Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Paths Peculiar - Per favore Arthur Cobblesworth, vai a dormire

Uno One Page Dungeon di Niklas Wistedt incentrato su dei rumori molesti in un cimitero

Read more...

Recensione: Tasha's Cauldron of Everything

Con colpevole ritardo pubblichiamo la recensione del penultimo manuale uscito per D&D 5E: Tasha's Cauldron of Everything.

Read more...

Quando un lupo non è un lupo? - Parte 2

Oggi Goblin Punch vi parlerà di una possibile e viscida variante per i vampiri per le vostre avventure.

Read more...

La WotC prende il controllo della localizzazione in Italia di D&D 5E

Un comunicato stampa appena rilasciato dalla Asmodee annuncia una importante novità per il futuro di D&D 5E in Italia.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild XI - Il Genio dell'Illusione

Il Genio dell'Illusione è un’avventura Gdr in stile Fantasy/Medievale scritta ed illustrata da Matteo Valenti.

Read more...

    Una Sandbox Fantasy nel Dettaglio: Parte III

    • Entriamo nel vivo di questa rubrica di Rob Conley che in questo articolo ci guida nella realizzazione della mappa dell'Isola di Piall, dando forma alla sua geografia. 

    Una Sandbox Fantasy nel Dettaglio Parte I:
    Una Sandbox Fantasy nel Dettaglio Parte II

    Articolo di Robert Conley del 21 Settembre 2009

    Questa è la terza parte di una serie che illustra nel dettaglio i 34 passi che consiglio di seguire per creare una Campagna Fantasy in stile Sandbox. Il post di oggi coprirà i seguenti passi: 

    5. Prendiamo un foglio in formato A4 di carta esagonata.
    6. La scala dovrebbe bastare per rappresentare un'area di 300 per 250 chilometri.
    7. Disegniamo le montagne.
    8. Disegniamo i fiumi.
    9. Disegniamo le colline in modo da dividere la regione in valli fluviali separate.
    10. Disegniamo la vegetazione (paludi, foreste, deserti, ecc.) 

    Per vincoli di tempo andrò a dettagliare soltanto una grossa isola del Regno delle Isole. Si chiamerà Isola di Piall.

    Come prima cosa organizzo la mia griglia a esagoni e la scala. Invece di 5 miglia per esagono opterò per 3 miglia per esagono in modo da avere un po' più di dettagli. 

    Se volete mappare con un metodo la vostra ambientazione, vi consiglio la lettura di questo post relativo alla mappatura con gli esagoni. 

    large.Mapping01.jpg.56efc9b473f5e7539252fdaf57de917a.jpg

    Poi disegno la linea costiera. Non dimenticate elementi come i laghi e le isole minori. Notate che qui ho aggiunto delle piccole isole nella baia orientale. 

    large.Mapping02.jpg.04dbb35de8decb34d908ea7ed237a926.jpg

    Poi aggiungo le montagne. Siccome sto lavorando ad un'isola, mi porto avanti e aggiungo le colline. Avrete notato che sto usando una mappa simbolica perché probabilmente è la cosa più semplice con cui un novizio possa iniziare. Sentitevi liberi di usare lo stile che preferite per la mappa.

    Un'isola avrà un massiccio centrale e verosimilmente svariate masse adiacenti che formano delle penisole. Queste diventano le montagne, le colline pedemontane e le semplici colline dell'isola. In mezzo ci sono le pianure. 

    large.Mapping03.jpg.950fdebf1f3fe85be2210647d878e3c3.jpg

    Poi disegno i fiumi, assicurandomi che scorrano in discesa. 

    large.Mapping04.jpg.ba777adc70dfa86c1c5f168736f3da00.jpg

    Dal momento che la mappa è piccola ed è solo un'isola, non mi preoccupo delle colline e del drenaggio di cui al punto 9. Vi darò qualche consiglio a riguardo alla fine del post. 

    Poi disegniamo la vegetazione, che include foreste, paludi e sabbia. Mentre un deserto sarebbe fuori luogo, un'area di spiagge estese è del tutto plausibile. Quindi ne tratteggio una lungo la costa nell'esagono 0305.

