Jump to content

About This Club

PbF sull'omonimo modulo
  1. What's new in this club
  2. Shelathan Der Purge (Umana chierica) La mia frusta sibila veloce e colpisce la mano del nemico che fa cadere il randello. Devo dire qualcosa di cazzuto. Devo dire qualcosa di cazzuto! penso tra me e me. Signori, non alzate i vostri manganelli sulla mezz'orca! Dico rendendomi conto troppo tardi che la frase uscita dalla mia bocca portava con se troppi doppi sensi.
  3. Redik Greenbottle (ladro halfling) Mi riesco a infilare tra le persone accalcate intorno alla rissa, per poi vedere che nella rissa c'è Shelatan. Shelatan? Ma perché si è infilata in mezzo? Non posso poi non notare il tatuaggio a forma di occhio. Poi sento dei suoni gutturali arrivare da quel grande pozzo che porta al Sottomonte...Non mi rimane altro che una cosa da fare, la più coraggiosa in queste circostanze: un passo indietro.
  4. Thodrak Glamnorr Sembra che la rissa si sia scatenata per futili motivi ed è improbabile che qualcuno tiri fuori una lama. Forse una distrazione abbastanza importante potrebbe dare abbastanza tempo per far raffreddare gli spiriti nel il gruppetto di rissosi. All'improvviso dalle profondità dall'entrata per Sottomonte di sente una voce orchesca urlare parole incomprensibili ai più per poi far partire un rimbombo di tamburo che va aumentando di volume costantemente come se si stia avvicinando. @chi capisce l'orchesco @dm
  5. Shelathan Der Purge Mi avvicino al gruppo rissoso e al primo che mi capita chiedo Scusa chi sono quei tizi con il tatuaggio a forma di occhio? Non faccio in tempo a finire la frase che vedo gli sgherri avvicinarsi con dei manganelli sulla mezz'orca. Le mani sono più veloci del pensiero, sganciano la frusta e già mi vedo mentre questa parte su uno dei manigoldi armati di manganello Hey! È uno scontro uno contro uno, questo!! Replico.
  6. Emmett Lathrop (gnomo artefice) Ovviamente la giovane nobile si dimostra più interessata a qualche livido, labbro spaccato o naso rotto; era assai scontato il risultato ma dovevo pur provare ad avvicianrla alla mia arte. "Certo, certo. Faccia come meglio crede." dico con ritrovata noncuranza mentre mi concentro sulla costruzione del mio accendifuoco anche se di tanto in tanto getto un orecchio alla rissa per accertarmi che la ragazza non si sia cacciata nei guai.
  7. Facendovi un po' largo tra i curiosi, almeno per chi ci prova, arrivate al vivo della rissa. La mezzorca sta tenendo l'uomo col tatuaggio dell'occhio in una presa al collo col braccio sinistro, mentre col destro lo prende a pugni sul naso. "Chi è il maiale? Eh? Sei tu il maiale!" Ogni parola è sottolineata da un cazzotto in faccia. Uno dei compari dell'uomo sta cercando di staccare l'amico dalla presa forzuta, gli altri tre hanno cacciato fuori dei piccoli manganelli e stanno per prendere la mezzorca alle spalle.
  8. Shelathan Der Purge Vedere i miei compagni che si comportano come al loro solito mi diverte molto ma non lo mostro così tanto quanto vorrei. La mia attenzione si sposta velocemente su una mezz'orca che vuoi spalmare un po' di umani tatuati per terra. La tentazione è grossissima e il mio tutore deve averlo capito perché mi sta già ammonendo. MA io VOGLIO ANDARCI. Così con la grazia che mi contraddistingue mi rivolgo a lui Professor Lathrop oramai mi conosce troppo bene. Ma se le promettessi di non farmi coinvolgere e di avvicinarmi solo per prestare le dovute cure? Posso io mancare a questa mia missione di donare le mie forze ai bisognosi? Chiedo alzandomi con grazia e andando già tra la folla dicendo Spazio! Lasciate spazio a chi dovrà curare le ferite!
  9. Emmett Lathrop (gnomo artefice) Il gioviale scontro fra lo gnomo ed il nano viene interrotto da una rissa vera e propria a poca distanza dal nostro tavolo. Un po' di avventori si sono già alzati ed affollano la zona circostante la rissa come spettatori ad un incontro di pugilato. Il beone gnomo incantatore ed il grasso halfling arraffone si uniscono in fretta alla folla. Io sono molto più interessato e concentrato a completare il mio gioiellino a forma di drago piuttosto che ad assistere una tipica scazzottata da taverna, probabilmente frutto dell'alcool. Ecco, devo proprio inventare quell'elisir contro l'ubriachezza, ne sono sempre più convinto. Intuendo la situazione alzo il naso guardando dritto negli occhi la mia allieva e le dico in tono un po' paternale e laconico: "Signorina Der Purge, so già che vorrà intromettersi per fermare la rissa. Le sconsiglio vivamente di farlo; piuttosto perché non resta seduta ed osserva la meraviglia che sto mettendo a punto?"
