Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Strixhaven: A Curriculum of Chaos uscirà a Novembre

La Wizard of the Coast ha rilasciato nuovi dettagli sul prossimo manuale di crossover tra Magic: The Gathering e D&D 5E

Read more...

Pausa Estiva degli Articoli

L'estate è arrivata anche per noi dello Staff Dragons' Lair, quindi gli articoli vi salutano fino a Settembre.

Read more...
By Lucane

The Wild Beyond the Witchlight uscirà a Settembre

Scopriamo le ultime novità riguardanti la nuova avventura per D&D 5a Edizione. 

Read more...

Fizban's Treasury of Dragons uscirà ad Ottobre

Scopriamo i nuovi dettagli rivelati in questi giorni sul futuro manuale di D&D 5E.

Read more...

Progetta Le Tue Avventure #7: Va in Scena la Sfida

Eccovi il settimo articolo della mia serie di consigli per progettare le avventure.

Read more...

Sbilanciare e spingere migliorato


Lyonaler
 Share

Recommended Posts

Se un personaggio sbilanciato (prono) si rialza con la sua azione di movimento e provoca un attacco opportunità ma non può essere nuovamente sbilanciato perchè è considerato prono.

Se nell'attacco opportunità si effettua con successo un tentativo di spinta migliorata con il talento, il difensore rimane prono e deve quindi utilizzare un azione standard per rialzarsi o riesce cmq a rialzarsi e poi utilizzare la sua azione standard?

Link to comment
Share on other sites


  • Replies 25
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Spingere a tutti gli effetti non impedisce ad un avversario di rialzarsi, come non lo impedisce un singolo attacco normale. Un difensore cade prono in seguito ad una spinta solamente se nel quadretto dove finirebbe è occupato.

Quindi, se ho capito la domanda, con l'azione di movimento un personaggio si rialza e ha a disposizione il suo passo da 1,5m e la sua azione standard.

Tra l'altro, ma potrei sbagliarmi, non mi sembra che sia vietato compiere un attacco di sbilanciare nei confronti di un avversario prono che si sta rialzando. In teoria, se viene eseguito e riesce, l'avversario rimane prono.

Link to comment
Share on other sites

so che un attacco opportunità contro un avversario che si rialza da prono è considerato prono, quindi non sbilanciabile.

Ma se è considerato prondo e io lo spingo, dovrei spostarlo da prono e quindi rimanere prono. è solo un ragionamento, chiedo a voi perchè cerco una regola che lo permetta se esiste

Link to comment
Share on other sites

non dice nemmeno che se si rialza è considerato prono ma l'ho letto in una faq riportata in un post qui sul forum. Quindi chiedo a voi sapete come si risolve

Allora, chiarimenti: corretto, non puoi sbilanciare un avversario che si sta rialzando, in quanto ancora prono.

Quanto alla spinta, mentre lo spingi è prono, certo, ma questo non gli impedisce, dopo il tuo ado di spinta, di rialzarsi, dal momento che non puoi renderlo comunque prono.

Link to comment
Share on other sites

Allora, chiarimenti: corretto, non puoi sbilanciare un avversario che si sta rialzando, in quanto ancora prono.

Quanto alla spinta, mentre lo spingi è prono, certo, ma questo non gli impedisce, dopo il tuo ado di spinta, di rialzarsi, dal momento che non puoi renderlo comunque prono.

Non ha nessun senso, se è prono non provoca AdO. Li provoca invece se si rialza e se lo fa allora è in piedi e non prono. Ergo, se è in piedi lo puoi stendere ancora con un AdO per sbilanciare se hai ancora possibilità di farlo. Senza il talento riflessi in combattimento, è concesso solo un AdO a round.

Link to comment
Share on other sites

Gli AdO avvengono durante l'azione, prima che l'azione venga ultimata (che è il motivo per cui gli AdO possono bloccare il casting di una spell e forzare un tiro di Concentration anche per spell con casting time inferiore a full round), quindi tecnicamente lo fai mentre si sta rialzando, PRIMA che sia in piedi.

Link to comment
Share on other sites

Gli AdO avvengono durante l'azione, prima che l'azione venga ultimata (che è il motivo per cui gli AdO possono bloccare il casting di una spell e forzare un tiro di Concentration anche per spell con casting time inferiore a full round), quindi tecnicamente lo fai mentre si sta rialzando, PRIMA che sia in piedi.

A maggior ragione dovresti sbilanciarlo con più facilità, viste le penalità che ha:

Dalla GdM pag 301

Prono: Il personaggio è a terra. Un attaccante prono subisce una

penalità di -4 al tiro per colpire in mischia, e non può utilizzare nessuna

arma a distanza (eccettuata la balestra) . Un difensore prono ottiene ,

un bonus di +4 alla Classe Armatura negli attacchi a distanza contro di .

lui, ma subisce una penalità di -4 alla CA negli attacchi in mischia.

