Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Theros è diventato legale per il DMs Guild

A partire dal 2 Giugno la WotC ha reso disponibile la versione digitale del nuovo supplemento per D&D 5e Mythic Odysseys of Theros - di cui vi abbiamo parlato più approfonditamente qui, qui e qui - sui servizi online quali D&D Beyond, Roll20 e Fantasy Grounds (vi ricordiamo, però, che la versione cartacea del manuale uscirà il 21 Luglio 2020 a causa del coronavirus). In occasione dell'uscita digitale, dunque, la WotC ha deciso di aggiungere Theros alle ambientazioni considerate legali sul Dms Guild: questo significa che, da ora in poi, potrete acquistare o pubblicare materiale collegato a Theros sullo store ufficiale della Wizards.
Sul DMs Guild sono già presenti diversi materiali collegati a questa nuova ambientazione basata sul tema dell'Antica Grecia, come Mask of Theros (un'avventura per PG di livello 1-11) e The Gray Merchant of Asphodel (supplemento che raccoglie più di 100 oggetti magici legati a Theros e numerosi spunti d'avventura), oppure materiali che riutilizzano alcune nuove meccaniche introdotte per la prima volta in Mythic Odysseys of Theros, come Mythic Encounters (supplemento che riutilizza la regola degli Incontri Mitici di Theros per rendere Mitici numerosi mostri tipici dei Forgotten Realms, oltre a fornire alcune nuove opzioni per i PG).
Qui di seguito potete trovare tutto il materiale su Theros pubblicato fin ora (tenete presente che nuovo materiale verrà ovviamente aggiunto nel tempo):
https://www.dmsguild.com/browse.php?filters=45469_0_0_0_45937_0_0_0
Se, invece, siete voi stessi appassionati di game design, vi dilettate nella creazione di regole, avventure o altro materiale di supporto al gioco e avete il desiderio di pubblicare materiale basato su Theros per D&D 5e in modo da poterlo vendere ad altri, ora potrete farlo sul DMs Guild (ma solo sul DMs Guild, l'unico Store dove è possibile vendere materiale basato sulle proprietà intellettuali della WotC).
Prima di pubblicare materiale sul DMs Guild, comunque, è importante leggere tutte le informazioni ufficiali sul DMs Guild e sulle regole per il suo utilizzo, in modo da non rischiare d'incorrere in problemi di tipo legale.
Read more...

Le uscite per PF2 del resto dell'anno

Articolo di Morrus del 02 Giugno
Alla loro annuale convention (tenutasi quest'anno in versione online) dello scorso weekend, la Paizo ha rivelato alcune informazioni sulle prossime uscite di Pathfinder 2E!
Tra le altre cose, hanno annunciato The Abomination Vaults, la prima parte di una campagna in tre atti, seguita da Fists of the Ruby Phoenix (che tratta di un torneo di arti marziali e magia tenuto ogni 10 anni), anch'essa in tre parti.
Dopo il rilascio del Bestiary 2 ecco il Bestiary 3, annunciato per Marzo 2021! E la Lost Omens Ancestry Guide ha un sacco di nuove opzioni per i personaggi, sia per le ascendenze già esistenti sia per quelle nuove che troverete all'interno del supplemento.

L'illustrazione di Wayne Reynolds per la copertina della Advanced Player's Guide:

Il contenuto del Beginner Box in uscita a Novembre:

Link all'articolo Originale: https://www.enworld.org/threads/heres-whats-coming-for-pathfinder-over-the-coming-year.672478/
Read more...

Un nuovo trailer per Baldur's Gate III

Articolo di J.R. Zambrano del 30 Maggio
I Larian Studios, sviluppatori del franchise di Divinity Sin, ma soprattutto per quello che riguarda le novità di oggi, gli sviluppatori dell'imminente Baldur’s Gate III, hanno rilasciato un nuovo "video promozionale" per il loro prossimo gioco. Il nuovo trailer ci mostra molti contenuti nonostante duri solo per un breve lasso di tempo. Potete guardarlo qui sotto e poi unirvi a noi per dare uno sguardo più attento.
 
Nel trailer potete vedere alcuni esempi del mondo interattivo che i creatori della Larian hanno imbastito. Vediamo un arciere che prende la mira con attenzione e spara verso una folla di nemici, solo per poi rovesciare una statua dal suo piedistallo e farla cadere sopra i nemici in modo da infiggere un danno enorme.

E i fan degli elfi alati hanno sicuramente qualcosa per cui guardare al futuro con ottimismo ed interesse. C'è un'anteprima di uno di essi verso la fine del video promozionale.

Questo è solo un breve assaggio del tutto, anche se dovrete aspettare il 06 giugno per la prossima grande rivelazione... ma arriverà presto, quindi ritornate a controllare le novità.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-check-out-baldurs-gate-iiis-new-trailer.html
Read more...

Cosa possiamo imparare da Aang e She-Ra

Articolo di Maeghan Colleran del 21 Maggio
E' stata una settima fantastica per gli appassionati di animazione: Netflix ha fatto uscire in prima visione la stagione finale di She-Ra e le Principesse Guerriere e ha reso disponibili tutti e tre i libri (ovvero stagioni) di Avatar: La Leggenda di Aang. Entrambi questi show sono stati molto popolari e acclamati dal pubblico, generando moltissime discussioni nei social media che hanno riempito le mie pagine per giorni, ma non posso biasimarli per il loro entusiasmo. Ho aspettato con il fiato sospeso che un mio amico finisse She-Ra per discuterne assieme e Avatar è stato considerato un capolavoro in fatto di storytelling sin dall'uscita del suo finale nel 2008.
Ma che cosa ci possono offrire queste serie oltre a ore di ottimo intrattenimento? Sia She-Ra che Avatar: La Leggenda di Aang sono per molti versi delle perfette guide per capire come raccontare delle storie pregnanti e significative con un gruppo... oppure per viverne voi stessi una. Diamo un'occhiata a quelle lezioni che reputo più importanti tra le numerose presentate e che provo a porvi come obiettivo nelle mie giocate.

Lezione 1: Integrate il Background dei Personaggi con la Trama di Fondo
In questo caso consideriamo i tre/quattro personaggi principali di queste serie come PG e il resto del cast come PNG.
I personaggi principali sono stati creati e portati in vita da persone che hanno inventato dei background sfaccettati, delle storie, degli obiettivi e dei difetti. Una delle cose più soddisfacenti che può succedere da giocatore, dopo aver speso tempo su un personaggio e aver dato al vostro DM qualche paragrafo di storia e descrizione, è vedere il passato del proprio PG integrato nella campagna, portato ad una risoluzione o in qualche modo collegato con la trama. Non è necessario, ovviamente. Un DM potrebbe semplicemente raccontare la sua storia e lasciare che i personaggi trovino il loro posto al suo interno: è un metodo altrettanto valido.
Ma se volete che i vostri giocatori amino la vostra avventura trovate dei modi per mettere al centro della vostra storia la loro identità e ciò che sapete sui loro personaggi. Mano a mano che si sviluppa la trama di Avatar, Katara si deve confrontare con la sua discendenza e con la sua storia nella Tribù dell'Acqua del Nord, sia quando ha difficoltà ad addestrarsi come dominatrice dell'acqua, sia quando affronta i traumi legati alla morte dei suoi genitori. Queste parti della sua personalità, il passato tragico e la sua ambizione, diventano una parte fondamentale dello sviluppo del personaggio e giocano un ruolo importante all'interno della trama principale. Nello schema di un'intera campagna, questi brevi momenti di introspezione e crescita richiederanno qualche sessione dedicata e inserita tramite agganci di trama gestiti dal DM, ma il risultato verrà certamente gradito dai giocatori.

