Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

3 Ambientazioni Classiche per D&D 5e nei prossimi due anni

In questi ultimi due giorni si è tenuto online un nuovo evento ufficiale della WotC chiamato D&D Celebration 2020, durante il quale è stata presentata la nuova avventura Icewind Dale: Rime of the Frostmaiden (uscita proprio qualche giorno fa), è stata fornita qualche anticipazione su Tasha's Cauldron of Everything (il prossimo supplemento di regole per la 5e di cui vi abbiamo parlato qui), si è giocato di ruolo e sono stati organizzati una serie di incontri online dedicati al fornire ai giocatori informazioni di vario tipo sulla 5a Edizione del gioco di ruolo più famoso al mondo.
In uno di questi incontri Ray Winninger (Produttore Esecutivo di D&D e capo del D&D Team presso la WotC) e Liz Schuh (Brand Marketing presso la WotC) hanno partecipato a una intervista in cui hanno rivelato alcune interessanti informazioni su ciò che ci attende per D&D 5e nel prossimo paio di anni almeno. Potete trovare l'intervista nel seguente video di YouTube: il video è lungo, dunque dovete guardare verso la fine per trovare l'intervento di Winninger e Schuh (l'intervista inizia al punto 10:29:40, ma potete trovare la domanda sul futuro di D&D a partire dal punto 10:58:11).
 
Ray Winninger, in particolare, ha fatto sapere che proprio in questo periodo il D&D Team è al lavoro su 3 Ambientazioni Classiche per D&D 5e la cui uscita è pianificata (sempre che riescano a rispettare le tempistiche e non ci siano contrattempi, NdR) per i prossimi 1 o 2 anni. Tra queste ambientazioni ce ne saranno alcune che i fan chiedono a gran voce da anni.
Sempre riguardo al futuro di D&D 5e, inoltre, Ray Winninger e Liz Schuh hanno rivelato che il D&D Team è al lavoro anche sulle seguenti idee:
Visto il successo da loro ottenuto fin ora, possiamo aspettarci nuove Antologie in futuro, ovvero manuali che raccolgono al loro interno diverse avventure più corte.
  Il D&D Team vuole testare i limiti di quel che significa essere un'Avventura o un supplemento per D&D 5e. Vogliono, insomma, pubblicare prodotti che vanno oltre alla normale concezione dei supplementi di D&D per come fin ora concepiti. Per fare degli esempi, Ray Winninger ha parlato Avventure non convenzionali e di supplementi che trattano cose normalmente non trattate in D&D.
  C'è l'intenzione di realizzare prodotti per D&D che non sono necessariamente manuali, ma che aiutino a migliorare l'esperienza di gioco ai giocatori di D&D.
  Sono anche in progetto una serie di prodotti mirati a coloro che, pur essendo attirati da D&D, non hanno il tempo di leggersi 3 manuali per imparare a giocare. Si tratta, insomma, di prodotti pensati per giocatori più casual, meno interessati a leggersi grossi tomi di regole.
  Ray Winninger e Liz Schuh hanno, infine, confermato che ci saranno ancora collaborazioni tra D&D e Magic: the Gathering in futuro. Fonte: https://www.enworld.org/threads/3-classic-settings-coming-to-5e.674902/
Read more...

Viaggio nella DM's Guild - Il Mausoleo nel Bosco

Informazioni Titolo Il Mausoleo nel Bosco Autore Simone Rossi Tisbeni Tipologia Avventura breve Lingua Italiano Sistema D&D 5e Prezzo Pay what you want Anno 2019 Pagine 6 Ink Friendly Si Print on Demand No Disclaimer: con la seguente "Recensione" punto solo a esprimere un mio punto di vista personalissimo. Non sono un giornalista professionista, ma solo un Giocatore di Ruolo con alcuni anni di esperienza alle spalle, per questo motivo non verrà espresso un voto o assegnato un valore numerico sulla qualità del prodotto analizzato e, per quanto possibile, verranno specificate le motivazioni che mi hanno portato ad esprimere un certo parere. Sono assolutamente aperto al dialogo e al dibattito, anzi vi invito a farmi sapere qual è il vostro punto di vista!
Aggiungo inoltre che nell'analizzare il materiale mi potrei spesso trovare a dare piccoli Spoiler sul loro contenuto, quindi invito a prestare attenzione se non volete rovinarvi la sorpresa di un'avventura che potreste affrontare da giocatori.
Contenuto
Il "Mausoleo nel Bosco" è, citando direttamente l'introduzione presente sulla DMs Guild, "una breve avventura per 3-5 personaggi di 2° livello" con un'identità tutta sua, per quanto risulti semplice! Pubblicata nel 2019 a cura di Simone Rossi Tisbeni, autore di e collaboratore in molti altri documenti sia in lingua italiana che inglese all'interno della piattaforma, è possibile acquistarla al convenientissimo prezzo di "paga quanto vuoi". Un documento di appena sei pagine, ma che offre al suo interno non solo un piccolo Dungeon da esplorare e "ripulire", ma anche sfide contro trappole e soprattutto il confronto con un indovinello molto particolare e intorno al quale ruota tutta la vicenda!
Il gruppo di avventurieri - dai 3 ai 5 personaggi di 2° livello, ricordiamo - viene introdotto "in medias res", già alla ricerca di un particolare e unico artefatto la cui originale descrizione è a sua volta contenuta nel documento. Il viaggio conduce il gruppo all'interno del Mausoleo citato dal titolo, il quale contiene più di quanto ci si possa aspettare (come l'incontro con un nuovo mostro, le cui statistiche chiudono il manuale). La scelta dell'autore di catapultare i giocatori all'interno dell'avventura è molto pratica se si decidesse di utilizzare il documento così com'è, per una One Shot organizzata all'ultimo momento, ma volendo può dare modo al master di gestire in autonomia tutto quello che succede prima dell'avventura, personalizzando a piacere le volute lacune.

