Vai al contenuto

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

4 milioni di account su Roll20 sono stati hackerati

Articolo di Morrus del 16 Febbraio 2019
Ecco l'annuncio ufficiale degli ultimi giorni.
"Giusto poche ora fa oggi (14 Febbraio, NdT) Roll 20 è stato citato in un rapporto come una tra le vittime di un attacco da parte di cybercriminali. Anche se possiamo confermarvi che effettivamente c'è stata una breccia nella sicurezza siamo al momento concentrati nello scoprire tutti i dettagli. Per ora è importante sottolineare che il rapporto rende chiaro che nella breccia non sono stati coinvolti dati finanziari. I nostri team della sicurezza stanno lavorando senza sosta per correggere eventuali debolezze dei nostri sistemi e prendiamo con la massima serietà il nostro impegno nel salvaguardare le informazioni personali dei nostri utenti.
Ecco come mettiamo in pratica tale impegno:
Roll20 salva solo le seguenti informazioni personali: nome utente, indirizzo mail, password hashed, l'ultimo IP e tempo di login, e le ultime 4 cifre della carta di credito.  Usiamo Stripe e Paypal per processare le transazioni; tutte le informazioni dei pagamenti sono gestite da loro e non toccano mai i nostri server. Utilizziamo bcrypt per mascherare le password, il che implica che non possono essere decrittate per essere usate su altri siti o per accedere a Roll20. Sappiamo che è frustrante non avere tutti i fatti e stiamo lavorando per scoprire tutti i dettagli su questo hacking. Vi terremo costantemente informazioni man mano che l'investigazione prosegue.
Aggiornamento delle 14:45 del 15 Febbraio: sulla base dei numeri degli accounti dei dati trafugati abbiamo determinato che la breccia è avvenuta all'incirca il 26 Dicembre. Le dimensioni dei dati (circa 700 MB) è coerente con il fatto che si tratta dei nostri "oggetti account" che, come detto prima, includono nomi utente, indirizzi mail, ultime quattro cifre della carta di credito, indirizzo IP più recente e password hashed. Anche se il mascheramento dovrebbe mantenere sicure le password non farebbe male resettarle. Stiamo continuando a lavorare internamente e con l'aiuto di investigatori esterni per determinare come sia avvenuta la breccia, e al contempo rispettare i requisiti GDPR e mantenere al corrente le forze di polizia. Aspettatevi di ricevere maggiori dettagli la settimana prossima."
Venire hackerati è cosa comune al giorno d'oggi, ciò che è sorprendente è che Roll20 abbia 4 MILIONI di account. Questo sicuramente ci mostra come stia crescendo il nostro hobby.
Link all'articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6053-Roll20-s-4M-Accounts-Hacked
Leggi tutto...

Create Città Fantastiche in Pochi Minuti con Questo Generatore di Città Fantasy

Articolo di J.R. Zambrano del 15 Febbraio 2019
Il Medieval Fantasy City Generator è uno dei migliori generatori di mappe/città esistente al momento. Che siate un DM esperto o un novizio che vuole creare un quartiere questo strumento ha tutte le funzioni di cui avrete bisogno.
Le città sono un aspetto importante di molti GdR. Possono servire da centri di avventura dove i gruppi possono riposarsi tra un'avventura e un altra, comprare dell'equipaggiamento, incontrare PNG interessanti, investire nella vita dei propri personaggi, trovare nuovi missioni e, in base allo stile di gioco che preferite, rimanere invischiati in vari intrighi e cospirazioni. In fondo ad un vicolo potreste trovare una gilda di ladri pronti a derubarvi o a rendervi il loro re; potreste incontrare principi e principesse che devono essere salvati e rimessi sul trono che spetta loro oppure aiutati ad abbandonarlo. E nelle fogne si possono trovare delle famiglie di otyugh.

Ma progettare una città non è per niente facile; nel corso delle varie edizioni di D&D le città hanno spesso avuto supplementi dedicati. Si possono, per esempio, trovare svariate versioni di Waterdeep, la Città degli Splendori, o di Menzoberranzan, la capitale dei Drow. Se invece volete provare per la prima volta a cimentarvi in queste opere, il Medieval Fantasy City Generator è uno dei migliori strumenti attualmente disponibili per farlo. Ha una serie di funzioni molto facili da usare e che fanno nascere delle intere città sulla base di un seme, di un'idea base che gli fornite.