Rialzarsi è un'azione di movimento che provoca attacchi di opportunità .

Link to comment
Share on other sites

Questa cosa del prono è scritto sulle Faq, quindi c'è poco da discutere sono le regole. E sicuramente la Faq è stata fatta apposta per evitare che qualsiasi guerriero faccia questa combo.

La mia domanda è un altra. Con spingere migliorato, dato che è considerato prono e che agisco prima che lui si alzi, posso interrompere la sua azione?

Se la prova spingere ha successo con i punti di scarto necessari per spostarlo di 3 m, lo sposto da prono e cmq finito l'attacco il pg si rialza 3m piu lontano da me, o deve compiere nuovamente una azione di movimento perchè la sua è stata interrotta dalla spinta?

Link to comment
Share on other sites

Non ha nessun senso, se è prono non provoca AdO. Li provoca invece se si rialza

No, li provoca se tenta di rialzarsi. Il fatto di rialzarsi avviene dopo l'ado.

e se lo fa allora è in piedi e non prono. Ergo, se è in piedi lo puoi stendere ancora con un AdO per sbilanciare se hai ancora possibilità di farlo. Senza il talento riflessi in combattimento, è concesso solo un AdO a round.

Conosciamo tutti il talento riflesis in combattimento. Rialzarsi provoca un singolo ado, e rialzandosi non si può essere sbilanciati, ne di conseguenza essere sbattuti a terra proni. Se vuoi confutare questa cosa, porta le regole. Che abbiano senso o meno sono così.

Link to comment
Share on other sites

No, li provoca se tenta di rialzarsi. Il fatto di rialzarsi avviene dopo l'ado.

Conosciamo tutti il talento riflesis in combattimento. Rialzarsi provoca un singolo ado, e rialzandosi non si può essere sbilanciati, ne di conseguenza essere sbattuti a terra proni. Se vuoi confutare questa cosa, porta le regole. Che abbiano senso o meno sono così.

Non so forse non ci capiamo, provo diversamente a spiegare le regole in questione. Ad ogni modo non mi sto inventando niente, metto tutti i riferimenti alle regole come da te richiesti per una facile consultazione.

Il fatto stesso di rialzarsi, è scritto chiaramente nello stato "prono" del GdM a pag 301 (già citato in questo thread), è un'azione di movimento che provoca un AdO. Fin qui penso non si possa obiettare. E' una regola chiara.

A questo punto vediamo cosa succede con l'AdO che il PG ha provocato "rialzandosi".

Nel MdG a pag 137-138 dice [cito testualmente]che un AdO "spezza" la normale sequenza delle azioni nel round. Un AdO va risolto subito, non appena viene provocato, per poi proseguire con il turno successivo del personaggio (o completare l'attacco corrente, se l'AdO è avvenuto nel bel mezzo del turno di un giocatore).

Anche qui la regola è chiara. Il PG 1 è prono e nel turno successivo può usare un'azione di movimento per rialzarsi. Se usa questa azione di movimento, si applica la regola dell'AdO.

Mettiamo che lo faccia. Il regolameneto dice che a questo punto il PG 2 può usare un attacco in mischia subito dopo l'azione di movimento del PG1 e prima che il PG 1 possa utilizzare la sua azione normale.

Ergo,il PG 2 può colpire con la sua arma preferita (se lo vuole) con un attacco in mischia il PG 1, con il BA massimo. Ma non solo.

Può anche usare un attacco speciale come disarmare, sbilanciare o spezzare, in quanto, tutti e tre possono essere usati al posto di un "attacco in mischia" (MdG da pag 155 in poi).

Da qui si evince che il PG 2 può sbilanciare con un AdO il PG 1. Se vince la prova contrapposta, il PG 1 cade "prono" a terra.

Qui termina l'AdO del PG 2 e si riprende il normale svolgimento del round del PG 1 che era stato interrotto dall'AdO del PG 2.

Al PG 1 è rimasta ancora un'azione standard da compiere, quindi, anche se da terra e con il -4 a colpire, può attaccare il PG 2.

E qui termina il turno del PG 1, che all'inizio del successivo round sarà ancora "prono", ma potrà usare una sua azione di movimento per rialzarsi, rimettendo in moto tutto quello che abbiamo già detto.

Spero che spiegato così possa essere chiaro a cosa mi stavo riferendo.

Link to comment
Share on other sites

Allora ti faccio una domanda.

Io mi trovo entro la tua area minacciata, tu sei una creatura media con arma normale.