Lezione 2: Inserire la Diversità Nelle Vostre Partire Non Deve Essere Sbandierato
Avatar e She-Ra hanno un cast incredibilmente vario, che incorpora una moltitudine di razze e culture, così come personaggi LGBT. Tutti questi personaggi sono inseriti nella serie in modo che la loro identità non sia mai un peso per gli altri personaggi o che non sembri una forzatura di trama. Esistono in questi mondi fantastici semplicemente perché esistono nel mondo reale e, di conseguenza, possono esistere anche nelle vostre campagne.
Il trucco, in questo caso, è che non c'è un trucco. Se un personaggio ha una caratteristica che lo definisce descrivetela, se ne ha un'altra significativa nominatela. Teo in Avatar è affetto da una disabilità fisica e, sebbene ci venga descritta la sua storia e questa sia riconosciuta da tutti, viene considerato dagli altri personaggi e dagli spettatori soprattutto per le invenzioni di famiglia e per la sua abilità nel pilotare il suo deltaplano. In She-Ra, Double Trouble usa esclusivamente dei pronomi neutri per riferirsi a sé stesso e non solo questo fatto non viene mai menzionato, ma gli altri personaggi si adattano di conseguenza senza battere ciglio. La parte più complessa per farlo nella maniera corretta è capire che non deve essere qualcosa di "pesante".

Lezione 3: E' Divertente?
Siamo onesti: è impossibile che Sokka riesca a viaggiare con tre dominatori armato solo di un boomerang e un buon senso dell'umorismo. Fortunatamente il mondo dell'animazione, così come i GdR, non deve avere i piedi ben saldi nella realtà. La cosa più importante da chiedersi prima di mettere in campo delle dinamiche di gruppo particolari o delle classi poco efficienti è "Sarà divertente?" La dominazione del sangue e del metallo sembrano delle strane abilità fuori dai canoni che i giocatori hanno ottenuto combinando le capacità principali dei propri personaggi con una spiegazione convincente, mentre She-Ra ci presenta una combinazione a dir poco non ortodossa: Warlock/Paladini/Alieni. Eppure queste cose funzionano e, soprattutto, sono divertenti.
Ho incontrato pochi DM che non fossero disposti ad accettare le varie proposte dei giocatori (almeno fino a che non rompevano il gioco), ma penso che ognuno di noi possa nominarne almeno uno. Il dire di sì ai propri giocatori e lavorare con loro per sviluppare le loro decisioni al posto di metterle da parte è ciò che differenzia un DM discreto e una giocata divertente dai DM e dalle giocate migliori.

Lezione 4: Mettete Della Comicità Nelle Scene Serie e Viceversa
Mentre sto scrivendo questo pezzo sto guardando la scena di Avatar dove Aang vede, per la prima volta dall'inizio del suo sonno criogenico, il tempio dell'aria, trovandolo completamente vuoto. E' una parte indubbiamente pesante per la storia, che lascia i personaggi con delle cicatrici nell'animo, ma l'episodio era divertente fino a cinque minuti prima e sono sicura che sentiremo una nuova battuta nel giro di qualche minuto. Molte scene di She-Ra vengono spese con L'Orda e, sebbene siano gli antagonisti della storia, molti di loro sono anche delle persone gentili e gradevoli, che amano farsi degli amici e divertirsi spensieratamente. Il DM potrebbe spendere un paio di minuti per descrivere una scena dedicata ad un PNG e il suo rapporto con i nemici e comunque regalare un momento di divertimento al gruppo.
Le scene serie nei giochi di ruolo da tavolo sono impagabili, sono spesso quelle centrali per la trama e tutti sanno che una storia senza conseguenze, situazioni pressanti o senza pericoli per i giocatori è noiosa. Ma poche persone sono in grado di giocare rimanendo seri tutto il tempo senza che per loro il gioco finisca col diventare una sorta di triste lavoro. Capire quando scherzare, quando essere seri e quando inserire del divertimento nella serietà è una abilità degna di essere affinata e perfezionata.
Avete finito She-Ra? State riguardando Avatar su Netflix? Quali aspetti delle loro storie pensate che siano migliori per aiutare i DM e le storie cooperative, come i GdR? Fatecelo sapere nei commenti!
Buone avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/what-avatar-the-last-airbender-and-she-ra-can-teach-you-about-gming-rpgs-and-cooperative-storytelling.html
Read more...

Una breve guida per gli avventurieri a Dragonlance

Articolo di J.R. Zambrano del 23 maggio 2020 
Continuiamo a dare uno sguardo alle ambientazioni che vorremmo vedere aggiornate a D&D 5E. La scorsa settimana abbiamo viaggiato nelle lande di Dark Sun. Oggi ci dirigiamo a Krynn, la patria di Dragonlance!
Già. È tempo di parlare dell'altro grande, iconico mondo ed ambientazione: Krynn. Dimora degli Eroi delle Lance, delle Torri dell'Alta Stregoneria (insieme alle loro vesti divise per colore e regole magiche abbastanza arbitrarie, al punto tale che Harry Potter sembra quasi ragionevole. Quasi...), divinità che hanno voltato le spalle al mondo, un mago errante di nome Gandal-uh ... Elmin ... no-Fizban che è segretamente l'avatar di un dio e aiuta tutti, e svariati draghi contro cui brandire delle lance. Krynn è un mondo pieno di avventure; Krynn è il mondo di Dragonlance. E ci sono buone probabilità che, anche se non avete mai letto nessuno dei romanzi o giocato nell'ambientazione, il vostro gioco ne sia stato influenzato. Quindi diamo un'occhiata a cosa è Krynn.

Direi forse… un drago, una specie di lancia, sguardi ardenti e nessuna traccia di pantaloni. Nessuno li indossa in questa immagine. Nessuno.
Penso che sia sicuro affermare che Krynn sia in debito per la forma del mondo, e in effetti per la sua intera esistenza, a Le Cronache di Dragonlance, una serie di romanzi scritti da Margaret Weis e Tracy Hickman per volere della TSR. Questa è stata da parte della ditta la prima grande spinta affinché ci fosse una storia di fondo per Dungeons and Dragons - e se leggete i romanzi, troverete in agguato tra le pagine molti concetti da D&D. Ognuno dei personaggi principali ha una classe distinta, appaiono svariati oggetti magici, tra cui uno degli artefatti più iconici di D&D, i Globi del Drago. In effetti, per un certo periodo essi costituiscono un punto chiave della trama principale.
Le Cronache di Dragonlance sono incentrate su un gruppo di avventurieri che viaggiano e prendono parte al grande evento di turno che sconvolgerà il loro mondo, la Guerra della Lance. Come retroscena, scopriamo che gli dei hanno voltato le spalle al mondo a causa della superbia di un uomo, arrivando persino a scagliare una montagna di fuoco sulla città che li aveva maggiormente adirati. Un cambiamento che permane parte canonica dell’ambientazione, giungendo fino ai giorni nostri.

