Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair
La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

  • Viaggio nella DM's Guild XIII - I 7 Sacerdoti Neri

    Graham_89
    • 2.0k views
    • Con mio colpevole ritardo finalmente ho l'onore di parlare de "I 7 Sacerdoti Neri", avventura pensata e scritta da Andrea Varni, uno dei nostri utenti, e che in parte si ispira alle avventure di "Fafhrd e il Gray Mouser".

     Share

    Viaggio nella DM's Guild I: Il Mausoleo nel Bosco
    Viaggio nella DM's Guild II: Il Forte dell'Alba Grigia
    Viaggio nella DM's Guild III: I 100 Incipit
    Viaggio nella DM's Guild IV: La Città dei Morti
    Viaggio nella DM's Guild V: Vault of Magic
    Viaggio nella DM's Guild VI: L'Isola della Tregua
    Viaggio nella DM's Guild VII: La Congrega
    Viaggio nella DM's Guild VIII: La Meravigliosa Torre di Droniel
    Viaggio nella DM's Guild IX - Trollskull Tavern Management
    Viaggio nella DM's Guild X - Circolo del Guerriero Silvano
    Viaggio nella DM's Guild XI - Il Genio dell'Illusione
    Viaggio nella DM's Guild XII - La Guerra per il Trono

    Informazioni
    Titolo I 7 Sacerdoti Neri
    Autore AVDF
    Tipologia Avventura
    Lingua Italiano
    Sistema D&D 5e
    Prezzo 2.28 $
    Anno 2020
    Pagine 38
    Ink Friendly No
    Print on Demand No
    Disclaimer: con la seguente "Recensione" punto solo a esprimere il mio personalissimo punto di vista. Non sono un giornalista professionista, ma solo un Giocatore di Ruolo. Per questo non verrà espresso alcun voto o assegnato un valore numerico sulla qualità del prodotto analizzato e, per quanto possibile, verranno specificate le motivazioni che mi hanno portato ad esprimere un certo parere. Sono assolutamente aperto al dialogo e al dibattito, anzi vi invito a farmi sapere qual è il vostro punto di vista!

    Spoiler: Nell'analizzare il materiale mi potrei spesso trovare a dare piccole anticipazioni sul contenuto, quindi invito a prestare la massima attenzione se non volete rovinarvi la sorpresa di un'avventura che potreste affrontare da giocatori.

    Contenuto

    Di Andrea Varni abbiamo già parlato nel Capitolo numero Sette di questa rubrica, insieme alla "recensione" de La Congrega che invito a recuperare se non l'avete ancora fatto. Particolarmente attivo nel campo della scrittura di avventure Homebrew, "I 7 Sacerdoti Neri" si classifica, fra i suoi prodotti, come il terzo per data di pubblicazione e come primo in ordine di popolarità.

    L'avventura, suddivisa in ben dieci capitoli, conta trentotto pagine ed è preceduta da introduzione e quindi seguita dalle tipiche appendici contenenti mostri e PNG. È pensata per un gruppo di 4 / 5 Pg di 2° Livello, al termine della quale raggiungeranno, in circa 5 / 7 sessioni, il  tramite un semplice avanzamento a milestone che non da possibilità di errori o sovrallivellamenti del gruppo.

    A proposito di livelli, a detta dell'autore la difficoltà degli scontri può essere facilmente adattabile anche a gruppi più numerosi o che vogliono affrontare l'avventura con qualche punto esperienza in più, modificando leggermente avversari o quantità degli stessi: provare per credere! A facilitare il processo di "conversione" c'è il fatto che ne "I 7 Sacerdoti Neri" i combattimenti costituiscono solo parte delle sfide presentate nel modulo, composte soprattutto da indagini e misteri.

    Nella parte di introduzione precedentemente accennata, composta da una singola pagina, abbiamo la  presentazione della città in cui i giocatori saranno chiamati a muoversi, con una piccola infarinatura sui PNG principali con cui avranno l'opportunità di interagire: Lonedale è un piccolo villaggio molto classico situato nei pressi di Neverwinter (dove i giocatori, narrativamente, "acquisiscono" la missione che darà vita a tutta la serie di eventi proposti), circondato da una palizzata di tronchi e protetto da due torrette di guardia poste ai fianchi di una cancellata in legno, è attraversata da semplici strade in terra battuta. Gli abitanti conducono vite semplici e tranquille...ma è certo che qualcosa scombinerà questa sorta di delicato equilibrio.

    large.I-7-Sacerdoti-Neri-v-2-0-page-0001.jpg.6d8a7b7d0f2e4c3b9ccaec6e9ba536cb.jpg

    Sulle tracce di un mercante scomparso, gli avventurieri scopriranno che una leggenda contiene molta più verità di quanto non si pensi, e arriveranno a svelare lentamente la minaccia che davvero opprime da tempo il piccolo villaggio di Lonedale. Ma una volta scoperta tutta la verità, non sarà facile fare una scelta..

