Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.
By Lucane

I Mondi del Design: 'Old School' nei GdR e in Altri Giochi: Parte 1

In questa prima parte di tre articoli che mettono a confronto Old School e stili di gioco più recenti, Lew Pulshiper analizza a suo le principali differenze in fatto di fallimento e narrazione. 

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: CY_BORG, Il Mulino e il Gigante, New Edo

Andiamo a scoprire assieme le novità in campo GdR attive in questi giorni su Kickstarter.

Read more...

Una Breve Storia dei Blocchi delle Statistiche dei Mostri

In questo articolo vengono analizzate le principali variazioni che i blocchi delle statistiche dei mostri di D&D hanno subito nel tempo.

Read more...

Ragionando sui Viaggi nelle Terre Selvagge - Parte 2

In questa seconda parte vedremo come aggiungere maggiore complessità ai nostri itinerari.

Read more...

La casa degli orrori

Gareth Ryder-Hanrahan ci presenta una breve idea per una serie di nuovi nemici di Fear Itself legati ad una casa degli orrori fin troppo reale...

Read more...

metagame..... è insito nel D&D?


DTM
 Share

Recommended Posts


  • Replies 45
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

assolutamente no...io faccio gdr dal vivo oltre che su scatola e non è cosi...è vero che è difficile non usare informazioni che hai ricevuto non in gioco,sentendole per caso,vedendole scritte sul foglio del master. però si può giocare senza metagioco...anche se sai che aprendo quella porta succederà qualcosa,se non c'è niente che in gioco te lo lascia presagire dovresti aprira comunque e beccarti quello che succede,quest è giocar bene e fa molto piacere trovare gente che lo fa.. :)

Link to comment
Share on other sites

assolutamente no...io faccio gdr dal vivo oltre che su scatola e non è cosi...è vero che è difficile non usare informazioni che hai ricevuto non in gioco,sentendole per caso,vedendole scritte sul foglio del master. però si può giocare senza metagioco...anche se sai che aprendo quella porta succederà qualcosa,se non c'è niente che in gioco te lo lascia presagire dovresti aprira comunque e beccarti quello che succede,quest è giocar bene e fa molto piacere trovare gente che lo fa.. :)

intendevo altro.....

per esempio le caratteristiche: ha senso che un personaggio sappia che ha forza 18 o 20?

che con quell'amuleto lo aumenta di 2 punti?

che il prerequisito di combattere con due armi è dex = X?

magari anche altri esempi potrebbero essere applicabili.....

la mia non è una critica bensi' uno scambio di opinioni

Link to comment
Share on other sites

Dire in ogni sistema di regole forse è un pò estremo, ma fare metagame in d&d a volte è persino richiesto dalle meccaniche del gioco...

Basta vedere ad esempio tutte quelle abilità, gli incantesimi e gli oggetti che ti permettono di ripetere una prova abilità o un tiro salvezza prima di sapere il risultato finale. Implicano tutti ragionamenti tipo: ok, la cd sarà più o meno X; col dado ho fatto 5 + E alla meno T su Tau...

Link to comment
Share on other sites

intendevo altro.....

per esempio le caratteristiche: ha senso che un personaggio sappia che ha forza 18 o 20?

Tu sai se riesci a sollevare 50 o 100 chilil sulla panca piana? Anche approssimativamente?

che con quell'amuleto lo aumenta di 2 punti?

perchè non dovrebbe rendersene conto?

che il prerequisito di combattere con due armi è dex = X?

A che gli serve saperlo? E anche se fosse, perchè non dovrebbe sapere che gli ci vuole una certa destrezza per fare 42 attacchi a round?

Link to comment
Share on other sites

Tu sai se riesci a sollevare 50 o 100 chilil sulla panca piana? Anche approssimativamente?

perchè non dovrebbe rendersene conto?