Da sinistra a destra: Raistlin "introverso" Majere, Caramon "bella frate" Majere, Tanis "no davvero sono un" Mezzelfo, Tasslehoff "manileste" Burrfoot, Flint "brontolo" Fireforge, "bellachioma" Goldmoon, "mascellone" Riverwind,  Sturm "destinato a morire male" Brightblade, Tika "la simpatica" Waylan e "perchè io valgo" Laurana
Un cast di coraggiosi eroi viene trascinato, dopo un semplice incontro in una locanda, a prendere parte a una serie di avventure che culminano in una titanica guerra tra bene e male. E se vi sta iniziando a sembrare una tipica campagna di D&D è perché gli spunti per questi i romanzi sono parte di una vera e propria campagna di D&D. Esatto, Weis e Hickman hanno radunato alcuni dei loro amici e hanno giocato una campagna con tali giocatori nei panni degli Eroi delle Lance. Quindi questo serve a dimostrare che dovreste prendere appunti minuziosi attorno al vostro tavolo da gioco, perché non sai mai quando il vostro gruppo si imbatterà in un'avventura da bestseller*.
Funzionò anche bene. Queste avventure hanno generato moduli, altri romanzi, una campagna di ambientazione, tutti i tipi di prodotti concessi in licenza, tra cui un gioco da tavolo e una serie di miniature. Oltre a tutte le fantastiche illustrazioni di Larry Elmore che troverete disseminate in questo articolo. I romanzi hanno arricchito il mondo, al punto che la gente incuriosita chiedeva gran voce di più. Volevano esplorare Krynn per conto proprio. Quindi è quello che faremo.
Geograficamente parlando, Krynn è piuttosto interessante. C'è un forte sostegno alla regola del tre. Ci sono tre continenti, tre divinità (con i loro compagni, ecc.) e tre lune, che rappresentano uno dei tre allineamenti: Solitari, Lunitari e Nuitari (o Sole Luna, Luna Luna e Nessuna Luna). Una è malvagia, una è neutrale, una è buona.

QUALCUNO HA DETTO LUNA LUNA, SONO QUI RAGAZZI!
Ognuna delle lune ha il suo Ordine di Magia e la propria Torre dell'Alta Stregoneria e i libri spiegano a fondo tutto questo. Basti dire che sono aspetti importanti. Sono quasi certo che c'è un'avventura di Spelljammer che prevede un viaggio su una delle lune, ed è eccezionale, ma la maggior parte delle vicende (e i dettagli sull'ambientazione) avvengono nel continente di Ansalon.

Nell'estremo nord troverete steppe, nomadi e cavalieri. Ci sono due grandi clan, quelli che vagano per le Lande del Nord e i nomadi di Nordmaar, che rendono omaggio solo al re del Nord che governa dalla Fortezza del Nord (dove presumibilmente sono conservate tutti i libri dell'Editrice Nord). A loro piace il Nord, ecco cosa sto cercando di dire.
A nord troverete anche Solamnia, terra di cavalieri e tradizioni. Dimora di qualsiasi tipo di caratteristica geografica voi desideriate, con non meno di tre catene montuose, il fiume più lungo, il tutto mentre è vicina alla costa. Solamnia fu lasciata più o meno incontaminata dalla Guerra della Lance e dal precedente Cataclisma. Kitiara Uth Matar, uno dei principali antagonisti della serie (spoiler, ops, ma parliamo di un libro uscito nel 1984, quindi cavoli vostri), guida un esercito all'interno del paese, accompagnata da nientemeno che Lord Soth, che potreste riconoscere come IL Cavaliere della Morte.

Non stavo scherzando quando ho detto che questo mondo ha influenzato le vostre campagne. L'aspetto di Lord Soth ha definito quelli che sono i cavalieri della morte in D&D. Ecco perché c'è la sua faccia nel Manuale dei Mostri di D&D 5E. Era così popolare che ha fatto un salto a Ravenloft, dove potreste averlo incontrato. O essere stati uccisi da lui. Non fa differenza, davvero.
Andiamo avanti.
Il Centro è un'accozzaglia di caratteristiche geografiche e tristezza. Ci sono montagne invalicabili, una palude gigante, mari insidiosi. Fondamentalmente, se volete rendere le cose difficili per i vostri giocatori, fate attraversare loro la parte centrale di Ansalon e non mancheranno tipologie di incontri casuali dalle quali attingere. Che si tratti di orribili mostri paludosi, mostri marini o Monte Nevermind, casa degli gnomi (nella parte Ovest del Centro, forse...presumibilmente....).

La parte inferiore di Ansalon è molto meglio. Ci sono due enormi foreste elfiche, Qualinesti e Silvanesti, entrambe stupende...finché non confondete l'una per l'altra. Qui si trova anche una delle torri di stregoneria più famose, situata nella foresta di Wayreth. Potete praticamente sentire l'avventura pronta ad iniziare.
All'estremo sud troverete l'imponente Ghiacciaio Muraglia di Ghiaccio, che confina con Icereach, l'equivalente di Dragonlance dell'Antartide.
Aspettate un minuto ... gigantesca parete di ghiaccio, morti di personaggi amati (di nuovo spoiler, scusate), draghi ... dove lo abbiamo già sentito?

Anche se suppongo che le similitudini finiscano qui. Il resto di Westeros si colloca in netto contrasto con l’high fantasy di Krynn.
Inoltre Westeros non ha mai avuto un impero di minotauri. O un'era di dominazione degli ogre. Penso che tecnicamente Krynn abbia attraversato cinque Ere con la E maiuscuola: l'Era del Crepuscolo, L'Era dei Sogni, l'Era dei Forti, l'Era del Declino e l'Era dei Mortali, che corrisponde a quello che è il presente dell'ambientazione - qualche tempo dopo che la Guerra delle Lance è avvenuta nel passato.
L'Era del Crepuscolo è l'era mitica di Krynn. Il periodo in cui gli dei sono stati chiamati ad esistere, hanno forgiato il mondo e creato la vita. C'è un sacco di generosità qui, in altre parole. Di particolare interesse è che Paladine, sostanzialmente Bahamaut, ha collaborato con Takhisis, che è fondamentalmente Tiamat, per creare i primi cinque draghi. Durante questo periodo nebuloso della leggenda, Takhisis corrompe i draghi, creando i draghi cromatici e inizia la sua conquista del mondo.

L'Era dei Sogni è la successiva. Questo eone di 8.000 anni vede l'ascesa degli Ogre (in versione più bella e intelligente dei soliti bruti di D&D) come specie dominante su Krynn. Asserviscono gli umani e costruiscono una grande civiltà. Certo, ci sono alcuni intoppi qua e là: ad esempio una Ogre, Igraine, commette l'eresia di liberare degli schiavi e predicare i benefici della libertà per tutti ed ecco che l'intera civiltà degli Ogre collassa quando gli umani rovesciano il loro signori; gli Ogre vengono maledetti e le loro forme si corrompono per assomigliare al male che alberga in loro, ma tutto sommato, non è un brutto periodo come primo grande impero di Krynn.
Non molto tempo dopo, un manufatto magico noto come Gemma Grigia viene rilasciato nel mondo. È ricercato dagli stessi dei, trovato dagli gnomi (che hanno costruito una scala per la luna**), e mentre viaggia in lungo e in largo, crea del caos magico ovunque vada. Gli Ogre vengono contorti in Minotauri, i Pegasi nascono come trasmutazione di altre creature. In sostanza la Gemma è una fonte di radiazioni magiche che deforma ancor di più il mondo e che spiega molte delle strane creature che si trovano in quei primi manuali dei mostri.
Sempre in questo periodo abbiamo la Guerra dei Draghi: la Guerra e un generico non andare d'accordo tra le persone.
L'Era dei Sogni cessa in modo brusco con la conclusione della Terza Guerra dei Draghi (le prime due sono abbastanza dimenticabili), quando un gruppo di eroi viene condotto da Paladine alle iconiche Lance dei Draghi che danno il nome all'ambientazione, e che usano in una battaglia degna della copertina di un album power metal.

