Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.
By aza

ManaDinamica – Magia ed Entropia

La magia può sembrare una cosa meravigliosa: si tratta di uno strumento in grado di fare, in prima approssimazione, qualunque cosa.
Abbiamo tuttavia già visto nel precedente articolo che la faccenda non è così semplice: infatti, per ottenere un qualunque effetto magico che sia fisicamente coerente, abbiamo bisogno di spendere energia. E abbiamo bisogno di ottenere questa energia da qualche parte.
Ma il problema non si ferma qui: ogni volta che l’energia viene trasformata da una forma all’altra, una porzione di essa sempre maggiore viene dispersa, diventando inutilizzabile per il suo scopo originario
Oggi parliamo del secondo principio della termodinamica… applicato alla magia!

Calore e movimento
Se mettiamo a contatto tra loro due oggetti a diverse temperature, il più caldo comincerà a raffreddarsi e il più freddo a scaldarsi finché non raggiungeranno la stessa temperatura.
Questo fenomeno, detto “principio zero della termodinamica”, è evidente se mettiamo un cubetto di ghiaccio nell’acqua d’estate: il cubetto si scalda, sciogliendosi, ma nel farlo raffredda l’acqua.
Quello che è accaduto è che una certa quantità di energia, detta calore, ha abbandonato il corpo caldo, raffreddandolo, per introdursi in quello più freddo e riscaldarlo.
Questo passaggio di energia può essere “imbrigliato” per ottenere movimento: le macchine in grado di compiere queste trasformazioni sono dette Motori Termici, tra cui il motore a scoppio, il motore stirling e l’immancabile motore a vapore.

Un modellino di motore stirling. Una lieve differenza di temperatura tra il sopra e il sotto della base è sufficiente per far girare la ruota.
Un motore termico ha infatti bisogno di due “ambienti”, uno più caldo dell’altro, e la sua capacità di funzionamento dipende proprio da tale differenza di temperatura.
Quando, nel mondo reale, gli scienziati, ingegneri e inventori del ‘700 e ‘800 cominciarono a studiare il rapporto tra il calore fornito a una macchina a vapore e l’energia meccanica (cioè legata allo spostamento della vaporiera) che essa era in grado di rilasciare, si accorsero che una porzione di tale energia veniva perduta.
Infatti, parte di quel calore andava comunque a riscaldare l’ambiente esterno, più freddo ovviamente della caldaia: questo implica che, se da una parte l’aria esterna circola ed è in grado di rinnovarsi, la caldaia va via via raffreddandosi e richiede sempre nuovo combustibile.
Per quanto si possano migliorare numerose parti di un motore, per esempio riducendo gli attriti (che dissipano ulteriore preziosa energia), una porzione di dispersioni energetiche dovute a questo scambio di calore sarà sempre, inesorabilmente presente.
Tale evidenza portò a una delle formulazioni del “Secondo Principio della Termodinamica”, quella di Lord Kelvin: “È impossibile realizzare una trasformazione ciclica il cui unico risultato sia la trasformazione in lavoro di tutto il calore assorbito da una sorgente omogenea” 
Fu questa triste scoperta, l’inevitabile dispersione dell’energia, che portò gli scienziati del tempo alla definizione di una nuova grandezza fisica: l’Entropia.
Energie inutilizzabili
L’Entropia viene spesso definita come lo “stato di disordine di un sistema”, ma si tratta di una definizione che può confondere: infatti non si tratta banalmente di sistemi nei quali gli elementi siano “riposti ordinatamente”.
Due oggetti a temperature diverse e a contatto tra loro, infatti, sono ugualmente “ordinati” prima o dopo aver scambiato calore tra loro.
Quello che invece sappiamo grazie ai motori termici è che se due oggetti hanno temperature diverse è possibile usarli per generare energia meccanica, mentre questo è impossibile se hanno la stessa temperatura.
In questo secondo caso, infatti, la loro energia è stata “distribuita” tra di essi, mentre inizialmente essa era “disponibile” per generare lavoro.

Se immaginiamo le unità di energia termica come palline, esse possono essere utilizzate per produrre movimento solo finché sono separate
Badate bene che, dopo lo scambio di calore, tale energia non è stata “perduta” nel nulla: l’energia totale è conservata e così il primo principio della termodinamica, solo essa non è più “sfruttabile” alla stessa maniera.
La sua “qualità” è diminuita.
L’Entropia è, di fatto, la misura di questa “riduzione di qualità” dell’energia di un sistema.
Un’evidenza nata sia dall’osservazione naturale che dagli studi di Carnot è che l’entropia è sempre in continua, inesorabile crescita, e quindi la “qualità” dell’energia è in perenne calo.
Ciò ha portato a un’ulteriore formulazione del secondo principio della termodinamica: “in un sistema isolato l’entropia non può mai diminuire”.
Tutti i fenomeni spontanei, infatti, aumentano (o quantomeno mantengono inalterata) l’entropia del sistema: il calore fluisce da un corpo caldo a uno freddo, anche quando si cerca di imbrigliarlo con un motore, riducendo inevitabilmente l’efficacia del processo (come abbiamo già visto).
Tutti i fenomeni naturali che portano alla dispersione dell’energia sono prima o poi inevitabili: il ghiaccio fonde, gli oggetti cadono, il ferro si ossida, le pile si scaricano, le stelle si spengono e gli esseri viventi, alla fine, periscono.
Questo non significa che sia impossibile ottenere effetti opposti a quelli spontanei: abbiamo ad esempio inventato frigoriferi e condizionatori per abbassare la temperatura.
Tuttavia, tali macchinari si “limitano” a spostare il calore, ad esempio, del cibo congelato nell’ambiente fuori dal frigo, e consumano energia per farlo: parte di questa energia poi, ovviamente, non sarà utilizzabile per raffreddare gli alimenti ma verrà dispersa.
Se noi cercassimo di utilizzare la differenza di temperatura tra frigo e stanza per alimentare un motore termico, otterremmo ancora meno energia di quella necessaria per mantenere il cibo congelato.
L’energia necessaria per raffreddare un oggetto è insomma superiore a quella che si otterrebbe utilizzandolo come ambiente freddo per un motore termico: questo perché parte di quell’energia è stata dispersa proprio a causa dell’entropia.
Come per un cambio di valuta, scambiare euro per dollari avrà un costo: riscambiando indietro dollari con euro, un ulteriore costo, ci troveremmo in mano meno soldi di quelli iniziali.

Ogni trasformazione d’energia riduce quella disponibile per nella nuova forma, disperdendone inevitabilmente altra a causa dell’entropia
Inoltre, andando ad effettuare il calcolo, vedremmo che, dove l’entropia dell’interno del frigorifero è diminuita, quella del suo esterno è aumentata di una quantità superiore: l’entropia totale infatti aumenta sempre.
A seguito di un’azione su un sistema che ne riduca l’entropia ci sarà sempre un sistema più grande che lo circondi la cui entropia totale è aumentata (o al limite è rimasta identica): si dice in gergo che “l’entropia dell’universo” non può mai diminuire.
Come per i frigoriferi, anche i meccanismi degli esseri viventi riescono a mantenere sotto controllo l’entropia, a scapito tuttavia delle sostanze che espellono: gli scarti del corpo umano, se anche non fossero per esso dannosi, sarebbero comunque meno nutrienti dell’equivalente cibo necessario per crearli.
Se fossimo in grado di assimilare gli elementi nutritivi del terreno e produrre autonomamente determinate molecole biologiche necessarie per il nostro organismo, come alcune proteine, troveremmo svantaggioso nutrirci di piante e animali poiché il loro “passaggio” ha rubato energia.
Ogni trasformazione di energia ha, infatti, un determinato “rendimento”, cioè una percentuale dell’energia investita che è effettivamente utilizzabile dopo una trasformazione: il rendimento è sempre inferiore al 100% e tale perdita, dovuta all’entropia, va accumulandosi ad ogni passaggio.
Se, per esempio, della benzina viene bruciata per spingere un’automobile, tale processo è più efficiente (si ha cioè a disposizione più energia effettiva) che se tale motore fosse usato per produrre energia elettrica ed essa, a sua volta, utilizzata per alimentare un motore elettrico di un’automobile: motivo per cui le auto elettriche sono efficienti e meno inquinanti solo se ci sono scelte oculate nella produzione dell’energia elettrica.
A loro volta, i combustibili fossili come il petrolio, “fonti” di energia, non sono che l’effetto della degradazione di energie ben superiori accumulate milioni di anni fa durante la crescita, ad esempio, delle piante ormai fossilizzate e dell’azione dei batteri su di esse: l’energia spesa, insomma, per creare un albero e trasformarlo in carbone fossile è superiore a quella ottenuta bruciando quello stesso combustibile.
Per riassumere il concetto, l’entropia è la misura della degradazione dell’energia di un sistema: essa aumenta inesorabilmente a ogni trasformazione d’energia, rendendola sempre più inutilizzabile e portando spontaneamente a fenomeni come la dispersione del calore, dell’energia e la devastazione del tempo.
Gli effetti sulla magia
Ma quali effetti avrebbe l’entropia sulla magia, alla luce anche dell’articolo precedente?
Tanto per cominciare, l’energia magica disponibile sarebbe, se possibile, ancora meno.
Che sia accumulata fuori o dentro il mago, l’energia magica tenderebbe a disperdersi: sarebbe forse questo fenomeno a concedere l’esistenza di incantesimi che permettano la percezione della magia.
Questo implicherebbe, per esempio, che gli effetti magici vadano a svanire nel tempo e causino tutti quei classici eventi come l’indebolimento dei sigilli magici per trattenere chissà quale oscuro demone del passato.
Sarebbe anche molto in linea con tutte quelle ambientazioni nelle quali la magia si è via via ridotta e non sia più facile come un tempo produrre chissà quali effetti meravigliosi, un classico anche di tanti racconti  che pongono spesso le vicende in epoche successive a quelle degli dei e degli eroi: un tale sapore si respira, ad esempio, nelle Cronache del ghiaccio e del fuoco, nel Signore degli Anelli ma anche, da un certo punto di vista, in ambientazioni dove magia e tecnologia si confondono come Warhammer 40.000.

Ma come giustificare la presenza di antichi artefatti di ere perdute in grado di garantire immensi poteri, come quelli tipici della terra di mezzo?
Una maniera per limitare lo scambio di energia al minimo è quello di utilizzare contenitori adiabatici, che riescono quasi ad azzerare lo scambio di calore (chiaramente non è possibile azzerare completamente le perdite per un tempo infinito… proprio per colpa dell’entropia!).
L’idea di ridurre la dispersione dell’energia è ampiamente utilizzata in ambito tecnologico per materiali isolanti (basta pensare all’edilizia o ai termos) nonché per altre applicazioni come i Volani, pesanti oggetti tenuti in rotazione nel vuoto su cuscinetti magnetici in modo che non disperdano il loro movimento rotatorio (il quale viene poi utilizzato, all’occorrenza, per produrre energia).
Impedire a un oggetto magico di rilasciare energia potrebbe essere sia una maniera per allungare la sua vita sia, nell’ottica precedente, di celarne la natura.
Ma un oggetto di potere immenso in grado di durare millenni potrebbe somigliare di più a una forma di vita magica, che ottiene la sua energia dall’ambiente esattamente come le piante (entro un certo limite) dal sole.
In base a come funzioni il mana in un mondo di finzione, oggetti e creature che si nutrono di esso potrebbero ridurne la disponibilità magica in una determinata area, cosa che potrebbe portare a divertenti implicazioni.

Ma l’effetto più importante dell’entropia sulla magia è che la sua energia è ancora più preziosa: ad ogni trasformazione, infatti, viene dissipata, che sia per il passaggio dal metabolismo umano a una riserva magica, dall’ambiente circostante agli incantesimi stessi.
Gli incantesimi poi dovrebbero, se possibile, agire in maniera estremamente diretta: sollevare un masso, per esempio, dovrebbe evitare di richiedere l’apertura di un portale sul piano elementale dell’aria per manifestare una corrente ascensionale (anche se può darsi che un mero sollevamento non sia poi così facile da ottenere… ma ne parleremo oltre!).
Alla stessa maniera, una palla di fuoco potrebbe essere ottenuta separando ossigeno e idrogeno nel vapore acqueo presente nell’aria, spezzando i loro legami tra loro e ottenendo, per ricombinazione, un effetto esplosivo… ma questo richiederebbe un enorme dispendio di energia.
Perfino l’arco elettrico di un fulmine sarebbe molto più semplice da causare, ma richiederebbe comunque più energia di una punta affilata sparata magicamente sul nemico.
Diversa invece la situazione se queste energie magiche fossero presenti e pronte a svilupparsi in maniera selvaggia: in tal caso, il mago potrebbe limitarsi a gestire con perizia il flusso magico incontrollato, lasciando la dispersione energetica più grande alla fonte magica…

Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2020/01/22/manadinamica-magia-ed-entropia/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.
Read more...
By aza

ManaDinamica – Conservazione dell’Energia

Uno dei problemi da affrontare, nei giochi e nella fiction in generale, dovuto all’introduzione della magia è integrare tali fenomeni all’interno del mondo per creare un contesto coerente e in qualche modo credibile.
In questa rubrica, dedicata soprattutto agli inventori di mondi (che siano scrittori o dungeon master), cercheremo di analizzare come potrebbe funzionare una magia “fisicamente corretta” ed evitare la classica domanda: “ma perché, se c’è la magia, la gente continua a zappare la terra e morire in modi atroci?”.

