Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Idra Bizzarre

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci propone delle varianti peculiari dell'Idra.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild VI - L'isola della Tregua

Questa settimana vi parliamo de L'isola della Tregua, un'avventura uscita dalle menti di Andrea Maffia, Massimo Tartaro, Matteo Galassi e Simone Rossi Tisbeni!

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Death of Divinity, Dreadful Realms, Heroes of the Cypher System

Vediamo assieme le ultime novità su Kickstarter relative al mondo dei GdR.

Read more...

Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 13: Strutture Personalizzate

In questa tredicesima parte della nostra rubrica sulle strutture di gioco, risponderemo alla domanda lasciata in sospeso la settimana scorsa: cosa succede se la struttura adatta non esiste?

Read more...

    Gli autori di Dragonlance fanno causa alla WotC

    • Margaret Weis e Tracy Hickman, i pluriacclamati autori di Dragonlance, hanno intentato una causa per milioni di dollari contro la Wizards of the Coast riguardante una nuova trilogia di Dragonlance che era in cantiere.

    Articolo di Morrus del 19 Ottobre 2020

    Per i fan dell'ambientazione di Dragonlance ci sono buone e cattive notizie che arrivano da un tribunale nello Stato di Washington: sembra che si stesse (fino a poco tempo fa) lavorando ad una nuova trilogia di libri di Dragonlance; ma che potremmo non vedere mai. Il 16 ottobre 2020, gli autori di Dragonlance Weis e Hickman hanno intentato una causa presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti in merito ad una illecita violazione dei termini di contratto da parte della WotC, riguardante la licenza di una nuova serie di romanzi di Dragonlance. In effetti, sembra che il primo di tre romanzi, Dragons of Deceit, sia già stato scritto, così come la bozza del secondo libro, Dragons of Fate.

    large.300477021_LarryElmore-Lancedragon.jpg.d298690c958fad6880c70a33a89b45d7.jpg

    La Querela

    Dai documenti risulta che a Marzo 2019 una nuova trilogia di Dragonlance fosse stata concessa in licenza dalla WotC, che Weis e Hickman avessero scritto un libro intitolato Dragons of Deceit e la bozza di un secondo libro intitolato Dragons of Fate, ma che la WotC abbia terminato il contratto nell'Agosto del 2020.

    Il testo della querela afferma che questa interruzione contrattuale sia stata illegale e che "viola molteplici aspetti del contratto di licenza". Essa continua affermando che le ragioni dello sciogliemento siano dovute al fatto che la WotC sia "coinvolta in una serie di imbarazzanti controversie pubbliche in base alle quali le sue pubblicazioni non legate a Dragonlance sono condannate per razzismo e sessismo. Inoltre la società stessa è stata denigrata da accuse che hanno ricevuto una grande attenzione, presentate da e rispetto ad artisti e dipendenti non collegati a Dragonlance, di misoginia e di assunzioni e pratiche lavorative razziste.

    large.1551482975_ScreenShot2020-10-19at4_51_11PM.png.60430e00ad72e70669720b37b75fceb0.png

    Cliccate sulla foto per leggere il documento originale oppure cliccate sullo spoiler per leggerne il testo all'interno dell'articolo

    Spoiler
    NATURE OF THE ACTION

    1. Margaret Weis (“Weis”) and Tracy Hickman (“Hickman”) (collectively with Margaret Weis, LLC, “Plaintiff-Creators”) are among the most widely-read and successful living authors and world-creators in the fantasy fiction arena. Over thirty-five years ago, Plaintiff- Creators conceived of and created the Dragonlance universe—a campaign setting for the “Dungeons & Dragons” roleplaying game, the rights to which are owned by Defendant. (In Dungeons & Dragons, gamers assume roles within a storyline and embark on a series of adventures—a “campaign”—in the context of a particular campaign setting.)

    2. Plaintiff-Creators’ conception and development of the Dragonlance universe has given rise to, among other things, gaming modules, video games, merchandise, comic books, films, and a series of books set in the Dungeons & Dragons fantasy world. While other authors have been invited to participate in creating over 190 separate fictional works within the Dragonlance universe, often with Plaintiff-Creators as editors, Weis’s and Hickman’s own works remain by far the most familiar and salable. Their work has inspired generations of gamers, readers and enthusiasts, beginning in 1984 when they published their groundbreaking novel Dragons of Autumn Twilight, which launched the Dragonlance Chronicles trilogy. Their books have sold more than thirty million copies, and their Dragonlance World of Krynn is arguably the most successful and popular world in shared fiction, rivaled in the fantasy realm only by the renowned works created by J.R.R. Tolkien (which do not involve a shared fictional world). Within the Dragonlance universe, Plaintiff-Creators have authored or edited 31 separate books, short story anthologies, game materials, and art and reference books in a related series of works all dedicated to furthering the Dungeons & Dragons/Dragonlance brand.

    3. In or around 2017, Plaintiff-Creators learned that Defendant was receptive to licensing its properties with established authors to revitalize the Dungeons & Dragons brand. After a ten-year hiatus, Plaintiff-Creators approached Defendant and began negotiating for a license to author a new Dragonlance trilogy. Plaintiff-Creators viewed the new trilogy as the capstone to their life’s work and as an offering to their multitude of fans who had clamored for a continuation of the series. Given that the Dragonlance series intellectual property is owned by Defendant, there could be no publication without a license. In March, 2019, the negotiations between the parties hereto culminated in new written licensing agreement whereby Weis and Hickman were to personally author and publish a new Dragonlance trilogy in conjunction with Penguin Random House, a highly prestigious book publisher (the “License Agreement”).