A che gli serve saperlo? E anche se fosse, perchè non dovrebbe sapere che gli ci vuole una certa destrezza per fare 42 attacchi a round?

il fatto è proprio questo. posso dire sollevo x kg sulla panca ma è ben differente che affermare di avere un tot di forza. metti gli incantesimi che tolgono caratteristiche. metti il TXC dove se tiro 19 e non colpisco posso affermare che la CA dell'avversario è incolpibile se non con 20. in un'ottica di "realrtà" e GDR non ha senso.... come diceva darthbobo forse è insito in molte meccaniche di gioco.....

Link to comment
Share on other sites

il fatto è proprio questo. posso dire sollevo x kg sulla panca ma è ben differente che affermare di avere un tot di forza.

Non so che giocatori tu abbia avuto, ma i miei, quando facevano parlare il loro pg non dicevano mai "ho X in [stat]". Mai. Un pg è cosciente del fatto che è capace di sollevare o di portare un certo carico. Il giocatore è cosciente ch eil pg, in virtù della sua forza 18 può sollevare o spostare un certo carico.

metti gli incantesimi che tolgono caratteristiche.

Se io ho forza 20 e tu con un incantesimo mi levi 4 punti, io me ne accorgo. Perchè la mia forza scende del 20%. Come disse una volta dedalo, se io in palestra, da un momento all'altro passo dal sollevare 100 kg al sollevarne 80, mi inizierei a preoccupare seriamente di avere una lesione muscolare non banale.

metti il TXC dove se tiro 19 e non colpisco posso affermare che la CA dell'avversario è incolpibile se non con 20. in un'ottica di "realrtà" e GDR non ha senso....

Io da giocatore so che lo colpisco solo con 20. Il pg, siccome non è un deficiente di primo pelo, nemmeno quando è al primo livello, si accorge che colpire il tipo, penetrar enelle sue difese è molto difficile, e che ci vuole più fortuna che altro. Dove sta il problema?

come diceva darthbobo forse è insito in molte meccaniche di gioco.....

Quali sarebero queste meccnaiche? Ed in che modo è insito? Onestamente, negli esempi che hai fatto, non vedo il metagioco. A questo punto mi sorge un dubbio: cosa intendi tu per metagico? Perchè non vorrei che stessimo parlando di due cose diverse.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me esageri, Blackstorm. ;-)

Prendo solo un esempio:

Se io ho forza 20 e tu con un incantesimo mi levi 4 punti, io me ne accorgo. Perchè la mia forza scende del 20%. Come disse una volta dedalo, se io in palestra, da un momento all'altro passo dal sollevare 100 kg al sollevarne 80, mi inizierei a preoccupare seriamente di avere una lesione muscolare non banale.

Se un incantesimo ti toglie 4 punti di Forza, tu senti di essere più "debole".

Già qui, però, come il DM ti descrive la "debolezza" ?

Perché "debole" può anche significare "meno costituzione".

Dal punto di vista "vita/sensazione reale", spesso, le due cose sono legate. Non sempre, certo, ma lo sono, e infatti la sensazione è quella di "debolezza".

Andando più avanti nel tuo esempio, come fai a sapere, ora, che ne puoi sollevare 80 ?

Provi subito / ti metti a fare una sessione olimpionica di sollevamento pesi ?

E' un pò ridicolo.

Un eroe queste cose non lo sa: non è un computer alla Drako di Rocky IV che ha un misuratore di potenza a portata di mano. :mrgreen:

Quindi, si, si sentirà più debole. Ammesso e concesso (chissà con quale sistema) che sappia che questa debolezza colpisca SOLO la sua forza, vedo difficilmente COME l'eroe (PG) possa sapere quant'è l'impatto della debolezza subita, se non per:

- esperienza (ha già subito il medesimo effetto una precedente volta, con le medesime sensazioni in conseguenza)

- metagaming

E cioè, per metagaming, si intende, in questo caso, il fatto di "fare pensare il PG in termini regolistici".

I tuoi giocatori non dicono "ho forza 20", ma se dicono "posso portare 100 chili", è in realtà la stessa cosa.

Perché a questo punto, ti rendi conto, spero, che la popolazione del mondo INTERO è divisa tra coloro che possono portare 90 chili, POI quelli che possono portare 100 chili, POI quelli che possono portare 110 chili, ecc.

Se questo non è "interpretare con le regole in testa" (che è quello che implicava DTM), non so cosa lo sia.