    La citazione precedente riassume più o meno la trama dell'avventura: i personaggi inizialmente dovranno indagare sulla sparizione di un mercante, tuttavia, man mano che si addentreranno sempre più nel profondo delle vicende, solleveranno un telo nero che fino a quel momento nascondeva a tutti la vera storia che ruota intorno a tutta la cittadina e ai suoi abitanti. Il gruppo sarà tenuto a fare scelte morali molto importanti, destreggiandosi in templi e antichi sotterranei.

    Le sensazioni che ho provato durante la lettura di alcuni passaggi ambientati nella cittadina, immaginandomi le scene che ipotetici personaggi nella mia testa avrebbero potuto vivere, erano molto simili a quelle che provo sempre durante la visione di film "cupi" come ad esempio "Il mistero di Sleepy Hollow" (1999 - Tim Burton).

    Nell'avventura sono presenti alcuni snodi narrativi fissi fondamentali per la trama, senza i quali i personaggi rischierebbero di perdere di vista l'obiettivo, ma sono circondati da bivi e possibili strade alternative, alcune delle quali opzionali, così da ridurre il più possibile la sensazione di "rail road" che tendenzialmente le avventure scritte da terzi tendono ad avere.

    Dato il basso livello dei personaggi, ma è prevedibile e abbastanza comprensibile come scelta, le creature proposte come minaccia per il gruppo vanno dagli Gnoll ai Banditi, dagli Scheletri agli Orchi, che si possono rivelare quindi sì pericolosi, ma tutt'altro che una novità per giocatori "navigati", apparendo però interessanti - forse - per chi è alle prime armi e si è appena approcciato a questo mondo.

    Nonostante la poca varietà di avversari ho notato che la quantità di Dungeon proposti è veramente considerevole: cinque (di cui il più piccolo ha quattro zone), oltre a quello conclusivo che è addirittura suddiviso in sei livelli (con un totale di quarantaquattro zone esplorabili), ciascuna con la sua descrizione! Un lavoro davvero considerevole, ma probabilmente i giocatori di uno dei miei gruppi potrebbero impiegarci mesi per uscire da li!

    large.I-7-Sacerdoti-Neri-v-2-0-page-0003.jpg.75b9d0e10c16971e4cd3fb2a34a5c415.jpglarge.I-7-Sacerdoti-Neri-v-2-0-page-0006.jpg.3dab09e5d24cdb8d23e58270e4d27cd4.jpg

    Materiale Aggiuntivo

    • Mappe: avremo modo di parlarne meglio più avanti, ma solo il fatto che ogni Dungeon abbia la sua planimetria è importante.
    • Mini Gioco: ho riflettuto molto se parlarne o no, ma dato che mi ha molto intrigato, ecco qua! La maggior parte dei gruppi che finiscono in una locanda si trovano a fare dei giochi...uno dei più conosciuti è senza dubbio il Braccio di Ferro e Andrea ha deciso di regolamentarlo! Di fatto si tratta solo di prove di forza contrapposte, ma ha anche introdotto dei modificatori in base alla posizione del braccio, a cui poi si aggiunge lo "Sforzo di Volontà", con cui il personaggio sfrutta tutta la sua forza in un disperato tentativo di ribaltare la situazione!
    • Mostri: praticamente la quasi totalità delle minacce sono recuperabili dal manuale dei mostri - e non è un male. Gli unici due inediti potranno essere incontrati solo molto avanti nella trama e sono i Sacerdoti NeriGothmokon ("le cui vittime si possono vedere attraverso l'orribile ventre semi-trasparente che arde di una luce innaturale e ipnotica"). Di loro non parlerò molto nel dettaglio per evitare eccessive anticipazioni, tuttavia rappresentano delle sfide davvero impegnative se si vuole usare la forza bruta per abbatterli.
    • Oggetti: anche in questo caso scarseggia il materiale inedito, ci viene infatti solo proposta Silverendanil, una spada lunga particolarmente forte che richiede la sintonia con un personaggio con allineamento buono. Da come viene presentata sembra uno di quegli oggetti messi lì esclusivamente per risolvere la situazione, ma comunque ha un effetto molto singolare, che ipoteticamente potrebbe tornar molto utile anche in altre campagne!