Decido di muovermi e nel farlo lascio la tua area minacciata, facendo scattare un attacco di opportunità.

Secondo te, il tuo attacco di opportunità si risolve dopo che la mia azione di movimento si è già conclusa. Allora come fai a colpirmi visto che non sono più entro la tua portata?

Pensaci bene. Se tu cerchi di sbilanciare uno che sta uscendo dalla tua area minacciata, allora significa che non puoi sbilanciare un prono che si rialza. Se invece puoi sbilanciare un prono che si rialza, non puoi sbilanciare uno che sta uscendo dalla tua area di minaccia.

Infatti l'attacco di opportunità o avviene prima del movimento che la provoca, o avviene dopo.

Link to comment
Share on other sites

Non so forse non ci capiamo, provo diversamente a spiegare le regole in questione. Ad ogni modo non mi sto inventando niente, metto tutti i riferimenti alle regole come da te richiesti per una facile consultazione.

Sia chiaro: non ti chiedo i riferimenti perchè non li voglio cercare. Te li chiedo perchè, se si parla di regole, bisogna essere sempre in grado di sostenere ciò che si dice con le regole.

Il fatto stesso di rialzarsi, è scritto chiaramente nello stato "prono" del GdM a pag 301 (già citato in questo thread), è un'azione di movimento che provoca un AdO. Fin qui penso non si possa obiettare. E' una regola chiara.

Corretto.

A questo punto vediamo cosa succede con l'AdO che il PG ha provocato "rialzandosi".

Nel MdG a pag 137-138 dice [cito testualmente]che un AdO "spezza" la normale sequenza delle azioni nel round. Un AdO va risolto subito, non appena viene provocato, per poi proseguire con il turno successivo del personaggio (o completare l'attacco corrente, se l'AdO è avvenuto nel bel mezzo del turno di un giocatore).

Anche qui la regola è chiara. Il PG 1 è prono e nel turno successivo può usare un'azione di movimento per rialzarsi. Se usa questa azione di movimento, si applica la regola dell'AdO.

Corretto.

Mettiamo che lo faccia. Il regolameneto dice che a questo punto il PG 2 può usare un attacco in mischia subito dopo l'azione di movimento del PG1 e prima che il PG 1 possa utilizzare la sua azione normale.

Errato. Lo hai citato tu sopra: un ado va risolto usbito nel momento in cui viene provocato. E ti dirò di più: l'ado si conclude PRIMA dell'azione che lo provoca. Comincia dopo, ma si risolve e conclude prima. Che è il motivo per cui se subisci un ado mentre stai castando devi fare la prova di concentraizone. Se tu avessi ragione, il tuo raigonamento si applicherebbe a OGNI ado, ergo un mago che casta, subirebbe ado DOPO aver completato l'azione standard per il lancio, cosa che non richiederebbe un tiro di ocncentrazione. Tornando a noi, dicevamo che l'ado va risolto nel momento in cui viene provocato. Io lo provoco nel momento in cui mi sto rialzando, ma viene risolto prima che la mia azione di movimento sia finita. Ovvero, non lo fai SUBITO DOPO l'azione di movimento, ma DURANTE. Altrimenti, se tu avessi raigone, io potrei passare in un quadretto da te minacciato, provocare ado, e continuare dritto, e solo a fine movimento subire un ado che tu non potresti fare a causa della distanza. Quindi, se lo fai durante il movimento, io mi sto ancora rialzando. A livello meccanico, allora, sarei un po' in piedi e un po' prono, cosa che non è gestibile in maniera sensata meccnaicamente. Per cui, la soluzione adottata strizza l'occhio al bilanciamento: finchè non ti sei rialzato, ossia fino alla fine della tua azione di movimento impiegat aper rialzarti sei ancora prono. In questo modo hai ancora le penalità per essere prono durante gli ado, ma al contempo si evita di sbilanciarti di continuo rendendoti inutile.

Ergo,il PG 2 può colpire con la sua arma preferita (se lo vuole) con un attacco in mischia il PG 1, con il BA massimo. Ma non solo.

Esatto, può anche disarmare, o entrare in lotta, e un sacco di altre cose.

Può anche usare un attacco speciale come disarmare, sbilanciare o spezzare, in quanto, tutti e tre possono essere usati al posto di un "attacco in mischia" (MdG da pag 155 in poi).

Da qui si evince che il PG 2 può sbilanciare con un AdO il PG 1. Se vince la prova contrapposta, il PG 1 cade "prono" a terra.

Corretto, tranne che come ho dimostrato sopra, non può sbilanciarlo.

Qui termina l'AdO del PG 2 e si riprende il normale svolgimento del round del PG 1 che era stato interrotto dall'AdO del PG 2.