;-)

Link to comment
Share on other sites

Non so che giocatori tu abbia avuto, ma i miei, quando facevano parlare il loro pg non dicevano mai "ho X in [stat]". Mai. Un pg è cosciente del fatto che è capace di sollevare o di portare un certo carico. Il giocatore è cosciente ch eil pg, in virtù della sua forza 18 può sollevare o spostare un certo carico.

Se io ho forza 20 e tu con un incantesimo mi levi 4 punti, io me ne accorgo. Perchè la mia forza scende del 20%. Come disse una volta dedalo, se io in palestra, da un momento all'altro passo dal sollevare 100 kg al sollevarne 80, mi inizierei a preoccupare seriamente di avere una lesione muscolare non banale.

Io da giocatore so che lo colpisco solo con 20. Il pg, siccome non è un deficiente di primo pelo, nemmeno quando è al primo livello, si accorge che colpire il tipo, penetrar enelle sue difese è molto difficile, e che ci vuole più fortuna che altro. Dove sta il problema?

Quali sarebero queste meccnaiche? Ed in che modo è insito? Onestamente, negli esempi che hai fatto, non vedo il metagioco. A questo punto mi sorge un dubbio: cosa intendi tu per metagico? Perchè non vorrei che stessimo parlando di due cose diverse.

intendo potersi fare dei calcoli numerici e di tattica basandomi esclusivamente su informazioni regolistiche... cose che normalmente non potrei sapere in "real"

l'esempio che ti ho portato su l'incantesimo che riduce la forza:

metti che io ho forza 18 e in combattimento un raggio di indebolimento mi faccia danno di 3 punti. passo a forza 15. tu come master dici l'effettivo danno al tuo giocatore o tieni tu i conti applicando le dovute penalità?

perchè nel primo caso (si certo mi sentiro' più debole ma capire in 6 secondi che non applico lo stesso danno o non alzo lo stesso quantitativo di peso senza una prova particolare) sfocia un po' nel metagame..... metagame pero' che è molto dovuto ad una meccanica di gioco. nel secondo caso il giocatore si renderà di essere più debole (magari si sente più stanco a roteare la spada in combattimento) ma non sa effettivamente di quanto con precisione. non so se hai capito quello che voglio dire.

metti i pf: io uso ad esempio una HR secondo cui quando il pg subisce un colpo tale da stramazzare al suolo nessuno sa di quanto con precisione è sceso al di sotto dello 0 o se è morto..... ma è un'HR appunto.... nella meccanica del gioco il giocatore sa perfettamente se è a -5 o -6

EDIT

ele mi ha preceduto... cattivo ecco :-D

Link to comment
Share on other sites

Beh quando si gioca si parla in gioco on e in gioco off, ma bisogna distinguere tra quel che percepisce il personaggio e quello che percepisce il giocatore.

Se si ha forza 18 sarà più muscoloso o cmq più forte di un altro pg. Come nella realtà ti puoi accorgere di essere più grosso di un mingherlino.

Tirare il dado è una cosa "fuori dal gioco", gli effetti, invece, quel che accade veramente.

Se un oggetto ti dà un +2 a una prova (tipo se hai oggetti da scasso), nella realtà sapresti che con una motosega fai saltare prima una serratura e così nel gioco.

L'importante è non usare nel gioco cose che non dovresti conoscere. ^_*

Link to comment
Share on other sites

Se un incantesimo ti toglie 4 punti di Forza, tu senti di essere più "debole".

Già qui, però, come il DM ti descrive la "debolezza" ?

Perché "debole" può anche significare "meno costituzione".

Dal punto di vista "vita/sensazione reale", spesso, le due cose sono legate. Non sempre, certo, ma lo sono, e infatti la sensazione è quella di "debolezza".

Andando più avanti nel tuo esempio, come fai a sapere, ora, che ne puoi sollevare 80 ?

Provi subito / ti metti a fare una sessione olimpionica di sollevamento pesi ?