Secondo l'autore sarà possibile arrivare fino a 4 ore di gioco e, avendola integrata personalmente all'interno di un'avventura ben più lunga, posso confermare che questo è l'effettivo lasso temporale necessario, minuto più minuto meno. La mia esperienza personale è stata positiva, anche se ho applicato delle modifiche più o meno importanti per renderla una piccola Side Quest di intermezzo: il processo per adattarla al contesto che avevo proposto ai miei giocatori è stato molto semplice, anche se ammetto di aver un po' snaturato il contenuto!
Materiale Originale
Come già accennato nelle righe precedenti, "Il Mausoleo nel Bosco" contiene del materiale ex-novo uscito direttamente dalla mente dell'autore:
Stendardo dei Valorosi: una tipologia di oggetto mai vista prima e, per quanto possa essere limitante il fatto che per utilizzare il suo effetto vada tenuta con due mani, molto potente con un effetto decisamente adatto ad un oggetto meraviglioso. Piccola dimenticanza dell'autore è l'indicazione della CD del Tiro Salvezza da superare per evitare il suo potere, immancabilmente segnalata in una risposta all'interno della piattaforma e che colgo l'occasione di ricordare anche qui: 13!
  Marionetta Vegetale: una creatura di GS 3 con addirittura alcune Azioni di Tana, che risulta essere sicuramente un ottimo incontro di fine campagna per fornire ad un gruppo di basso livello una sfida degna di questo nome! Il fatto che possa rigenerarsi la rende comunque competitiva nonostante sia un solo avversario contro molti, mentre i viticci che si estendono dalle pareti per afferrare i componenti del gruppo vicino a queste forniscono quel fattore di fastidio che non guasta mai! Grafica
Il layout è davvero apprezzabile grazie all'aiuto del sempre-verde Homebrewery - si percepisce facilmente che non è un lavoro raffazzonato, ma al contrario pensato con cura. L'impaginazione è semplice, ma comunque piacevole all'occhio, nonostante il testo non sia giustificato! La leggibilità è buona e rispecchia molto lo stile "da manuale classico".
Il set di immagini utilizzate sono quelle messe a disposizione dalla piattaforma per abbellire i propri elaborati: niente di originale, quindi, ad eccezione di quelle riferite all'indovinello su cui, come già detto, ruota la maggior parte dell'avventura. Una prima nota di merito va sicuramente all'immagine di copertina, la quale non è altro che un apprezzato utilizzo della "Kapelle im Wald", opera di Joseph Höger! Per concludere, l'unica mappa presente all'interno dell'avventura è invece originale e, per quanto piccola, è semplice e rispetta completamente lo stile Fantasy che tanto mi piace!
La presenza della Versione Ink-friendly aumenta la praticità per sessioni dal vivo al livello GOD!
Conclusioni
Per quanto possa essere un'avventura breve, il formato in Pay What you Want fa di questa avventura qualcosa di indispensabile da avere all'interno della propria collezione. Può essere riscattata anche a costo zero e, considerando il materiale contenuto, si ha solo da guadagnarci!
Il Documento è molto adatto ad introdurre nuovi gruppi di gioco al mondo della Quinta Edizione di D&D, meglio ancora se neofiti. Probabilmente i giocatori più rodati potrebbero trovarla non troppo avvincente, dato il Grado di Sfida non molto alto presente nei combattimenti, anche se gli indovinelli e le trappole introdotti sono sicuramente interessanti ostacoli da superare per chiunque!
LINK UTILITY
DM's Guild: https://www.dmsguild.com/
Il Mausoleo nel Bosco: https://www.dmsguild.com/product/268081/Il-mausoleo-nel-bosco
Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 3: Il Dungeoncrawl

Articolo di The Alexandrian del 06 Aprile 2012
Le Strutture dei Giochi -Parte 1
Le Strutture dei Giochi - Parte 2
La struttura di scenario che ha avuto maggior successo nella storia dei giochi di ruolo è il dungeoncrawl tradizionale. Anzi, credo che gran parte del successo di D&D risieda proprio nella forza del dungeoncrawl tradizionale come struttura di scenario. (In particolare come struttura si è rivelata estremamente efficace anche quando è stata tradotta in altri media e messa in atto con meccaniche completamente diverse).
Cosa fa sì che funzioni?
In primo luogo, dal punto di vista del giocatore, fornisce:
Un obiettivo di base. Più precisamente, “trova l'intero tesoro”, “uccidi tutti i mostri” o altre varianti di “ripulisci il dungeon”. In altre parole, la struttura fornisce spontaneamente un motivo per cui il giocatore interagisca con lo scenario.
  Un'azione di base. Se un giocatore si trova in una stanza e non c'è nulla di interessante da fare in essa, allora dovrebbe scegliere un'uscita e andare nella stanza successiva. Presi insieme, questi elementi significano che il giocatore ha sempre una risposta alla domanda “E ora che faccio?”