    Le paludi si formano spesso nelle regioni costiere, quindi ne colloco due. L'isola non è grande abbastanza da formare un'ombra pluviometrica. Ho già stabilito che le piogge monsoniche necessarie per l'agricoltura vengono da sud. Penso sia logico destinare quell'area agli insediamenti. Perciò inserisco un paio di foreste nelle aree settentrionali dell'isola, pensando che gli abitanti del posto non hanno ancora avuto il tempo di abbatterle.

    large.Mapping05.jpg.378c08a11bba227679534dd96dccd541.jpg

    Il passo seguente, il numero 11, consiste nel collocare gli insediamenti. 

    Drenaggio

    Il motivo per cui è preferibile imparare qualcosina sul drenaggio è che aiuta a posizionare le colline. Specialmente nelle mappe di larga scala. Un esempio tipico di drenaggio:

    large.drainage01.jpg.95e5f9be1119411083777a48186f0dee.jpg

    Somiglia molto a un albero con la foce del fiume come base. Il limitare del bacino idrografico sarà costituito dalle alture locali, spesso considerate terreno collinare. 

    La area in cui vivo offre un chiaro esempio di come sia fatto un bacino idrografico. 

    large.drainage02.jpg.8494d645534d55ac9194e8849dd83e97.jpg

    Al limitare dell'area di drenaggio ci sono le alture e il terreno tutto intorno è piuttosto collinare addentrandosi nell'entroterra per qualche miglio. Se dovessi mappare questa realtà come ambientazione piazzerei una linea di colline che corre parallela alla costa a circa 5 o 10 miglia nell'interno. Poi metterei alcune colline tra il bacino del Torrente Conneaut e la costa. E infine aggiungerei delle colline al limitare meridionale del bacino idrografico. 

    Inoltra, la penisola al centro della mappa è un banco di sabbia nota come Presque Isle. Si estende per diverse miglia e ha diverse spiagge eccellenti. È dopo aver scritto questo che ho deciso di aggiungere le grosse aree sabbiose alla mappa. 

    Questo è quanto per la Parte III, a presto per la Parte IV.



    Article type: Approfondimenti


    User Feedback

    Recommended Comments

    Mi sto leggendo tutti questi articoli, perché avevo qualche idea su provare a creare un'ambientazione. Ma sono davvero molto specifici! Per esempio la faccenda del drenaggio... è interessante, ma è davvero utile? Si certo può avere senso perché così quando traccio il percorso di un fiume non lo faccio comparire dove non dovrebbe e finire dove non ha senso che finisca. Ma non so, sarò io, non mi è mai capitato di guardare una mappa fantasy e dire "eh, il drenaggio è sbagliato".

    Con questo non sto criticando né l'articolo né il bellissimo lavoro che state facendo voi con la traduzione, sia chiaro!!
    Avevo pensato di creare un mondo passo-passo con l'uscita degli articoli, ma il dettaglio di queste prime tre puntate mi ha un po' scoraggiato. 

    • Like 5
    Link to comment
    Share on other sites
    36 minuti fa, Pauline95 ha scritto:

    Mi sto leggendo tutti questi articoli, perché avevo qualche idea su provare a creare un'ambientazione. Ma sono davvero molto specifici! Per esempio la faccenda del drenaggio... è interessante, ma è davvero utile? Si certo può avere senso perché così quando traccio il percorso di un fiume non lo faccio comparire dove non dovrebbe e finire dove non ha senso che finisca. Ma non so, sarò io, non mi è mai capitato di guardare una mappa fantasy e dire "eh, il drenaggio è sbagliato".

    Con questo non sto criticando né l'articolo né il bellissimo lavoro che state facendo voi con la traduzione, sia chiaro!!
    Avevo pensato di creare un mondo passo-passo con l'uscita degli articoli, ma il dettaglio di queste prime tre puntate mi ha un po' scoraggiato. 

    Ci sono principalmente due modi di realizzare un'ambientazione homebrew: dal grande al piccolo, spiegato in questa serie di articoli, e dal piccolo al grande, spiegato in un altro articolo sempre qui sul forum. Potresti vedere quale dei due modi fa più per te, oppure anche mischiarli.