Io non sto parlando a fine sessione di palestra. Io sto parlando di quello che succede sull'allenamento. Se io fra un giorno e l'altro passo dal sollevare 100 kg a sollevarne 80, forse è preoccupante.

Per quanto riguarda i pg, che in media sono decisamente più coscienti dei loro limiti fisici, diciamo quanto uno sportivo professionista lo è rispetto ad un frequentatore amatoriale di palestra, questi conosce i suoi limiti. E durante un combattimento, la minor forza si traduce in colpi più fiacchi, minor forza di impatto dell'arma... vai avanti a tua scelta. Da master io posso anche dire al mio giocatore che ha perso 4 punti di cos, ma non è un problema. Perchè quello che deve sapere il giocatore è cosa segnare sulla scheda, quello che deve sapere il pg è che da un momento all'altro si ritrova a menare fendenti molto meno efficaci. Se ne accorgerà, no?

E btw, un calo prestazionale del 20% mi sembra abbastanza evidente da non richiedere chissà quale esperienza :)

E' un pò ridicolo.

Why?

Un eroe queste cose non lo sa: non è un computer alla Drako di Rocky IV che ha un misuratore di potenza a portata di mano. :mrgreen:

Ma cosa c'entra? Il giocatore sa quanti punti gli partono sulla scheda. Il pg saprà in maniera approsismativa che è un po' meno efficace. E ripeto, non essendo comunque un pivellino di primo pelo, dal momento che mediamente ha stat superiori alla norma ed un addestramento specializzato, si renderà conto più o meno di quanto è diminuita la sua efficacia. Non capisco bene cosa tu trovi ridicolo.

Quindi, si, si sentirà più debole. Ammesso e concesso (chissà con quale sistema) che sappia che questa debolezza colpisca SOLO la sua forza,

La debolezza può verificarsi, mediamente con un danno alla forza o alla costituzione. Ora, un danno alla costituzione è in qualche modo doloroso, oppure riduce la sopportazione del dolore e/o del danno. se questi effetti non sono presenti, è evidente ch ela debolezza, se è oslo fisica, è dovuta alla forza. Insomma, tu dopo una camminata in montagna, la matitna dopo ti muovi male perchè hai i muscoli che urlano. Come fai a sapere che è quello e non ti sei preso una influenza o un raffreddore?

vedo difficilmente COME l'eroe (PG) possa sapere quant'è l'impatto della debolezza subita, se non per:

- esperienza (ha già subito il medesimo effetto una precedente volta, con le medesime sensazioni in conseguenza)

- metagaming

Se mentre sto combattendo mi accorgo che colpisco meno volte rispetto al paio di round prima, mi acocrgo che diminuisce la mia efficacia. Se improvvisamente il carico che porto si fa più pesante, me ne accorgo. Se improvvisamente il mostro sembra reggere molto meglio i miei danni e non ho visto tirargli alcunchè che possa sembrare un potenziamento, me ne accorgo. Che possa essere approssimativo ok, ma che non sia in grado di stabilire una perdita prestazionale netta, questo si che è ridicolo. Poi, se per te gli avventurieri sono tutti incapaci di cogliere i segnali del loro fisico, è un altro discorso.

E cioè, per metagaming, si intende, in questo caso, il fatto di "fare pensare il PG in termini regolistici".

I tuoi giocatori non dicono "ho forza 20", ma se dicono "posso portare 100 chili", è in realtà la stessa cosa.

Io posso fare un'escursione portando una zaino di 25 kg. Sto facendo metagaming? No, conosco i miei limiti. Dio mio, lo saprai più o meno quanto puoi portare, si? Mi rendo conto pure io se ho una valigia pesante.

Perché a questo punto, ti rendi conto, spero, che la popolazione del mondo INTERO è divisa tra coloro che possono portare 90 chili, POI quelli che possono portare 100 chili, POI quelli che possono portare 110 chili, ecc.