    4. By the time the License Agreement was signed, Defendant had a full overview of the story and story arc, with considerable detail, of the planned trilogy. Defendant knew exactly the nature of the work it was going to receive and had pre-approved Penguin Random House as the publisher. Indeed, Defendant was at all times aware of the contract between Penguin Random House and Plaintiff-Creators (the “Publishing Agreement”) and its terms. In fact, the License Agreement expressly refers to the Publishing Agreement.

    5. By June 2019, Defendant received and approved a full outline of the first contracted book in the trilogy (“Book 1”) and by November 2019 the publisher accepted a manuscript for Book 1. Plaintiff-Creators in turn sent the Book 1 manuscript to Defendant, who approved it in January 2020. In the meantime, Defendant was already approving foreign translation rights and encouraging Plaintiff-Creators to work on the subsequent novels.

    6. During the development and writing process, Plaintiff-Creators met all contractual milestones and received all requisite approvals from Defendant. Defendant at all times knew that Hickman and Weis had devoted their full attention and time commitment to completing Book 1 and the trilogy as a whole in conformity with their contractual obligations. During the writing process, Defendant proposed certain changes in keeping with the modern-day zeitgeist of a more inclusive and diverse story-world. At each step, Plaintiff-Creators timely accommodated such requests, and all others, within the framework of their novels. This collaborative process tracks with Section 2(a)(iii) of the License Agreement, which requires Defendant to approve Plaintiff- Creators’ drafts or, alternatively, provide written direction as to the changes that will result in Defendant’s approval of a draft.

    7. On or about August 13, 2020, Defendant participated in a telephone conference with Plaintiff-Creators’ agents, which was attended by Defendant’s highest-level executives and attorneys as well as PRH executives and counsel. At that meeting, Defendant declared that it would not approve any further Drafts of Book 1 or any subsequent works in the trilogy, effectively repudiating and terminating the License Agreement. No reason was provided for the termination. (In any event, no material breaches or defaults were indicated or existed upon which to predicate a termination.) The termination was wholly arbitrary and without contractual basis. The termination was unlawful and in violation of multiple aspects of the License Agreement (arguably almost every part of it, in fact). The termination also had the knowing and premeditated effect of precluding publication and destroying the value of Plaintiff-Creators’ work—not to mention their publishing deal with Penguin Random House.

    8. Defendant’s acts and failures to act breached the License Agreement and were made in stunning and brazen bad faith. Defendant acted with full knowledge that its unilateral decision would not only interfere with, but also would lay waste to, the years of work that Plaintiff-Creators had, to that point, put into the project. Given that the obligation to obtain a publisher was part and parcel of the License Agreement, Defendant was fully cognizant that its backdoor termination of the License Agreement would nullify the millions of dollars in remuneration to which Plaintiff-Creators were entitled from their publishing contract.

    9. As Plaintiff-Creators subsequently learned, Defendant’s arbitrary decision to terminate the License Agreement—and thereby the book publishing contract—was based on events that had nothing to do with either the Work or Plaintiff-Creators. In fact, at nearly the exact point in time of the termination, Defendant was embroiled in a series of embarrassing public disputes whereby its non-Dragonlance publications were excoriated for racism and sexism. Moreover, the company itself was vilified by well-publicized allegations of misogyny and racist hiring and employment practices by and with respect to artists and employees unrelated to Dragonlance. Plaintiff-Creators are informed and believe, and based thereon allege, that a decision was made jointly by Defendant and its parent company, Hasbro, Inc., to deflect any possible criticism or further public outcry regarding Defendant’s other properties by effectively killing the Dragonlance deal with Plaintiff-Creators. The upshot of that was to inflict knowing, malicious and oppressive harm to Plaintiff-Creators and to interfere with their third- party contractual obligations, all to Plaintiff-Creator’s severe detriment and distress.

     

    Dando uno sguardo approfondito al documento allegato, sembra che tutto stesse andando secondo i piani fino a Giugno 2020, quando la WotC ha sostituito il team che supervisionava la produzione dei romanzi. Il documento cita controversie pubbliche che coinvolgono uno dei nuovi team, problemi con Magic: The Gathering, le lamentele pubbliche di Orion Black sulle pratiche di assunzione della società e altro ancora. Ad un certo punto, ad Agosto 2020, il documento della querela sostiene che, durante una telefonata, la WotC abbia fatto saltare l'accordo con la dichiarazione "Non ci stiamo muovendo verso la rottura (del contratto), ma non approveremo più ulteriori bozze".