Al PG 1 è rimasta ancora un'azione standard da compiere, quindi, anche se da terra e con il -4 a colpire, può attaccare il PG 2.

E qui termina il turno del PG 1, che all'inizio del successivo round sarà ancora "prono", ma potrà usare una sua azione di movimento per rialzarsi, rimettendo in moto tutto quello che abbiamo già detto.

Spero che spiegato così possa essere chiaro a cosa mi stavo riferendo.

Ma guarda che era chiarissimo anche prima. Ed è sbagliato esttamente come prima. Anche perchè, ti faccio una domanda. L'ado di cui parli, a parte tutto quello che ho detto sopra, quando lo subisco per rialzarmi, ho oppure no il -4 alla ca? Se la tua risposta è si, e non vedo ocme possa essere altrimenti, perchè ce l'ho se non sono prono?

Allora ti faccio una domanda.

Io mi trovo entro la tua area minacciata, tu sei una creatura media con arma normale.

Decido di muovermi e nel farlo lascio la tua area minacciata, facendo scattare un attacco di opportunità.

Secondo te, il tuo attacco di opportunità si risolve dopo che la mia azione di movimento si è già conclusa. Allora come fai a colpirmi visto che non sono più entro la tua portata?

Ottimo. Great minds think alike.

Link to comment
Share on other sites

Sia chiaro: non ti chiedo i riferimenti perchè non li voglio cercare. Te li chiedo perchè, se si parla di regole, bisogna essere sempre in grado di sostenere ciò che si dice con le regole.

Non vorrei gettare benzina sul fuoco, ma questo io l'ho fatto (di riportare i riferimenti che tutti possono ricercare e leggere) per chiarire la situazione, non certo per infiammare una discussione. E al tempo stesso però vorrei che, gentilmente, mi riportaste le regole che affermano il contrario. Cioè che chi è prono e si alza non può essere sbilanciato.

Io ho sostenuto la mia tesi e ho citato solo i manuali perché non conosco le FAQ, quindi se le FAQ rielaborano il concetto dello stato "alzarsi", è possibile che abbiate ragione entrambi. Ma stando al regolamento ufficiale (senza faq), il concetto è differente da come sostenuto da voi.

Errato. Lo hai citato tu sopra: un ado va risolto usbito nel momento in cui viene provocato. E ti dirò di più: l'ado si conclude PRIMA dell'azione che lo provoca. Comincia dopo, ma si risolve e conclude prima. Che è il motivo per cui se subisci un ado mentre stai castando devi fare la prova di concentraizone. Se tu avessi ragione, il tuo raigonamento si applicherebbe a OGNI ado, ergo un mago che casta, subirebbe ado DOPO aver completato l'azione standard per il lancio, cosa che non richiederebbe un tiro di ocncentrazione. Tornando a noi, dicevamo che l'ado va risolto nel momento in cui viene provocato. Io lo provoco nel momento in cui mi sto rialzando, ma viene risolto prima che la mia azione di movimento sia finita. Ovvero, non lo fai SUBITO DOPO l'azione di movimento, ma DURANTE. Altrimenti, se tu avessi raigone, io potrei passare in un quadretto da te minacciato, provocare ado, e continuare dritto, e solo a fine movimento subire un ado che tu non potresti fare a causa della distanza. Quindi, se lo fai durante il movimento, io mi sto ancora rialzando. A livello meccanico, allora, sarei un po' in piedi e un po' prono, cosa che non è gestibile in maniera sensata meccnaicamente. Per cui, la soluzione adottata strizza l'occhio al bilanciamento: finchè non ti sei rialzato, ossia fino alla fine della tua azione di movimento impiegat aper rialzarti sei ancora prono. In questo modo hai ancora le penalità per essere prono durante gli ado, ma al contempo si evita di sbilanciarti di continuo rendendoti inutile.

No non è errato, stai sbagliando perché non puoi interpretare le regole di AdO solo perché non tornano nella realtà (ma sai quante ce ne sono) e risultano insensate, come dici. Quando la regola dice che "spezza la normale seguenza di azioni", dice che il round del PG che è composto da movimento+azione standard (o viceversa) si ferma. Il mago che casta non c'entra nulla in questo caso, non è che subisce un AdO perché sta usando la sua azione di movimento, ma perché sta usando la sua azione standard o di round completo per castare. Il "castare" provoca da solo un AdO, è considerata anche un'azione di distrazione (MdG pag 137), questo non potete metterlo in dubbio. Nell'AdO ci sono eccezioni, come per esempio il mago che casta, talenti o capacità del PG specifiche. Mi sa che stai facendo un po' di confusione con il mago. Non finisce di castare e poi subisce l'AdO, ma subisce prima l'AdO mentre sta castando. Questo è sempre da regolamento, se vuoi ti posto l'intera regola sul MdG. Successivamente ad un AdO, può continuare a castare, dove è scritto che un mago che subisce un AdO non può castare? Certo che può farlo, però deve superare un tiro su concentrazione (con CD incrementata dalla quantità di danni subiti) per vedere se non perde l'incantesimo. In alternativa può castare sulla difensiva, facendo prima un tiro su concentrazione. Ma lasciamo stare il mago, che non c'entra nulla in questo caso e confonde ancora di più la situazione. C'è un altra discussione sul castare, magari parliamone lì, visto che ci sono anche degli esempi che con la realtà non tornano proprio.