Raistlin non dovrebbe essere l'unico a ottenere delle canzoni fantastiche
L’era dei Forti, ecco questa è importante. Molti dei fatti rilevanti per l’ambientazione accadono qui. Se questa fosse la storia reale, questo sarebbe il periodo preferito dagli studiosi che possono dire: "vabbè a giudicare dal contesto era ovvio che la Prima Guerra Mondiale sarebbe avvenuta, era davvero inevitabile". C'è davvero molto di cui parlare, ma, in breve, le parti più importanti in questo periodo sono l'ascesa di Istar e l'emergere dei Re Preti, che dovevano governare con forte autorità morale.
Dunque, come accade di solito, quando si giunge al secondo Re Prete, egli risulta ovviamente corrotto come lo sono i suoi seguaci. C'è un sentore di destino imminente, scongiurato da alcuni eroici momenti e viaggi nel tempo, ma tutto viene a collassare ancora più duramente della seconda metà di uno speciale di Behind the Music.
L’Era dei Forti termina con una furia apocalittica, quando l'ultimo Re Prete tenta di ascendere a divinità e ignora 13 diversi presagi "no, seriamente, fermati bello" inviati dagli dei. Questo periodo si conclude quando, come accennato in precedenza, gli dei scagliano una montagna di fuoco su Istar e voltano le spalle al mondo. La prossima Era non viene chiamata a caso Era del Declino.
L’Era dei Declino è molto simile a un goblin, in quanto è cattiva, brutale e (relativamente) piccola. Durando solo 330 anni circa, quest'epoca inizia con la carestia e la malvagità, ed è il periodo in cui gli Eroi degli Lance iniziano il loro viaggio epico. Qui è dove si svolge la maggior parte dei romanzi: gli eroi si uniscono, hanno tragici tradimenti, combattono contro innumerevoli forze del male e, infine, combattono contro Takhisis, che viene sconfitta. La fine dell’era dei Declino non diede però il via ad un piacevole picnic. Raistlin, l'introverso s****o, tenta di ascendere a divinità, avviene la Guerra del Caos e le cose sembrano peggiorare.
Il che ci porta all'Era dei Mortali, dove tutto continua a essere terribile. Takhisis intraprende la Guerra delle Anime per diventare l'unico dio di Krynn. Fallisce, viene spogliata della sua immortalità e uccisa una volta e per tutte. Probabilmente. Ma anche Paladine diventa mortale: questa è la parte che viene raccontata nei romanzi più recenti (2009 circa).

Nell'immagine: va tutto bene!
Questa è praticamente la storia. Sebbene Dragonlance abbia visto diverse uscite e diversi videogiochi nel corso di varie edizioni, la storia di Dragonlance, a differenza dei Forgotten Realms, è stata principalmente raccontata attraverso i romanzi. Stabiliscono il tono per il resto del mondo e sono la fonte dei supplementi di gioco. Il che significa che, se ambientate qualcosa a Krynn, vi imbattete nello stesso problema di Faerun. Forse ancora di più, visto che si tratta di una trama continua che avanza costantemente. La posta in gioco è già diventata abbastanza alta da minacciare il mondo e distruggere gli dei.
Ma, proprio come Faerun, c'è molto materiale con cui giocare. Abbiamo appena sfiorato la superficie di Krynn e abbiamo già attraversato cinque ere e tre continenti.
È un'ambientazione interessante con una visione unica della magia per quanto riguarda D&D. Solo Dark Sun ed Eberron possono competere, ma questo è un altro articolo. Ad ogni modo, sebbene gran parte dell'età attuale sia stata dettagliata, potreste giocare nella versione “Vecchia Repubblica”. O esplorare il mondo durante l'era attuale.
Gli autori hanno fatto davvero un buon lavoro nel preparare lo sfondo per delle nuove avventure dopo i grandi eventi della storia. Se questo genere fa per voi qualunque sia il percorso scelto, Krynn ha molto da offrire a qualsiasi gruppo di gioco che desideri ambientare le proprie avventure nei suoi confini.
Sin dal suo esordio Krynn è stata una parte importante della storia di D&D. Come ne avete sentito parlare? Fatecelo sapere nei commenti!  
*Semplicemente trasformate tutte le litigate al tavolo sulle le regole in litigate tra i personaggi sulle loro questioni interne alla storia.
**D&D iniziò a diventare ... strano ... all'epoca di Spelljammer.
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-an-adventurers-overview-of-dragonlance.html
Read more...
Bomba

Capitolo Uno - Sua munificenza Derbel Von Gebsatell

Recommended Posts

Capitolo Uno - Sua munificenza Derbel Von Gebsatell

Il sole è quasi sullo zenit, mentre le campane risuonano per richiamare gli avventurieri al palazzo reale della famiglia Von Gebsatell, per la tanto attesa udienza. Il cancello del muro di cinta, che divide il resto della città dai quartieri reali, sono stati infine spalancati come ogni giorno, permettendo ad avventurieri e curiosi di sciamare all'interno sotto lo sguardo attento delle guardie reali, splendide e letali nelle loro armature complete tirate a lucido.

Il palazzo reale, visibile in parte anche aldilà delle mura, è un capolavoro di architettura immerso nel verde di un ampio e curato giardino in cui alberi in fiore spargono nell'aria profumi esotici e una sensazione di pace. Le facciate, pur mostrando molte finestre, sono tuttavia dotate di numerose merlature per permettere, in caso di guerra, un rapido posizionamento di arcieri per respingere gli aggressori talmente coraggiosi da assaltare il cuore di Firedrakes. Una porta in legno rinforzato in ferro giganteggia, separando i quartieri interni dall'ampio giardino.

Il palazzo reale

Spoiler
image.jpeg.a3395811bcb51205d9e693452f707b93.jpeg

Per alcuni possono sembrare essere passati mesi, per altri pochi attimi, ma infine il momento della tanto decantata udienza pubblica con il sovrano di quella cosmopolita città è arrivato. Superate le porte, aperte e sorvegliate da due guardie armate di alabarda pronte a valutare la credibilità di ogni visitatore, ogni avventuriero avrebbe trovato al suo ingresso un maggiordomo o un servitore pronto ad accompagnarlo all'ampia sala d'udienza adibita per quella particolare occasione, una sala da festa ampiamente illuminata e corredata da numerose sedie imbottite per la comodità degli ospiti, che avrebbero potuto attendere l'arrivo del regnante e del suo seguito. A controllare l'assenza di risse, all'interno della sala d'udienza, era presente un contubernium formato da otto guardie del palazzo disposte in modo da osservare con attenzione la presenza di rischi.

La sala d'udienza

Spoiler

image.jpeg.4f4bf55c5f1010dd94ee9bb875b72379.jpeg

x tutti

Spoiler

di seguito taggo tutti i giocatori in fase di ingresso o già pronti, vale a dire @Gordan @nanobud @ilmena @Dmitrij @AndreaP @Fezza @Pyros88 @Ghal Maraz @Ian Morgenvelt @TassoGs20 @Lx32 @PietroD @Slamurai2 @Aikor @Organo84

Siamo sotto il magico numero di 20, non tanto imposto per mia scelta, ma per assicurare la vittoria. In 15 ci sarà molta fatica, ma non sia mai che magari mi smentirete. Ad ogni buon conto questo primo post permetterà a chi ha già completato la propria sub-quest del capitolo zero di entrare. Chi non ha partecipato al capitolo zero può entrare comunque da subito e i nuovi arrivati una volta ricevuto il mio beneplacito su schede e bg. Chi non si è ancora avviato al palazzo durante le proprie imprese nel capitolo zero (al momento di questo post Flurio, Bjorn, Tonum, Greygor e Tom Po) non potranno postare qui (in pratica dovranno attendere il mio verde).

