Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 13: Strutture Personalizzate

In questa tredicesima parte della nostra rubrica sulle strutture di gioco, risponderemo alla domanda lasciata in sospeso la settimana scorsa: cosa succede se la struttura adatta non esiste?

Read more...

Una prima anticipazione sul GdR di Dune

Dopo l'annuncio iniziale di due anni fa, la Modiphius ha rilasciato delle prime anticipazioni su Dune RPG, il GdR dedicato alla famosa serie letteraria di fantascienza.

Read more...

Jaquayare i dungeon: Parte 2 - Le tecniche della Jaquays

Nella seconda parte di questa rubrica su come rendere i dungeon più eccitanti scopriremo le tecniche usate da Jennel Jaquays per disegnare le sue mappe.

Read more...

Rivers of London GdR: Un'Intervista

Charles Dunwoody ha intervistato Lynne Hardy, una delle designer che si sta occupando del GdR ispirato a I Fiumi di Londra, la serie di romanzi urban fantasy di Ben Aaronovitch.

Read more...

    Fantasy Grounds è in forte crescita per la pandemia

    • Le statistiche rilasciate da Fantasy Grounds sulle partite svolte nei vari sistemi di gioco supportati mostrano chiaramente come l'attuale pandemia stia generando una crescita incredibile

    Articolo di Morrus del 14 Aprile

    Fantasy Grounds ha condiviso le statistiche sugli utilizzatori degli ultimi 12 mesi. A causa delle recente pandemia possiamo notare un massiccio incremento del 150% delle sessioni di gioco da tavolo virtuale!

    large.RulesetUsage2020Q1_25942_image002.png.e93700b41398978ae5e553029a859b2a.png

    Ed ecco invece come sono distribuite le sessioni tra i vari sistemi di gioco. "MoreCore" e "CoreRPG" sono dei set generici di regole che possono essere usati con vari sistemi. D&D 5E guida il gruppo come sempre, con un percentuale del 63%, seguito da Pathfinder che, tra 1E e 2E, registra un 13% complessivo.

    large.RulesetUsage2016Q4_26805_image002.png.3ae3e60b74ede6225084bb0f4e48020b.png

    Qui potete trovare le statistiche dello stesso periodo per l'anno scorso. D&D ha in realtà subito una flessione nelle quote complessive (passando dal 69% al 63%), cosa che rispecchia i dati di Roll20 usciti qualche tempo fa in cui D&D era sceso sul loro sito dal 52% al 48% (questo non implica però che come numeri totali ci siano meno persone che giocano a D&D). Per Pathfinder risulta più difficile fare un confronto visto che PF2 è stato rilasciato all'incirca a metà del periodo considerato, quindi buona parte dei giochi sono ancora legati a PF1. Potremo fare considerazioni più precise verso fine anno, quando saranno passati 12 mesi dall'uscita di PF2.



    News type: Generica


    User Feedback

    Recommended Comments

    Sarà bello quanto volete ma io non pagherò mai per fare qualcosa che posso fare dal vivo gratis, anche in questi tempi orribili dove non si può giocare dal vivo preferisco comunque Roll20 dove l'acquisto di certi prodotti è a discrezione della persona.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    4 ore fa, Grimorio ha scritto:

    Sarà bello quanto volete ma io non pagherò mai per fare qualcosa che posso fare dal vivo gratis, anche in questi tempi orribili dove non si può giocare dal vivo preferisco comunque Roll20 dove l'acquisto di certi prodotti è a discrezione della persona.

    Io invece più passa il tempo più mi sto conformando a questo stile, perché in linea con quello che desidero fare. Sono ovviamente considerazioni da fare con i propri tavoli e sono le somme delle esperienze dei giocatori con cui hai giocato, ovviamente. C'è chi preferisce un sistema e chi un altro, niente vieta ad entrambi di sopravvivere pacificamente. 🙂

    Link to comment
    Share on other sites
    6 ore fa, Grimorio ha scritto:

    Sarà bello quanto volete ma io non pagherò mai per fare qualcosa che posso fare dal vivo gratis, anche in questi tempi orribili dove non si può giocare dal vivo preferisco comunque Roll20 dove l'acquisto di certi prodotti è a discrezione della persona.