    Edited by Grimorio
    Link to comment
    Share on other sites

    Tutto mi sarei immaginato tranne che una mappa del drenaggio. Si inizia ad essere minuziosi per davvero, apprezzo moltissimo questi articoli.

    C'è da dire che ovviamente non c'è da scoraggiarsi se qualcuno neanche aveva mai preso in considerazione una cosa del genere: è normale! Semplicemente, se il resto della struttura ti piace, salta questo punto! @Pauline95

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Pauline95 ha scritto:

    Mi sto leggendo tutti questi articoli, perché avevo qualche idea su provare a creare un'ambientazione. Ma sono davvero molto specifici! Per esempio la faccenda del drenaggio... è interessante, ma è davvero utile? Si certo può avere senso perché così quando traccio il percorso di un fiume non lo faccio comparire dove non dovrebbe e finire dove non ha senso che finisca. Ma non so, sarò io, non mi è mai capitato di guardare una mappa fantasy e dire "eh, il drenaggio è sbagliato".

    Con questo non sto criticando né l'articolo né il bellissimo lavoro che state facendo voi con la traduzione, sia chiaro!!
    Avevo pensato di creare un mondo passo-passo con l'uscita degli articoli, ma il dettaglio di queste prime tre puntate mi ha un po' scoraggiato. 

    Comprendo benissimo lo smarrimento davanti a un tale livello di dettaglio. Considera che dal prossimo articolo in poi ci si focalizza sulle faccende vive dell'ambientazione: luoghi, insediamenti, trame, ecc. 

    Come si può vedere anche in questo articolo, non è necessario scendere così tanto nel dettaglio, infatto nemmeno l'autore si preoccupa davvero del drenaggio in questa mappa. 

    In pratica, questa serie offre molti spunti interessanti e una lista di punti che aiuta a convogliare il processo creativo senza disperdere troppe energie. Il livello di dettaglio lo decidi tu, così come decidi cosa prendere e cosa lasciare. 

    Lo stesso autore nelle premesse avvisa i lettori che lui scende molto nel dettaglio (soprattutto della storia e dalla geologia) perche a lui piace, ma che non consiglia questo livello di approfondimento.

    Edited by Lucane
    Link to comment
    Share on other sites

    Anche io condivido il dubbio, perché sinceramente il drenaggio, e simili "minuzie", sono importanti per una faccenda di realismo e logica della mappa (che poi in un fantasy sono relativi all'ambientazione), ma personalmente leggendo alcuni passi mi è sorto il dubbio se non si stia solo "allungando" la questione, inserendo dettagli minuziosi solo per aumentare il numero degli articoli

    Posso capire che all'autore piacciano, ma questa attenzione quasi esagerata mi fa un poco paura per quanto riguarda insediamenti, storia e culture dei possibili abitanti dell'ambientazione

    Aspetto i restanti articoli, complimenti a chi li traduce ed all'autore 

    • Like 1
    • Thanks 1
    Link to comment
    Share on other sites
    3 hours ago, Pauline95 said:

    Ma non so, sarò io, non mi è mai capitato di guardare una mappa fantasy e dire "eh, il drenaggio è sbagliato".

    [...]

    Avevo pensato di creare un mondo passo-passo con l'uscita degli articoli, ma il dettaglio di queste prime tre puntate mi ha un po' scoraggiato. 

    Concordo con te e con altri qui, e soprattutto ci tengo a dirti di non farti scoraggiare. Credo di poter affermare con ragionevole certezza che il 99% dei gruppi gioca e si diverte, anche in ambientazioni inventate, senza arrivare nemmeno lontanamente a questo livello di dettaglio.

    2 hours ago, Pauline95 said:

    Si in effetti credo che (dopo essermi informata) l'approccio che preferisco usare sia quello da piccolo a grande. O una via di mezzo. 

    È decisamente quello che raccomando anche io, nella maggior parte dei casi 🙂

    Link to comment
    Share on other sites


    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.