Per riprendere il discorso, non bisogna per forza interpretare le regole, basta seguire quello che dicono, sono state fatte per questo. Anche se ciò può sembrarci strano. Se proprio non vi va giù, si possono adottare delle home rule per adattare il regolamento secondo le proprie esigenze. Ma non è questo il caso, perché è di regolamento ufficiale che si parla.

Se è il movimento a causare un AdO, è il round e non il movimento per il PG che l'ha provocato, che si ferma. La regola non dice che il movimento si ferma, ma che si subisce un attacco di opportunità se si fa il movimento di alzarsi. Quindi si inizia e si finisce l'attacco in mischia del PG che può farlo e poi il PG che ha causato l'Ado continua con il resto del suo round.

Non bisogna fraintendere questo punto, se no si va sul grottesco. Per rispondere anche a D@rK-SePHiRoTH- dico che il PG si becca l'AdO perché lo dicono le regole, e anche se nella realtà risulta strano, la risposta è sì, continui a muoverti mentri ti becchi l'AdO e finisci nel quadretto che avevi deciso prima di beccarti l'AdO, almeno che l'AdO non uccida il PG. In quel caso muore lì dove ha subito l'AdO.

Se riportate le regole di D&D nella realtà, non tornano un sacco di cose, non per questo bisogna interpretare le regole secondo un diverso utilizzo (almeno senza delle HR). Mi viene in mente una palla di fuoco sparata in mischia, secondo il tuo ragionamento, perché un PG impegnato in un combattimento in mischia deve fare un tiro sui riflessi senza subire un AdO dal nemico? Non funzionerebbe nemmeno eludere, perché altrimenti si deve distrarre per spostarsi in qualche modo. D'altra parte è un tiro su riflessi che implica movimento e non su tempra che invece può cercare di resistere con il suo temperamento. Ma non è così che funzionano le regole sugli incantesimi.

Quindi, leggendo alla lettera il regolamento, non è specificato in nessuna voce che chi è prono e si rialza (la regola dice si rialza e non "tenta di rialzarsi", il che implica che è già in piedi) non possa essere sbilanciato, sempre se non ci sono FAQ specifiche che cambiano le regole del MdG e della GdM.

D&D è così, ci sono regole che rispecchiano esattamente la realtà e altre che invece la cambiano. Ma difficilmente le si possono interpretare a proprio piacimento. E' un mondo di fantasia e non è reale, e tale deve rimanere. Sempre che non decidiate di trasporlo esattamente nella realtà, adottando però un sacco di HR. Esempio: perché un guerriero dovrebbe combattere al suo 100% anche con un 1 solo punto vita? Nella realtà, quando si è così vicini alla fine da poterla toccare con mano, a 1 punto vita, probabilmente si ha già perso l'uso di un'arto o anche di tutti, il dissanguamento e il dolore ci penalizzerebero al punto da essere messi al tappeto da un bambino, i nostri riflessi sarebbero azzerati e probabilmente non ci vedremmo nemmeno i nostri piedi. Eppure tutti questi malus non si applicano in D&D, dovremmo?

Link to comment
Share on other sites

Non vorrei gettare benzina sul fuoco, ma questo io l'ho fatto (di riportare i riferimenti che tutti possono ricercare e leggere) per chiarire la situazione, non certo per infiammare una discussione. E al tempo stesso però vorrei che, gentilmente, mi riportaste le regole che affermano il contrario. Cioè che chi è prono e si alza non può essere sbilanciato.

Io ho sostenuto la mia tesi e ho citato solo i manuali perché non conosco le FAQ, quindi se le FAQ rielaborano il concetto dello stato "alzarsi", è possibile che abbiate ragione entrambi. Ma stando al regolamento ufficiale (senza faq), il concetto è differente da come sostenuto da voi.

Questo lo sostieni tu.

