Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa fare quando non si riesce ad aprire una porta

Articolo di J.R. Zambrano del 04 Febbraio
Lo so, ci siamo passati tutti. Tutto sta andando perfettamente, non solo sono venuti tutti quanti a giocare, ma non si stanno neppure facendo distrarre dal video sul cagnolino carino. I telefoni e i laptop sono lontani e, sorpresa delle sorprese, i PG vogliono davvero andare avanti nell'avventura che avete creato per loro invece che spendere metà del tempo facendo spese, mentre l'altra metà sta litigando su quale sia il modo migliore per arrivare al dungeon. Infatti, sono già nel bel mezzo del dungeon quando arrivano di fronte a lei...la temibile porta chiusa a chiave.

E certo, volevate che fosse un po' impegnativa. Perciò la CD per aprirla è un po' più alta, ma dovrebbe essere abbastanza facile per il ladro da apr...ops, come non detto, non riesce a fare un tiro al di sopra del 3. Okay. Bene, adesso la serratura è rotta, ma il resto del dungeon sta chiamando gli avventurieri all'esplorazione. OPPURE, il gruppo potrebbe solamente starsene lì impalato per le successive tre ore cercando di capire come "hackerare la porta" in modo da attraversarla.
Sapete, vero, quale di queste due opzioni sceglierà il gruppo, nove volte su dieci? Ecco perché oggi parleremo di come riprendersi dopo un fallimento, e di cosa fare quanto il gruppo sembra non riuscire ad andare oltre una determinata porta.

Adesso, giusto per intenderci, questa non deve essere necessariamente una porta reale, potrebbe essere una porta metaforica. Per alcuni, la porta che non riescono ad aprire potrebbe essere la timidezza, per altri una mancanza di educazione...ma per noi la porta che non possiamo aprire è una porta reale. E stiamo per parlare di di come riuscire ad attraversarla.
Un fallimento solo da un certo punto di vista

La prima cosa di cui dobbiamo parlare è cosa rappresenti quel tiro abilità. D&D funziona come un sistema binario. Avete due situazioni quando fate un tiro in scassinare per aprire la porta: o ce la fate o fallite. Se ce la fate, la porta si apre. Se fallite, non si apre. Se fallite alla grande non potete più riprovarci, mi dispiace ragazzi, vi hanno bucato il pallone.
Altri giochi di ruolo fantasy non hanno questo problema. Che sia il metodo del D20 System di avere successo ad un costo o l'idea del successo parziale delle regole di Apocalypse World, non c'è un aut aut. Non c'è una gamma che misuri successi o fallimenti. Il che non è necessariamente una brutta cosa, ma pone alcune limitazioni nel vostro modo di pensare. Dopo tutto, se la porta si apre o non si apre, quel tipo di struttura Successo/Fallimento inquadra la situazione in una questione di sì o no.
Ma la questione è che, come DM, voi potreste volere che i giocatori entrino nella stanza. Specialmente se ne hanno bisogno per avanzare nell'avventura. La stessa cosa accade nel caso debbano assolutamente acchiappare un ladro o trovare una certa reliquia. Cosa fare allora? Riformulare l'intero concetto.

Invece di guardare alla porta come un tiro in arnesi da scasso, o come qualcosa che i giocatori devono sfondare, pensate a cosa quel tiro rappresenti. Invece di fallire ad aprire la porta, pensatela come un fallire ad aprire la porta nel modo che sia più conveniente per loro. Ci dovrebbe comunque essere un modo per aprire la porta, ma magari adesso significa trovare la persona o mostro che ne possiede la chiave. O trovare una pergamena di Scassinare in un laboratorio da Mago da qualche parte nel dungeon.
Nessuna conseguenza

Ora che avere riformulato il dilemma, pensate a quali potrebbero essere le conseguenze di un fallimento. Se scassinare la serratura vuol essere un modo facile e silenzioso per entrare, magari adesso quell'approccio non è più disponibile per i personaggi e tutti gli altri modi di entrare dentro la stanza comportano fare rumore o attirare attenzioni indesiderate.
O magari potrebbe costargli qualche risorsa extra. In pratica pensate a quali costi/risorse i giocatori potrebbero avere, in modo da spenderli per aprire la porta. Potrebbero essere oggetti magici, potrebbero essere punti ferita, se stanno combattendo un nemico che custodisce la chiave. Potrebbe persino essere l'elemento sorpresa: adesso che le persone nel dungeon sanno dei PG prenderanno delle precauzioni extra. Potete rendere un tiro fallito portatore di conseguenze indesiderate senza interrompere il flusso di gioco.
Un altro punto di svolta, una biforcazione della strada

Un altro modo di considerare come entrare nella stanza potrebbe essere trovare un'entrata alternativa. C'è una consuetudine che si trova in certi giochi come Skyrim e Fallout quando una porta è bloccata da un lato, di solito c'è un altro modo per entrare. Bisogna solo trovarlo. Se non riescono ad aprire la porta dal lato in cui si trovano, magari buttate lì qualche indizio su un'altra entrata. Magari una porta segreta o, meglio ancora, se riuscite a farli proseguire all'interno del dungeon preparate un percorso che torni indietro fino a un passaggio segreto che porta all'interno della stanza.
Circolare prego

Questo è l'altro grande trucco. Cercate modi per incoraggiare il gruppo a proseguire quando non riescono ad oltrepassare la porta. Potete indicare dettagli come l'ornamentazione della serratura e del buco di quest'ultima, o parlare di come potrebbe esserci un'entrata segreta più avanti nel dungeon. Se questo non funziona, potete sempre fare affidamento sulla vostra fidata tabella degli incontri casuali per avere qualcosa che vagherà proprio dove si trovano i PG. Qualunque cosa serva per evitare che finiscano impantanati su un particolare ostacolo.
Dategli degli amici dall'altro lato

Naturalmente, parlando di conseguenze e mostri erranti, se i giocatori sono veramente bloccati, è probabile che faranno rumore. L'attenzione può sempre arrivare dall'altro lato della porta invece che da un mostro errante. Io userei questo trucco con parsimonia però, o i giocatori si abitueranno al fatto che le cose siano facili e tutto vada liscio, e questa è l'ultima cosa che volete. Idealmente, stanno facendo una partita a un gioco che è organizzato interamente per loro, ma che deve sembrare non lo sia.
Buone Avventure! Cosa fate quando il vostro gruppo è bloccato in un impasse? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-what-to-do-when-you-cant-get-through-that-door.html
Read more...

Old School Essentials sarà pubblicato in Italia da Need Games

Old School Essentials è basato sulla versione B/X (Base/Expert) di Dungeons&Dragons a cura di Tom Moldvay (Base) e David Cook (Expert) rilasciata nel 1981 dalla TSR. Per chi non lo sapesse la B/X è la versione di Basic D&D precedente al BECMI (quella con la famosa Scatola Rossa, anche se sarebbe più corretto parlare di BECM visto che l'Immortal Set non fu mai tradotto in Italia), il quale fu la prima versione ad arrivare in Italia.

Le differenze tra le due versioni sono minime e ciò permette a Old School Essentials di essere compatibile anche col materiale che fu pubblicato in Italia all'epoca dalla Editrice Giochi.

Old School Essentials, nella sua versione originale, è un gioco modulare composto da 7 supplementi:
Core rules: con le regole base del gioco. Genre Rules: dove si trovano le classi giocabili (Guerriero, Mago, Chierico, Ladro) assieme ad Elfo, Nano ed Halfling (che sono classi e non razze in questo regolamento). Treasures: con la descrizione di tesori ed oggetti magici. Monsters: il Manuale dei Mostri. Advanced Fantasy Genre Rules: con le regole per emulare la prima edizione di Advanced Dungeons&Dragons, scindendo le razze dalle classi ed aggiungendo classi come il Paladino, l'Assassino, il Bardo, il Ranger, l'Illusionista e il Barbaro. Cleric and Magic User Spells: il libro degli incantesimi di Maghi e Chierici. Druid and Illusionist Spells: il libro degli incantesimi di Druidi ed Illusionisti. Oltre alla versione in 7 supplementi esiste anche la versione in tomo unico, al momento non si sa quale delle due versioni verrà pubblicata dalla Need Games.

