Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.
By Psyco

Retrospettiva: AD&D 1E Monster Manual

Il Manuale dei Mostri di AD&D è stato il primo manuale a copertina rigida per Dungeons & Dragons ed è stato un enorme passo avanti, sia per il gioco che per la TSR (l’editore originale di D&D – NdR). Nelle sue 112 pagine troviamo stipati oltre 350 mostri per il nuovo gioco “Advanced” Dungeons & Dragons, e la loro presentazione e il loro layout furono rivoluzionari.
La maggior parte dei giocatori oggi non ha idea di come i mostri venivano presentati nei manuali originali di D&D: sotto forma di lunghe tabelle e, nelle pagine seguenti, c’erano dei paragrafi che descrivono e spiegavano le forme speciali di combattimento che sfruttavano. Il Manuale dei Mostri ha cambiato questo approccio: ogni singolo mostro aveva ora le sue statistiche insieme alla sua descrizione e normalmente anche una illustrazione. Avere le immagini della maggior parte dei mostri fu un grande passo avanti rispetto ai manuali originali di D&D e ha aiutato molto sia DM che giocatori.
Questo manuale è stato “il primo” di tante cose che oggi diamo per scontate: il primo manuale a copertina rigida, il primo dedicato interamente ai mostri e il primo manuale di AD&D.
Se Eldritch Wizardry ci ha dato i demoni, il Manuale dei Mostri ci ha dato i diavoli e i Nove Inferi, i draghi metallici, i non morti più potenti e molti altri mostri. Inoltre ha aggiunto molte sottorazze agli elfi, nani ed halfling: Elfi dei Boschi, Acquatici, Mezzelfi e Drow; Nani delle Colline e delle Montagne; Halfling Alti e Tozzi. Quindi non solo più mostri, ma anche più dettagli sui quelli che già conoscevamo.

Copertine rispettivamente del: 1977, 1983, 2012
Le illustrazioni sono state fatte da David C. Sutherland III, David Trampier, Tom Wham e Jean Wells, con la copertina originale di Sutherland. Jeff Easley ha illustrato la copertina rivista alcuni anni dopo. Mentre la copertina originale non vincerà mai alcun premio per l'abilità tecnica, l'idea di mostrare le creature sia sopra il suolo che in un tunnel sotto terra è stata sicuramente un'idea eccellente – anche se ha dato agli addetti al layout della TSR un problema su dove mettere le scritte del prodotto!
Sutherland e Trampier hanno realizzato la maggior parte delle illustrazioni, ma la più memorabile per me è la vignetta di Tom Wham riguardante un gruppo di avventurieri che incontra una lince in un deserto innevato. È abbastanza in contrasto con il modo relativamente serio in cui quasi tutto il resto viene disegnato e descritto.

I mostri sono descritti in base a: N. per incontro (nelle terre selvagge), Frequenza, Classe armatura, Movimento, Dadi vita, % in Tana, Tipo di tesoro, Numero di attacchi, Danno/Attacco, Attacchi speciali, Difesa speciale, Resistenza magica, Intelligenza, Allineamento, Taglia e Capacità psioniche.
In teoria, la frequenza veniva utilizzata per determinare il loro numero sulle tabelle degli incontri casuali e sul terreno, ma non conosco molti che l’abbiano usata in quel modo. N. per incontro era un valore problematico, poiché raramente corrispondeva a qualcosa di utile: quanti se ne potevano incontrare in un dungeon sarebbe stato un valore decisamente più importante, ma quel valore si trovava nella GdDM. Lo scopo di % in Tana era per capire se (a) avevate incontrato il mostro nella sua tana in un incontro casuale nelle terre selvagge, e (b) vedere se aveva qualche tesoro.
C'è una certa propensione delle statistiche verso il rendere i mostri utili per un gioco nelle terre selvagge. È qualcosa che non ha avuto un grande utilizzo nei successivi supplementi di D&D, i quali tendevano ad essere ambientati in sotterranei o in luoghi più controllati, ma almeno l'opzione c’era per quelli che la volevano!
Gary Gygax ha tratto i mostri da Original D&D e dai suoi supplementi, dalle riviste (Dragon e Dungeon) e in parte ne ha creati di nuovi. Nella prefazione per l'ispirazione/creazione di nuovi mostri, infatti, ringrazia Steve Marsh, Erol Otus, Ernie Gygax e Terry Kuntz, anche se è improbabile che siano entrati inalterati nelle pagine del manuale: praticamente ogni mostro è stato cambiato nelle statistiche e nell’aspetto rispetto alla versione originale (se non altro perché il sistema AD&D, pur attingendo da Original D&D, era in realtà un nuovo sistema con parametri diversi).