In secondo luogo, per il DM, il dungeoncrawl è:
Facile da preparare. Effettivamente, è praticamente impossibile anche per un master neofita fare casini con la progettazione di un dungeocrawl. Cosa potrebbe fare? Dimenticarsi di disegnare un’uscita dalla stanza?
  Facile da gestire. Qui si va oltre la macro-struttura del dungeoncrawl e si comincia a dipendere dalle stesse regole di D&D, ma, in generale, ogni azione proposta dai giocatori nel dungeon solitamente avrà un metodo di risoluzione evidente. Inoltre il dungeoncrawl crea delle barriere nell’avventura, segmentandola in pezzi separati (ognuna delle stanze) che si possono gestire come piccoli e pratici pacchetti. Presi insieme, questi elementi permettono anche ai DM alle prime armi di progettare e gestire un dungeoncrawl senza intoppi e senza che i giocatori si ritrovino (a) coi bastoni tra le ruote o (b) confusi.
Questo è qualcosa di incredibilmente importante. Grazie a questo approccio di esplorazione dei dungeon, D&D può dare vita senza particolari problemi a nuovi DM, con una facilità che alla maggior parte degli altri GDR risulta impensabile ed impossibile.
Ma il dungeoncrawl ha anche un altro paio di caratteristiche chiave:
Fornisce una struttura, ma non una camicia di forza. Quando i giocatori si domandano “Cosa faccio adesso?” la struttura del dungeoncrawl dà loro una risposta predefinita (“prendi un'uscita”), ma non proibisce loro di creare da soli ogni sorta di risposte: Combattere i goblin. Indagare sulle antiche rune. Fare un orto di funghi. Controllare che non ci siano trappole. Tradurre i geroglifici. Decodificare la costruzione di golem nanici. Negoziare col necromante. Eccetera eccetera. (Non impedisce nemmeno di lasciare completamente la struttura: le regole di D&D includono un gran numero di opzioni per bypassare la struttura del dungeon stesso).
  Flessibilità nella forma. Il DM può mettere davvero qualunque cosa nella struttura. Ogni stanza del dungeon – ogni parte del contenuto che la struttura dello scenario porta con sé – è un foglio bianco. Grazie a queste strutture di scenario facili da capire, facili da progettare e facili da usare, D&D è accessibile a tutti in un modo che, per esempio, Transhuman Space non possiede.
Ora, passiamo dal macro-livello al micro-livello.
Link all'articolo originale: https://thealexandrian.net/wordpress/15140/roleplaying-games/game-structures-part-3-dungeoncrawl
Read more...

Anteprima Tasha's Cauldron of Everything #1 - Personalizzazione dell'Origine del PG e 2 Sottoclassi

DISCLAIMER: per chiarezza e per evitare future polemiche vi ricordiamo fin da subito che il sistema per la personalizzazione delle origini di Tasha's Cauldron of Everything non è stata pensata dai designer come una sostituzione definitiva delle regole presenti nel Manuale del Giocatore. Anche nelle future ristampe del Manuale del Giocatore, pertanto, le Razze continueranno ad essere le stesse che conoscete da anni, continueranno a funzionare nello stesso modo e conterranno sempre le stesse meccaniche presenti fin dall'uscita del manuale nel 2014. Fin dall'uscita della 5e, infatti, i designer hanno più volte spiegato che le regole pubblicate nei supplementi di D&D 5e sono sempre da considerare come Regole Opzionali, non obbligatorie, ma liberamente utilizzabili dai singoli gruppi al loro tavolo, così come sono liberamente ignorabili. Lo scopo di simili Regole Opzionali è quello di consentire ad ogni gruppo di scegliere per sé stesso come giocare e come personalizzare il gioco al proprio tavolo, senza obbligarlo a giocare nel modo presentato nel Manuale del Giocatore e senza obbligare tutti gli altri a dover utilizzare per forza le modifiche al regolamento.
 
Negli ultimi giorni la WotC ha rilasciato le prime due anteprime di Tasha's Cauldron of Everything, la nuova maggiore espansione meccanica di D&D 5e in arrivo il 17 Novembre 2020. Potete trovare maggiori informazioni su Tasha's Cauldron of Everything in questo nostro articolo. Le nuove anteprime riguardano la Personalizzazione dell'Origine del PG e due nuove Sottoclassi, il Path of the Wild Magic per il Barbaro e il Genie per il Warlock.
Partiamo dal Sistema di Personalizzazione dell'Origine del PG, che è stato rivelato in maniera un po' particolare. In questo caso, infatti, la WotC non ha mostrato direttamente le pagine del manuale contenenti il sistema, ma ha rilasciato un aggiornamento dell'Adventurers League Player's Guide (il supplemento che introduce i giocatori alle campagne del Gioco Organizzato ufficiale di D&D 5e) all'interno del quale è presente quello che con molta probabilità sarà il sistema pubblicato in Tasha's Cauldron of Everything. Potete trovare il sistema a pagina 5 dell'Adventurers League Player's Guide, ma per comodità vi pubblichiamo qua sotto una sintesi abbozzata di quel che il sistema consente di fare (naturalmente, se volete conoscere la regola in ogni dettaglio, dovrete leggere il testo originale nel PDF dell'Adventurers League).
Se desiderate personalizzare l'origine del vostro PG, potete:
Spostare gli incrementi ai Punteggi delle Caratteristiche che la vostra razza garantisce al PG in altre Caratteristiche di vostra scelta. Se, ad esempio, la vostra razza vi concede +2 alla Costituzione e +1 alla Saggezza, potrete decidere che il vostro PG possiede invece +2 all'Intelligenza  e +1 alla Destrezza.
  Sostituire qualunque lingua fornita dalla propria razza con una qualunque delle lingue appartenenti a una lista prefissata descritta nella regola.
  Sostituire una qualunque delle Competenze con una Competenza dello stesso tipo. Potrete, dunque, sostituire un'Abilità con un'altra Abilità, un'arma semplice con un'altra arma semplice o con uno strumento, un'arma da guerra, con un'altra arma da guerra, un'arma semplice o uno strumento, ecc. Nella regola è presente una tabella che fornisce le linee guida per la conversione.
  Sostituire le descrizioni del comportamento e/o della personalità tipici dei membri di una razza con altre decise dal giocatore. Non è dato sapere se la regola presente nell'Adventurers League Player's Guide sia il sistema completo o se in Tasha's Cauldron of Everything sarà pubblicata una versione più ampia.
 
Qui di seguito, invece, potete trovare le anteprime delle due nuove Sottoclassi che saranno rilasciate in Tasha's Cauldron of Everything. Se desiderate avere una versione ad alta qualità di entrambe, potete scaricarla in PDF su questo sito creato dalla WotC.

Fonti:
https://www.enworld.org/threads/a-first-look-at-tasha’s-lineage-system-in-al-player’s-guide-customizing-your-origin-in-d-d.674805/
https://www.enworld.org/threads/two-subclasses-from-tasha-for-barbarian-and-warlock.674802/

Link al PDF dell'Adventurers League Player's Guide: https://media.wizards.com/2020/dnd/downloads/AL_PGv10_0.pdf
Link alla versione PDF delle 2 Sottoclassi: https://dndcelebration2020.com/#/previews
Read more...

