Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Fuga dall'Abisso esce il 30 Luglio in italiano

In questi giorni la Asmodee Italia ha aggiornato la pagina del suo sito dedicata alle prossime uscite, rivelando finalmente la data di uscita di Fuga dall'Abisso, un'avventura per PG di livello 1-15 ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms e caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni. Completamente tradotta in lingua italiana, l'avventura uscirà in tutti i negozi il 30 Luglio 2020.
Ovviamente è importante tenere presente che, come specificato sempre dalla Asmodee sul suo sito, le date da lei annunciate sono da considerarsi sempre indicative e potrebbero subire variazioni in caso di contrattempi.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Grazie a @AVDF per la segnalazione.
Fuga dall'Abisso
L’Underdark è un mondo sotterraneo ricco di meraviglie, un labirinto sterminato e contorto dove regna la paura, popolato da mostri orrendi che non hanno mai visto la luce del giorno. È quaggiù che l’elfo oscuro Gromph Baenre, Arcimago di Menzoberranzan, lancia un empio incantesimo con l’intenzione di infiammare l’energia magica che pervade l’Underdark: nel farlo, spalanca una serie di portali collegati al regno demoniaco dell’Abisso. Ciò che ne esce stupisce lo stesso arcimago, e da quel momento in poi, la follia che aleggia sull’Underdark non fa che crescere e minaccia di scuotere i Reami Dimenticati fin dalle loro fondamenta. Fermate la follia prima che divori anche voi!
Data di uscita: 30 Luglio 2020
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Read more...

I vecchi manuali di D&D su DMs Guild ora hanno un Disclaimer

Disclaimer: vista l'alta sensibilità del tema trattato in questo articolo (considerato Tema a Rischio, come specificato negli articoli 1.6 e 1.12 del Regolamento di Dragons' Lair), abbiamo deciso di disabilitare i commenti. Si tratta di una soluzione temporanea, che abbiamo deciso di adottare in attesa di poter introdurre una versione più aggiornata del Regolamento. Nei prossimi giorni, infatti, lo Staff di DL' si riunirà per definire nuove linee guida riguardanti proprio la discussione di argomenti simili. Nel frattempo ci scusiamo per il disagio.
 
In linea con un annuncio sul trattamento della Diversità da lei rilasciato qualche settimana fa e in riconoscimento del fatto che, rispetto a 40 anni fa (quando D&D è nato), il mondo è cambiato, la Wizards of the Coast ha deciso di inserire all'interno dei vecchi manuali di Dungeons & Dragons pubblicati sul DMs Guild un Disclaimer riguardante il contenuto in essi trattato. Tale Disclaimer ha lo scopo di avvisare i lettori di oggi che quei manuali sono figli del loro tempo e che, quindi, possono contenere idee, concetti e affermazioni che non rispecchiano i valori del D&D di oggi. Un esempio di manuale in cui è stato inserito il Disclaimer è Oriental Adventures per la 1e.
Qui di seguito potete trovare la traduzione del Disclaimer in italiano:
Ed ecco qui la versione originale:
Fonte: https://www.enworld.org/threads/older-d-d-books-on-dms-guild-now-have-a-disclaimer.673147/
Read more...
By aza

ManaDinamica – Magia ed Entropia

La magia può sembrare una cosa meravigliosa: si tratta di uno strumento in grado di fare, in prima approssimazione, qualunque cosa.
Abbiamo tuttavia già visto nel precedente articolo che la faccenda non è così semplice: infatti, per ottenere un qualunque effetto magico che sia fisicamente coerente, abbiamo bisogno di spendere energia. E abbiamo bisogno di ottenere questa energia da qualche parte.
Ma il problema non si ferma qui: ogni volta che l’energia viene trasformata da una forma all’altra, una porzione di essa sempre maggiore viene dispersa, diventando inutilizzabile per il suo scopo originario
Oggi parliamo del secondo principio della termodinamica… applicato alla magia!

Calore e movimento
Se mettiamo a contatto tra loro due oggetti a diverse temperature, il più caldo comincerà a raffreddarsi e il più freddo a scaldarsi finché non raggiungeranno la stessa temperatura.
Questo fenomeno, detto “principio zero della termodinamica”, è evidente se mettiamo un cubetto di ghiaccio nell’acqua d’estate: il cubetto si scalda, sciogliendosi, ma nel farlo raffredda l’acqua.
Quello che è accaduto è che una certa quantità di energia, detta calore, ha abbandonato il corpo caldo, raffreddandolo, per introdursi in quello più freddo e riscaldarlo.
Questo passaggio di energia può essere “imbrigliato” per ottenere movimento: le macchine in grado di compiere queste trasformazioni sono dette Motori Termici, tra cui il motore a scoppio, il motore stirling e l’immancabile motore a vapore.

Un modellino di motore stirling. Una lieve differenza di temperatura tra il sopra e il sotto della base è sufficiente per far girare la ruota.
Un motore termico ha infatti bisogno di due “ambienti”, uno più caldo dell’altro, e la sua capacità di funzionamento dipende proprio da tale differenza di temperatura.
Quando, nel mondo reale, gli scienziati, ingegneri e inventori del ‘700 e ‘800 cominciarono a studiare il rapporto tra il calore fornito a una macchina a vapore e l’energia meccanica (cioè legata allo spostamento della vaporiera) che essa era in grado di rilasciare, si accorsero che una porzione di tale energia veniva perduta.
Infatti, parte di quel calore andava comunque a riscaldare l’ambiente esterno, più freddo ovviamente della caldaia: questo implica che, se da una parte l’aria esterna circola ed è in grado di rinnovarsi, la caldaia va via via raffreddandosi e richiede sempre nuovo combustibile.
Per quanto si possano migliorare numerose parti di un motore, per esempio riducendo gli attriti (che dissipano ulteriore preziosa energia), una porzione di dispersioni energetiche dovute a questo scambio di calore sarà sempre, inesorabilmente presente.
Tale evidenza portò a una delle formulazioni del “Secondo Principio della Termodinamica”, quella di Lord Kelvin: “È impossibile realizzare una trasformazione ciclica il cui unico risultato sia la trasformazione in lavoro di tutto il calore assorbito da una sorgente omogenea” 
Fu questa triste scoperta, l’inevitabile dispersione dell’energia, che portò gli scienziati del tempo alla definizione di una nuova grandezza fisica: l’Entropia.
Energie inutilizzabili
L’Entropia viene spesso definita come lo “stato di disordine di un sistema”, ma si tratta di una definizione che può confondere: infatti non si tratta banalmente di sistemi nei quali gli elementi siano “riposti ordinatamente”.
Due oggetti a temperature diverse e a contatto tra loro, infatti, sono ugualmente “ordinati” prima o dopo aver scambiato calore tra loro.
Quello che invece sappiamo grazie ai motori termici è che se due oggetti hanno temperature diverse è possibile usarli per generare energia meccanica, mentre questo è impossibile se hanno la stessa temperatura.
In questo secondo caso, infatti, la loro energia è stata “distribuita” tra di essi, mentre inizialmente essa era “disponibile” per generare lavoro.

Se immaginiamo le unità di energia termica come palline, esse possono essere utilizzate per produrre movimento solo finché sono separate
Badate bene che, dopo lo scambio di calore, tale energia non è stata “perduta” nel nulla: l’energia totale è conservata e così il primo principio della termodinamica, solo essa non è più “sfruttabile” alla stessa maniera.
La sua “qualità” è diminuita.
L’Entropia è, di fatto, la misura di questa “riduzione di qualità” dell’energia di un sistema.
Un’evidenza nata sia dall’osservazione naturale che dagli studi di Carnot è che l’entropia è sempre in continua, inesorabile crescita, e quindi la “qualità” dell’energia è in perenne calo.
Ciò ha portato a un’ulteriore formulazione del secondo principio della termodinamica: “in un sistema isolato l’entropia non può mai diminuire”.
Tutti i fenomeni spontanei, infatti, aumentano (o quantomeno mantengono inalterata) l’entropia del sistema: il calore fluisce da un corpo caldo a uno freddo, anche quando si cerca di imbrigliarlo con un motore, riducendo inevitabilmente l’efficacia del processo (come abbiamo già visto).
Tutti i fenomeni naturali che portano alla dispersione dell’energia sono prima o poi inevitabili: il ghiaccio fonde, gli oggetti cadono, il ferro si ossida, le pile si scaricano, le stelle si spengono e gli esseri viventi, alla fine, periscono.
Questo non significa che sia impossibile ottenere effetti opposti a quelli spontanei: abbiamo ad esempio inventato frigoriferi e condizionatori per abbassare la temperatura.
Tuttavia, tali macchinari si “limitano” a spostare il calore, ad esempio, del cibo congelato nell’ambiente fuori dal frigo, e consumano energia per farlo: parte di questa energia poi, ovviamente, non sarà utilizzabile per raffreddare gli alimenti ma verrà dispersa.
Se noi cercassimo di utilizzare la differenza di temperatura tra frigo e stanza per alimentare un motore termico, otterremmo ancora meno energia di quella necessaria per mantenere il cibo congelato.
L’energia necessaria per raffreddare un oggetto è insomma superiore a quella che si otterrebbe utilizzandolo come ambiente freddo per un motore termico: questo perché parte di quell’energia è stata dispersa proprio a causa dell’entropia.
Come per un cambio di valuta, scambiare euro per dollari avrà un costo: riscambiando indietro dollari con euro, un ulteriore costo, ci troveremmo in mano meno soldi di quelli iniziali.