Hmmm. Io continuo a chiedermi che razza di giocatori incontrate. Perchè onestamente, quello che io trovo ridicolo, è che i pg vadano in giro a chiedere che carico riesce a portare la gente. Non lo chiedi, perchè non ti interessa. Se vedi un tipo con i muscoli gonfi, puoi immaginar eche abbia una forza superiore al 10, magari un 13, 14. Da giocatore. Da pg immaginerai che è più forte della media, stop. Ma non vai a caricargli sopra la roba finchè non crolla in ginocchio. Il mondo può essere diviso in tutti i chili che vuoi, ma dal momento che i giocatori non sono così idioti da andar ein giro a chiedere "Scusi, lei quanti chili trascina?" a tutti quelli che trovano i loro pg, almeno in condizioni normali, non vedo dove trovi il metagame nel sapere che puoi portare un tot e non di più.

Se questo non è "interpretare con le regole in testa" (che è quello che implicava DTM), non so cosa lo sia.

Uh? Ossia io devo giocarmi un tipo che non ha la più pallida idea di:

-sua capacità di carico, ossia non sa se quello che mette nello zaino per andare all'avventura gli peserà troppo o no.

-sua capacità di infliggere danni, perchè non si dovrebbe, secondo voi, rendere condo che la sua debolezza è un danno alla forza.

- quanto è in grado di fare giochi di destrezza.

-la sua resistenza ai danni, la sua sopportaizone al dolore fisico in battaglia, la sua capacità di reggere un assalto.

- quali siano le sue capacità di apprendimento (che un pg con int 6+ ci arriva ragionandoci un pochino)

-essere molto attento a quel che succede attorno a lui, o viceversa essere un tipo leggermente distratto.

-avere o meno capacità di comando.

Tutto questo perchè qualsiasi modo il giocatore usi per evitare di citare quelle sei voci che danno le stat di un pg, si può farlo ricadere sotto una suddivisione che rende uguale il dire "ho [stat] X" oppure "ho questa capacità/resistenza".

E poi osno io che facico esempi ridicoli? Spiegatemi un po'. Perchè le regole in testa il giocatore deve averle. Dovrà sapere come agire a seconda di come gli si modifica la scheda, no? Certo che le sa le regole. ma non per questo il pg deve usare gli stessi metri o deve anche solo fregarsene qualcosa di questo, dal momento che non lo sa.

Link to comment
Share on other sites

Perchè le regole in testa il giocatore deve averle. Dovrà sapere come agire a seconda di come gli si modifica la scheda, no? Certo che le sa le regole. ma non per questo il pg deve usare gli stessi metri o deve anche solo fregarsene qualcosa di questo, dal momento che non lo sa.

alloora ti pongo una domanda:

un combattente con due armi dex 18

durante il combattimento un mago lo "malediziona" facendo scendere la sua destrezza a 14 per cui non puo' più combattere con due armi.

a quel punto (consideriamo che le azioni di combattimento sono in sequenza reale) il personaggio puo' dirmi "dato che non posso fare attacco secondario e avrei un singolo attacco mi sposto del mio movimento" senza effettivamente provare prima a fare un secondo attacco e non riuscire (in quel caso spostandosi al max di 1,5)

si sente indubbiamente meno destro ma riesce davvero a capire al volo senza andare nel metagame che per un singolo punto ha perso un talento?

Link to comment
Share on other sites

il fatto è proprio questo. posso dire sollevo x kg sulla panca ma è ben differente che affermare di avere un tot di forza.
Adesso puoi trascinare 5 volte il tuo carico pesante, che dipende con una formula (che adesso non ricordo) dal tuo punteggio di forza.

Se definisci la forza come una frazione (un sesto, per esempio) del tuo massimale in panca piana hai un numero che stima la tua forza, assumendo di avere un corpo equilibrato.

Link to comment
Share on other sites

Adesso puoi trascinare 5 volte il tuo carico pesante, che dipende con una formula (che adesso non ricordo) dal tuo punteggio di forza.

Se definisci la forza come una frazione (un sesto, per esempio) del tuo massimale in panca piana hai un numero che stima la tua forza, assumendo di avere un corpo equilibrato.

si ma non è questo il punto...... leggi il mio post di prima. mi sa che mi sono spiegato male.....

Link to comment
Share on other sites

Stiamo dicendo la stessa cosa Blackstorm, e a questo punto non capisco perché hai contradetto i posts originali di DTM.