No non è errato, stai sbagliando perché non puoi interpretare le regole di AdO solo perché non tornano nella realtà (ma sai quante ce ne sono) e risultano insensate, come dici. Quando la regola dice che "spezza la normale seguenza di azioni", dice che il round del PG che è composto da movimento+azione standard (o viceversa) si ferma.

Quello che si può fare in un round è un conto. Sei tu che mi devi dimostrare che non si può agire durante l'una o l'altra delle due azioni. E sei ancora tu che mi devi dimostrare che durante un attacco completo, la suddivisione del round continui a essere quella. Se io ho 5 attacchi e durante il mio attacco completo (che non è un'azione standard+movimento, ma un'azione di roun completo), faccio una prova di lotta, e non ho lottare migliorato, quando me lo fai l'ado? Alla fine della mia azione di movimento, o di quella standard? E se sto facendo 5 attacchi, dove finisce una e inizia l'altra?

Il mago che casta non c'entra nulla in questo caso,

Questo lo dici tu. Le regole devono essere omogenee.

non è che subisce un AdO perché sta usando la sua azione di movimento, ma perché sta usando la sua azione standard o di round completo per castare.

Ma per favore, dai. Il mago sta castando. E' quello che provoca ado. Esattamente come il fatto di rialzarsi provoca ado. Non c'entra l'azione che sta usando. Se non sei in grado di comprenderlo, spiacente, ma qualcosa non va.

Il "castare" provoca da solo un AdO, è considerata anche un'azione di distrazione (MdG pag 137), questo non potete metterlo in dubbio.

Non lo sto mettendo in dubbio. Leggi ciò che scrivo.

Nell'AdO ci sono eccezioni, come per esempio il mago che casta, talenti o capacità del PG specifiche. Mi sa che stai facendo un po' di confusione con il mago. Non finisce di castare e poi subisce l'AdO, ma subisce prima l'AdO mentre sta castando. Questo è sempre da regolamento, se vuoi ti posto l'intera regola sul MdG.

Ti sembrerà strano, ma se tu leggessi ciò che scrivo ti accorgeresti che è la stessa cosa che ho detto.

Successivamente ad un AdO, può continuare a castare, dove è scritto che un mago che subisce un AdO non può castare? Certo che può farlo, però deve superare un tiro su concentrazione (con CD incrementata dalla quantità di danni subiti) per vedere se non perde l'incantesimo. In alternativa può castare sulla difensiva, facendo prima un tiro su concentrazione. Ma lasciamo stare il mago, che non c'entra nulla in questo caso e confonde ancora di più la situazione. C'è un altra discussione sul castare, magari parliamone lì, visto che ci sono anche degli esempi che con la realtà non tornano proprio.

Non c'è da parlarne. Mi sento profondamente offeso dal tuo travisamento della mia esposizione.

Per riprendere il discorso, non bisogna per forza interpretare le regole, basta seguire quello che dicono, sono state fatte per questo. Anche se ciò può sembrarci strano. Se proprio non vi va giù, si possono adottare delle home rule per adattare il regolamento secondo le proprie esigenze. Ma non è questo il caso, perché è di regolamento ufficiale che si parla.

Se è il movimento a causare un AdO, è il round e non il movimento per il PG che l'ha provocato, che si ferma. La regola non dice che il movimento si ferma, ma che si subisce un attacco di opportunità se si fa il movimento di alzarsi. Quindi si inizia e si finisce l'attacco in mischia del PG che può farlo e poi il PG che ha causato l'Ado continua con il resto del suo round.

Non bisogna fraintendere questo punto, se no si va sul grottesco.

Santo pelor. Qui l'unico che fraintende sei tu.

Punto 1: da NESSUNA parte sta scritto che l'ado viene fatto alla fine dell'azione di movimento, perchè non solo non è vero, ma l'ado dipende dal tipo di azione. Non è il movimento in se a provocare ado, ma il dove ci si muove.

Punto 2: ti rifaccio la domanda, vediamo se rispondi. Se io mi rialzo, e tu mi fai l'ado, io ho penalità alla ca?

Punto 3: l'ado viene risolto IMMEDIATAMENTE, non alla fine del movimento. Lo hai pure scritto.

Per rispondere anche a D@rK-SePHiRoTH- dico che il PG si becca l'AdO perché lo dicono le regole, e anche se nella realtà risulta strano, la risposta è sì, continui a muoverti mentri ti becchi l'AdO e finisci nel quadretto che avevi deciso prima di beccarti l'AdO, almeno che l'AdO non uccida il PG. In quel caso muore lì dove ha subito l'AdO.