Ogni trasformazione d’energia riduce quella disponibile per nella nuova forma, disperdendone inevitabilmente altra a causa dell’entropia
Inoltre, andando ad effettuare il calcolo, vedremmo che, dove l’entropia dell’interno del frigorifero è diminuita, quella del suo esterno è aumentata di una quantità superiore: l’entropia totale infatti aumenta sempre.
A seguito di un’azione su un sistema che ne riduca l’entropia ci sarà sempre un sistema più grande che lo circondi la cui entropia totale è aumentata (o al limite è rimasta identica): si dice in gergo che “l’entropia dell’universo” non può mai diminuire.
Come per i frigoriferi, anche i meccanismi degli esseri viventi riescono a mantenere sotto controllo l’entropia, a scapito tuttavia delle sostanze che espellono: gli scarti del corpo umano, se anche non fossero per esso dannosi, sarebbero comunque meno nutrienti dell’equivalente cibo necessario per crearli.
Se fossimo in grado di assimilare gli elementi nutritivi del terreno e produrre autonomamente determinate molecole biologiche necessarie per il nostro organismo, come alcune proteine, troveremmo svantaggioso nutrirci di piante e animali poiché il loro “passaggio” ha rubato energia.
Ogni trasformazione di energia ha, infatti, un determinato “rendimento”, cioè una percentuale dell’energia investita che è effettivamente utilizzabile dopo una trasformazione: il rendimento è sempre inferiore al 100% e tale perdita, dovuta all’entropia, va accumulandosi ad ogni passaggio.
Se, per esempio, della benzina viene bruciata per spingere un’automobile, tale processo è più efficiente (si ha cioè a disposizione più energia effettiva) che se tale motore fosse usato per produrre energia elettrica ed essa, a sua volta, utilizzata per alimentare un motore elettrico di un’automobile: motivo per cui le auto elettriche sono efficienti e meno inquinanti solo se ci sono scelte oculate nella produzione dell’energia elettrica.
A loro volta, i combustibili fossili come il petrolio, “fonti” di energia, non sono che l’effetto della degradazione di energie ben superiori accumulate milioni di anni fa durante la crescita, ad esempio, delle piante ormai fossilizzate e dell’azione dei batteri su di esse: l’energia spesa, insomma, per creare un albero e trasformarlo in carbone fossile è superiore a quella ottenuta bruciando quello stesso combustibile.
Per riassumere il concetto, l’entropia è la misura della degradazione dell’energia di un sistema: essa aumenta inesorabilmente a ogni trasformazione d’energia, rendendola sempre più inutilizzabile e portando spontaneamente a fenomeni come la dispersione del calore, dell’energia e la devastazione del tempo.
Gli effetti sulla magia
Ma quali effetti avrebbe l’entropia sulla magia, alla luce anche dell’articolo precedente?
Tanto per cominciare, l’energia magica disponibile sarebbe, se possibile, ancora meno.
Che sia accumulata fuori o dentro il mago, l’energia magica tenderebbe a disperdersi: sarebbe forse questo fenomeno a concedere l’esistenza di incantesimi che permettano la percezione della magia.
Questo implicherebbe, per esempio, che gli effetti magici vadano a svanire nel tempo e causino tutti quei classici eventi come l’indebolimento dei sigilli magici per trattenere chissà quale oscuro demone del passato.
Sarebbe anche molto in linea con tutte quelle ambientazioni nelle quali la magia si è via via ridotta e non sia più facile come un tempo produrre chissà quali effetti meravigliosi, un classico anche di tanti racconti  che pongono spesso le vicende in epoche successive a quelle degli dei e degli eroi: un tale sapore si respira, ad esempio, nelle Cronache del ghiaccio e del fuoco, nel Signore degli Anelli ma anche, da un certo punto di vista, in ambientazioni dove magia e tecnologia si confondono come Warhammer 40.000.

Ma come giustificare la presenza di antichi artefatti di ere perdute in grado di garantire immensi poteri, come quelli tipici della terra di mezzo?
Una maniera per limitare lo scambio di energia al minimo è quello di utilizzare contenitori adiabatici, che riescono quasi ad azzerare lo scambio di calore (chiaramente non è possibile azzerare completamente le perdite per un tempo infinito… proprio per colpa dell’entropia!).
L’idea di ridurre la dispersione dell’energia è ampiamente utilizzata in ambito tecnologico per materiali isolanti (basta pensare all’edilizia o ai termos) nonché per altre applicazioni come i Volani, pesanti oggetti tenuti in rotazione nel vuoto su cuscinetti magnetici in modo che non disperdano il loro movimento rotatorio (il quale viene poi utilizzato, all’occorrenza, per produrre energia).
Impedire a un oggetto magico di rilasciare energia potrebbe essere sia una maniera per allungare la sua vita sia, nell’ottica precedente, di celarne la natura.
Ma un oggetto di potere immenso in grado di durare millenni potrebbe somigliare di più a una forma di vita magica, che ottiene la sua energia dall’ambiente esattamente come le piante (entro un certo limite) dal sole.
In base a come funzioni il mana in un mondo di finzione, oggetti e creature che si nutrono di esso potrebbero ridurne la disponibilità magica in una determinata area, cosa che potrebbe portare a divertenti implicazioni.

Ma l’effetto più importante dell’entropia sulla magia è che la sua energia è ancora più preziosa: ad ogni trasformazione, infatti, viene dissipata, che sia per il passaggio dal metabolismo umano a una riserva magica, dall’ambiente circostante agli incantesimi stessi.
Gli incantesimi poi dovrebbero, se possibile, agire in maniera estremamente diretta: sollevare un masso, per esempio, dovrebbe evitare di richiedere l’apertura di un portale sul piano elementale dell’aria per manifestare una corrente ascensionale (anche se può darsi che un mero sollevamento non sia poi così facile da ottenere… ma ne parleremo oltre!).
Alla stessa maniera, una palla di fuoco potrebbe essere ottenuta separando ossigeno e idrogeno nel vapore acqueo presente nell’aria, spezzando i loro legami tra loro e ottenendo, per ricombinazione, un effetto esplosivo… ma questo richiederebbe un enorme dispendio di energia.
Perfino l’arco elettrico di un fulmine sarebbe molto più semplice da causare, ma richiederebbe comunque più energia di una punta affilata sparata magicamente sul nemico.
Diversa invece la situazione se queste energie magiche fossero presenti e pronte a svilupparsi in maniera selvaggia: in tal caso, il mago potrebbe limitarsi a gestire con perizia il flusso magico incontrollato, lasciando la dispersione energetica più grande alla fonte magica…

Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2020/01/22/manadinamica-magia-ed-entropia/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.
Read more...
By aza

ManaDinamica – Conservazione dell’Energia

Uno dei problemi da affrontare, nei giochi e nella fiction in generale, dovuto all’introduzione della magia è integrare tali fenomeni all’interno del mondo per creare un contesto coerente e in qualche modo credibile.
In questa rubrica, dedicata soprattutto agli inventori di mondi (che siano scrittori o dungeon master), cercheremo di analizzare come potrebbe funzionare una magia “fisicamente corretta” ed evitare la classica domanda: “ma perché, se c’è la magia, la gente continua a zappare la terra e morire in modi atroci?”.

IL PROBLEMA ENERGETICO
Se la magia fosse fisicamente corretta, dovrebbe rispettare alcune leggi fra le quali i famosi Principi della Termodinamica (o, per l’occasione, della “Manadinamica”).
Tra questi, il primo è il cosiddetto “Principio di conservazione dell’Energia” che richiede che l’energia totale coinvolta in un fenomeno sia conservata, cioè che la sua quantità totale al termine del processo sia uguale a quella iniziale (contando, in entrambi i casi, tutte le forme di energia presente).
Ma cos’è l’Energia?
L’Energia è una grandezza fisica che descrive vari fenomeni simili capaci di trasformarsi l’uno nell’altro: l’energia elettrica usata per alimentare una stufa si trasforma in energia termica, e quella termica in un motore produce energia meccanica sotto forma di velocità (energia cinetica) e/o sollevando pesanti carichi (energia potenziale).

Ma l’energia è anche la base del funzionamento del nostro corpo: noi otteniamo energia dal cibo che mangiamo (dove è accumulata in forma di energia chimica dei suoi costituenti nutritivi) e usiamo questa energia per muoverci, respirare, pensare e per il corretto funzionamento del nostro metabolismo.
Possiamo dire tranquillamente che la stragrande maggioranza dei fenomeni che conosciamo prevede trasformazioni e scambi di energia, e la magia non può non ricadere in questo sistema: per sollevare un masso con il potere di un incantesimo, l’energia necessaria deve essere ottenuta da qualche parte.
È questo continuo richiamo al “pagamento” di energia che permette di creare un sistema magico fisicamente coerente. Non solo, l’incantesimo deve richiedere tutta l’energia necessaria per ottenere l’effetto desiderato: la generazione di temperature estreme di una palla di fuoco, la crescita di una pianta o lo spostamento di masse ingenti può richiedere una quantità estrema di energia, e talvolta anche difficile da calcolare (soprattutto quando ci sono di mezzo creature viventi o teletrasporti, ma avremo modo di parlarne in altri articoli).
Cerchiamo dunque di rispondere alla domanda: da dove proviene tutta questa energia?
MICROORGANISMI E CONDENSATORI
Una prima possibilità evidente è che l’energia possa essere ottenuta da quella del mago stesso.
Il corpo umano consuma l’energia ottenuta dal cibo per le sue attività, compresa una fetta importante (circa il 60-70%) unicamente per mantenere le funzioni vitali come la respirazione, la circolazione, il pensiero e il mantenimento della temperatura.
Un essere umano, in base all’età, al sesso e all’attività che compie, ha un consumo energetico quotidiano che può andare tra le 1500 e le 2500 kilocalorie circa: la stessa quantità di energia, espressa in Joule (l’unità di misura dell’energia nel sistema internazionale), oscilla tra i 6300 e i 10500 KiloJoule.
Se fosse possibile prendere una piccola frazione, ad esempio l’1% dell’energia di una “persona media” (8000 KJ per comodità), avremmo a disposizione 80 KJ, cioè 80.000 Joule.

Ma “quanti” sono 80.000 Joule?
Sono, ad esempio, pari all’energia necessaria per sollevare di un metro un masso di 8 tonnellate!
L’energia per una simile impresa titanica, ben lontana dalle capacità umane e facilmente assimilabile a un “prodigio magico”, è pari al solo 1% dell’energia consumata da un essere umano “medio”.
Ciò che impedisce a una persona di usare la sua energia in questa maniera è il concetto di “potenza”, cioè l’ammontare di energia che può essere emessa in un determinato ammontare di tempo. I nostri muscoli non sono abbastanza potenti da sollevare massi di una tonnellata (1000 kg) in alto di un metro, ma più che capaci di trasportare un oggetto di 10 kg per un dislivello di 100 metri: queste due azioni richiedono lo stesso ammontare di energia, ma la prima richiede molta più forza e molto meno tempo.