    La White Wolf comprata dalla Paradox

    • La ditta svedese Paradox compra la White Wolf Publishing dall'islandese CCP.

     

    La White Wolf comprata dalla Paradox

    La White Wolf, la compagnia che ha consegnato per prima al mondo le linee di giochi del Mondo di Tenebra, era di proprietà dalla CCP (la ditta islandese che produce Eve Online) da alcuni anni. I piani della CCP originariamente includevano un MMO del MdT ma era stato cancellato l'anno scorso. Per quanto riguarda i giochi di ruolo erano distribuiti dalla Onyx Path, una compagnia fondato da ex-membri dello staff della White Wolf e comprendevano Exalted oltre alle varie iterazioni di Vampiri, Lupi Mannari ecc. La White Wolf è stata appena comprata dalla ditta svedese Paradox Interactive.

    Questo significa che la Paradox – una compagnia di videogiochi per pc, come la CCP – ora possiede tutti i diritti. Non vi sono informazioni su come questo potrà influenzare le licenze dei giochi di ruolo della Onyx Path ma la Paradox – che definisce questo acquisto “il suo più grande investimento di sempre”, costato “svariate decine di milioni” di corone svedese (dividete per 10 per avere un'approssimazione in euro) – vorrà probabilmente sfruttare l'approccio dei videogiochi. La White Wolf funzionerà come “un'entità indipendente con un team apposito”.

    Shams Jorjani della Paradox dice “Siamo grandi fan dei prodotti della White Wolf da molto tempo, specialmente il Mondo di Tenebra/Vampiri. Sarà fantastico dargli nuova vita.”

    Va anche notato come Fred Wester della Paradox abbia detto che Vampiri è “il secondo miglior gioco di ruolo del mondo per vendite, ed è particolare in quanto metà dei giocatori sono donne.” Non sono sicuro riguardo la veridicità della prima parte di questa frase – D&D e Pathfinder si contendono il primo posto.

    Abbiamo negoziato con la CCP nel corso di questo ultimo anno per acquisire la White Wolf Publishing e i prodotti collegati” riferisce a Games Beat l'amministratore delegato della Paradox Fredrik Wester “Hanno venduto 5,5 milioni di manuali ed è il secondo miglior gioco di ruolo per vendite di sempre dopo Dungeons & Dragons. Sarà una grande aggiunta al portfolio della Paradox.

    Per quanto riguarda la distribuzione ha aggiunto “Forniremo di nuovo le licenze sul marchio da capo. Cominceremo con un Mondo di Tenebre. Cominceremo essenzialmente dal primo giorno ad unire la comunità sotto un'unica bandiera.”

    Il development producer della Onyx Path, Rose Bailey ha detto “Sapevamo che questo accordo stava venendo definito, ma non possiamo parlarne al momento. Per quanto ne so esso comprende tutti i giochi della White Wolf ancora di proprietà della CCP, inclusi il Mondo di Tenebra e Exalted. Esso non comprende i giochi della White Wolf che ora sono di proprietà di altre persone come Scion, Trinity e Scarred Lands.” la Onyx Path ha prodotto e distribuito i giochi da tavolo sotto licenza da quando la CCP comprò la White Wolf.

    Per quanto riguarda licenze già esistenti come quella della Onyx Path pare che stia per arrivare un periodo di rivalutazione. Tobias Sjogren della Paradox ha detto “La White Wolf valuterà tutti gli accordi attualmente esistenti, con l'obiettivo di continuare a lavorare con chi è allineato nella visione del marchio, ma anche nel trovare nuovi partner per aiutare a far progredire la storia.” Shams Jorjani ha detto “Se sarà sensato [la Paradox] potrà pubblicare del materiale WW. Ma il nostro scopo rimarrà lo stesso, produrre ottimi giochi di strategia, gestione e ruolo.

    La Onyx Path ha fatto sapere “Siamo commossi di vedere quante persone sono preoccupate per noi! Vi ringraziamo per la fiducia. Vi faremo sapere appena potremo. Rimanete sintonizzati.

    Ecco l'annuncio stampa ufficiale:

    Stoccolma – 29 Ottobre 2015 – La Paradox Interactive, una compagnia di produzione e distribuzione globale di videogiochi, ha oggi annunciato l'acquisizione della White Wolf Publishing dalla CCP Games tramite un accordo monetario. Ora una sussidiaria della Paradox Interactive, la White Wolf Publishing è una compagnia che fornisce licenze e gestisce la proprietà intellettuale tra gli altri di Mondo di Tenebra, Vampiri: La Masquerade e Lupi Mannari: L'Apocalisse. Guidata dal CEO Tobjas Sjogren, in precedenza EVP del Business Development alla Paradox, la White Wolf Publishing funzionerà come un'entità indipendente con un team apposito.

    La White Wolf Publishing una lunga storia nel produrre universi di giochi coperti da vari medium, inclusi giochi da tavolo e di carte, giochi per il PC e libri. La Paradox Interactive ha acquisiti tutti i marchi della White Wolf e questa nuova sussidiaria cercherà nuove opportunità di sviluppo in varie categoria di gioco sotto il nome di White Wolf Publishing.

    Come i giochi della Paradox il materiale della White Wolf delle comunità di fan attivi e appassionati. Anche se sono simili in spiriti i prodotti della White Wolf hanno temi differenti rispetto ai titoli della Paradox e meritano un proprio marchio e team” ha detto Fredrik Wester, CEO e presidente della Paradox Interactive. “Abbiamo un grande rispetto per i mondi di giochi della Whit Wolf e vediamo grandi opportunità per espenderli in futuri tramite questa nostra nuova sussidiaria.