Se anche tu dici che "Il pg saprà in maniera approsismativa che è un po' meno efficace", basta, è tutto quello che dico anch'io.

Lo saprà, in generale, sempre.

A volte, non lo saprà finché non ha provato (l'esempio di "debolezza" infatti andava in questo senso, ma se la perdita fosse di Carisma, sarebbe ancora più lampante che il PG non si accorgerebbe di nulla).

Ma finché non ha avuto, di prima persona, l'esperienza passata di tale perdita, magari più volte, non saprà esattamente quanta Forza / Cos / ecc. ha perso.

Anch'io come DM dico "hai perso 5 punti di Forza", per semplicità.

Anch'io non ho giocatori che dicono "accidenti, visto che ora ho forza 15, non riuscirò a sollevare questa grata, quindi non ci provo nemmeno".

Ci provono lo stesso, in game, non essendone certi (perché la situazione è anche nuova ed unica), e poi, in game, si rendono conto di non poterlo fare.

Il punto di DTM era però interessante, e credo valido.

Porta infatti alcuni esempi lampanti che dimostrano come "l'interpretazione e il metagame in D&D" siano più legati di quanto possa sembrare. :-)

Link to comment
Share on other sites

alloora ti pongo una domanda:

un combattente con due armi dex 18

durante il combattimento un mago lo "malediziona" facendo scendere la sua destrezza a 14 per cui non puo' più combattere con due armi.

a quel punto (consideriamo che le azioni di combattimento sono in sequenza reale) il personaggio puo' dirmi "dato che non posso fare attacco secondario e avrei un singolo attacco mi sposto del mio movimento" senza effettivamente provare prima a fare un secondo attacco e non riuscire (in quel caso spostandosi al max di 1,5)

si sente indubbiamente meno destro ma riesce davvero a capire al volo senza andare nel metagame che per un singolo punto ha perso un talento?

La sua destrezza è calata di un buon 20%. Inoltre il tuo esempio è assolutamente fuori luogo: per combattere con due armi non servono nemmeno i talenti, se uno vuole farlo. Avrà dei malus paurosi, certo, ma può farlo.

Ora, diciamo, per amore di discusisone, che la destrezza passa da 18 a 14. 4 punti di destrezza in meno, vogliono dire più del 20% della propria efficienza. se uno non è in grado di accorgersene merita di morire. Perchè dovrebbe fare un secondo attacco se si è accorto che è diventato goffo ocme un sasso? Ma se la vuoi mettere su questo piano, allora esiste solo il metagame, ossia in dnd, secondo ciò che dici, non è posisbile interpretare senza evitare il metagame?

Link to comment
Share on other sites

Stiamo dicendo la stessa cosa Blackstorm, e a questo punto non capisco perché hai contradetto i posts originali di DTM.

Se anche tu dici che "Il pg saprà in maniera approsismativa che è un po' meno efficace", basta, è tutto quello che dico anch'io.

Lo saprà, in generale, sempre.

A volte, non lo saprà finché non ha provato (l'esempio di "debolezza" infatti andava in questo senso, ma se la perdita fosse di Carisma, sarebbe ancora più lampante che il PG non si accorgerebbe di nulla).

Ma finché non ha avuto, di prima persona, l'esperienza passata di tale perdita, magari più volte, non saprà esattamente quanta Forza / Cos / ecc. ha perso.

Anch'io come DM dico "hai perso 5 punti di Forza", per semplicità.

Anch'io non ho giocatori che dicono "accidenti, visto che ora ho forza 15, non riuscirò a sollevare questa grata, quindi non ci provo nemmeno".

Ci provono lo stesso, in game, non essendone certi (perché la situazione è anche nuova ed unica), e poi, in game, si rendono conto di non poterlo fare.

Il punto di DTM era però interessante, e credo valido.

Porta infatti alcuni esempi lampanti che dimostrano come "l'interpretazione e il metagame in D&D" siano più legati di quanto possa sembrare. :-)

ele se non fossi maschio ti sposerei :-D

La sua destrezza è calata di un buon 20%. Inoltre il tuo esempio è assolutamente fuori luogo: per combattere con due armi non servono nemmeno i talenti, se uno vuole farlo. Avrà dei malus paurosi, certo, ma può farlo.