Se riuscissimo a rilasciare energia in tempi inferiori, potremmo letteralmente dare vita alla magia partendo dalla stessa energia dei corpi umani: ma come accumulare questa energia e rilasciarla tutta assieme?
Un mago potrebbe avere una “riserva” di energia magica che viene lentamente ricaricata dal suo stesso metabolismo e che può essere rilasciata rapidamente dando vita a effetti magici, e l’energia mancante del mago potrebbe giustificare la classica carenza di forza fisica che accomuna i maghi in molti giochi di ruolo.
Un’opzione potrebbe essere fare ricorso a sostanze prodotte dall’organismo e accumulate in appositi tessuti, come facciamo già nella realtà con i grassi, in grado di essere “bruciate” per ottenere un picco di energia.
Se invece non volessimo alterare la biologia umana, potremmo immaginarci un microorganismo simbiontico simile ai famosi Midi-Chlorian di Star Wars, in grado di sopravvivere solo in organismi molto specifici (magari in maniera simile a quello che accade con gli antigeni del sangue, solo più complesso).
Infine, il mago potrebbe ottenere energia sottraendola dagli esseri viventi circostanti, in pieno stile “rituali sacrificali” o, più semplicemente, prendendo ispirazione dalla recente serie di The Witcher.

Il rilascio dell’energia dovrebbe essere rapido, con un funzionamento simile a quello del flash delle macchine fotografiche. Le pile, infatti, non sono in grado di fornire una potenza sufficiente per il lampo: il flash, in questo caso, è ottenuto da un Condensatore, un componente dei circuiti in grado di accumulare al suo interno cariche elettriche (cioè, sostanzialmente, elettroni, le particelle che compongono la corrente elettrica) e di scaricarsi molto velocemente.
In questo modo, anche se la velocità di ricarica della pila è ridotta, il condensatore è in grado di fornire rapidamente una grande quantità di energia per il flash: allo stesso modo, un mago dovrebbe essere in grado di bruciare rapidamente la sua riserva energetica per ottenere, in poco tempo, grandi quantità di energia per dare vita ai suoi incantesimi.

Un condensatore. La vostra scheda madre ne è piena.
CATALIZZATORI
Se invece l’energia fosse ottenuta esternamente dal mago, come potrebbe egli averne accesso? E come giustificare una quantità limitata di uso di tale potere?
Sempre pensando a un consumo (almeno iniziale) di energia da parte del mago, si potrebbe ipotizzare un’interazione tra il mago e una sostanza esterna, simile alla Trama nel mondo di Forgotten Realms, grazie al quale il mago ottiene i suoi effetti facendo da catalizzatore.
In chimica, molti processi che trasmettono energia verso l’esterno (esoergodici) non avvengono spontaneamente, ma devono essere “stimolati” tramite una certa quantità di energia iniziale, detta energia di attivazione. Si può immaginare, ad esempio, che una certa reazione rilasci 5 Joule di energia, ma che la sostanza debba prima ricevere due Joule come energia di attivazione per avere inizio.
Un esempio pratico di questi fenomeni sono le combustioni, delle quali parleremo in un futuro articolo: un oggetto che brucia emette energia termica, ma ha prima bisogno di un innesco, un evento in grado di fornirgli l’energia necessaria per far partire la combustione.

Un Catalizzatore è un elemento, di solito una sostanza chimica, in grado di produrre un effetto di Catalisi, cioè di ridurre l’energia di attivazione: nell’esempio precedente la reazione potrebbe, grazie a un catalizzatore, richiedere un solo Joule per avere inizio.
Se il mago fosse in grado di agire da catalizzatore per la magia, questo spiegherebbe come mai solo i maghi sono in grado di usare tale potere, cioè perché l’energia di attivazione è troppo elevata e i non-maghi non sono in grado di abbassarla.
Contemporaneamente, se fosse sempre lui a fornire l’energia iniziale (ridotta grazie alla catalisi) si giustificherebbe anche un utilizzo limitato della magia da parte dell’incantatore.
MASSA ED ENERGIA
Un’ultima, notevole fonte di energia è la cosiddetta annichilazione della materia: la possibilità cioè di trasformare direttamente materia in energia mediante la famosa formula di Einstein.

Si tratta di una quantità di energia enorme: mezzo grammo di materia produrrebbe la stessa energia della bomba di Hiroshima.
Fortunatamente si tratta, nel mondo reale, di un processo assai complesso da ottenere: per avere una annichilazione è necessario far incontrare ogni particella del nostro materiale con la sua antiparticella. Queste ultime sono complesse da ottenere e prodotte solo da reazioni nucleari rare e altresì molto costose, in termini energetici (e non), da ottenere: all’attuale stato delle cose, il più grande apparato in grado di generare tali antiparticelle (il Large Hadron Collider, o LHC, del CERN di Ginevra) sarebbe in grado di ottenere un grammo di antimateria in… qualche milione di anni!
Tuttavia, immaginando di ottenere energia dai due processi precedenti, sarebbe forse possibile annichilire quantità di materia sufficientemente piccole da concedere comunque effetti prodigiosi… se l’antimateria fosse già presente. Infatti, produrre antimateria richiede processi molto più costosi (in termini di energie) di quanto poi riottenuto dall’annichilazione, fino a 10 miliardi di volte tanto.
Anche se, infine, essa fosse già disponibile al mago, questi dovrebbe assicurarsi di mantenere l’antimateria confinata nel vuoto, impedendogli di interagire con qualunque genere di materia, perfino l’aria: tale situazione viene comunemente ottenuta, nel mondo reale, tramite potenti campi elettromagnetici che possono risultare letali alle persone che si avvicinano troppo.

Sarebbe invece possibile ottenere parte dell’energia dagli atomi mediante fusione e fissione: in questo caso, tuttavia, la quantità di energia ottenuta da ogni atomo è molto inferiore e sarebbero necessarie quantità importanti di materiale (e il materiale giusto!), nonché condizioni peculiari di temperatura e pressione altrettanto complesse da ottenere (che richiederebbero ulteriori, drammatiche energie iniziali).
IL PREZZO DA PAGARE
Questa (relativamente) vasta serie di opzione potrebbe far pensare che ottenere energia possa essere semplice, ma si tratta di una conclusione errata.
Il mago dovrebbe indubbiamente pagare il prezzo iniziale consumando parte della sua stessa energia, energia che, se fosse accumulata in una sorta di condensatore magico, non sarebbe disponibile dell’incantatore (al di fuori del suo uso magico) e lo lascerebbe permanentemente spossato.
Se facesse inoltre da catalizzatore per una qualche fonte esterna di energia, essa si andrebbe, nel tempo, a consumare inevitabilmente la fonte di energia magica esterna proprio come i combustibili che diventano inutilizzabili dopo essere bruciati.
Infine, la stessa capacità di annichilire materia richiederebbe una grossa fonte di antimateria oppure energie tali da non giustificarne l’utilizzo, e anche l’energia nucleare si potrebbe sfruttare solo con condizioni estreme di temperatura e pressione.

E’ evidente dunque che l’idea di usare la magia per affrontare problemi altrimenti risolvibili è una mossa assai sconveniente, e che rivolgersi agli incantesimi dovrebbe essere giustificato solo da una necessità particolare e immediata.
E ancora non abbiamo parlato del fatto che non tutta quell’energia può essere utilizzata per lanciare una magia… ma per quello, aspettate il prossimo articolo di Manadinamica!
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2020/01/15/manadinamica-conservazione-energia/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

Exploring Eberron uscirà a Luglio 2020 su DMs Guild

Inizialmente previsto per Dicembre 2019, Exploring Eberron di Keith Baker - il creatore originale dell'ambientazione Eberron - ha finalmente una data di uscita definitiva: Luglio 2020. Come spiegato sul suo sito ufficiale, infatti, Kaith Baker si è trovato costretto a posticipare la pubblicazione del supplemento non solo per via del COVID-19 e di altri contrattempi personali, ma anche per darsi il tempo necessario a inserire al suo interno tutto il materiale promesso. Nonostante il ritardo, tuttavia, ora il manuale è nella fase conclusiva della sua produzione e sarà dunque disponibile a Luglio sul DMs Guild, lo store online ufficiale della WotC.
All'interno di Exploring Eberron, Keith Baker esplorerà nel dettaglio i luoghi e i piani d'esistenza di Eberron a cui i manuali del passato hanno prestato minor attenzione. E' possibile dare un primo sguardo al contenuto del manuale grazie alle Anteprime rilasciate dall'autore il Maggio scorso. Trattandosi di un manuale Terze Parti pubblicato su DMs Guild, invece, purtroppo non è possibile aspettarsi una sua traduzione in lingua italiana (a meno che la WotC decida altrimenti).
Inoltre, come rivelato dall'autore sul suo sito ufficiale:
Trattandosi di un manuale pubblicato da Terze Parti (si tratta di un supplemento realizzato da Baker e non dalla WotC), il materiale contenuto in Exploring Eberron non potrà essere considerato canone ufficiale di Eberron. Poichè, tuttavia, ogni gruppo può decidere da sé la forma che Eberron avrà al proprio tavolo (come ricordato da Baker stesso), starà ad ogni gruppo decidere se considerare valide o meno le informazioni pubblicate da Baker in questo supplemento.
  Exploring Eberron sarà disponibile sia in versione con copertina rigida, sia in versione PDF. La prima versione sarà un libro con copertina rigida premium da 8,5″ x 11″ (simile al formato dei manuali ufficiali WotC).
  Non è possibile preordinare Exploring Eberron (DMs Guild non consente le prenotazioni), quindi i tempi di consegna della copia cartacea cartonata sono di almeno 1-2 mesi, ma sarà possibile avere immediatamente la copia PDF. Prima di ordinare la versione cartacea, tuttavia, assicuratevi che su DMs Guild sia disponibile la spedizione nel nostro paese.
  Il supplemento avrà un totale di 247 pagine e conterrà 49 illustrazioni originali. Grazie a @senhull per la segnalazione.

Fonte: http://keith-baker.com/bts-exploring/
Read more...
Bomba

Capitolo Venti – Il giorno in cui la Savana si tinse di sangue

Recommended Posts

Sharifa (lizardfolk stregona)

Notte prima del duello

Una volta messi d'accordo per sostenere Reksis, Sharifa si ritirò per riposare e prepararsi all'indomani. Non si sentiva certa del successo del giovane gnoll, ma non volle soffermarsi troppo sui cupi pensieri che avrebbero seguito la sconfitta. 

