Jump to content

Ji ji

Circolo degli Antichi
  • Posts

    4.0k
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    41

Ji ji last won the day on March 13

Ji ji had the most liked content!

1 Follower

About Ji ji

  • Birthday 07/12/1979

Profile Information

  • Gender
    Maschio
  • Location
    UK
  • GdR preferiti
    Gurps, Polaris
  • Occupazione
    manager
  • Interessi
    scienza, arte e sport

Recent Profile Visitors

3.4k profile views

Ji ji's Achievements

Epico

Epico (14/15)

  • Dedicated Rare
  • Very Popular Rare
  • Reacting Well Rare
  • 10 years with us Rare
  • 5 years in Rare

Recent Badges

905

Reputation

  1. The Alexandrian pone un problema: eccessiva pressione nel preparare e giocare. E propone una soluzione: meno pressione! Questa naturalmente non è una vera soluzione. La proposta concreta è l'applicazione, ovvero un megadungeon pre-generato. E un megadungeon pre-generato lo usi per sessioni brevi e a bassa pressione se lo giochi in maniera lineare, EUMATE. Oggi due stanze, domani una, dopodomani tre. Se lo vuoi usare per giocare complesse alleanze tra fazioni e trame politiche, il lavoro di preparazione ritorna immenso. Dato che devi aggiornare tutto l'ecosistema con le sue reazioni, farlo evolvere. Posso prendere il consiglio di The Alexandrian e provo ad applicarlo a altri giochi e avventure. Ho Apocalypse World e Polaris che mi permettono di giocare una o due ore con preparazione minima o inesistente. Perché sono giochi fatti così. Sono stati creati con, tra gli altri obiettivi di design, usabilità da parte di adulti impegnati con poco tempo libero. Quindi ciò che intendevo è che la soluzione proposta nell'articolo è ottima se si apprezza il gioco EUMATE, ma non è applicabile agli altri giocatori. E risponde a un problema che esiste solo parzialmente, dato che molti giochi sono espressamente costruiti per focalizzarsi sul gioco sneza necessitare grande preparazione.
  2. A frega meno di zero di giocare il gruppo di avventurieri che va nel dungeon in cerca di fortuna. Non mi diverto a giocare combattimenti in serie, non mi interessa trovare il bottino per rendere il PG più forte, e trovo il concetto di "salire di livello" antitetico rispetto a ciò che cerco in un GdR. All'Alexandrian i dungeon piacciono un casino, per me invece GdR != andare nei dungeon. La sua soluzione è adatta ai giocatori di una delle varie edizioni di D&D ma del tutto inadatta a chi cerca altro. Condivido invece che imparare a giocare anche in situazioni meno che ottimali sia importante per mantenere attiva la vita ludica.
  3. Se un giocatore vuole giocare il proprio PG con libertà, la cosa migliore è eliminare gli allineamenti prima di subito.
  4. Quella parte di gioco è differente a seconda che l'obiettivo venga scoperto in gioco oppure no. Ho portato esempi di gioco per la prima modalità. Per la seconda mi viene in mente Caravan to Ein Arris. Prima di creare i PG ho spiegato ai giocatori il canovaccio: in città stanno organizzando una grande carovana per andare a Ein Arris. Ci sarà posto per tutti: esploratori, guardie, giocolieri, cuochi, operation manager, traduttori, manovali, cocchieri eccetera. Ma forse non è l'esempio giusto. In Caravanto Ein Arris la carovana è la sandbox, semplicemente è una sandbox semovente invece che statica. Le varie avventure possibili vengono rivelate durante la marcia. Quale sarebbe la giusta attitudine nel presentare quel modulo? Dire ai giocatori che a un certo punto sarà possibile fare la tal missione, e che successivamente i PG probabilmente saranno assoldati per fare quell'altra? Insensato. Tu come la gestiresti? Perché io il canovaccio lo ho presentato, ma non ho dettagliato che missioni ci sarebbero state. Ciò che facciamo non è, come lo articoli tu, indovinare cosa il master si aspetti dai giocatori. Per me si tratta di decidere con i giocatori quanto vogliamo che l'avventura sia lasciata all'iniziativa dei giocatori stessi piuttosto che avere una traccia.