Per celebrare l'evento, Gavin Norman, il creatore di Old School Essentials, sarà presente alla NeedCon (ribattezzata quest'anno NeedPunk) la convention organizzata dalla Need Games per presentare i suoi prodotti e le sue novità. L'evento si terrà il 22 Febbraio 2020 presso la Casa dei Giochi a Milano, in Via Sant’Uguzzone 8 con il seguente programma:
Ore 10:00, apertura porte Ore 15:00, presentazione di Old School Essentials Ore 15:30 -19:00, partita a Old School Essentials con Gavin Norman come DM. Old School Essentials sarà disponibile in Italia a partire da Settembre 2020.

Annuncio ufficiale del NeedPunk sul sito della Need Games: https://www.needgames.it/eventi/needpunk2020/
Read more...

5 Cose che Fortunatamente D&D si è Lasciato alle Spalle

Articolo di J.R. Zambrano del 08 Febbraio
Al giorno d'oggi se entrate in un negozio di giochi potete godervi l'enorme gamma ed evoluzione dei giochi moderni. Volete darvi alle avventure fantasy? Potete scegliere quello che volete, con Pathfinder e D&D presenti praticamente ovunque, ma con svariati altri sistemi disponibili. Non vi ispira il fantasy? Ci sono una gran varietà di giochi sci-fi. Non siete ancora soddisfatti? Perché non provare un gioco dove siete dei punk che distruggono dei centri commerciali? O magari dove interpretate un lavoratore part-time? O ancora potreste esplorare le stranezze degli anni '80 di una linea temporale alternativa.
A qualunque cosa decidiate di giocare, non ci sono dubbi che l'hobby in generale abbia fatto passi da gigante. E perché possiate meglio apprezzare cosa abbiamo a disposizione al giorno d'oggi, diamo uno sguardo alle cose che fortunatamente ci siamo lasciati alle spalle.
Doversi Colorare i Propri Dadi

Questa categoria potrebbe anche chiamarsi set incompleti, alternative cartacee ai dadi o in generale scarsità di prodotti. Nel momento in cui erano arrivati alla quarta ristampa, se volevate comprarvi un set di OD&D era probabile che sareste diventati gli orgogliosi possessori di un sacchetto con sei dadi non colorati e una matita di cera bianca o nera da usare per delineare voi stessi i numeri.
Già questa cosa non era il massimo. Ma man mano che gli anni passarono le cose non migliorarono certamente e, anzi, la cosa divenne ancora più comune. Si poteva praticamente vedere la scorta di dadi della TSR diminuire a vista d'occhio. Nel 1979 le scorte finirono e dovettero includere dei cartoncini con dei "dadi da ritagliare", dei foglietti di cartone con quadratini con sopra vari numeri da ritagliare e pescare casualmente

Al giorno d'oggi o prendete un set completo della Chessex o li ordinate a peso. Si possono comprare dadi di ogni forma e dimensioni, con simboli speciali di ogni genere. Io stesso possiedo un set di dadi con simboli di ossa per quando gioco un necromante o per generiche cose da cattivo. Viviamo davvero in un'epoca di abbondanza.
Requisiti Differenziati per Salire di Livello

Qui sopra ne ho inclusi solo due di esempio, ma 'c'è stato un tempo (AD&D) durante il quale ogni classe cresceva di livello ad un ritmo differente. Quindi anche se riuscivate a fare sì che tutti i giocatori si presentassero ad ogni sessione finivate comunque ad avere delle discrepanze di livello. Perché niente è così divertente come rimanere uno o due livelli indietro rispetto al resto del gruppo e rischiare di morire ancora più facilmente.
Vale lo stesso discorso con i limiti massimi di classe/razza. Certo le prime edizioni del gioco erano volutamente umanocentriche, ma questo limitava anche in parte il divertimento. Al giorno d'oggi si può scegliere una qualsiasi combinazione di razze e classi, e si sale di livello tutti allo stesso ritmo. Il che implica doversi preoccupare solo di assegnare al meglio le caratteristiche.
THAC0

Parlando di matematica prendiamo la cosa "preferita" di tutti riguardo a D&D, ovvero il determinare quali numeri sommare tra di loro. Assicuriamoci, quindi, che i giocatori debbano fare un ulteriore passaggio di calcolo da poi confrontare con un altro valore.
Siamo sinceri, la questione è ancora presente (anche se non così terribile alla fine, solo noiosa). Semplicemente quel passaggio di calcolo ulteriore viene saltato visto che la CA è presentata come numero bersaglio invece che calcolata a livello astratto da uno 0. Questo ha anche il bonus aggiunto di fare sì che tutti i bonus che ottenete salendo di livello siano ad incrementare. E d'altronde ottenere dei numeri sempre più grandi non è forse da sempre alla base del voler salire di livello?
Miniature di Piombo

Le miniature sono molto migliorate con gli anni. Certo c'è comunque un certo fascino nostalgico nelle miniature "vecchia scuola" di piombo. Forse è il peso o il chiedersi se potrebbe essere il caso di farsi un richiamo del tetano se ci si graffia sopra un dito cercando di montare le ali ad un gargoyle.
Per il resto di noi ci sono tantissime miniature di plastica leggere, dettagliate e soprattutto (relativamente) economiche a disposizione sul mercato al giorno d'oggi. Che si tratti di miniature già dipinte (che è sicuramente l'andazzo del futuro) o dei prodotti della Reaper's Bones, le miniature moderne sono molto più variegate e particolari e sono più semplici da gestire.
Satana

Nessuno oggi pensa che il nostro hobby sia satanico, ma c'è stato un periodo in cui c'era chi lo pensava Che si tratti della volta in cui D&D ha traumatizzato Tom Hanks...

O di quella volta che i giornali hanno deciso che D&D era roba da stregoni...

C'è stato un periodo in cui giocare a D&D implicava essere un adoratore del diavolo e un membro degli Illuminati. Come per ogni altro franchise che è stato travolto da un panico moralista, tutto quello che queste notizie fecero fu rendere miserabile la vita di molte persone per un lungo tempo e non aiutarono certo chi pretendevano di voler aiutare.
Ad ogni modo al giorno d'oggi il futuro del nostro hobby appare radioso.
Ci sono altri aspetti del nostro hobby che siete contenti siano caduti in disuso? Pensate che ci siamo sbagliati e che la THAC0 fosse in realtà una gran cosa? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-five-trends-gaming-left-behind-for-good-reason.html
Read more...
By Psyco

Retrospettiva: AD&D 1E Monster Manual

Il Manuale dei Mostri di AD&D è stato il primo manuale a copertina rigida per Dungeons & Dragons ed è stato un enorme passo avanti, sia per il gioco che per la TSR (l’editore originale di D&D – NdR). Nelle sue 112 pagine troviamo stipati oltre 350 mostri per il nuovo gioco “Advanced” Dungeons & Dragons, e la loro presentazione e il loro layout furono rivoluzionari.
La maggior parte dei giocatori oggi non ha idea di come i mostri venivano presentati nei manuali originali di D&D: sotto forma di lunghe tabelle e, nelle pagine seguenti, c’erano dei paragrafi che descrivono e spiegavano le forme speciali di combattimento che sfruttavano. Il Manuale dei Mostri ha cambiato questo approccio: ogni singolo mostro aveva ora le sue statistiche insieme alla sua descrizione e normalmente anche una illustrazione. Avere le immagini della maggior parte dei mostri fu un grande passo avanti rispetto ai manuali originali di D&D e ha aiutato molto sia DM che giocatori.
Questo manuale è stato “il primo” di tante cose che oggi diamo per scontate: il primo manuale a copertina rigida, il primo dedicato interamente ai mostri e il primo manuale di AD&D.
Se Eldritch Wizardry ci ha dato i demoni, il Manuale dei Mostri ci ha dato i diavoli e i Nove Inferi, i draghi metallici, i non morti più potenti e molti altri mostri. Inoltre ha aggiunto molte sottorazze agli elfi, nani ed halfling: Elfi dei Boschi, Acquatici, Mezzelfi e Drow; Nani delle Colline e delle Montagne; Halfling Alti e Tozzi. Quindi non solo più mostri, ma anche più dettagli sui quelli che già conoscevamo.

Copertine rispettivamente del: 1977, 1983, 2012
Le illustrazioni sono state fatte da David C. Sutherland III, David Trampier, Tom Wham e Jean Wells, con la copertina originale di Sutherland. Jeff Easley ha illustrato la copertina rivista alcuni anni dopo. Mentre la copertina originale non vincerà mai alcun premio per l'abilità tecnica, l'idea di mostrare le creature sia sopra il suolo che in un tunnel sotto terra è stata sicuramente un'idea eccellente – anche se ha dato agli addetti al layout della TSR un problema su dove mettere le scritte del prodotto!
Sutherland e Trampier hanno realizzato la maggior parte delle illustrazioni, ma la più memorabile per me è la vignetta di Tom Wham riguardante un gruppo di avventurieri che incontra una lince in un deserto innevato. È abbastanza in contrasto con il modo relativamente serio in cui quasi tutto il resto viene disegnato e descritto.