  10. Orynn Murnig (Gnomo Mago) "Rissa?" distolgo gli occhi dal nano e mi guardo intorno, saltando per oltrepassare con lo sguardo la marmaglia che va accalcandosi dove c'è l'azione. Infilo la mano nel taschino interno della veste e ne tiro fuori una palletta di pelo aranciata e ronfante. Con il dito tamburello la palletta "Nyx, sveglia... Rissa!" La palletta si distende istantaneamente sulle zampette posteriori e con gli occhietti comincia a guardarsi intorno, cercando il luogo dove si sta scatenando l'azione, mentre il suo naso da roditore cerca di sondare gli odori che aleggiano in quella locanda. Afferro un pezzetto di formaggio dal tavolo e glielo porgo. Lui lo afferra e se lo sgranocchia avidamente continuando a cercare l'azione. Vado per prendere il boccale di idromele quando quasi scivolo su di una pozza indefinita a terra, vicino al tavolo. "Ma che..." Noto che il boccale è vuoto e possono essere soltanto due le possibilità: qualcuno mi ha rubato la bevanda (con lo sguardo percorro i volti dei miei compagni, sospettoso) oppure l'ho già bevuto tutto e non me lo ricordo. Alla fine opto per una scrollata di spalle e mi precipito dall'oste. "Durnan, un'altra pinta di idromele e un altro pezzo di formaggio!" Consegno il formaggio al mio amico roditore e mi dirigo dondolante verso la mischia, tenendo lo sguardo sul boccale guizzante di idromele, sorretto da entrambe le mie mani, e cercando di non farne cadere nemmeno una goccia.
  11. Redik Greenbottle (ladro halfling) Aguzzo le orecchie e mi sfrego le mani felice. "Una rissa? Una rissa!! Permesso..." balzo a terra e comincio a passare intorno alle persone, sfruttando la mia stazza minuta. DM
  12. Siete talmente presi dalla vostra finta rissa, che per poco non vi perdete una rissa vera appena scoppiata pochi tavoli più in là. "E va bene, figli di un cane, vediamo cosa sapete fare..." Riuscite a stento a sentire una mezzorca schioccarsi le nocche prima di avventarsi su un uomo dalla testa rasata con un tatuaggio raffigurante un occhio sulla sommità del cranio. Dietro l'uomo, altri quattro compari sono pronti a dargli man forte contro la grossa mezzorca. Non saprete mai come andrà a finire, a meno che non vi facciate largo tra gli altri avventori: una bella folla si sta già radunando attorno allo scontro.
  13. Emmett Lathrop (gnomo artefice) Rido sinceramente alla scena, questi tizi sono davvero uno spasso. Ed il trucchetto messo in atto dal nano è stato molto arguto e pratico. Però è un peccato dover smettere o convincere gli altri a farlo quando si è esagerato; penso che prima o poi dovrò inventare un elisir contro l'ubriachezza. Penso farei anche una fortuna se riuscissi a distribuirlo in tutte le locande del continente. "Comunque a me piacerebbe proprio scendere nel Labirinto del Mago, però sono consapevole di essere ancora troppo in erba come avventuriero, per sperare di potermela cavare. Forse fra qualche tempo; un giorno sicuramente. Statene certi." dico con fare speranzoso e determinato mentre fisso l'ampio pozzo che funge da ingresso al dungeon di Sottomonte.
  14. Redik Greenbottle (ladro halfling) Strabuzzo gli occhi" Heeey" mi getto a terra con la bocca aperta per raccogliere tutto il prezioso nettare "Ma che problemi avete? Non si butta via il cibo, per Yondalla!"
  15. Thodrak Glamnorr Sospiro profondamente quando vedo il giovane gnomo alzarsi con fare bellicoso: C'è una parola nanica per definire quelli come te: Kruti! E non ha senso fare a pugni con un Kruti, non ne esce mai niente di buono, non ti dico poi alla mia età... - mentre parlo allo gnomo restando seduto pesantemente sullo sgabello, faccio un rapido gesto ruotando pollice e indice della mano destra: improvvisamente una mano spettrale fluttuante appare dietro allo gnomo e si dirige diretta al boccale lasciato incustodito sul tavolo. Con un solo gesto lo afferra, lo svuota per terra e lo riposa sul tavolo per poi svanire nel nulla com'era apparsa: probabilmente ha già bevuto abbastanza...