Ciascuna delle mappe tiene conto di aspetti come la presenza d'acqua, il dislivello del terreno, il numero e la complessità degli edifici, il numero delle strade. Ci sono opzioni per poter visualizzare la vostra città a colori, in scale di grigio, a tratteggio. Si possono ruotare le fattorie del circondario e togliere od aggiungere singoli elementi (come mura, castelli, torri e così via).

La qual cosa risulta nell'accesso ad un gran numero di potenziali città. Si possono personalizzare un po', ma non si possono fare grandi modifiche come cambiare nome ad un quartiere (non per ora quanto meno), ma i vari strumenti ed opzioni a disposizione sono ancora in fase di sviluppo ed allargamento. Giusto settimana scorsa è stato fatto un aggiornamento che permette di scegliere i colori da applicare alla propria città, di aumentarla di dimensioni, e che rende fiumi e corsi d'acqua più realistici.
Potete salvare tutti i possibili file come mappe separate che poi potete integrare con l'Azgaar Fantasy Map Generator, che è un altro strumento fantastico che forse non conoscevate. Quindi se state pensando di progettare una città (o una dozzina) potete sfruttare questo strumento.
Come sempre, buone avventure!
Link all'articolo originale: http://www.belloflostsouls.net/2019/02/rpg-create-fantastic-cities-in-minutes-with-this-fantasy-city-generator.html
Leggi tutto...

Larry Elmore ci parla della composizione dell'illustrazione I Compagni della Lancia

Articolo di Morrus del 15 Febbraio 2019
Questa iconica illustrazione di Dragonlance, creata da Larry Elmore, è stata il soggetto di un post dell'artista la settimana scorsa, in cui ha parlato di ciò che successe dietro le scene quando dovette crearla!

Elmore: "Penso che questa storia vi piacerà! Un giorno ricevetti un progetto dalla TSR per creare un quadro e avevo solo dieci giorni per completarlo...e c'erano dieci personaggi da includere. Ero praticamente nel panico! Ho chiamato mia moglie Betty e le chiesi di prendere Stephanie (visto che era alta) e di portarla di sopra nello studio....Raccolsi tutti gli artisti lì, Clyde, Jeff, Jeff Butler e Keith e poi li portai tutti in questa grande stanza vuota, simile ad un ufficio. Era dove a volte scattavamo delle foto e c'erano delle sedie pieghevoli, e forse anche un paio di fari da illuminazione, o forse solo uno che si poteva spostare. Avevo un'idea di quale disposizione delle varie figure avrebbe potuto funzionare per fare in modo di inserire dieci personaggi in un singolo quadro. Riuscii a terminarlo e a rispettare la scadenza, ma non mi sarei mai aspettato che sarebbe diventato così popolare e celebre. Vorrei solo che mi avessero dato più tempo per fare in modo che il quadro venisse ancora meglio!"

Link all'articolo originale: http://www.enworld.org/forum/content.php?6051-Larry-Elmore-On-Composing-The-Companions-Of-The-Lance-Art
Leggi tutto...

Statistiche varie per D&D 5E da D&D Beyond

Dopo quelli sulle avventure più visionate D&D Beyond ha rilasciato nuovi interessanti dati statistici legati alla 5e di Dungeons & Dragons, basati sull'utilizzo della loro piattaforma. Il primo set di dati riguarda il numero di personaggi suddivisi per categorie di livello e l’utilizzo delle classi in suddette categorie di livello. Il secondo, invece, è inerente ai dati generici di utilizzo di razze, classi e sottoclassi dei personaggi a prescindere dal loro livello.

Il Tier 1 indica personaggi che sono di un livello tra il 1° e il 4°, il Tier 2 quelli di un livello compreso tra il 5° e il 10°, il Tier 3 quelli con un livello compreso tra l’11° e il 16° e il Tier 4 quelli con un livello compreso tra il 17° e il 20°.
Come ci si potrebbe aspettare, il Tier 1 rappresenta la maggioranza dei personaggi creati sulla piattaforma, seguito poi nell’ordine dai Tier 2, 4 e 3. Come fanno notare gli sviluppatori, il 90% delle partite non va oltre il 10° livello.