No, non hai capito la domanda. Io passo accanto provocando l'ado. TU stai dicendo che l'ado avviene alla fine del movimento. Se io termino il movimento fuori della tua portata, l'ado me lo fai comunque e comunque alla fine del movimento? Io spero che la uta risposta qui non voglia sottendere un "si, ti muovi, termini il movimento, e poi anche se sei fuori portata ti becchi l'ado, così se il tuo pg crepa, muori a distanza".

Anzi, guarda, ti faccio lo schema:

OO1O

OO2O

OAO3

OOO4

OOO5

Tu sei A. Io mi muovo in sequenza da 1 a 5. Nel passaggio da 2 a 3 provoco ado, ma il mio movimento termina a 5. L'ado me lo fai quando arrivo in quale quadretto?

Se riportate le regole di D&D nella realtà, non tornano un sacco di cose, non per questo bisogna interpretare le regole secondo un diverso utilizzo (almeno senza delle HR).

Questo lo stai facendo tu, ragazzo mio. Nessuno porta le regole di dnd nella realtà, e nessuno forza le interpretaizoni.

Mi viene in mente una palla di fuoco sparata in mischia, secondo il tuo ragionamento, perché un PG impegnato in un combattimento in mischia deve fare un tiro sui riflessi senza subire un AdO dal nemico? Non funzionerebbe nemmeno eludere, perché altrimenti si deve distrarre per spostarsi in qualche modo. D'altra parte è un tiro su riflessi che implica movimento e non su tempra che invece può cercare di resistere con il suo temperamento. Ma non è così che funzionano le regole sugli incantesimi.

Quindi, leggendo alla lettera il regolamento, non è specificato in nessuna voce che chi è prono e si rialza (la regola dice si rialza e non "tenta di rialzarsi", il che implica che è già in piedi) non possa essere sbilanciato, sempre se non ci sono FAQ specifiche che cambiano le regole del MdG e della GdM.

FAQ che cambiano le regole? O mio dio. Ma tu lo sai che le FAQ non possono cambiare le regole?

D&D è così, ci sono regole che rispecchiano esattamente la realtà e altre che invece la cambiano. Ma difficilmente le si possono interpretare a proprio piacimento. E' un mondo di fantasia e non è reale, e tale deve rimanere. Sempre che non decidiate di trasporlo esattamente nella realtà, adottando però un sacco di HR. Esempio: perché un guerriero dovrebbe combattere al suo 100% anche con un 1 solo punto vita? Nella realtà, quando si è così vicini alla fine da poterla toccare con mano, a 1 punto vita, probabilmente si ha già perso l'uso di un'arto o anche di tutti, il dissanguamento e il dolore ci penalizzerebero al punto da essere messi al tappeto da un bambino, i nostri riflessi sarebbero azzerati e probabilmente non ci vedremmo nemmeno i nostri piedi. Eppure tutti questi malus non si applicano in D&D, dovremmo?

E cosa c'entra?

Tu stai dicendo che un ado avvene alla fine di un'azione di movimento perchè non sei in grado di concepire il fatto che "spezza la normale sequenza di un round" può voler dire anche DURANTE quell'azione.

Link to comment
Share on other sites

la regola dice si rialza e non "tenta di rialzarsi", il che implica che è già in piedi
Rialzarsi per te è la stessa cosa di essersi rialzato?

Visto che

Two kinds of actions can provoke attacks of opportunity: moving out of a threatened square and performing an action within a threatened square.
l'azione di rialzarsi è un'azione "distraente" alla stregua del castare o di colpire senz'armi (senza talento), il fatto che sia di "movimento" non cambia niente a livello di regole.

Come puoi (con ragione) voler affermare che l'attacco si subisce già rialzati (azione compiuta), ma:

se casto no (visto che l'incantesimo non è ancora partito);

se colpisco senz'armi no (visto che il pugno non l'ho tirato.

E come già fattoti osservare anche per uscire dall'area minacciata, l'Ado avviene prima del movimento (visto che se muoio resto nel quadretto di partenza).

Altro: Giak74 tu scrivi troppo e porti all'OT.

Non puoi, ad esempio, accennare al TS sui riflessi, visto che su vari post è stato ricordato come il TS considera anche una componente di "fortuna".