  16. Orynn Murnig (Gnomo Mago) "Un grosso topo? Ci vedo benissimo, caro Thodrak, e so ancora distinguere un goblin da un maledettissimo topo!" sbatto il calice sul tavolino versando qualche stilla di idromele. "Oppure stai insinuando che non so combattere?" salto giù dallo sgabello, mi rimbocco le maniche della veste e alzo i pugni parodisticamente, saltellando sui piedi con un ghigno stampato in volto. "Forza, Nano, fammi vedere quello che sai fare!"
  17. Redik Greenbottle (ladro halfling) Ridacchio "Io là dentro non ci entrerei neanche per mille dragoni!"
  18. Thodrak Glamnorr (Stregone Nano) Aspetto: Goblin uscito dai cespugli dici? - chiedo fissando lo gnomo con sguardo perplesso - Sicuro non fosse solo un grosso topo? Mi sono ormai abituato ad avere gnomi ed halfling intorno e devo ammettere che è piacevole ogni tanto avere qualcuno da guardare dall'alto verso il basso, ma hanno senz'altro la tendenza a distaccarsi dalla realtà e a far viaggiare un po' troppo la fantasia. Non mi stupirebbe se tra un altro paio di bicchieri di idromele quel goblin del racconto si trasformasse in un dragone sputafuoco. Faccio un altro profondo sorso dal boccale di birra e mi consolo pensando che almeno il luppolo in questa parte del mondo da vita ad un prodotto di qualità ottima e non vedo l'ora di provarmi a cimentare con la produzione delle materie prime locali. E vorresti scacciare qulche goblin? Infilati lí dentri, no? Avresti anche un bel tifo da parte degli avventori! Magari torni con qualche moneta d'oro come i tizi che ne sono usciti vivi la settimana scorsa...
  19. Orynn Murnig (Gnomo Mago) "Beh, che storia. Che storia! Devi farmi assolutamente odorare quella fialetta." "Se l'era meritato sì!", rispondo alla bellissima, e alta quanto due me e mezzo, Shelathan, mentre con la mano mi liscio uno dei due enormi baffi a manubrio del colore della mia veste. "Scommetto che anche voi avete passato delle stupende avventure. Deliziateci pure." alzo una mano per interromperla e percorro con lo sguardo tutti quelli seduti attorno al tavolo. "E se andassimo a scacciare qualche goblin tutti assieme?" i miei occhi azzurri brillano alla proposta per poi tornare a contatto con quelli della chierica. "Chiedo venia per l'interruzione fuori luogo. Prego, continuate pure."
  20. Emmett Lathrop (gnomo di roccia artefice) "Prendi pure." dico distrattamente all'halfling affamato avvicinandogli il piatto mezzo finito, preso come sono dai racconti di Orynn e Redik. Queste storie mi intrigano sempre parecchio e possono sempre essere una utile fonte di informazioni od idee per delle nuove invenzioni o delle migliorie a quelle già inventate. Nel mentre sto finendo di costruire il mio ultimo gioiellino: un accendifuoco a forma di piccolo drago che genera una piccolissima fiamma, come quella di un fiammifero, dal sedere fintanto che si tiene premuto il tasto di accensione celato nella pancia. Utile, e spassosissimo perlomeno tanto quanto i raccontoi dei miei compagni di tavola. E forse altrettanto inventato, sorrido sornione fra me e me, considerando quanto agli avventurieri piaccia raccontare le proprie imprese o come queste spesso siano ingigantite o rimodellate per far fare sempre bella figura. Però restano comunque degli spunti interessanti e sono davvero felice di stare seduto con loro in un posto così eccitante. Se penso a quante avventure e scoperte potrei mettere a punto se riuscissi a fare ritorno dal Labirinto di Sottomonte. Descrizione
  21. Redik Greenbottle (ladro halfling) "Ahahah" rispondo, mentre sbrano un cosciotto di pollo, ridendo con la bocca piena "Ahahah...e fhoi? È fhuffeffo alfro?" continuo, tracannando la birra in un solo sorso "Bonnie? Me ne porteresti ancora?" D'altronde, cosa potreste mai aspettarvi che faccia un halfling di strada che ha sempre vissuto arrabattandosi con quello che "trovava"? Abiti logori, degli spallacci sgangherati di cuoio che non vanno pari neanche a parlarne, tasche profondissime e una passione dirompente per il cibo. "È una storia divertentissima, sì sì. Se l'è meritato! Mi ricorda quella volta in cui provai a infiltrarmi in un paio di rovine fuori città...Niente di terribile, sia chiaro. Mi avevano dato una mappa certissimi che avrei trovato roba utile! Utile...Rivendibile. Buon prezzo." nel mentre riprendo a mangiare vedendo che ci portano ancora delle