IL PROBLEMA ENERGETICO
Se la magia fosse fisicamente corretta, dovrebbe rispettare alcune leggi fra le quali i famosi Principi della Termodinamica (o, per l’occasione, della “Manadinamica”).
Tra questi, il primo è il cosiddetto “Principio di conservazione dell’Energia” che richiede che l’energia totale coinvolta in un fenomeno sia conservata, cioè che la sua quantità totale al termine del processo sia uguale a quella iniziale (contando, in entrambi i casi, tutte le forme di energia presente).
Ma cos’è l’Energia?
L’Energia è una grandezza fisica che descrive vari fenomeni simili capaci di trasformarsi l’uno nell’altro: l’energia elettrica usata per alimentare una stufa si trasforma in energia termica, e quella termica in un motore produce energia meccanica sotto forma di velocità (energia cinetica) e/o sollevando pesanti carichi (energia potenziale).

Ma l’energia è anche la base del funzionamento del nostro corpo: noi otteniamo energia dal cibo che mangiamo (dove è accumulata in forma di energia chimica dei suoi costituenti nutritivi) e usiamo questa energia per muoverci, respirare, pensare e per il corretto funzionamento del nostro metabolismo.
Possiamo dire tranquillamente che la stragrande maggioranza dei fenomeni che conosciamo prevede trasformazioni e scambi di energia, e la magia non può non ricadere in questo sistema: per sollevare un masso con il potere di un incantesimo, l’energia necessaria deve essere ottenuta da qualche parte.
È questo continuo richiamo al “pagamento” di energia che permette di creare un sistema magico fisicamente coerente. Non solo, l’incantesimo deve richiedere tutta l’energia necessaria per ottenere l’effetto desiderato: la generazione di temperature estreme di una palla di fuoco, la crescita di una pianta o lo spostamento di masse ingenti può richiedere una quantità estrema di energia, e talvolta anche difficile da calcolare (soprattutto quando ci sono di mezzo creature viventi o teletrasporti, ma avremo modo di parlarne in altri articoli).
Cerchiamo dunque di rispondere alla domanda: da dove proviene tutta questa energia?
MICROORGANISMI E CONDENSATORI
Una prima possibilità evidente è che l’energia possa essere ottenuta da quella del mago stesso.
Il corpo umano consuma l’energia ottenuta dal cibo per le sue attività, compresa una fetta importante (circa il 60-70%) unicamente per mantenere le funzioni vitali come la respirazione, la circolazione, il pensiero e il mantenimento della temperatura.
Un essere umano, in base all’età, al sesso e all’attività che compie, ha un consumo energetico quotidiano che può andare tra le 1500 e le 2500 kilocalorie circa: la stessa quantità di energia, espressa in Joule (l’unità di misura dell’energia nel sistema internazionale), oscilla tra i 6300 e i 10500 KiloJoule.
Se fosse possibile prendere una piccola frazione, ad esempio l’1% dell’energia di una “persona media” (8000 KJ per comodità), avremmo a disposizione 80 KJ, cioè 80.000 Joule.

Ma “quanti” sono 80.000 Joule?
Sono, ad esempio, pari all’energia necessaria per sollevare di un metro un masso di 8 tonnellate!
L’energia per una simile impresa titanica, ben lontana dalle capacità umane e facilmente assimilabile a un “prodigio magico”, è pari al solo 1% dell’energia consumata da un essere umano “medio”.
Ciò che impedisce a una persona di usare la sua energia in questa maniera è il concetto di “potenza”, cioè l’ammontare di energia che può essere emessa in un determinato ammontare di tempo. I nostri muscoli non sono abbastanza potenti da sollevare massi di una tonnellata (1000 kg) in alto di un metro, ma più che capaci di trasportare un oggetto di 10 kg per un dislivello di 100 metri: queste due azioni richiedono lo stesso ammontare di energia, ma la prima richiede molta più forza e molto meno tempo.

Se riuscissimo a rilasciare energia in tempi inferiori, potremmo letteralmente dare vita alla magia partendo dalla stessa energia dei corpi umani: ma come accumulare questa energia e rilasciarla tutta assieme?
Un mago potrebbe avere una “riserva” di energia magica che viene lentamente ricaricata dal suo stesso metabolismo e che può essere rilasciata rapidamente dando vita a effetti magici, e l’energia mancante del mago potrebbe giustificare la classica carenza di forza fisica che accomuna i maghi in molti giochi di ruolo.
Un’opzione potrebbe essere fare ricorso a sostanze prodotte dall’organismo e accumulate in appositi tessuti, come facciamo già nella realtà con i grassi, in grado di essere “bruciate” per ottenere un picco di energia.
Se invece non volessimo alterare la biologia umana, potremmo immaginarci un microorganismo simbiontico simile ai famosi Midi-Chlorian di Star Wars, in grado di sopravvivere solo in organismi molto specifici (magari in maniera simile a quello che accade con gli antigeni del sangue, solo più complesso).
Infine, il mago potrebbe ottenere energia sottraendola dagli esseri viventi circostanti, in pieno stile “rituali sacrificali” o, più semplicemente, prendendo ispirazione dalla recente serie di The Witcher.

Il rilascio dell’energia dovrebbe essere rapido, con un funzionamento simile a quello del flash delle macchine fotografiche. Le pile, infatti, non sono in grado di fornire una potenza sufficiente per il lampo: il flash, in questo caso, è ottenuto da un Condensatore, un componente dei circuiti in grado di accumulare al suo interno cariche elettriche (cioè, sostanzialmente, elettroni, le particelle che compongono la corrente elettrica) e di scaricarsi molto velocemente.
In questo modo, anche se la velocità di ricarica della pila è ridotta, il condensatore è in grado di fornire rapidamente una grande quantità di energia per il flash: allo stesso modo, un mago dovrebbe essere in grado di bruciare rapidamente la sua riserva energetica per ottenere, in poco tempo, grandi quantità di energia per dare vita ai suoi incantesimi.

Un condensatore. La vostra scheda madre ne è piena.
CATALIZZATORI
Se invece l’energia fosse ottenuta esternamente dal mago, come potrebbe egli averne accesso? E come giustificare una quantità limitata di uso di tale potere?
Sempre pensando a un consumo (almeno iniziale) di energia da parte del mago, si potrebbe ipotizzare un’interazione tra il mago e una sostanza esterna, simile alla Trama nel mondo di Forgotten Realms, grazie al quale il mago ottiene i suoi effetti facendo da catalizzatore.
In chimica, molti processi che trasmettono energia verso l’esterno (esoergodici) non avvengono spontaneamente, ma devono essere “stimolati” tramite una certa quantità di energia iniziale, detta energia di attivazione. Si può immaginare, ad esempio, che una certa reazione rilasci 5 Joule di energia, ma che la sostanza debba prima ricevere due Joule come energia di attivazione per avere inizio.
Un esempio pratico di questi fenomeni sono le combustioni, delle quali parleremo in un futuro articolo: un oggetto che brucia emette energia termica, ma ha prima bisogno di un innesco, un evento in grado di fornirgli l’energia necessaria per far partire la combustione.

Un Catalizzatore è un elemento, di solito una sostanza chimica, in grado di produrre un effetto di Catalisi, cioè di ridurre l’energia di attivazione: nell’esempio precedente la reazione potrebbe, grazie a un catalizzatore, richiedere un solo Joule per avere inizio.
Se il mago fosse in grado di agire da catalizzatore per la magia, questo spiegherebbe come mai solo i maghi sono in grado di usare tale potere, cioè perché l’energia di attivazione è troppo elevata e i non-maghi non sono in grado di abbassarla.
Contemporaneamente, se fosse sempre lui a fornire l’energia iniziale (ridotta grazie alla catalisi) si giustificherebbe anche un utilizzo limitato della magia da parte dell’incantatore.
MASSA ED ENERGIA
Un’ultima, notevole fonte di energia è la cosiddetta annichilazione della materia: la possibilità cioè di trasformare direttamente materia in energia mediante la famosa formula di Einstein.

Si tratta di una quantità di energia enorme: mezzo grammo di materia produrrebbe la stessa energia della bomba di Hiroshima.
Fortunatamente si tratta, nel mondo reale, di un processo assai complesso da ottenere: per avere una annichilazione è necessario far incontrare ogni particella del nostro materiale con la sua antiparticella. Queste ultime sono complesse da ottenere e prodotte solo da reazioni nucleari rare e altresì molto costose, in termini energetici (e non), da ottenere: all’attuale stato delle cose, il più grande apparato in grado di generare tali antiparticelle (il Large Hadron Collider, o LHC, del CERN di Ginevra) sarebbe in grado di ottenere un grammo di antimateria in… qualche milione di anni!
Tuttavia, immaginando di ottenere energia dai due processi precedenti, sarebbe forse possibile annichilire quantità di materia sufficientemente piccole da concedere comunque effetti prodigiosi… se l’antimateria fosse già presente. Infatti, produrre antimateria richiede processi molto più costosi (in termini di energie) di quanto poi riottenuto dall’annichilazione, fino a 10 miliardi di volte tanto.
Anche se, infine, essa fosse già disponibile al mago, questi dovrebbe assicurarsi di mantenere l’antimateria confinata nel vuoto, impedendogli di interagire con qualunque genere di materia, perfino l’aria: tale situazione viene comunemente ottenuta, nel mondo reale, tramite potenti campi elettromagnetici che possono risultare letali alle persone che si avvicinano troppo.

Sarebbe invece possibile ottenere parte dell’energia dagli atomi mediante fusione e fissione: in questo caso, tuttavia, la quantità di energia ottenuta da ogni atomo è molto inferiore e sarebbero necessarie quantità importanti di materiale (e il materiale giusto!), nonché condizioni peculiari di temperatura e pressione altrettanto complesse da ottenere (che richiederebbero ulteriori, drammatiche energie iniziali).
IL PREZZO DA PAGARE
Questa (relativamente) vasta serie di opzione potrebbe far pensare che ottenere energia possa essere semplice, ma si tratta di una conclusione errata.
Il mago dovrebbe indubbiamente pagare il prezzo iniziale consumando parte della sua stessa energia, energia che, se fosse accumulata in una sorta di condensatore magico, non sarebbe disponibile dell’incantatore (al di fuori del suo uso magico) e lo lascerebbe permanentemente spossato.
Se facesse inoltre da catalizzatore per una qualche fonte esterna di energia, essa si andrebbe, nel tempo, a consumare inevitabilmente la fonte di energia magica esterna proprio come i combustibili che diventano inutilizzabili dopo essere bruciati.
Infine, la stessa capacità di annichilire materia richiederebbe una grossa fonte di antimateria oppure energie tali da non giustificarne l’utilizzo, e anche l’energia nucleare si potrebbe sfruttare solo con condizioni estreme di temperatura e pressione.

E’ evidente dunque che l’idea di usare la magia per affrontare problemi altrimenti risolvibili è una mossa assai sconveniente, e che rivolgersi agli incantesimi dovrebbe essere giustificato solo da una necessità particolare e immediata.
E ancora non abbiamo parlato del fatto che non tutta quell’energia può essere utilizzata per lanciare una magia… ma per quello, aspettate il prossimo articolo di Manadinamica!
Articolo originale: http://www.profmarrelli.it/2020/01/15/manadinamica-conservazione-energia/

Se questo articolo ti è piaciuto, segui il prof. Marrelli su facebook e su ludomedia.  
Read more...

Exploring Eberron uscirà a Luglio 2020 su DMs Guild

Inizialmente previsto per Dicembre 2019, Exploring Eberron di Keith Baker - il creatore originale dell'ambientazione Eberron - ha finalmente una data di uscita definitiva: Luglio 2020. Come spiegato sul suo sito ufficiale, infatti, Kaith Baker si è trovato costretto a posticipare la pubblicazione del supplemento non solo per via del COVID-19 e di altri contrattempi personali, ma anche per darsi il tempo necessario a inserire al suo interno tutto il materiale promesso. Nonostante il ritardo, tuttavia, ora il manuale è nella fase conclusiva della sua produzione e sarà dunque disponibile a Luglio sul DMs Guild, lo store online ufficiale della WotC.
All'interno di Exploring Eberron, Keith Baker esplorerà nel dettaglio i luoghi e i piani d'esistenza di Eberron a cui i manuali del passato hanno prestato minor attenzione. E' possibile dare un primo sguardo al contenuto del manuale grazie alle Anteprime rilasciate dall'autore il Maggio scorso. Trattandosi di un manuale Terze Parti pubblicato su DMs Guild, invece, purtroppo non è possibile aspettarsi una sua traduzione in lingua italiana (a meno che la WotC decida altrimenti).
Inoltre, come rivelato dall'autore sul suo sito ufficiale:
Trattandosi di un manuale pubblicato da Terze Parti (si tratta di un supplemento realizzato da Baker e non dalla WotC), il materiale contenuto in Exploring Eberron non potrà essere considerato canone ufficiale di Eberron. Poichè, tuttavia, ogni gruppo può decidere da sé la forma che Eberron avrà al proprio tavolo (come ricordato da Baker stesso), starà ad ogni gruppo decidere se considerare valide o meno le informazioni pubblicate da Baker in questo supplemento.
  Exploring Eberron sarà disponibile sia in versione con copertina rigida, sia in versione PDF. La prima versione sarà un libro con copertina rigida premium da 8,5″ x 11″ (simile al formato dei manuali ufficiali WotC).
  Non è possibile preordinare Exploring Eberron (DMs Guild non consente le prenotazioni), quindi i tempi di consegna della copia cartacea cartonata sono di almeno 1-2 mesi, ma sarà possibile avere immediatamente la copia PDF. Prima di ordinare la versione cartacea, tuttavia, assicuratevi che su DMs Guild sia disponibile la spedizione nel nostro paese.
  Il supplemento avrà un totale di 247 pagine e conterrà 49 illustrazioni originali. Grazie a @senhull per la segnalazione.