    Terminazione dell'Accordo

    Il testo della querela osserva che "Non è stata soddisfatta nessuna delle disposizioni per la terminazione del contratto, né c'è stata una rivendicazione di violazioni contrattuali, né tanto meno un avviso scritto, né è stato avviato un periodo di 30 giorni per trovare una soluzione". La situazione sembra essere che, sebbene il contratto di per sé non possa essere "sciolto" unilateralmente in questo modo, la WotC semplicemente abbia smesso di approvare ulteriore bozze (inclusa quella esistente). Il testo della querela in tal riguardo recita (nelle citazioni sottostanti troverete prima il testo inglese, poi quello italiano in corsivo, NdT):

    Not only was Defendant’s statement that “we will not approve any future drafts” a clumsy effort to circumvent the termination provisions (because, of course, there was no ground for termination), it undermined the fundamental structure of the contractual relationship whereby the Defendant-Licensor would provide Plaintiff-Creators the opportunity and roadmap to “fix”/rewrite/cure any valid concerns related to the protection of the Dungeons & Dragons brand with respect to approvals. In any event, Defendant had already approved the essential storylines, plots, characters, creatures, and lore for the new Dragonlance trilogy when it approved Plaintiff-Creators’ previous drafts and story arc, which were complete unto themselves, were delivered prior to execution of the License Agreement, and are acknowledged in the text of the License Agreement. In other words, Defendant’s breach had nothing to do with Plaintiff-Creators’ work; it was driven by Defendant’s response to its own, unrelated corporate public relations problems—possibly encouraged or enacted by its corporate parent, Hasbro, Inc.

    Non solo la dichiarazione del Querelato secondo cui "non approveremo alcuna futura bozza" è stato un goffo tentativo di aggirare le disposizioni sulla risoluzione del contratto (visto che, ovviamente, non c'era una motivazione applicabile in tal senso), ma ha minato la struttura fondamentale del rapporto contrattuale in base al quale il Querelato-Concessore di Licenza dovrebbe fornire ai Querelanti-Creatori l'opportunità e il modo per "aggiustare" / riscrivere / risolvere qualsiasi effettivo problema relativo alla protezione del marchio Dungeons & Dragons riguardo all'approvazione dei testi. In ogni caso, il Querelato aveva già approvato le linee guida generali della storia, le trame, i personaggi, le creature e i retroscena essenziali per la nuova trilogia di Dragonlance, quando aveva accettato le precedenti bozze e l'arco narrativo dei Querelanti-Creatori, i quali erano già in forma completa quando furono consegnati prima dell'esecuzione del Contratto di Licenza e vengono riconosciuti nel testo del Contratto di Licenza. In altre parole, la violazione del Querelato non ha nulla a che fare con il lavoro dei Querelanti-Creatori; è stata dettata invece dalla risposta del Querelato ai suoi problemi di pubbliche relazioni aziendali non connessi, forse incoraggiata o messa in atto dalla sua società madre, Hasbro, Inc.

    In sostanza, sebbene il contratto stesso non possa essere sciolto, il rifiuto di approvare le bozze equivale a una "effettiva" terminazione del contratto. Weis e Hickman fanno notare come il contratto di licenza stessa non permettesse una tale terminazione arbitraria e unilaterale, a cui sembra riferirsi il termine "interferenza illecita nel contratto" nella seguente sezione del documento

    Nothing in the above provision allows Defendant to terminate the License Agreement based on Defendant’s failure to provide approval. To the contrary, should Defendant find any aspect of the Draft to be unacceptable, Defendant has an affirmative duty under contract to provide “reasonable detail” of any changes Plaintiff-Creators must make, which changes will result in Defendant’s approval of the manuscript. Accordingly, for Defendant to make the blanket statement that it will never approve any Drafts going forward is, by itself, a breach of the license agreement.

    Nulla nel contratto stipulato permette al Querelato di terminare forzatamente il contratto di licenza sulla base dell'impossibilità del Querelato di ottenere approvazione. Al contrario, in caso il Querelato trovi un qualsiasi aspetto delle bozze non accettabile esso ha un dovere affermativo secondo i termini del contratto di fornire "dettagli ragionevolmente precisi" di quali modifiche i Querelanti-Creatori debbano introdurre, di modo che tali modifiche portino all'approvazione del manoscritto da parte del Querelato. Sulla base di questo il fatto che il Querelato faccia la generica affermazione che non approverà più alcuna bozza in futuro è, di per sè, una violazione del contratto di licenza.

    Quindi l'accordo apparentemente richiede che la WotC conceda a W&H modo di correggere ogni dubbio basato su problemi di approvazione. Al di là del fatto che la WotC possa non essere d'accordo con le riscritture effettuate in precedenza da W&H, la decisione premeditata di non accettare più in futuro alcuna bozza senza dare loro modo di riscriverla sembra essere il punto chiave della faccenda ed è ciò che i due scrittori e i loro avvocati affermano essere la violazione del contratto da parte della WotC

    Weis e Hickman richiedono che si svolga un processo con giuria e stanno facendo querela per violazione di contratto, danni e un'ingiunzione del tribunale che richiede alla WotC di rispettare la sua parte dell'accordo. I due autori parlano di anni di lavoro e milioni di dollari.

    large.Dragons-of-Despair-1.jpg.8521f62ed19379763daeb83ea6811517.jpg

    Accordi per la licenza

    Defendant acted with full knowledge that its unilateral decision would not only interfere with, but also would lay waste to, the years of work that Plaintiff-Creators had, to that point, put into the project. Given that the obligation to obtain a publisher was part and parcel of the License Agreement, Defendant was fully cognizant that its backdoor termination of the License Agreement would nullify the millions of dollars in remuneration to which Plaintiff-Creators were entitled from their publishing contract.