Ora, diciamo, per amore di discusisone, che la destrezza passa da 18 a 14. 4 punti di destrezza in meno, vogliono dire più del 20% della propria efficienza. se uno non è in grado di accorgersene merita di morire. Perchè dovrebbe fare un secondo attacco se si è accorto che è diventato goffo ocme un sasso? Ma se la vuoi mettere su questo piano, allora esiste solo il metagame, ossia in dnd, secondo ciò che dici, non è posisbile interpretare senza evitare il metagame?

certo che è possibile. infatti asserisco solo che le regole non evitano il metagame ma solo un'intepretazione corretta e costruttiva lo fa.

tu parli di 20 % ma obiettivamente ci arrivi perchè io ti ho detto come DM "perdi 4 punti"

ma in effetti io ti potrei dire "ti senti meno destro" tu pg puoi effettuivamente arrivare a capire al volo che equivale a un 20% di meno senza dare un colpo?

Link to comment
Share on other sites

molto spesso si parla di metagame.

ma non credete che è già insito in ogni sistema di regole?

Assolutamente si.

Dal momento in cui ti siedi, sfogli il manuale, leggi le varie regole, e crei il personaggio, stai già facendo metagaming... per evitare del tutto il metagaming non dovresti conoscere le regole.

Dovresti scrivere un concept riguardante il tuo Personaggio, solo testo, e lasciare che il Master traduca tutto in numeri. Anche in quel caso, una volta appresi i meccanismi del gioco, tornerai a fare metagaming...

Io penso che il termine metagaming (come connotazione negativa) abbia senso se applicato alle situazioni in cui un giocatore fa uso delle proprie conoscenze in modo scorretto (esempio: il suo Personaggio non ha mai incontrato una medusa, quindi non può 'chiudere gli occhi' se ne incontra una, a meno che il Master non abbia introdotto indizi che ne rivelino la presenza).

Se applicato anche allo sfruttamento delle statistiche numeriche (cito da wikipedia: "Utilizzare la conoscenza delle meccaniche di gioco per guadagnare vantaggi nel gioco" o "Decidere le azioni di un personaggio in base a come le meccaniche di gioco modificheranno il risultato") è semplicemente fuori luogo, dato che non se ne può fare a meno: se non prendiamo mai in considerazione le statistiche del nostro Personaggio siamo nel campo della Narrazione Interattiva, non del gioco di ruolo.

Link to comment
Share on other sites

Avrò capito male io il post di DTM. Pazienza, capita.

no... hai semplicemente dato conferma. solo un gioco costruttivo riduce il metagaming insito nelle regole. solo che dicevamo le stesse cose in modo differente