Fonte: http://keith-baker.com/bts-exploring/
Read more...

Guidiamo assieme la DL verso il futuro

Come vi accennavamo nell'annuncio di settimana scorsa, lo Staff D'L ha ora aperto per voi un sondaggio tramite cui ci potrete fornire informazioni ed indicazioni per meglio impostare il futuro corso degli articoli del nostro amato forum. Il sondaggio resterà aperto per 2 settimane, fino al 06 Luglio.
Oltre a fornirci alcuni indicazioni generali su voi come utenti e sui giochi che più amate e giocate, vi chiederemo anche di darci delle indicazioni sul grado di interesse che potreste avere verso alcune generiche categorie di articoli, dagli approfondimenti su determinati aspetti del gioco (il che può intendere sia un'analisi di come certi aspetti sono presenti nei giochi attuali, sia una visione della loro evoluzione negli anni) ai consigli di varia natura su come gestire i vostri gruppi, le situazioni di gioco o la creazione di materiale per le sessioni.
Vogliamo potervi offrire informazioni e articoli sugli argomenti di maggiore interesse per la community e faremo affidamento sulle informazioni che ci fornirete tramite questo sondaggio per meglio dirigere il futuro corso della nostra community.
LINK AL SONDAGGIO
Grazie ancora per il supporto che ci dimostrate sempre e buon gioco a tutti!
Read more...

Heroes' Feast - Il manuale ufficiale di ricette per gli eroi di D&D

Lo stesso giorno in cui annunciava ufficialmente la nuova avventura di D&D legata alla Storyline del 2020, la Wizards of the Coast ha deciso di rivelare l'uscita di un altro libro di D&D ancora più particolare, pensato questa volta per soddisfare gli stomaci degli Avventurieri piuttosto che i loro cuori e le loro menti. Heroes' Feast, infatti, è un vero e proprio manuale di ricette creato traendo ispirazione dal mondo magico di D&D, il cui scopo è quello di consentire agli appassionati di Dungeons & Dragons di tutto il mondo di prepararsi piatti, bevande e snack degni di un banchetto degli eroi...o di un rapido pasto consumato durante il viaggio o davanti al fuoco scoppiettante del proprio accampamento.
Le 80 ricette contenute in Heroes' Feast sono state realizzate da uno chef professionista proveniente da una delle migliori cucine d'America. Il libro, attualmente previsto solo in lingua inglese (non è noto se ne verrà fatta una traduzione), uscirà il 27 Ottobre 2020 al costo di 35 dollari.
Qui di seguito potete trovare la descrizione ufficiale di Heroes' Feast, oltre ad alcune anteprime (cliccate sulle immagini per ingrandirle):
Heroes' Feast
80 ricette ispirate al magico mondo di D&D - perfette per una quest solitaria o per un banchetto condiviso con i propri compagni d'avventura.
Dagli esperti di D&D dietro a Dungeons & Dragons Art & Arcana arriva un libro di ricette che invita gli amanti del fantasy a conoscere le loro culture immaginarie preferite attraverso la loro cucina e i loro stili di vita unici. Grazie a questo libro, potrete preparare piatti delicati abbastanza da consentirvi di mangiare come elfi e come i loro cugini drow, oppure forti abbastanza da banchettare come un clan nanico o come una chiassosa orda orchesca. Tutti gli ottanta piatti - realizzati da uno chef professionista proveniente da una delle migliori cucine del paese - sono deliziosi, facili da preparare e composti da ingredienti sani e facilmente rintracciabili nel nostro mondo.
Heroes' Feast contiene ricette per spuntini come Bytopian Shepherd's Bread (Pane del Pastore Bitopiano), Iron Rations (Razioni di Ferro), savory Hand Pies (Tortine Tascabili salate) e Hogs in Bedrolls (Maiale Arrotolato; probabilmente involtini di maiale, NdTraduttore), così come portate principali vegetariane, a base di carne o a base di pesce quali Amphail Braised Beef (Brasato di Manzo di Amphail), Hommlet Golden Brown Roasted Turkey (Tacchino Arrosto di Hommlet), Drow Mushroom Steaks (Bistecche ai Funghi Drow) e Moonshae Seafood Risotto (Risotto ai Frutti di Mare di Moonshae). Sono anche presenti dessert e cocktail come Heartlands Roseapple & Blackberry Pie (Torta di Mela Rosa e di More delle Heartlands), Yawning Portal Biscuit (Biscotti del Portale Sbadigliante) e Chultan Zombie (Zombie di Chult) - e tutto ciò che si trova in mezzo, in grado di soddisfare il desiderio (il termine originale "craving" ha anche significato di "voglia", "appetito", NdTraduttore) di qualsiasi avventura.
DETTAGLI DEL PRODOTTO:
Prezzo: 35 dollari
Data di uscita: 27 Ottobre 2020
Lingua: Inglese
Formato: Copertina Rigida
Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/fiction/heroes-feast


Fonte: https://dnd.wizards.com/products/fiction/heroes-feast
Read more...
Bomba

Capitolo Ventotto – Il tramonto della terra dei ciliegi

Recommended Posts

Clint Draconis

"Se c'è qualcuno in questa sala che ha fatto più bene di Bjorn Havardsson alla interezza di Arth, con le proprie azioni e le proprie parole, nel giro di una manciata di anni, abbia il coraggio di farsi avanti e di spiegarcele per bene!

Altrimenti smettetela di dire stupidaggini ed iniziate a pianificare come risolvere questa guerra! 

Per parte mia, non c'è persona al mondo che mi fiderei maggiormente di tenere al mio fianco sinistro, quando il mio fianco destro fosse già protetto da Trull Testadariete Tanner dei Forgiacciaio!", Clint quasi non perse tempo a respirare, mentre urlava la sua rabbia contro l'idiozia di quella sala, sfidando apertamente con lo sguardo Marie Antoinette Ivarstill e fulminando Emercuryadar.

"E vorrei ricordare alla principessa consorte di Firedrakes, dacché ella pare essersene dimenticata, che non ha alcun poter di ordinare l'arresto di chi non è un suo suddito, a maggior ragione mentre si trova fuori dai confini del regno di suo marito!".

DM

Spoiler

Diplomazia +45 (+49 verso Draghi e Dragonblood); Intimidire +31.

 

Edited by Ghal Maraz
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

Era finalmente giunto l'arrivo degli Jarl dell'Occidente, evento che Bjorn attendeva con ansia. Sapeva che sarebbe stata la prima sfida alla sua "autorità", autorità che si era trovato tra le mani per qualche scherzo del Fato. Osservò la parata, lanciando uno sguardo di rimprovero a Emercuryadar, passato dal lanciare accuse fini a sé stesse al piegare la schiena davanti agli Ivarstill, come il suo amico di un tempo, Flurio Pascolari.

La riunione tra i nobili si rivelò deludente, con ognuno che ribadiva i propri interessi, dal bancone degli antipasti a matrimoni combinati, che finirono con la richiesta di arrestarlo e delle non tanto velate accuse alla sua ascendenza. Emercuryadar, voglio ricordarti chi ha portato il gruppo incaricato di uccidere Kumalog all'interno della fortezza nemica. E chi ha evitato di esigere la sua vendetta per il bene della sua missione. Disse guardando con sprezzo il giovane drago, conscio di ciò che avrebbe detto la ben più nobile Anzalisilvar. E sì, Jarl di Huruk-Rast, sono il figlio della Regina del Gelo. Lo stesso figlio che voleva rapire e uccidere. Lo stesso che ha contribuito ad ucciderla, come potrà confermarvi Flurio. Volete sapere altro sulle mie parentele? Chiese infastidito dalle accuse, rivolgendosi quindi al resto dei nobili Voi avreste accettato un uomo che permette molestie sulle civili, partecipandovi egli stesso? Io no, in tutta sincerità. Sono qui a combattere per voi, senza che nessuno mi obblighi a farlo, mentre mia moglie, a casa, potrebbe dare alla luce mio figlio da un momento all'altro. Ma non per consegnare il Katai in mano ad uno stupratore ed un codardo. Volete arrestarmi? Bene, si verrà a sapere che il continente occidentale punisce chi "osa" difendere delle innocenti. Concluse guardando Marie Antoniette, rivolgendo poi un cenno di ringraziamento a jarl Siggard. Penseremo dopo alle terre per questa gente: voglio trovare una soluzione che non richieda spargimenti di sangue, per quanto possibile. Ora abbiamo una guerra da vincere, guerra che sembra sempre più vicina alla conclusione. Come ha detto il saggio Musaaid, non mi pare il caso di servirci da soli il colpo di grazia litigando tra di noi. Dobbiamo discutere dell'attacco finale al regno del terrore di Ishibura e sul futuro del Katai: ricordiamoci che il nostro compito, oltre a finire questa guerra, è quello di costruire ciò che resterà alle future generazioni, coloro che, si spera, non saranno costretti a combattere altri conflitti.

Edited by Ian Morgenvelt
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

La vista di tutte quelle persone provenire da tutte le varie regioni che avevamo visitato risvegliò in me quel sopito (e quando mai..) senso di dovere verso un bene più grande.
Guardai i miei compagni, tutti.. e scorsi indietro nel tempo per ricordare tutti quelli che avevano combattuto con noi:
i due orchi Kaahan e Gerum
Flurio! Che rividi in quel giorno!
Tonum, spesso nei miei pensieri.. chissà cosa stava facendo in quei momenti così critici
Ariabel, l'elfa misteriosa
il piccolo Landon, il ranger elfo scomparso dopo un pò che ci seguiva.. forse Kaahan l'aveva tediato troppo
Edriust, l'unico altro felinide come me, deceduto al Nord durante il fallito tentativo di liberare dei prigionieri di Velleri
Alexis, la chierica di Pelor.. scomparsa nelle rovine della villa del vampiro
Dravicov, lo strano elfo arciere.. scomparso nella savana.. chissà dove sarà finito. Mah

..e quei draghi!
Tutti quei draghi che planarono su Kirigashima.

Stavamo vivendo momenti indimenticabili.. dentro le future storie dei bardi.
Mi estromisi completamente dalle varie discussioni che man mano si stavano accendendo all'interno delle mura, preferivo ricordare tutto quel che avevamo fatto fino a quel momento.

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thorlum SenzaCasta - (Rovina di Huruk-Rast)

 

Iniziò la riunione. Thorlum in qualità di guardia del corpo si sedette vicino a Seline, non lontano da Marie Antoniette, ascoltando tutte le argomentazioni discusse in quella sede. Gli animi iniziarono ad animarsi fin da subito, sia per il retaggio di Bjorn che per la sua recente azione.   Si, quello è il suo retaggio. Si toccò la troppo corta barba nel mento. Potrebbe esserci un qualcosa di oscuro nel suo animo...un seme che ancora non si è manifestato, rispose a Hafban Grossoferro, Helgor Tagliarocce e Dalit Forgiacciaio. Cercava di mostrarsi saggio di fronte al cugino e ai rappresentanti della montagna.  Dopo l'intervento di Marie, la discussione andò completamente fuori controllo, a tal punto che fu chiesto l'arresto del nordico. Il nano non capì il perché di questa richiesta, ma capì che gli toccava agire. Sbuffò.

Durante l'intervento di Clint si limitò ad alzare la mano guardandosi intorno indicando se stesso come meritevole tra i meritevoli. Infine si alzò controvoglia e si mosse verso Bjorn, attendendo che questo finisse di parlare. Io non lo vorrei, nonostante tutto sei un brav'uomo e ti ho affidato la mia vita in passato. Ma....ho degli obblighi verso FireDrakes. Thorlum mise la mano nella spalla di Bjorn. Si avvicino all'orecchio:

x Bjorn

Spoiler

Ti prometto che non ti sarà fatto alcun torto e che non ti succederà nulla di male. Parlerò con Marie e farò in modo di scagionarti dall'accusa. Qualunque essa sia!

Forza andiamo. Ti accompagno in cella. 

Il nano attese che Bjorn si alzasse. Non aveva intenzione di forzarlo, ma sapeva che lui doveva far rispettare la legge. 

 

Master

Spoiler

 

Thorlum accompagna Bjorn in cella. Non lo forza, ne altro. Però Marie ha dato un ordine e Thorlum lo sta eseguendo. Se poi Dervel dice il contrario Thorlum si siede e lascia perdere.