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By MadLuke
      AS. 'Sto talento ce l'ho in testa da quando da piccolo vidi "La stella della Senna" (un episodio in cui finché non arrivò il Tulipano Nero a darle manforte, le buscò di santa ragione)
      GRAPPLING WHIP
      Puoi entrare in lotta utilizzando una frusta.
      Requisiti: BAB +1, Competenza armi esotiche (Frusta)
      Beneficio: quando effettui un attacco con la frusta puoi scegliere se compiere una prova per entrare in lotta. La prova contrapposta si esegue utilizzando le normali regole per entrare in lotta eccetto il fatto che il personaggio che attacca non provoca attacco di opportunità.
      Un personaggio in lotta con la frusta può eseguire le stesse azioni di uno in lotta disarmato, a meno delle seguenti indicazioni:
      Attaccare l’avversario: solo se il personaggio ha a disposizione un un’altra arma nell’altra mano la cui portata sia sufficiente a raggiungere l’avversario;
      Danneggiare l’avversario: non è possibile;
      Estrarre un’arma leggera: è possibile senza effettuare alcuna prova di Lotta;
      Interrompere la lotta: il personaggio può interrompere la lotta semplicemente lasciando la frusta;
      Muoversi: è possibile avvicinarsi liberamente all’avversario, oppure girare intorno ad esso mantenendo la stessa distanza, senza effettuare alcuna prova. E’ possibile tirare l’avversario verso di sé effettuando con successo una prova di Lotta;
      Immobilizzare l’avversario: non è possibile;
      Usare l’arma dell’avversario: non è possibile.
      Normale: la frusta non può essere utilizzata per eseguire un tentativo di Lottare.
    • By elryn
      Sul manuale delle miniature c'è il talento Colpo Duplice (Double Hit) che permette ad un combattente che usa due armi di colpire con entrambi quando effettua un attacco di opportunità. Se ho capito bene l'attacco extra dato da questo talento non dovrebbe contare nel numero di attacchi quindi se il mio pg ha 4 attacchi di opportunità (grazie a Riflessi in Combattimento che deve avere perché è un prerequisito di Colpo Duplice) può fare in un round 4 attacchi con entrambi le armi (ovviamente se i nemici li provocano).
      Sul numero 340 di Dragon è stato pubblicato il talento Improved Combat Reflexes che permette di fare due attacchi di opportunità quando si ha una singola occasione. Per spiegarmi meglio se un nemico causa un attacco di opportunità con questo talento posso fargli due attacchi. Però consumo due attacchi di opportunità ed il secondo attacco ha un -5 al TxC. Credo che non tutti possano avere accesso al testo di questo talento ma non so se posso scriverlo integralmente qui.
      La mia domanda è: posso usare i due talenti insieme? Se un avversario causa un attacco di opportunità io gli farei un primo attacco con entrambi le armi con il normale malus per il combattimento con due armi e poi altri due attacchi con un ulteriore malus di -5 consumando in totale due attacchi di opportunità.
      Sembra OP ma non sarebbe la cosa peggiore che ho visto :)
    • By Grappa
      Salve a tutti. Avrei bisogno di un chiarimento che non ho trovato da nessuna parte. Se io come druido mi trasformo in un animale grazie alla forma selvatica prendo i suoi talenti oltre che tenere i miei? 
      In più se io dalla mia razza per esempio ho un attacco naturale di morso, questo rimane in forma selvatica? E se il mostro ha sua volta il morso quale uso dei due? 
      Vi ringrazio
    • By MadLuke
      KEEP CALM [MENTAL]
      Requisiti: Concentrazione 5 gradi
      Beneficio: Quando devi eseguire una prova di abilità in una situazione che normalmente non consente di prendere 10, puoi eseguire una prova di Concentrazione CD 5 più la CD della prova richiesta. Se il check riesce, puoi assumere di aver preso 10 alla prova di abilità originaria, in caso d'insuccesso devi eseguire la normale prova.

      Esempio: i PG stanno combattendo alle spalle per dare modo al ladro del gruppo di tentare una prova di Open lock e poter così fuggire, la CD della prova è 18, e il ladro ha modificatore +10. Egli tuttavia dovrebbe comunque effettuare la prova per sapere se riesce. Sceglie invece di effetturare una prova di Concentrazione CD 18+5=23. Se la prova di Concentrazione riesce, allora può assumere di prendere 10 alla prova di scassinare serrature.
    • By federico1976berton@yahoo.i
      allora gente non saprei dove andare a sbattere la testa per questi dubbi:
      1 in ira posso fare furtivi?
      2 come potrebbe funzionare il furtivo con la capacità dell'ombra danzante di nascondersi in piena vista? mi spiego... parto da nascosto, attacco: standard o completo? posso scegliere quale dei due fare? se faccio standard sono abbastanza sicuro di potermi nascondere dopo l'attacco ma se lo facessi completo? 
      3 attacco e quindi torno visibile... diciamo che siamo già al 2° turno come posso sfruttare attacco rapido? nel senso di quanto sopra, cioè cosa posso fare? posso fare attacco completo sfruttando il muoversi prima dell'attacco, e l'attacco e poi sfruttare il muoversi dopo l'attacco per nascondermi? oppure sono sempre e per forza obbligato al solo attacco standard?
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.