Questa tabella mostra che il guerriero è la classe più comunemente utilizzata in ciascuno dei singoli Tier, immediatamente seguito dal ladro. Il terzo posto cambia un po’, infatti nei Tier 3 e 4 il mago diventa più popolare di quanto sia invece nei Tier 1 e 2, mentre nel caso del chierico e del ranger le due classi godono di un’elevata presenza ai bassi livelli che poi cala agli alti livelli.
Potete trovare un resoconto di queste informazioni nel seguente video sullo sviluppo di D&D Beyond.
Passiamo ora ad analizzare i dati sull’utilizzo di razze, classi e sottoclassi partendo dalle razze.

Gli Umani sono di gran lunga la scelta più comune, rappresentando il 22% dei personaggi attivi creati sulla piattaforma. Sono poi seguiti da Mezzelfi, Tiefling e Dragonidi. Gli Gnomi delle Profondità sono invece la razza meno popolare, con poco meno dell’1% di personaggi attivi, sebbene gli sviluppatori abbiano confermato che molte altre razze si aggirino intorno allo 0,8%, ponendosi al di sotto di questi ultimi.

Segue poi uno sguardo sull’utilizzo delle classi. I più utilizzati sono i guerrieri, i meno utilizzati invece risultano essere i druidi. Le quattro classi base “tradizionali”, ossia guerriero, ladro, chierico e mago, sono le quattro classi più utilizzate. Gli sviluppatori hanno anche fatto menzione del fatto che i warlock abbiano visto un aumento della loro popolarità dopo l’uscita della Xanathar’s Guide, per poi vedere nuovamente un decremento del loro utilizzo.

Infine si parla dell’utilizzo delle sottoclassi. Le più utilizzate sono il Dominio della Vita per il Chierico, lo Stregone con la Stirpe Draconica e il Patrono Immondo del Warlock (sebbene si tratti di una classe meno popolare). Gli sviluppatori fanno anche notare che la Hexblade era molto popolare l’ultima volta che avevano controllato i dati, ma che sia ora calata al 2,8%.
Ovviamente si parla di personaggi creati sulla piattaforma, e quindi non necessariamente giocati. Molte persone impostano più costruzioni dei personaggi per divertimento. Secondo gli sviluppatori, ci sono 8,8 milioni di personaggi in totale.
Link agli articoli originali:
http://www.enworld.org/forum/content.php?6028-90-of-D-D-Games-Stop-By-Level-10-Wizards-More-Popular-At-Higher-Levels
http://www.enworld.org/forum/content.php?6037-Humans-Fighters-and-Life-Domain-Most-Popular-On-D-D-Beyond
Leggi tutto...

La Scienza dei Simic

Articolo di J.R. Zambrano del 29 Gennaio 2019
Venite a scoprire gli scivolosi e sguscianti salvatori della scienza, che siedono sui loro scranni negli Zonot di Ravnica: ecco a voi i membri bioingegnerizzati dell'Alleanza Simic.
L'Alleanza Simic è una gilda che, diversamente da un sorprendente numero di altre "gilde" di Ravnica, non sta attivamente cercando di distruggere la città, di uccidere in stile carnevalesco tutti gli abitanti o di controllarla in segreto: anzi, si adopera per cercare di salvarla. Purtroppo, però, a volte a Ravnica l'unico modo per salvare il mondo è dare degli innesti di pesce a tutti coloro su cui si possono mettere le mani. Diamo assieme uno sguardo ai biomaghi e agli esperimenti segreti dell'Alleanza Simic.
Si può dire quello che si vuole dei Simic, ma sicuramente sono molto coerenti. Come si suol dire, se l'unico strumento che si possiede è una naturale predilezione per la biomanzia e per la capacità di modificare l'impianto naturale delle creature intelligenti in modo da dare vita ad esseri che probabilmente non dovrebbero esistere, allora è normale che ogni problema che si affronta paia poter essere risolvibile innestando parti di pesci/uccelli/lucertole nelle persone.