Consiglio a tutti l'iscrizione alla discussione, per ricevere costantemente aggiornamenti in merito. E ne approfitto per chiedere a chi entrerà di fornire magari una descrizione preliminare del proprio pg, a beneficio dei futuri compagni di ventura. In questo modo sarà più immediato controllare il primo post, piuttosto che cercare tra i post che metterò io che proporrebbero le stesse, però "a singhiozzo" visto che non tutti arrivano contemporaneamente

Questo capitolo, che sarà molto breve, diciamo che permetterà di allungare un attimino le iscrizioni per vedere di racimolare proprio tutto ciò che è possibile per ingrossare le fila del gruppo. Ma intanto i giocatori già presenti potranno ruolare per divertirsi, e a un certo punto ottenere GRANDI benefici.

Ma intanto cerchiamo di divertirci tutti! 🙂

 

Edited by Bomba
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Geerum (barbaro orco)

Geerum arrivò con fare truce alle porte del castello. Quella reggia sarebbe stata degna di un re degli orchi 'e non è detto che un giorno non lo diventi' pensò.

Superata la porta si rese conto di essere il primo. Sperava che sua fratello Kaahan fosse già arrivato ma non era così.

Guardò le guardie presenti e sorrise. Non era lì per scatenare una rissa, ma per uno scopo ben diverso. Sarebbe stato lui a vincere e la principessa, e non solo la mano di lei, sarebbe stata sua.

@Descrizione

Spoiler

 

Geerum è un grosso orco alto quasi due metri, con la pelle verdastra e gli occhi neri. Indossa una pelle di lupo bianca a coprire una cotta di maglia. Tiene sempre con se una grossa Mazza da Guerra.

Immagine: https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/originals/72/95/3c/72953cc5eff1248c9fb07b295b3c08cb.jpg

 

@all

Spoiler

@Bomba: Grazie di aver deciso di far partire l'avventura.

 

Edited by AndreaP

Share this post


Link to post
Share on other sites

Celeste(umana Elocatrice) 

In lontananza dal castello si vede correre con aria raffazzonata una giovane donna vestita di nero e con un paio di stivali bianchi nuovi di zecca. 

L'arrivo mi lascia senza fiato ed esausta, non che sia una novità vista la mia abitudine a fare con tutto con calma quando rilassata. Una volta davanti alle mura prendo come di consueto il mio orologio bussula alla mano Eff... Eff... Ok... Per i divini, mi manca il fiato... Basta correre per oggi... Sono in orario almeno...  

Una volta qui mi guardo intorno. La presenza delle guardie mi rasserena ed al passaggio gli faccio un cenno di saluto, per poi fermarmi alla presenza dell'orco. Dev'essere un avventuriero anche lui, gli altri arriveranno a momenti. Alché gli porgo un cenno di saluto con la mano e vado per la mia via. 

Spoiler

Capelli bianchi come la neve e occhi di ghiaccio. Celeste a prima vista si direbbe essere un soggetto singolare. Albina per così dire... E soprattutto dotata di singolari poteri. Snella, seppur di corporatura allenata, Celeste viaggia con uno spadone ricurvo che potrebbe sembrare troppo grande per essere maneggiato da una fanciulla, ma che in realtà maneggia come se in mano tenesse una piuma, probabilmente questo a causa della magia che è in lei. Indossa sempre qualcosa che la contraddistingua, braccialetti, abiti neri e borchiati di argento e di una particolare bussola/orologio che porta sempre legata con una catenina alla cinta degli abiti, un regalo dei suoi genitori. 
PS: una volta terminata la visita a Firedrakes Celeste ha aggiunto ai suoi indumenti una collana di perle verfi con un'unghia di drago ed un paio di stivali bianchi o celesti, a seconda delle occasioni. 

Spoiler

02BRB9m.jpg

 

 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull (nano guerriero)

Il nano aveva l'impressione di avere le ali ai piedi. Il piacevole intermezzo della mattinata gli aveva concesso di conoscere un paio di contendenti alla mano della principessa, con uno dei quali si accompagnava ancora, mentre dell'altro aveva perso le tracce. Non sperava di non rivederlo. Nessuno di coloro che erano giunti in citta' per questa adunanza avrebbe perso l'occasione di sedersi ad una di quelle sedie, davanti ai reali affranti, a scoprire quali parole avrebbero usato per offrire un matrimonio regale a chi avesse sconfitto il drago.

Il bello stava proprio la'. L'incarico era gia' definito, la ricompensa pure. Restava da stabilire il vincitore. Chi avrebbe dato il primo calcio al drago? Soprattutto, chi avrebbe dato l'ultimo? Trull avrebbe fatto qualsiasi cosa fosse sufficientemente onorevole per un nano per essere quell'ultimo.

Strinse la mano a Clint sull'uscio della stanza, poi ando' a sedersi sulla prima sedia della fila, per essere il piu' vicino possibile agli scranni dei nobili. Cosi' basso com'era, temeva di non essere notato. In quel modo, invece, persino la prospettiva poteva giocare a suo vantaggio, rendendolo piu' imponente di quelli che si sarebbero trovati in fondo.

Aveva avuto cura di mettersi sul lato opposto rispetto ad un gigantesco orco che era gia' nella stanza. Lo fisso' per studiarne la fisionomia e le apparenti capacita', senza l'intenzione di provocare. Non desiderava essere escluso per una inezia come una rissa dal diventare l'erede di un trono, un marito felice ed il padre di una nidiata di figli. Prese ad accarezzare la propria barbetta bianca ben curata, che aveva avuto modo di mondare dopo gli eventi con cui aveva riempito la mattinata d'attesa. La catena chiodata che portava accuratamente attorcigliata stretta all'avambraccio e in larghi cerchi alla spalla tintinno' sonoramente, provocandogli una scossa, un brivido di euforia battagliera.

Osservo' anche l'avventuriera presente in sala. Aveva indubbiamente delle caratteristiche peculiari che potevano interessare un maschio umano, ma l'osservazione di Trull non era volta a stabilirne l'avvenenza, bensi' la pericolosita' come avversaria. Se era la', doveva perlomeno essere convinta di riuscire ad avvicinarsi ad un drago, il che la rendeva forse un avversario ancora piu' insidioso dell'orco. Di quello, era certo che contasse sulla mazza. Di lei, invece? Era un enigma ancor peggiore di Clint.

Si volto' verso di lui. Sperando che scegliesse il posto al suo fianco. Odiava far nuove conoscenze e cominciare a far chiacchiere di cortesia.

Spoiler

Trull "Testadariete" TannerEsattamente come appare in figura. 🙂

 

Edited by PietroD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hymer Gervinger (Warblade Umano)

Il ragazzo cercò di arrivare il più in fretta possibile nel quartiere del castello e, una volta superati i cancelli, si fermò un attimo inspirando a pieni polmoni e sorridendo poi alla volta del castello. Giunto in prossimità dell'entrata si annunciò alle guardie con un inchino

Salve, il mio nome è Hymer Gervinger e sono qui per l'udienza del Principe

Disse per poi seguire il servitore a lui assegnato che lo portò nella sala dell'udienza. Osservò con cura gli avventurieri già presenti

Un nano... Un orco... Una donna... Nessuno di loro è adatto per regnare...