    Nel corso degli ultimi 20 anni ho avuto l'opportunità di lavorare con grandi studi come DICE e Paradox nel settore dello sviluppo manageriale dei giochi e come sviluppatore agli inizi della mia carriera. Non vedo l'ora di contribuire con la mia esperienza mentre cerchiamo nuovi modi per interagire con gli universi della White Wolf.” ha detto Tobias Sjorgne, CEO della White Wolf Publishing “I prodotti della White Wolf sono adatti a vari tipi di media e vediamo un grande potenziale per espanderli in futuro.”

    Alla CCP abbiamo una grande ammirazione per i prodotti e i fan della White Wolf ed è stato molto importante per noi che la compagnia acquirente condividesse questo stesso rispetto e comprensione.” ha detto Hilmar Veigar Petursson, CEO della CCP Games “Con la Paradox sappiamo che lasciamo il marchio in buone mani.

    Articolo originale

     


    News type: Generica


    User Feedback

    Recommended Comments



    • Moderators - supermoderator

    La White Wolf, la compagnia che ha consegnato per prima al mondo le linee di giochi del Mondo di Tenebra, era di proprietà dalla CCP (la ditta islandese che produce Eve Online) da alcuni anni. I piani della CCP originariamente includevano un MMO del MdT ma era stato cancellato l'anno scorso. Per quanto riguarda i giochi di ruolo erano distribuiti dalla Onyx Path, una compagnia fondato da ex-membri dello staff della White Wolf e comprendevano Exalted oltre alle varie iterazioni di Vampiri, Lupi Mannari ecc. La White Wolf è stata appena comprata dalla ditta svedese Paradox Interactive.

    Questo significa che la Paradox – una compagnia di videogiochi per pc, come la CCP – ora possiede tutti i diritti. Non vi sono informazioni su come questo potrà influenzare le licenze dei giochi di ruolo della Onyx Path ma la Paradox – che definisce questo acquisto “il suo più grande investimento di sempre”, costato “svariate decine di milioni” di corone svedese (dividete per 10 per avere un'approssimazione in euro) – vorrà probabilmente sfruttare l'approccio dei videogiochi. La White Wolf funzionerà come “un'entità indipendente con un team apposito”.

    Articolo completo

    Link to comment
    Share on other sites

    Io di videogiochi e di case editrici di videogiochi non ne so nulla, sono un ignorante totale: sulla Paradox qualche esperto può ragguagliarmi.

    La Paradox Interactive è una compagnia conosciuta in particolare per Gdr videoludici, giochi strategici e giochi manageriali. tra i suoi prodotti di punta, ad esempio, troviamo il managieriale Cities: Skylines, la serie di giochi strategici Europa Universalis, il Gdr Pillars of Eternity e la serie di Gdr/simulatore di guerra Mount & Blade. Qui di seguito, comunque, potete trovare una lista completa dei giochi della Paradox:

    https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Paradox_Interactive_games

     

    Un paio di giorni fa, inoltre, è stato rivelato un altro dettaglio interessante riguardo al possibile futuro videoludico per i Gdr White Wolf. La Software House Obsidian, infatti, nota per Nevewinter Nights 2 e per aver già collaborato con la Paradox nella creazione di Pillars of Eternity, a quanto pare ha ricevuto dalla Paradox la richiesta di collaborare per la creazione di futuri giochi tratti dalle licenze White Wolf:

    http://multiplayer.it/notizie/158382-vampire-the-masquerade-bloodlines-obsidian-lavorera-sulle-licenze-di-white-wolf-acquisite-da-paradox.html

     

    Insomma, sostanzialmente si tratta di una buona notizia. Paradox e Obsidian in questi anni, nonostante non siano divenuti celebri per giochi tripla A (ovvero prodotti ad alto budget equivalenti ai Blockbuster cinematografici) dai nomi roboanti, hanno ampiamente dimostrato di essere in grado di fare ottimi giochi e hanno conquistato una buona considerazione nel settore videoludico. Contrariamente alla CCP, azienda piccola che negli anni si è rivelata in grado di gestire unicamente il suo prodotto di punta Eve Online e derivati, la Paradox è riuscita a farsi davvero un buon curriculum.

    Certo, non si tratta di una casa di produzione fra le più grosse, quindi è possibile che i progetti che la Paradox metterà in campo potrebbero essere limitati come budget. Tuttavia, c'è da considerare che Pillar of Eternity, anche se non il più celebre prodotto del settore, è attualmente considerato uno dei migliori esempi di Gdr videoludico rilasciati negli ultimi anni, mentre Mount & Blade ha decisamente ottenuto grande successo per via della sua qualità e originalità.

    Edited by SilentWolf
    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites

    Aggiungo la seguente notizia all'articolo: http://multiplayer.it/notizie/158382-vampire-the-masquerade-bloodlines-obsidian-lavorera-sulle-licenze-di-white-wolf-acquisite-da-paradox.html

    Obsidian, creatrice assieme alla Paradox del videogioco Pillars of Eternity, lascia intendere di aver ricevuto l'offerta dalla Paradox stessa di collaborare nella creazione di qualcosa relativo alle licenze White Wolf.

    Link to comment
    Share on other sites

    Il fatto che sia una buona notizia, per il mondo dei videogiochi, è molto molto probabile.

    Il mondo dei gdr  è in leggera apprensione. La Onyx Path ha la piena proprietà di pochi giochi di mamma White Wolf (Scarred Lands, Aeon e Scion). Exalted e i due mondi di tenebra sono licenze, come da news. E, almeno per i mondi di tenebra (di Exalted so pochissimo), sta facendo un buon lavoro, rivitalizzando il Classico e dando nuova linfa al Nuovo (eh eh). La paura generale è che in qualche modo questo evento possa compromettere il futuro delle licenze OPP. Contando che il nuovo mondo di tenebra 2.0 è in fasce (sono usciti solo Vampiri e Licantropi delle vecchie linee, con Mage e Promethean molto vicini alla pubblicazione), che Exalted 3 è letteralmente appena uscito, e che è stata recentemenre annunciata la quarta edizione di Masquerade... sarebbe un peccato che salti tutto in aria. E la possibilità c'è.