Li apprezzo molto come Gilda. E' una delle poche che può fungere facilmente da cattiva o da buona, a volte anche entrambe le cose in contemporanea. Tutto quello che bisogna decidere è "quanto in là" si spinge nei suoi esperimenti organici e poi affinare la cosa in base alle vostre esigenze. Che si tratti del classico cattivo che pensa davvero di stare salvando il mondo, anche se significa costringere tutti quanti a subire forzatamente dei trattamenti Simic per diventare una sorta di Krasis; oppure dello scienziato deliziosamente folle, che si spinge involontariamente troppo in là e cerca sempre con affabilità di innestare delle spine tossiche sul gatto famiglio del mago; e così via.
Entrambi questi personaggi potrebbero perfino essere presenti nella stessa campagna. L'Alleanza Simic è piena di potenziale narrativo. E' probabilmente una delle mie Gilde preferite, dato che può ricoprire qualsiasi ruolo vi serva nella vostra campagna, dai nemici agli antagonisti amichevoli, dai rivali ai personaggi di supporto; anche se i suoi membri danno il meglio quando sono al centro della scena come PG. Si potrebbe facilmente immaginarsi una campagna in cui i personaggi sono dei ricercatori dell'Alleanza che devono portare a termine degli esperimenti, raccogliere strumenti, ottenere organi, intrufolarsi in centri di ricerca per ottenere prove che i loro superiori stanno creando cose malvagie; con loro si possono sfruttare al meglio i livelli subacquei e le estetiche acquatiche e lovecraftiane.

A dirla tutta, come Simic si vive alla grande. Come ricercatore si ha accesso a vaste riserve di conoscenze da poter sfruttare al meglio, oltre che ad una serie di incantesimi legati alla trasformazione e al potenziamento delle creature.
Abbiamo già discusso in passato del sistema dei ranghi della gilda quindi non staremo a rispiegarlo da capo. Quello che dovete sapere in questo caso è che, salendo di grado, avrete accesso ad un sempre maggior numero di adattamenti da poter applicare ai vostri compagni e potrete chiamare in vostro aiuto sempre più creature per compiere ricerche ed esperimenti.
Ad un certo punto otterrete anche un talismano Simic, che vi fornisce accesso a Ingrandire/Ridurre, Caratteristica Potenziata o Forma Gassosa, prima di terminare la propria magia.

Tutto questo è molto in linea con i Simic. Come dicevamo prima, hanno un tema e lo perseguono con tutte le proprie forze. Cosa evidenziata ancora di più dal capo della loro Gilda, la Portavoce Zegana:

Che, oltre ad avere una serie di potenti incantesimi in stile Simic, può anche comandare le acque con il suo tridente o con la capacità Diluvio (Deluge), cosa che le fornisce la potenza necessaria per dire la sua contro un gruppo di avventurieri; e questo senza considerare le sue azioni leggendarie, resistenze e altro.

Se state cercando dei modi per dare più spessore alla vostra campagna di Ravnica oppure volete una GIlda che si possa adattare a una qualsiasi campagna ad alta presenza di magia, l'Alleanza Simic è un ottimo punto di partenza. L'Alleanza vi aspetta, piena di furia e di pesci!
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: http://www.belloflostsouls.net/2019/01/dd-science-with-simic-guilds-of-ravnica.html
Leggi tutto...

    DnD 5e Nuove informazioni su Guildmaster's Guide to Ravnica

      Ecco una serie di nuove informazioni sul contenuto del primo supplemento di Magic per la 5a Edizione di D&D.

    Come vi avevamo già accennato qualche tempo fa, Guildmaster's Guide to Ravnica sarà il primo supplemento ufficiale di D&D 5e dedicato a una ambientazione di Magic, ovvero Ravnica. Contrariamente ad altre conversioni, infatti, rilasciate solamente in versione PDF (in questo nostro articolo potete trovare i link a tutti i PDF di Magic rilasciati fin ora), Guildmaster's Guide to Ravnica sarà pubblicato in versione cartacea il 20 Novembre 2018.

    Grazie al sito EN World, che ha raccolto le informazioni rilasciate dalla WotC attraverso interviste, podcast e video su Youtube, possiamo conoscere qualche dettaglio in più sul contenuto del manuale.