Pensò squadrando con cura le persone lì sedute. Mancava ancora del tempo prima dell'arrivo del principe quindi avrebbe fatto bene ad accomodarsi anche lui. Sì avvicinò ad una sedia libera, noncurante degli eventuali vicini, e si sedette. L'avventura stava per cominciare.

@Descrizione

Spoiler

Hymer è un ragazzo di 26 anni il cui corpo però racconta tante storie diverse. Il suo volto è caratterizzato da degli occhi verdi smeraldo e dai dei capelli neri corvini ben raccolti in una piccola coda. Sotto l'occhio destro è presente una lunga cicatrice che gli scorre su tutta la guancia.

È vestito con una vecchia divisa della milizia a cui ha pero rimosso ogni stemma e cui buchi e strappi lasciano intravedere una cotta di maglia al di sotto. Sul fianco porta invece una lunga spada di circa 2m estremamente e finemente lavorata con delle incisioni che ricordano una tempesta sopra un campo di grano.

f18dcfa2961a5e58bfb5bce09825c3fd.jpg

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kaahan Torcicollo

Camminò lungo le strade degli umani, ignorando in larga parte gli sguardi attorno a lui. La città era un miscuglio di odori incredibile che lo stordiva, rendendolo nervoso e insofferente: alcuni allettanti, molti disgustosi, nessuno davvero degno di nota. Aveva da tempo abbandonato le tende del suo clan. Gli disturbavano i sensi, gli nascondevano la vista del cielo e delle stelle, lo facevano soffocare. Ancor meno capiva quindi perché gli umani si affannassero tanto a costruire opere di pietra sulle loro teste. Tanto valeva nascondersi sotto terra, come i nani e i sorci.
Quei pensieri lo condussero fino al palazzo e all'imponente ingresso, che esitò a varcare. Prima avrebbe approfittato dei giardini per svuotare la vescica. Dubitava che avrebbe trovato qualche albero o cespuglio adatti allo scopo, là dentro. Quando ebbe finito, lasciò dietro di sé un'ampia pozzanghera odorosa e s'infilò nella tana del re di quella città, che aveva annunciato promesse tanto assurde quanto squisitamente puntuali, dato il sopraggiungere della stagione degli accoppiamenti. I sui lombi si facevano più caldi e irrequieti giorno dopo giorno e aveva così deciso che la prole del regnante sarebbe stata degna di dargli una numerosa e turbolenta cucciolata.
Fu in quel momento che adocchiò suo fratello Geerum, oltre le teste di due umani, maschio e femmina, che evidentemente non sentivano il richiamo della natura come lui. Viceversa non sarebbero stati lì. Ero a pisciare si giustificò col fratello. Soltanto allora si accorse anche del nano, nascosto completamente dietro lo schienale della sedia.
Bel posto disse piatto e si sedette, lasciando scricchiolare la gracile seggiola sotto il suo peso.

Immagine

Spoiler

image.thumb.png.c2a7a3be056b5ded15e3d00a7382aa7e.png

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

Una anziano maggiordomo dalla grigia stempiatura, ma vestito con una signorile livrea, entrò nella sala d'udienza. Si schiarì leggermente la voce, osservando i presenti Il principe vi raggiungerà tra una decina di minuti interloquì con voce calma e misurata In attesa che il resto della servitù porti qui il necessario, per il compito che intende affidarvi, allestiremo a breve un piccolo rinfresco per ingannare l'attesa.

Detto ciò, l'uomo si voltò e uscì dalla stanza. Le guardie non si mossero dalle proprie posizioni. All'interno della sala d'udienza, tra i lussi presenti come tavoli in mogano con centrini merlati su cui erano adagiati candelabri in oro massiccio, due grandi quadri capeggiavano ai due lati della stanza. Essi erano cinti da una cornice di legno lavorato e laccato, su cui erano incisi i nomi delle persone raffigurate. Il principe Derbel e sua sorella Sophia.

Derbel Von Gebsatell

Spoiler
image.thumb.jpeg.8f6847378994fed3b893fdbbc49de83f.jpeg

Sophia Von Gebsatell

Spoiler
image.thumb.jpeg.36cedd52d389b46b99ca63748eea38d7.jpeg

Due maggiordomi in livrea entrarono nella stanza, seguiti da quattro domestiche. I due uomini spostarono, apparentemente senza sforzo, un lungo tavolo portandolo al centro della stanza. Le donne, le braccia cariche di vassoi, tovaglioli, coppe e posate, cominciarono ad allestire la tavolata dove si sarebbe svolto il rinfresco, non prima di aver adagiato sopra il lungo tavolo una principesca tovaglia color porpora.

Edited by Bomba

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor (Umano Adepto dei Draghi)

Clint si era attardato a contemplare la magnificenza del castello ed aveva quindi perso di vista mastro Trull. Era da parecchio tempo che non metteva piede in un palazzo nobiliare e da ancora molto più tempo che non vedeva uno splendore, una ricchezza ed un esibizionismo del genere. 

Clint approvava. Ma poi si rese conto della mancanza del Nano e si affrettò a farsi indicare da un servitore dove potersi accomodare. 

C'era ancora un posto vicino al suo compare di avventure e vi si diresse senza dubbio, stando ben attento a non irritare i due giganteschi mezzorchi e pregustando, al contempo, le promesse di un prelibato banchetto. 

Clint si sentiva quasi in imbarazzo, lì in mezzo. La sua figura impallidiva in mezzo a quei fasci di muscoli e di fronte all'esotico, glaciale mistero della donna dai capelli innaturali. 

Poi l'adepto si bloccò a guardare i dipinti e studiò con attenzione il ritratto della giovane rapita. 

"Chissà...", mormorò. 

Spoiler

Clint è un giovane uomo di media statura e di corporatura non particolarmente significativa, apparentemente sana ma non muscolosa. 

Porta capelli castani abbastanza corti ed il suo viso, gradevole ed amichevole, risalta soprattutto per i profondi occhi blu scuro. 

Indossa abiti semplici, che lasciano intravedere una leggera corazza di pregevole fattura ed un piccolo scudo altrettanto ben fatto. 

La sua unica arma appare essere un guanto rinforzato. 

gaspard_ulliel_by_ngaladel-d8g8e6e.jpg

 

Edited by Ghal Maraz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra Silverhand

Con un sorriso raggiante e passo svelto, seguo il valletto che mi fa strada nel salone delle udienze con lo sguardo perso tra gli altorilievi ed i quadri sui muri ed i candelabri d'oro a 5 braccia sui tavoli d'Ebano.

La convocazione del principe sta formando il più grande raduno di eroi che si sia mai visto nel regno per un'impresa che sarebbe riduttivo definire titanica, quindi il mio sogno di poter raccontare la più grande storia di sempre si fa sempre più vicino.

Certo la mano della principessa ed una montagna di monete d'oro farebbero gola a chiunque, ma l'onore di essere il protagonista del mio racconto dovrebbe onorare chiunque.

 

Stuzzicando qualcosa dal tavolo del buffet mi guardo intorno fantasticando sui presenti provando ad intuire chi sferrerà il colpo di spada che andrà ad infilzare il cuore del drago...o il drago stesso che alla fine riuscirà ad avere la mano della principessa nonostante le differenze che li separano.