I mostri sono descritti in base a: N. per incontro (nelle terre selvagge), Frequenza, Classe armatura, Movimento, Dadi vita, % in Tana, Tipo di tesoro, Numero di attacchi, Danno/Attacco, Attacchi speciali, Difesa speciale, Resistenza magica, Intelligenza, Allineamento, Taglia e Capacità psioniche.
In teoria, la frequenza veniva utilizzata per determinare il loro numero sulle tabelle degli incontri casuali e sul terreno, ma non conosco molti che l’abbiano usata in quel modo. N. per incontro era un valore problematico, poiché raramente corrispondeva a qualcosa di utile: quanti se ne potevano incontrare in un dungeon sarebbe stato un valore decisamente più importante, ma quel valore si trovava nella GdDM. Lo scopo di % in Tana era per capire se (a) avevate incontrato il mostro nella sua tana in un incontro casuale nelle terre selvagge, e (b) vedere se aveva qualche tesoro.
C'è una certa propensione delle statistiche verso il rendere i mostri utili per un gioco nelle terre selvagge. È qualcosa che non ha avuto un grande utilizzo nei successivi supplementi di D&D, i quali tendevano ad essere ambientati in sotterranei o in luoghi più controllati, ma almeno l'opzione c’era per quelli che la volevano!
Gary Gygax ha tratto i mostri da Original D&D e dai suoi supplementi, dalle riviste (Dragon e Dungeon) e in parte ne ha creati di nuovi. Nella prefazione per l'ispirazione/creazione di nuovi mostri, infatti, ringrazia Steve Marsh, Erol Otus, Ernie Gygax e Terry Kuntz, anche se è improbabile che siano entrati inalterati nelle pagine del manuale: praticamente ogni mostro è stato cambiato nelle statistiche e nell’aspetto rispetto alla versione originale (se non altro perché il sistema AD&D, pur attingendo da Original D&D, era in realtà un nuovo sistema con parametri diversi).

Il nuovo AD&D, quando uscì il Manuale dei Mostri, non era ancora da considerarsi come “definitivo”. La cosa si evince anche da un fatto curioso: non c'è nessun mostro nel manuale con una CA di 10. In OD&D, una CA di 9 era considerata la peggiore (nessuna armatura). Nel Manuale del Giocatore di AD&D, Gygax ha aumentato questo valore a 10, ma la cosa non si riscontra nel Manuale dei Mostri, che è stato rilasciato, ricordiamolo, un anno prima del Manuale del Giocatore.
La filosofia alla base del design dei primi mostri di AD&D era semplice: mostri stimolanti da sfidare e con caratteristiche derivate dalle leggende. In effetti, la maggior parte dei mostri era semplice e in realtà possedeva solo valori di CA, DV, #AT e danno. Tuttavia, alcuni piccoli cambiamenti hanno avuto un grande impatto: un Gargoyle era una bestia abbastanza standard, ma il fatto che fosse necessaria un'arma +1 o migliore per ferirlo lo trasformò in un temibile nemico per i gruppi impreparati o di basso livello. I ghoul paralizzavano con un colpo le vittime, i wight avevano la spaventosa capacità di risucchiare i livelli. E visto che gli incantesimi per ripristinare quei livelli persi erano di alto livello e difficili da acquisire, questi non morti di basso livello diventarono un incubo per i giocatori.
I mostri che hanno ricevuto maggiore attenzione sono stati gli umanoidi – come orchi, goblin, coboldi – assieme ai pezzi grossi di D&D: demoni, diavoli e draghi. Questi ultimi tre avevano ciascuno una sezione descrittiva generica prima delle voci dei singoli mostri che componevano tale sezione. Ci sono alcune regole interessanti qui che chiariscono cose non descritte altrove. Ad esempio, "Tutti i diavoli possono dirigere i loro attacchi contro due o più avversari se ne hanno modo", un chiaro caso de "l'eccezione che conferma la regola" visto che implica il fatto che normalmente un mostro non possa dividere i propri attacchi contro più avversari. Molti dei demoni e diavoli più potenti avevano la possibilità di lanciare incantesimi, con vari incantesimi di esempio. I draghi avevano una probabilità di poter parlare e lanciare incantesimi – oltre a poter essere scoperti mentre dormivano nelle loro tane e a poter quindi usare attacchi non letali su di loro (il che dava adito alla possibilità di rivenderli in seguito!)

Il Manuale dei Mostri di AD&D presenta un'omissione importante: i PE e il livello dei mostri. Questi valori verranno forniti – talvolta in modo abbastanza impreciso – in una tabella riassuntiva nella GdDM. Soltanto nei successivi manuali dei mostri di AD&D verranno inclusi questi valori. Quindi non c'erano all'epoca regole rigide e veloci per determinare una sfida corretta per un gruppo di avventurieri di un certo livello. La GdDM dava alcune linee guida, che spesso non funzionavano. Il modo migliore per giudicare la difficoltà di un incontro era dato dall'esperienza acquisita durante il gioco. La cosa all’epoca non mi disturbava; ci sarebbero volute le successive edizioni per farmi comprendere l'utilità di un Grado di Sfida – specialmente con molti nuovi mostri mai usati prima.
La resistenza alla magia era uno di quei valori che, per la sua poca chiarezza, causava molte discussioni. La percentuale di base (quella indicata) era riferita ad un utilizzatore di magia di 11° livello; questo valore veniva incrementato o decrementato del 5% per ogni livello di differenza dell’attaccante. È una regola piuttosto goffa che per fortuna AD&D 2E ha reso una percentuale secca.
Nonostante questi difetti, la qualità del manuale non ne risente. I piccoli problemi riscontrati non adombrano le novità che ha introdotto e la natura generalmente poco complessa dei mostri è apprezzabile. Questo non vuol dire che i mostri di D&D non possano diventare complessi, ma gestire un Orco in AD&D è sicuramente una cosa semplice e ha portato a partite emozionanti.
Questo Manuale dei Mostri certamente non vi travolge con i dettagli: il Doppleganger ha solo poche righe di descrizione e non ha nulla sul suo habitat e sulla sua società, ma già solo la sua capacità di mutare forma racchiude in sé i semi per un’avventura. E poiché la maggior parte dei mostri presenti deriva dalla mitologia, i giocatori già si potevano fare un'idea e immaginarsi di cosa si trattava (o potevano in ogni caso scoprire facilmente altri dettagli).

Alla fine, il Manuale dei Mostri è stato un lavoro eccezionale, facendo ciò che era necessario per permettere ai Dungeon Master di gestire al meglio il gioco. Le versioni successive avranno sicuramente fornito diversi livelli di complessità e dettaglio, ma sono ancora colpito da quanto sia eccellente il materiale fornito da questo manuale. È stato sicuramente il punto di partenza di molte avventure memorabili della mia giovinezza. Sfogliando una delle mie copie fisiche o sfogliando il PDF, provo lo stesso senso di meraviglia che ho provato 40 anni fa.
Articolo tratto da:
https://rpggeek.com/thread/711001/talking-lynx
http://theotherside.timsbrannan.com/2019/11/monstrous-monday-review-monster-manual.html

Questo manuale è disponibile in PDF sul sito DMGuild.com
Read more...

Registrato il primo calo di D&D su Roll20

Articolo di Morrus del 05 Febbraio
Le ultime statistiche di Roll20, relative a fine 2019, sono arrivate. In termini di partite giocate D&D ha mostrato la sua prima flessione dal mio ultimo resoconto su Roll20, passando dal 51,87% nel secondo trimestre del 2019 al 47,54% nel quarto trimestre (anche se risulta comunque leggermente più alto del 45% del terzo trimestre, le cui statistiche non avevo riportato!). Call of Cthulhu è passato dal 14,3% del secondo trimestre al 15,3%. Pathfinder è calato dal 6,5& a circa il 5% (ma si è ripreso da un pesante tracollo nel terzo trimestre, che era atteso vista l'uscita della nuova edizione). In termini di numeri totali di giocatori D&D è calato di circa l'1% mentre Pathfinder è aumentato del 2% circa. Call of Cthulhu ha visto un incremento notevole del 7%.
Quello che risulta strano sono i numeri di PF2. Solo poco sopra l'1% nel quarto trimestre del 2019 (che è comunque un incremento del 82% in proporzione). Mi chiedo se alcuni dei dati di PF1 e PF2 stiano venendo mischiati sotto la voce generica "Pathfinder".