    • Guildmaster's Guide to Ravnica è fino in fondo un manuale di D&D per giocatori di D&D. In particolare, mentre Magic: the Gathering è celebre per usare i 5 colori rosso, verde, blu, bianco e nero all'interno del suo metagioco (anche se il testo nelle carte non parla mai di loro in maniera diretta), essi non avranno alcuna rilevanza in Guildmaster's Guide to Ravnica. Le Gilde di Ravnica, infatti, sono definite in base alla loro filosofia, non in base al colore. L'ambientazione si focalizzerà sugli avventurieri, non sul gioco di Magic: the Gathering.
      (NdSilentWolf: se proprio desiderate introdurre un sistema di magia che ricorda il Mana di Magic, tuttavia, vi posso proporre queste mie linee guida del tutto non ufficiali - non sono state create dalla WotC -  inserite qui di seguito sotto spoiler)
       
    Spoiler

    Premessa: questo sistema non è playtestato, quindi usatelo con le pinze. Non fatevi problemi a correggerlo, se lo ritenete necessario.

    Prendete il sistema dei Punti Magia descritto a pagina 288 della Guida del DM (non conosco la pagina esatta del manuale in italiano), nella sezione che tratta il modo in cui creare nuove opzioni di Classe (in inglese "Creating New Class Options"), e stabilite che esistono 5 tipi di Punti Magia, detti anche Punti Mana, divisi per colore: rosso, verde, blu, bianco e nero. A questo punto, prendete le Scuole di Magia tradizionali di D&D e suddividetele tra i 5 colori o, se volete andare ancora più nel dettaglio, suddividete tra i vari colori tutti gli incantesimi di D&D 5e in base alle competenze di ogni colore. Dunque, per lanciare un incantesimo di un dato colore sarà necessario usare i Punti Magia (o Mana) di quell'esatto colore. I personaggi, quindi, dovranno segnarsi sulla scheda 5 diversi punteggi, uno per ogni colore di cui possiedono gli incantesimi. Per recuperare i Punti Mana di un preciso colore, i personaggi dovranno almeno 1 volta al giorno meditare presso o entrare in contatto con una porzione (basta anche una piccola quantità trasportabile) di terra sacra a un determinato colore (pianura per il bianco, montagna per il rosso, mare/lago/fiume per il blu, palude per il nero, foresta/giungla per il verde), pregare uno spirito o una divinità legata a quel colore, oppure recarsi in un luogo sacro/sacrilego capace di rilasciare mana di un dato colore nella zona.

    • Le Gilde di Ravnica servono sia come forma di governo, che come organizzazione volontaria. Esse si scontrano tra loro a causa delle differenti filosofie e dei differenti obbiettivi, spesso in totale contrasto fra loro. Il tradizionale potere magico in grado di mantenere la pace è il Patto delle Gilde (Guildpact). Attualmente il Patto delle Gilde esiste grazie a un uomo il quale, tuttavia, si trova spesso su altri piani, lasciando Ravnica in balia degli intrighi delle Gilde e di conflitti pieni di tensione.
       
    • La Gilda è la lente attraverso la quale i personaggi osservano il mondo. Un giocatore può selezionare una Gilda al posto di un Background. Le Gilde hanno maggiormente a che fare con l'esplorazione e con l'interazione sociale, più che con il combattimento. Esse garantiscono Abilità, capacità speciali e contatti con alcuni PNG. Il DM guarda alle Gilde dei PG e crea una campagna riguardante le Gilde oppositrici. I consigli presenti nel manuale riguardano cose come utilizzare le Gilde buone come avversari, complotti per ostacolare i personaggi, PNG e mostri tipici da usare, e quali luoghi si adatterebbero alla campagna. Le scelte messe a disposizione dei giocatori riguardo alle Gilde e i consigli per il DM forniscono assieme una solida direzione verso cui condurre una campagna.
       
