Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Un nuovo trailer per Baldur's Gate III

Articolo di J.R. Zambrano del 30 Maggio
I Larian Studios, sviluppatori del franchise di Divinity Sin, ma soprattutto per quello che riguarda le novità di oggi, gli sviluppatori dell'imminente Baldur’s Gate III, hanno rilasciato un nuovo "video promozionale" per il loro prossimo gioco. Il nuovo trailer ci mostra molti contenuti nonostante duri solo per un breve lasso di tempo. Potete guardarlo qui sotto e poi unirvi a noi per dare uno sguardo più attento.
 
Nel trailer potete vedere alcuni esempi del mondo interattivo che i creatori della Larian hanno imbastito. Vediamo un arciere che prende la mira con attenzione e spara verso una folla di nemici, solo per poi rovesciare una statua dal suo piedistallo e farla cadere sopra i nemici in modo da infiggere un danno enorme.

E i fan degli elfi alati hanno sicuramente qualcosa per cui guardare al futuro con ottimismo ed interesse. C'è un'anteprima di uno di essi verso la fine del video promozionale.

Questo è solo un breve assaggio del tutto, anche se dovrete aspettare il 06 giugno per la prossima grande rivelazione... ma arriverà presto, quindi ritornate a controllare le novità.
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-check-out-baldurs-gate-iiis-new-trailer.html
Read more...

Cosa possiamo imparare da Aang e She-Ra

Articolo di Maeghan Colleran del 21 Maggio
E' stata una settima fantastica per gli appassionati di animazione: Netflix ha fatto uscire in prima visione la stagione finale di She-Ra e le Principesse Guerriere e ha reso disponibili tutti e tre i libri (ovvero stagioni) di Avatar: La Leggenda di Aang. Entrambi questi show sono stati molto popolari e acclamati dal pubblico, generando moltissime discussioni nei social media che hanno riempito le mie pagine per giorni, ma non posso biasimarli per il loro entusiasmo. Ho aspettato con il fiato sospeso che un mio amico finisse She-Ra per discuterne assieme e Avatar è stato considerato un capolavoro in fatto di storytelling sin dall'uscita del suo finale nel 2008.
Ma che cosa ci possono offrire queste serie oltre a ore di ottimo intrattenimento? Sia She-Ra che Avatar: La Leggenda di Aang sono per molti versi delle perfette guide per capire come raccontare delle storie pregnanti e significative con un gruppo... oppure per viverne voi stessi una. Diamo un'occhiata a quelle lezioni che reputo più importanti tra le numerose presentate e che provo a porvi come obiettivo nelle mie giocate.

Lezione 1: Integrate il Background dei Personaggi con la Trama di Fondo
In questo caso consideriamo i tre/quattro personaggi principali di queste serie come PG e il resto del cast come PNG.
I personaggi principali sono stati creati e portati in vita da persone che hanno inventato dei background sfaccettati, delle storie, degli obiettivi e dei difetti. Una delle cose più soddisfacenti che può succedere da giocatore, dopo aver speso tempo su un personaggio e aver dato al vostro DM qualche paragrafo di storia e descrizione, è vedere il passato del proprio PG integrato nella campagna, portato ad una risoluzione o in qualche modo collegato con la trama. Non è necessario, ovviamente. Un DM potrebbe semplicemente raccontare la sua storia e lasciare che i personaggi trovino il loro posto al suo interno: è un metodo altrettanto valido.
Ma se volete che i vostri giocatori amino la vostra avventura trovate dei modi per mettere al centro della vostra storia la loro identità e ciò che sapete sui loro personaggi. Mano a mano che si sviluppa la trama di Avatar, Katara si deve confrontare con la sua discendenza e con la sua storia nella Tribù dell'Acqua del Nord, sia quando ha difficoltà ad addestrarsi come dominatrice dell'acqua, sia quando affronta i traumi legati alla morte dei suoi genitori. Queste parti della sua personalità, il passato tragico e la sua ambizione, diventano una parte fondamentale dello sviluppo del personaggio e giocano un ruolo importante all'interno della trama principale. Nello schema di un'intera campagna, questi brevi momenti di introspezione e crescita richiederanno qualche sessione dedicata e inserita tramite agganci di trama gestiti dal DM, ma il risultato verrà certamente gradito dai giocatori.

Lezione 2: Inserire la Diversità Nelle Vostre Partire Non Deve Essere Sbandierato
Avatar e She-Ra hanno un cast incredibilmente vario, che incorpora una moltitudine di razze e culture, così come personaggi LGBT. Tutti questi personaggi sono inseriti nella serie in modo che la loro identità non sia mai un peso per gli altri personaggi o che non sembri una forzatura di trama. Esistono in questi mondi fantastici semplicemente perché esistono nel mondo reale e, di conseguenza, possono esistere anche nelle vostre campagne.
Il trucco, in questo caso, è che non c'è un trucco. Se un personaggio ha una caratteristica che lo definisce descrivetela, se ne ha un'altra significativa nominatela. Teo in Avatar è affetto da una disabilità fisica e, sebbene ci venga descritta la sua storia e questa sia riconosciuta da tutti, viene considerato dagli altri personaggi e dagli spettatori soprattutto per le invenzioni di famiglia e per la sua abilità nel pilotare il suo deltaplano. In She-Ra, Double Trouble usa esclusivamente dei pronomi neutri per riferirsi a sé stesso e non solo questo fatto non viene mai menzionato, ma gli altri personaggi si adattano di conseguenza senza battere ciglio. La parte più complessa per farlo nella maniera corretta è capire che non deve essere qualcosa di "pesante".

Lezione 3: E' Divertente?
Siamo onesti: è impossibile che Sokka riesca a viaggiare con tre dominatori armato solo di un boomerang e un buon senso dell'umorismo. Fortunatamente il mondo dell'animazione, così come i GdR, non deve avere i piedi ben saldi nella realtà. La cosa più importante da chiedersi prima di mettere in campo delle dinamiche di gruppo particolari o delle classi poco efficienti è "Sarà divertente?" La dominazione del sangue e del metallo sembrano delle strane abilità fuori dai canoni che i giocatori hanno ottenuto combinando le capacità principali dei propri personaggi con una spiegazione convincente, mentre She-Ra ci presenta una combinazione a dir poco non ortodossa: Warlock/Paladini/Alieni. Eppure queste cose funzionano e, soprattutto, sono divertenti.
Ho incontrato pochi DM che non fossero disposti ad accettare le varie proposte dei giocatori (almeno fino a che non rompevano il gioco), ma penso che ognuno di noi possa nominarne almeno uno. Il dire di sì ai propri giocatori e lavorare con loro per sviluppare le loro decisioni al posto di metterle da parte è ciò che differenzia un DM discreto e una giocata divertente dai DM e dalle giocate migliori.

Lezione 4: Mettete Della Comicità Nelle Scene Serie e Viceversa
Mentre sto scrivendo questo pezzo sto guardando la scena di Avatar dove Aang vede, per la prima volta dall'inizio del suo sonno criogenico, il tempio dell'aria, trovandolo completamente vuoto. E' una parte indubbiamente pesante per la storia, che lascia i personaggi con delle cicatrici nell'animo, ma l'episodio era divertente fino a cinque minuti prima e sono sicura che sentiremo una nuova battuta nel giro di qualche minuto. Molte scene di She-Ra vengono spese con L'Orda e, sebbene siano gli antagonisti della storia, molti di loro sono anche delle persone gentili e gradevoli, che amano farsi degli amici e divertirsi spensieratamente. Il DM potrebbe spendere un paio di minuti per descrivere una scena dedicata ad un PNG e il suo rapporto con i nemici e comunque regalare un momento di divertimento al gruppo.
Le scene serie nei giochi di ruolo da tavolo sono impagabili, sono spesso quelle centrali per la trama e tutti sanno che una storia senza conseguenze, situazioni pressanti o senza pericoli per i giocatori è noiosa. Ma poche persone sono in grado di giocare rimanendo seri tutto il tempo senza che per loro il gioco finisca col diventare una sorta di triste lavoro. Capire quando scherzare, quando essere seri e quando inserire del divertimento nella serietà è una abilità degna di essere affinata e perfezionata.
Avete finito She-Ra? State riguardando Avatar su Netflix? Quali aspetti delle loro storie pensate che siano migliori per aiutare i DM e le storie cooperative, come i GdR? Fatecelo sapere nei commenti!
Buone avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/what-avatar-the-last-airbender-and-she-ra-can-teach-you-about-gming-rpgs-and-cooperative-storytelling.html
Read more...
By aza

Maestri d’Arme – Jari il Cacciatore di Mostri

Dopo l'uscita della serie TV di The Witcher, dedicata a Geralt di Rivia, il noto Strigo cacciatore di mostri, grande utente di alchimia sulla quale abbiamo già fatto questo precedente articolo.
Per l’occasione, abbiamo deciso di intervistare Jari Lanzoni, (qui il suo sito), schermidore e appassionato di fantasy nonché di… lotta ai mostri!
Ciao Jari, dicci chi sei e quali sono le tue esperienze in ambito di scherma e fantasy

Direi uno strano amalgama di tante cose: direi principalmente un padre e un marito, poi un lettore, uno scrittore e un appassionato di combattimento storico. Al momento lavoro nel settore del turismo dopo aver cambiato una dozzina di mansioni e posti di lavoro, dal becchino al grafico, una necessaria flessibilità assai tipica di questo periodo che però mi ha permesso di mettere da parte una serie di competenze trasversali.
Mi sono interessato alla scherma storica una ventina di anni fa, entrando in contatto con alcuni gruppi e assistendo ad un paio di seminari; nel 2002 ho conosciuto il metodo della Sala d’Arme Achille Marozzo, caratterizzato da un approccio rigoroso alle fonti e una forte purezza nella ricerca delle nostre tradizioni Marziali. In particolare, la Sala d’Arme Achille Marozzo si è sempre distinta per la scelta di pubblicare i risultati dei propri studi e contribuire alla diffusione della Scherma Storica.
Dopo un paio d’anni di corso sono passato da allievo ad Aiuto-Istruttore dei corsi basi seguendo poi tutte le fasi per diventare docente. Al di là della mia esperienza come Istruttore ho avuto modo di pubblicare due manuali inerenti la scherma storica: “La Lancia, La Spada, la Daga” dedicato alla scherma medievale e “Il Combattimento Storico da Strada” dove approfondisco le più strane situazioni avvenute in duello e in battaglia.
Direi che la mia esperienza con il fantasy nasce sia dalla grandissima passione per la lettura che per i giochi di ruolo, commistionando le due cose per divertimento personale. Ho pubblicato alcuni romanzi, tra lo storico e il fantasy, nel mio ultimo lavoro “La Scherma del Cacciatore di Mostri” (quì il link) ho voluto immaginare il ritrovamento di un trattato di scherma rinascimentale, a lungo occultato, dedicato non al duello contro altri schermidori ma contro gli Innaturi, esseri scaturiti da favole e leggende. L’Autore doveva necessariamente essere allievo di un Trattatista che conoscevo bene per poterne ricalcare le tecniche di combattimento: ecco quindi il bolognese Johanni della Viverna, divenuto Maestro d’Arme sotto la guidae del celebre Giovanni Dalle Agocchie.
Parliamo di mostri: ogni creatura richiede le sue armi e le sue tecniche. Facci degli esempi…
Avendo indicato il rigore per le fonti storiche come un attributo qualitativo, credo sia lecito non inventare nulla ma, appunto, citare qualcuno più autorevole di me.
Il primo esempio che mi viene in mente è tratto da “Guerrino detto il Meschino” un eroe popolare del Basso Medioevo, nato dalla penna di Andrea da Barberino nel 1473. Si tratta di un guerriero che si è fatto da sé, ignora di possedere nobili natali e ha deciso di farsi strada nella vita apprendendo l’arte della spada. Tra le innumerevoli avventure (di cui consiglio la lettura) si trova anche lui a dover affrontare un Innaturo. E’ descritto come un “gran verme” ma in seguito si apprende che doveva avere due o quattro zampe artigliate.