    Il Querelato ha agito con piena consapevolezza che la sua decisione unilaterale non solo avrebbe interferito, ma avrebbe anche reso inutili, gli anni di lavoro che i Querelanti-Creatori avevano, fino a quel momento, dedicato al progetto. Dato che l'obbligo di garantire un editore al progetto era parte integrante del Contratto di Licenza, il Querelato era pienamente consapevole che la sua effettiva terminazione illegale del Contratto di Licenza avrebbe invalidato la remunerazione da milioni di dollari a cui i Querelanti-Creatori avevano diritto secondo il loro contratto di pubblicazione.

    Cosa significa tutto ciò? Ovviamente non abbiamo accesso al contratto originale, quindi non conosciamo i termini esatti del contratto di licenza; allo stesso modo, stiamo ascoltando solo una versione della storia.

    L'accordo sembra essere stato un accordo di licenza: Weis & Hickman avevano avuto in concessione la licenza della PI (Proprietà Intelletuale) di Dragonlance dalla WotC e si erano accordati con la Penguin Random House per pubblicare la trilogia. Non si tratta di lavoro su commissione, o di un lavoro commissionato e pagato dalla WotC; al contrario, nella maggior parte degli accordi di licenza, è chi riceve la licenza che paga il concessionario della licenza. In effetti, in questo caso, il documento indica che la Penguin Random House ha pagato a Weis & Hickman un anticipo nell'Aprile 2019 e che W&H abbiano successivamente pagato la WotC (presumibilmente una percentuale dell'anticipo).

    I contratti di licenza variano, ma spesso condividono caratteristiche simili. Questi di solito comportano che chi riceve la licenza paghi al proprietario della PI una tariffa di licenza o un anticipo sui diritti d'autore all'inizio della licenza, talvolta annualmente o al raggiungimento di determinate tappe. Successivamente, chi ha ricevuto la licenza paga al detentore della PI di solito anche dei diritti d'autore sui profitti effettivi del libro. Non conosciamo i dettagli esatti di questo contratto di licenza, ma sembra condividere alcune di queste caratteristiche.

    On March 29, 2019, Plaintiff-Creators and PRH entered into the Publishing Agreement. PRH remitted the signing payment due under the Publishing Agreement to Plaintiff- Creators in April 2019. Per the terms of the License Agreement, Plaintiff-Creators in turn remitted a portion of the signing payment to Defendant—an amount Defendant continues to retain despite having effectively terminated the License Agreement.

    Il 29 Marzo 2019, i Querelanti-Creatori e PRH hanno stipulato l'accordo di pubblicazione. PRH nell'Aprile 2019 ha versato ai Querelanti-Creatori il pagamento dell'ingaggio dovuto ai sensi del Contratto di Pubblicazione. Secondo i termini del Contratto di Licenza, i Querelanti-Creatori a loro volta hanno versato una parte del pagamento dell'ingaggio al Querelato, un importo che il Querelato continua a trattenere nonostante abbia effettivamente risolto il contratto di licenza.

    C'è un altro dettaglio, più giù nel testo. Il documento afferma che un secondo pagamento era previsto per Novembre 2019: come prima sarebbe stato pagato a W&H da Penguin Random House, i quali avrebbero poi pagato la WotC. Sembra però che PRH non abbia effettuato il secondo pagamento a W&H. In seguito W&H affermarono di aver scoperto che la WotC stava discutendo direttamente con Penguin Random House di argomenti editoriali, cosa a cui sembra fare riferimento il termine "interferenza dolosa con il contratto".

    By June 2019, Defendant/Hasbro expressly approved a detailed outline of Book 1. In November 2019, PRH indicated that the complete manuscript of Book 1 was accepted and it would push through the second payment due on the Publishing Agreement. At that time, Plaintiff-Creators submitted the complete manuscript of Book 1 to Defendant/Hasbro who expressly approved the Book 1 manuscript in January 2020. Inexplicably, and despite Plaintiff- Creators’ repeated request, PRH never actually delivered the second payment due on approval of the Book 1 manuscript.

    In capo a giugno 2019, il Querelato/Hasbro ha espressamente approvato una struttura dettagliata del Libro 1. Nel novembre 2019, PRH ha indicato che il manoscritto completo del Libro 1 era stato accettato e che avrebbe portato a termine il secondo pagamento stabilito dall'Accordo di Pubblicazione. All'epoca, i Querelanti-Creatori presentarono il manoscritto completo del Libro 1 al Querelato/Hasbro che approvò espressamente il manoscritto del Libro 1 nel Gennaio 2020. Inspiegabilmente, e nonostante la richiesta ripetuta del Querelante-Creatori, PRH non ha mai effettivamente consegnato il secondo pagamento dovuto all'approvazione del manoscritto del Libro 1.

    large.116691989_1013185139112052_8801135024408252618_n.jpg.e83fa53aa836f28fc427b0cd4e085f6d.jpg

    Cosa è successo?

    Durante lo svolgimento del processo creativo, la WotC ha chiesto delle "riscritture per ragioni di sensitività". Esse sembrano includere quattro punti, compreso l'uso di una pozione d'amore, e altre "preoccupazioni per sessismo, inclusività e potenziali connotazioni negative dei nomi di alcuni personaggi".  W&H affermano di aver apportato i cambiamenti richiesti.