    • James Wyatt ha fornito una breve descrizione delle Gilde. La Legione di Boros (The Boros Legion) è composta da paladini, maghi in armatura che brandiscono il fuoco e da forze militari. Lo Sciame Golari (The Golari Swarm) è composto da elfi che abitano nelle fogne e che vivono nell'oscurità, utilizzando insetti e brandendo la necromanzia. La Conclave di Selesnya (The Selesnya Conclave) è un culto che parla con una voce e che prova a convertire gli altri. La Casata Dimir (Dimir House) è composta da spie e assassini. Il Sindacato Orzhov (The Orzhov Sydicate) è una combinazione tra crimine organizzato, una banca e una chiesa. La Lega Izzet (The Izzet League) è la casa degli inventori e conduce grandi esperimenti. Il Clan Gruul (The Gruul Clans) combina ardenti emozioni con una connessione al mondo naturale espressa attraverso clan barbarici. Il Senato Azorius (The Azorius Senate) governa Ravnica e fa rispettare la legge. Il Culto Rakdos (The Cult of Rakdos) è un circo basato su un culto demoniaco. L'Alleanza Simic (The Simic Combine) padroneggia la scienza della vita, ed è profondamente interessata alla modificazione del corpo e alla creazione di creature ibride.
       
    • I giocatori di D&D beneficeranno di una pletora di nuovi contenuti e di nuove regole. Il numero di nuovi mostri eguaglia quasi quello di Mordenkainen's Tome of Foes. Alcune regole playtestate negli Arcani Rivelati fanno il loro debutto in Guildmaster's Guide to Ravnica, comprese alcune razze (centauri, minotauri, loxodon, Simic hybrids, vedalken e viashino), il Dominio dell'Ordine per il Chierico e il Circolo delle Spore per il Druido. Il design della città di Ravnica fornisce descrizioni locali e informazioni a livello delle strade, piuttosto che fare descrizioni quartiere per quartiere. Le mappe sono isometriche e hanno un aspetto dipinto.
       
    • I Mostri di Ravnica possono essere facilmente riutilizzati in altri mondi di D&D. Il circo di Waterdeep che troviamo in Dragon Heist può essere riempito con mostri provenienti da Ravnica. E il Culto Rakdos potrebbe in realtà essere quel circo. Le regole dell'inseguimento descritte in Dragon Heist potrebbero essere usate in Ravnica.



    Feedback utente


    2 ore fa, Maxwell Monster ha scritto:

    Quali sono i Mostri di Ravnica ?

    Un elenco non mi sembra sia stato fornito al momento. Personalmente non conosco i mostri di Ravnica, quindi non posso farti qualche esempio.

    Cita

    Questo manuale sarà dunque alla portata anche di chi non segue Magic ?

    Direi di sì.

    Come per tutte le ambientazioni, fornirà informazioni sul mondo di gioco in modo da aiutare DM e giocatori ad avere ciò che serve per giocare. Sempre come succede di solito nelle ambientazioni, comunque, è difficile che il manuale conterrà ogni dettaglio sul mondo di gioco. È più probabile che fornirà le info generali ed essenziali, più qualche consiglio.

    Per maggiori informazioni, mi sembra che collegato al gioco di Magic sia stato pubblicato anche qualche libro che parla dei vari piani. In alternativa su internet ci sono numerosi siti che trattano l'ambientazione di Ravnica, compreso il sito ufficiale di Magic.

    Modificato da SilentWolf

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    27 minuti fa, SilentWolf ha scritto:

     

    Come per tutte le ambientazioni, fornirà informazioni sul mondo di gioco in modo da aiutare DM e giocatori ad avere ciò che serve per giocare. Sempre come succede di solito nelle ambientazioni, comunque, è difficile che il manuale conterrà ogni dettaglio sul mondo di gioco. È più probabile che fornirà le info generali ed essenziali, più qualche consiglio.

    Per maggiori informazioni, mi sembra che collegato al gioco di Magic sia stato pubblicato anche qualche libro che parla dei vari piani. In alternativa su internet ci sono numerosi siti che trattano l'ambientazione di Ravnica, compreso il sito ufficiale di Magic.

    Spero lo rendano indipendente da Magic .

    Che facciano pubblicità al brand delle carte lo posso sopportare ,

    di comprare 1 prodotto tronco , no .

    Ben venga se l 'ambientazione può arricchire D&D ,

     anche se il gioco da cui è presa mi ha disgustato da tempo .