Prossimo al combattimento, Guerrino fa qualcosa di assolutamente naturale per chi è ormai un veterano del combattimento: valuta una Strategia. Il pensiero di ogni Schermidore deve essere Fluido. Non carica con il cavallo e la lancia in resta, azione potente ma inutile contro un avversario estremamente rapido e dal corpo serpentino. Guai se schivasse la lancia e, in un batter d’occhio, fosse padrone dello scontro. Spada e scudo sono e restano i compagni ottimali per difendere e offendere con perizia, specie un essere di manifesta forza. Si tratta di una coppia d’arme che denota anche prudenza, Guerrino ancora non conosce appieno tutte le risorse del nemico.
Di nuovo un cambio di strategia, necessario vista l’abilità del nemico. Al Guerrino è bastato pochissimo per valutare le capacità dell’Innaturo rispetto alla scelta delle armi. Lasciata spada e scudo rotella, armi troppo lente e facilmente afferrabili, afferra il pugnale che ogni cavaliere porta con sé (forse la celebre misericordiae) e, giunto a stretto contatto, colpisce dove le scaglie si sono allargate per il movimento del corpo, affondando l’arma corta in un punto vitale dell’avversario.

…e se una normale lama non bastasse? Cosa propone il manuale di “magico”?
Quando ho iniziato la stesura del manuale ho ripensato all’esperienza de “Il Combattimento Storico da Strada” e di tutte le strane soluzioni che propone (lanci di cappe, di sostanze, accecamenti, false cadute etc etc…), ho anche riflettuto sul fatto che uno schermidore non si sarebbe affidato solo alla lama. L’idea di inserire la magia però non mi convinceva, forse per la vecchia dicotomia Guerriero-Mago di Dungeons & Dragons che mi porto dietro da trent’anni esatti.
Come sempre mi sono affidato alle fonti storiche, cercando qualsiasi soluzione Alchemica che però derivasse da un vero trattato storico e che un lettore curioso potesse consultare. Ecco quindi “Opera” di Alchimia di Giovanbattista Birelli, il “Magiae naturalis sive de miraculis rerum naturalium” di Giovanni Battista della Porta, ho attinto a piene mani dai “De’ capricci medicinali” di Leonardo fioravanti e altri testi ancora.
Sarebbe stato più facile inventare di sana pianta una serie di soluzioni fantasiose, più spettacolaristiche e meno “rustiche”, ma credo sia anche affascinante “lavorare” imponendosi regole e “paletti” da non superare.
Curiosamente, o forse no, è stata la Ricerca Storica che ha portato in evidenza il Fantastico e il Magico. Allo stesso modo, quasi tutti i mostri del libro provengono da testi storici o da trattati, primo fra tutti il “Compendio dell’arte essorcistica” di Girolamo Menghi. Questo assieme di risorse aumenta le abilità del Cacciatore di Mostri, li conferisce una serie di soluzioni per limitare le forze nemiche, ma anche per celare la propria identità e stordire eventuali testimoni al pari di un “Man in Black” rinascimentale.
Occorre fare un esempio di come si applichino certe sostanze.
Mi viene in mente il caso delle Streghe che presidiano pozzi o piccoli stagni. Si tratta dello spauracchio che le madri utilizzavano tempo fa per spaventare i bambini: se si fossero avvicinati troppo al pozzo il mostro li avrebbe presi e portati via. Uno stratagemma pedagogico rurale per chi deve lavorare duramente la terra tenendosi vicino i bambini, che di certo all’epoca non avevano un asilo o altre strutture in cui stare.
La Marabecca siciliana, come la Jenny Dentiverdi inglese, la Bourda emiliano-romagnola o la Janara di Benevento, attende in prossimità di una cisterna. In questo caso il buon Johanni della Viverna avrebbe pronta una buona ronca dall’asta lunga, ottima per colpire a buona distanza, ma si sarebbe ben guardato da scendere nell’elemento di elezione dell’Innaturo. Ecco quindi una buona “mistura che arda sott’acqua” dal trattato di Alchimia Giovanni Battista della Porta, quando questa sorta di fuoco greco avrà incendiato parte dello specchio d’acqua la Strega dovrà salire in superficie per fuggire le fiamme, senza sapere che la via di scampo le è stata accuratamente preparata. A questo punto ci si affiderà all’abilità dello Schermidore con la ronca per ripulire la zona dal minaccioso Innaturo…
Certo, tutto questo darsi da fare può attirare l’attenzione di testimoni, ma sempre il Birelli offre una soluzione con un composto “A far che le persone facilmente escano di sentimento, che paiano pazzi”, e così anche se raccontano ciò che hanno visto alla Loggia della Mercanzia, in Piazza Maggiore o agli uomini del Bargello nessuno gli crederà.
La serie di The Witcher sta per uscire: dai filmati del gioco e le scene di combattimento della serie già uscite, cosa possiamo dire dello stile di combattimento dello Strigo, riferito agli stili storici e ai mostri che egli affronta?
Devo premettere che di The Witcher io so pochissimo. Ricordo di aver installato il gioco, visto l’animazione iniziale con l’amico che me lo regalò e aver giocato tipo 5-10 minuti notando positivamente che permetteva di cambiare la guardia del personaggio. Di lì a poco nacque mia figlia e addio Strigi, Streghe e altro, dovevo gettarmi nella battaglia delle notti insonni, affrontare orde di rigurgiti e debellare pannolini. Non ho ancora letto i romanzi e quando me lo segnalarono dopo l’uscita del libro mi scoprii estremamente ignorante.
Rispetto ai bellissimi filmati che ho visto online, lo stile scelto per Geralt di Rivia consiste in colpi ampi, grandi “caricamenti” con l’arma alzata fin sopra la testa e lame che proseguono il movimento fino a terra. Il corpo ruota completamente esponendo la schiena all’avversario, spesso vortica per eseguire una sequenza di colpi continui, in alcuni casi per aumentare la potenza d’impatto Geralt esegue attacchi dopo un balzo per aggiungere spinta e peso del colpo alla forza cinetica del taglio. Il tutto contro mostri grandi e grossi, e quindi bersagli ben definiti su cui sferrare Colpi Finiti, ossia a piena potenza e senza possibilità di cambiare il percorso dell’arma. Quando deve affrontare gli uomini non mancano calci, pugni e spallate per alternare le azioni della spada, oltre a del sano combattimento corpo a corpo e un buon utilizzo del pugnale con colpi di punta alla gola o sotto l’ascella, quindi in un punto non protetto.
Tutto questo corrisponde alle necessità di spettacolarizzazione del prodotto ludico, in cui lo spettatore deve poter godere dell’intera dinamica dell’arma, essere copartecipe del movimento e della potenza dei colpi. Rispetto a queste logiche consiglio “the Game” di Baricco, che descrive in maniera perfetta il rapporto che si sviluppa tra lo strumento ludico e il corpo del giocatore.
La Scherma Storica, ovviamente, è qualcosa di completamente diverso: non si espone mai la schiena all’avversario, non si tentano “scivolamenti” o spallate, niente pugni e calci perché occorre sempre gestire la distanza rispetto all’avversario. I colpi devono essere misurati: i caricamenti inutili sono da escludere, nel momento in cui si va a sollevare le braccia per aumentare la potenza d’impatto un avversario può colpire proprio gli arti, inoltre colpi troppo telefonati fanno esporre a contro-tecniche brevi e rapide, spesso proprio alla mano di chi sferra il taglio che di per sé ha il vantaggio della potenza ma lo svantaggio della lentezza. Ogni tanto Geralt ha infatti il buonsenso di infilare una punta rapida nella gola o nel petto degli avversari. C’è anche da dire che le finte, che richiedono falsi colpi e non Colpi Finiti, sono alla base della scherma e potrebbero non essere ben comprese dallo spettatore all’interno di un combattimento concitato
In un vero combattimento si predilige l’economia di energie, i mezzi colpi, gli arretramenti e gli scarti laterali, le finte etc etc… non è così lineare come in The Witcher, in Berserk, nella serie Gundam Iron Blooded Orphans o nei vari film di Star Wars. E tuttavia lo stile di questo tipo di prodotti, così come è stato per l’ottima scherma rievocativa dei re-enactors, non è da disprezzare in quanto contribuisce fortemente alla narrazione, alla trasposizione dello spettatore all’interno della dinamica di combattimento. Si “racconta” del personaggio anche attraverso il suo corpo e il suo modo di combattere, se ne avverte la tensione, si accusano i colpi che subisce e si gode della raggiunta vittoria.
Aggiungo un dettaglio, e forse una profezia.
Sono certo che prima o poi salteranno fuori corsi di “Scherma Witcher” o “Scherma Strigoi” (o con altri nomi onde evitare problemi di copyright) come è accaduto per la Scherma Jedi che si sta affermando come disciplina in ogni parte del mondo. Premetto che un qualsiasi schermidore storico, con almeno un paio d’anni di esperienza di combattimento, non avrebbe problemi a vincere un confronto con questo tipo di appassionati, ma non è assolutamente questo il punto.
Credo che qualsiasi Storia (perché è quella la leva fondamentale!) faccia uscire di casa un ragazzo o una ragazza, staccandolo da una console o dallo smartphone, in modo che stia con altri ragazzi, gli permetta di fare movimento fisico e intraprendere un percorso anche minimamente marziale, non possa che essere una cosa positiva. Fosse pure volteggiare in salto con la spada dello Strigo (ma perché la tiene sulla schiena?) o ruzzolare con una spada laser. E magari andarsi a bere una birra insieme dopo gli allenamenti! Chiaramente, un vero percorso di scherma storica sarebbe consigliabile, anche per suscitare maggior passione per lo studio, la storia e la cultura. Tuttavia non va assolutamente sottovalutato il valore umano e sociale che un qualsiasi corso di Scherma per Cacciatori di Mostri può avere.
Sorge però un interrogativo: chi sarebbe il ”Maestro” di questi corsi? Chi diventerebbe il riferimento sportivo, ma anche morale, di questi ragazzi forse troppo manipolabili? Magari un furbetto che vuole fare del denaro, meglio se con la barba imbiancata, i modi dell’uomo vissuto e il carisma del mentore misterioso. Non ci sarebbe nulla di strano visto il proliferare di Maestri improvvisati e Guru della Scherma Storica di oltre vent’anni fa, quando questa disciplina e la rievocazione storica muovevano assieme i primi passi, con tutte le conseguenti e disastrose ricadute. E questo è forse l’unico elemento preoccupante dei futuri corsi da Strigo o AmmazzaDraghi. Per diventare Istruttori di scherma storica o moderna ci sono dei percorsi, è richiesto rigore, anche morale, la capacità di trasmettere correttezza e non furbizia, controllo e non violenza.
L’attributo necessario, forse, andrebbe ricercato nell’ossatura di figure eroiche come Geralt. Se la Storia genera una disciplina, allora la direttiva morale del Personaggio può far comprendere il tipo di Maestro da cercare.
Grazie ancora per l’intervista. Trovate qui il sito di Jari con le sue opere. E voi lettori, se vi è piaciuto l’articolo date un’occhiata anche a quelli qui sotto
❚ 5 falsi miti sulla spada medievale
❚ Affondo vs fendente – La fisica in 7 punti – Battle Science III
❚ 5 errori sulle armature in Dungeons & Dragons
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2019/12/18/jari-lanzoni-cacciatore-mostri-witcher/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