Duello

Sharifa non amava certo la violenza, ma si sedette con gli altri ad osservare il duello con una certa trepidazione. Da un lato era sicura che il risultato del duello avrebbe influenzato la sua vita, e quella di tutti gli abitanti della Savana. Dall'altro desiderava anche assistere alla disfatta del crudele Re delle Croci. Fu decisamente soddisfatta dalla brevissima durata dello scontro. Quando Reksis uscì vittorioso, Sharifa esultò assieme agli altri.

Dopo la vittoria

La lizardfolk si avvicinò al nuovo re, inchinandosi con i palmi aperti e le braccia allargate, nell'elegante gesto di deferenza già mostrato ai sovrani del nord "Sono lieta di darvi il benvenuto tra i nostri alleati, Re Reksis. Lo shayk sarà certamente felice di potervi ospitare, e noi di avervi al nostro fianco nella futura guerra. Assieme avremo migliori possibilità di farcela" 
Vennero poi portati davanti a loro tre prigionieri. Schiavisti, ovvero criminali della peggior specie. La crocifissione era stata però una punizione più che sufficiente, non meritavano la morte. Però la lizardfolk non poteva nemmeno pensare di lasciarli semplicemente liberi "Se ascoltate il mio suggerimento, amici miei, direi che questi tre individui potrebbero essere risparmiati: aborro la morte e la tortura, non sono punizioni da dispensare con leggerezza. Invece potremmo far si che i tre individui possano redimersi. Che si uniscano a noi nella difesa della Savana: ci conducano alla loro tribù, o organizzino un incontro con i loro signori" annuì alle parole di Dravicov "Esatto, ritengo che recarci dai fratelli del nostro Tom Po sia la scelta migliore. Appena possibile partiremo per quella destinazione. Un peccato non poter approfittare della vostra ospitalità più a lungo, oh sovrano"

DM

Spoiler

Per il viaggio 

ASCOLTARE: +1
OSSERVARE: +1
SOPRAVVIVENZA: +0
MUOVERSI SILENZIOSAMENTE: +4
NASCONDERSI: +4

INIZIATIVA +6

Ogni mattina uso Mage Armor, Ca 26

Ogni sera userò Whispering Sand includendo mio fratello e Constantin, raccontando tutto quello che accade in giornata. Possono rispondere e il dialogo dura 100minuti.

Ho un Everlasting Ration e un Everfull Mug.

Se qualcuno ha danni fisici ho una Rod of Bodily Restoration, 3 cariche al giorno.

I sandals of the vagabond riducono esaurimento a fatica, e sono immune all'esaurimento.

 


Voto Felinidi
Per il destino degli schiavisti propongo: tenerli in vita e usarli per contattare altre tribù della Savana. 

 

Edited by Pippomaster92

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Il Duello

Winn'Ier fece da tifoso per tutta la durata del duello alternando momenti di sana tifoseria al grido di: CHE VINCA IL MIGLIORE! a motti ultras come CHI NON SALTA UNO GNOLL E', E'!!

Dopo lo scontro, dopo aver salutato a dovere Reksis, dandoli pacche sulla spalla e riempiendolo di complimenti raggiunse anche i sostenitori di Garrik Dai, su, non fate quei musi lunghi, vi rifarete l'anno prossimo! Bel duello, dai, ve la siete giocata bene! disse tirando pacche sulle spalle a tutti gli altri gnoll senza alcuna distinzione di sesso, età o religione.

Le partenze

Si, credo che dovremo andare dalla famiglia di Tom Po, poi cerchiamo l'orco capo! quando gli altri cominciarono a decidere che fare degli schiavisti, Winnie non potè fare a meno di dire la sua opinione Ha ragione Sharifa, secondo me possiamo prenderli con noi, lasciarli in vita e poi li insegniamo il rispetto, come ci si comporta e poi li portiamo ad Acquastrino! Così viviamo tutti felici! Anzi, prima ci facciamo dire dove si trovano gli altri, così insegniamo a tutti come ci si comporta! Aiuteremmo tanta gente, così!

Winn'Ier, sì che era un genio! Insegnare ai cattivi a non fare i cattivi, era la cosa migliore che potessero fare in un periodo di guerra incombente! 

Spoiler

+10 Survival

+4 Listen

Scent

Voto per andare dai Felinidi

 

Edited by Plettro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

Una fine onorevole per un guerriero. Spregevole e con usi contestabili ma era la fine giusta per uno gnoll cresciuto e abituato alla violenza.

Era una vittoria certa, forse scritta da tempo. Il rito di Zhuge era un segno forte.
Ora che la situazione si è risolta al meglio è giunta l'ora di partire.

Loro però non verranno con noi dissi indicando i tre schiavisti ..io solo conosco la via per la Foresta di Rovi e ho scelto di condurvi lì.
Non voglio condividere l'unica via a protezione della mia gente con chi è manchevole della mia fiducia. Voi soli verrete con me, loro.. 
feci spallucce ..non ho idea di cosa farne. La violenza non è mai la soluzione, concordo, tuttavia la decisione dovrebbe prenderla il capotribù, noi siamo solo di passaggio e darebbe anche un segno forte della sua capacità di decidere per gli altri.

Reksis, mi rivolgo a te direttamente. Qui con me ho degli oggetti che potrebbero essere utili per il tuo popolo: per tre volte al giorno ognuno di essi fornirà da bere riempiendosi magicamente fino all'orlo.
Potrebbe essere utile a chi affronterà i viaggi nella savana sotto il sole cocente che ben conosciamo.
La metà è tua, l'altra è per il mio popolo.

So che non è molto, perdona la pochezza ma non sono mai stato abituato a possedere nulla e solo nel corso degli ultimi anni a Firedrakes ho imparato, e male, il valore delle monete e degli oggetti.

Aprii la borsa e diedi cinque boccali al nuovo capotribù e chinai la testa in segno di rispetto. 

@DM-Viaggio savana STATS

Spoiler

INIZIATIVA: +10

ASCOLTARE: +7
OSSERVARE: +3
SOPRAVVIVENZA: +3
MUOVERSI SILENZIOSAMENTE: +14
NASCONDERSI: +18

- CAPACITA' SPECIALE: Wholeness of Body -> mi curo di (2*LIVELLO) HP al giorno, la userei come "polla" dalla quale scalare gli eventuali HP persi a seguito di prove fallite

- Oltre alle 10 Everfull mug per tutti (scalando quelle che ipoteticamente potrebbe prendere Reksis) ho a mia disposizione 1 everful mug e 1 everlasting rations
- Sui bracciali dell'armatura ho inserito il Least Crystal of Adaption con ENDURE ELEMENTS

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dravicov, Vane à D'il

Lontano da sguardi malevoli [Esclusivamente con i membri dei 7]

Spoiler

Dravicov si rivolse a Tom Po Non li porteremo con noi, amico felino, ma concordo su questo punto con Sharifa: se non ci daranno tutte le informazioni che possono fornirci, li lasceremo alle cure di Reksis e quando torneremo ci porteranno dal loro capo. disse guardando male gli schiavi. Poi si girò verso tutti i suoi compagni di viaggio. Ritengo che abbiamo una possibilità per portare questi schiavisti sulla retta via. Fatemi provare una cosa.

Si avvicinò agli schiavi, stremati e accasciati a terra. Si abbassò, appoggiando le braccia sulle gambe Garrik era palesemente malvagio, ma la vostra tribù schiavista non è da meno, avete condiviso un po della sofferenza che hanno provato i vostri schiavi. Adesso...  avete la possibilità di essere, come siamo stati noi per voi, i salvatori di quei poveri schiavi. Avete questa scelta, la redenzione oppure il castigo. Dravicov si rialzò stagliandosi davanti al sole per far calare la sua ombra sui tre schiavi. Diteci tutto quello che dovremmo sapere, sulla vostra tribù, se avete fatto accordi con la Dragolich nemica della vita, se avete ancora schiavi e con chi li trafficate. Diteci la posizione del campo nomade e vi lasceremo convivere con la popolazione di Sharifa, se promettete di fare i bravi. Dravicov aveva uno sguardo furioso, un occhio chiuso e uno aperto, spalancato, la pupilla sgranata. Stava scrutando i tre e aspettando una risposta. Se non fosse un elfo in tutto e per tutto in quel momento sarebbe sembrato proprio un nano, probabilmente un tipo simile al suo amico Thorlum. Un reietto senza casta che avrebbe vendicato in qualsiasi modo la sua gente. Avrebbe rilanciato un occhiataccia appena uno dei tre aprisse bocca dicendo Vi aspetta la galera sotto il comando di un guerriero veterano se non rispondete alle mie domande, e sappiatelo, non sarà molto differente da quello che avete passato.

@Master

Spoiler

 

Intimidire +6 (verso gli schiavi per avere le informazioni che chiedo); Percepire intenzioni +5 (se pensano di fregarmi con informazioni che già abbiamo in nostro possesso o dicendo falsità);      Diplomazia +0 (se ritieni che Dravicov sia stato diplomatico o se il Team mi buffa);

 

 

 

 

Partenza per gattolandia

Zaino in spalla, arco in mano, il volto si era sporcato con della fanghiglia del villaggio quando Dravicov si era avvicinato ad uno dei "bambini" gnoll per salvare il suo dente d'avorio. Allora siete pronti? Ci aspettano altri giorni nella steppa selvaggia e poi ci introdurremo in una foresta mortale.. Normale amministrazione no? Ma non abbassate la guardia ragazzi! Winn'ler? Stai vicino a Sharifa durante il viaggio? Starò accanto a voi anche io. Probabilmente Dravicov aveva timore di incappare in diverse imboscate, o non si fidava completamente della foresta. Ma non si demoralizzò, anzi. Decise di mantenere il sorriso e il morale alto. Comunque! Questa volta non mi farò battere Winn'ler! Il primo giorno di caccia catturerò un elefante! Ahahahaha o preferisci un bel leone? Voglio un bel copricapo con la pelle di un leone... ahahahah. Si ripartiva per un altro viaggio, pronti a sfidare la savana con quel manipolo di pazzi.  