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    18 minuti fa, Maxwell Monster ha scritto:

    Spero lo rendano indipendente da Magic .

    Che facciano pubblicità al brand delle carte lo posso sopportare ,

    di comprare 1 prodotto tronco , no .

    Ben venga se l 'ambientazione può arricchire D&D ,

     anche se il gioco da cui è presa mi ha disgustato da tempo .

    Non credo sarà tronco ma, come tutti i manuali base d'ambientazione, sarà generico, ovvero fornirà una panoramica generale con tutte le informazioni fondamentali. Insomma, ti darà tutte le informazioni importanti, ma non ti descriverà ogni singolo dettaglio scritto su Ravnica in tutta la sua storia editoriale.

    Sicuramente non avrai bisogno di conoscere Magic per giocarci, in quanto il manuale sarà autonomo. Ti basterà questo manuale per giocare a Ravnica con D&D.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    6 ore fa, SilentWolf ha scritto:

    Premessa: questo sistema non è playtestato, quindi usatelo con le pinze. Non fatevi problemi a correggerlo, se lo ritenete necessario.

    Prendete il sistema dei Punti Magia descritto a pagina 288 della Guida del DM (non conosco la pagina esatta del manuale in italiano), nella sezione che tratta il modo in cui creare nuove opzioni di Classe (in inglese "Creating New Class Options"), e stabilite che esistono 5 tipi di Punti Magia, detti anche Punti Mana, divisi per colore: rosso, verde, blu, bianco e nero. A questo punto, prendete le Scuole di Magia tradizionali di D&D e suddividetele tra i 5 colori o, se volete andare ancora più nel dettaglio, suddividete tra i vari colori tutti gli incantesimi di D&D 5e in base alle competenze di ogni colore. Dunque, per lanciare un incantesimo di un dato colore sarà necessario usare i Punti Magia (o Mana) di quell'esatto colore. I personaggi, quindi, dovranno segnarsi sulla scheda 5 diversi punteggi, uno per ogni colore di cui possiedono gli incantesimi. Per recuperare i Punti Mana di un preciso colore, i personaggi dovranno almeno 1 volta al giorno meditare presso o entrare in contatto con una porzione (basta anche una piccola quantità trasportabile) di terra sacra a un determinato colore (pianura per il bianco, montagna per il rosso, mare/lago/fiume per il blu, palude per il nero, foresta/giungla per il verde), pregare uno spirito o una divinità legata a quel colore, oppure recarsi in un luogo sacro/sacrilego capace di rilasciare mana di un dato colore nella zona.

    @SilentWolf:

    Questo non "rischia" di costringere gli incantatori ad usare un solo tipo di mana?

    Non pretendo di avere un pg che ha mana di tutti e 5 i colori, ma mi pare che alcune carte di magic abbiano bisogno di mana di due colori per essere usate, e alcuni incantesimi di D&D potrebbero soffrire dello stesso problema; quindi il tuo sistema (se l'ho capito bene, ovviamente) potrebbe rendere difficile mantenere contemporaneamente mana di due colori diversi, rendendo quindi problematico il lancio di alcuni incatesimi.

    Parlo da assoluto non esperto di magic, quindi prendi il mio commento con le pinze...

     

    P.S.: in questa ambientazione potrebbe essere interessante implementare il sistema di allineamenti basato sui 5 colori di cui avevo letto su "Gitp".
    P.P.S.: un'altro articolo interessante, a questo riguardo, si trova qui.

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    6 ore fa, Maxwell Monster ha scritto:

    Questo manuale sarà dunque alla portata anche di chi non segue Magic ?

    Sarebbe piuttosto inutile se non fosse così, non credi? 

    Tra l'altro, la gente che gioca a Magic conosce le carte, mica è necessaria una conoscenza dell'ambientazione. 

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    51 minuti fa, MencaNico ha scritto:

    Sarebbe piuttosto inutile se non fosse così, non credi? 

    Tra l'altro, la gente che gioca a Magic conosce le carte, mica è necessaria una conoscenza dell'ambientazione. 

    Se rileggi i miei passaggi , ritengo che sarebbe sensato 1 manuale che accontenti tutti , sia giocatori Magic che non .