    Incrociamo le dita.

    Link to comment
    Share on other sites

    Il fatto che sia una buona notizia, per il mondo dei videogiochi, è molto molto probabile.

    Il mondo dei gdr  è in leggera apprensione. La Onyx Path ha la piena proprietà di pochi giochi di mamma White Wolf (Scarred Lands, Aeon e Scion). Exalted e i due mondi di tenebra sono licenze, come da news. E, almeno per i mondi di tenebra (di Exalted so pochissimo), sta facendo un buon lavoro, rivitalizzando il Classico e dando nuova linfa al Nuovo (eh eh). La paura generale è che in qualche modo questo evento possa compromettere il futuro delle licenze OPP. Contando che il nuovo mondo di tenebra 2.0 è in fasce (sono usciti solo Vampiri e Licantropi delle vecchie linee, con Mage e Promethean molto vicini alla pubblicazione), che Exalted 3 è letteralmente appena uscito, e che è stata recentemenre annunciata la quarta edizione di Masquerade... sarebbe un peccato che salti tutto in aria. E la possibilità c'è.

    Incrociamo le dita.

    Guarda, posso capire la preoccupazione, ma personalmente sono fiducioso. I Gdr della White Wolf storica hanno rischiato molto di più sotto la CCP che non adesso. La CCP, infatti, è una azienda che si è rivelata decisamente incapace di gestire e sfruttare ciò che ha acquistato con la White Wolf. Ben presto, infatti, si è chiaramente messo in evidenza come la CCP fosse del tutto inadeguata a gestire molto altro rispetto a Eve Online e Dust 514. Sotto di lei la WW ha rischiato seriamente di morire definitivamente. Per fortuna i designer della ex WW hanno avuto l'iniziativa e il coraggio di mettere in campo un progetto come Onyx Path, con la benedizione della CCP, attraverso cui sostenere i prodotti WW senza il supporto della CCP (tutto finanziato via kickstarter), altrimenti i Gdr che conosciamo sarebbero finiti da un bel pezzo.

    Il Passaggio a Paradox è molto più rassicurante, perchè quest'ultima ha sulle sue spalle un curriculum davvero notevole, che dimostra come sia decisamente in grado di sostenere la responsabilità che l'acquisto della WW comporta. Di per sè non credo assolutamente che la Paradox punterà a incrinare gli accordi di publishing stipulati con Onyx Path, in quanto l'unico motivo reale per cui l'acquisto di White Wolf ha valore sono i prodotti del Gdr. Se la paradox uccidesse il Gdr, si provocherebbe automaticamente un danno d'immagine tale da inficiare in partenza qualunque possibilità di successo dei videogiochi. Anzi, la Paradox ha tutti i motivi per cercare di stringere un accordo significativo con la Onyx Path che porti a una comunione d'intenti. Ovviamente, quest'ultima parte del mio discorso è pura speculazione, ma non mi stupirei se nei prossimi mesi venisse fuori la notizia di qualche accordo.

    Sicuramente, come mimino mi aspetto che la Paradox consenta alla Onyx Path di sostenere il progetto fin ora portato avanti. Se vuoi creare e vendere un Gdr basato sul Mondo di tenebra, il modo migliore è sostenere (o, quantomeno, non ostacolare) il progetto di realizzazione dei Gdr cartacei, così da contribuire a pubblicizzare il prodotto. Se si voigliono vendere videogiochi, bisogna contribuire ad aumentare la notorietà del brand. Per questo ostacolare il Gdr non ha senso ed è improbabile che succeda.

    Ad esempio, cosa credi che sarebbe più vantaggioso per la Paradox, sfruttare il successo di un Masquerade 4a Edizione oppure far saltare il progetto? ;-)

    Edited by SilentWolf
    Link to comment
    Share on other sites

    Sì, sapevo tutti i casini della CCP. Per un periodo saranno usciti una manciata di manuali per anno. Uno, mi pare il Chronicle's guide per Mage, sembrava quasi terminare con un addio (che poi era un addio alla pubblicazione tradizionale, ma all'epoca era scoppiato il casino più totale). Alla fine si è opposta alla pubblicazione della seconda edizione del nWoD, con nessun vantaggio, visto che l'mmorpg del mondo di tenebra classico era già fallito. Una serie di decisioni che "mbo".

    Ad esempio, cosa credi che sarebbe più vantaggioso per la Paradox, sfruttare il successo di un Masquerade 4a Edizione oppure far saltare il progetto? ;-)

    Guidare il progetto della 4a per renderlo appetibile sia alla nuova guarda ma comunque vicino alla tradizione. Insomma, fare quello che la CCP non ha mai fatto, cioè seguire da vicino il lavoro dell'rpg. In fondo, dopo aver sprecato la proprietà della WW, la CCP si è limitata ad approvare i lavori dell'OPP.
    Insomma, in sintesi credo che il futuro migliore sia quello di una Paradox che faccia una sorta di lavoro di "editor", in modo da poter sfruttare l'IP al meglio dal punto di vista videoludico.
    Anche secondo me i timori sono un po' esagerati (dal poco che ho visto all'OPP non sono preoccupatissimi, almeno di facciata), però "non si sa mai".

    Link to comment
    Share on other sites

    Come dice Silent le licenze sono finite in ottime mani.
    Pillars of Eternity è uno dei giochi da prendere nei primi saldi steam, anche perché hanno veramente fatto uno splendido lavoro (provate ad andare su internet a cercare).
    Se dovevano finire in qualche mano, direi che sono finite in quelle giuste.
    Del resto immagino che la versione cartacea e le relative licenze possano vivere indipendentemente dal lavoro sui videogiochi, così come Shadowrun ha continuato a vivere nella sua versione cartacea e ha avuto ottimi risultati nella sua versione digitale.
    Anzi, magari su PC mi torno anche a giocare un gioco WW, magari facessero Exalted o Shion :D .