    Una sezione di testo che potrebbe fornire alcuni chiarimenti sul processo creativo è questa:

    During the writing process, Defendant proposed certain changes in keeping with the modern-day zeitgeist of a more inclusive and diverse story-world. At each step, Plaintiff-Creators timely accommodated such requests, and all others, within the framework of their novels.

    Durante il processo di scrittura, il Querelato ha proposto alcuni cambiamenti per avere un'ambientazione più inclusiva e diversificata, in linea con lo spirito dei tempi moderni . Ad ogni passaggio, i Querelanti-Creatori hanno accolto tempestivamente tali richieste, insieme a tutte le altre, dentro la struttura dei loro romanzi.

    È difficile interpretare tutto ciò senza il contesto delle conversazioni complete che sono avvenute, ma sembra che la WotC, in risposta alla tempesta pubblicitaria precedentemente menzionata riguardo l'inclusività, volesse assicurarsi che questa nuova trilogia di libri non esacerbasse i problemi. Sappiamo che hanno chiesto alcune modifiche e W&H affermano di aver acconsentito ad esse, ma la frase "dentro la struttura dei loro romanzi" suona come una descrizione condizionale. Potrebbe essere che WotC non fosse soddisfatta delle modifiche e che W&H non fossero in grado o non fossero disposti a modificare la storia o altri dettagli nella misura in cui gli era stato chiesto. C'è molto da vagliare in quella piccola frase "dentro la struttura dei dei loro romanzi", e noi possiamo solo fare supposizioni.

    Sembra che questo abbia poi portato la WotC a ritirarsi dall'intero accordo semplicemente dichiarando che si sarebbe rifiutata di approvare ulteriori bozze, in assenza di una clausola contrattuale effettiva che potesse sistemare questa situazione.

    Quello che sappiamo, però, è che ci sono due bozze complete di nuovi romanzi di Dragonlance in giro. Se riusciremo mai a leggerli è un'altro discorso! Dragons of Deceit è completo, Dragons of Fate ha una bozza e il terzo libro è stato quanto meno delineato.



    News type: Generica


    User Feedback

    Recommended Comments



    Ero perplesso e continuo a esserlo. Il problema per una pozione d'amore in un romanzo fantasy è nonsense allo stato brado. 

    Il risultato finale si commenta da sé.

    Edited by Nyxator
    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    • Moderators - supermoderator

    Per ora ovviamente si sta sentendo solo una campana, ma in ogni caso se davvero avvenuta come descritta la mossa "continuerò a rimandarti indietro tutte le bozze" come escamotage per aggirare le restrizioni del contratto è davvero una bassezza e una stupidata. Pessimo modo di gestire la cosa.

    Più in generale sembra che di recente, pur di evitare certi rischi di PR la WotC/Hasbro stia facendo un passo falso dietro l'altro finendo per fare più danni che bene.

    5 ore fa, Nyxator ha scritto:

    Ero perplesso e continuo a esserlo. Il problema per una pozione d'amore in un romanzo fantasy è nonsense allo stato brado. 

    Guarda se finiva ad essere usata stile droga da stupro posso anche capire la WotC per aver voluto evitare la patata bollente.

    Link to comment
    Share on other sites
    16 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

    Per ora ovviamente si sta sentendo solo una campana, ma in ogni caso se davvero avvenuta come descritta la mossa "continuerò a rimandarti indietro tutte le bozze" come escamotage per aggirare le restrizioni del contratto è davvero una bassezza e una stupidata. Pessimo modo di gestire la cosa.

    Più in generale sembra che di recente, pur di evitare certi rischi di PR la WotC/Hasbro stia facendo un passo falso dietro l'altro finendo per fare più danni che bene.

    Guarda se finiva ad essere usata stile droga da stupro posso anche capire la WotC per aver voluto evitare la patata bollente.

    Non conta, la gente su Twitter (che è quella che adesso la WOTC ascolta) si sarebbe triggerata solamente per la presenza della pozione, non per il suo uso, questo ovviamente senza aver letto il libro e, molto probabilmente, neppure aver mai giocato a D&D.

    Edited by Grimorio
    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites
    • Administrators

    Probabilmente Dragonlance era una delle ambientazioni che sarebbero arrivate nei prossimi anni e che difficilmente vedremo in tempi brevi. Il documento con cui si fa causa alla WotC/Hasbro riporta che l'accordo di licenza con Weis e Hickman aveva durata di 10 anni dalla pubblicazione del terzo romanzo o fino al 31/12/2032 – la condizione che si realizzava per prima.

    Decisamente è una pessima pubblicità per WotC/Hasbro perchè Dragonlance è molto conosciuto anche al di fuori di D&D e gli articoli sull'accaduto iniziano a fioccare un po' dappertutto.

    Per fortuna che la gente non legge il documento in legalese allegato, altrimenti la figura di "palta" della WotC/Hasbro risulta ancora peggiore.

    Weis e Hickman dal canto loro non chiedono solo un risarcimento. In alternativa chiedono che possano terminare il lavoro e la pubblicazione dei 3 romanzi.

    Va detto che la maggior parte di queste cause si risolve trovando un accordo per via extragiudiziale.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    4 ore fa, Alonewolf87 ha scritto:

    Guarda se finiva ad essere usata stile droga da stupro posso anche capire la WotC per aver voluto evitare la patata bollente.