Queste sono le statistiche legate al numero di partite giocate su Roll20 con un dato sistema

Queste sono le statistiche legate al numero di account su Roll20 legati ad un dato sistema
Il rapporto pubblicato dall'Orr Group (l'azienda che gestisce Roll20 - NdT) ci mostra anche un nuovo parametro interessante, ovvero i giochi in maggior crescita in questo ultimo trimestre.

Il forte incremento di Ironsworn RPG coincide con l'uscita della campagna in streaming interna di Roll20 che usa questo sistema, quindi non è strano che la cosa si rifletta sulle statistiche.
Eccovi la lista completa:







 
Qui invece abbiamo l'andamento, diviso per trimestri, dei tre principali GdR nel 2019:

Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/roll20-reports-first-drop-for-d-d.670107/
Read more...
Bomba

Capitolo Ventuno - Alla luce di una luna color sangue

Recommended Posts

DM

x Chandra, Clint e Golban

Spoiler

Beauty Caress a Chandra +10

Beauty Caress a Golban +14

Clint Ascoltare +14+12=26

x Zhuge

Spoiler

Conoscenze (geografia) +11+20=31

La collina non era naturale, una conformazione impossibile in natura e frutto di un lavoro intensivo per la creazione di una immensa tana che poteva offrire ombra e refrigerio essendo essa esposta, tramite alla sua entrata, ad ovest. Il punto in cui si prendeva il minimo del caldo e il massimo del fresco.

La situazione pareva strana ad entrambi i gruppi, mentre le prime ipotesi si facevano strada tra i preoccupati viaggiatori, sempre più consci che una delle loro destinazioni si trovasse altrove. Una rimpatriata meno lieta del solito, cui Sharifa cercò di dare un proseguio affacciandosi alla grotta e chiamando coraggiosamente, nella lingua madre dei draghi, il drago d'ottone Unvarkerentilarhys, da tempo al centro dei suoi pensieri. Il russare ritmico dall'interno della caverna sembrò interrompersi per un attimo, prima di proseguire.

x Clint

Spoiler

Clint però sentì che vi era dell'altro. In un roco sottofondo, nella lingua dei draghi, Clint percepì una voce roca e profonda rispondere, affievolita come se l'interlocutore avesse una brutta tosse.

Una voce che parlava in Draconico

Per favore... Qualcuno mi aiuti...

L'ingresso all'interno della caverna che ne seguì portò i quattordici avventurieri a percorrere un declivio all'interno del buio colle, il rumore di russare che si faceva sempre più forte, unito all'olezzo di carne rancida e alla presenza di insetti quali mosche e zanzare, che cominciarono a tormentare gli avventurieri. Quando essi giunsero in quello che pareva l'apice di quell'ambiente, il cuore della collina, dove l'odore era talmente forte da penetrare per le narici, la luce che gli avventurieri crearono diede loro delle risposte. La realtà che gli si stagliò davanti si rivelò più sinistra di quanto essi si aspettassero.

Due creature si stagliavano alla luce proiettata: un drago di ottone e una creatura simile a un grande rettile bipede dal carapace simile a quello di una tartaruga color terra, dalla mascella prominente abbastanza capiente da poter azzannare giganti in tutta tranquillità. Fu chiaro a tutti che esso doveva essere il tarrasque, la cui coda irta di spuntoni doveva portare ad almeno una ventina di metri la lunghezza della Bestia della Savana (taglia Colossale), accovacciata sul pianoro e fonte del tonante russare che gli eroi avevano udito fin fuori dalla caverna. Le piccole narici (grandi quanto un cocomero) inspiravano, mentre dalla mascella semiaperta venivano emessi il suono ringhiante accompagnato da un alito fetido.

Poco distante dal tarrasque giaceva Unvarkerentilarhys. Il drago di ottone, al massimo del suo splendore, doveva essere stato un imponente e antico esponente della sua razza (i draghi di ottone sono tra i più piccoli cromatici) per gli standard dei suoi simili, il corpo lungo lungo dal muso fino alla punta della coda quasi dieci metri (taglia Enorme). Ma non vi fu splendore e magnificenza nella sua presenza. La cratura pareva allo stremo delle forze, disidratata e denutrita, le scaglie un tempo lucenti ora sporche e opache, le zampe imponenti della creatura in ceppi, cinte da barre in acciaio piantate sul terreno, atte a immobilizzare gli arti e il collo del drago, costretto al suolo. Quelle che un tempo dovevano essere state ali un tempo meravigliose, che partivano dall'attaccatura delle spalle fino alla coda erano state strappate, lasciando solo dei tristi moncherini. Quando la testa del drago si volse appena (il collare che la ancorava al collo non lasciava molta manovra) verso gli avventurieri, essi poterono notare come Unvarkerentilarhys fosse stato accecato, le orbite vuote solcate dai segni di grandi artigli.

Le narici del drago di ottone fremettero, la lingua ruvida che uscì appena dalla mascella semiaperta Sento odore di umani... draghi... altre razze... da una delle orbite vuote cadde una lacrima Per favore... aiutatemi... supplicò la voce della creatura Farò qualunque cosa... gli artigli di una delle zampe scavarono per qualche centimetro nel terreno riprendendo solchi già segnati Se non potete, vi prego uccidetemi... ma prima ascoltatemi la lingua incespicò nella bocca arida Vento di Sangue e i suoi uomini mi hanno catturato e portato qui... le mie figlie... il petto di Unvarkerentilarhys sobbalzò, la voce rotta Sono morte... ma ho salvato le loro uova... è l'ultima speranza della mia famiglia... per favore...

Il drago si interruppe, stringendo la mascella, quando il tarrasque smise di russare per smuovere la sua mole da più di cento tonnellate. Ma la Bestia della Savana non si era destata. Il gigantesco rettile si riacciambellò più comodamente, riprendendo il suo russare. Fu solo dopo qualche attimo di puro terrore che il drago di ottone riprese a respirare normalmente, il sudore che macchiava le scaglie attorno ai suoi occhi vuoti Non... non si è svegliato, vero...?

Dettagli tecnici sulla situazione

Spoiler

Unvarkerentilarhys è al momento esausto a causa della mancanza di cibo e acqua, mentre la perdita delle ali gli è costata una penalità ulteriore di -2 a For. E' attualmente accecato e immobilizzato, bloccato da quelle che possono essere considerate manette adeguate alla sua taglia in acciaio. Per spezzare le manette è necessaria una prova di Forza di CD28 (che al momento il drago non può riuscire a sviluppare) o infliggendo sufficienti danni (i ceppi hanno durezza 10 e 120pf). Attualmente ha subito circa 50 danni non letali (i non letali attualmente non curabili tramite la magia).

Il tarrasque sta dormendo.

x tutti

Spoiler

Checkpoint nella notte tra il 26 e il 27 giugno con le azioni/interazioni dei pg

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

L'entrata della caverna

La reazione della tiefling e della ragazza albina lo lasciarono interdetto.
Appena cercarono di sfuggire all'abbraccio, Winn le mollò immediatamente, come se scottassero, facendo qualche passo indietro.
L'espressione del barbaro, da gioiosa diventò visibilmente preoccupata. 
I-Io... scusate. disse tornando al suo gruppo passando accanto a Trull, li mise un mano sulla spalla mentre passava, scuotendolo amichevolmente Grazie, eh, magari dopo mi spieghi che significa "felicitazioni" però... disse con un sorriso a bocca chiusa, anche se lo sguardo rivolto alle ragazze tradiva il suo vero stato d'animo.
Mentre si allontanava si chiedeva cose, borbottando, come Bambino? In fasce? Poi come mai così arrabbiata? Prima era stata tanto gentile con me...
Si mise accanto all'entrata, pronto ad accogliere qualsiasi cosa sarebbe uscita da lì.
Io sono pronto, Liang!

Il drago incatenato

No... disse il barbarorso di fronte a quello spettacolo ...Povero drago! Devo spezzare le catene? Posso farlo! disse ai suoi compagni per poi rivolgersi al drago. Dove sono le uova? Dove? Le possiamo prendere se ci dici dove sono! disse con fare quasi interrogatorio al drago dalle squame d'ottone.
Può venir curato, vero? chiese Winn ai suoi compagni.

