Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Rivers of London GdR: Un'Intervista

Charles Dunwoody ha intervistato Lynne Hardy, una delle designer che si sta occupando del GdR ispirato a I Fiumi di Londra, la serie di romanzi urban fantasy di Ben Aaronovitch.

Read more...

Jabberwocky

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci parla del Jabberwocky, una bizzarra creatura nata dalla penna di Lewis Carroll.

Read more...

Need Games: le novità di Natale 2020 e del primo semestre 2021

Riempite la letterina a Babbo Natale con le novità Need Games in uscita a Dicembre e nei primi mesi dell'anno prossimo!

Read more...

Recensione: Mythic Odysseys of Theros

Dopo Ravnica, l'altra ambientazione per i set di Magic the Gathering che è stata convertita a D&D 5E è stata Theros, con il manuale Mythic Odyssesys of Theros.

Read more...

Humble Bundle: Cyberpunk 2020

R Talsorian e Humble Bundle lanciano una nuova offerta, permettendoci di fare un salto nel 2020 delle megacorporazioni e della Matrice.

Read more...

    Mearls Parla degli Obiettivi e Premesse di Design di D&D

    • Scopriamo cosa uno dei grandi nomi di D&D ci ha voluto dire sugli obiettivi e lo sviluppo della 5E di questo gioco.

    In una lunga serie di Twitter pubblicati una settimana fa circa, il designer di D&D Mike Mearls ha parlato di D&D e dei suoi obiettivi di sviluppo generali, e di come questi siano cambiati dalle passate edizione. Si parla di coloro per cui è stato progettato D&D 5E, degli stili di gioco che incoraggia e altro ancora.

    large.456446792_AmpersandonBlack.png.efe47542739eff252bee20229730e380.png

    "Quando si sviluppa un gioco vanno considerati i tratti di personalità e i comportamenti che il gioco incoraggia nei propri giocatori. Poi bisogna chiedersi se si vuole creare un gioco per una comunità che abbraccia ciò che state incoraggiando. Questo tweet è un modo gentile per dire: se create un gioco per &$&%*(@, siatene consapevoli, pronti e preparati per affrontare &$&%*(@. Questo è anche il motivo per cui D&D si è tirato fuori dal cercare di "sistemare" le persone insopportabili.

    La 3.5 e la 4E erano basate sull'ansia di voler controllare l'esperienza di gioco, lasciando quanto meno possibile al caso. Si puntava ad una coerenza interna nel gioco da campagna a campagna e da tavolo a tavolo. La paura era che un giocatore o un DM rompiscatole rovinassero il gioco e che questo avrebbe spaventato i giocatori. Il pensiero era che se si fossero rese le cose il più procedurali possibili le persone avrebbero semplicemente seguito le regole e si sarebbero divertite a prescindere da con chi giocavano.

    Il problema di questo approccio è che le regole diventano troppo minuziose. Le regole di gioco crebbero sempre più, man mano che cercavano di risolvere molti, se non tutti, i problemi che sorgevano con il testo di gioco.

    Allo stesso tempo la 3.5 e la 4E erano spinte dall'idea che i giocatori di D&D volessero quanto più opzioni possibili per i personaggi, presentando una struttura modulare pensata per incoraggiare la ricerca di combinazioni che portassero a personaggi che rompevano gli equilibri di potere.

    Questi due obiettivi si combinarono in un modo terribile, quanto meno dal punto di vista del design. Il sistema base deve coprire ogni aspetto...e al contempo si aggiungono sempre più dettagli e contenuti al gioco. Buona fortuna a mantenere le cose bilanciate!

    A mio avviso la premessa base di design soffriva di un difetto fatale. Si perdevano un gran numero degli elementi che rendono i GdR distintivi e non danno voce ai motivi per cui le persone apprezzano davvero D&D.

    Nella 5E abbiamo presunto che il DM fosse lì per divertirsi, per mettere in piedi una performance interessante e mantenere il gruppo interessato, eccitato e felice. Si tratta di un cambiamento enorme, dato che non ci si aspetta più che si faccia riferimento al manuale per una risposta. Ci si aspetta che la dia il DM.