@Master

Spoiler

 

Stats per il viaggio

Ascoltare +3; Muoversi silenziosamente +11; Nascondersi +9; Osservare +3; Sopravvivenza +4;

Iniziativa +10 Come prima chiedo a Winn'ler di passarmi l'arco appena fiuta un nemico e mi nascondo nel primo turno

Poi attk completo

 

 

 

 

Edited by ToGrowTheGame

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

Feci spalluce alle parole di Dravicov, tuttavia volli rimarcare una cosa:

..non ho problemi con quel che dici, non sono un difensore della natura per partito preso, ma il cibo non ci manca e uccidere gli animali della savana solo per avere un copricapo con la pelle di uno dei miei simili è una cosa che mi aspetterei da uno gnoll o da un orco.. non da un elfo.
Non sarò io a fermarti se questo è quel che vuoi fare, tuttavia ti sconsiglio di farlo perchè se dovessi trovarti in difficoltà e cercassi aiuto dopo aver alzato l'arco contro un animale, io non sarò quello che ti tenderà la mano.

Era una delle prime volte nella mia vita che volli render chiaro il mio pensiero su di un tema.. forse era una delle pochissime cose che mi interessava, o forse la mia parte umana più emotiva incominciava a prendere a gomitate la mia parte felina

@Reminder razza felinide, descrizione

Spoiler

I felinidi somigliano ad un incrocio fra un grande gatto predatore e un umano, con uno snello corpo umanoide e la testa ed il manto di un felino. Molti felindi maschi intrecciano gli spessi capelli, mentre le femmine li tengono corti e liberi. Il più comune felinide ha caratteristiche riconducibili ai leoni, incluse criniere per i maschi. Altri gruppi hanno caratteristiche simili a leopardi, tigri o pantere

@Sguardo di Tom Po

Kn5BN7H.png

  • Confused 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

La ramanzina agli schiavi

Non sarai stato un pò duro, Dravicov? chiese il barbaro un pò sconcertato Insomma, questi poveretti hanno fatto la fame... Magari se ci aiutano poi li possiamo portare con noi ad Acquastrino dove poi vivranno da persone normali, cioè io farei così, insomma mi sembra una cosa... cattiva, imprigionarli di nuovo, magari hanno imparato che hanno fatto cose brutte... la prigione non è la cosa più meglio, secondo me.

La Savana

Alle parole di Dravicov, Winnie scivolò al fianco di Sharifa senza farselo dire due volte Tranquilla, ti proteggo io dalle bestie disse con un bel sorriso, Sharifa era tipo Seline solo meno bella e più scagliosa, ma il suo fascino ed il suo charme erano innegabili ed il barbarorso ne finiva inevitabilmente attratto.
I suoi pensieri, vennero interrotti dalle parole di Tom Po nei confronti di Dravicov Beh, in effetti... Se non si ha fame non c'è motivo di uccidere un'animale... Ma tranquillo che se trovo un leone lo mangio e poi ti do io la sua pelliccia! poi si girò verso il monaco felinide io posso eh, non posso mangiare il vostro cibo. disse compiaciuto di aver trovato un compromesso per entrambi.

Una notte, attorno al fuoco...

Gli eroi erano tutti radunati attorno al fuoco e Winnie volle seguire l'esempio di Dravicov Ehm... E se raccontassi una storia? Ci state, sì? il barbaro si schiarì la gola.
Allora...

...Mentre stavo andando verso Firedrakes, mi fermai un poco a riposare. In una distesa glaciale dei Fiordi. In una bufera di neve. Allora decisi che quel posto non era il massimo e quindi presi il mio tronco e lo buttai sul fiume per continuare il mio viaggio verso Firedrakes... Durante l'attraversamento sentì l'odore della civiltà... Scesi dal tronco per andare a vedere e trovai una vecchio druido che, senza un motivo apparente, mi diede dello stufato. 
Ed io di tutta risposta gli diedi del figlio di buona donna! Ma come si permetteva, quello? Quindi mi allontanai e continuai il mio viaggio...

...Piaciuta?

Spoiler

+10 Survival

+4 Listen

Scent

Se possibile, mi impegno al massimo per ammazzare un leone invece della prima cosa che capita, sennò si limita a mangiare ciò che trova, ma davanti ad una scelta, sceglierà sempre di mangiare un leone e conservare la pelle

 

Edited by Plettro
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra 

Fortunatamente il duello era andato nel migliore dei modi e gli gnoll ora si ritrovavano con una guida più saggia e più votata al bene comune di quanto non fosse mai stato Garrick. Chandra ringraziò Reksis per le sue benevole parole e propose: Non siamo dei selvaggi e non crediamo nella tortura o nelle esecuzioni sommarie. Hai abbastanza saggezza per decidere dei vostri prigionieri da solo, ma se posso avanzare una proposta, fossi in te io li porterei con voi: nelle battaglie che verranno gli schieramenti non saranno i guisti contro i malvagi, ma i vivi contro i morti. Ogni uomo morto rischierebbe solo di ingrossare le fila del flagello blu e quando vedranno contro cosa combattiamo, sono certa che sapranno da che parte schierarsi ed avranno le giuste motivazioni... 

 

E a proposito di morti - disse guardando Dravicov dopo la battuta sulla pelliccia di leone - se non saranno i non morti ad uccidere le popolazioni della savana, potrebbe essere la fame: non sarebbe di buon gusto cacciare solo per diletto e non per sopravvivenza quando migliaia di persone rischiano la carestia. Siamo pur sempre ospiti in queste terrre... 

Prendi pure l'amuleto per ora, tanto qui non c'è modo di rivendere equipaggiamento e dividere l'oro, lo faremo più in là

Spoiler

Voto per andare dai gattacci e per mandare i prigionieri con gli gnoll usandoli come truppe extra per la difesa contro i non morti. 

Ogni sera provo a scrutare il capo degli orchi (cd 23 volontà ipotizzando un tiro di 11/12 su beauty's caress, lui ha +5 al TS) 

Per quanto riguarda il viaggio, ogni giorno lancio beauty's caress su di me e su golban (che recupero con miser with magic) ed hearth of earth, quindi per 12 ore ho 19+5d4 carisma, 24 pf temporanei e riduzione del danno 10/adamantio durante un eventuale combattimento. Posso volare senza vincoli per eventuali crolli/baratri e posso lanciare come azione immediata mirror image greater (1d4+4 immagini) o ruin delver's fortune per avere +car ai tiri salvezza ed altre capacità come eludere, immunità al veleno, alla paura o 4d8+car pf temporanei. 

Iniziativa +8 (lancio 2d20 e prendo il migliore) 

Ascoltare +17

Osservare +1

Sopravvivenza - 1

Muoversi silenziosamente - 1

Nascondersi - 1

Fizban ha:

Ascoltare +15

Osservare +5

Sopravvivenza +2

Muoversi Silenziosamente +2

Nascondersi +10

Contrastare elementi sempre attivo, per il cibo sono autosufficiente con everlasting rations e everfull mug

 

Per eventuali cure ho 3 cariche della cinta da 2d8 e in base a quanto tiri di beauty's caress ho 9 slot per lanciare cura ferite critiche da 3d8+12 o 3d8+15. Alla bisogna ho anche le bacchette, ma tra queste mie e l'imposizione delle mani strapompata da beauty's caress di golban dovrebbero bastare per tutti

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dravicov, Vane à D'il

La gatta frettolosa fa i gattini ciechi [fuori dal villaggio, destinazione Foresta dei rovi]

Avete ragione, credo di dovermi scusare con tutti quanti. La mia affermazione era volta a tenere il morale alto. Ma credo di non aver dosato bene le parole. Non intendo certo cacciare per diletto, intendevo solo dire che mi impegnerò nei momenti di caccia per essere all'altezza delle abilità del nostro Winn'ler. 

Non credevo comunque che i felinidi fossero così protettori nei confronti degli animali, mi dispiace averti fatto indispettire. Cercherò di ricordarlo, anche se ho appena scoperto che dietro la maschera di indifferenza che portate Tom Po, anche lei è vittima dei sentimenti. Sembra strano ma credo che si sia arrabbiato veramente. Se la sua razza ha un debole per la natura questo potrebbe giocare a nostro favore e ottenere il loro supporto senza problemi. Dravicov seguiva il passo di Tom Po, intento a farsi ascoltare e osservare l'amico. Possiamo sperare che i suoi fratelli siano così e che sotto sotto abbiano dei sentimenti. In realtà Chandra ha ragione, qua si tratta di vivi contro morti, spero che questo basti a convincerli.

@Nightmarechild

Spoiler

In tua assenza uso io i titoli saggi XD scusa

spero di non incappare nel copyright

 

Edited by ToGrowTheGame

Share this post


Link to post
Share on other sites

Golban Brown Drowdson

Il saggio e comunque giovane Reksis seguendo le parole del l'elfo diede termine alle torture che l'ormai trapassato Garrik aveva perpetuato. Alcuni pero si erano macchiati di veri crimini a prescindere dalla pena scellerata inferta. Giovane e saggio Reksis, come ha detto Lady Chandra credo che debba spettare a lei la decisione. Adesso la tribù vivrà e seguirà le vostre scelte, ed ha tutta la saggezza necessaria per prendere le giuste decisioni. Concentrandosi verso quei tre corpi martoriati dalla fame e dalla sofferenza il paladino cercò di leggere nel loro animo. 

Spoiler

Faccio individuazione de male.

Avendo capito la natura del loro cuore si avvicino a loro adesso avete una scelta, non sempre vi è questa fortuna. Il vostro animo è come un libro aperto per me.. Continuò con sguardo fermo e deciso qua non si parla più di noi o di voi, qua ormai si parla del futuro di tutti. Se continuerete a seguire la strada che vi ha portato qua non avrete futuro, è una strada che lentamente ci porterà alla corruzione del vostro cuore fino ad arrivare ad essere esattamente quello che adesso sta marciando verso di noi. Non più esseri umani liberi, ma creature schiave della loro corruzione e di un male ben più maggiore. Potete adesso unirvi in questa battaglia, siete ancora in tempo, e non per dovere o paura ma per la vostra redenzione, per la vostra libertà! Se questa guerra non verrà fermata non ci sara più salvezza per nessuno. Adesso il paladino aveva dato nelle loro mani il loro stesso futuro, le decisioni che avrebbero preso da qui in poi sarebbero state le più significative della loro vita.

Udendo poi la discussione successiva del monaco con l' elfo Dracovic, ho capito quello che volevi dire pero, anche per il futuro e non solo tra di noi cerca di pesare di più alle parole prima di parlare disse in maniera amichevole per poi concludere con una pacca sulla spalla adesso è il momento della partenza, prepariamoci a dovere, abbiamo ancora molto da fare concluse sorridendo.