Edited by Plettro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (stregona lizardfolk)

Prima della discesa nella caverna

Chiaramente qualcosa di grave era successo all'altro gruppo, ma Sharifa si era attesa un'evenienza come questa, per quanto spiacevole. Pur non essendo una studiosa planare ben sapeva che l'Abisso era un luogo di dolore, malvagità e distruzione. Chiunque vi si fosse addentrato avrebbe pagato un prezzo terribile. Hanno messo in gioco le loro vite, le loro anime, anche per la Savana. Dovrò ricambiare il gesto, in futuro. Meritano tutto l'aiuto che posso dare loro.
Ma la situazione era troppo bizzarra e preoccupante perché Sharifa desiderasse complicarla ulteriormente. Si diresse invece nella caverna, tra i primi a mettervi piede.

All'interno

Una volta percorsa la strada fino al cuore della collina, si presentò uno spettacolo terribile. Sharifa trattenne a stento un singulto di paura alla vista del colossale mostro addormentato, ma non riuscì a fermare un sibilo di empatico dolore quando lo sguardo le cadde su Unvarkerentilarhys. Si precipitò al suo fianco, posando una mano sul muso martoriato del drago e chinandosi vicina a lui, trattenendo a stento la rabbia, il dolore e la paura che le attanagliavano l'anima. Con voce bassa Sharifa cercò di rassicurare il difensore della savana.
"No, non si è svegliato, nobile Unvarkerentilarhys. Ti libereremo, lo faremo...ma queste catene sono magiche, vero? O ti saresti liberato da solo tempo fa! Come possiamo aiutarti a sciogliere questi legami? E le uova delle tue figlie, le tue povere figlie! Le proteggerò a costo della vita, dimmi solo dove si trovano. Ma che sto dicendo...non è il caso! Ci porterai tu stesso in quel luogo, non appena sarai fuori di qui" 

La stregona si voltò verso i suoi compagni, implorando aiuto con lo sguardo, cercando rapidamente nella mente un modo per spezzare, fondere, sciogliere o comunque distruggere quelle catene, ridare la vista e il volo al drago...il tutto senza svegliare il terrasque. Maledisse dentro di sé la leggerezza con cui avevano sprecato il secondo desiderio, che ora sarebbe stato assai utile.  Sharifa si rivolse ancora al drago, questa volta nella sua lingua madre, cercando di rassicurarlo. 

Draconico

Spoiler

"Mi chiamo Sharifa al Rasul, dei rakayq. Desideravo così tanto incontrarti...sono così addolorata nel vederti in questo stato! Sono qui con degli amici, ti possiamo aiutare, in qualche modo. Fidati di noi, te ne prego. La Savana ha bisogno di te! Per Bahamut e per ciò che rappresenta, lasciati aiutare"

DM

Spoiler

Diplomazia +15

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

Entrammo, vedemmo e.. non uscimmo a gambe levate.
Non provavo quasi mai timore verso qualcosa o qualcuno, ma la Bestia della Savana era da sempre raccontata come imbattibile e terrificante in tutte le narrazioni dei "vecchi" del mio villaggio.
Era proprio così. E avevo paura.

Cosa potremmo fare senza svegliare la Bestia? Abbiamo esaurito i desideri.. con i tuoi incantesimi riesci a creare silenzio magico mentre cerchiamo di rompere le manette? Altrimenti che facciamo?

Mi rivolsi sottovoce a Chandra, la quale sapevo capace di usare particolari incantesimi, però non sapevo se poteva fare ciò che le avevo chiesto.
Saremmo morti in pochi secondi se ci fossimo fatti notare.. o sentire

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zhuge Liang

Il prigioniero

Il puzzo di morte all'interno della caverna era terribile, ma non quanto la visione che attendeva il gruppo. Il nobile drago metallico era stato mutilato in maniere sì crudeli da dare il voltastomaco persino a Liang, la cui esperienza in materia di misfatti perpetrati da malvagi era millenaria. Ali strappate, occhi cavati... Un delitto orribile... La memoria dell'arcanista lo riportò al passato: Rivide i lampi azzurri dei fulmini, le scaglie bronzee e il sorriso con troppe zanne del suo vecchio amico Kepeksbergamoth. Rivide i pirati fuggire dalla costa, rintuzzati di loro colpi. Rivide il suo sangue, mentre un arpione maledetto perforava il suo nobile cuore. Le lacrime inumidirono i suoi occhi mentre parlava lentamente al drago d'ottone, in draconico e dopo in comune. Signore del deserto, non abbiate paura. Vi aiuteremo. Si voltò vero i compagni. Qualcuno esamini queste catene, se sono incantate potremmo avere dei problemi.  Si voltò nuovamente verso il figlio di Bahamut. Nobile Unvarkerentilarhys, il mio nome è Zhuge Liang, il Decimo dell'Ordine della Fenice di Giada, e comprendo il dolore che provate in questo momento, ma ho bisogno del vostro aiuto: utilizzerò la mia magia per trasformarvi in una forma più piccola e ce ne andremo da qui, se me lo permetterete. State con noi. Abbiate fiducia.

xTutti

Spoiler

Una volta assicuratoci che non ci siano impedimenti magici, trasformo il drago in un topolino, poi procedo al teletrasporto. Posso viaggiare per circa 2250 kilometri, penso che Firedrakes sia nel raggio. Oltre al drago/topolino, posso portare altre 3 persone.

 

Edited by Nightmarechild
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull "Testadicane" Tanner

L'odore avrebbe fatto rivoltare gli stomaci, la vista delle mutilazioni avrebbe sciolto i cuori piu' duri. Sotto la maschera, il volto di Trull non fece una piega. L'Abisso aveva mostrato loro tali e tante nefandezze che la sorte di questo drago, per quanto misera, appariva ancora rosea e piena di speranze, soprattutto perche' mezza compagnia di avventurieri era li' per liberarlo, e l'altra meta', pur essendo giunta con intenti diversi, non avrebbe fatto mancare il suo supporto.

Trull poteva ben poco contro quelle catene che imprigionavano il drago, ed era quasi certo che fossero magiche senza nemmeno la necessita' di indagare a riguardo. Invece, si mise ad osservare attentamente la Bestia, il tarrasque. Era loro obiettivo far si' che il mostro masticasse il filatterio per distruggerlo... e tutti avevano dato per scontato che per farlo occorresse svegliare il masticatore. Tuttavia, l'essere stava russando, come un nano qualsiasi che avesse bevuto troppo. Ricordando di quando avevano infilato un ragno appeso alla sua tela fra la mascella e la mandibola di zio Brenno, dopo la festa di meta' inverno, si chiese se non potevano tentare di fare altrettanto in questa occasione.

Chiese ad Oceiros, a gesti, di avvicinarsi, poiche' era stato l'unico a non considerare stupida la sua idea di convocare Bistefani. Gli altri non si erano espressi, ma era come se l'avessero fatto, dato che non si era proceduto a quel modo. Espose all'uomo la sua idea sottovoce: levitare al disopra delle fauci, per lasciar cadere in quella bocca rumoreggiante il filatterio. I movimenti involontari della mascella della Bestia avrebbero poi fatto il resto. Forse.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (stregona lizardfolk)

La rakayq si voltò verso Liang "Se possibile vorrei venire con voi, grazie. Non...non me la sento di lasciarlo"

DM

Spoiler

Mi preparo a viaggiare con il drago e le uova. Se c'è da compiere una scelta a grandissimo malincuore salvo le uova.
Se prima del viaggio si sveglia il Terrasque uso Muro di Forza per bloccare temporaneamente la sua avanzata. 

 

Edited by Pippomaster92

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra

La scena che si presentò davanti agli occhi degli avventurieri colpí Chandra come un pugno nello stomaco. Il corpo martoriato del povero drago le fece distogliere totalmente l'attenzione dal maestoso tarrasque a pachi passi dal dragone incatenato. Gli si avvicinò con pasdi lenti parlandogli in draconico e allungando la mano per far sentire meglio il suo odore

Spoiler

Vederti cosí ridotto mi spezza il cuore, tieni duro e ti tireremo fuori di qui. Dicci dove sono le uova almeno porteremo in salvo anch'esse insieme a te, lontano da questo inferno. Poi ci dirai chi ti ha ridotto cosí e ci assicureremo che non faccia altrettanto a nessun altro essere vivente

Bisbigliando agli altri, propose: Dobbiamo portarlo via di qui e mettere al sicuro la sua progenie, poi penseremo a come distruggere il filatterio

Spoiler

Se qualcuno vuole provare con la forza, lancio silenzio su una pietra per fargli spezzare le catene in silenzio, altrimenti propongo che qualcuno si trasformi in rugginofago per dissolvere il ferro e liberarlo

Sharifa, stai pronta a bloccare l'avanzata della bestia se si dovesse svegliare

Spoiler

Ovvero lancia un muro di forza tra lui e noi almeno se si sveglia abbiamo tempo di scappare

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oceiros 

Allontanatosi un poco, si mise a parlare con Trull. 