 

Così con aria sognante sorseggio un bicchiere di vino sorridendo tra me e me mentre penso a ciò che verrà 

 

Aspetto

latest?cb=20150406233311 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hymer Gervinger (Warblade Umano)

Il ragazzo ascoltò con attenzione le parole del maggiordomo e, appena il banchetto fu pronto, si alzò dalla sua sedia ed iniziò a mangiare un paio di acini d'uva osservando nel mentre osservava i nuovi arrivati

Un altro orco... Un'altra donna... Lui... Lui sì che potrebbe essere interessante

Pensò quando il suo sguardo finì su Clint. Il ragazzo venne studiato a fondo dagli occhi di Hymer che si soffermarono su ogni particolare per poi avvcinarsi

Salve messere, il mio nome è Hymer

Disse facendo un piccolo inchino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor (Umano Adepto dei Draghi)

Lo sguardo di Clint si era inevitabilmente posato sull'ultima arrivata: non solo decisamente bella, non solo chiaramente affascinante, non solo palesemente comunicativa ma, anche, carica di un retaggio che, inevitabilmente, colpiva l'adepto nel profondo. Mentre si stava per muovere per rivolgerle la parola, venne però interrotto da uno degli altri campioni. 

"Ben trovato, signore mio. Lieto di fare la vostra conoscenza. Il mio nome è Clint Connor", disse allora, ricambiando educatamente ľinchino. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hymer Gervinger (Warblade Umano)

Da quanto vedono i miei occhi noi due siamo gli unici che potremmo ricoprire degnamente il ruolo di regnanti

Disse il ragazzo senza timore di essere sentito dagli altri presenti

Ma se il Principe ha aperto a tutti la possibilità di partecipare chi sono io per negarla

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Skaldsson (Kalashtar Ardente)

Descrizione

Spoiler

Bjorn viene dal Nord: è alto e imponente, con una muscolatura capace di mettere in soggezione più di un uomo, e il volto modellato dal vento gelido della tundra è circondato da dei capelli biondi e una corta barba dello stesso colore. Non scambiatelo però per un berseker dei Fiordi: i suoi occhi di ghiaccio, senza alcuna pupilla, non sono l'unica prova della sua natura misteriosa e, per alcuni almeno, inquietante. Il suo corpo, coperto da una armatura ad anelli con delle rune magiche in corrispondenza delle braccia, è coperto da alcuni strani segni, che si intersecano in elaborati motivi geometrici senza alcun senso apparente. Bjorn non li nasconde più da anni: ha ormai fatto l'abitudine alle occhiate sospettose.
Anche l'equipaggiamento di Bjorn non è propriamente comune per un guerriero: porta sul fianco uno spadone dalla lama ricurva, la cui lama sembrerebbe fatta da una sorta di cristallo azzurrino. C'é chi sussurra di aver visto un demone muoversi all'interno dell'arma. Il resto degli oggetti sono anch'essi prove del suo retaggio: medaglioni con rune o disegni di corvi stilizzati, cinture raffiguranti scene di battaglia, mantelli con simboli legati all'onore e al coraggio... Ma quando vengono indossati da Bjorn sembrano dei terribili strumenti di morte e perdizione.

Entro nel palazzo del principe con naturalezza, senza badare al leggero ritardo rispetto al suono delle campane: avevo i miei motivi per non trovarmi in questo posto, il galateo delle corti del Sud è l'ultima delle norme di cui voglio tenere conto.

Osservo incuriosito quell'ambiente a me tanto estraneo, lanciando nel frattempo uno sguardo in cerca del cavaliere conosciuto questo pomeriggio, rimanendo leggermente deluso da quello che vedo attorno a me. Mettono in mostra il loro denaro come se fosse una virtù e non sono riusciti neanche a proteggere una donna della loro famiglia. Beh, meglio per il sottoscritto. Guardo perplesso la guardia mentre sembra studiarmi, chiedendomi cosa debba cercare con tanta attenzione, seguendo l'uomo in divisa verso la sala in cui si terrà l'udienza. Il luogo è già discretamente frequentato da esemplari di ogni razza e classe sociale: ci sono umani eleganti, guerrieri, orchi, un nano... Una collezione di individui di cui posso essere un'ottima aggiunta. Al centro della sala ci sono i ritratti dei due reali: non mi soffermo molto sul principe, che osservo solamente per curiosità, anche perché vengo catturato dalla principessa. Le storie esaltavano la sua bellezza, ma questo ritratto la rende ancora migliore di quanto potessi immaginare. 

Non trovo l'uomo neanche qui, decido quindi di discutere con gli altri avventurieri, per comprendere con chi dovrò competere. La donna è strana: non sembra essere una maga, ma di certo non è una guerriera. Mi avvicino alla figura che ha attirato la mia attenzione, intenta ad assaggiare il vino offerto dal nostro anfitrione, per poter soddisfare la mia curiosità. Salve, signora, mi chiamo Bjorn Skaldsson. Bell'ambiente per un'assemblea, vero? Che interessante spunto di conversazione. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra Silverhand

Vedendo arrivare il possente uomo, Chandra scostò il bicchiere dalla bocca salutando il guerriero con un leggero inchino del capo ed un sorriso: Chandra Silverhand messere, per servirvi. Delizioso palazzo senza dubbio alcuno - aggiunse immediatamente - ma la vera ricchezza non è tanto negli sfarzi o nei diademi, quanto nei cuori di quanti sono accorsi qui oggi per salvare una giovane ragazza. Certo... - continuò dopo una breve pausa che sottolineò la frase - l'oro aiuta sempre a smuovere gli animi più indecisi e timorosi, ma sono altrettanto certa che nel profondo chiunque sogni di compiere gesta da eroe, quindi se il vil danaro è capace di dare il via a qualcosa di più puro, che sia benedetta tre volte la luce riflessa nelle monete.

Magari tra questi giovani e aitanti guerrieri si nasconde il prossimo Thodrik Ossa di Ferro! Conoscete la storia del giovane nano, non è vero? Senza curarsi minimamente di una risposta affermativa o meno, Chandra proseguì spedita nel racconto: Era solo un giovane nano testardo, non il migliore tra i combattenti, non il più coraggioso, tantomeno il più saggio. Non credeva di poter tenere testa da solo a due dozzine di sanguinari orchi che avevano circondato il suo piccolo accampamento, incendiato le loro tende e trucidato i loro cavalli che potevano essere l'unico modo per fuggire. Ma c'era una donna da proteggere che sarebbe stata senz'altro resa schiava, stuprata e uccisa o venduta, ma Thodrik si fece coraggio, impugnò la sua ascia e con un urlo ferino si gettò tra gli orchi falciandoli uno dopo l'altro. In pochi minuti aveva ucciso il loro capo e più della metà di quegli esseri ripugnanti prima che una manciata di superstiti decisero di preferir avere la testa attaccata al collo al contrario del loro leader e fuggirono tra i boschi veloci come lepri.

Con trasporto ed aria sognante, Chandra sfiorò distrattamente un piccolo ciondolo che portava al collo prima di concludere il racconto Questo - disse tenendo tra le dita il piccolo pendente a forma di martello legato alla catenella d'argento - è stato il dono di Thodrik in ricordo di quel giorno, di quando si scoprì valoroso nel momento del bisogno e salvò la mia vita insieme alla sua. Disse che gli avevo dato quella fiducia che mai prima di allora aveva sentito riposta in lui, ma probabilmente sono io a dovere di più a lui per quel gesto eroico insperato...