Spoiler

Cerco provviste sufficienti per il nuovo viaggio.

-Iniziativa +0

-Ascoltare +0

-Osservare +0

-Sopravvivenza +0

-Nascondersi +0 (Armatura pesante)

-Muoversi Silenziosamente +0 (Armatura pesante)

Per le cure ho 3cariche di cintura al giorno. Inoltre ho attivo Action Before Thought con tiro di Concentrazione su TS di Riflessi

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zhuge Liang

La fine del re

Liang fu sinceramente sorpreso della mancanza di attenzione dimostrata da Garrik. Il Re delle Croci non sembrava aver notato il cambiamento avvenuto in Reksis e nelle sue parole c'era solo una sprezzante arroganza. Lo scontro si concluse esattamente come Liang si aspettava: rapidamente e in modo netto, quasi chirurgico. Così cade Garrik. Così s'innalza Reksis.

Salutare il fratello

Una ottima prova, fratello. Liang si inchinò leggermente, per poi sorridere allo gnoll. Sembrava di rivederti volteggiare con la spada insanguinata sulle mura di Ninive, nella Notte delle Cento Torce. Liang accettò volentieri le spoglie del combattimento e ridacchiando rispose alle parole del Quarto. Mi renderai il favore quando sarà il momento, fratello. Come mai ti domandi il motivo del mio giungere a te? Le nostre anime non sono forse legate? Non siamo forse entrambi eternamente fratelli? Come tutti noi, ho seguito il sentiero fino a qui. Guida il tuo popolo con saggezza, Reksis l'Incisore, Mago della Fenice di Giada. Ci rivedremo. Con un ultimo inchino, si accomiatò.

I sopravvissuti alla croce

Schiavisti... La parola uscì dalle labbra semiserrate di Liang come fosse un'imprecazione, come se sapesse di cenere sulla sua lingua. Sono d'accordo con te, Atarassico Tom Po. Condurli al tuo villaggio non sarebbe una scelta saggia... Ma forse c'è un'alternativa... Liang sguainò Nicolette, la lama ripulita del sangue del re gnoll. Potrebbero portare un messaggio ai loro capi. Potrebbero ricordargli che i morti non fanno troppe distinzioni tra chi uccidere, e che presto se li troveranno alle porte... Potrebbero comunicargli che se vogliono avere speranza di sopravvivere, dovrebbero recarsi immediatamente alle porte dell'Impero, chiedendo di parlamentare e di allearsi per fronteggiare il nemico comune, chiedendo il perdono e la possibilità di redimersi... Ovviamente rilasciando tutti gli schiavi in loro possesso. Condizioni dure, ma d'altronde l'alternativa è lo sterminio. C'è solo un problema... Un simile messaggio può essere portato benissimo da una persona sola, non credete? Concluse il mago, passeggiando vicino agli altri membri del gruppo, la spada puntata verso i prigionieri. Usando i poteri psichici della spada Nicolette, comunicò con i suoi compagni.

Tutti

Spoiler

Non ho affatto intenzione di giustiziarli, non temete. Un poco di paura potrebbe renderci un buon servizio in questo senso.

La curiosità uccise il gatto, non la lucertola

Lady Sharifa, se avete delle domande sul mio ordine e sui nostri riti sarò felice di rispondere al meglio delle mie capacità.

xDM

Spoiler

Se nessuno reclama gli oggetti, Liang prende la corazza e la lancia, con l'intenzione di rivenderli al più presto e dividere il denaro tra tutti come suggerito da Chandra.

Voto per il villaggio dei felinidi.

Liang possiede le razioni eterne, ogni giorno può riempire un otre d'acqua con trucchetto e possiede la sua RD 10/male. Oltre a questo, ogni 24 secondi ha 12 hp temporanei grazie a Minor shapeshift, può volare con Ali di fuoco e teletrasportarsi con Porta dimensionale per superare eventuali pericoli. 

Caratteristiche Liang:

Iniziativa: +6

Classe Armatura: 22, contatto 15, colto alla sprovvista 20

Vita: 58 pf

Tiri salvezza: Temp +11, Rifl +6, Vol +8

Caratteristiche: For 14, Des 14, Cos 14, Int 26, Sag 10, Car 8

Abilità: Ascoltare +2, Muoversi Silenziosamente +2, Nascondersi +2, Osservare +5, Sopravvivenza +2.

 

Edited by Nightmarechild
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Dravicov, Chandra e Golban

Spoiler

Intimidire +6+8=14

Chandra Beauty Caress +10

Golban Beauty Caress +11

I prigionieri, che come Golban potè confermare avevano un animo corrotto dalla malvagità delle loro azioni, si dimostrarono ribelli alle richieste di Dravicov, che come un novello Thorlum cercò di strappare loro informazioni usando minacce e intimidazioni No, non parleremo! risposero gli schiavisti Le torture che subiremmo sarebbero ben peggiori fu la loro giustificazione. Il gruppo ben prestò convenì nel rimettere la decisione nelle mani di Reksis, il quale riflettè per diversi minuti prima di prendere la loro decisione Verranno in guerra con noi e combatteranno a fianco di coloro che volevano maltrattare. I nemici non saranno più indulgenti, ma se sopravvivranno potremo valutare l'onore che avranno dimostrato sancì. La sentenza non fu accolta bene dagli imputati, che sbuffarono e soffiarono diverse volte, salvo essere infine scortati via verso una tenda. Presto i tre sarebbero stati armati, ma anche tenuti sotto stretta sorveglianza.

Il viaggio verso la Foresta dei Rovi non cominciò sotto i migliori auspici, soprattutto per Winn'Ier, i cui voti imponevano una costante allerta per procacciarsi il cibo di cui aveva bisogno. Il territorio a nord di dove si erano accomiatati da Reksis non sembrava presentare molta fauna, nemmeno branchi di erbivori. L'unico tiro fortunato fu quello di Dravicov, il quale fu in grado di centrare un avvoltoio che si stava nutrendo del poco che rimaneva della carcassa di un emù. Il volatile non avrebbe certo vinto una gara culinaria, ma il nativo di Frondargentea fu comunque in grado di ricavarne un po' di carne, che impedì in parte il ricorso alle scorte del gruppo, accompagnate dal sottofondo musicale dello stomaco brontolante dell'uomo orso.

La sera nella Savana, fresca al punto di far correre un leggero brivido lungo la schiena, non venne però solo funestato dalla presenza della luna rosso sangue a cui ormai si erano abituati, né dal frinire delle cicale, ma anche dal successo di Chandra: ella era riuscita a divinare Oskrim Mazza Insanguinata, un orco dal portamento imponente quanto il fisico, vestito da un'armatura pesante e recante in spalla un randello pesante, intento a parlare attorno a un fuoco da campo con altre figure. L'orco sembrava aver visto giorni migliori, ma era vivo. La barda potè a malapena avvisare i suoi compagni della novità, tuttavia, prima che un ruggito risuonasse nella buia Savana e un paio di fiere piombassero contro gli eroi.

Esse erano pantere, ma grandi come mai prima d'ora se ne erano viste come tali, alte al garrese più di due metri e mezzo dal pelo corto e scuro, sebbene oltre agli artigli e alle zanne i felini ostentassero anche una coppia di lunghi tentacoli terminanti in ventose a guisa dei polipi del mare... o dell'assente elocatrice Celeste nei suoi giorni peggiori. Le creature dai corpi atletici non aggredirono il gruppo come avrebbero fatto le loro più piccole controparti presenti in natura, ma tenendosi dalla distanza cercarono di sferzare i loro nemici a colpi di tentacolo. Come peraltro gli sbigottiti avventurieri ebbero modo di notare, esse sembravano confondersi con l'oscurità, i contorni che sembravano quasi svanire e contorcersi con l'aria circostante, rendendo difficile determinarne l'esatta posizione del corpo.

X tutti, esito della prima parte del viaggio (un giorno superato)

Spoiler

Winn'Ier

Ascoltare +4+18=22

Sopravvivenza (pericoli) +10+20=30

Sopravvivenza (cibo) +10+4=14

 

Tom Po

Ascoltare +7+10=17

Osservare +3+13=16

Sopravvivenza +3+11=14

Muoversi Silenziosamente +14+1=15

Nascondersi +18+20=38

 

Sharifa

Ascoltare +1+13=14

Osservare +1+15=16

Sopravvivenza +0+18=18

Muoversi Silenziosamente +4+1=5

Nascondersi +4+18=22

 

Dravicov

Ascoltare +3+19=22

Osservare +3+13=13

Sopravvivenza +4+12=16

Muoversi Silenziosamente +11+19=30

Nascondersi +9+11=20

 

Chandra

Ascoltare +17+14=31

Osservare +1+17=18

Sopravvivenza -1+7=6

Sopravvivenza (cibo) -1+2=1

 

Golban

Ascoltare +0+16=16

Osservare +0+12=12

Sopravvivenza +0+18=18

Sopravvivenza (cibo) +0+14=14

 

Zhuge

Ascoltare +2+12=14

Osservare +5+9=14

Sopravvivenza +2+12=14

Sopravvivenza (cibo) +2+5=7

 

Razioni totali guadagnate 2, consumate 3. Saldo totale -1 (Winn'Ier fa la fame per un giorno)

Danni subiti da tutti i membri del gruppo: 15

Cure del gruppo e relativi danni rimasti

Winn'Ier 15 danni curati: 0 danni rimasti

Tom Po 15 danni curati: 0 danni rimasti

Sharifa 15 danni curati: 0 danni rimasti

Dravicov 15 danni curati: 0 danni rimasti

Chandra 15 danni curati: 0 danni rimasti

Golban 15 danni curati: 0 danni rimasti

Zhuge 15 danni curati: 0 danni rimasti

x tutti

Spoiler

Pantera Gigante 1 TxC tentacolo in carica su Tom Po +25+2+2=29 COLPITO 15 DANNI

Pantera Gigante 1 TxC tentacolo in carica su Chandra +25+2+11=38 COLPITO 9 DANNI

Si considerino le due pantere giganti (taglia Enorme) a una distanza di 4,5 metri dai pg (tre quadretti che li dividono) raggiungibili anche tramite carica (il terreno non è impervio). I pg sono attualmente nell'area minacciata dai lunghi tentacoli delle pantere.