@trull

Spoiler

<<Non conosco granché del terrasque, ma ritengo che sia simile a molti altri animali che vanno in letargo: mangiano in gran quantità per poi dormire. Quindi molto cibo già pronto credo aiuterebbe a farlo dormire...il prima possibile.>>

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Una volta all'interno della caverna, gli occhi scarlatti della tiefling si soffermarono sul drago prigioniero e, successivamente, sulla figura del tarrasque in letargo. Lasciò avanzare il resto del gruppo in direzione del drago, non interferendo in alcuna maniera a quelle richieste di aiuto e alle successive parole dei compagni.. Non le interessava e il fatto che decise di appoggiare la schiena su di una parete, incrociando successivamente le braccia al petto, era il necessario per farlo capire.
Sollevò lo sguardo verso l'alto della caverna, cercando di capire più o meno quanto fosse alta, prima di tornare sul tarrasque e ricordare le parole dette da Lucrecia.
Farlo mangiare alla creatura sarebbe il metodo migliore per farlo riaddormentare in fretta, anche se ci perderemo lo spettacolo.
Sai che m'importa.. Vediamo di dare quel filatterio al tarrasque e farla finita.. Che a breve mi viene da vomitare.
Su questo siamo d'accordo, stranamente, ma non fare la bambina.
No sul serio.. Mi viene da vomitare

Resisti..
Si portò una mano davanti alla bocca per prendere un respiro profondo, prima di tornare sulle azioni e le proposte portate avanti dal gruppo, attendendo che venisse portata avanti un'idea.. Magari senza svegliare il tarrasque.
Yunisha nel frattempo se ne stava accanto alla padrona, osservando le due creature enormi con un'insolita curiosità.. In particolare verso quella mastodontica.

Edited by Nilyn

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

Bjorn guardò rattristato Seline e Celeste in seguito alle loro reazioni al contatto con Winn'ler e Clint: non si sarebbero mai riprese da quell'esperienza, non pienamente. Avrebbero recuperato, certo, ma non sarebbero mai tornate quelle che erano. Temo che non vedremo mai più la "goffa elocatrice" di Primarosa... Entrò quindi nella caverna assieme ai suoi compagni, mettendosi in testa al gruppo così da proteggerli da qualunque cosa li aspettasse all'interno... Per quanto possibile. L'odore terribile assieme all'aumentare del suono fu un chiaro segnale di quanto li aspettava: era la tana del Tarrasque, non vi erano dubbi. Ciò che vide all'interno della cavità fu però ancora più terribile: non solo si trovavano davanti alla mitica Bestia della Savana, enorme persino rispetto alle sue aspettative, ma erano davanti alla prova di un terribile crimine. Il drago d'ottone era stato torturato e umiliato, costretto a rimanere prigioniero di quella grotta. Una creatura tanto nobile e maestosa ridotta in questo stato dai suoi nemici... E' crudele, è peggio che la morte. Sono Bjorn Havardsson e, come le ha detto il nobile Zhuge, siamo suoi amici. Siamo gli eroi di Firedrakes, coloro che sconfissero Azariaxis due anni or sono. Più o meno... Chi è rimasto tra i prodi che affrontarono quell'impresa? Siamo amici di Anzalisilvar, la Protettrice del Nord. Siamo qui per lei, può fidarsi di noi. Disse alla creatura, estraendo poi dallo zaino le sue provviste incantate e il suo otre magico, consegnandoli a Sharifa. Non sono molto, ma aiuteranno il Protettore della Savana a riprendersi. Dobbiamo elaborare un piano... Qualcosa che permetta di salvare il drago e di svegliare il tarrasque senza perdite eccessive. Il guerriero venne illuminato da un'idea quanto ripensò alle parole di Zhuge dopo aver sentito quanto detto dalla Skald. Il nobile Zhuge e lady Sharifa accompagneranno il nostro amico al sicuro e lo aiuteranno a riprendersi dalle infamie che gli sono state inferte da quella parodia di un drago, noi penseremo al filatterio. La Skald ha parlato di bloccare l'uscita: Seline, pensi di poterlo fare con le tue arti arcane? E tu, Celeste, puoi portare tutti al sicuro? Ci penserò io a distruggere il filatterio, vi raggiungerò in men che non si dica. Chiese guardando le sue compagne in attesa di una di una risposta per mettere in atto la sua idea, preparandosi a richiamare il potere dei suoi tatuaggi per avere tutto il necessario per compiere la sua parte in quel lavoro. Non posso chiedere a Celeste di rischiare nuovamente dopo quello che le è successo poco fa! 

Master

Spoiler

Se nessuno ha delle obiezioni e Seline e Celeste rispondono positivamente alle sue domande, Bjorn manifesta Volo Psionico e Affinità Animale (+4 a Forza). Aspetta quindi che tutti siano usciti per alzarsi in volo tenendo il filatterio in mano e iniziare a fare casino in ogni modo possibile: appena vede un segno di vita dal tarrasque, lascia cadere il filatterio sopra alla sua bocca e si teletrasporta via con Teletrasporto Psionico, arrivando fuori dalla caverna.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Lo sguardo scarlatto si posò sulla figura del Kalashtar nel sentirsi nominare, storcendo un poco il naso e ascoltando la sua richiesta.
D'accordo, se cerchiamo di affrettarci e limitare i convenevoli sarebbe altrettanto meglio.
Disse la tiefling per poi darsi una leggera spintarella in avanti, staccandosi dalla parete, attendendo che il drago venga portato via dalla caverna, oltre al fatto che il resto delle persone esca da questa per essere al sicuro.

x DM

Spoiler

Attendo che il drago venga portato in salvo e che il resto del party esca dalla caverna, Seline compresa.
Quindi casterebbe Wall of Force

 

Edited by Nilyn

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thorlum SenzaCasta - (Rovina di Huruk-Rast)

 

Si entrava finalmente nella caverna, un luogo migliore per un nano e che prometteva di alleviare i fastidi causati dalla calura esterna. Man mano che ci si addentrava un odore pungente di carne putrida è dei fastidiosi moscerini, resero il luogo meno ospitale di quando il nano pensava.

La ragione di quei fastidi si manifestò a tutti presenti in tutta la sua macabra visione. Un essere gigantesco dormiva, mentre di fronte a lui un drago incatenato e martoriato chiedeva disperatamente aiuto. Thorlum guardò Oceiros e Zhuge: Ecco cosa succede quando si viene catturati e torturati....totalmente abbandonati a se stessi. Disse in tono pungente, riferendosi ai suoi trascorsi. Libererò quel Drago o gli toglierò la vita. Ma non lascerò che continui a vivere in quello stato.

Si fece avanti, martello in mano e rivolgendosi a tutti: Romperò quelle catene con il mio martello. Una volta liberato il Drago potremmo uccidere il Tarrasque soffocandolo nel sonno..... Vista la sua mole, inizio a pensare che sia un errore svegliarlo....meglio distruggere il Filatterio in un altro modo... 

Guardò nuovamente la creatura dormiente. In ogni caso un problema alla volta. Si avvicino a Chandra ponendogli l'arma davanti. Evoca il silenzio sulla mia arma. 

 

Master

Spoiler

Se ottengo il silenzio nell'arma, inizio a colpire più forte che posso:

FOR + 6, e attacco poderoso dove tolgo 12 ai TxC (tutto quello che posso) e lo dono ai danni: 

Damage: 1d12+10 +12x2 = 1d12+34.

Inoltre: se serve ho spezzare migliorato anche se è un +4 a colpire un oggetto impugnato e per non far provocare attacchi di opportunita (lo userei solo per non mancare la mira).

Continuo finché non rompo le catene o qualcosa/qualcuno non mi ferma.

 

Edited by SassoMuschioso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Draconis

Clint scosse la testa, schiarendosi così, almeno un poco, i pensieri. 

Non aveva niente da aggiungere, se non vuote parole, capaci solo di creare ulteriore confusione. Col rischio di svegliare il dormiente prima che il drago fosse al sicuro. 