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

  • Similar Content

    • By Comicshunter
      Buongiorno a tutti,
      Come si evince dal titolo sono un nuovo iscritto, ma semplicemente perchè non trovo più le credenziali del vecchio account.
      Sono qui perché vorrei tornare a giocare e far giocare un po'.
      Quindi cerco qualche giocatore per far partire una nuova campagna qui sul forum.
      sarà una campagna 3.5 ambientata nel forgotten.
      Livello 8 di partenza.
      Manuali concessi:
      quelli base più i vari perfetti (avventuriero, sacerdote, arcanista ecc..)
      quando vi proponete, provate a pensare a un ipotetico personaggio, entro fine settimana verrà stabilito il gruppo di partenza.
      per qualsiasi altra domanda, sono a disposizione.
      Non fatevi ingannare dai pochi messaggi che ho postato, purtroppo il mio vecchio account è andato perso.
      Vi aspetto
    • By supremenerd88
      Ciao a tutti!
      Qualcuno di voi che gioca su Roll20 come ha risolto la questione di come gestire le varie forme selvatiche del druido? La soluzione di creare una scheda per ogni forma selvatica mi sembra improponibile (finchè si è sotto la decina è anche proponibile ma poi?)
      Grazie di cuore.
    • By MadLuke
      Ciao,
      sono il master della campagna D&D 3.5 Il destino dei guerrieri già avviata con ambientazione artigianale ispirata a Gengis Khan e alla Mongolia del XII sec. I personaggi sono tutti barbari (nel senso culturale del termine) appartenenti a una tribù di nomadi.
      Sono ammesse tutte le classi e varianti di qualunque pubblicazione ufficiale WotC (del ToB solo il Warblade però) ma non esistono gli incantesimi, per cui di fatto tutte le classi incantatrici non sono giocabili (ma ci sono PnG druidi e sciamani) mentre abbondano barbari (in senso regolistico), guerrieri, ranger, ladri selvaggi, ecc.
      Nella campagna sono in uso le regole opzionali descritte in Unearthed Arcane: Punti Riserva, Armature con riduzione del danno e Punti danno.
      Infine: chi volesse unirsi alla campagna deve avere ben chiaro che per me il PbF non consiste semplicemente nel mettere per iscritto le frasi che si sarebbero dette se si fosse giocato normalmente al tavolo, bensì richiede la volontà (nonché il tempo e anche la capacità) di partecipare alla stesura di un "romanzo", un romanzo senza dubbio dilettantistico, ma pur sempre un romanzo, perciò nei post ci saranno non solo le mere azioni meccaniche dei personaggi bensì descrizione dei luoghi, le atmosfere, gli stati d'animo e le suggestioni che ne possono derivare.
      Per chi ha parimenti voglia di giocare a D&D così come di scrivere, questa è la campagna giusta, diversamente non si può fare parte del gruppo.
      Essendo rimasti solo 3 PG sto cercando almeno un paio di nuovi giocatori, chi volesse proporsi dovrà giocare solo poche settimane con un personaggio elfo selvaggio già mezzo creato (l'altra metà si può personalizzare), così da consentire la conoscenza reciproca tra tutti i giocatori e poi potrà creare un personaggio interamente proprio per contribuire liberamente alla campagna.
      Ciao, MadLuke.
    • By Alonewolf87
      Salve a tutti, cerco 2-3 giocatori per il mio PbF Ritorno al Tempio del Male Elementale, ispirato all'omonima campagna per D&D 3E. I PG rimasti sono 2 al momento (un mago tiefling debuffer/control e una halfling chierica/malconvoker) e il livello di gioco è il 10°.
      Ecco un breve riassunto dell'avventura.
      Il ritmo dei miei post è abbastanza fisso su ogni 48 ore (72 nel fine settimana) e richiedo serietà e soprattutto costanza nel medio lungo periodo.
      Per ogni domanda e richiesta di chiarimenti sono a disposizione.
    • By Joe Naberius
      Saluti,
      apro l’annuncio a nome di un un server Discord che ha come uno degli obbiettivi, quello di mantenere l’utenza al minimo necessario.
      E con il necessario si intende ovviamente; il minimo di presenza o interesse alle proposte che sono esposte all’interno del server e quel minimo di rispetto necessario per permettere di mantenere un luogo tranquillo e sereno per tutti.
      In fondo il gioco di ruolo così come i videogiochi servono a distrarsi dal quotidiano e noi, ci ritroviamo nella nostra ludoteca online con quello scopo.
      Fatta questa piccola premessa, stiamo cercando uno ma anche più master in particolar modo di Licantropi, Vampiri e Maghi (Mondo di Tenebre) ma anche di D&D 3.5/5.0, Starfinder, Call of Cthulhu, 7 Seas, Cyberpunk, Cypher System, Pathfinder, Sine Requie, ecc ecc
      La community è inclusiva, si cerca appunto di conoscersi e tramite riunioni conoscitive che hanno appunto il fine di organizzare party.
      I master non hanno particolare difficoltà a postare le proprie campagne o trovare comunque giocatori interessati e per un certo qual modo presenti.
      Se sei comunque dell’idea secondo la quale un server dedicato al ruolo deve mantenersi a coloro che sono realmente presenti e appassionati, non esitare a contattarmi al mio tag di Discord; Joe Naberius#7360 e ne parleremo meglio a voce.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.