 

Edited by SassoMuschioso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Arrestare... Bjorn? chiese Winn'Ier ad alta voce Ma... ma... Non ha senso! Bjorn è bravo! Certo, gli piacciono molto le mezzelfe, forse un pò troppo, ma è bravo! esclamò alzandosi Io non sono d'accordo! Voi, Bjorn, non lo toccate! si mise al fianco dell'amico a difenderlo E sono sicuro che Seline non lo arresterà! Siamo tutti grandi amici qui! E tu giù le mani! esclamò il barbaro per dare un tutt'altro che virile schiaffo alla mano di Thorlum, appena la appoggiò alla spalla dell'amico. 

Qui nessuno arresta nessuno! Voi non volete un'orso arrabbiato in sala riunioni! No, che non lo volete!

Spoiler

+9 intimidire! Do un'aiuto a Clint!

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

Lanciò uno sguardo truce a Thorlum quando parlò di qualcosa di oscuro nel suo animo, chiedendosi come potesse pensare qualcosa del genere. Siamo veramente arrivati ad attribuirmi le colpe della donna che voleva sacrificarmi per poter vivere per l'eternità? Chiese al nano, guardando quindi il piccolo litigio scoppiato tra Winn'ler e Thorlum. Proprio quello che volevo evitare... Vi serve che io venga arrestato per poter discutere sul futuro del Katai e dell'intera Arth? Bene, punitemi per delle colpe inesistenti. Ma non rovinate tutto quello per cui ho combattuto fino ad oggi con delle discussioni fini a sé stesse.

Thorlum

Spoiler

Tu non le chiederai niente, Thorlum. Sono innocente, non ho bisogno della sua grazia.

Master

Spoiler

Diplomazia +3 per aiutare Clint

 

Edited by Ian Morgenvelt

Share this post


Link to post
Share on other sites

Thorlum SenzaCasta - (Rovina di Huruk-Rast)

 

Thorlum rimase inizialmente interdetto. Non aspettandosi il gesto di Winn'Ier venne bacchettato come si fa ad un piccolo nano trovato a mangiare di nascosto qualcosa di goloso. Tutta la nobiltà, l'importanza della sua presenza, venne sminuita nella maniera più banale possibile. Un offesa semplice e lineare che il nano comprese appieno. Non poteva perdonare un gesto simile che lo ridicolizzava agli occhi di tutti. L'ira prese il sopravvento: Brutto ciccione ignorante, come ti permetti toccarmi, mentre faccio il mio dovere? Gli sputo in faccia preso dall'ira. Pensi forse che sono un piccolo nano da educare a piacimento. Non hai ancora capito il mio valore? Credi forse di essere un mio pari? Ora ti insegnerò il rispetto che mi devi. Thorlum non badò più a Bjorn e ai presenti. Rivolse tutta la sua attenzione a Winn'Ier. Cercò di colpirlo con il pugno sinistro. Mirava alla bocca dello stomaco: voleva spezzargli il fiato e farlo abbassare. Con questa semplice strategia l'avrebbe tenuto a bada più facilmente. Se fosse riuscito a metterlo a terra, nessuno gli avrebbe impedito di salirgli sopra e colpirlo al volto con estrema facilità. Aveva elaborato istintivamente un piano semplice, lineare ed efficace come piaceva a Thorlum.

 

@Plettro 

Spoiler

Ho scritto le intenzioni strategiche di Thorlum riguardo alla semplice rissa. Se non decide il Master, puoi decidere tu se riesce o meno o tirare un dado (FOR +6).

Non è assolutamente un problema 😉

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (lizardfolk stregona)

All'arrivo di suo marito Unvarkerentilarhys, Sharifa si precipitò ad abbracciarlo e salutarlo, lieta di poterlo di nuovo rivedere e di poter trascorrere di nuovo del tempo con lui. Purtroppo le questioni familiari furono rinviate a dopo gli incontri diplomatici, politici e militari, perciò la stregona si limitò a chiedere a Unvarkerentilarhys solo lo stretto necessario per ciascuno de figli in fatto di crescita, nutrimento, attività, giochi, litigi, capricci e istruzione. 

Ben presto però la situazione si fece tesa, e la donna fu costretta ad interrompere il basso chiacchiericcio per intervenire a difesa di Bjorn "Scempiaggini. Lord Harvasson è un uomo d'onore e giustizia, che ha combattuto per la libertà e per sconfiggere i tiranni. Non cova dentro di sé alcun germe di malvagità o empietà. E accusarlo del comportamento ridicolo e codardo dello jarl Borg è davvero meschino. Sono sicura che Lady Antoinette non intendeva mettersi in ridicolo con un ordine come questo: deve essersi trattato di un errore, non è vero? Del resto questo si che sarebbe un atto di tradimento...con jarlo Borg lontano, arrestare l'uomo che ha preso il comando dei suoi uomini sarebbe davvero deleterio per le nostre forze"
La reazione di Throlum e Winn'ler, e la zuffa che ne seguì, furono accolte con uno sbuffo di fumo leggero dalle narici della stregona, irritata e quasi sul punto di redarguire a male parole i due rozzi guerrieri. Solo la prospettiva di umiliarli davanti a tutte queste persone la fermò: non intendeva far perdere loro la faccia. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Una volta giunta alla riunione, la tiefling prese il proprio posto per essere affiancata da Thorlum e, probabilmente, dalla moglie. Rimase seduta in silenzio ad osservare lo svolgersi dell'intera situazione, puntando gli occhi su Lucrecia quando fece la sua apparizione e continuando ad osservarla a lungo, prima di socchiuderli e tornare ad inquadrare con maggiore cura ciò che veniva detto riguardo a Bjorn.
Non sembrò scomporsi più di tanto alle parole di Emercuryadar, lasciandosi sfuggire semplicemente una risatina, d'altronde oramai si considerava tutto tranne che amica del kalashtar. All'ordine della principessa Marie Antoniette, la tiefling non fece altro che puntare il suo sguardo sull'azione di Thorlum e quindi, tornando sulla principessa, mostrarle con la mano destra ciò che stava facendo la sua guardia del corpo, ma la situazione sembrava cadere sempre più nella confusione.
La stessa mano destra si spostò sul proprio volto, sospirando un poco.
Oh per favore.. Dimmi che non è vero..
Borbottò semplicemente tra sè, prima di far scivolare giù la mano dal suo volto e assistere al tentativo di pugno del nano in direzione di Winn'Ier.
Se non fosse per la perdita di tempo, potrei anche assistere..
Un sorrisetto, prima di sollevarsi e portarsi in posizione eretta per poi eseguire un leggero inchino in direzione di Marie Antoniette.
Mia principessa, per quanto ritengo stupida l'idea di una lite e della perdita di un'alleanza per una cosa insensata come una pacca su una natica, vorrei farvi riflettere sull'importanza che potrebbe avere il kalashtar durante questo ultimo atto della guerra.
E' figlio della regina del gelo, ma da ciò che ho visto non vi è alcun segno della sua impronta.. E' troppo.. Sciocco e facile da imbambolare.

Commentò per poi portare uno sguardo verso Lucrecia.
A differenza della sottoscritta.
Tornò quindi su Marie Antoniette.
Vi chiedo, mia signora, di posticipare questo vostro desiderio al termine della guerra e vedrò di esaudirlo.
Concluse quindi per tornare in posizione eretta ed attendere la risposta da parte della principessa, prima di passare su Winn'Ier e alzare la mano destra nel tentativo di scagliarlo via da quella scazzottata prima che l'intera riunione si trasformi in una caotica perdita di tempo, mentre qualche parola in antico abissale veniva pronunciata... Altre parole susseguirono mentre il palmo della mano sinistra andò a dirigersi verso Thorlum, nel tentativo di bloccarlo.

x DM

Spoiler

Uso Telekinesis: Violent Thrust su Winn'Ier per scagliarlo via. TS su Volontà con CD 23

Uso Telekinesis su Thorlum per tentare di bloccarlo con un grapple.
Al posto del BaB utilizzo il mio caster level (13+1d6) e come bonus caratteristica uso Carisma (+8).

 

Edited by Nilyn
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Thorlum cominciò a insultare Winn, evidentemente aveva attribuito troppi significati a un gesto semplice come quello di dare uno schiaffo a una mano... 
Fatto sta che Tagliarocce diede all'orso un colpo sulla bocca della stomaco, facendolo effettivamente inginocchiare, Winn si voltò stupito verso il nano, per poi scuotere lentamente la testa, supplicante La faccia no... non la mia bellissima faccia! quando ricevette un'altro pugno sul viso, poi un'altro, un'altro, un'altro e... poi i colpi si fermarono: Winn aveva afferrato il braccio del nano giusto in tempo per il quarto colpo Ok, ora è il mio turno! un diretto spaventoso colpì sul viso il naso, facendogli vedere le stelle. 

La tattica di Thorlum era buona, ma non aveva tenuto conto del fatto che Winn faceva a pugni fin da piccolo! Winn avrebbe potuto continuare, ma si fermò dal colpire il nano Thorlum! Questa è una scazzottata che non puoi vincere! Lascia stare Bjorn! ricominciò Winn, senza accorgersi che Seline, stava intessendo un qualche incantesimo Sennò continuo a prenderti a sberle!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull Tanner

L'ex-ex-nano non aveva idea di quanto il suo corpo 'non-suo' l'avesse condizionato fino a quel momento. Salutando i nuovi arrivati, nel proprio ruolo di ciambellano di Firedrakes e di nano de solis et de visu di Huruk-Rast, se ne rese conto, poiché per la prima volta si sentiva davvero loro pari. Non solo dei membri del Consiglio della Città sotto la Montagna, ma anche della nobiltà di Glantria tutta, re Augustus incluso. Con un'unica, notevole eccezione. Si presentò davanti al principe Derbel, sorridente, a capo chino, senza inclinare il busto, com'era sempre stato suo costume prima di crescere suo malgrado di statura. “Questo corpo ha già giurato, mio principe. Non la costringerò a sentire ancora quelle stesse parole uscire da sotto gli stessi baffi. Né la costringerò ad impugnare ancora la spada fuori dal campo di battaglia. Sono lieto di rivederla, e sempre onorato di servirla ancora.” Se conosceva il principe, un abbraccio non sarebbe mancato, e lui avrebbe ricambiato, attento a non incrinare costole all'umano.

Presto fu già il momento della riunione fra i leader di quella coalizione, appena Golban riuscì ad essere dei loro. Trull si era fatto trovare preparato, portando con sé uno scriba e svariati rotoli di pergamena con le mappe aggiornate di tutto il continente orientale. Sarebbero servite durante quella che immaginava sarebbe stata una riunione tattica programmatica, dove dettare modo, tempi, regole di ingaggio e di ritirata, coordinamenti.

Fu sorpreso di constatare altro, prima ancora che riuscisse a parlare c'era già la Ivarstill che delirava d'onnipotenza, e Thorlum che eseguiva un ordine mai ricevuto da nessuno, di arrestare il valente Bjorn.

Gettò le mappe allo scriba, che capitombolò quasi comicamente alle sue spalle, mentre Trull guadagnava il centro dell'emiciclo, per parlare al consesso tutto.

“Vostre altezze, eminenti Signori, e gentili signore, vi invito alla calma.” 

“Thorlum, Winn'ler, mettetevi in un angolo, in castigo come bambini, poiché tali vi state atteggiando. Possibilmente, Thorlum, mettiti vicino al Capitano Decanti e cerca di farle da Guardia del Corpo, poiché tale sei, e non Guardia carceraria né boia. Rassegnati.”

“Ora, andrò dritto al punto. Confermo che Bjorn è il figlio della Regina del Gelo. Pensavo che ad Huruk-Rast fossero giunte molte storie sulle nostre avventure, ma gli scaldi ne avevano evidentemente troppe da narrare, tanto che in pochi sanno che io stesso ho abitato i panni di un elfo e di un mezzelfo, per diverso tempo. Ciò non ha reso me un nano peggiore, così come non ha reso Bjorn un uomo diverso da colui che si è speso con gli altri per vincere quella battaglia. Una battaglia durissima, tale da costarmi la mia prima morte, congelato dall'alito della megera. Bjorn fu tra coloro che si spese per riportarmi in vita. Perciò, maggiorenti della mia città natale, potete stare certi che quell'uomo sia migliore di molto rispetto ai propri natali. Io gli affiderei i miei stessi figli.”

“Pochi conoscono bene Bjorn come il Comandante in persona, e sono lieto di constatare che richieda quantomeno una dilazione nell'ordine d'arresto. Per quanto io sia il primo a reputare l'origine invalido in questo Stato, secondo la giusta dottrina del nobile d'animo e di nascita Sir Clint Draconis.”

“Tuttavia, intendo denunciare ben tre persone in questa sala che meriterebbero la stessa sorte di Bjorn, avendo anteposto i propri sentimenti alla missione. Il primo è quel nano di fosso e senza casta che si spaccia per una guardia del corpo ed anela ad un'unica cosa: la vendetta. Più volte ci ha quasi condannati tutti alla sconfitta, per non tacere dei 1300 morti che gravano sulla sua coscienza, e gli altrettanti orfani che mai si è sognato di risarcire. Egli è qui, lecitamente, inviato dalla seconda persona che ha agito come Bjorn. Lei sa che abbiamo perso una pedina essenziale per l'intero gruppo, a causa dei suoi capricci vendicativi. Abbiamo acquisito un'armata di coscritti, in compenso; tagliagole di prima cotta cui dovremo badare, nella migliore delle ipotesi.”