5 Criminali da Catturare

Articolo di J.R. Zambrano del 21 Maggio
I criminali sono codardi e superstiziosi, ma possono essere degli ottimi ostacoli, avversari, e persino possibili alleati per avventure di tutti gli allineamenti. Che nascondano un cuore d'oro commettendo crimini per ragioni altruistiche, o usino le loro attività criminose per un guadagno personale (a discapito della società), qui troviamo cinque criminali che saranno una buona aggiunta a qualsiasi partita.
Il Ladro di Gioielli

Crenth Teablossom è un halfling che apprezza le cose più raffinate nella vita. Crenth è un professionista consumato, un ladro di gioielli orgoglioso della sua abilità di sedurre le sue potenziali vittime e farle flirtare col pericolo e il furto, di solito il suo furto dei loro gioielli. Crenth non fa discriminazioni per quel che riguarda i suoi bersagli: sesso, età, persino la specie non sembrano contare per lui, solo che la vittima sia ricca e in possesso di gemme uniche. Di solito le sue storie romantiche finiscono in disastro, ma Crenth è ossessionato dalla sfida di riuscire in un'impresa, e potrebbe aiutare gli eroi che a loro volta vogliano aiutarlo nella sua ricerca della prossima gemma leggendaria.
O potrebbe comparire per complicare la situazione attirando attenzioni indesiderate o rubando il gioiello di un PNG da cui i giocatori hanno bisogno di qualcosa. Questo darà loro un compito semplice da completare, riportare il gioiello rubato per avere ciò di cui necessitano.
Il Capo della Banda

Jenny la Sorridente è una Dragonide cresciuta nei quartieri poveri di una grande città portuale. Da giovane era una lottatrice famosa negli incontri clandestini sulle banchine, e successivamente ha usato i suoi muscoli e la sua considerevole astuzia per prendere il controllo delle Manticore, una banda con le mani in pasta ovunque: dalle estorsioni al contrabbando fino alle minacce occasionali. Jenny sa che la sua è una banda di duri e spesso questo procura loro lavori extra come scagnozzi, ma, per quel che riguarda il porto, non c'è nessuno più tosto o che ne sappia più di Jenny la Sorridente.
Potrà dimostrare di essere un contatto utile, o potrebbe anche mettersi sulle tracce degli avventurieri che stanno causando problemi nel suo porto. Gli avventurieri potrebbero doversi scontrare con alcuni dei suoi uomini prima che Jenny arrivi e gli dimostri come ha guadagnato il suo soprannome.
L'Esattore delle Tasse

Orvald Tiberius Veng è un umano che lavora per il Magistrato locale ed ha il compito, teoricamente, di raccogliere le tasse da coloro che devono dare la loro giusta quota ai governanti della città. Ma Veng non si comporta equamente con tutti e tende a riscuotere i soldi solo da coloro che non possono permettersi di dargli una mazzetta per chiudere un occhio. Ciò significa che raccoglie le tasse solo dei poveri e degli indifesi, e quando non possono pagare ci sono sempre le segrete del Magistrato locale ad aspettarli. Naturalmente Veng ha in pugno il Magistrato e finché l'argento continua a scorrere nessuno di importante si farà avanti per fare qualcosa riguardo le attività di Veng.
Il Borsaiolo

Surlo Roth non ha mai avuto un colpo di fortuna in vita sua. Quando distribuirono i destini, quello di Surlo andò perso nella posta a languire in qualche ufficio per le lettere dimenticate e alla fine fu rispedito al destinatario. Surlo è una ladra esperta, possiede le mani più leste che abbiate mai visto, ma non riesce a controllarsi. Quando si annoia le sue mani cominciano a prudere, e quando ciò accade non si sa mai da chi proverà a rubare. Una volta rubò l'amuleto dell'Alto Sacerdote di Pelor e fu maledetta a risplendere come il sole per i tre giorni successivi. Un'altra volta rubò il pugnale preferito del Maestro della Gilda dei ladri. C'è una ragione se non è mai durata più di una settimana, due al massimo, in una gilda.
Se ruberà dai PG, non si può sapere in quale guaio si caccerà. O magari ha rubato qualcosa ed ha bisogno del loro aiuto per rimetterla a posto prima che qualcuno se ne accorga.
L'Ombra

Arlin Drast è un kenku che vive secondo il principio: "se non ti vedono, non sei mai stato lì". Usa le sue considerevoli abilità di furtività e imitazione per infiltrarsi praticamente ovunque. Conosciuto tra i circoli della criminalità come la persona con cui parlare quando si vuole sapere qualcosa, Drast si è infiltrato anche nei luoghi considerati più sicuri e non c'è informazione che si salvi da lui. Può infiltrarsi ovunque, imitare chiunque, e ciò è quello che lo ha fatto finire nei guai questa volta.
È venuto a conoscenza di un complotto ai danni del duca, ed ora degli assassini lo vogliono morto. I PG possono aiutarlo, ma dovranno essere più furtivi dell'Ombra stessa.
Usate uno di questi PNG la prossima volta che avete bisogno di dare una sfumatura poliziesca ad una delle vostre partite. Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/05/dd-five-criminals-in-need-of-catching.html
Read more...

Anteprima Mythic Odysseys of Theros #2 - Il Sommario e alcuni Mostri Mitici

Come molti di voi già sapranno, Mythic Odysseys of Theros sarà il prossimo supplemento ufficiale in arrivo per D&D 5e, la cui nuova data di uscita è il 21 Luglio 2020 dopo il recente rinvio causato dal coronavirus. Visto che, tuttavia, la versione digitale del manuale uscirà ugualmente il 2 Giugno 2020 su servizi quali D&D Beyond, Fantasy Grounds e Roll 20, la WotC ha deciso di rilasciare in questi giorni alcune anteprime: il Sommario e alcuni Mostri Mitici (ovvero mostri dotati di capacità particolari dette Azioni Mitiche).
Potete trovare maggiori informazioni sul contenuto di Mythic Odysseys of Theros nei seguenti nostri articoli:
❚ L'annuncio ufficiale di Mythic Odysseys of Theros
❚ 16 ulteriori dettagli su Theros
❚ Regole per i Mostri Mitici dal manuale di Theros
❚ Anteprima Mythic Odysseys of Theros #1 - Contenuti vari da Fantasy Grounds
Ecco qui di seguito, invece, le anteprime (per ingrandire le immagini, cliccate su di esse):




Read more...
Bomba

Capitolo Otto - Sulle orme dei draghi

Recommended Posts

Celeste(Umana Elocatrice) 

Una volta individuato il masso, grazie a Seline, l'esile Celeste si mise d'impegno per spostarlo per gli altri assieme a Bjorn, l'unico altro lì presente in grado di poter sollevare del peso. Quello che vi trovò dentro fu tutto altro che quello che si aspettava. Era davvero solo un tesoro. Non mi piace... Celeste qualcosa ci ha chiamato... È vero è stato sincero riguardo al tesoro dietro la pietra. Però perché allora non presentarsi? Perché darci qualcosa a noi? Senza curarsi degli oggetti Celeste si allontanò dalla refurtiva, la quale stava venendo saccheggiata dai suoi compagni, per avvicinarsi alla roccia col triangolo nero. Celeste vi mise la mano sinistra sul centro della figura e chiuse gli occhi. Inspirò profondamente. Concentrati... 

Spoiler

Concentrazione +14 per non pensare a nulla. Liberare la mente. (magari sente qualcosa) 

Indipendentemente da quello che sarebbe accaduto la meditazione rilassò la ragazza, la quale venne riportata alla realtà dal qualche compagno che la richiamò per proseguire. Celeste si alzò e li raggiunse, portandosi al mento la mano destra nel mentre, in segno di pensiero. 

Una volta giunti alla tana del drago, per quanto il "finto" ribellarsi dello stomaco di Bjorn fece sorridere sotto i baffi la ragazza dai capelli bianchi, l'umore le cambiò velocemente quando vide il drago sul soffitto. Ancora una volta Celeste rimase scossa dalla figura. Ed ancora una volta rivide quella scena... Azariaxis... Si ergeva fiero e con sguardo maligno osservando la ragazza. Ed in attimo... Soffiò... Quel soffio che la investì completamente dalle fiamme bruciandola viva... Sentì il fuoco che le entrava nei polmoni impedendole di respirare...  Celeste riaprì gli occhi, inspirando copiosamente. Inconsciamente aveva mosso diversi passi indietro nascondendosi dietro a tutto il gruppo... Celeste? Anche con Emercuyadar hai avuto paura ed hai rivisto Azariaxis... Che ti succede? Guarda che se dovessi trovarne uno ostile dovrai essere tu quella lì davanti... È vero... I draghi possono essere delle Devastazione viventi se incontrollati, ma è proprio per questo motivo che devi farti avanti... 

Spoiler

Autoipnosi +12 per recuperare la calma

Celeste si riavvicinò timidamente al gruppo e guardando, prima Emercuyadar, poi il drago di bronzo fece un timido cenno di saluto presentandosi. È un p-piacere Plathonirax. Sono Celeste, un'avventuriera girovaga. Prima di lasciar parlare Chandra e Clint. 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ariabel alla pietra

Un dono di pregio messere, ne farò uso per il bene comune, ha la mia parola disse Ariabel prendendo la pietra incantata dalle mani di Clint.

Bjorn non hai ancora risposto ai miei dubbi sulla voce. Adesso sappiamo che è vera e quindi è ancora più importante cercare di comprenderla.