    Per quanto riguarda i giocatori ci siamo concentrati molto di più sulla narrativa e sull'identità, invece che su specifici vantaggi meccanici. Chi siete è più importante di quello che sapete fare, al punto che chi siete determina cosa fate. In parole povere - e sulla base di quello che abbiamo potuto osservare sulla community in vari modi - siamo passati da una community che si concentrava sulle meccanica e l'esperienza, ad una incentrata sulla socializzazione e sulla narrazione. L'esperienza con le meccaniche è ancora parte del gioco, ma non è più il centro. Idealmente quest'ultima sarebbe una tra mille motivazioni, bilanciate tra di loro. Se sono bilanciate tutti si divertono. Il divertimento non è a discapito degli altri.

    Dato che D&D è descrittivo e non prescrittivo, i gruppi individuali avranno esperienze differenti. Tuttavia questa è la direzione che ha preso il design ed è ciò che abbiamo visto nella community nel suo intero. E' stato interessante osservare come le cose sono cambiate grazie al cambiamento delle regole e all'afflusso di nuovi giocatori."


     


    Article type: Approfondimenti


    User Feedback

    Recommended Comments

    Sono arrivati tardi. Stanno recependo adesso cose che molti altri sistemi di gioco hanno compreso e messo in pratica molto prima. D&D ha praticamente inventato il mercato dei giochi di ruolo per poi chiudersi nella sua torre d'avorio. Non hanno mai avuto grande interesse per l'innovazione e reiventarsi da quelle parti. Ancora oggi il loro è sopratutto un insieme di regole e solo in seconda battuta un gioco di ruolo.

    • Like 2
    Link to comment
    Share on other sites
    2 ore fa, Alonewolf87 ha scritto:

    Nella 5E abbiamo presunto che il DM fosse lì per divertirsi, per mettere in piedi una performance interessante e mantenere il gruppo interessato, eccitato e felice. Si tratta di un cambiamento enorme, dato che non ci si aspetta più che si faccia riferimento al manuale per una risposta. Ci si aspetta che la dia il DM.

    Per quanto riguarda i giocatori ci siamo concentrati molto di più sulla narrativa e sull'identità, invece che su specifici vantaggi meccanici. Chi siete è più importante di quello che sapete fare, al punto che chi siete determina cosa fate. In parole povere - e sulla base di quello che abbiamo potuto osservare sulla community in vari modi - siamo passati da una community che si concentrava sulle meccanica e l'esperienza, ad una incentrata sulla socializzazione e sulla narrazione. L'esperienza con le meccaniche è ancora parte del gioco, ma non è più il centro. Idealmente quest'ultima sarebbe una tra mille motivazioni, bilanciate tra di loro. Se sono bilanciate tutti si divertono. Il divertimento non è a discapito degli altri.

    QUESTO è il ritorno alle origini che interessa la gente.

     

    1 ora fa, Mezzanotte ha scritto:

    Ancora oggi il loro è sopratutto un insieme di regole e solo in seconda battuta un gioco di ruolo.

    Guarda, rispetto alla 3/3.5 e 4, la 5 ha fatto passi da gigante... letteralmente!
    Te lo dico da persona che ha giocato con qusi tutte le versioni di D&D (Becmi, AD&D 2° ed., 3/3.5/PF, 4 e 5).

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    lo si nota anche dai messaggi diversi che si trovano sulle varie discussioni di gdr:

    in 3.5 e 4 erano solo domande di build e le risposte di solito mischiavano razze, classi e talenti, che rendevano un pg un circo ambulante.

    in 5° le domande vertono quasi sempre su interpretazione o su reskin di mostri.

     

     

    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites
    5 ore fa, Mezzanotte ha scritto:

    Sono arrivati tardi. Stanno recependo adesso cose che molti altri sistemi di gioco hanno compreso e messo in pratica molto prima. D&D ha praticamente inventato il mercato dei giochi di ruolo per poi chiudersi nella sua torre d'avorio. Non hanno mai avuto grande interesse per l'innovazione e reiventarsi da quelle parti. Ancora oggi il loro è sopratutto un insieme di regole e solo in seconda battuta un gioco di ruolo.

    Meglio tardi che mai. 😉

    Inoltre, c'è da tenere presente che i designer di D&D di oggi si trovano a dover tenere comunque conto del gusto di milioni di giocatori in tutto il mondo, formatisi su edizioni differenti. Proprio perchè D&D ha una storia lunga 40 gli è difficile cambiare. I giocatori formatisi in questi 40 anni pretendono tutti determinate cose, di cui i designer devono tener conto. Considerato questo, dunque, la 5e ha fatto passi da gigante. 😉

     

    Link to comment
    Share on other sites


    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.