi in giorni diversi. Un giorno mancano due giocatori nel team A, e chiami qualcuno del team B che fosse libero a fare una comparsata tanto per non essere in tre al tavolo. In questo caso sicuramente un sistema adatto e uno stile di campagna aperto aiuta.

    Link to comment
    Share on other sites
    3 ore fa, Lord Danarc ha scritto:

    Ha un senso solo se ogni sessione è una one shot, cosa estremamente difficile da fare, anche in d&d.

    O se riesci a organizzare la campagna come una serie di pseudo one-shot per cui a fine sessione si torna a casa. Il mondo rimane quello e le conseguenze delle azioni dei PG se le cuccano tutti. Concordo che in un Adventure Path o simili, magari interrompendo la sessione col gruppo in mezzo al dungeon, l'idea della riserva perde gusto (anche se avere qualcuno che vuole provare a giocare può essere comodo per riempire i buchi quando si usano sistemi bilanciati tipo Pathfinder o D&D 4 o 5).

    39 minuti fa, bobon123 ha scritto:

    Ma onestamente mi sembra un problema secondario rispetto al problema sociale di avere degli amici in riserva, che giocano un giorno, iniziano una storia, e poi gli si dice "No, la prossima volta non giochi, non c'è posto".

    Terribile! 

    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites

    i panchinari sono purtroppo diventati necessità nei mie gruppi .

    la gente ha sempre meno tempo (e organizzazione personale) ,

    quindi i rimpiazzi servono .

    che logicamente diventato ufficiali nel caso ci siano troppi mancanti .

    Link to comment
    Share on other sites
    14 minuti fa, Maxwell Monster ha scritto:

    i panchinari sono purtroppo diventati necessità nei mie gruppi .

    la gente ha sempre meno tempo (e organizzazione personale) ,

    quindi i rimpiazzi servono .

    che logicamente diventato ufficiali nel caso ci siano troppi mancanti .

    Sono curioso di capire il significato e la Portata di questa affermazione. Cosa significa “rimpiazzi” e come li gestisci?

    secondariamente mi permetto di fare una valutazione generale (che non è un giudizio sul tuo gruppo ovviamente). Se una persona si prende un impegno dovrebbe portarlo avanti. Che sia calcetto, teatro o D&D. Gli impegni ulteriori e gli imprevisti ci stanno sempre ma se avessi gente che viene una volta si e una no non giocherebbe più con me. Se a calcetto ci si trovasse sempre in 9 o 8 gli altri sarebbero legittimati a arrabbiarsi. Idem a teatro o qualsiasi altro evento in cui serve la presenza delle stesse persone. D&D non è diverso.

    Ergo se faccio un gruppo e si gioca il venerdì(ng), quel giorno si gioca e la presenza di tutti è data per scontata al netto di situazioni di problemi o imprevisti accettabili. Ma se uno inizia a non venire spesso non preparo “panchinari”, gli dico che non è accettabile la situazione e poi sarà lui a scegliere le sue priorità.

    E badate che sono consapevole che crescere fa schifo e io stesso non ho il tempo che vorrei da dedicare a molte cose. Ma proprio per questo per rispetto di chi il tempo lo trova e di chi si fa il culo a ideare trame storie e avventure non è per me accettabile che alcuni non siano rispettosi. 

    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites
    1 minuto fa, Lord Danarc ha scritto:

    Sono curioso di capire il significato e la Portata di questa affermazione. Cosa significa “rimpiazzi” e come li gestisci?

    alcuni mi danno disponibilità quasi continua , altri molto discontinua .

    attualmente ho 2 gruppi oltre me DM , uno da 5 ed uno da 6 PG .

    ogni sessione richiedo da 2 a 5 PG (raramente 1 o 6) .

    giochiamo settimanalmente , con conferme smentite via mail o FB (quest 'ultimo solo di recente) .

    prima c ' erano molti più PG ,

    ma col tempo li ho sfoltiti : non tanto in base alle presenze , ma al rispetto di comunicare la disponibilità .

    se il giocatore non si fà vivo , il suo PG non muore (salvo situazioni mortali lasciate in sospeso) ,

    semplicemente esce dalla storia del gruppo .

     se volete specifiche , chiedete pure .

    Cita

    secondariamente mi permetto di fare una valutazione generale (che non è un giudizio sul tuo gruppo ovviamente). Se una persona si prende un impegno dovrebbe portarlo avanti. Che sia calcetto, teatro o D&D. Gli impegni ulteriori e gli imprevisti ci stanno sempre ma se avessi gente che viene una volta si e una no non giocherebbe più con me. Se a calcetto ci si trovasse sempre in 9 o 8 gli altri sarebbero legittimati a arrabbiarsi. Idem a teatro o qualsiasi altro evento in cui serve la presenza delle stesse persone. D&D non è diverso.

    Ergo se faccio un gruppo e si gioca il venerdì(ng), quel giorno si gioca e la presenza di tutti è data per scontata al netto di situazioni di problemi o imprevisti accettabili. Ma se uno inizia a non venire spesso non preparo “panchinari”, gli dico che non è accettabile la situazione e poi sarà lui a scegliere le sue priorità.

    E badate che sono consapevole che crescere fa schifo e io stesso non ho il tempo che vorrei da dedicare a molte cose. Ma proprio per questo per rispetto di chi il tempo lo trova e di chi si fa il culo a ideare trame storie e avventure non è per me accettabile che alcuni non siano rispettosi. 

    sarebbe bello , ma i problemi più grossi li danno 2 tipologie di persone :

    gli "incomunicativi" ; ovvero quello che non si fanno sentire , salvo saltuariamente quando gli tira .

    inutile cercarli , dopo tot vanno rimossi .

    gli "pseudo volenterosi" ; quelli che ci provano ma non riescono molto .

    se almeno sono corretti , ti avvisano della poca disponibilità , questi sono buoni panchinari  .

    cita ad esempio un PG che gioca con me da 20 anni buoni ,

    prima 3 volte su 4 , adesso 1 su 4 , se và bene .

    essendo padre ha altre priorità , e quando ad esempio i bimbi non stan bene , ha la decenza di avvisare .

     

     

    Link to comment
    Share on other sites


    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.