Suggerirei anche di fare attenzione con questi dono, nel malaugurato caso ci si ritorcessero contro: ancora non sappiamo se abbiamo a che fare con un alleato.

Da plathorinax

Diverso da quello di tutti i suoi compagni fu invece l' atteggiamento di Ariabel di fronte al drago di bronzo.

Dopo che il roboante petare di Bjorn fu smascherato come uno scherzo, l' elfa scoppiò in una risata incontenibile. Cercò di trattenersi mentre Clint parlava ma quando giunse il suo turno di presentarsi al drago aveva le lacrime agli occhi.

Sei stato fenomenale disse asciugandosi gli occhi (e difficilmente qualcuno dei presenti avrebbe compreso che la sua era tutta una farsa); e il volto di Bjorn quando tutti credevano ne avesse mollata una del genere? ah aha ah impagabile ti giuro, davvero impagabile.

Io sono Ariabel e ti scongiuro di di sì, vieni con noi! sarebbe troppo bello affrontare quest' avventura con te.

Spoiler

Diplomazia +16 +4 insieme ad intrattenere ( recitazione) +12

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Skaldsson (Kalashtar Ardente)

Arrivarono nel luogo che gli era stato suggerito dalla voce: il cadavere non aveva nessuna traccia su di sé e la zona non si era rivelata pericolosa. Bjorn continuò a rimanere vigile, guardandosi attorno prima di aiutare Celeste a sollevare il masso. Alla fine è stato di parola. Ma perché non rivelarsi? Perché rimanere celato se il suo obiettivo è quello di aiutarci? Devi scusarmi, Ariabel, ero concentrato sul cercare di evitare il peggio. Disse il guerriero per rispondere alle parole dell'elfa, mentre continuava a scrutare attorno a sé in cerca di qualche traccia. Ma temo che comunque la mia risposta non ci aiuti molto: quella voce non aveva accento o tratti distintivi. Era... più che altro non era. Proprio per questo sospetto che si tratti di una qualche forma di incantesimo, anche se sono abbastanza certo che non fosse semplicemente nella mia testa e in quella delle ragazze.

Master

Spoiler

Osservare +5 sui dintorni, per cercare qualcosa (anche se penso che tu abbia già tirato le prove necessarie).

Arrivati nel territorio del drago furono necessari ben più di un urlo per richiamarne l'attenzione. Bjorn fu il primo ad estrarre la sua lama e a muovere i suoi passi verso la tana, iniziando a temere per il peggio. Si fermò dopo poco quando sentì uno strano rumore provenire esattamente dalla sua posizione: assomigliava ai rumori che il suo stomaco avrebbe voluto produrre dopo la gara a Bottepiena, ma era abbastanza certo di non essere stato lui a produrlo. Guardò perplesso il suo stomaco, sentendo poi un nuovo rumore: questa volta assomigliava molto al rumore prodotto dal passaggio delle aquile giganti sopra al suo villaggio, temuta calamità da tutti gli abitanti dei Fiordi, soprattutto per i vialetti appena lucidati. Il guerriero era ancora più perplesso, finché il drago non si palesò. Bjorn lo guardò con astio: era un uomo da apprezzare gli scherzi, almeno se potevano essere definiti tali. Molto divertente, non c'è che dire. Mi ricorda i peggiori risvegli dopo le feste di compleanno dello Jarl: assolutamente divertenti, non c'è che dire. Lasciò che Clint, Chandra e Ariabel conducessero la discussione, obbligandosi a concedere al drago un sorriso di circostanza, per evitare di apparire eccessivamente scontroso. Se non avessimo bisogno di lui gliel'avrei già fatta pagare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Celeste

Spoiler

Celeste non percepisce nulla a Roccaferma

Autoipnosi +12+3=15

x Chandra

Spoiler

Diplomazia +14+4+1=19

x Clint

Spoiler

Diplomazia +40+15=55

x Ariabel

Spoiler

Diplomazia +16+4+9=29

Plathonirax volse il capo, scrutando Chandra con attenzione per poi lanciare un'occhiata ad Emercuryadar prima di risponderle Piacere, Chandra Silverhand disse, limitandosi a poche parole mentre la scrutava con interesse. Alla presentazione di Celeste, il drago di rame parve non udirla nemmeno... almeno fino a quando non fece scattare le fauci verso di lei BUH! gridò, prima di arretrare con un ghigno Eheheheh... sciocca umana...

A spezzare la tensione di quell'incontro fu Clint, il cui discorso fu ascoltato con estrema attenzione da Plathonirax. Il drago di rame passò dalla curiosità all'interesse, dall'orgoglio alla vanità. Solo una volta il suo sguardo scattò di lato, osservando un punto dietro Ariabel. Ma le parole dell'adepto dei draghi sembravano musica per le sue orecchie, al punto che quasi parve a Clint che il suo interlocutore battesse un piede a tempo Sì, hai davvero ragione, non posso pretendere che tutti possano capire la qualità di un grande scherzo disse sollevando il mento, inebriato dalle parole del Connor e dalla reazione di Ariabel, che si attrasse uno sguardo complice del drago, lieto di aver trovato qualcuno che ridesse ai suoi scherzi.

Come ovvio, ho saputo della morte di Azariaxis e, se voi avete assistito, ascolterò piacere un bel racconto sulla caduta del Terrore Cremisi la mascella del drago fremette tuttavia quando l'argomento virò verso la Xorvintaal Non credo di dovervi spiegare perchè non sono parte di questo grande gioco, nel momento in cui giungete qui in compagnia di Emercuryadar, sempre se la sua vanità non gli ha impedito di essere chiaro Emercuryadar lo guardò con sfida e Plathonirax sbuffò, per poi perdere lo sguardo in avanti Campione del mondo... Clint Connor, le tue parole evocano immagini suggestive, ma tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare!

Il drago di rame rimase in silenzio per diversi secondi, con il suo solo respiro a dimostrare il fatto che fosse ancora vivo.

x Seline

Spoiler

La tiefling avvertì un solletico al collo nel momento in cui Jackpit, invisibile, le si appollaiò sulla spalla destra e avvicinò il muso per poi passare la lingua vicino all'orecchio Mia Padrona, non vedo l'ora giunga la notte. Lei sì che sa come ottenere una cieca fedeltà Seline percepì immagini che rivelavano a che cosa stesse pensando il quasit, con la mente già alla sua ricompensa.

Mi preoccupa il fatto che siate venuti di persona da me, ma se vi volete recare anche da Anzalisilvar Plathonirax guardò per un attimo Emercuryadar Suppongo che potremmo anche stabilire un rapporto di mutuo aiuto, che potrebbe addirittura anche diventare un'alleanza, qualora riusciate a risolvere le difficoltà che affliggono le Colline disse Plathonirax Su questo non posso transigere, per motivi che capirete a breve.

Non credo possiate essere molto informati sulla situazione attuale, quindi vedrò di dirvi tutto quello che so. E' vero, la tana di Azariaxis è vuota, ma è anche sguarnita. Io stesso mi recai per reclamare ciò che sarebbe dovuto essere mio di diritto, come drago dominante della zona... ma nulla più era presente. Graffiai pareti, urlai il mio sdegno e riempii l'aria dei miei miasmi acidi... ma il nemico era già passato. E, peggio ancora, ha osato installarsi stabilmente qua nelle Colline.

Il suo nome è Kumalog disse Plathonirax E' un gigante delle colline a capo di una piccola comunità di suoi pari, di cui ce ne saranno circa un'ottantina capaci di combattere. Hanno però sotto la loro gestione anche un paio di tribù di goblinoidi e qualche bugbear bianco, tra cui il luogotenente di Kumalog, Hiinykkyxik. Una bella armata, che ha formato la sua base fortificata a Cresta Rossa, un promontorio nella fascia centrale delle colline, piuttosto ben difendibile... devo ammettere. Sono molto ben organizzati, militarmente parlando e certo troppo numerosi per un assalto il drago di rame scosse la testa Assaltano in grosse bande i viandanti e io certo non rischio la pellaccia per salvare degli sconosciuti... anche se talvolta vengono ostacolati dalla tribù goliath dei Kal-Dagar. Essi sono nomadi, ma non hanno intenzione di cedere terreno sulle Colline, anche se potrebbero cercare di trasferirsi in territori vicino al mare. Questo perchè vogliono difendere una vallata che chiamano Terra Santa, un luogo sacro per loro.

Plathonirax stiracchiò il collo e sbadigliò Posso darvi delle indicazioni per raggiungerli, se lo ritenete opportuno. L'importante è che liberiate le Colline Cremisi da Kumalog e i suoi... e allora suppongo potremo considerarci alleati in questa grande guerra. Nel frattempo potete pernottare nella mia tana per il tempo che riterrete opportuno... finchè vi comporterete per bene disse sottolineando con la voce quest'ultima parte Anche tu, Emercuryadar, se proprio devi... se avete domande, fatele in fretta disse andando ad acciambellarsi sul suo mucchio di preziosi, principalmente monete di tutti i tagli e valori, oltre a diversi lingotti d'argento.

Emercuryadar si rivolse agli eroi L'ideale sarebbe ripartire già domani, per non perdere ulteriore tempo. Gli altri saranno sicuramente già dentro Huruk-Rast, a questo punto.

x tutti

Spoiler

Distanze (per viaggio a piedi)

Cima Ruggine - Cresta Rossa (2 giorni e mezzo)
Cima Ruggine - Kal-Dagar (2 giorni)
Cima Ruggine - Tana di Azariaxis (4 giorni)
Tana di Azariaxis - Kal-Dagar (2 giorni e mezzo)
Tana di Azariaxis - Cresta Rossa (3 giorni)
Kal-Dagar - Cresta Rossa (4 giorni)

x tutti

Spoiler

Checkpoint con ripartenza nella sera di mercoledì 19 dicembre. Date per scontato di avere le posizioni del villaggio dei goliath di Kal-Dagar, della roccaforte di Cresta Rossa e della Tana di Azariaxias. La maggioranza relativa decide la destinazione (quindi indicate dove vorreste andare entro il checkpoint)

 

Edited by Bomba
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Rimase ad ascoltare le parole del drago di rame, dubitando ancora della serietà di quell'essere, ma tutto ciò iniziò a scemare mentre ascoltava i vari dettagli riguardo a ciò che è accaduto alla tana di Azariaxis e a dove era finito il suo tesoro, oltre agli ulteriori dettagli per la sua alleanza.
Un brivido lungo la schiena giunse nel corpo di Seline non appena sentì una piccola voce al suo orecchio, così come lo strusciare della sua lingua biforcuta all'orecchio, cercando di concentrarsi ancora sulle parole del drago e di svuotare la propria mente da quelle immagini che si proponevano.
Uhuh.. Suvvia.. Dobbiamo far fuori qualche stupido e avrai la sua alleanza.. Spero tu sia felice allora, ma adesso ho qualcosa di più interessante a cui pensare.. La ricompensa per il mio adorato Jackpit e la possibilità di avvicinarmi al nostro signore. Capisci?.. E' una grande opportunità e sono stata una stupida a non pensarci sinora, ma il tuo stupido controllo iniziava ad infastidirmi.. Adesso però la situazione si sta invertendo..
Scuote la testa, cerca di cancellare quei pensieri, ma il corpo sembra reagire agli stimoli del quasit.. Il sangue abissale la richiama e la volontà umana cerca di combatterla, osservando preoccupata gli altri avventurieri e in particolar modo Bjorn che, purtroppo, non potrà accorgersi di quella piccola creatura demoniaca sulla spalla.
Avvertilo!
N-non posso.. I draghi.. Non penso che amarebbero vedere un demone nella loro tana, specialmente se dico le sue intenzioni.
Tranquilla padrona.. Sarà divertente..