“La terza persona che ha agito così, invece... ebbene sono io. Mi faccio una colpa ogni giorno, ma oggi è giunto il momento di rimediare. La mia colpa è stata quella di voler salvaguardare un nascente legame familiare, nella speranza che l'amore reciproco mitigasse e rinsavisse da un lato, rafforzasse dall'altro. Un mero, sentimentale, errore di valutazione. Perciò ora vi dico che quel che intendeva dire il mio Principe Von Gebsatell... intendo ascoltarlo esclusivamente dalla sua propria, virile, nobile voce. E non tollererò ulteriori interruzioni, che saranno considerate vilipendio al Principe e trattate come tali.”

Si voltò verso Derbel, e chinò il capo. “Perdonatemi Principe. Vi ascoltavo ma non vi sentivo. Ora sta a voi.” 

Edited by PietroD
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oceiros

<<Oh bravo Trull. Un ottimo discorso da ciambellano, complimenti.>> gli disse l’occultista facendo un rapido inchino nella sua direzione.

Si voltò verso la comitiva intera.

<<Ho conosciuto molti avventurieri nella mia vita. La maggior parte ingenuotti con poco cervello e molti buoni propositi, capaci solo a far una buona azione e lasciarsi dietro tutto il caos possibile. Questa guerra sta costringendo tutti a compiere sacrifici, di sangue e di codice personale. Io personalmente non avrei mai pensato di affiancare alcun avventuriero in tutta la mia vita, ben che meno divenire un servitore entusiasta di una casata nobiliare di Garnia. Ancor meno pensavo che avrei avuto la fortuna di trovare nuovi degni compagni e arrivare addirittura considerare alcuni di loro amici, anche chi probabilmente così non mi considera. Il destino ci ha guidato qui, e volenti o nolenti dobbiamo esser pronti al grande salto che ci attende. Con coscritti, nobiluomini, draghi, soldati, paladino, criminali e quant’altro. Perché solo vincere contro lo Xorvintal contro. Perdere Borg non è una gran edita, per nessuno: sarebbe stato in ultima fila a far nulla. Che muoia di freddo in Hel e non ci rompa più le scatole!>>

@master

Spoiler

Direi un +27 a diplomazia in aiuto a Clint e Bjorn. 

 

 

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Seline, Thorlum e Winn'Ier

Spoiler

 

Winn'Ier TS Volontà +8+18=26 SUPERATO

Seline prova di lotta (telecinesi) +15+8+15=38

Thorlum prova di lotta +21+7=28

 

Quando Thorlum provò a svolgere il suo mestiere, Winn'Ier glielo impedì con uno schiaffetto. Un gesto di per sé innocente, dettato dalla volontà di porre a freno qualunque ostilità in maniera decisa ma mascolina. Ma tanto bastò per scatenare un alterco fisico tra i due, che culminò in una colluttazione. Seline tentò di sedare sul nascere l'alterco, tramite il proprio potere telecinetico, con il risultato di bloccare il nano per il primo assalto del barbaro dei Fiordi che gli assestò una serie di manrovesci che avrebbero steso qualunque altro cristone. Le legnate che seguirono sollevò un polverone simile a una nube in miniatura in cui, di tanto in tanto, era possibile vedere un pugno, una gamba o una testa spuntare per un attimo, mentre i due se le davano di santa ragione.

x i diplomatici

Spoiler

 

Clint Diplomazia +45+1=46

Bjorn Diplomazia (sinergia) +3+7=10 FALLITO

 

Le accorate parole di Clint e Sharifa sulla nobiltà d'animo di Bjorn, oltre alla difesa esposta da Bjorn stesso, imputato di diverse accuse, oltre che la tenue difesa della Lady Comandante scaldarono gli animi dei presenti. Il fatto poi che Trull si fosse pubblicamente scusato per aver spinto verso il matrimonio Von Gebsatell-Ivarstill, non aiutò Trull, ciambellano, amico mio disse il principe Derbel Non devi giu--

Io sono la principessa di Firedrakes! strepitò Marie Antoinette, puntando i piedi Ciò che ordino deve essere eseguito! Subito! protestò

Una doverosa puntualizzazione, principessa fece eco Emercuryadar, per poi puntare il dito contro Clint Specialmente se a parlare è Clint Draconis, causa principale del grande scandalo che coinvolse suo marito con quella donnaccia di malaffare di Ariabel, che osò portarsi a letto quando ella era promessa al suo sovrano! specificò ad un volume che gli garantisse di essere udito dai presenti Io lo so, ero presente! E ho dovuto richiamarli al dovere per il bene della guerra!

Ma se Picco del Merlo e il clan Bronzopinta di Huruk-Rast continuarono a sostenere il regno di Arcoria, più numerosi furono coloro che sostennero la causa del kalashtar, a cominciare da Angelos Evankalos Bjorn ha salvato mia sorella da un vampiro, per poi contribuire a riportarla in vita. Non ho bisogno di sapere altro sull'animo di uno dei miei Guardiani del Mare! disse facendosi avanti O Glantria ha intenzione di dichiarare guerra a Isola del Delfino?

Non finchè io sono re! tuonò Augustus Mac-Tir Placate i vostri bollenti spiriti, tutti quanti. Soprattutto te, Marie! precisò, con uno sguardo di rimprovero verso la giovane regnante, che raddrizzò istintivamente la schiena.

Sorella, non hai autorità cercò di mediare il fratello della principessa, Luis Renard Non gettare imbarazzo sulla nostra famiglia!

Una famiglia potente, sebbene abbia anche figli debosciati del calibro vostro stuzzicò Emercuryadar Forse troppo distratti dalle questioni amorose come altre persone... disse, lo sguardo che dardeggiò su Celeste e Clint.

Ha combattuto con i miei uomini contro i bugbear della Regina, non è della sua pasta disse jarl Siggard, ottenendo l'assenso anche di jarl Fredrik. Il nord era con Bjorn.

Derbel mise una mano sulla spalla della moglie, la quale sembrò trattenere il respiro da quanto divenne rossa in viso di fronte a tale schieramento contro di lei E sia! Spero che sappia combattere anche per coloro che ha mandato via! Lascialo andare, Thorlum disse, mentre il nano veniva fatto rinvenire dolcemente dopo l'alterco con Winn'Ier (una colluttazione senz'armi si era rivelata fatale contro un Pugno della Foresta) Per ora aggiunse alla fine.

Giungerà il tempo della giustizia, principessa consolò Emercuryadar.

Dovrebbe giungere il tempo in cui magari deciderai di passare dieci minuti senza dire corbellerie disse Anzalisilvar, raggiungendo il centro di quella diatriba (MA MAMMA!! protestò piagnucolosamente il drago) la Protettrice del Nord osservò la folla, in gran parte ammutolita dalla sua presenza (Constantin Draconis si deterse la fronte, al cospetto di tanta draconicità), tale da catturare l'attenzione anche del Conte Bistefani, distolta per una volta dal cibo Non posso pretendere che i rancori tra di voi possano essere cancellati da un giorno all'altro iniziò, rivolgendosi a tutti quei leader Avete stretto alleanze più in fretta del dovuto, combinato anche matrimoni di interesse... e avete lottato contro i più grandi pericoli che minacciavano le vostre terre o quelle confinanti. Ciò che dovete ricordare è che questi problemi hanno una radice comune: i draghi cromatici.

Fuunharkaspirinon, che aveva preso le sembianze di un'elfa dai capelli dorati, proseguì Questa Xorvintaal sta richiedendo un prezzo esorbitante in vite, superiore a qualunque altro Grande Gioco si sia svolto a memoria di noi draghi. Mi permetto di parlare a nome dei miei compagni draghi quando dico che siamo addolorati di avervi costretto a una guerra che molti di voi non volevano la Cacciatrice di Demoni sospirò Il coinvolgimento dei demoni in parte di queste azioni ci ha messo in allarme, motivo per il quale diversi di noi hanno indagato. I nostri sospetti non si sono rivelati infondati, nel momento in cui abbiamo avuto modo di trovare delle conferme in tempi recentissimi. Per questo però dovrà parlare un'altra persona.

A farsi avanti fu Lucrecia Decanti, vestita di un lungo abito nero con cappuccio. La donna tossicchiò per poi prendere la parola Il mio nome è Lucrecia Decanti, un tempo membro di una rete spionistica nota come l'Ordine Sinaptico diversi presenti trattennero il fiato Sono stata di recente prigioniera di tale ordine, liberata solo grazie al coraggio di mia... Lucrecia strinse i denti ...Seline e dei suoi compagni dopo aver superato l'ostacolo personale, la Decanti parve ritrovare maggiore sicurezza nell'esporre il suo discorso In quel periodo ho ricevuto sovente le visite... Lucrecia fece una smorfia con la bocca Dell'ex maestro degli intrighi di Garnia, Mordecai Lacroix (Augustus Mac-Tir spalancò gli occhi e strinse i pugni Quel maledetto!) il quale cercò di strapparmi tutte le informazioni di cui disponevo. Sebbene al contempo io cercassi di fare altrettanto un'ombra di un sorriso balenò sul viso della madre di Seline.

Le informazioni raccolte, unite a quelle dei draghi, ci hanno dato un quadro leggermente più completo della situazione. A quanto pare, il culto di Tharizdun, per mezzo dell'Ordine Sinaptico, sta al momento aiutando attivamente Masato Ishibura e la sua causa, al fine di utilizzare un antico congegno, un artefatto trafugato su un piano da tempo dimenticato, noto come Nonachron, la cui popolazione si estinse a causa di una guerra con le proprie divinità Anzalisilvar annuì, non aggiungendo però nulla a ciò che la Decanti stava spiegando Non abbiamo molte informazioni sulla natura e gli scopi dell'artefatto, se non che esso si chiama Collettore e che dovrebbe avere la forma di un grande braciere un parlottìo si sollevò tra gli astanti, i quali iniziarono a discutere tra di loro sulle informazioni ricevute, costringendo Lucrecia a sollevare la voce Secondo le nostre teorie il culto intende utilizzare questo Collettore per qualche scopo nel corso della guerra, motivo per il quale vi invitiamo a informare i vostri comandanti sulla possibilità, nel caso incrociassero tale oggetto, di procedere con la massima cautela e di chiamare me o uno dei draghi immediatamente!

Augustus Mac-Tir fece un passo avanti, il brusìo che si abbassò in maniera palpabile Convengo sulle vostre nobili raccomandazioni, madamigella Decanti disse con educazione il sovrano di Garnia e della Lega di Ilitar Un aspetto che però non possiamo tralasciare, fondamentale per questa riunione, è però anche la verifica delle nostre forze in campo. Il nemico potrebbe anche non aver bisogno di usare altre armi, qualora egli disponesse già di più forze di noi il Duca di Acquastrino annuì mestamente E' giunto il momento di vedere se tutto questo tempo ci ha dato un vantaggio.

A turno, i vari comandanti si fecero avanti. Ogni numero non fu tralasciato, dal numero di spade portate dalla potente Arcoria all'ultimo goliath giunto per combattere, dal comando tattico offerto dai più esperti veterani dei Fiordi alle strategie di guerriglia supportate dai più carismatici gnoll della Savana. Lo Shogun Nichiya Kosuke fece portare dai suoi attendenti diversi manoscritti in cui erano stati riportati tutti gli appostamenti e i calcoli sui numeri a disposizione per Masato Ishibura e per l'eventuale assalto a Katori. L'Occidente era in grado di poter competere con l'Oriente?

Esercito del Continente Occidentale +87

Spoiler

 

Fiordi +15
 

Spoiler

 

Anzalisilvar la Protettrice del Nord +6

Spoiler

Riportata in vita dagli Eroi di Firedrakes, la Protettrice del Nord ha passato gli anni che hanno preceduto il conflitto per richiamare i suoi discendenti e riunire tutti gli alleati di cui disponesse. Pur priva del suo antico e favoloso tesoro, la dragonessa è stata in grado di inviare diversi mezzi-draghi d'argento nel Katai per supportare lo sforzo bellico.

Feudo di Folkwood +4

Spoiler

Navigatori esperti delle coste nordiche baciate dal Mare delle Meraviglie, gli uomini al servizio dello jarl Fredrik Bergthorsson hanno fatto del gioco di squadra la loro componente più forte. Pur portando scudi di legno in battaglia, essi hanno dimostrato come un muro di essi è capace di arginare anche la carica più spregiudicata dei samurai, prima di colpirli mostrando loro la furia del nord.

Feudo di Westmarch +4

Spoiler

Guidati in battaglia dallo jarl Siggard Jorulfsson, i berserker di Westmarch incarnano lo stereotipo di guerrieri dalla statura generosa, impavidi e pronti a tutto per la gloria e il Valhalla. I loro canti prima delle grandi battaglie sono diventati noti anche tra gli stranieri, così come i loro corni che risuonano prima che essi carichino il nemico impugnando pesanti armi a due mani, una visione terrificante per ogni nemico.