    Mi trovo invece dalla parte opposta: a causa della situazione attuale sono finito con il mio gruppo a giocare su roll20 perchè non abbiamo voglia di investire soldi in un supporto digitale, visto che questa dovrebbe essere una situazione temporanea. Però d'altro canto dopo aver fatto 3 settimane su roll20 a smazzarmi a importare mappe, creare schede di mostri e png, ecc, sono arrivato alla conclusione che se dovessi dover utilizzare un supporto digitale per un'intera campagna pagherei senza battere ciglio.

    Perchè avere le mappe e tutte le schede dei mostri/png pronti mi farebbe perdere molto meno tempo (passo più tempo ora a preparare le sessioni su roll20 di quando masteravo in 3.5), inoltre è vero che giocare via pc non è la stessa cosa, ma negli ultimi tempi sto facendo sessione con amici che da anni vivono all'estero, ed è stata un'ottima occasione per ritrovarsi.

    Alla fine se si confronta il costo dell'iscrizione + avventura (che insomma per almeno diversi mesi di occupa il tempo) con quanto ti costa uscire una volta alla settimana per farsi una birra on gli amici, si bilancia in pochissimo tempo la cosa 😂

    Link to comment
    Share on other sites
    11 minuti fa, tamriel ha scritto:

    Mi trovo invece dalla parte opposta: a causa della situazione attuale sono finito con il mio gruppo a giocare su roll20 perchè non abbiamo voglia di investire soldi in un supporto digitale, visto che questa dovrebbe essere una situazione temporanea. Però d'altro canto dopo aver fatto 3 settimane su roll20 a smazzarmi a importare mappe, creare schede di mostri e png, ecc, sono arrivato alla conclusione che se dovessi dover utilizzare un supporto digitale per un'intera campagna pagherei senza battere ciglio.

    Perchè avere le mappe e tutte le schede dei mostri/png pronti mi farebbe perdere molto meno tempo (passo più tempo ora a preparare le sessioni su roll20 di quando masteravo in 3.5), inoltre è vero che giocare via pc non è la stessa cosa, ma negli ultimi tempi sto facendo sessione con amici che da anni vivono all'estero, ed è stata un'ottima occasione per ritrovarsi.

    Alla fine se si confronta il costo dell'iscrizione + avventura (che insomma per almeno diversi mesi di occupa il tempo) con quanto ti costa uscire una volta alla settimana per farsi una birra on gli amici, si bilancia in pochissimo tempo la cosa 😂

    Guarda che puoi acquistare le avventure anche su Roll20, su Fantasy Ground paghi iscrizione E avventura

    Link to comment
    Share on other sites
    13 ore fa, Grimorio ha scritto:

    Guarda che puoi acquistare le avventure anche su Roll20, su Fantasy Ground paghi iscrizione E avventura

    Roll20 o FG poco cambia, se giochi solo un'avventura conviene roll20, ma a questo punto se devo sborsare soldi preferisco farlo per FG, dove le avventure costano meno e (almeno a quanto ho letto negli articoli pubblicati qua) è comunque più completo di roll20.

    Link to comment
    Share on other sites
    Il 17/4/2020 alle 14:18, Grimorio ha scritto:

    Sarà bello quanto volete ma io non pagherò mai per fare qualcosa che posso fare dal vivo gratis, anche in questi tempi orribili dove non si può giocare dal vivo preferisco comunque Roll20 dove l'acquisto di certi prodotti è a discrezione della persona.

    Ho usato Roll20 da quando è uscito sino a due anni e mezzo fa, per poi passare a Fantasy Grounds. 

    Entrambi sono validissimi, ma con delle differenze sostanziali: FG è in locale, se vuoi lo paghi una volta sola e TUTTI gli acquisti sono a discrezione di giocatori/master.

    Quest'ultimo punto è lo stesso per Roll20, quindi la tua obiezione è quanto meno strana, dato che per entrambi i sistemi l'unico acquisto obbligatorio è la licenza (come dicevo prima, per Roll20 è solo un tot mensile, mentre per FG puoi scegliere se pagare una volta e basta oppure su base mensile).

    Il grosso pregio di Roll20 è avere la possibilità di usare suoni e musiche, cosa che FG non può fare. 

    Il vantaggio di FG è di avere tutto in locale, con tempi decisamente ridotti per preparare la tua avventura (perchè non è necessario comprare i moduli già pronti!). Riguardo alle mappe, la nuova versione di FG, chiamata Fantasy Grounds Unity, ha introdotto la lina di visuale e le fonti luminose, cosa che la versione pro di Roll20 ha già da tempo.