Deglutisce vistosamente, mentre la sera stava volgendo al proprio termine. Non ebbe alcuna domanda in merito alle spiegazioni dei draghi, tutto le sembrò abbastanza chiaro e, prima avrebbe finito il suo compito, prima avrebbe potuto rivedere proprio figlio, oltre a donargli un futuro più roseo di quella Xorvintaal in atto... Purtroppo i suoi problemi personali erano un altro ostacolo alla felicità stesso di Ragnar e Bjorn.

Notte [VM 18, ma non a Bjorn visto che vuole seguire la regina del mondo. Leggi e disperati u__u]

Spoiler

La notte all'interno della tana del drago venne disturbata nel momento in cui tutti riposavano. Gli occhi di Seline si aprirono per ritrovarsi accanto al proprio amato, dormendo come al solito al suo fianco, mentre la sua mente iniziava a dare segni di problemi imminenti.
E' tempo..
C-cosa?! No! Siamo con gli altri e ci sono..
Non mi interessa! Pensi che ti dia il tempo di andare a spifferare tutto al tuo nordico! Adesso mi sono stufata.

Il corpo si muoveva completamente privo di controllo, nonostante Seline cercasse di desistere, mentre le parole iniziarono a morire all'interno della propria gola, ritrovandosi completamente priva di comunicare con Bjorn.. La tiefling cercava di controllarlo, cercava di bloccarlo, ma un'altra entità o, meglio ancora, un'altra personalità stava forzando i suoi movimenti, stava massacrando la sua volontà.
N-no.. Ferma..
Nessuna risposta nella sua mente vuota.. Solo dopo che si fu alzata, e iniziò a dirigersi di qualche passo al di fuori della tana, riuscì a sentire una risatina divertita, ricca di lussuria, mentre gli occhi scarlatti riuscivano a vedere Jackpit, il quasit, fermo ad osservare la propria padrona con un sorriso demoniaco ed inquietante, mentre gli occhi iniettati di desiderio non lasciavano molto scampo a ciò che sarebbe accaduto. Se ne stava su di un arbusto completamente spoglio ad attendere che la sua ricompensa arrivasse.
Le mani della stregona andarono a togliere i propri vestiti, lasciando che questi cadessero a terra e che il corpo di Seline fosse ben visibile, fosse la visione che la creatura demoniaca voleva vedere, toccare, esplorare.. Un leggero battito di ali per scendere a terra avvicinandosi alquanto gongolante.
Siete pronta mia signora?
N..
Il mal di testa divenne sempre più insostenibile, il vorticare di quei pensieri la stavano facendo impazzire, fino a quando sentì i propri sensi ovattarsi, il proprio controllo indebolirsi e quella risata divertita che divenne sempre più forte e presente nella sua testa.
Le mani della tiefling passarono sui propri capelli castani, mentre un leggero sospiro usciva dalle sue labbra, prima di poter mostrare un sorriso soddisfatto.
Certo mio caro Jackpit.. Mi raccomando.. Non trattenerti, potrei rimanerne delusa
.. F-ferma
La ragazza si mise in ginocchio, così da abbassare la propria altezza e permettere al quasit di avvicinarsi.. Quest'ultimo non mise tempo nel mezzo, gettandosi su quel corpo caldo e dalla pelle rossastra, aggrappandosi sulle spalle con le proprie unghie, infilandole nella stessa pelle della ragazza per provocarle una fitta di dolore, mentre il veleno del demone penetrava nel suo sangue..
Ah...
N-no..
Un semplice gemito di dolore e piacere, mentre il piccolo demonio iniziò ad approfittare del seno della donna per morderlo, succhiarlo, esplorare quel corpo per il proprio piacere personale, completamente posseduto dall'egoismo di poter soddisfare i propri bisogni repressi.
Non durò molto questo preliminare, spingendo successivamente la stregona ad adagiarsi sul terreno e permettere al quasit di poter giungere al sesso della propria padrona, portando la lingua biforcuta ad uscire da quelle labbra e mostrare il desiderio di proseguire, andando stavolta a piantare i suoi artigli sulle cosce di quel corpo su cui sfogare il proprio piacere.
I gemiti si susseguirono, ben più forti di prima, mentre il quasit poteva saggiare l'eccitazione di quel corpo, gli umori di quella tiefling che sentiva il piacere fluire nel proprio corpo, insieme al dolore di quegli artigli che affondavano nella pelle, mostrando l'egoismo di quel quasit nel non preoccuparsi minimamente di quel pezzo di carne che aveva di fronte, di quel corpo che doveva semplicemente soddisfarlo.
Mentre il tempo sembrava essere veloce per il suo sangue abissale, abbandonandosi semplicemente alla lussuria e al peccato di quel momento, la sua parte umana non poteva far altro che cercare di riprendere un controllo perso e di combattere insistemente per terminare quell'atto, per evitare quell'uso improprio del suo corpo, per concedersi ad una creatura immonda.
Sì... Questo è ciò che desidero mia cara.. Lo vedi? Lo senti? Piacere.. Dolore.. Non c'è altro di più magnifico in questo momento.. Specialmente quando tutto è utile allo scopo..
F-fermati.. Se continua...
Un altro gemito, ancora più forte, accompagnò quel primo orgasmo da parte della tiefling, portandosi le mani sui capelli, prima di sentire quegli artigli che continuavano a graffiarla e ad uncinarla, passando sul suo addome, sui suoi glutei e, infine, sui suoi fianchi. Questo fu semplicemente l'inizio del vero e proprio rapporto tra il demone e la sua padrona, mentre la mente iniziò a crollare, completamente pervasa dal piacere e cancellando la volontà umana, sopraffatta da quella demoniaca.
L'orgasmo del quasit non tardò ad arrivare, portando il seme all'interno del corpo della ragazza, sentendo quel calore che superava perfino quello del suo corpo, provocandole altrettanto piacere, altrettanto dolore di quegli artigli.
S-sì.. Forza.. Non ti fermare.. Non ti trattenere mio adorato..
Quella notte passò, quel rapporto venne consumato ancora una volta.. Soddisfando maggiormente i piaceri del quasit, portando la tiefling ad adempiere alla sua ricompensa e a lasciarsi cullare dall'influenza abissale, dal piacere di quel peccato carnale che non voleva assolutamente terminare. Il corpo presentava graffi oramai su gambe, glutei, schiena, addome, spalle e braccia. Il veleno di quel quasit penetrò sempre di più in quel corpo, così come il suo seme, così come il suo sesso..
Quella notte passò.. Quella notte, dopo che il corpo si riprese, la tiefling tornò a distendersi accanto a Bjorn, mentre un sorriso compiaciuto compariva sulle sue labbra.
Ben fatto.. Mio adorato.. Nostro figlio sarà.. La chiave di tutto.

 



 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra 

Chandra si era preparata tutto il discorso per perorare la propria causa, mostrare a Plathonirax quanto fosse vantaggiosa per entrambe le parti un'alleanza, aveva passato giorni a leggere degli indovinelli più curiosi che i draghi di rame avevano mai rivolto agli esseri umani. Si sentiva pronta, eppure un solo saluto della creatura le aveva come pietrificato la limgua che pure era così agile e spigliata di solito. 

Climt probabilmente aveva colto quell'incertezza nelle parole dell'amica e con un tempismo unico aveva preso le redini del discorso adulando e tentando il drago con la sua parlantina melliflua che in pochi minuti riuscí a trasformare Plathonirax in un possibile alleato. 

Ammirata da tanta maestria nell'uso della parola, la barda lasciò che Clint concludesse il suo discorso e si trattenne a stenso dall'applaudire alla fine solo per la reazione entusiasta del drago. 

 

Finite le trattative e lo scambio di informaziini con il nuovi amico, Chandra si riunì agli altri per cercare una strategia condivisa da tutti: Io direi di andare a cercare questi goliath nomadi! Se Clint si dimostrerà persuasivo la metà di quello che è stato oggi, sicuramente avremo altri alleati per scacciare i giganti da queste colline. 

Se resterà tempo magari potremmo anche visitare la vecchia tana di Azariaxis per vedere se c'è ancora qualche tesoro celato, anche se credo che la maggior parte sia ora in mano ai giganti... 

Certa del suo ragionamento, Chandra aspettò comferma dai propri compagni prima di chiedere il permesso a Plathonirax di visitare la sua tana visto che la curiosità di entrare nel mondo dei suoi lontani antenati anche solo per una rapida visita era molta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

Plathonirax accolse la richiesta di Chandra con pigra curiosità Fai come preferisci, Silverhand. Non che ci sia granché da visitare, qua rispose il drago.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Celeste(Umana Elocatrice) 

La ragazza sobbalzò allo scherzo del drago ritrovandosi da terra a levitare con le punte dei piedi tutte rizzate. P-perché... Sussurrò tra se e se trattenendo le lacrime e l'irresitibile desiderio di tirare fuori lo spadone per affettarlo. 

Ascoltò le parole del drago e quando vennero citato il gruppo dei giganti con alle sue schiere un esercito di tribù goblinoidi la ragazza rimase sull'attenti. Avere di nuovo a che fare con quegli sciacalli non le procurò dei pensieri felici, nenchemmeno dover scontrarsi con dei giganti, quali aveva incontrato solo in rare occasioni nel corso dei suoi viaggi. Ma non commentò alcunché la situazione. Dopotutto non ne aveva le capacità rispetto ai suoi più abili compagni. Anche la notizia di un gruppo di goliath solleticò il suo interesse, tanto da ritrovarsi d'accordo con le parole della barda. Sa-sarebbe bello poter stringere n-nuove amicizie... 

Quando terminò il briefing Celeste si avvicinò ad Emercuyadar avevendolo visto agitato ed un po' stizzito nei confronti di Plathonirax. Gli accarezzò il muso sorridendogli solamente e gli sussurrò. Suvvia non c'è bisogno di fare quel muso. Anche dinanzi individui un po' sgradevoli bisogna sempre mantenere il sorriso ed essere amichevoli, altrimenti perderemo noi stessi. Mi dicevano sempre così i miei genitori, quando iniziavo ad arrabbiarmi con qualcuno e bhe... Spero possa aiutarti... Ho visto che sei un drago buono, quindi... Niente speravo solo di poterti risollevare il morale! Disse portando i pugni sulle guance ed arrossendo un pelo. 