costolette, ne prendo due ma magicamente ne ho una sola nel piatto. "Vabbè, fatto sta che mi infilo tra queste rovine e sono lì a controllare una fialetta che ho trovato che profumava di fiori no? A un certo punto sento un clangore dietro di me e mi ritrovo uno scheletro che mi fissa, spada alla mano. Sul momento mi son ca*ato addosso eh, ho perso quasi 5 chili, ma gli son passato tra le gambe, gli ho preso un femore e l'ho usato per pararmi dalla sua spada e poi quando è caduto come un sacco di patate me la sono filata ahahahah miglior gita fuori porta di sempre! Alla fine me ne sono andato con questa fialetta che ha sempre un profumo diverso e due strani flauti che non suonano, ma che giornata!" Osservo un po' il tavolo e vedo chi non pare stia mangiando granché "Lo finisci quello?" DM
  22. Shelathan Der Purge (Chierica umana) Seduta con la chioma biondo-platino che mi scende di lato in una coda dal nodo basso. Il mio viso è candido, elegante e fine come ci si potrebbe aspettare da una tipica dama di corte, tuttavia la mia giubba sopra l'armatura dello stesso colore dei miei pantaloni suggeriscono che non mi diletto in balletti e buffet. Giochicchio con il mio calice di birra, mentre la mia gamba sinistra, accavallata sulla destra, ogni tanto picchietta con il tallone il fodero del mio stocco. Sull'altro lato del fianco una frusta è ben arrotolata e agganciata alla cintura da cui si vede anche il fodero di un pugnale. Sorrido sorseggiando il mio calice di birra Lo sporco goblin se lo è meritato! Rispondo con eleganza incurante del fatto che i miei modi cozzano in maniera del tutto dissonante con il mio modo di parlare.
  23. Orynn Murnig (Gnomo Mago) Torno con passo dondolante dagli altri e in mano un boccale sbordante di idromele; lo poggio sul tavolo e mi isso sullo sgabello. "Quindi ero poco più in là della fattoria..." riprendo il discorso come se non ci fosse stata alcuna interruzione "e da dietro un cespuglio fa capolino un goblin." Prendo una profonda sorsata e allargo le braccia, facendo riapparire dalla veste troppo lunga, marrone e dalle cuciture dorate, le mie mani fino a quel momento nascoste nelle maniche. "La faccia di quel coso era grossa così per via delle sue orecchie. Ma... ho puntato il mio dito contro di lui e BAM! Dovevate vederlo. Non riesci più a correre così velocemente eh, goblinuccio?" Sghignazzo e prendo un'altra sorsata, tutto soddisfatto.
  24. Il fato, le vicissitudini della vita o il semplice fatto di essere nati qui. Questi sono i motivi per cui vi ritrovate a Waterdeep, in questa tiepida primavera. Sembra passato davvero un'eternità da quando Redik venne beccato da Shelatan alla mensa dei poveri del tempio, mentre cercava di prendere qualche porzione extra. Per fortuna, la donna aveva poco interesse in furtarelli minori, ma da quel giorno lo prese in simpatia, e di tanto in tanto si sono visti per una birra, o una serata allegra. Alla guerriera piaceva ascoltare i racconti dell'halfling, parlava di una parte di città che non conosceva benissimo, e di cui era curiosa. Un po' meno curiosa di ingranaggi e altre modernità, a dire il vero, ma il padre aveva insistito perché ne imparasse quantomeno i rudimenti, e le aveva trovato anche un riluttante mentore, Emmeth, uno gnomo venuto da Lantam. Tra i due si era creato un tacito accordo: a lei non interessava tanto imparare, ed Emmett si limitava al minimo indispensabile, ma ad entrambi interessava che il padre di Sheltan non lo venisse a sapere. Passavano quindi le serate più a bere e parlare del più e del meno invece di fare le lezioni pattuite, insieme all'halfling, e sovente si univa loro anche Thodrak, un nano commerciante di birra che aveva stretto amicizia con Emmeth sulla nave da Lantam. A completare il gruppetto c'era Orynn, un altro gnomo venuto con la stessa nave di Emmeth e Thodrak, giunto a Waterdeep per approfondire la propria conoscenza della magia, e che aveva trovato in quel gruppetto così eterogeneo un interessante spunto per il suo addestramento: c'era una combattente esperta, un furfante di strada, un artefice ed uno stregone: cosa poteva volere di più? Ed è così che il vostro gruppetto si ritrova, di tanto in tanto, al Portale Spalancato, la più famosa delle locande di Waterdeep, pe bere e raccontarvi aneddoti e altre storie.
  25.  

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.