    Grafica

    Neanche a dirlo, l'impaginazione è stata fatta con Homebrewery, che per quanto semplice restituisce più o meno sempre un risultato gradevole. In uno degli ultimi aggiornamenti grafici Andrea ha realizzato delle nuove mappe con l'utilizzo di DungeonDraft, un programma gratuito dedicato alla costruzione di mappe che forse ho già citato in qualche vecchio capitolo della rubrica, scaricabile on-line e con uno stile che apprezzo molto (sulla pagina del prodotto è possibile vedere alcuni esempi comparativi del "prima" e del "dopo"). Queste stesse mappe vengono anche fornite in un file compresso, sia in versione per DM che con la versione per i Giocatori.

    La scelta delle immagini e l'inserimento nel contesto del documento non sono sempre ottimali (che diavolo ci fa lì quel maledetto cervo ubriaco?), tuttavia la scelta della copertina (ad opera di Stefan Keller), trasmette bene l'immaginario cupo in cui l'avventura è immersa, con la morte che rappresenta l'argomento principale intorno a cui ruota la trama.

    large.I-7-Sacerdoti-Neri-v-2-0-page-0008.jpg.fb54efb391ea4724d4d140b69d8bd5d4.jpglarge.I-7-Sacerdoti-Neri-v-2-0-page-0009.jpg.e9e8edec54bf22896f70cffcd850fee5.jpg

    Conclusioni

    A differenza della prima avventura di cui abbiamo parlato ho avuto l'impressione che l'autore abbia preso maggior spunto da avventure "già esistenti", soprattutto nella prima parte dell'avventura. Non che sia un male affidarsi a meccaniche già consolidate, soprattutto se poi vengono arricchite con dettagli e particolarità che (fortunatamente) sono riuscite a dargli una propria identità. L'originalità che ho trovato risiede nel fatto che i personaggi non verranno messi davanti a scelte scontate, ma potranno veramente approcciarsi alla narrazione facendo spiccare le proprie personalità.

    Lo stile di scrittura di Andrea non è cambiato: molto confidenziale, si ha sempre l'impressione che l'autore parli ad un suo compagno di gioco, spiegandogli cosa dovrebbe succedere in una certa area piuttosto che in un'altra. Anche dal punto di vista grafico, senza dubbio ci sono lavori con un livello ben superiore, ma di fatto resta comunque godibile, soprattutto dopo l'ultimo upgrade alle mappe (che sono fornite anche separatamente in uno zip, per poter essere utilizzate su siti come Roll20 e simili).

    Non è un'avventura perfetta, la scrittura e l'impaginazione di tanto in tanto hanno qualche inciampo, ma lo ritengo senza dubbio un'ottimo prodotto se si vuole far divertire per molte ore gruppi di gioco nuovi al mondo di D&D, mostrando non solo il lato più noto dell'esplorazione dei Dungeon, ma anche quello dell'interazione sociale e dell'investigazione.


     Share


    User Feedback

    Recommended Comments

    Che dire? Grazie!
    Sorpresa inaspettata venerdi mattina dare un'occhiata alla home page e trovare questa recensione.
    Vorrei permettermi di aggiungere due cose: l'avventura perfetta in se non esiste, nasce solo quando si crea l'alchimia perfetta tra DM, Giocatori e mood dell'avventura, e certe cose sono quindi impossibili da metter "su carta".

    Il mio consiglio a chi vorrà portarla al proprio tavolo è di entrare in sintonia con essa e personalizzarla con qualche tocco.

    Spoiler

    (qualcuno ha detto "azioni di tana" per Gothmokon? ) 😉

    Io stesso l'ho portata l'anno scorso ad un gruppo di giocatori dei 5 Dragon Collective ed è venuta davvero una figata, ma rispetto a quella pubblicata l'ho arricchita di tanti piccoli particolari in più per adattarsi meglio al gruppo, e sono stati proprio i giocatori con la loro bravura a renderla memorabile.

    Ultima cosa, visto che a inizio recensione è citata "La Congrega", per chi fosse curioso di come "rende" giocata, è stata portata su twich e successivamente su youtube dai  giocatori de "La Cripta". Trovate tutti e 10 gli episodi su youtube sul loro canale.

    Edited by AVDF
    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites



    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

  • Popular Tags

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.