    Parliamo del duo Margaret Weis - Tracy Hickman, autori che hanno creato personaggi come Laurana, Goldmoon, Kitiara e Mina, e che si sono già espressi sull'argomento che citi (vedasi la fine del meschino Bakaris)¹ nella prima trilogia...decenni prima che la WotC cadesse preda della paranoia/fisime/definizione a piacere a 360°

     

    Di sto passo leveranno anche charme&co dai manuali senza neanche considerare i limiti regolistici della scuola di ammaliamento.

    ¹

    Spoiler

    Finally realizing she had fallen into a trap but fearing for her friend's safety if she resisted, Laurana surrendered herself. She was transported by wyvern to just outside Dargaard Keep, where Bakaris then attempted to rape her. Laurana fought back but was easily overpowered and dragged by Bakaris into a cave. However, before he could force himself on the elfwoman, Tasslehoff came to her defense, stabbing Bakaris. Laurana was then able to kill the badly wounded man. 

     

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    • Moderators - supermoderator
    3 minuti fa, Nyxator ha scritto:

    Parliamo del duo Margaret Weis - Tracy Hickman, autori che hanno creato personaggi come Laurana, Goldmoon, Kitiara e Mina, e che si sono già espressi sull'argomento che citi (vedasi la fine del meschino Bakaris)¹ nella prima trilogia...decenni prima che la WotC cadesse preda della paranoia/fisime/definizione a piacere a 360°

    Trascurando il fatto che (a livello di descrizione in un libro) tra un tentato stupro generico (neanche uno portato effettivamente a termine per altro) e l'uso di quella che potrebbe essenzialmente essere una droga da stuprio la questione è leggermente diversa, tralasciando il fatto che ci può stare che le sensibilità del pubblico siano cambiate da quarant'anni a questa parte e non c'è nulla di male di per sè in questo, sono comunque convinto che, pozioni d'amore a prescindere, al giorno d'oggi la WotC eviterebbe come la peste ogni rappresentazione diretta di stupri o tentati tali nei suoi manuali officiali.

    Lamentele sugli eccessi di politically correct a parte non si può negare il fatto che sia un argomento a rischio e che quindi sia ragionevole per una grande azienda cercare di evitarlo laddove possibile.

    Link to comment
    Share on other sites
    17 minuti fa, Alonewolf87 ha scritto:

    Lamentele sugli eccessi di politically correct a parte non si può negare il fatto che sia un argomento a rischio e che quindi sia ragionevole per una grande azienda cercare di evitarlo laddove possibile.

    Sì, ma per sapere se la pozione (o meglio, l'elixir d'amore o il filtro d'amore, come si chiama in 3x e 5e) veniva usata in quel modo bisognerebbe scovare la bozza. Per quanto ne sò potrebbe essere un problem etico sulla manipolazione mentale in sé. 

    E resta sempre il discorso che non funge a quel modo (di sicuro non in 3x)

     

    Edited by Nyxator
    Link to comment
    Share on other sites
    • Moderators - supermoderator
    1 minuto fa, Nyxator ha scritto:

    Sì, ma per sapere se la pozione (o meglio, l'elixir d'amore o il filtro d'amore, come si chiama in 3x e 5e) veniva usata in quel modo bisognerebbe scovare la bozza. Per quanto ne sò potrebbe essere un problem etico sulla manipolazione mentale. 

    E resta sempre il discorso che funge a quel modo (di sicuro non in 3x)

    Ah chiaro, senza sapere quale fosse la bozza e quali le correzioni richieste sono tutte ipotesi e illazioni.

    La differenza a mio avviso sta tra una serie di incantesimi senza un diretto corrispettivo reale (come la scuola di charme) e un oggetto magico che ha per molti versi un potenziale corrispettivo reale (come la pozione rispetto alle droghe da stupro).

    Poi chiaro che fosse quella la questione sulla pozione è una mia ipotesi, magari la questione è un'altra ancora, va a a sapere.

    Link to comment
    Share on other sites
    7 ore fa, Nyxator ha scritto:

    Ero perplesso e continuo a esserlo. Il problema per una pozione d'amore in un romanzo fantasy è nonsense allo stato brado. 

    Il risultato finale si commenta da sé.

    Nì, le persone non vivono il mondo in termini di pura oggettività e per quanto perfettamente capaci di capire che è un opera di fantasia possono esserne influenzate. Cioè di solito le persone non vivono in un mondo di dati oggettivi ma nel come loro si raccontano/percepiscono il mondo intorno a loro. E questa narrativa non è formata solo sulla base delle fonti verosimili ma anche di quelle puramente mitiche e fantastiche.

    Di conseguenza la maniera in cui viene trattato un tema così compelsso come la possibilità di imporre l'amore ad un altro individuo non consenziente non così trascurabile come uno potrebbe inizialmente pensare. Perchè appunto non si tratta di discutere del uso etico di un oggetto che non esiste (pozione d'amore) ma di cercare di capire quale tipo di narrativa evoca su temi delicati e reali come la gestione di un rifiuto in ambito sentimentale, la possibilità di manipolare i sentimenti degli altri e il concetto di consenso.  Non credo che nessuno deciderà di ferire il proprio compagno/a in base a quello che fa il personaggio di un libro di D&D, ma un libro di narrativa fantanstica può aiutare a cementare una narrativa (non credo ) per cui se io "amo" tanto qualcuno allora posso costringerlo ad amarmi.