La notte giunse poi sulla tana del drago. Uhm... Mi sento estranea persino qui con la mia famiglia... Questa potrebbe essere una delle ultime nottate tranquille che potrò passare con loro. Seline e Bjorn avranno probabilmente il loro da fare, sarebbe meglio non disturbarli... Devo ancora riguadagnarmi la fiducia di Clint e Chandra prima di potermi avvicinare nuovamente a loro con tranquillità. Però... Voglio parlargli con chiarezza. Voglio che mi conoscano di nuovo e non voglio che pensino che io sia diversa da quello che ero quando ci siamo conosciuti... Edriust non lo conosco... Durante il viaggio di domani approfondirò il rapporto, se me lo permetterà. Quanto vorrei che Tonum fosse qui... Mi manca... Lui avrebbe saputo tirarmi su il morale. Forse... Sì! Magari se Ariabel è libera... Devo ancora sdebitarmi con lei... Magari questo le potrà piacere. Andiamo a vedere Celeste! 

 

 

L'elocatrice si diresse verso la tenda che ogni sera veniva eretta con cura dal servitore invisibile dell'elfa. Con timidezza varcò la soglia, sperando di trovarla. 

Ariabel @shadizar

Spoiler

Passandosi una mano tra i capelli e con lieve rossore in volto Celeste si presentò all'elfa.

Immagine

Spoiler

20181217_182707.jpg.2261e8e472868fad12ffb48985904182.jpg

Ehm buona sera Ariabel... Mi domandavo... Visto che non mi ero ancora sdebitata... Ehm ecco... Ho con me del cioccolato di prima qualità proveniente da Firedrakes! L'elocatrice tirò fuori dalla borsa diverse lastre di cioccolato portanti il marchio del miglior pasticcere di Firedrakes. Immaginavo che sarebbe potuto essere una piacevole novità mangiare un peccato di gola qui durante il viaggio, piuttosto che le solite razioni prefatte per il viaggio... Inoltre con me ho anche questo... Dopodiché Celeste tirò fuori dalla borsa un sacchettino pieno di DATTERI. Spero ti piacciano almeno la metà di quanto piacciano a me... Disse ridacchiando alla sua stessa battuta... Ehm... Ecco... Quello che mi stavo chiedendo inoltre... Era se avessi voluto passare la serata a chiacchere con me, prima della partenza? Disse arrossendo. 

Se l'elfa avesse risposto di sì Celeste gli avrebbe poi chiesto. Ehm... Ecco, mi sarebbe piaciuto chiederti... Come mai Clint è così servile nei tuoi confronti ed in quelli di Chandra? Mi sembra un'altra persona da quando l'ho conosciuto. Inoltre... Volevo farti le mie congratulazioni per la proposta di matrimonio del principe... Mi sono ricordata di non averti mai fatto gli auguri e questo mi dispiaceva. 

 

Edited by Organo84
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

Clint ringraziò il drago, quando ormai era palese che fosse stato stretto un qualche accordo. 

Concordó con Chandra sul percorso... i loro tempi erano risicati e dovevano assicurarsi l'alleanza col drago e coi goliath, ripulendo le Colline e garantendone ľattraversamento. Lasciò il drago al suo otium pieno di pensieri sugli scherzi futuri, mentre prendeva Bjorn,  Chandra ed Ariabel da parte:

Spoiler

"Goblin e bugbear, al seguito del gigante? È solo un sospetto, certo, ma... Non può essere comunque una semplice coincidenza. Siamo già nel pieno della Xorvintaal. Probabilmente il padre di Azariaxis è il loro burattinaio... il che spiegherebbe come mai il Terrore Cremisi avesse già degli alleati nei Clivi Lunari, senza essere ancora nemmeno entrato a far parte del Grande Gioco...".

Gli sovvenne poi una idea. Si slacciò la fodera del pugnale ed offrì l'arma - tratta da un artiglio del Terrore Cremisi - ad Ariabel, incerto se sfilare anche il mantello di drago rosso dallo zaino, propendendo poi per chiedere prima consiglio ad Emercuryadar. Visto che Plathonirax si era detto curioso di conoscere la morte di Azariaxis, forse Chandra ed Ariabel avrebbero potuto metterla in scena, rappresentandola anche al buon drago d'argento: l'una raccontandola, l'altra interpretandola. Clint avrebbe volentieri sostenuto le loro capacità artistiche, ma voleva anche assicurarsi che né Plathonirax, né Emercuryadar fossero offesi dalla esibizione del manto. Su ciò chiese indicazioni proprio al drago d'argento. In caso non ci fosse stato problema, lo avrebbe fatto indossare alla Fidanzata Reale. Tra quello ed il pugnale, avrebbe potuto entrare nel ruolo del Verme Rosso. 

Chandra, Ariabel

Spoiler

"Mie Signore, se Emercuryadar non trova motivo di opposizione, sareste dell'idea di inscenare la morte di Azariaxis, per caso? I racconti di Chandra sono capaci di catturare l'attenzione - notoriamente fugace - anche dei folletti, mentre sono certo, pur non avendone purtroppo beneficiato granché, che le doti recitative di Dame Arabiel farebbero impallidire il Primo Attore della più blasonata compagnia teatrale di Glantria. Io potrei coadiuvarvi in alcuni passaggi, fornendo anche qualche elemento d'ambiente... se siete d'accordo, ovviamente!", propose l'adepto. 

Spoiler

Nel caso entrambe accettino, Clint presta pugnale e mantello ad Ariabel.

Sostiene i tiri di Intrattenere di entrambe con Aura Minore: Motivare Carisma (+4 alle loro prove). Poiché, per farlo, deve parlare, interviene talvolta nello spettacolo (col suo onesto Intrattenere +8), pensando anche agli "effetti speciali", usando in alternanza il soffio di fuoco e quello di ghiaccio, sia per ricreare una particolare luminosità, sia per rappresentare tanto il soffio di Azariaxis, quanto la Dragonfire Inspiration di Chandra.

 

Quando ebbe un momento di serenità, si avvicinò a Celeste,  rivolgendosi a lei con discrezione:

Spoiler

"Perdonami, Celeste... so che, magari, non sono proprio la persona con cui più vorresti parlarne - o, forse, parlare in generale... - , ma... come ti ho detto, mi piacerebbe che tutto si risolvesse bene e, beh... se il tuo cuore è sincero come credo, mi sembra che spetti a me fare il primo passo.

Ecco, il punto è... Mi sei sembrata... turbata, prima, con Plathonirax. Tu, che sei sempre estroversa e comunicativa con tutti.

Posso chiederti come mai?".

 

Edited by Ghal Maraz
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Edriust

Lo scatto improvviso del drago ebbe l'effetto di svegliarlo decisamente dal torpore di cui si era fatto impossessare nell'immaginare tutto quel tesoro a sua disposizione. Tornò velocemente con i piedi per terra e istintivamente fece un passo indietro.

devo controllarmi un pò di più.. è maledettamente difficile però!

sentì tutto il discorso del drago. La situazione era più grossa di quanto già non lo era, e alcune idee cominciarono a balenargli in mente. Vide i suoi compagni parlare a gruppetti, tutti coinvolti in discorsi a mezza voce. Era da solo in quel momento. Non aveva mai avuto problemi per quella condizione e decise di  sfruttarla. Si avvicinò a Emercuryadar per conversare con lui direttamente. Non abbassò la voce, non aveva intenzione di nascondere nulla.

Non ci sono state ancora possibilità di conversazione tra di noi pur il viaggio di alcuni giorni già effettuato insieme. Ognuno di voi ha una storia da raccontare e un pezzo di storia che ha vissuto in prima persona. Io no, mi rendo conto della mia posizione e delle mie capacità e sono qui per metterle sul piatto. Noto nella voce e dalle parole dei miei compagni, che il tempo non è nostro alleato e ne abbiamo decisamente poco.. bene ho una proposta da farvi. Cercare i goliath rimasti per avere altri alleati è sicuramente un passo da fare ma non credo di essere d'aiuto per una missione diplomatica di questo tipo. le mie arti possono essere messe a disposizione in altro modo e in un altro luogo. Vorrei provare ad avvicinarmi di più a questo gruppo di goblinoidi, bugbear e giganti per raccogliere informazioni più precise per un agguato più efficace. Vorrei prendere qualche prigioniero. Non sono qui per chiedere, ma per informare. Non voglio spaccare il gruppo e neanche andare incontro a consensi negativi, ma semplicemente condividendo le mie arti e svolgendo il lavoro per cui sono qui.
ho la possibilità di muovermi senza essere visto e sentito. e vorrei partire stanotte stessa.

Rimase li, durante il discorso senza gesticolare troppo per non attirare l'attenzione e aspettando una risposta dal drago suo interlocutore, e da eventuali compagni che avessero ascoltato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Celeste(Umana Elocatrice) 


Clint

Spoiler

L'elocatrice, con sua grande sorpresa, venne avvicinata da Clint, il quale, con una estrema premura, si rivolse a lei interessandosi a quanto era avvenuto con Plathonirax. La ragazza gli sorrise dolcemente, per poi abbassare lo sguardo con imbarazzo e dispiacere. Non devi chiedermi alcun perdono Clint. E soprattutto non devi credere che io ce l'abbia con voi. Non è vero. Io vi voglio bene, esattamente come ho dichiarato a Colte Grigia. Non mi sono avvicinata molto perché so che adesso tu e Chandra diffidate, giustamente, della mia natura.

Comunque... Per rispondere alla tua domanda... Da quando abbiamo combattuto contro Azariaxis... Ho paura dei draghi... Ed allo stesso tempo... Sento che devo mettermi in gioco contro di loro... Per proteggere chi ho intorno... Ho avuto la stessa paura con Emercuyadar, finché non mi ha messa a mio agio... In entrambe le occasioni mi sono paralizzata... Ho visto Azariaxis che mi guardava, che mi soffiava vampate di fuoco contro... Mi sentivo mancare l'aria, proprio come quel giorno... Sono creature di una tale possenza che ho paura di cosa potrebbe succedere se dovessero scatenarsi... Quante vittime ne uscirebbero fuori... Ed io... Ho paura di non essere in grado di proteggere tutti... Celeste rialzò il volto, guardò per bene l'adepto ricordandosi poi delle sue origini. Gli sorrise ancora con dolcezza. Non volevo offenderti con queste mie parole... Sono mortificata...  Cercherò di rimanere più concentrata se me lo richiederete, non voglio che questo mio stato possa impensieririvi ulteriormente...  

 

Edited by Organo84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

Con Celeste

Spoiler

Clint abbozzò un sorriso, il senso di colpa che affiorava nel ripensare alle parole di due sere prima. 

"Celeste... i draghi sono come gli esseri umani, ma in grande, con le ali, le scaglie, zanne affilate, un soffio incredibile e qualche trucchetto magico. Ma sono proprio come noi: alcuni sono buoni, altri no; alcuni sono onesti, altri no. Ci sono quelli coraggiosi, quelli pavidi, quelli vanesi, quelli burloni... è solo che, con loro, tutto sembra più grande.