  5. Anch'io consiglio senz'altro Wild Cards, ci sono anche raccolte di racconti che danno una panoramica sull'universo e un bel cast di personaggi. Tra l'altro Wild Cards nasce come la versione romanzata di una grande campagna GdR giocata dagli autori (credo che Martin fosse il master). Tra i sistemi di gioco, c'è anche Icon che è semplice e interessante.
  6. Perchè è più divertente. Per esempio ricordo un'avventura in cui i PG, ex militari e grandi amici, iniziano in un locale a far serata. Lì (comincia l'avventura) incontrano un altro ex commilitone. Poi dei sicari cercano di ammazzare l'ex commilitone. L'idea è che i PG lo salvino, sopraffacendo di sicari o fuggendo insieme o chi lo sa, e poi salta fuori che l'amico ritrovato sta facendo questo e quello e loro decidono di imbarcarsi con lui nell'impresa. Un altro esempio: un PG è un detective da storia pulp. Una donna entra nel suo studio e gli propone un lavoro. Da lì alcuni eventi lo spingono a investigare su un certo affare. Anche gli altri PG hanno simili agganci. E' più coinvolgente che iniziare in media res. Permette all'avventura di prendere connotazioni originali e inaspettate ancor prima di cominciare. Dà modo di riflettere meglio (e di giocare) quali siano le motivazioni che spingono il PG a interessarsi alla vicenda. Ancor prima di questo, c'è il fatto che giocare i PG per una o due sessioni prima che parta l'avventura principale giova tantissimo. Si costruisce un'atmosfera insieme, i PG agiscono e prendono tridimensionalità, ci si cala nell'ambientazione.
  7. Quindi la maschera di pietra era stata creata da Santana? Cosa vengo a scoprire dopo quasi trent'anni :D
  8. Il barbaro può multiclassare molto efficacemente con il Warblade. Quando sei in ira non puoi usare alcune delle manovre della scuola diamond mind che richiedono una prova di concentrazione, quindi mi focalizzerei sulle altre scuole.
  9. Il problema è a monte. Se i PG partono al primo livello e hanno 20-30 anni, e ci si aspetta che aumentino di livelli con i px guadagnati combattendo nei dungeon, beh, è chiaro che la coerenza narrativa ne soffre. E infatti il sistema dei livelli di D&D non è stato creato per dare coerenza narrativa. Io preferisco giocare a livello fisso.
  10. Mi ricorda un'avventura cyberpunk del mio gruppo: uno dei PG era un cyborg enorme e fortissimo. Si portava un fucile antitank 14.5×114mm come arma personale.
  11. Mettere i ricchi al posto dei poveri è facile, perché sono pochi e di lavori umili ce ne sono tanti da fare. Il contrario invece è impossibile, perché ci sono pochissimi posti da ricchi e tantissimi poveri. Mi sa che il re ci metterà i propri amici a fare i ricchi. A questo punto ci si ritrova con un regno dove tutto l'apparato dirigenziale è stato esautorato e sostituito con gente senza le conoscenze necessarie e senza esperienza. Se la cosa viene gestita realisticamente, dovrebbe finire tutto a schifio in pochissimo tempo. L'altra opzione è collettivizzare la produzione in nome dell'uguaglianza sociale. La storia del regime degli Khmer Rouge è un buon punto da cui partire per vedere come si può sviluppare in una società prevalentemente agricola.
  12. Io invece userei le statistiche del gatto aumentando la taglia e applicandone i modificatori. Poi dimezzerei i modificatori razziali alle abilità tranne quello a nascondersi. Sostituirei il talento Stealthy con Track e aggiungerei un +4 razziale a seguire tracce con l'olfatto.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.