    Così Hasbro darebbe 1 prodotto di cui nessuno potrebbe lamentarsi  ,

    e che faccia sia da ponte , sia di utilizzo delle buone idee .

    Ritengo che creare opzioni e affinità tra i 2 giochi , sia meglio che crossover obbligati , stile Comic USA .

    Ovviamente , se si parla della mia sola persona , il mio interesse riguarda solo D&D e le possibile idee che possono arricchirlo .

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    Il 22/9/2018 alle 18:04, Maxwell Monster ha scritto:

    di comprare 1 prodotto tronco , no .

    Non so se ti sia capitato di leggere il manuale sulla Costa della Spada, ma mi sembra che la linea editoriale scelta da mamma Wizzy per le ambientazioni sia di presentare una sorta di grande scatolone con alcuni dettagli salienti, che sia una qualche gilda o un evento particolare della storyline, e lasciare al singolo master la libertà di sviluppare la propria versione di quella ambientazione. In buona sostanza, l'idea è di fornire un aiuto nel creare la propria ambientazione piuttosto che un prodotto prefatto e plug and play.

    Questo, ovviamente, si è notato solo parzialmente con i prodotti pubblicati fin'ora, dato che trattandosi dei Forgotten Realms c'è talmente tanta letteratura in giro che non si è notata questa mancanza: non c'è bisogno che il manuale ti descriva con precisione gli Zentharim per utililzzarli nella tua campagna. 

    Ora che però stanno uscendo con un prodotto che molti giocatori di D&D non conoscono (o comunque non lo conoscono così bene) il fenomeno diventa più evidente e, a mio parere, è una scelta che permette più successo editoriale: in questo modo, il manuale lo compra chi vuole giocare a quella specifica ambientazione, ma anche chi vuole costruire la propria usando degli elementi da quella presentata (chessò, magari vuole un mondo basato sulla interazione stretta fra gilde, ma non gli interessa tanto l'aspetto di mega-città).

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    2 ore fa, Muso ha scritto:

    Posso citare Fantozzi riguardo questa storia dei punti mana? A me sembra "una cagata pazzesca".

    Hemmmm....è un sistema che ho inventato io su due piedi per aiutare chi vorrebbe un feeling più da "Magic" nel proprio gioco....😅

    Non è una regola WotC.

     

    Il 22/9/2018 alle 21:20, MattoMatteo ha scritto:

    @SilentWolf:

    Questo non "rischia" di costringere gli incantatori ad usare un solo tipo di mana?

    Non pretendo di avere un pg che ha mana di tutti e 5 i colori, ma mi pare che alcune carte di magic abbiano bisogno di mana di due colori per essere usate, e alcuni incantesimi di D&D potrebbero soffrire dello stesso problema; quindi il tuo sistema (se l'ho capito bene, ovviamente) potrebbe rendere difficile mantenere contemporaneamente mana di due colori diversi, rendendo quindi problematico il lancio di alcuni incatesimi.

    Parlo da assoluto non esperto di magic, quindi prendi il mio commento con le pinze...

    Sì, è vero che in Magic ci sono carte che richiedono l'uso di Mana di diverso tipo, ma ho puntato a proporre qualcosa di semplice da usare. Come ho suggerito sotto spoiler, comunque, ognuno è poi libero di correggere o modificare quel sistema come crede. 😉

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti
    4 ore fa, SilentWolf ha scritto:

    Hemmmm....è un sistema che ho inventato io su due piedi per aiutare chi vorrebbe un feeling più da "Magic" nel proprio gioco....😅

    Non è una regola WotC.

    LOL! Per fortuna non è una regola WotC... già avere Ravnica porta anche troppa briscola in D&D 🤣

    Condividi questo commento


    Link al commento
    Condividi su altri siti


    Crea un account o accedi per commentare

    Devi essere un utente registrato per poter lasciare un commento

    Crea un account

    Crea un nuovo account e registrati nella nostra comunità. È facile!

    Registra un nuovo account

    Accedi

    Hai già un account? Accedi qui.

    Accedi ora

×

Informazioni Importanti

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Ulteriori Informazioni.