Jump to content

I PbF sono lenti -> come sfruttare tale caratteristica?


Hero81

Recommended Posts

Mantenendo un ritmo 'medio' (uno o due post al giorno) i PbF consentono di giocare senza dover mai veramente improvvisare....

o almeno è un'improvvisazione 'ponderata'.

Secondo me funzionano bene con gli hex-crawl.

Tante location da esplorare, tante avventure attivabili... tanto non c'è bisogno di definire tutto al giorno 0: si possono sviluppare i contenuti via via che i PG vanno avanti con l'esplorazione.

A me pare un idillio per master: che mi dite voi che avete maggior esperienza di PbF?

Link to comment
Share on other sites

Nessuno ti farà uno o due post al giorno o almeno io non ho mai visto farlo nei pbf che stanno qui

Comunque il ritmo è molto importante e non parlo solo dei post ma anche in quello di gioco. Parlare per un mese intero in una locanda potrebbe risultare stucchevole perchè non hai la stessa vicinanza e e immediatezza di un tavolo o una chat

Edited by ilTipo
Link to comment
Share on other sites

Pro dei PbF: più facili da preparare perché si ha più tempo; permettono una maggiore introspezione e un miglior dialogo tra i personaggi (perché hai tempo di scrivere e non devi improvvisare); favorisce giocatori "timidi" al tavolo in real; avendo sempre tutto scritto permette di gestire risorse, tesoro, cash e punteggi in modo chiaro e duraturo. 

Contro dei PbF: i dungeoncrawl sono proibitivi; i combattimenti tattici facili da gestire ma lunghi da aggiornare (invece che spostare pedine si devono usare altri sistemi, con disegni editato, plance virtuali, etc etc); molti giocatori mollano per noia o disinteresse.

 

L'ultimo punto non è detto che sia esclusivo del PbF, ma qui l'anonimato toglie ogni scrupolo che verrebbe al tavolo. 

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Io ho gestito un megadungeon improvvisato qui sul forum e in effetti mi sono trovato bene: invece di preparare mille stanze prima creavo solo quelle necessarie man mano che si andava avanti, usando due o tre idee di base per dare coerenza al tutto. Ho anche potuto resettare il Dungeon dopo i vari tpk senza dover buttare via il lavoro di mesi. 

Quindi sì, concordo con te. Ovviamente i ritmi del Pbf sono quelli che sono, e possono piacere o meno. 

Link to comment
Share on other sites

Avevo già scritto qualcosa riguardo ai PBF qualche tempo fa, ora non riesco a ritrovare il topic, ma il succo del discorso è:

Se non c'è costanza da parte di tutti è finita ancora prima di iniziare.

Ho gestito un GDR by Forum per anni, e la sessione più veloce è durata comunque almeno un mese (si parla di un semplice dungeon con un mini-boss).

I combattimenti, se non scanditi con regolarità e cercando di limitare l'infodump da parte dei giocatori rischiano di diventare davvero eterni.

La soluzione che avevo trovato era stata la seguente: posta il master, poi i giocatori hanno 24/48/72 ore per postare almeno le azioni essenziali (poi possono abbellire con tutto il testo che vogliono, purché il succo e le azioni siano quelle); se non lo fanno sono in balia degli eventi.

Ha funzionato discretamente bene.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Per la mia esperienza mi accodo a quanto scritto da @Pippomaster92. La lentezza facilita l'esplorazione delle reazioni interne del personaggio che, di solito, possono essere espresse in maniera più dettagliata rispetto a quanto si farebbe al tavolo (o per lo meno, con me ha sempre funzionato così) per due principali motivi: 1- non voglio monopolizzare il tempo della sessione, 2- non ho così tanto tempo per pensare a ogni sfumatura introspettiva, essendo il ritmo più veloce.