Feudo di Riverstein +4

Spoiler

Se si cerca uno jarl disposto a vincere una battaglia deve essere vinta ad ogni costo, jarl Borg Hrolfrsson è la persona giusta. I suoi uomini incarnano lo spirito astuto del loro leader, preferendo tattiche di guerriglia e logoramento, non disdegnando assedi per affamare il nemico prima di “perdere” carichi di cibo lasciandoli in mano nemica. Spesso però tale cibo si rivela avvelenato, riducendo il tempo che separa gli uomini di Riverstein dalla vittoria.

Diserzione di Riverstein -3

Spoiler

Scegliendo di ritirare le proprie truppe di stanza nel Katai, rifiutando la sfida lanciata da Bjorn Havardsson, jarl Borg Hrolfrsson ha minato le risorse a disposizione dell'esercito del nord. Il comportamento poco coraggioso dello jarl, comunque, ha scontentato molti dei guerrieri più adulti, di cui un drappello ha disertato per rimanere sotto la guida dello jarl Fredrik Bergthorsson.

 

Frondargentea +0

Spoiler

In assenza di un portavoce che potesse mediare necessità tra i bisogni di Glantria e quelli del regno elfico, Frondargentea ha siglato un trattato di neutralità con il Katai, dichiarandosi estranea a qualsiasi confronto tra le due parti.

Regno di Huruk-Rast +3

Spoiler

 

Clan Murodipietra +1

Spoiler

Guidati dal nuovo Re Dervagar Murodipietra, il clan ha ritrovato parte del suo antico splendore. Forte del proprio ruolo all'interno del regno, solo la crisi civile combattuta con i clan Schiacciagoblin, Dentedipietra e è stata in grado di limitare l'apporto di combattenti per la guerra contro il Katai.

Clan Forgiacciaio +1

Spoiler

Forte del suo nuovo capoclan Dalit, i Forgiacciaio sono stati in grado di riprendere l'attività usuale nella gestione della forgiatura. La differenza di produzione rispetto ai Dentedipietra si è subito fatta sentire, permettendo la riduzione del materiale di scarto con conseguente aumento del numero di armature disponibili per il confronto con le armate del Katai.

Clan Runastella +1

Spoiler

Ispirata dalle visioni che contraddistinguono il suo eccentrico modo di comportarsi, la capoclan Gerlana Runastella ha fornito alla causa comune il numero più ridotto di nani, ma la cui preparazione in fatto di incantesimi e magia runica è stata però tale da costituire un contributo unico. La protezione magica di diverse aree ha permesso il salvataggio di innumerevoli uomini che si sono uniti poi alle fila alleate.

Clan Bronzopinta +1

Spoiler

Sotto l'egida della capoclan Felda, e a seguito di un'accorta tattica attendista nel corso della formazione del nuovo governo, il clan Bronzopinta ha raggiunto la massima prosperità e molti saggi ed esperti opinionisti sono dell'idea che il clan otterrà in futuro la possibilità di eleggere una regina per Huruk-Rast. Che ciò avvenga o meno, i soldati scelti del clan si sono distinti per la loro coordinazione strategica in battaglia.

Clan Grossoferro +1

Spoiler

Divenuto capoclan a seguito della morte del padre, Hafban Grossoferro ha mantenuto la fedeltà ai patti sanciti dal proprio genitore. I migliori membri del clan Grossoferro sono stati inviati in supporto, riconoscibili per la generosa stazza che gli permette di muoversi con armature più pesanti della norma, dai movimenti lenti ma dalla innegabile resistenza negli scontri incentrati sulla mischia.

Senzacasta +1

Spoiler

Con il nuovo governo, i Senzacasta hanno trovato nuove occupazioni nell'ambito della minatura e come riservisti per l'esercito. Tramite un sistema di rotazione dei turni ideato e sviluppato nel corso dei nuovi lavori offerti alla comunità priva di clan, la produzione mineraria ha avuto un incremento del 5%, portando a un aumento nella produzione di armi per la guerra.

Guerra civile di Huruk-Rast -3

Spoiler

A seguito della ribellione innescata da Thorlum “Rovina di Huruk-Rast” Senzacasta, più di milletrecento nani sono caduti nella secessione che ha visto la fuga del clan Schiacciagoblin e il declino dei clan Dentedipietra e Martellonero.

 

Regno di Glantria +10

Spoiler

 

Marie Antoinette Ivarstill +1

Spoiler

Dopo il matrimonio con Derbel Von Gebsatell, la figlia di Jean-Philippe Ivarstill si è resa autrice di una svolta nella politica del regno di Garnia, inasprendo le pene e portando avanti una politica spietata contro gli stranieri dell'Oriente. Per quanto i suoi mezzi siano stati giudicati spesso poco morali, il suo operato ha portato una fama di timore che ha contribuito ad abbattere il morale degli uomini del Katai.

Adunanza dei Coscritti +2

Spoiler

Risorti su ordine del principe Derbel Von Gebsatell, e rinforzati dal Decreto Svuota Carceri Ivarstill, gli ex-condannati divenuti forza militare hanno dimostrato presto la loro efficacia sul campo di battaglia, guadagnandosi una tetra notorietà. Pur spesso accompagnati da racconti di saccheggi e stupri anche a seguito delle loro vittorie, i Coscritti sono diventati presto parte integrante delle forze di assalto

Esercito di Glantria +6

Spoiler

Nel corso degli anni che si sono susseguiti, i membri dell'esercito di Glantria hanno garantito rifornimenti continui presso le città ribelli al regime di Ishibura, fornendo supporto tattico sul campo e coordinando gli sgomberi dei villaggi più piccoli e meno difendibili. Primo esercito in assoluto a fornire assistenza, l'esercito di Glantria è divenuto una presenza nota nelle città ancora libere.

Ninfe di Lagocristallo +1

Spoiler

Forti della nuova generazione di ninfe nata dall'unione con alcuni degli Eroi di Firedrakes, e a seguito dell'alleanza e della rinnovata amicizia tra la Corona e la corte fatata di Lagocristallo, la signora delle ninfe Veldrada ha inviato un gruppo di spiritelli formato da pixie e satiri in azioni di infiltrazione e raccolta di informazioni cruciali nella conquista di obiettivi strategici.

 

Lega di Ilitar +47

Spoiler

 

Fuunharkaspirinon la Cacciatrice di Demoni +6

Spoiler

Incontrata nel corso di un viaggio planare, la Cacciatrice di Demoni ha dedicato il tempo a sua disposizione in una serrata lotta contro i culti demoniaci, con particolare dedizione al culto di Malcanthet e alla liberazione di coloro che erano stati tratti con l'inganno fino a Shendilavri. Operante principalmente fuori dal Piano Materiale, ella è tornata su Arth all'approssimarsi dello scontro in campo aperto per la liberazione del Katai.

Garnia +7

Spoiler

 

Augustus Mac-Tir +1

Spoiler

Pur non più giovane come un tempo, la presenza di Augustus Mac-Tir sul trono di Garnia ha garantito la massima coesione del regno anche dopo il tentato assassinio perpetrato dai membri della famiglia Mavrocordat. Il re, nel corso dei mesi, ha assicurato un costante arrivo di aiuti e sostegni, incoraggiando le famiglie nobili a richiamare ogni uomo per la battaglia che avrebbe potuto presto incombere sulle loro terre, se non affrontata subito.

Forza Militare di Garnia +6

Spoiler

Celebre per la sua lunga lista di successi nel corso della sua esistenza, la Forza Militare di Garnia è stata una delle prime ad essere inviata oltremare. Supportata dai membri della Lega degli Auleri, i soldati inviati dal re hanno svolto un ruolo fondamentale nella riconquista di Kirigashima, distinguendosi per i propri atti di coraggio

 

 

Arcoria +9
 

Spoiler

 

Guardie d'Oro +1

Spoiler

Membri d'elitè dell'esercito e protettori scelti della famiglia Ivarstill da sette generazioni, le Guardie d'Oro hanno garantito la sicurezza dei sovrani giunti nel Katai e, soprattutto, dei dignitari e degli ambasciatori ribelli del Katai, in modo da poter garantire una forza diplomatica maggiore nel tentativo di sollevare le genti contro lo shogun Masato Ishibura.

Fanteria di Arcoria +6

Spoiler

La lunga storia di successi della Fanteria di Arcoria si esprime nella ampia scelta di specializzazioni offerte grazie alle ricchezze del paese. Esperti di nautica, infiltrazione, combattimento all'arma bianca e rispettabili balestrieri sono tutte figure che sono state offerte, preparate nella teoria che ha trovato un rispettabile riscontro nella pratica delle battaglie in cui sono stati coinvolti.

Emercuryadar +2

Spoiler

Riportato in vita dalla contessa consorte Chandra Silverhand, l'ultimo figlio di Anzalisilvar ha partecipato attivamente alla guerra per la reconquista dei Fiordi, per poi servire come messaggero nella riunione dei numerosi discendenti della illustre madre, prima di sancire una personale alleanza con la famiglia Ivarstill di Arcoria, collaborando spesso con il loro consigliere militare Flurio Pascolari.

 

Acquastrino +7

Spoiler

 

Dragoni di Acquastrino +1

Spoiler

I Dragoni di Acquastrino, corpo militare in arcione dell'omonima regione, si sono distinti nel corso della battaglia che ha visto i popoli della Savana difendersi dalla dracolich Tyrigaryanthilax e dal drago rosso Sorvhaxiltrim, combattendo fianco a fianco con gli Eroi dell'Occidente. Inviati oltremare, la cavalleria ha potuto dimostrare il proprio valore anche sui prati del Katai, ottenendo diverse vittorie tattiche.

Reggimento Scaglioso di Acquastrino +6

Spoiler

Unico esercito della Lega di Ilitar in cui sono accettati i lucertoloidi, il Reggimento Scaglioso prende il nome proprio da questi coraggiosi volontari, che accettando di lottare per Acquastrino ottengono la cittadinanza e diritti pari a quelli dei cittadini nati all'interno del feudo, oltre a una paga per il servizio prestato. I diritti a disposizione hanno reso questo corpo militare uno dei più combattivi della Lega.

 

Picco del Merlo +5

Spoiler

 

Lance Cremisi +1

Spoiler

Esperti di combattimento su terreni scoscesi, le Lance Cremisi hanno messo a disposizione la loro esperienza e le loro doti di saltatori eccezionali nella riconquista di obiettivi strategici siti in colline o pendii montani. Laddove molte truppe hanno faticato per raggiungere le roccaforti più isolate, le Lance Cremisi giungevano per prime.

Truppe di Picco del Merlo +4

Spoiler

Per venire incontro alle richieste del re, l'addestramento dei membri delle Truppe di Picco del Merlo si è basato esclusivamente sul tiro con l'arco, arte adatta per qualunque novizio venisse richiamato alla leva. Il risultato è stato la nascita di un reparto di talentuosi arcieri in grado di difendere strenuamente qualunque postazione difensiva grazie ai propri archi lunghi.

 

Scogliera Argento +5

Spoiler

 

Scimitarre d'Argento+1

Spoiler

Dervisci cresciuti sulle coste investite dai venti del mare occidentale, le Scimitarre hanno portato la loro danza di morte fino all'altro capo del mondo. Pur fronteggiando i temuti samurai del drago, i membri d'elitè dell'esercito di Scogliera Argento si sono presto fatti un nome tra le truppe nemiche per le loro straordinarie doti nel combattimento con due armi.

Armata di Scogliera Argento +4

Spoiler

Ogni famiglia di Scogliera è stata chiamata ad offire un uomo o donna per la guerra nel Katai, una leva che ha permesso al pur modesto regno di fornire un numero elevato di soldati per l'addestramento prima dell'invio nella terra straniera. Pur non avendo molta esperienza, l'Armata di Scogliera Argento ha saputo trarre alcune utili vittorie grazie ai propri rispettabili numeri.

 

Brughioro +4
 

Spoiler

 

Sacri Liberatori +1

Spoiler

Corpo d'elitè formatosi con il benestare della famiglia Bistefani, i Sacri Liberatori hanno guidato varie squadre d'assalto contro il regime tirannico di Ishibura, forti del potere divino che gli ha concesso di poter sollevare intere piccole comunità e villaggi che venivano oppresse dalla dolorosa stretta fiscale e dai tributi richiesti per finanziare la guerra.

Milizia di Brughioro +3

Spoiler

Costituita in maggioranza da contadini richiamati alla leva, la Milizia di Brughioro ha svolto un ruolo principale nella difesa, presidiando con i propri uomini gli insediamenti più piccoli. Esperti nell'agricoltura, i membri della Milizia hanno potuto evitare di gravare sulle risorse alimentari aiutando di giorno i braccianti e innovando le loro tecniche con le loro conoscenze.

 

Isola del Delfino +4
 

Spoiler

 

Guardiani del Mare +1

Spoiler

Ordine di cavalieri scelto al servizio della famiglia Evankalos, i Guardiani del Mare spiccano come gli elementi più forti dell'esercito di Isola del Delfino, spesso impiegati in piccoli gruppi per missioni ad alto rischio. Sono famosi per l'approccio a missioni che coinvolgano l'infiltrazione in aree in cui vi sia presenza di laghi, fiumi o mari, sfruttati per coprire le proprie tracce prima e dopo l'ingresso in battaglia.