    Riassumendo per maggior chiarezza:

    1) Le persone sono influenzate dalla narrazione che esse stesse hanno costruito sulla base delle loro esperienze

    2) Il fatto che un evento sia chiaramente fantastico non gli impedisce di influenzare le persone sopratutto se ci sono già degli agganci nel come la persona vede il mondo

    3) Le pozioni d'amore toccano più temi delicati

    4) Non sarà un singolo libro fantasy a modificare la narrativa di tutti i suoi lettori ma non è un buona ragione per produrre un opera che promuova narrative potenzialmente pericolose.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    • Administrators

    La pozione non c'entra. Quella parte, dopo le osservazioni di WotC/Hasbro, é stata riscritta. È chiaramente detto nel documento. 

    I nuovi editor in carico alla WotC/Hasbro da giugno scorso han avuto da ridire un po' su tutto. Anche sui nomi di certi personaggi... 

    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites
    7 minuti fa, Ermenegildo2 ha scritto:

    Nì, le persone non vivono il mondo in termini di pura oggettività e per quanto perfettamente capaci di capire che è un opera di fantasia possono esserne influenzate.

    Sì, ma a quel punto tanto vale vietare la narrativa fantasy o farla solo pegi5 - max12 a titolo di precauzione 

    Edited by Nyxator
    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Nyxator ha scritto:

    Sì, ma a quel punto tanto vale vietare la narrativa fantasy o farla solo pegi5 - max12 a titolo di precauzione 

    Beh no, solo che quando si trattano alcuni temi bisogna fare molta attenzione perchè non è detto che quello che a noi sembra innocuo sia altrettanto innocuo per gli altri.

    Per dire a me non turba affatto l'esistenza di razze puramente ed irrimediabilmente  malvagie in D&D però capisco che altri possano essere colpiti perchè per esempio possono appartenere ad un gruppo etnico o culturale oggetto di forti campagne di odio.

    La soluzione faticosa è rivedere con occhio critico ciò che si è prodotto e cercare qualcuno di esterno che possa fornire un diverso punto di vista.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites
    1 ora fa, Ermenegildo2 ha scritto:

    Beh no, solo che quando si trattano alcuni temi bisogna fare molta attenzione perchè non è detto che quello che a noi sembra innocuo sia altrettanto innocuo per gli altri.

    Per dire a me non turba affatto l'esistenza di razze puramente ed irrimediabilmente  malvagie in D&D però capisco che altri possano essere colpiti perchè per esempio possono appartenere ad un gruppo etnico o culturale oggetto di forti campagne di odio.

    La soluzione faticosa è rivedere con occhio critico ciò che si è prodotto e cercare qualcuno di esterno che possa fornire un diverso punto di vista.

    Se non gli piace possono leggere/giocare altro.

    C'è gente che non riesce a sopportare horror o thriller ma nessuno pretende che i due generi vengano realizzati all'acqua di rose per persone a cui non piacciono o non ne capiscono le tematiche.

    4 ore fa, Alonewolf87 ha scritto:

    Lamentele sugli eccessi di politically correct a parte non si può negare il fatto che sia un argomento a rischio e che quindi sia ragionevole per una grande azienda cercare di evitarlo laddove possibile.

    Ma visto che il mondo corporativo opera cercando di appiattire tutto ciò su cui mette mano in modo che sia digeribile, e vendibile, a tutti allora ecco che arrivano gli obblighi di riscrittura.

    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites

    Articolo interessante, anche se nebuloso (per forza di cose, visto quello che hanno divulgato).

    Il mio parere è che l'ossessione per il politicamente corretto e la nuova normalità porta a situazioni ingestibili, di conflitto, potenzialmente castrando qualsiasi libertà creativa.

    Ma bisognerebbe sapere tutta la storia nei dettagli per formulare un giudizio su questo caso nello specifico.

    Mi sono preso la briga di leggere le dichiarazioni di Black Orion riguardo il suo abbandono di D&D (articolo linkato).

    Da quello che ho capito lui -povero, nero, emotivamente instabile, marginalizzato, sessualmente diverso- lamenta il fatto che la WoTc l'ha assunto a tempo parziale solo per far scena, facendolo lavorare poco e pure non riconoscendogli i suoi meriti mentre di contro metteva in posizioni apicali persone bianche ed inette. Che erano disposti a tollerarlo finché lui non proponeva scelte radicali che venivano puntualmente rifiutate perché fuori dalla "comfort zone" della società. La goccia che ha fatto traboccare il vaso poi è quando ha scoperto che non avevano intenzione di assumerlo a tempo pieno.

    Da un punto di vista comunicativo secondo me nel suo post sbaglia ad insistere così tanto sui suoi problemi personali e la sua lotta contro la povertà e il sistema ingiusto che discrimina quelli come lui... anche perché da come pone la questione proprio la diversità gli ha permesso di lavorare con la WoTC.

    Poi se la prende con il freelancing, che secondo lui è un sistema di sfruttamento bello e buono in cui ti pagano poco e ti scaricano quando vogliono. Insomma tempo indeterminato o sei un miserabile, quando ovviamente anche fra i freelancer ci sono quelli bravi, pagati profumatamente, e quelli che tirano a campare.