Fu solo quando Thorlum propose di spaccare le catene con il martello, che l'adepto diede fiato ai suoi pensieri, sussurrandogli all'orecchio: "Capisco il tuo cuore, Thorlum. Ciò che provi e ciò che questa visione ti porta alla memoria. Immagino che certi dolori siano indimenticabili. Ma lascia prima tentare la strada del sotterfugio, che sta approntando Zhuge. Qualora essa non dovesse bastare, allora Chandra ci donerà quel silenzio di cui necessiti".

A quel punto, fece un cenno di assenso e di intesa verso Bjorn e Trull: se davvero era come cibo che dovevano trattare quel filatterio, che andasse in tal modo. 

Eppure, ancora, davvero... Risvegliare il Tarrasque? Che responsabilità andavano assumendosi? 

Clint pregó Bahamut in silenzio, mentre richiamava ľancestrale potere metamorfico del suo sangue draconico e modellava mentalmente il suo corpo a guisa dei semi-leggendari Elfi alati. 

DM

Spoiler

Clint usa l'invocazione Humanoid Form per mutare forma in quella di un Avariel. 

EDIT: Se non c'è bisogno di lui, poi, si allontana, come da istruzioni di Bjorn (azione aggiunta con edit in spoiler, @Bomba).

 

Edited by Ghal Maraz
Aggiunta possibile azione in spoiler

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Oh Thorlum, tranquillo! Liang userà una magia! Non c'è bisogno del martello! disse Winn'Ier sorridendo al nano, come se avesse già dimenticato lo stato pessimo delle sue amiche (erano già passati 5 minuti da allora) Però avevo capito che quel coso non poteva morire... Quindi boh, non so se funzionerà soffocarlo. disse Winn pensieroso, lisciandosi la barba.
Appena Winn scoprì che Bjorn sarebbe rimasto solo nella caverna con il Tarrasque, si preoccupò per le sorti del biondo guerriero, ma decise di reagire al suo solito modo entusiasta per motivarlo.
Bjorn, mi fido di te! Sei in tutti noi! disse cercando di fomentare il nordico, Tu invece dove ci porti? Oh oh oh lo so! I Fiordi! Là c'è la neve! Serve a Chandra, lo sai? disse il barbarorso all'albina sorridendo, per provare a trasmetterle un pò di allegria (stando ben attento a non toccarla).
 

Edited by Plettro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Celeste(Ispirata Elocatrice) Eroe(Quori Du'ulora Furia Nera) 

Nulla che avesse già visto, nulla che avesse già provato... Le condizioni del drago non smossero le reazioni della Borealis, per quanto il desiderio di salvarlo fosse comunque alto. Ciò che la intimoriva era la stazza di quella creatura che per la prima volta si apprestava ad osservare. Un colosso vero e proprio... Ti portemo al sicuro... Non ti lasciamo qui. Sussurrò in direzione del drago. Quando Bjorn la interpellò storse lievemente il naso... Sicuro? Ho diversi metodi per avvicinarmi ed allontanarmi alle sue fauci. Pensiamo a metterli al sicuro... L'elocatrice sospirò per poi... D'accordo. 

Si rivolse a tutti per poi... Chi non si avvicina al Tarresque od al drago dovrebbe già uscire dalla grotta, mentre gli altri stiano vicini a me. Cercherò di teletrasportarci tutti. 

X DM

Spoiler

Teletrasporto secondo istruzioni Bjorn... Si faccia fede alla scheda postata nello spoiler precedente.

 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Sharifa

Spoiler

Diplomazia +15+9=24

Il muso di Unvarkerentilarhys fremette al tocco di Sharifa, le narici che si dilatarono dalla tensione Questi ceppi non mi permettono... di prendere forma umana... sussurrò con voce roca Ho cercato di romperle, ma sono troppo debole... i muscoli della schiena si tesero, gli artigli che cercarono un appoggio per fare forza. Ma fu inutile Le uova! esclamò spaventato, cercando di dibattere il collo Dovete pensare alle uova! Le ho lasciate sulla cima dell'Ermo Colle, a quindici chilometri a nord di qui, vicino a quella roccia a forma di vertebra di moffetta... specificò per essere sicuro che la meta fosse chiara e raggiungibile In una pira di fiamme che sarebbe dovuta durare dei giorni... la voce si fece rotta Ma ho perso la cognizione del tempo... la mascella dell'antico drago di ottone si strinse Non... voglio pensare se si fosse spenta... il drago cercò di dibattersi ancora una volta, le scaglie dei polsi che cominciarono a creparsi dallo sforzo che tendeva a porre nel tentativo di liberarsi.

La privazione della vista è già di per sè una delle peggiori torture possibili commentò telepaticamente Nicolette, tenendo i pensieri riservati ai membri del gruppo e salutando quelli che erano stati nell'Abisso Ma questo drago ha vissuto per giorni o settimane con il terrore di poter venir divorato da un momento all'altro. Chiunque lo abbia ridotto in una tale condizione è aldilà di qualunque redenzione

Quando Bjorn si presentò, parlando di alleati e nemici, il mistero fu in parte dipanato. Il drago avrebbe strabuzzato gli occhi se ne avesse avuti Azariaxis! Il figlio di Vento di Sangue, Sorvhaxiltrim! un fremito percorse il corpo del drago di ottone Egli non potrà dunque godersi una piena vittoria... ma Anzalisilvar! il tono di Unvarkerentilarhys si fece interessato Ella è vostra alleata? Allora la vostra causa deve essere giusta...

Verificata l'impossibilità di mutare il corpo tramite la magia di Zhuge, ad intervenire furono i muscoli del suo arcirivale Thorlum. Con sorpresa generale, perfino Tom Po diede una mano suggerendo a Chandra di silenziare l'area, operazione che fu compiuta dalla contessa consorte offrendo un insolito spettacolo muto in cui il Senzacasta aggredì a colpi di martello i ceppi magici con la sua arma da Coscritto, fino a infrangerli.

Quando i ceppi furono distrutti, il drago di ottone prese un grosso respiro, come un nuotatore che emergesse dall'acqua dopo una lunga apnea Grazie... Bahamut ha ascoltato le mie suppliche... Unvarkerentilarhys cercò di rialzarsi, incespicando ma con ancora abbastanza orgoglio da voler guardare i suoi salvatori a pari altezza. Il drago si concentrò, la fronte aggrottata, prima di prendere una forma umana, quella di un giovane uomo dai capelli color ottone

Unvarkerentilarhys (forma umana)

Spoiler

image.png.c34c49b55cd06a46fb03c291e9de60cc.png

Ho un debito con voi e non lo dimenticherò... promise, inchinandosi goffamente di fronte ai suoi salvatori. Il mago della fenice di giada si prese carico di portare in salvo il drago in forma umana, facendosi accompagnare da Sharifa, che il drago prese per mano saggiando con la sua carne le scaglie della lucertoloide. I tre, quando il wu-jen terminò di recitare la propria formula, sparirono alla vista dividendosi dagli avventurieri.

x Zhuge e Sharifa

Spoiler

L'arrivo repentino di Zhuge e Sharifa non destò il personale di palazzo, avvezzo da tempo alle abitudini di viaggio di Bjorn e Celeste, tuttavia la presenza di un antico drago di ottone (per quanto in forma umana) scatenò un putiferio simile a quello che si era svolto solo il giorno prima, in occasione della fuga rapida di coloro che si erano lasciati Shendilavri alle spalle. A conferma dell'importanza capitale di quel soccorso, anche i reali interruppero le proprie attività per raggiungere l'inaspettato ospite, che aveva ripreso la propria forma originaria per favorire le visite che sarebbero seguite una volta giunti i sacerdoti del tempio di Boccob e Pelor, convocati d'urgenza per la situazione.

Nobile drago, non temete disse la contessa Sophia, avvicinandosi a fatica alla possente creatura Voi ora non siete più solo.

Il principe Derbel annuì, ringraziando sentitamente Zhuge e Sharifa per il loro operato Sì, non baderemo a--

Ciò che il mio meraviglioso marito intende dire interloquì Marie Antoinette Ivarstill, fresca sposa del principe, splendida nel suo abito color porpora E' che noi ti aiuteremo, drago disse passando dallo sguardo adorante nei confronti di Derbel a un'espressione severa nei confronti di Unvarkerentilarhys Ma tu dovrai sostenerci in questa guerra e fornirci tutte le risorse a tua disposizione. Saresti morto se non fosse per l'intervento dei servitori di mio marito, un debito che è giusto venga ripagato.