    Link to comment
    Share on other sites

    Sì, credo che quello che dice Fenna sia lo scenario attualmente più probabile: la cosa che più probabilmente succederà è che Paradox e Onyx Path non si calpesteranno fra loro i piedi, anzi faranno ciò che possono per guadagnare dal successo dell'altro.

    Mi aspetto che Onyx Path continui a concentrarsi sui Gdr cartacei e scommetta sul successo degli eventuali videogiochi prodotti dalla Paradox, così da rilanciare il Gdr sul Mondo di Tenebra (vecchio e nuovo). Mi aspetto, allo stesso tempo, che la Paradox scelga di concentrarsi sui videogiochi, eviti di mettere le mani in cose che non conosce e lasci alla Onyx Path il compito di produrre ottimi Gdr cartacei, nella speranza che il loro successo consenta al brand "Mondo di tenebra" di espandersi, portando di conseguenza clienti ai videogiochi. In parole povere, mi aspetto che le due aziende scelgano di vivere in simbiosi, collaborando senza immischiarsi di cose di cui non sono competenti. Il desiderio di entrambi è fare soldi, dunque lasceranno che ognuno si concentri rispettivamente sulle proprie competenze per conseguire un obbiettivo comune.

    La questione dei diritti sui Gdr, tuttavia, rende la questione un po' più complessa rispetto al classico scenario "separazione fra casa che gestisce i videogiochi e casa che gestisce i Gdr cartacei". Inoltre, dietro alla Onyx Path ci sono alcuni dei nomi storici della White Wolf e designer molto legati al Mondo di Tenebra, i quali immagino di sicuro non si trovano ad essere soddisfatti dell'attuale situazione provocata dal disastro costituito dalla fusione WW-CCP. Nel lungo periodo l'innaturale situazione incarnata dai designer legati a una aziennda e i diritti legati ad un'altra, spingeranno a trovare una soluzione nuova. Per consentire al progetto di funzionare al meglio, ad un certo punto sarà necessario che la WW torni ad essere finalmente una cosa sola, diritti assieme alle anime storiche della WW. Quantomeno, mi aspetto che questa sarà l'esigenza che diversi designer nutriranno, la loro aspettativa. Nel breve termine sono sicuro che Paradox e Onyx Path non si pesteranno i piedi, ma nel lungo termine mi aspetto che fra le due aziende inizi a strutturarsi un accordo commerciale più serio che sani la ferita aperta dalla CCP. A questo punto è vero che la Paradox ha il coltello dalla parte del manico, ma è anche vero che affosare il gdr cartaceo significa affosare le vendite dei videogiochi, e che la paradox di Gdr cartacei non ne capisce nulla. per questo, prima o poi mi aspetto che fra le due aziende nasca un accordo commerciale serio.
    Non so se la WW tornerà mai ad essere come prima, ma la cessione alla Paradox è sicuramente un passo più vicino a farla tornare in piedi. Secondo me nei prossimi mesi e anni le due aziende inizieranno a studiarsi a vicenda per scoprire se una collaborazione seria è fattibile (non come quella con la CCP) e quale sarà il modo migliore per concretizzarla.

     

    @SNESferatu IL cambiamento alla pubblicazione tradizionale, però, è stato abbastanza prevedibile da parte della ex WW. Alla ex WW ora Onyx Path do il grande merito di essere una delle prime case di Gdr ad avere intuito il cambiamento che internet sta imponendo al settore. La ex WW ha iniziato a sperimentare nell'ambito delle pubblicazioni quantomeno fin dai tempi del Vampire Traslation Guide (2010). Già allora la ex WW aveva iniziato ad annunciare che la distribuzione e la stampa dei prodotti WW sarebbero passati al sito DriveThru. Come al solito, le sperimentazioni di solito nascono in particolare per necessità. La WW aveva già iniziato a subire le ripercussioni della crisi economica e stava iniziando a subire quelle relative all'incapacità della CCP: tutto questo l'ha spinta a rinnegare - anticipatamente rispetto ai tempi di gran parte del mondo Gdr - la distribuzione cartacea, andando a privilegiare il Print on Demand e la distribuzione digitale. La necessità di creare la Onyx Path ha costretto, sempre in anticipo rispetto a molte altre case di Gdr, a ricorrere a un'altra soluzione nuova per il settore: sfruutare kickstarter per finanziare la progettazione dei manuali.
    In parole povere, ad osservare bene, il cambio di pubblicazione era da tempo già nell'aria. AI tempi del Mage Chronicles Guide (sempre 2010), l'attività della Ex WW era ancora molto attiva, dunque personalmente non ho trovato giustificato la preoccupazione che hanno vissuto alcuni. Sarà, poi, che per via del mio ambito professionale tengo molta attenzione sulla trasformazione del mondo editoriale a causa di internet e, dunque, non ho vissuto personalmente come allarme certi cambiamenti, ma come una conseguenza naturale. Detto questo, quindi, nella situazione della WW in quel periodo non ho visto nulla di allarmante. Secondo me, il vero momento delicato è stato l'annuncio del fallimento di World of Darkness online, che avrebbe dovuto fare da traino per il brand.
    A quel punto, la conclamazione dell'incapaità della CCP avrebbe potuto trascinare il Mondo di tenebra nel baratro, se alcuni designer non avessero avuto la prontezza di spiriuto di creare la Onyx Path e se la CCP avesse piuttosto deciso di chiudere tutte le licenze in un cassetto (cosa che avrebbe potuto tranquillamente fare, lasciando morire di fatto il brand).
    Per fortuna il peggio non è successo. :)

    Edited by SilentWolf
    Link to comment
    Share on other sites
    • Onyx Path Publishing is a wholly independent company that is not owned and has never been owned by the original or new White Wolf, CCP, or Paradox Interactive.
    • Therefore, Scion 2nd Edition, the Trinity Continuum, Scarred Lands, Cavaliers of Mars, and Pugmire are not affected by the Paradox buyout of WW.
    • Paradox has been nothing but friendly in their communications with us so far.
    • Right now, it is business as usual for us.