Porti sempre con te quel fermaglio speciale, che ti ha dato il principe: se ti senti in difficoltà, stringilo. Penso che ti aiuterà. Lo so. 

Celeste... purtroppo, le cose spesso non vanno come noi vorremmo. È evidente che ci siano state delle incomprensioni, tra noi. Tra tutti noi. Io credo davvero che tu sia buona, gentile, generosa, ma, come tu sei rimasta spaventata dal drago e dal suo fuoco, Chandra è rimasta spaventata da quel che ha visto... e che ben poco aveva a che fare con te. Con ciò che noi sapevamo, di te. 

Non credere di offendermi perché puoi avere timore dei Draghi. Avere paura dei Draghi è una cosa molto intelligente. Ed istintiva. 

Per me è ormai impossibile farlo, però. Io, talvolta addirittura penso come loro. Percepisco il mondo come loro.

Ma...

Senti, facciamo una cosa. Proviamo una cosa.

Vieni qui", aggiunse, un pensiero sul limitare del suo essere. Doveva aiutarla. Dovevano aiutarsi a vicenda. Non è mai facile ricostruire la fiducia, ma Clint, nella violenta ostinazione di Tonum e nel candore vulnerabile che Celeste pareva aver recuperato,  intravedeva quello che bastava: una possibilità. 

"Celeste, io non so se il mio viso ti possa fare paura, ma, come sai, io ho sangue di drago", spiegò, guardandola in volto. Le prese poi un dito e ne premette il polpastrello contro il dorso della sua mano: "Riesci a sentire le scaglie? Ti fanno paura? Ti spaventano? Non credo. Ebbene, sono le scaglie di un piccolissimo drago.

Ora... allontanati di qualche passo, per favore".

L'adepto inspirò e soffiò, una lingua di fiamma rossastra e gialla a sagomare l'aria sopra il suo viso, come un cono di arcaico potere. 

"Loro lo possono fare. E posso farlo anch'io. Il loro corpo è una specie di fornace. Anche il mio lo è. Io non sono che una briciola di pane, ma anche loro possono sbriciolarsi. Come è successo proprio ad Azariaxis.

Io non ti faccio paura (almeno spero!). Neanche loro devono farlo. 

È soltanto fuoco, questo, Celeste. La prossima volta non ti toccherà nemmeno".

Le sorrise di nuovo e tornò nella tana di Plathonirax. 

 

Edited by Ghal Maraz
Spelling mistakes.
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra 

La ragazza sorrise alla proposta di Clint sulla rappresentazione teatrale improvvisata: l'idea le piaceva molto ma avrebbe dovuto trovare una sintonia immediata con le arti recitative di Ariabel per modulare la voce ed aggiustare i tempi sulla performance dell'altra ragazza. Attese che la quasi principessa fosse pronta per poi raccontare dell'incontro voluto da Derbel e l'arrivo man mano di tutti i protagonisti del salvataggio... 

Spoiler

Perform +21

Chandra si perse affascinata tra i cunicoli della tana del drago esplorando ogni anfratto per immaginarsi le abitudini di Plathonirax: i segni che lasciava con gli artigli sulle pareti, l'impronta della coda che serpeggiava tra le monete, le orme delle zampe che scavavani la nuda roccia... 

Senza rendersene conto era arrivata a sera ed era stanca morta. Finalmente avrebbe potuto dormire nella tana di un vero drago protetta da ben due draghi oramai amici: i turni di guardia finalmente non sarebbero serviti, quindi prese il suo pesante giacuglio invernale raggiungendo il resto del gruppo, si stese di fianco a Clint coprendo entrambi con l'ampia coperta, si strinse al ragazzo e disse solo: Fa freddo stasera... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Skaldsson (Kalashtar Ardente)

Bjorn continuó a squadrare il drago con un'espressione a metà tra il sorpreso ed il gelido rimprovero. Non dovrebbe essere una creatura nobile e generosa? Quello che vedo è solamente un codardo con un enorme ego ed una passione per gli scherzi di cattivo gusto. Il guerriero vorrebbe aiutare in qualche modo i suoi compagni a convincere questa lucertola troppo cresciuta a passare dalla loro parte, nonostante fosse convinto che non potesse rappresentare chissà che grande aiuto, ma ogni parola che avrebbe voluto rivolgere al drago era inequivocabilmente un insulto. Almeno finché non lo sentì citare la sconfitta di Azariaxis. Se c'era una cosa che il guerriero adorava era raccontare storie: ecco come avrebbe potuto partecipare. Magari specificando che non siamo degli abituali uccisori di draghi. Abbiamo fatto ben più che vedere la morte di Azariaxis: siamo stati noi ad eliminarlo, così da distruggere il regime del terrore che voleva instaurare su queste terre. È anche per questo che siamo qui: lei è un rappresentante di una nobilissima razza, che avrebbe il legittimo diritto a possedere il potere posseduto dal drago rosso. Non vogliamo arrogarci il diritto di  scegliere chi debba governare su queste colline, non sono questioni che spettano a me o ai miei compagni: vogliamo solamente offrirle le nostre lame per la sua causa. Sarei lieto di raccontarle quella storia, degna di entrare nelle leggende! Leggende di cui anche lei potrebbe fare parte: chissà che imprese riusciremmo a portare a termine con il suo aiuto. Disse il guerriero sforzandosi di sorridere, evitando di esprimere il suo pensiero sulle capacità del drago di rame come governante. Forse preferirei Azariaxis. E saprebbe dirci se i goblin della tribù Zannabianca rientrino tra i nostri nemici? Li abbiamo già affrontati, la skjaldmær Celeste ha ucciso il loro capo, lasciando l'intera tribù allo sbaraglio. Concluse indicando la donna con un certo orgoglio, non volendo accettare tacitamente gli insulti gratuiti che Plathonirax stava rivolgendo alla sua amica. 

Master

Spoiler

Diplomazia +3 per aiutare Clint e Chandra a rendere il drago ancora più ben disposto nei nostri confronti.

Il guerriero era d'accordo sulla proposta fatta per l'itinerario da seguire: era parecchio incuriosito da quei Goliath, che gli sembravano tanto degli spiriti affini. Forse anche loro considerano le risse come un divertimento passatempo. Seguì quindi Clint quando lo chiamò da parte assieme a Chandra e Ariabel, per sentire cos'avesse da dirgli.

Clint, Ariabel, Chandra

Spoiler

Effettivamente è molto sospetto. Così come la velocità di questo gigante nel prendere possesso della tana del drago rosso: non sembra anche a voi una manovra per nascondere qualche prova scottante su quali siano le macchinazioni del padre di Azariaxis?

Quando, più tardi, si riunirono attorno al fuoco, Bjorn si avvicinò al felinide: non aveva avuto modo di conoscerlo durante il loro viaggio, ma il guerriero rimaneva seriamente convinto che non si potesse combattere al fianco di uno sconosciuto. Salve, messere. Non ho avuto modo di presentarmi, né a Coltre Grigia né durante il viaggio: sono Bjorn Skaldsson. Disse senza aggiungere altri titoli, porgendogli la mano con un sorriso sul volto.

Durante la notte [Seline]

Spoiler

Stava dormendo il suo solito sonno senza alcun sogno, quando sentì degli strani rumori giungergli all'orecchio. Si girò un paio di volte, come se stesse cercando una posizione più comoda, decidendo poi di aprire gli occhi per fare un rapido controllo. Sarà qualche animale: chi ci attaccherebbe qui dentro? Ancora stordito dal sonno, alzò la testa solamente per vedere Seline rientrare in tenda. La guardò confuso, parlandole con gentilezza È successo qualcosa? Ho sentito dei rumori strani, sembravano quasi delle urla.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Connor

Sera, dopo la (speriamo) meravigliosa performance a tre voci.

"Non... Non so", rispose Clint a Chandra, incerto, "io... io non sento freddo. Non lo sento mai".

Armeggiò nel suo zaino ed estrasse un'altra coperta, dispiegandola solo su Chandra. 

"Ecco, spero... vada meglio".

Lasciò poi che la ragazza si adagiasse comodamente, cercando di scaldarla, seppur timoroso di invaderne la sfera personale. Si sentiva - decisamente - in imbarazzo. 

Spoiler

N.B. Clint ha Resistenza al freddo 15. Potrebbe girare nudo al polo nord. 

 

Edited by Ghal Maraz
  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Notte [Bjorn]

Spoiler

I passi non erano ben calibrati, neanche silenziosi quanto avrebbe voluto sperare, finendo infine per sdraiarsi nuovamente accanto a Bjorn con un corpo esausto e avviluppato dal piacere carnale e dal bruciore di quelle ferite inferte. Un lungo sospiro che uscì dalle labbra, prima di voltarsi lentamente in direzione di Bjorn. Gli occhi scarlatti lo osservavano con attenzione in quell'oscurità, mentre un sorriso comparve sulle sue labbra.
Niente di cui preoccuparsi, tesoro mio.
Proferì mentre cercò di andare ad accarezzare il volto del nordico, prima di avvicinare le proprie labbra alle sue per baciarlo con quello che iniziò come un semplice contatto di labbra, prima di permettere a quella lingua di poter saggiare e aggiungere più passione in quel semplice atto.
Non siamo più in città adesso.. E' normale che ci sia qualche animale.
Un sussurro in sua direzione, prima di socchiudere gli occhi, mentre la mano destra continuò ad accarezzare il suo volto, passando successivamente sui capelli.
E' stata una giornata impegnativa, credo che sia meglio riposare adesso.. Mh?
La coda della tiefling si mosse per andare ad accarezzare l'addome del nordico.
Avremo tempo per un po' di intimita, tranquillo.
Il tono leggermente lussurioso, prima di potersi permettere di riposare e attendere che l'alba giungesse.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Edriust

Bjorn

strinse la mano del suo interlocutore abbozzando un sorriso portando, come sempre, la mano sinistra al simil basco che ha in testa come segno di saluto.

Edriust per servirla signore. I tempi sono stretti e lo capisco, non si preoccupi.

dm @Bomba

Spoiler

 

Attese una risposta dal drago, prima di enunciare le sue intenzioni al gruppo. Voleva partire presto, senza perdere tempo, ma con il benestare del gruppo. Sarebbe partito anche senza, ma sarebbe stato decisamente più difficile.


 

 

Edited by Comics Hunter

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra 

La barda si strinse a Clint sotto le coperte cercando calore umano: finalmente dopo una marcia in solitudine, apprensione e attenzione sempre al massimo per controllare che Celeste non si trasformasse in quell'orribile creatura, aveva finalmente un attimo di tregua in cui rilassarsi visto che con due draghi a vegliare su di loro difficilmente ci sarebbero stati problemi.