    Le sue dichiarazioni mi sembrano dettate per lo più da delusione e amarezza perché le cose non sono andate come si aspettava, ma sai quante volte accade nella vita di tutti i giorni? E molte persone non possono neanche mettere in mezzo tutta la questione della diversità razziale e di genere.

    Ora magari Black Orion ha buone ragioni per lamentarsi (anche se dice che tutti lo trattavano bene -almeno a parole- in azienda, compassionevoli e gentilissimi, pacche sulla schiena, e lui è arrivato persino a piangere su qualche spalla) anche se non so cosa abbia fatto o prodotto mentre lavorava a D&D perché lui non lo dice.

    Comunque è stata una lettura molto interessante.

    Fra le altre cose, leggendo i suoi commenti, ho scoperto che noi eterosessuali ora dobbiamo essere chiamati "binari".  Il che ci fa sembrare limitati, dei robot, o gente che prova una irresistibile attrazione per il mondo ferroviario, non so ancora decidermi.

     

     

     

    Edited by Mezzanotte
    Link to comment
    Share on other sites

    C'è anche da dire che Dragonlance è tra le più "tradizionali" ambientazioni di D&D e probabilmente la Wizard ritiene che ormai non sia più abbastanza "on brand". Probabilmente si saranno fatti due calcoli e hanno deciso che una causa sarebbe stata la soluzione più economicamente conveniente. Alla fine, come ha detto @aza, probabilmente risolveranno il tutto fuori dai tribunali e la vicenda morirà da sè.

    3 ore fa, Mezzanotte ha scritto:

     

    Da quello che ho capito lui -povero, nero, emotivamente instabile, marginalizzato, sessualmente diverso- lamenta il fatto che la WoTc l'ha assunto a tempo parziale solo per far scena, facendolo lavorare poco e pure non riconoscendogli i suoi meriti mentre di contro metteva in posizioni apicali persone bianche ed inette. Che erano disposti a tollerarlo finché lui non proponeva scelte radicali che venivano puntualmente rifiutate perché fuori dalla "comfort zone" della società. La goccia che ha fatto traboccare il vaso poi è quando ha scoperto che non avevano intenzione di assumerlo a tempo pieno.

    Da un punto di vista comunicativo secondo me nel suo post sbaglia ad insistere così tanto sui suoi problemi personali e la sua lotta contro la povertà e il sistema ingiusto che discrimina quelli come lui... anche perché da come pone la questione proprio la diversità gli ha permesso di lavorare con la WoTC.

    Le sue dichiarazioni mi sembrano dettate per lo più da delusione e amarezza perché le cose non sono andate come si aspettava, ma sai quante volte accade nella vita di tutti i giorni? E molte persone non possono neanche mettere in mezzo tutta la questione della diversità razziale e di genere.

    Ora magari Black Orion ha buone ragioni per lamentarsi (anche se dice che tutti lo trattavano bene -almeno a parole- in azienda, compassionevoli e gentilissimi, pacche sulla schiena, e lui è arrivato persino a piangere su qualche spalla) anche se non so cosa abbia fatto o prodotto mentre lavorava a D&D perché lui non lo dice.

    Comunque è stata una lettura molto interessante.

    Se le cose ti vanno male perché non sei bravo o perché hai sfiga è una cosa. Se le cose ti vanno male perché sei povero, nero e queer è un' altra. E fa giustamente incazzare. Essere l' "amico minoranza" ti assicuro che non fa piacere a nessuno. Rendersi conto di visto come uno scudo umano contro accuse perfettamente giustificate, anziché come una persona dotata di idee proprie è tremendamente mortificante. Lui non ha fatto altro che esporre l' ipocrisia della Wizard, che predica bene e razzola malissimo 

    3 ore fa, Mezzanotte ha scritto:

    Poi se la prende con il freelancing, che secondo lui è un sistema di sfruttamento bello e buono in cui ti pagano poco e ti scaricano quando vogliono. Insomma tempo indeterminato o sei un miserabile, quando ovviamente anche fra i freelancer ci sono quelli bravi, pagati profumatamente, e quelli che tirano a campare.

    Sfruttare i freelancer è un problema comune nell' industria dell' intrattenimento e non solo. non è una questione di bravo o non bravo, semplicemente le aziende usano i freelancer per avere lavoratori a costi inferiori e con meno tutele, aggirando le leggi in materia.

    3 ore fa, Mezzanotte ha scritto:

    Fra le altre cose, leggendo i suoi commenti, ho scoperto che noi eterosessuali ora dobbiamo essere chiamati "binari".  Il che ci fa sembrare limitati, dei robot, o gente che prova una irresistibile attrazione per il mondo ferroviario, non so ancora decidermi.

    Il binarismo si riferisce al genere, non all' orientamento sessuale. Black Orion è una persona non binaria, nè uomo né donna.

    Link to comment
    Share on other sites

    Per fortuna Robert Ervin Howard è vissuto negli anni 30 del secolo scorso. Oggi le sue opere non verrebbero nemmeno considerate da una casa editrice, o da un gironale qualsiasi.

    La parte sui nomi di alcuni personaggi, sinceramente la trovo tra il ridicolo e il delirante, a meno che gli autori non si fossero ispirati alle telefonate scherzo di Bart a Moe per i nomi...

    com'era quel detto? La via per l'inferno è lastricata di buone intenzioni.

    • Like 5
    Link to comment
    Share on other sites



    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.