    Questo è quanto da parte della Onyx Path. Continuiamo a sperare in bene :)

    Link to comment
    Share on other sites

    Innanzitutto ottimo articolo, complimenti.

    Staremo a vedere cosa salterà fuori da queste manovre economiche. Mi spiace solo che quando si parla di White Wolf e Mondo di Tenebra per questi tizi esistano solo i dannati vampiri che, per carità, sono fantastici, ma la WW ha sfornato tantissima altra roba formidabile che non mi sembra riceva il riconoscimento dovuto. Certo la figura del vampiro tira sempre e si vende facile facile.

    Invece non mi è molto chiaro come si sono divisi i diritti le varie aziende. Pensavo fosse tutto in mano di una unica società. Dove posso reperire maggiori infomazioni in tal senso?

    Link to comment
    Share on other sites

     

     

    Invece non mi è molto chiaro come si sono divisi i diritti le varie aziende. Pensavo fosse tutto in mano di una unica società. Dove posso reperire maggiori infomazioni in tal senso?

    http://theonyxpath.com/about/faq/

    • Phase I: We are the licensed publisher for White Wolf’s tabletop RPG settings: the World of Darkness, the Classic World of Darkness, and Exalted.
    • Phase II: We publish our own tabletop RPG settings: Scion and the Trinity Continuum. Both were once White Wolf properties, but OPP now owns them outright. We co-own the Scarred Lands with Nocturnal Media.
    • Phase III: We publish creator-owned properties: Rose Bailey’s Cavaliers of Mars and Eddy Webb’s Pugmire will be the first, with more to come.

    cWoD, nWoD ed Exalted sono proprietà White Wolf, e quindi ormai della Paradox, con licenze per l'Onyx Path Publishing. In pratica, l'OPP si è occupata in questi anni di portare avanti da sola tutte le linee, e dalla WW (ex pate di CCP) riceveva solo timidi comandi dall'alto.
    Il resto è proprietà della OPP, quindi non interessato dall'acquisto della WW.

    EDIT: È possibile unire i due topic?

    Edited by SNESferatu
    Link to comment
    Share on other sites

     

     

    http://theonyxpath.com/about/faq/

    cWoD, nWoD ed Exalted sono proprietà White Wolf, e quindi ormai della Paradox, con licenze per l'Onyx Path Publishing. In pratica, l'OPP si è occupata in questi anni di portare avanti da sola tutte le linee, e dalla WW (ex pate di CCP) riceveva solo timidi comandi dall'alto.
    Il resto è proprietà della OPP, quindi non interessato dall'acquisto della WW.

    EDIT: È possibile unire i due topic?

    Grazie per le info.

    Quello che ho capito io è che la Paradox ha i diritti (presi tramite l'acquisto della White Wolf dalla CCP) di sfruttare i giochi della WW in tutti i frangenti tranne che nell'editoria (giochi da tavolo, gdr cartacei, novelle...). Questi ultimi diritti appartengono alla Onyx Path.

    Quindi non credo sia in loro potere ampliare il mondo di tenebra o lanciare nuove ambientazioni, loro possono solo sfruttare commercialmente i vecchi prodotti ma non in campo editoriale.

    Edited by Mezzanotte
    Link to comment
    Share on other sites

    Grazie per le info.

    Quello che ho capito io è che la Paradox ha i diritti (presi tramite l'acquisto della White Wolf dalla CCP) di sfruttare i giochi della WW in tutti i frangenti tranne che nell'editoria (giochi da tavolo, gdr cartacei, novelle...). Questi ultimi diritti appartengono alla Onyx Path.

    Quindi non credo sia in loro potere ampliare il mondo di tenebra o lanciare nuove ambientazioni, loro possono solo sfruttare commercialmente i vecchi prodotti ma non in campo editoriale.

    No, in realtà è diverso.

    La Paradox ha comprato di fatto la White Wolf, azienda a cui sono legati i diritti di sfruttamento dell'intero Mondo di Tenebra e di altri giochi. A causa dell'incapacità gestionale della CCP, alcuni designer della White Wolf hanno deciso di creare la Onyx Path con il beneplacito della CCP, la quale ha loro concesso la possibilità di sfruttare alcune licenze della White Wolf per continuare a creare giochi. La Onyx Path di fatto possiede solo un numero limitato di licenze (Scion, Exalted e altri giochi secondari rispetto al Mondo di Tenebra). La Onyx Path ha solo la possibilità di sfruttare le licenze del Mondo di tenebra, ma non le possiede. Tale possesso è in mano alla White Wolf, che ora è proprietà della Paradox.

    E' quest'ultima, dunque, ad avere il totale controllo del Mondo di Tenebra. La Pradox è specializzata nel creare videogiochi, dunque è ovvio che sfrutterà il nuovo acquisto per creare dei videogiochi. Poichè, però, è la Paradox a possedere la White Wolf, ha ottenuto di fatto il totale controllo sulle licenze. Se lo decidesse, dunque, la Paradox potrebbe anche creare nuove ambientazioni del Mondo di Tenebra o modificarlo.

    Potrebbe...perchè in realtà non credo proprio le converebbe mettere le mani in cose di cui non è esperta. La cosa che con più probabilità accadrà è che, nonostante possegga la proprietà sulle licenze, la Paradox demandi la creazione dei Gdr cartacei ad altri più esperti. Attualmente l'accordo stipulato fra CCP e Onyx Path non è stato per nulla smentito dalla Paradox.

    Edited by SilentWolf
    Link to comment
    Share on other sites
     La Onyx Path di fatto possiede solo un numero limitato di licenze (Scion, Exalted e altri giochi secondari rispetto al Mondo di Tenebra).

    Exalted è in mano Paradox, e con tutto il setting che ha a disposizione potrebbe essere un buon punto di partenza per un videogioco.
    Comunque le ultime indiscrezioni parlano di un incontro tra il boss di Onyx Path e un interlocutore Paradox in settimana, quindi sapremo di più.

    Link to comment
    Share on other sites



    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.