L'espressione di Unvarkerentilarhys si fece contrita Promisi qualunque cosa ai miei salvatori disse, la voce roca Manterrò la parola data, aiutandovi, se ciò non andrà contro i miei princìpi

Questo non starà a te deciderlo rispose Marie Antoinette, fiera Non vi saranno limiti a ciò che faremo per vincere questa guerra la principessa di Firedrakes quindi si rivolse al mago della fenice di giada e alla stregona dei lucertoloidi Avete agito bene disse sbrigativamente Potete tornare alla vostra missione, qui se ne occuperanno i sacerdoti.

Derbel annuì debolmente, mentre Sophia osservò severamente, di sottecchi, la cognata.

x tutti tranne Zhuge e Sharifa

Spoiler

La liberazione di Unvarkerentilarhys lasciò molto a cui pensare agli eroi, i quali però non vollero perdere tempo nel cercare di occuparsi del tarrasque e del filatterio che il gruppo dell'Abisso aveva recuperato. Esso appariva, a coloro che non lo avevano ancora visto, simile alla statua di un drago alta circa un metro, fatto di uno strano materiale di un colore blu pulsante, come se una luce palpitasse all'interno.

Dopo aver tratto la forza necessaria a sollevarlo, fu Bjorn a prendere l'iniziativa chiedendo al gruppo di allontanarsi a una distanza di sicurezza, con Clint che colse l'occasione per prendere la forma di un Avariel. Terminata l'evacuazione, con Seline pronta ad evocare il muro magico in caso di necessità, l'Havardsson fece i suoi primi tentativi di fare rumore, cercando di svegliare il tarrasque addormentato. L'Havardsson urlò con quanto fiato aveva in gola, con la stessa potenza che avrebbe riservato se avesse scoperto Clint a letto con Tiana (evento cui sarebbe seguito l'uso del falchion), battè il pomolo della propria arma sul filatterio cercando di produrre un gran baccano... ma nulla sembrava già solo superare il rumore prodotto dal russare del tarrasque, quasi che il kalashtar non fosse stato più di un moscerino per le orecchie della Bestia della Savana.

La creatura, beatamente accovacciata sul proprio corpo, continuava a dormire della grossa.

x tutti

Spoiler

Checkpoint nella notte tra il 27 e il 28 giugno per le azioni/interazioni dei pg.

 

Edited by Bomba
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oceiros

Se spera in un moto di commozione, caschiamo male.

Quando il nano storpio cercò l’attenzione di Oceiros con le sue parole, tutto ciò che ottenne dal sacerdote ur fu uno sbadiglio.

Più comunque di quanto ottenne il potente mago d’ottone senza ali ed occhi, divenuto quindi drago di cartone o qualcosa di più friabile...ed inutile. 

Sarebbe stato di sicuro più utile usarlo come esca per il filatterio che lasciarlo andare così.

Fece spallucce, mentre usciva con gli altri. 

<<Se la creatura si svegliasse all’odore di cibo, io potrei produrne in grosse quantità... se aspettassimo un giorno. L’unica cosa che mi viene in mentre è attaccarlo e lanciargli in gola quel filatterio mentre ruggirà o simili.

in ogni caso, gradirei non essere qui quando il buon tarrasque si sveglierà. >>

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (lizardfolk stregona)

Liberato il drago

La stregona rimase vicino a Unvarkerentilarhys per tutto il tempo mentre i compagni spezzarono le catene, e lo aiutò a rialzarsi e ad avviarsi verso un punto più comodo da cui partire con la magia. Poco prima di sparire con Zhuge e il drago d'ottone, Sharifa si voltò verso gli altri compagni e li ringraziò con un cenno del capo, troppo tesa per fidarsi delle proprie parole.

Con Zhuge

Spoiler

Sharifa aiutò il mago di giada a condurre Unvarkerentilarhys fino al tempio, dove il drago ritornò alla sua forma originale. L'aspetto umanoide del drago d'ottone, per quanto mutilato e ferito, rimase saldamente impressa nella mente della stregona. C'era qualcosa di nobile nel suo atteggiamento, nonostante la palese sconfitta subita e i lunghi giorni di agonia. Sharifa si scostò giusto il necessario per permettere ai sacerdoti di accedere più facilmente alle ferite del drago. Ora che è qui ci sono così tante cose che gli vorrei chiedere...sarà lui il mio antenato? Oppure noi rakayq abbiamo subito influenze più sottili? E che altro dovevo chiedergli? Così tante cose...
Ma il flusso di pensieri della stregona fu interrotto dall'arrivo del principe, della di lui sorella e della principessa consorte. 

Se inizialmente le parole di Sophia fecero sperare per il meglio, l'interruzione di quella Antoinette irritò Sharifa, già sconvolta per lo stato del drago d'ottone e tesa per la guerra che stava per cominciare. Così per qualche attimo dimenticò tutte le finezze diplomatiche e le sfumature di bon-ton che aveva tanto faticosamente imparato per impressionare i nordici di Firedrakes. E rispose in modo piccato "Temo che vossignoria abbia fatto una leggera confusione. Io non sono serva di nessuno se non di Bahamut, tutt'al più rappresento un insieme di popoli a voi alleati. Vi ringrazio dal profondo del cuore per l'aiuto che state prestando alla mia gente e al qui presente Unvarkerentilarhys, ma ciò non vi consente di trattarci con tale sdegno e maleducazione. Le suggerisco di rivolgersi al prossimo con maggior educazione, da ora in poi" 
Senza attendere risposta, si rivolse subito al principe, con ben altro tono "Mi piacerebbe davvero molto, splendido figlio di re, restare qui a tenere compagnia al nostro nuovo alleato. Ma temo che la nostra presenza sia richiesta nei territori della Savana. Attendo la vostra licenza per lasciare il vostro palazzo, conscia di lasciare Unvarkerentilarhys in ottime mani" 

La stregona tornò poi a fianco della Fenice di Giada, pronta a riunirsi con i suoi compagni, ma non prima di aver salutato il drago d'ottone nella sua lingua madre.

Draconico

Spoiler

"Unvarkerentilarhys, amico del mio popolo, spero ci potremo incontrare presto. Ho alcune domande da porvi, ma questo non è il momento più adatto per farlo. Possa la guarigione giungervi veloce e indolore"

DM

Spoiler

L'intento non è certo quello di convincere davvero Atoinette a cambiare atteggiamento (MAGARI!!), quanto quello di farla stare zitta il tempo necessario a finire il discorso con Derbel, o quantomeno pungerla sul vivo con una risposta secca. +15 Diplomazia o +11 Intimidire, vedi tu quello che è più adatto. 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zhuge Liang

In salvo

Liang lasciò il drago alle cure dei sacerdoti, dopo averlo salutato con un inchino e poche parole in draconico: Riposate ora, Protettore della Savana. Salveremo le uova, avete la mia parola. Si rivolse poi al più vicino dei sacerdoti, sottovoce. Vi ringrazio per la vostra premura. Abbiate cura di lui, ve ne prego.

La nobiltà

Liang fu felice di rivedere Derbel e Sophia, ma le parole di Marie Antoinette avvelenarono l'incontro. Il mago della Fenice di Giada fece un passo avanti dopo le parole di Sharifa. Forse dimenticate, nobile consorte, che né io, né la splendente Sharifa, né tantomeno il Protettore della Savana siamo alle vostre dipendenze. Le nostre capacità e forze sono prestate a Firedrakes per il bene comune. Fareste bene a ricordarlo, mia signora, per non incorrere in simili spiacevoli errori. L'espressione di Liang era sorridente, ma i suoi occhi risplendevano di verde furia. Si voltò verso i reggenti di Firedrakes. Principe Derbel, Dama Sophia, il mio cuore è lieto di rivedervi. Vi affidiamo il nobile Unvarkerentilarhys, abbiatene cura, poiché sarà di fondamentale importanza per la nostra lotta contro i draghi cromatici. Se avete dei messaggi per i nostri compagni io e Sharifa ne saremo latori. Si inchinò ai nobili fratelli, ignorando la Ivarstill. Si riavvicinò alla stregona, prendendole la mano. Siamo pronti a tornare, Scagliosa Signora?

xDM

Spoiler

Liang aspetta eventuali parole da Derbel, Sophia o Sharifa, se non ci sono impedimenti si teletrasporta insieme a Sharifa di nuovo con i compagni.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.