    FG gode di una integrazione dei sistemi di gioco nettamente superiore a Roll20, con un'automatizzazione di effetti, attacchi, incantesimi praticamente perfetta, lasciando ai giocatori "solo" l'aspetto ruolistico.

    In definitiva i due sistemi sono equivalenti. Io ho scelto FG perchè, in quanto master, mi facilita moltissimo la creazione di avventure e non devo appoggiarmi su server esterni per giocare. Inoltre ho pagato 149 dollari (all'epoca) per la licenza ultimate e basta, mentre con Roll20 pagavo il canone mensile di 9,9 euro, e l'ho fatto per 6 anni, quindi alla fine fai tu la differenza di costo tra i sistemi (con quello che ho risparmiato sui canoni mensili mi sono preso tutto i moduli per AD&D, e mi sono avanzato ancora qualcosa!).

    Infine segnalo un nuovo e molto promettente tavolo virtuale: FoundryVTT.

    E' in fase beta ma con la possibilità di acquistarlo fin da subito. La versione definitiva è prevista per fine maggio, ma già ora è perfettamente utilizzabile. Costa intorno ai 50 euro, licenza definitiva quindi, ed ha un notevole sistema di macro per crearsi il proprio sistema ad hoc.

    Link to comment
    Share on other sites
    In questo momento, firwood ha scritto:

    Quest'ultimo punto è lo stesso per Roll20, quindi la tua obiezione è quanto meno strana, dato che per entrambi i sistemi l'unico acquisto obbligatorio è la licenza (come dicevo prima, per Roll20 è solo un tot mensile, mentre per FG puoi scegliere se pagare una volta e basta oppure su base mensile).

    Per ROLL20 Non ho bisogno di pagare la licenza per giocare

    Link to comment
    Share on other sites
    6 minuti fa, Grimorio ha scritto:

    Per ROLL20 Non ho bisogno di pagare la licenza per giocare

    Se usi la versione free no, ma non hai praticamente nulla. Non hai le API per crearti le tue macro, non hai le funzioni avanzate della mappa, non hai le schede dei pg con le integrazioni per il sistema...

    Hai solo ed esclusivamente una mappa condivisa e devi crearti tutto da te. Puoi giocare, certo, ma con uno strumento molto limitato.

    In ogni caso, anche se usi Roll20 pro, le avventure, token e altro sono tutte a pagamento, ad eccezione di qualche elemento che viene inserito come bonus nel pacchetto a pagamento. A livello economico, tra FG e Roll20, non ci sono grosse differenze.

    Edited by firwood
    Link to comment
    Share on other sites
    2 minuti fa, firwood ha scritto:

    Se usi la versione free no, ma non hai praticamente nulla. Non hai le API per crearti le tue macro, non hai le funzioni avanzate della mappa, non hai le schede dei pg con le integrazioni per il sistema...

    Hai solo ed esclusivamente una mappa condivisa e devi crearti tutto da te. Puoi giocare, certo, ma con uno strumento molto limitato.

     

    A me non interessa, per me sistemi come roll20 sono solo dei palliativi, per me il gioco di ruolo è dal vivo. A me la mappa serve solamente per la nebbia di guerra e le schede di roll20 fanno schifo, è più comodo avere una scheda in pdf.

    Link to comment
    Share on other sites
    15 minuti fa, Grimorio ha scritto:

    A me non interessa, per me sistemi come roll20 sono solo dei palliativi, per me il gioco di ruolo è dal vivo. A me la mappa serve solamente per la nebbia di guerra e le schede di roll20 fanno schifo, è più comodo avere una scheda in pdf.

    Perfetto per il tuo modo di giocare, per il fatto che è una soluzione temporanea, va benissimo. Però non puoi dire "preferisco comunque Roll20 dove l'acquisto di certi prodotti è a discrezione della persona" perchè si tratta di un'informazione parziale e comunque errata. Il tuo gruppo usa l'1% del tavolo virtuale. Vi interessa solo poter vedere la mappa e nient'altro.

    In pratica tu usi, se non ho capito male, una chat (che può essere skype, hangout o la stessa integrata in Roll20), Roll20 come mappa e poi tutto il resto lo fate voi: tirate fisicamente i dadi, usate schede stampate sulle quali segnate, ecc... Dico bene?

    In questo caso, allora ti do perfettamente ragione. Usa Roll20 nella sua versione free dato che ti serve solo un qualcosa per visualizzare la mappa.