 

@dm

Direi che una prova di intrattenere con modificatore +15 la faccio per impressionare i presenti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Celeste(umana Elocatrice) 

Che bella questa sala, chissà come sarà il resto del castello. Comunque non mi deve interessare perché... Aspettare qualche minuto? Uffa... Oh va bhe, vedo che stanno arrivando altri avventurieri, che bello! Tutti qui per compiere un gesto eroico e salvare la principessa dal drago maligno! Sembra una delle storie che mi raccontavano i miei genitori.

L'eccitazione di Celeste era tangibile anche ad occhio nudo ed allo stesso modo anche le occhiate fulminanti tra gli altri avventurieri col solo scopo di studiarsi a vicenda. Però, per lei queste situazioni ormai erano normali, così come la presenza di razze di ogni genere... Ed anche dimensioni. Ormai viaggiare è per Celeste adesso la sua casa e quindi scrivere un'altra pagina della sua vita con una nuova avventura di tali dimensioni non può che renderla ancora più impaziente. Senza sedersi, quindi, Celeste cominciò ad osservare meglio i nuovi arrivati ed una volta incrociato lo sguardo truce del nano e dei due umani, non può fare a meno di fare un occhiolino e sorridere come per scherzare ed alleggerire la tensione. 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor (Umano Adepto dei Draghi)

"Ahimè, mio buon messere, voi mi attribuite ben più merito di quel che mi spetta... in mezzo a questa congerie di straordinari individui, la mia presenza sarà ben poco più di una nota a margine nei canti dei Bardi", rispose Clint ad Hymer, prima di essere ammutolito dal monologo, quasi recitato, della narratrice dai bianchi capelli. 

"E, a tal proposito, ecco già che le gesta si fanno leggenda!  Veramente ottimo!", esclamò, a voce ben udibile, sin troppo convinto. "Curioso destino, questo, di un manipolo di sconosciuti che verranno gettati tra le fauci della leggenda e le fiamme dei racconti per riscattare l'onore e la potenza di un regno cui essi, in larga parte, sembrano non appartenere...".

L'adepto ricambiò poi la strizzata d'occhio di Celeste con un sorriso e si scusò con Hymer, invitandolo a seguirlo nel presentarsi alla strana fanciulla: "Ecco un altro dei gradevoli ed imprevisti enigmi della presente impresa... messer Hymer, vogliate venire con me a presentarmi a tale  affascinante creatura. 

E voi...", si interruppe, facendo cenno al Nano, ancora seduto, di accostarsi, "mastro Trull, unitevi a noi! Ché il vostro valore parla più di mille racconti".

Si avvicinò infine a Celeste e si inchinò  quasi troppo teatralmente, prendendole la mano per baciarla: "Clint Connor, al vostro servizio, madamigella!".

Per l'ennesima volta, in quella strana, lunga giornata, i pensieri di Clint erano ben lontani dall'audace impresa e dalla pur splendida principessina Sophia!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites


Geerum (barbaro orco)

Geerum osservò con un sorriso l'umana che, unica della sala lo aveva salutato. Poi i suoi pensieri vennero distratti dall'arrivo del fratello.

"Sì" rispose "Anche la compagnia è interessante: ce ne sono per tutti i gusti." aggiunse osservando le donne e i giovani uomini.
"Beh adesso mangiamoci qualcosa" e detto questo recatosi al grande tavolo prese un vassoio di tartine iniziando a mangiarle.

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

Il termine 'rinfresco' utilizzato dal maggiordomo parve ai più un eufemismo, nel momento in cui maggiordomi e domestiche sciamarono all'interno della sala posando un quantitativo di cibo sufficiente a sfamare un reggimento di soldati, i quali avrebbero poi avuto bisogno di una robusta pennichella per smaltire tutto quel ben di dèi.

Le pietanze sembravano un riassunto della storia culinaria di Arth, passando dal montone arrosto alla gazzella in salmì della Savana, fino a giungere alle esotiche e gustose pietanze elaborate del Katai, basate su pesce crudo o cotto al vapore e combinato in piccoli stuzzichini molto graditi dalle generazioni moderne. Mari e monti si sposavano, dando una tregua alla guerra tra appassionati di carne e pesce, che potevano gioire nel vedere oche arrosto, bue e una coppia di vitelli fare compagnia a pesce spada, salmone reale dei Fiordi, crostacei e molluschi del mare orientale. I palati più cauti avrebbero invece potuto cercare conforto nelle numerose tartine, torte salate, tramezzini e pani farciti prima di approdare ai dolci ai favolosi dolci, orgoglio dei pasticceri impegnati a palazzo che, preferendo la praticità allo sfarzo, avevano allestito numerose torte al cioccolato, vaniglia, lampone e mirtilli a far paio con bignè alla crema, al miele tortini al limone in loco di un unico dolce maestoso. Frutta dai più remoti angoli del regno fornivano non solo un tocco estetico in più alla raffinatezza, ma anche una soluzione di compagnia a chi avesse voluto sbocconcellare qualcosa pur essendo ivi giunto a stomaco pieno.

Uno scorcio del rinfresco reale

Spoiler

image.thumb.jpeg.73e8c85db5cd6ff291ce082c015aad0f.jpeg

Qualora uno dei presenti avesse opposto dubbi sulla possibilità materiale di portare a compimento una simile, titanica impresa alimentare di smaltimento del cibo, una delle anziane domestiche mise in fuga dal principio tale giuste considerazioni Le vossignorie non devono preoccuparsi se avanza qualcosa spiegò Il principe e la contessa sono soliti esagerare, ma come sempre hanno dato disposizioni che ciò che non viene consumato venga portato nelle mense dei quartieri più poveri della città e agli orfanotrofi pubblici. Devo dire che è un sollievo, poichè in ogni caso sappiamo che qualcuno finisce sempre per apprezzare il nostro lavoro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hymer Gervinger (Warblade Umano)

Come sempre il Principe si dimostra essere un'ottima persona

Pensò il ragazzo sentendo le parole della domestica

Quindi se ho capito bene lei è Chandra, giusto? Al suo servizio

Disse il ragazzo dopo aver seguito Clint presentandosi alla strana ragazzo con un inchino meno esagerato rispetto a quello del collega

Cosa porta una giovane donzella a rischiare la vita per una missione così rischiosa? Questo è un lavoro per uomini

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Skaldsson (Kalashtar Ardente)

Bjorn rispose al saluto della donna con un gesto che molti avrebbero ritenuto quasi scortese: il galateo non era mai stata una sua specialità. Si mise ad ascoltare il racconto dell'umana dai capelli bianchi, completamente rapito dai suoi ricordi di notti passate attorno al fuoco ad ascoltare le saghe composte da antichi poeti per onorare gli eroi del suo popolo. Mi ricorda la storia di Ragnar Occhio di Tempesta, capace di abbattere un orso a mani nude per mostrare il suo ardore alla propria donna. Sorrise in risposta all'occhiolino fatto dall'altra umana, anche lei particolare nel suo aspetto, e diede un rapido sguardo all'enorme tavolata, degna della mensa di uno Jarl. Ma allora lei è una Skald, una poetessa! Anche mio padre lo era, ascolto racconti di eroi leggendari da che ero a mala pena capace di camminare. Esclamò il guerriero prima di prendere una delle esotiche specialità del sud, per il solo motivo di abituarsi a quella che avrebbe potuto essere la cucina che avrebbe gustato per il resto della sua vita. Ha detto bene, l'onore e il coraggio valgono ben più di una montagna di monete! Non conoscevo quella storia, Skald Chandra, farò in modo che non venga dimenticata. Son certo che quel nano sarebbe fiero di sapere di essere entrato a pieno titolo nella storia grazie alla donna che ha sottratto ad un terribile fato. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.