Legione di Isola del Delfino +3

Spoiler

Oltre che per la loro abbronzatura, i soldati nativi di Isola del Delfino hanno dimostrato una preparazione atletica alla guerra senza pari, abituati a corse per le numerose scalinate che collegano i piccoli villaggi e a continui tuffi dalle alte scogliere. Armati prevalentemente di lancia e scudo, la Legione ha dimostrato il suo valore nei conflitti che hanno avuto luogo sulle coste del Katai.

 

 

Colline Cremisi +2

Spoiler

 

Tribù di Kal-Dagar +1

Spoiler

Guidati dal loro capo-tribù Kothavio detto “Aquila del Sole”, i combattenti goliath delle Colline Cremisi si sono rivelati alcuni dei più letali combattenti delle forze alleati, ognuno dei propri membri forte come cinque uomini comuni. Spinti dallo spirito competitivo che contraddistingue la razza maculata, i goliath hanno saputo spronare i propri compagni d'arme ad eccezionali prodezze sul campo di battaglia.

Plathonirax il Super Protettore Guru +1

Spoiler

Convinto ad unirsi alle forze occidentali per mezzo della diplomazia di Clint Draconis, il drago di rame ha fornito supporto aereo in azioni di intelligente nel sud del Katai, facendo fruttare la sua taglia ridotta e la sua velocità aerea, l'unico fastidio provocato agli alleati tramite il suo ego e i suoi scherzi non sempre apprezzati dai compagni d'arme.

 

Savana +10

Spoiler

 

Unvarkerentilarhys +6

Spoiler

Soccorso nella Savana dopo la sua sconfitta ad opera di Sorvhaxiltrim Vento di Sangue, Unvarkerentilarhys ha ritrovato la voglia di vivere dopo aver assistito alla nascita dei propri ultimi nipoti e aver intrecciato una relazione con Sharifa Al-Rasul. Pur avendo raggiunto una veneranda età, il drago di ottone si è detto deciso a fare tutto il possibile per assicurare un futuro di pace per i propri discendenti, anche a costo della propria vita.

Impero dei lucertoloidi +1

Spoiler

Pur essendo solo l'ombra della gloria di un tempo, lo shayq Musaaid Al Rasul ha deciso di inviare tutti i lucertoloidi in grado di combattere. Anche se il loro allenamento si è spesso basato su armi basilari, i soldati scagliosi dell'Impero sono stati in grado di adattarsi in fretta alle zone più ostili del Katai, solitamente foriere delle progenie draconiche più pericolose e selvagge.

Tribù dell'Incisore +1

Spoiler

Il mago della fenice di giada Reksis l'Incisore è stato in grado, con la saggezza del sacerdote Ghnaarn a disposizione, di mantenere coesi i belligeranti gnoll e convogliare la loro sete di sangue sui samurai al servizio dello shogun Ishibura. Forte del sapere millenario, Reksis ha costituito un gruppo di elitè di gnoll che uniscono magia e combattimento, un'iniziativa volta a migliorare il futuro del suo popolo.

Orchi della Mazza Insanguinata +1

Spoiler

Ispirati dal suo insolito leader Oskrim Mazza Insanguinata, gli orchi hanno intrapreso un nuovo cammino volto a sfatare una volta per tutte la fama di selvaggi e barbari che era sovente loro attribuità. Il paladino di pelor ha personalmente guidato quella che è stata definita la prima crociata orchesca della storia, oltrepassando il mare per portare la fede dello Splendente in una terra oscurata dal male.

Villaggio dei felinidi +1

Spoiler

Pigramente destatisi per la guerra, i felinidi del villaggio gestito dal sindaco Dro'Arji hanno fornito il loro contributo alla guerra sotto forma di numerosi bastoni, bacchette ed equipaggiamenti magici di elevato valore, la cui origine non è stata specificata. Tra sbadigli e spallucce, essi hanno però costituito un rinforzo notevole alle artiglierie magiche, che hanno saputo sfruttare al meglio i doni ricevuti.

 

 

Esercito del Continente Orientale +80

Spoiler

 

Esercito di Masato Ishibura +50

Spoiler

Costituito da milizia di leva, soldati d'elitè e i samurai del drago, l'esercito del genio militare Masato Ishibura è stata in grado di diventare in pochi anni la forza militare più potente di tutta Arth. Cresciuta sulle ceneri dei feudi e dei regni sconfitti, i soldati al servizio dei draghi cromatici hanno dimostrato ampiamente il loro coraggio in battaglia, i risultati del loro rigoroso addestramento e una spietatezza senza precedenti contro nemici e prigionieri.

Ordine Sinaptico +3

Spoiler

Il misterioso Ordine Sinaptico, nonostante la caduta del loro quartier generale, ha fornito utili informazioni ai generali dell'esercito, mostrando il loro interesse nella vittoria dei soldati del Katai. Pur essendo solo un'ombra del potere che una volta possedevano, più di un comandante alleato è stato catturato dai sinistri servitore della cabala al servizio di Tharizdun.

Mura di Katori +14

Spoiler

Dal momento della conquista di Katori, i più grandi architetti e muratori sono stati chiamati a creare un'opera senza precedenti, la cinta muraria più spessa e solida della storia. Il risultato è stato raggiunto al costo di innumerevoli vite di schiavi, i quali sono riusciti però ad ergere le mura più invalicabili che siano mai state viste da occhio umano, una vera e propria barriera di pietra per difendere il cuore del regno di Ishibura

Xendharvelmiran +6

Spoiler

Considerato il drago più potente esistente su Arth, Xendharvelmiran ha raggiunto una triste fama anche grazie alla sua numerosa progenie, che vanta diversi rappresentanti nell'esercito dello shogun e anche tra gli Undici stessi. La sua partecipazione alla guerra è stata tuttavia limitata, preferendo inviare direttamente la sua prole a compiere la conquista di un intero continente.

Gargonthalaras +6

Spoiler

Lo Sterminatore di Elfi, a differenza di Xendharvelmiran, ha svolto un ruolo molto attivo nel corso della conquista e unificazione del Katai, rivelandosi fondamentale nella conquista di due feudi. Si dice che nessun essere vivente sia mai stato in grado di sopravvivere senza mezzi magici al suo soffio acido, un'esalazione che i bardi hanno definito capace di uccidere anche una divinità.

Ferrotitani +1

Spoiler

A seguito della distruzione della fabbrica costruita all'interno del Picco del Dolore, i pochi prototipi sopravvissuti sono stati fatti evacuare dal generale Velleri per riunirsi in fretta e furia alle truppe di stanza a Katori, tuttavia solo una minuscola parte di ciò che doveva rappresentare la più grande innovazione bellica della storia contemporanea, in assoluta esclusiva per il Katai.

 

Potremmo davvero farcela ammise Augustus Mac-Tir al termine di quel lungo studio, che prese diverse ore di tempo. Il sovrano guardò gli avventurieri Ciò che avete compiuto è stato incredibile! Ora capisco perchè tu, Golban, sia così tanto elogiato per il tuo valore da mia moglie riconobbe il sovrano al paladino di St.Cuthbert.

Gli jarl del nord diedero sonore pacche sulle spalle di Bjorn e Winn'Ier Questo è il valore del nord! al quale Siggard aggiunse Degno di un futuro jarl! riferendosi al kalashtar

Constantin Draconis strinse la mano ad Oceiros Sarai sempre amico della nostra famiglia, ufficiale Oceiros quindi mise una mano sulla spalla del nipote Il sangue dei nostri avi scorre forte in te, nipote mio. Oggi più che mai sono fiero di essere tuo zio... e anche tuo padre sarebbe stato orgoglioso di te!

Vedra Murodipietra diede un leggero pugno sul petto di Trull Non ti facevo tagliato per la politica. Ben fatto, roccia!

Unvarkerentilarhys si avvicinò discretamente a Sharifa per sussurrarle all'orecchio Una madre amorevole e una condottiera indomita. Vi sono pregi che tu non hai, meravigliosa Sharifa Al Rasul?

Lucrecia sorrise a Seline Sei... stata brava... la donna strinse i denti, per poi lasciarsi sfuggire un ...figlia mia.

Dro'Arji continuò a dormire.

Helgor Tagliarocce si complimentò con il cugino Sei stato parte di questa missione, Thorlum. Devi sicuro aver tenuto alto l'onore del tuo vecchio clan. Eccezionale!

Brava Celeste! esclamò il principe Derbel, abbracciando con calore l'elocatrice Sapevo che saresti stata eccezionale fin dal primo giorno che ti vidi! un rumore di nocche che scricchiolarono fu udibile a breve distanza. Marie Antoinette Ivarstill osservò l'albina con un'espressione molto simile a quella che avrebbe mostrato Thorlum nel trovarsi l'intero clan Schiacciagoblin a cena a casa sua.

Sì, sì, tutto molto toccante soggiunse Emercuryadar a quella visione Ma chi comanderà gli uomini? C'è tra di voi un generale che possa prendersi la briga di guidare il più grande esercito della storia?

Anzalisilvar guardò con sprezzo il figlio Se si trattasse di una guerra di sproloqui e lamentele saresti di certo il più decorato dei comandanti (MA MAMMA!! protestò piagnucolosamente il drago) ammettò però che quello zuccone di mio figlio ha ragione. Chi guiderà questo immenso esercito?

Un colpo di tosse anticipò le parole dello shogun Nichiya Kosuke Io non intendo farmi avanti per questo ruolo, tuttavia prima di lasciarvi a dicedere ciò dovrò rubare un attimo del vostro tempo per un rapporto che mi è giunto stamattina l'anziano sovrano sospirò, reggendo un pezzo di pergamena sporco di sangue Nel corso dell'assalto al Picco del Dolore i vostri compagni erano stati in grado di eliminare quattro membri degli Undici. Mi duole informarvi che fonti attendibili li hanno visti a Katori, pochi giorni dopo il vostro combattimento. Una fonte interna, che ha pagato molto caro la sua scoperta, ci ha informato che essi sono stati riportati in vita grazie ai poteri di un appartenente a quell'ordine di elitè, il sacerdote dell'infinito Kawashima Keitaro. Gli Undici, purtroppo, sono ancora tali.

Il silenzio cadde nella stanza.

x tutti

Spoiler

 

Checkpoint nella notte tra il 2 e il 3 ottobre per le azioni/interazioni/decisioni dei pg. I numeri forniti fungono da modificatore per le “truppe” a disposizione per la battaglia campale. Si consideri la presenza degli Undici sopperire a qualunque contributo complessivo fornibile dai pg.

Per semplicità di ricerca e confronto, il miglior generale a disposizione tra i png è Augustus Mac-Tir, il cui modificatore complessivo per i Battle Check (comprensivo dei bonus dei suoi generali) è di +4

 

 

  • Like 2
  • Sad 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clint Draconis

"Ed, allora, essi cadranno di nuovo.

Loro quattro cadranno di nuovo.

Insieme ai loro compagni. Dovessi io stesso rimetterci la vita, gli Undici cadranno tutti. E, con loro, capitolerà l'esercito di Ishibura, terminerà la Xorvintaal e collasserà ľOrdine Sinaptico!", Clint fece esplodere il proprio convincimento come una scintilla che appicca l'incendio ad una pira, i suoi occhi accesi di una luce antica come l'intera esistenza, rafforzata attraverso gli eoni e finalmente libera di ardere dentro e fuori di lui. Nella sua mente scorrevano le immagini di una vita, trascorse tra due esistenze, segnate e racchiuse da uno spartiacque ben definito, tutto teso a definire quel luogo e quel tempo. Tutto riassunto in quel momento. 

"Voi non dovere temere. Noi vinceremo. E voi tornerete alle vostre terre, più forti e salde di prima, rinate nella pace!

Noi vinceremo. 

Ed ogni sacrificio sarà ripagato, ogni dolore verrà cancellato. 

Noi vinceremo. 

Ogni stilla di sangue versato sarà linfa vitale per il nuovo mondo che creeremo, ogni battaglia costruirà un futuro che nemmeno vi immaginate. Trasformeremo le spade in zappe e forconi, le macchine da assedio in aratri e mulini. 

Noi saremo... voi sarete la linfa della terra che emergerà dalle ombre della guerra, campi sterminati da coltivare, raccolti da far germogliare crescere mietere, prati da pascolare e riempire di nuove case, boschi da rendere terreno di caccia, fiumi e mari inesplorati da navigare. 

Noi vinceremo. 

Noi. Vinceremo. 

Noi. 

Vinceremo. 

Noi...", Clint si interruppe, distogliendo lo sguardo dai volti dei potenti e dei loro fedeli, per abbracciare con gli occhi i suoi compagni, indicandoli tutti, nonostante le difficoltà i dolori i tradimenti, "noi vi abbiamo mostrato che niente è impossibile. Vi abbiamo mostrato che la speranza è racchiusa in ogni cosa.

Nella più piccola, e preziosa, cosa.

La più invisibile. La più immensa. Nell'amore, che ci lega tutti. E che ci fa piangere, disperare, dannare, ridere, urlare.