Iniziativa

Pantere giganti (19) - turno svolto

Tom Po (18)

Chandra (18)

Zhuge (17)

Dravicov (14)

Sharifa (14)

Golban (6)

Winn'Ier (-)

NB: Al momento dell'arrivo delle pantere i pg si erano curati. Chandra ha usato 5 slot per cura ferite critiche, Golban 2 cariche della propria cintura. Tom Po ha usato la propria capacità di Wholeness of Body

Checkpoint nella notte tra il 4 e il 5 giugno per le azioni del turno 1 dei pg. L'ordine di post non deve seguire necessariamente quello di iniziativa (lo dico per i nuovi giocatori al loro primo combattimento). Al prossimo post agiranno nuovamente le pantere giganti e così via.

 

Edited by Bomba

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

Una bestia tipica della savana. Le avevo già incontrate anni fa con il mio maestro, erano temibili e difficili da colpire a causa della loro capacità di mimetizzarsi con il buio della notte
Era solo una noia passeggera dopotutto, bastava avvicinarsi a loro e colpirle, avrebbero capitolato presto o tardi

Attivai le mie calzature e mi portai a contatto di una delle due fiere, scaricandole addosso la rapidità dei miei pugni

@DM

Spoiler

La mia AC è 31, con 29 non dovrebbero colpirmi

HP: 76/91
AC: 31
Stance: Child of Shadows (ho concealment se mi muovo di almeno 3m)

Uso i Chronocharm e mi muovo di metà del mio movimento come azione veloce per arrivare a contatto del nemico senza provocare AdO

Attacco completo con flurry Vs pantera

+19/+19/+14 - 4d8+10+1d6

Per il talento Gloom Razor, se mi muovo almeno 3 metri e colpisco la pantera il turno dopo la considero flat footed

 

Edited by Fezza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dravicov, Vane a D'il

Un urlo bestiale squarciò la tranquillità di quella notte e dei corpi felini enormi si pararono davanti al gruppo. Sembravano tutto tranne normali creature ferine. Tom po spero di non causarti dispiaceri! Disse Dravicov mentre incocciava una freccia nel suo arco magico. Ok vediamo che succede... Dravicov come prima con altre bestie mirava ad un punto vitale del loro corpo, il collo. Per trafiggere la giugulare e prosciugarli del loro sangue. Sempre che ne avessero. Sapeva che probabilmente non sarebbe servito a molto ma provò lo stesso ad infliggere un colpo mortale ad una delle due bestie. Queste non sono bestie enormi e basta. Hanno un che di magico. Vediamo se riesco a scalfire il loro corpo. Corellion! Concedimi la tua forza! (Elfico)

@master

Spoiler

 

Azione standard - precisione a distanza +3d8 danni (solo se possono subire attacchi critici) e designo quella pantera (+1 CA)

Azione di movimento - mi sposto dietro Golban mantenendo la linea di tiro verso la bestia che ho puntato. Mantengo una distanza di almeno 6m dalle bestie ma entro il range di 9m 

Abilità - tiro in combattimento ravvicinato (no AdO in qtti minacciati); tiro preciso (no malus per avversari in mischia) e critico poderoso (+4 per confermare)

Attacco singolo con arco della velocità +2 (composito for +3) +21* txc/ 1d8+6*+3d8 Danni perforanti e magici/ critico 19-20/x3 (3d8+18+3d8)

 

Stat Dravicov Pf 66/ CA 22+1*/ ts 8/11/8 velocità 9m

 

Edited by ToGrowTheGame

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Durante la serata, Winn'Ier Deh Puh ed i suoi compari vennero aggrediti da due creature simili a pantere.
Winnie era tranquillo, i puma non erano mai stati un problema per lui, figuriamoci delle pantere, anche se un lieve dettaglio attirò l'attenzione del barbarorso: Le pantere avevano due tentacoli!
Presto gli esseri si mimetizzarono nelle tenebre.

Forse se ne sono anda... Winn'Ier non potè concludere la frase che due tentacoli sferzarono sia Chandra che Zhuge.
Chandra! Zhuge! esclamò per poi voltarsi verso le creature Maledette... ORA VI FACCIO VEDERE IO! urlò mentre il suo corpo mutava... I suoi peli (sì, anche quelli pubici, curiosoni!) si allungarono fino a ricoprirne il corpo, per poi trasformarsi in un orso nero! Mentre avanzava verso gli esseri, le sue zampe si ingrandirono e le ossa si allungarono, trasformando il goffo orso in un essere decisamente più slanciato ed agile!

Il "nuovo" Winnie caricò con determinazione uno degli esseri, deciso a trasformarlo in poltiglia!

Spoiler

Allora: Mi trasformo in orso e uso Feral Trance, sono 2 azioni gratuite.
Carico la pantera che ha attaccato Chandra per poi fare un'attacco completo! (Ho il talento Snow Tiger Berserker, che mi permette di fare un'attacco completo dopo una carica)
(Se la pantera di Chandra muore prima che possa agire, carico l'altra)
Ho Feral Strike che considera i miei pugni come magici ai fini di colpire roba incorporea.
Ho Scent, se magari serve a vederle meglio al buio.

La forma da orso mi garantisce +2 all'armatura naturale, un'attacco da morso e due da artiglio ed un +8 a Forza, +4 Costituzione, +2 Destrezza.
La Feral Trance mi garantisce un +4 a Destrezza e +2 danni agli attacchi senz'armi

STATISTICHE:

+3 Iniziativa, PF 142, CA 23 (10+2 Armatura naturale Orso+6 a Des+5 a Cos).Velocità: 18mt (orso 12+3 barbaro+3 Fist of the Forest)
Attacco completo= +18/+13/+8(pugni)/+13 (morso)/+13/+13(artigli)

Pugno: 1d10+10
Morso: 1d6+4
Artiglio:1d4+4

 

Edited by Plettro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (lizardfolk stregona)

Prima della partenza

La diplomatica fu soddisfatta, dopo tutto, dalla decisione del nuovo re in merito ai prigionieri, e lo disse apertamente "Sagge parole, maestà. Mi fanno credere che in futuro i nostri popoli potranno convivere in pace e prosperità. Che la Savana ci protegga abbastanza a lungo da vedere quel giorno"

In viaggio

Sharifa viaggiò con gli altri, discorrendo soprattutto con Zhuge in merito all'ordine magico di cui faceva parte lo straniero "Dunque voi potete sentire la presenza dei vostri simili? Perché vi incarnate in nuovi corpi ad ogni generazione? Ho inteso bene la faccenda? Se è così" aggiunse piena di curiosità "mi verrebbero da fare numerose osservazioni"

Accampamento, battaglia con le pantere

Approfittando dell'avanzata dei compagni e della stazza delle belve, Sharifa cominciò a intessere un incantesimo offensivo. Le creature non parevano del tutto naturali, ma la stregona sapeva come combatterle.

DM

Spoiler

Dunque. Prima di tutto potrei avere ancora Mage Armor, visto che dura 10 ore. In tal caso ho CA25.

Sono nell'area di minaccia dei tentacoli. Se è così ancora quando è il mio turno uso gli Armbands of Elusive Actions per allontanarmi senza provocare AdO. Azione immediata + movimento, direi un 6m da dove mi trovo.

Dopo di che uso una carica del bastone per lanciare una Blistering Fireball, leggermente sopra e dietro ai due nemici, in modo da colpire solo loro. La magia è di lv4, Riflessi CD 20 danni 10d6 da fuoco. Se falliscono il TS hanno -2 a tutti i txc e skill/ability check per un turno.

Castare metamagico è standard.

Se Tom Po è nell'area lo includo senza problemi.

Se vedo invece che quando tocca a me non mi è possibile attaccare con la palla di fuoco senza colpire due o più alleati (o Tom Po e due o più altri alleati) , allora uso un semplice Magic Missile sul nemico più ferito, 5d4+5 da forza. 

 

 

 

Edited by Pippomaster92

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zhuge Liang

Le domande della principessa

Liang sorrise e rispose a Sharifa. Milady, la storia del mio ordine si perde nelle spire del tempo. Per narrarvene tutta la storia ci vorrebbero secoli, se non di più. Ciò che posso dirvi è che noi tutti prestammo un giuramento, un solenne voto di proteggere i mondi da un temibile nemico. Grazie alla nostra magia creammo un legame oltre il tempo e lo spazio, incatenando i nostri spiriti. Per quanto sembri incredibile noi rinasciamo eternamente, fungendo da sigillo per l'arcana prigione del nostro avversario. Questo risponde alle vostre domande?

Zanne nella notte

Liang sguainò il falchion all'indirizzo delle grandi belve. Lady Nicolette, dopo il combattimento contro Garrik vi lascerò riposare per un po', non temete... Con un paio di arcane parole, Liang prese ancora una volta le mostruose fattezze dell'Annis, digrignando i feroci denti della creatura in un ghigno. Tuttavia la forma mostruosa risultava ancora più particolare, come agitata internamente da una mutazione fisica, una pulsione strana nei muscoli della creatura, il potere arcano della metamorfosi che scorreva copioso sotto la pelle grigiastra.

Immagine di Liang Annis

Spoiler

407516601_Nobunagaoda.jpg.3427b283f4fa58060f9d150913e84eb8.jpg.fce74488262a2b3a8fe6f1f61528005b.jpg

xDM

Spoiler

Azione standard: Polymorph, forma di Strega Annis, ovviamente in versione maschile.

Azione rapida: Minor shapeshift, aggiungo 12 pf temporanei a Liang, dura 4 round

Annis Liang, statistiche:

Iniziativa: +6

Taglia grande

For: 25

Des:14

Cos:14

HP :70/58

AC: 29 (+10 naturale, +2 stance, +1 anello, +5 armatura,+2 DES, -1 taglia)

TS: Tem:+10/Rif:+6/Vol:+7

Attacchi naturali:

2 artigli 1d6+7 con presa

1 morso 1d6+3

Squartare: 2d6+10

RD:

10/male

Durata: 13 minuti/130 rounds

 

Edited by Nightmarechild
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra

Il viaggio - salve qualche fisiologico rallentamento - stava procedendo spedito alla ricerca dei felinidi e la barda era riuscita finalmente a trovare Oskrim con una divinazione. Colma di gioia per una nuova speranza riaffiorata, abbassò per un momento la guardia per comunicare ai compagni l'ottima nuova e proprio in quel momento le due enormi belve si avventarono sul gruppo mentre uno dei tentacoli andava a colpire Chandra nel petto mozzandole il fiato. 