Inoltre il mezzo della scrittura lo trovo, come detto (sempre da @Pippomaster92) anche facilitante per i giocatori più timidi per due motivi principali: 1- non vedere gli altri giocatori può "allentare" la preoccupazione per eventuali giudizi. 2- essendo gli interventi scritti, il personaggio può esprimersi più liberamente (per esempio urlando, senza che lo faccia il giocatore, magari di notte in un condominio).

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Venendo al titolo, i pbf sono l'occasione migliore per approfondire carattere e psicologia del proprio personaggio.

Contemporaneamente è l'occasione migliore per scrivere tutti insieme una bella avventura. I pbf sono ottimi per GDR narrativi e il massimo per quelli a narrazione condivisa.

Per un GDR meccanico come ad esempio DND 5e solo per capire da dove viene un suono ci vuole un botta e risposta tra master e giocatore che può portare via una settimana solo per quella incomprensione.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Chiunque ha uno smartphone con una connessione costante 24/7 e se ha voglia di rispondere apre la pagina DL e risponde al post del DM o del compagno di ruolata.

L'ingranaggio pbf si riempie di sabbia quando i post non sono fluidi, quando c'è lassismo di uno dei partecipanti (o più) che draga anche gli altri, quando la trama non é avvincente e non lo so dice al DM, quando non si inseriscono la variabili atte al conteggio pro meccaniche, quando non si conoscono abbastanza bene le regole (e non si chiede chiarimento alcuno in tds prima di postare), quando ci sono le vacanze, ecc ecc

Insomma bisogna fare quadrare il cerchio e non é facile ma si può riuscire 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Il vantaggio dei PbF è poter "giocare" scene da romanzo come questa (che poi è anche il motivo per cui io non tornerei mai più al tavolo).

Lo svantaggio è non poter gestire con immediatezza i combattimenti, per questo un po' mi faccio spiegare dai PG, un po' la consuetudine li rende chiari da sole, quali sono le "combo" di azioni/abilità/ecc. che i personaggi usano almeno nei primi round. Quando però si arriva al punto che uno è moribondo, uno è accerchiato e l'altro appeso su un precipizio, chiaramente non posso più giocare per loro, perciò a costo di rallentare ogni giro di post si riduce a 1 solo round, o anche meno, di gioco.

Quanto all'aggiornamento mappe, pf, ecc., modestamente sul mio sito ho sviluppato una talea marea di automatismi che neanche al tavolo sarebbe altrettanto veloce (a meno che i giocatori rinuncino a far rotolare a tutti i costi quei poliedri di polimero sul tavolo e acconsentano invece a usare comunque il mio sito).

Ciao, MadLuke.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Sei palesemente molto esperto, io invece muovo i primi passi.

Sento però che fanno per me. 

Soprattutto perché si gioca sempre e il tempo che passi a fantasticare sul mondo fittizio creato con i giocatori è massimizzato.

 

 

 

Un domandone a tema PbF:

per caratterizzare i PNG, e solo a quello scopo, si possono scrivere le parolacce?

Si ma con moderazione? Solo usando gli asterischi?

Evoco @Bille Boo , nella sua veste di moderatore, per una risposta ufficiale a proposito.

Edited by Hero81
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

41 minuti fa, Hero81 ha scritto:

Un domandone a tema PbF:

per caratterizzare i PNG, e solo a quello scopo, si possono scrivere le parolacce?

Si ma con moderazione? Solo usando gli asterischi?

Evoco @Bille Boo , nella sua veste di moderatore, per una risposta ufficiale a proposito.

Imho: questione da decidere tutti assieme (master + giocatori) nella sessione zero.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Il 10/1/2023 at 17:45, Hero81 ha scritto:

Un domandone a tema PbF:

per caratterizzare i PNG, e solo a quello scopo, si possono scrivere le parolacce?

Si ma con moderazione? Solo usando gli asterischi?

 

La regola 1.5 vieta il linguaggio scurrile. Se è in-game non è grave ma sarebbe molto meglio semi-censurare la parola in qualche modo (asterischi, cancelletti, puntini o altro).

 

  • Thanks 2
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...