Vi abbiamo fatto vedere che, anche nei momenti peggiori, la soluzione esiste. 

Dentro i nostri cuori. 

Dentro i vostri cuori. 

Ridate alle vostre genti i loro sogni innocenti, i loro desideri quotidiani, le loro aspirazioni, grandi o piccole che siano. 

Restituite loro la fiducia che ripongono in voi, moltiplicata per tutte le volte in cui avete pensato di non farcela ed, alla fine, invece, avete trionfato...

E trionferete anche stavolta. Perché questa volta non potete permettervi di fallire. 

Non possiamo permetterci di fallire. 

E non falliremo.

Noi vinceremo. 

Andate dai vostri uomini e dalle vostre donne e diteglielo. 

Diteglielo mille e più volte.

Noi vinceremo".

 

 

Clint, infine,si scostò, fissando Trull: "Fatti avanti, Trull Tanner dei Forgiacciaio, Ciambellano di Firedrakes, ed esponi la tua proposta. 

Fatti avanti, amico mio. Fratello mio, dì ciò che il tuo cuore sente come giusto e doveroso, perché per me non esisterà onore più grande di questo, al mondo, nella battaglia finale" .

 

DM

Spoiler

Diplomazia +45.

 

Edited by Ghal Maraz
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tom Po

Nel momento di massima tensione Trull riportò la serenità tra quelle quattro mura.. e Clint titillò gli animi di tutti con un discorso che avrei pensato avrebbe potuto fare solo Chandra, e invece..

Quasi mi scappò un applauso, ma volli rimanere in silenzio. 
Non era il momento di rovinare il climax
 

  • Haha 1
  • Confused 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull Tanner

Il ciambellano che aveva parlato davanti a tutti torno' istantaneamente il nano imbranato che era un tempo, appena senti' di nuovo quel colpo sul petto, e gli effetti devastanti che ebbe sul proprio corpo. Eppure... quello 'era' un tempo, passato. Afferro' il polso di Vedra, senza stringere troppo ma con sicurezza, trattenendo per un secondo il suo pugno contro la propria armatura. "Non hai ancora visto tutti gli anelli della mia catena, Vedra. Un giorno mi piacera' mostrarteli. Quando tutto questo sara' un ricordo.". Abbasso' gli occhi, nascondendo l'imbarazzo che vi si sarebbe letto, cui era troppo aduso perche' riuscisse a cancellarlo dal proprio carattere, e con esso nascose tutto il resto.

Per sua fortuna, Clint inizio' un'esortazione solenne, degna del campo di battaglia che li attendeva, e allora fu su di lui, sull'amico della prima ora che appunto' il proprio sguardo. Dove erano arrivati, loro due? Dove sarebbero arrivati, ancora? Una battaglia che valeva le loro vite, e molto di piu'. Responsabilita' troppo grandi persino per un re. Trull fece semplicemente un passo avanti.

"Eccomi, amico e fratello. Rispondo alla tua chiamata, Clint Draconis, ma per una volta non e' la nostra amicizia a spingermi. Un'ultima battaglia deve essere fatta, e deve essere vinta. Gli shogi e gli scacchi lo insegnano, sacrifici, alleanze e strategie conducono la partita ad un unico punto, ed e' li' che ora siamo. Alla mossa decisiva, la scacchiera e' quasi pronta, il vantaggio nei pezzi acquisito. Serve un ultimo affondo, e questa volta non possiamo sbagliare. Niente pudori, niente sotterfugi. Sono qui e sono pronto ad assumermi l'onore e l'onere del comando, certo di poter contare sui miei compagni come valenti ufficiali: Bjorn, Clint. Certo che Lady Marie Antoinette Ivarstill e il Capitano Decanti mi lasceranno disporre di Thorlum come attendente di campo, al di la' delle reciproche diffidenze. Altrettanto certo che il valente Flurio accettera' di unirsi a noi nella catena del comando senza che debba chiederlo una seconda volta. Noi tutti risponderemo Presente, il giorno della battaglia, perche' coloro nel cui cuore albergava il dubbio sono gia' sulla via di casa. Perche' in verita' noi tutti rispondiamo ad una sola chiamata: quella dei popoli dell'Ovest e dell'Est, uniti!!! Per concludere questa guerra."

Spoiler

Trull dovrebbe avere:

10 [guerriero] +3 [altre classi] +1 [INT] +9 [comandante]= 23

Chiede ai guerrieri del gruppo ed anche a chi ha Autorità, che siano citati o meno, di fargli da ufficiale. Thorlum incluso, sebbene lo chiami 'attendente di campo'.

 

Edited by PietroD
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

Bjorn scosse la testa quando vide l'alterco tra Thorlum e Winn'ler: era fiero che il suo amico si fosse schierato a sua difesa, ma quello scenario era proprio ciò che voleva evitare. Alzò gli occhi al cielo quando sentì le parole di Seline, guardando poi con un sorriso quando i suoi alleati confermarono il loro parere sul suo conto. O almeno, non fu così per Emercuryadar, che parlò di giustizia dopo aver insultato Luis Renard per qualche ragione a lui ignota. Combatterò anche per mille uomini, se sarà necessario. Come ho sempre fatto, farò ogni cosa in mio potere affinché questa guerra possa finalmente terminare. Disse ribadendo la sua fedeltà alla causa davanti a Marie Antoniette.

Ascoltò con attenzione il resoconto sulle loro forze, sorridendo quando sentì la speranza pervadere i cuori dei loro alleati. Certo, provò un po' di amarezza quando sentì il riferimento di Re Augustus a Vixenia e della nostalgia quando sentì le parole rivolte da Unvarkerentilarhys a sua moglie, ma non poté che essere soddisfatto dallo spirito che sentiva in sala. Rivolse un cenno d'assenso a Jarl Fredrik, annuendo dopo le parole di Clint sugli Undici: la preoccupazione di Oceiros si era rivelata esatta, ma avrebbero potuto fare poco per opporsi ad un simile potere. Guardò quindi Trull con orgoglio quando venne nominato ufficiale, rispondendo con determinazione Sarà un onore aiutarti, amico mio. Mi affiderò ai pareri degli uomini più esperti nell'arte del comando e della strategia, ma potrai contare sul mio aiuto per guidare gli uomini sul campo. Concluse, osservando il resto dei regnanti per portare nuovamente alla luce l'argomento che gli stava a cuore. Abbiamo preparato ogni cosa per lo scontro: abbiamo informazioni sulle loro armi, una strategia abbozzata e un generale competente con dei valenti ufficiali. Ora, se mi permettete, dovremmo pensare al futuro del Katai: cosa avete pensato, a tal proposito? Non possiamo fargli pagare il costo dei crimini di Ishibura, dobbiamo creare un nuovo equilibrio per evitare che si torni nuovamente ad una situazione del genere. Disse lanciando lo spunto per quella problematica, guardando poi Emercuryadar Dopo dovremo parlare, Emercuryadar. Se non sei impegnato a portare giustizia da qualche parte, ovviamente. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Golban Brown Drowdson

L' arrivo della restante nobiltà del continente Occidentale sancì l'inizio della riunione. Golban si affretto cosi raggiungere gli altri, stavolta non voleva arrivare in ritardo! Tutte le su fatiche però furono vane al suo arrivo erano gia tutti presenti prima o poi devo fare un po di velocità, fare tutto questo fondo mi appesantisce pensò il paladino fra se e se prima di dare i dovuti saluti e riverenze ai presenti. Finalmente siamo tutti riuniti! i nostri sforzi non sono stati vani, è presente tutta la nobiltà Occidentale...adesso possiamo muovere l'ultima offensiva..è giunto il momento! Fu questo il primo pensiero del paladino prima che i presenti dessero voce ai loro pensieri. Se Golban si aspettava discussioni su come muovere guerra vero Ishibura, e come organizzare le forze per affrontare l'esercito nemico, ben presto si accorse di quanto si stesse sbagliando. Non riusci a trattenere lo stupore quando le prima parole emesse da quella riunione furono accuse senza senso e senza fondamenta verso Bjorn. Rimase poi di stucco quando venne "ordinato" il suo arresto per qualcosa di non chiaro Hanno perso il senno! Pensò il paladino notando come Thorlum decise di seguire gli ordini di una isterica Marie Antoniette. La situazione già assurda di per se crollo drasticamente quando scoppio la rissa fra Winn'ler e Thorlum. In tutta la sua vita Golban non aveva mai assistito a qualcosa di piu assurdo, perfino le risse in locanda avevano motivazioni migliori. Il paladino non ebbe tempo di intervenire, per fortuna, la presa di posizione di Trull e successivamente di Re Augustus Mac-Tir risistemo l'intera discussione. Annui quindi alle parole del Re all'ammonimento della Ivrastill adesso forse potremo discutere su come concludere questa guerra.... 

Finalmente il piccolo teatrino fu fermato e la riunione poté iniziare veramente. Il paladino ascoltò attentamente tutti gli interventi Questa guerra riguarda tutti..non siete stati voi a metterci in mezzo non vi preoccupate. Proteggere questo mondo è anche compito nostro disse in risposta alle parole di Fuunharkaspirinon alleviandolo dal peso che sembrava mostrare. Le parole della Decanti però richiamarono particolarmente l'attenzione del paladino dobbiamo stare attendi all'ordine Sinaptico..puo diventare una minaccia piu grande della stessa guerra... Se gia gli intenti dell'Ordine Sinaptico davano da pensare al paladino, la scoperta che i membri degli Undici uccisi a Picco del Dolore erano stati riportati in vita fu la ciliegina sulla torta. Comunque gli sforzi degli eroi non erano stati vani, dall'analisi delle forze in campo l'esercito dell' Occidente sembrava in leggero vantaggio in questa guerra. Questo porto varie ringraziamenti da parte dei presenti verso il gruppo di eroi, e con essere  arrivarono anche le congratulazioni di Re Augustus direttamente al paladino. Vixenia...pensò con sorriso dolce e malinconico allo stesso tempo La mia forza ed il mio spirito sono volti per porre fine a questa guerra, e non mi arrenderò finché non arriverà quel momento rispose facendo un inchino di riverenza. Non nomino Vixenia, il suo cuore era ancora accanto a lei, e quello che sarebbe uscito dalla sua bocca avrebbe potuto creare qualche problema.

Nel momento della decisione dei generali Golban annui alle parole ispirate di Clint, e confermo la decisione di mettere Trull a capo delle truppe Sono d'accordo con i miei compagni. Ho potuto vedere Trull non solo in battaglia ma anche al comando di eserciti. Nello scontro a Sud, nella Savana, Trull ha comandato le truppe contro l'esercito del Flagello Blu. Il suo comando è stato essenziale per poter raggiungere la vittoria. Posso assicurare che le sue capacità sono eccellenti, ed in oltre è un fidato e coraggioso guerriero. Penso che non ci sia persona piu adatta per questo compito tra noi. 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Ben ti sta! Faccia di culo! gridò Winn dopo aver messo al tappeto il nano ...qualcuno ha aperto una finestra? Mi sa che è entrato uno spiffero, ho avuto un brivido per tutto il corpo... disse alludendo allo spostamento d'aria provocato dallo scarso successo della Tiefling in fatto di magia.
Per il resto della serata Winn, se ne stette buono all'angolo, su uno sgabellino a fissare il muro, come gli aveva detto Trull Uffa però...

Rivelazioni e pensieri positivi per nulla ansiogeni (xGargamellor)

Spoiler

Winn'Ier raggiunse Gargamellor tra le truppe, ci aveva pensato su e si era reso conto che l'idea di questa battaglia finale lo spaventava e non poco: Gargamellor, ti volevo dire una cosa... Quando sono andato in missione, l'ultima volto, sono morto per la mia prima volta... Quindi mi sono detto... Se sono porto contro quattro tizi... In una battaglia enorme, potrei morire di nuovo! esclamò l'orso Quindi, ecco, prima di morire... Ti volevo chiedere... Ma chi sono i miei genitori veri? chiese l'orso curioso, senza lucciconi o voce tremante, Winn'Ier stava parlando di una delle cose più importanti della sua esistenza con tutta tranquillità.

 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seline

Lasciò che la lite proseguisse, riprendendo il proprio posto e lasciando che fossero gli altri a parlare. Gli occhi scarlatti si spostarono dalla lite tra Winnie e Thorlum, alle parole di Lucrecia, rilanciando un leggero sorriso in suo indirizzo e concentrandosi sulle sue parole e sulle sue spiegazioni. Non accennò molti movimenti o particolari sorrisi alle parole di Clint e Trull, trovando il tutto una teatralità inutile e priva di senso, facendole addirittura roteare un poco gli occhi per la noia, mentre un leggero sospiro fuoriusciva dalle sue labbra.  Tutto ciò che fece, in mezzo a quelle discussioni, fu il tentare di avvicinarsi alla madre per accogliere il suo complimento.
Sorrise in sua direzione.
Ho preso da mia madre.. Le tue informazioni ci saranno utili, vorrei abbracciarti.. Ma rispetto ancora il tuo problema. Magari possiamo parlare in privato più tardi?
Chiese semplicemente la tiefling per poi spostare lo sguardo in direzione di Celeste, mantenendo quel sorriso.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.