    Io gioco dal 1985, e ancora oggi il gruppo è composto dagli stessi giocatori di allora, solo che ci siamo sparpagliati ai quattro venti causa lavoro, famiglia, ecc. Avere una piattaforma digitale con la quale gestire tutto è una gran comodità. Ci si trova, quattro chiacchiere prima di iniziare e poi ci butta nell'avventura. Il feeling non è lo stesso che al tavolo, anche se ci va dannatamente vicino, ma ormai quel tipo di esperienza, con gli amici di sempre, si verifica al massimo un paio di volte l'anno. Se potessi scegliere tra giocare dal vivo o online, la scelta ricadrebbe sulla prima opzione tutta la vita, ma dato che non è fattibile, ben venga la seconda.

    Inoltre tu dici che giocare live è gratis... mica tanto: i manuali li paghi, altrimenti ciccia. Se vuoi giocarti un'avventura pubblicata, la compri. Alla fine, spendi in ogni caso, solo in modo diverso 🙂

    Se poi sei, come me, un collezionista, prendi comunque i manuali cartacei anche se non ti servono per giocare, ma questo è un altro paio di maniche.

    Poter disporre di strumenti come Roll20 o FG o chi per essi è una manna dal cielo per poter continuare con questo hobby. La comodità, in quanto master, di FG è di avere oggetti magici, incantesimi, creature, tiri, ecc già pronti, per cui scrivere un'avventura o convertirne una da cartaceo a digitale è molto ma molto più veloce che non nel modo tradizionale. E quando di tempo non ne hai moltissimo, tra lavoro e famiglia, non è una cosa da poco.

     

    Edited by firwood
    Link to comment
    Share on other sites
    1 minuto fa, firwood ha scritto:

    In pratica tu usi, se non ho capito male, una chat (che può essere skype, hangout o la stessa integrata in Roll20), Roll20 come mappa e poi tutto il resto lo fate voi: tirate fisicamente i dadi, usate schede stampate sulle quali segnate, ecc... Dico bene?

    Cacchio mi hai hackerato il PC! xD

    Si ci hai preso in pieno

    Link to comment
    Share on other sites
    In questo momento, Grimorio ha scritto:

    Cacchio mi hai hackerato il PC! xD

    Si ci hai preso in pieno

    😄

    Allora fai benissimo a non cacciare manco un centesimo. Quando questo isolamento forzato termina, per voi l'utilità del tavolo virtuale è pari a zero.

    Link to comment
    Share on other sites
    3 minuti fa, firwood ha scritto:

    Io gioco dal 1985, e ancora oggi il gruppo è composto dagli stessi giocatori di allora, solo che ci siamo sparpagliati ai quattro venti causa lavoro, famiglia, ecc. Avere una piattaforma digitale con la quale gestire tutto è una gran comodità. Ci si trova, quattro chiacchiere prima di iniziare e poi ci butta nell'avventura. Il feeling non è lo stesso che al tavolo, anche se ci va dannatamente vicino, ma ormai quel tipo di esperienza, con gli amici di sempre, si verifica al massimo un paio di volte l'anno. Se potessi scegliere tra giocare dal vivo o online, la scelta ricadrebbe sulla prima opzione tutta la vita, ma dato che non è fattibile, ben venga la seconda.

    Poi dipende anche da con chi si gioca, io gioco con persone la cui metà di esse se gli proponi di usare un programma di teleconferenza diverso da Skype vanno nel panico e non sanno un cavolo di inglese e dovresti stare a spiegargli i comandi ogni secondo.

    Link to comment
    Share on other sites
    In questo momento, Grimorio ha scritto:

    Poi dipende anche da con chi si gioca, io gioco con persone la cui metà di esse se gli proponi di usare un programma di teleconferenza diverso da Skype vanno nel panico e non sanno un cavolo di inglese e dovresti stare a spiegargli i comandi ogni secondo.

    Però!

    Noi fortunatamente siamo tutti abbastanza ferrati. Essendo un po'... "datati", no si dice maturi (!), siamo cresciuti nel pieno del boom dei computer, finendo poi per lavorarci, quindi sia l'inglese che l'utilizzo dei mezzi informatici non è mai stato un problema.

    L'esserci allontanati fisicamente non ha fatto altro che spingerci a cercare una soluzione per poter continuare a vedersi e giocare, per cui passare a un tavolo virtuale è stata la conseguenza ovvia del nostro percorso.

    Link to comment
    Share on other sites


    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.