 

Clint era l'unico del gruppo a darle quella sicurezza e quella tranquillità di cui aveva bisogno: strinse il braccio intorno alla vita del ragazzo per scaldarsi e con la testa sulla sua spalla cadde in un sonno profondo e senza sogni. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ariabel

Uno spettacolo? Ma sarebbe meraviglioso! Perfetto, ma non darmi nulla, permettetemi invece di usare un paio di trucchetti disse facendo l' occhiolino ai compagni.

Più tardi quella sera, prima dell ora del  ritiro, gli aspiranti corifei misero in scena la loro piece teatrale.

Ariabel si fece crescere due grosse ali membranose e viro' il colore della sua pelle a memoria di quella di Azariaxis. Uso' poi le sue capacità di esperta costumista per parere molto più grande e minacciosa di quella che era e indossò la maschera del drago che aveva costruita con le sue stesse mani per modificare ancora di più il suo aspetto:  subito le iridi divennero identiche a quelle di un rettile, il naso scomparve e denti acuminati come pugnali scintillarono alla luce delle braci ma, cosa ancora più realistica, Ariabel era adesso capace di emettere coni di fuoco.

Spoiler

Alterare sé stesso ( ali, volo, colore e umanoide il più massiccio possibile)

Maschera del drago ( specifiche che ti ho descritto)

Camuffare + 14 ( se si usa apparente è +12)

Intrattenere recitazione +12 +4 ( di Clint)

Sera con Celeste

Spoiler

Dopo lo spettacolo Ariabel si ritirò nella sua tenda per struccarsi quando ebbe la gradita sorpresa di una visita da parte di Celeste. Ma certo che mi va' della cioccolata.

Si dice che il migliore amico di una donna siano i diamanti ridacchiò, ma tra loro e il cacao farei fatica a scegliere.

Invece ascolta la mia proposta: che ne dici se per questo viaggio condividiamo la mia tenda? Spazio per due ce n'è, ci faremmo compagnia e staremmo più al calduccio. Guarda che non accetto un no come risposta! Avrebbe anche potuto aggiungere che così poteva tenerla d'occhio meglio ma non voleva ferirla tornando sull' argomento ed inoltre aveva piena fiducia in lei.

Per quanto riguarda Clint, tra noi i rapporti sono sempre stati formali e da quando ho ricevuto delle minaccie di morte da Garnia.. oh davvero, non lo sapevi? Bhe sì. Pare che la principessa di Garnia fosse la promessa sposa di Derbel prima del mio arrivo...ah grazie per gli auguri, si, sono molto soddisfatta di lui.

Comunque Clint ha promesso di farmi da guardia del corpo e credo abbia esteso questa sua delicatezza anche a Chandra in quanto lady consorte.  Sai disse improvvisamente triste,Tonum aveva ragione, sono un ipocrita e una egoista. Se mi fossi tirata indietro adesso Firedrakes  avrebbe un potente alleato in Garnia ...ho combinato un casino.

Molto più tardi, quella stessa notte, Ariabel sentì i gemiti di godimento di Seline e sorrise. Era bello sapere che qualcuno si stava divertendo, chissà com'era felice Bjorn di avere una compagna così bella e disponibile.

  • Sad 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Chandra

Spoiler

Intrattenere (oratoria) +21+16=37

x Ariabel

Spoiler

Intrattenere (recitazione) +12+4+4=20

In quella sera all’interno di Cima Ruggine, diversi furono i botta e risposta tra umanoidi e draghi Non mi sono preso la briga di studiare le loro affiliazioni, uomo del nord rispose Plathonirax a Bjorn Il fatto di aver diminuito i numeri di quelle creature è un bene, ma è stato tempo fa a quanto mi sembra di aver capito, quindi è tutto in discussione. Ma non sminuirò il vostro operato si limitò a dire. Più conciliante furono le risposte del drago d’argento Avete fatto bene a chiedere disse Emercuryadar rivolto a Clint Presentarsi con la pelle del nemico può essere visto come un bene, non conosco bene i gusti di Plathonirax e non vorrei si offendesse, ma credo si possa provare confidò il drago d’argento all’adepto dei draghi. Questo, unito alla volontà di Ariabel, impegnò le due donne nell’organizzazione dell’intrattenimento della serata. Il drago d’argento ebbe anche risposte per gli altri avventurieri, primo tra tutti Edriust, il quale aveva avanzato una proposta personale No, non credo sia una buona idea rispose piccatamente il drago Dividersi è troppo rischioso in un ambiente così pericoloso, specie se non posso garantirti una sorveglianza dall’alto. Certo, le tue idee sono valide, ma così come lo hai pensato te anche i goliath potrebbero averlo fatto. A giudicare dalle opinioni, direi che li visiteremo subito quindi non vedo perché non sentire loro prima disse. Sorpresa invece fu ciò che fece trasparire alle carezze di Celeste Io… ehm… beh, ti ringrazio Celeste. Ma sono un po’ più grande di te, non devi temere che perda le staffe così facilmente Emercuryadar si concesse una risatina Ma è bello vedere tanta innocenza in tempi così bui, a discapito di quello che ti è successo. Vediamo il bicchiere mezzo pieno… almeno non sei una che si fa truffare dai mercanti o che si ubriaca alla prima serata allegra in un villaggio!

 

Il momento dell’allegria fu, quella sera, offerto da Chandra ed Ariabel. La barda dimostrò che l’iniziale timore reverenziale nei confronti del drago di rame era stata solo una debacle passeggera. Estraniando i suoi pensieri dall’importante platea che assisteva, la scalda decantò la lunga epopea del gruppo, un passaggio importante per rendere ancora più interessanti i personaggi di quella storia, tratteggiando talmente bene i dettagli dei posti visitati che gli astanti ebbero le stesse sensazioni che avevano all’interno della Foresta dell’Arbusto Nero e nell’ampio spiazzo vicino alla Torre del Fato. Chandra fu generosa con i suoi compagni, non elencando le mancanze, ma esaltando solo le azioni più valorose e la caduta di Azariaxis. Dal canto suo Ariabel recitò in maniera degna il ruolo del drago, sebbene la maggior parte degli “effetti” speciali fu donato dalle incredibili parole della discendente dei draghi d’argento.

Alla fine del racconto Emercuryadar annuì soddisfatto Un’opera degna delle più grandi rappresentazioni, mie signore. Fortunata è tua moglie, Chandra, poiché non trova solo una donna buona e premurosa, ma anche un’artista senza precedenti lodò. Plathonirax non fu da meno Siete le benvenute nella mia tana, artiste del sud esclamò Se tutti i visitatori fossero dotati del vostro talento, mi troverebbero assai ben disposto.

 

Il sole tramontò definitivamente su quelle Colline cariche di pericoli, ma gli eroi erano al sicuro più di molti regnanti, godendo della vicinanza di due draghi metallici in una posizione sopraelevata. Le ore notturne scivolarono tranquille in un riposo relativamente tranquillo per tutti.

x Seline

Spoiler

Quando la tiefling tornò a stendersi, dopo aver rassicurato Bjorn, sentì sul fianco opposto la presenza di Jackpit Non vedo l’ora di rifarlo, ho già tante nuove idee comunicò il quasit mentalmente, stringendosi all’altezza del busto di Seline, la testa che strusciò sui generosi seni della stregona Un meraviglioso corpo per una meravigliosa Padrona disse carezzando una delle sue mani artigliate sul suo ventre. La tiefling percepì la presenza del demone vicino a lei, dopo aver ricevuto tutto quel seme in lei fin quasi al punto di colmarla, conclusione di una possessione senza ritegno, ma anche così eccitante. Jackpit però sembrava, ai fatti, sessualmente sazio. Almeno per quella notte.

x Clint

Spoiler

La vicinanza di Chandra fu un'esperienza nuova per l'adepto. Pur avendo goduto della compagnia di donne, quella era la prima volta che Chandra era così vicina a lui. Il profumo dei suoi capelli risultava inebriante, mentre le generose e calde forme della Silverhand prelevano sul suo corpo, mentre ella si stringeva a lui, strusciandosi nel sonno per trarre il maggior calore possibile. La sua parte del corpo meno logica gli mandò un segnale, scattando sull'attenti. Chandra però pareva addormentata, anzi sicuramente doveva esserlo perché istintivamente vi si appoggiò con il basso ventre.

Il mattino seguente, il terzo giorno da quando erano partiti da Coltre Grigia, gli eroi poterono fare colazione mentre Emercuryadar e Plathonirax si scambiarono pareri e opinioni. Alla fine il drago d’argento si rivolse loro Le distanze che ci separano, in linea d’aria, sono limitate. Per il momento Plathonirax controllerà la zona sud delle Colline, mentre noi andremo dalla tribù dei goliath. Approvo la vostra decisione, sulla base di come andrà stabiliremo le nostre prossime mosse.

 

In caso riusciate a convincerli, allora coordineremo insieme anche il mio supporto disse Plathonirax con una punta d’orgoglio Voi avete abbattuto Azariaxis e siete stati bravi, ma vedrete che racconto verrà fuori quando entrerò in campo io! disse

Plathonirax si rivolse nuovamente ai suoi protetti Quando sarete pronti, partiremo. Vi raccomando la massima attenzione, io cercherò di aiutarvi, ma seremo tutti in pericolo con giganti e goblinoidi in zona!

X tutti, funzionamento dei viaggi nelle Colline Cremisi

Spoiler

Ogni giorno di viaggio il gruppo si espone a vari rischi, tra cui imboscate e combattimenti con i pericolosi servi di Kumalog. Dato che comunque il destino del gruppo non è di morire per piccole pattuglie, si utilizzerà un metodo di calcolo basato sulle capacità più che sul combattimento:
-Di base tutti i PG subiranno di base un danno pari a 10xil numero di giorni di viaggio ininterrotto all’interno delle Colline.
-Per evitare imboscate è richiesta, ogni giorno, una prova superata di Ascoltare e una di Osservare con CD20. Fallire significa subire un’imboscata, per il quale tutto il gruppo subisce 5 danni per ogni prova non superata.
-Per evitare i pericoli naturali (cadute, frane e simili) è richiesta, ogni giorno, una prova di Sopravvivenza con CD15. Fallire significa avere un incidente, per il quale tutto il gruppo subisce 4 danni.
-Data la particolarità del territorio e delle sue creature, per procacciarsi il cibo si può effettuare una prova di Sopravvivenza o equivalenti prove di Muoversi Silenziosamente e Nascondersi (entrambe vanno tirate, si sceglie il risultato minore).
Il danno complessivo viene sommato alla fine di ogni giorno di viaggio. I giocatori sono tenuti a fornire loro stessi i modificatori alle varie prove, nel caso della particolare prova di Sopravvivenza per pericoli naturali si calcola la possibile sinergia a favore del modificatore alla prova migliore. Data la casualità degli eventi nel corso della giornata non è possibile darsi bonus speciali alle prove a meno che essi non valgano per 8 ore. Eventuali curatori possono illustrare i possibili metodi di cura sulla base dei potenziali danni che si possono ricevere.

x tutti

Spoiler

Checkpoint per la fine del viaggio nella notte tra giovedì 20 e venerdì 21 dicembre

 

Edited by Bomba

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.