La barda fece un balzo all'indietro sorpresa dalla furia delle bestie innaturali che vorticavano le loro appendici mostrando le zanne e l'incantatrice decise di rendere il favore: dopo una breve formula magica, il suo corpo cominciò ad ingrandirsi e la pelle a diventare mera come la notte. Se la forma che stava assumendo ricordava quella assunta presso il villaggio dei lucertoloidi, dal corpo cominciarono a spuntare teste simili a quelle di un drago che aprivano e serravano le mascelle come tagliole in attesa delle loro preda. Un ruggito segnò la fine della trasformazione, quamdo raggiumse la stessa grandezza delle immonde pantere

Spoiler

 lancio sirine's grace sulla difensiva (successo automatico), con l'azione swift uso 2 cariche della cinta per avere un'azione standard extra con cui lancio polymorph self sempre sulla difensiva (successo automatico) diventando un'hydra a 12 teste

 

PF 81

CA 33 (20 contatto) (+3 dex, +9 deviazione, +13 naturale, -2 taglia) 

TS 9/12/11(16 vs influenza mentale)

Caratteristiche 31/16/22/16/8/29

Txc +16, danni 2d8+10

 

Edited by Minsc

Share this post


Link to post
Share on other sites

Golban Brown Drowdson

Il viaggio della compagnia prosegui in modo piu o meno sereno, cercando di recuperare il cibo che la savana aveva da offrire. Ormai era sara quando il gruppo di eroi era gia in procinto di accamparsi parlando del piu e del meno per conoscersi sempre meglio e ammazzare il tempo e le eventuali preoccupazioni per il viaggio. Il dialogo gioviale del gruppo fu pero interrotto da due crature riconducibili a pantere ma con capacita che andavano ben oltre all'animale conosciuto. Queste..cosa sono?! è come se il loro contorno non sia definito...non devo farmi trarre in inganno, il mio colpo non deve fallire...! sono sicuramente creature magiche non abbe tempo di concludere il pensiero che subito due tentacoli colpirono rispettivamente Tom Po e Chandra. Vedendo tali crature ormai pronte per l'offensiva il paladino non potè piu stare ad attendere ulteriormente. Mi spiace ma non sarete voi a fermare la nostra missione! Impugnando con forza e sicurezza la sua Sacra Liberatrice e cercando in se stesso la forza per non fallire il colpo il paladino parti alla carica.

Spoiler

In questo turno Attacco in Carica con Attacco Poderoso (+2), Divine Might e Seeking Smite. Capacita Arma Valorosa (raddopia danni in carica)

 

CA 26 - TS 24/24/18

TxC +18/+13/+8  - Danni 1d8 (*2)+ 18

Buff:

- Seeking Smite (ingora percentuale di fallimento)

-Beauty Caress

-Pearl of Black Doubt (+2 cumulativo alla CA ogni volta che non va a segno un attacco su di me)

-Divine Might 

 

 

Edited by AndRe89

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Tom Po

Spoiler

Avendo le pantere vinto l'iniziativa nei confronti di Tom Po, il felinide era Colto alla Sprovvista e quindi privo della propria Destrezza alla CA, motivo per il quale sono riuscite a colpirlo con un 29.

Il campo base si era rapidamente trasformato in un campo di battaglia, mentre gli avventurieri si ridisponevano in base alle proprie competenze, per cercare di far fronte al rapido assalto di quei felini dal pelo nero, dal corpo sì esile, ma più grandi di un leone. La risposta degli avventurieri fu veemente, con Tom Po che fu il primo in assoluto a rendersi conto di come la mimetizzazione andasse aldilà del semplice pigmento della loro pelle, ma sembrasse essere parte della natura intrinseca di quegli esseri, di cui era difficile cogliere l'esatta posizione. Per il felinide, Chandra e Golban parve di riavere gli stessi problemi già affrontati a suo tempo con il Duca Ascharon, sebbene anche i nuovi giunti poterono cogliere la portata del problema che si trovava loro di fronte, quando i normalmente infallibili artigli di Tom Po mancarono in più occasione le carni del nemico, alla stessa maniera di come avvenne per la freccia di Dravicov. Zhuge, seguendo l'antico detto del Katai “Squadra che vince non si cambia”, ripetè la strategia che l'aveva visto vincitore contro Sebastian Mavrocordat, trasformandosi in strega, mentre Chandra optò per la tanto decantata trasformazione in idra (un evento di cui Trull Forgiacciaio fu particolarmente lieto a suo tempo). Winn'Ier, coraggiosamente, si lanciò personalmente contro una delle bestie mutando egli stesso forma (testimoni avrebbero affermato in seguito di aver udito anche un Oh, rabbia! da parte dell'uomo dei Fiordi) prima di ingaggiare battaglia ricorrendo letteralmente a morsi e artigli. Ma come se non bastasse, nonostante le generose dimensioni, le pantere parevano comunque dotate di una notevole agilità: pur colpite da un incanto semplice e sempre efficace come quello di Sharifa, che illuminò brevemente a giorno l'area, le creature non persero il loro coraggio e ruggirono quasi assordando i loro avversari prima di prendere nuovamente in cura coloro che si erano avvicinati alle loro feroci zanne. Non sarebbe bastato però ciò a fermare Golban, che valorosamente ferì al costato una delle pantere, al punto da farle perdere il lume della ragione dalla rabbia.

x tutti, riepilogo delle azioni

Spoiler

Tom Po usa Chronocharm of the Horizon Walker per muovere a contatto con Pantera Gigante #1

Tom Po TxC in mischia su Pantera Gigante #1 +19+12=31 Percentuale 71 COLPITO 38 DANNI

Tom Po TxC in mischia su Pantera Gigante #1 +19+16=35 Percentuale 26 MANCATO

Tom Po TxC in mischia su Pantera Gigante #1 +14+11=25 Percentuale 3 MANCATO

Chandra lancia Sinire's grace

Chandra usa la belt of battle, lancia Polymorph per diventare un'idra a dodici teste

Ado Pantera Gigante #1 su Zhuge TxC in mischia +25+4=29 COLPITO 12 DANNI

Ado Pantera Gigante #2 su Zhuge TxC in mischia +25+17=42 COLPITO 9 DANNI

Zhuge lancia Polymorph e Mynor Shapeshift

Dravicov TxC a distanza su Pantera Gigante #1 +25+7=32 Percentuale 25 MANCATO

Dravicov azione di movimento

Ado Pantera Gigante #1 su Dravicov TxC in mischia +25+7=32 COLPITO 16 DANNI

Ado Pantera Gigante #2 su Dravicov TxC in mischia +25+13=38 COLPITO 11 DANNI

Sharifa usa Armbands of Elusive Actions e azione di movimento

Sharifa lancia Blistering Fireball

Pantera Gigante #1 TS Rifl Totale 35 SUPERATO 19 DANNI DA FUOCO

Pantera Gigante #2 TS Rifl Totale 31 SUPERATO 19 DANNI DA FUOCO

Golban usa Divine Might e Seeking Smite

Golban TxC in carica su Pantera Gigante #1 +18+2+17=37 COLPITO 30 DANNI

Winn'Ier si trasforma in orso e usa Feral Trance

Winn'Ier TxC in carica su Pantera Gigante #2 +18+20 CRITICO +18+8=26 CONFERMATO Percentuale 11 MANCATO

Winn'Ier TxC in carica su Pantera Gigante #2 +13+12=25 Percentuale 31 MANCATO

Winn'Ier TxC in carica su Pantera Gigante #2 +8+18=26 Percentuale 93 COLPITO 12 DANNI

Winn'Ier TxC in carica su Pantera Gigante #2 +13+8=21 Percentuale 84 COLPITO 8 DANNI

Winn'Ier TxC in carica su Pantera Gigante #2 +13+2=15 Percentuale 48 MANCATO

Winn'Ier TxC in carica su Pantera Gigante #2 +13+10=23 Percentuale 29 MANCATO

Pantera Gigante #1 TxC in mischia su Golban +25+2=27 COLPITO 14 DANNI

Pantera Gigante #1 TxC in mischia su Golban +25+14=39 COLPITO 7 DANNI

Pantera Gigante #1 TxC in mischia su Golban +19+14=33 COLPITO 8 DANNI

Pantera Gigante #2 TxC in mischia su Winn'Ier +25+15=40 COLPITO 16 DANNI

Pantera Gigante #2 TxC in mischia su Winn'Ier +25+7=32 COLPITO 8 DANNI

Pantera Gigante #2 TxC in mischia su Winn'Ier +19+12=31 COLPITO 11 DANNI

 

Si consideri Pantera Gigante #1 ingaggiata in mischia con Tom Po e Golban, Pantera Gigante #2 ingaggiata in mischia con Winn'Ier. All'interno dell'area minacciata, a 4,5m dalle pantere (nella stessa posizione di inizio scontro per capirci) si trovano Chandra e Zhuge. Fuori dall'area di minaccia delle pantere vi sono invece Sharifa e Dravicov

Iniziativa

Pantere giganti (19) (#1 - 87 DANNI, #2 - 39 DANNI)

Tom Po (18)

Chandra (18)

Zhuge (17)

Dravicov (14)

Sharifa (14)

Golban (6)

Winn'Ier (-)

Checkpoint nella notte tra il 5 e il 6 giugno per le azioni del turno 2 dei pg. L'ordine di post non deve seguire necessariamente quello di iniziativa (lo dico per i nuovi giocatori al loro primo combattimento). Al prossimo post agiranno nuovamente le pantere giganti e così via.

 

Edited by Bomba

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

Immaginavo che sarebbe andata così per un bel pò.. la capacità di questi esseri di fondersi con il buio della notte faceva sì che i nostri attacchi mancassero più e più volte l'obiettivo.
Dovevamo continuare, alla fine.. avrebbero ceduto.
Scaricai nuovamente una serie di pugni, utilizzando una mossa che avevo imparato a Firedrakes, avendola vista fare da un avventuriero

 @DM

Spoiler

HP: 76/91
AC: 31
Stance: Child of Shadows

Utilizzo la manovra Distracting Ember per evocare un piccolo elementale del fuoco che mi concedefiancheggiamento

Attacco completo con flurry Vs pantera

+19+2/+19+2/+14+2 - 4d8+10+1d6

 

Edited by Fezza

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.