Il nuovo AD&D, quando uscì il Manuale dei Mostri, non era ancora da considerarsi come “definitivo”. La cosa si evince anche da un fatto curioso: non c'è nessun mostro nel manuale con una CA di 10. In OD&D, una CA di 9 era considerata la peggiore (nessuna armatura). Nel Manuale del Giocatore di AD&D, Gygax ha aumentato questo valore a 10, ma la cosa non si riscontra nel Manuale dei Mostri, che è stato rilasciato, ricordiamolo, un anno prima del Manuale del Giocatore.
La filosofia alla base del design dei primi mostri di AD&D era semplice: mostri stimolanti da sfidare e con caratteristiche derivate dalle leggende. In effetti, la maggior parte dei mostri era semplice e in realtà possedeva solo valori di CA, DV, #AT e danno. Tuttavia, alcuni piccoli cambiamenti hanno avuto un grande impatto: un Gargoyle era una bestia abbastanza standard, ma il fatto che fosse necessaria un'arma +1 o migliore per ferirlo lo trasformò in un temibile nemico per i gruppi impreparati o di basso livello. I ghoul paralizzavano con un colpo le vittime, i wight avevano la spaventosa capacità di risucchiare i livelli. E visto che gli incantesimi per ripristinare quei livelli persi erano di alto livello e difficili da acquisire, questi non morti di basso livello diventarono un incubo per i giocatori.
I mostri che hanno ricevuto maggiore attenzione sono stati gli umanoidi – come orchi, goblin, coboldi – assieme ai pezzi grossi di D&D: demoni, diavoli e draghi. Questi ultimi tre avevano ciascuno una sezione descrittiva generica prima delle voci dei singoli mostri che componevano tale sezione. Ci sono alcune regole interessanti qui che chiariscono cose non descritte altrove. Ad esempio, "Tutti i diavoli possono dirigere i loro attacchi contro due o più avversari se ne hanno modo", un chiaro caso de "l'eccezione che conferma la regola" visto che implica il fatto che normalmente un mostro non possa dividere i propri attacchi contro più avversari. Molti dei demoni e diavoli più potenti avevano la possibilità di lanciare incantesimi, con vari incantesimi di esempio. I draghi avevano una probabilità di poter parlare e lanciare incantesimi – oltre a poter essere scoperti mentre dormivano nelle loro tane e a poter quindi usare attacchi non letali su di loro (il che dava adito alla possibilità di rivenderli in seguito!)

Il Manuale dei Mostri di AD&D presenta un'omissione importante: i PE e il livello dei mostri. Questi valori verranno forniti – talvolta in modo abbastanza impreciso – in una tabella riassuntiva nella GdDM. Soltanto nei successivi manuali dei mostri di AD&D verranno inclusi questi valori. Quindi non c'erano all'epoca regole rigide e veloci per determinare una sfida corretta per un gruppo di avventurieri di un certo livello. La GdDM dava alcune linee guida, che spesso non funzionavano. Il modo migliore per giudicare la difficoltà di un incontro era dato dall'esperienza acquisita durante il gioco. La cosa all’epoca non mi disturbava; ci sarebbero volute le successive edizioni per farmi comprendere l'utilità di un Grado di Sfida – specialmente con molti nuovi mostri mai usati prima.
La resistenza alla magia era uno di quei valori che, per la sua poca chiarezza, causava molte discussioni. La percentuale di base (quella indicata) era riferita ad un utilizzatore di magia di 11° livello; questo valore veniva incrementato o decrementato del 5% per ogni livello di differenza dell’attaccante. È una regola piuttosto goffa che per fortuna AD&D 2E ha reso una percentuale secca.
Nonostante questi difetti, la qualità del manuale non ne risente. I piccoli problemi riscontrati non adombrano le novità che ha introdotto e la natura generalmente poco complessa dei mostri è apprezzabile. Questo non vuol dire che i mostri di D&D non possano diventare complessi, ma gestire un Orco in AD&D è sicuramente una cosa semplice e ha portato a partite emozionanti.
Questo Manuale dei Mostri certamente non vi travolge con i dettagli: il Doppleganger ha solo poche righe di descrizione e non ha nulla sul suo habitat e sulla sua società, ma già solo la sua capacità di mutare forma racchiude in sé i semi per un’avventura. E poiché la maggior parte dei mostri presenti deriva dalla mitologia, i giocatori già si potevano fare un'idea e immaginarsi di cosa si trattava (o potevano in ogni caso scoprire facilmente altri dettagli).

Alla fine, il Manuale dei Mostri è stato un lavoro eccezionale, facendo ciò che era necessario per permettere ai Dungeon Master di gestire al meglio il gioco. Le versioni successive avranno sicuramente fornito diversi livelli di complessità e dettaglio, ma sono ancora colpito da quanto sia eccellente il materiale fornito da questo manuale. È stato sicuramente il punto di partenza di molte avventure memorabili della mia giovinezza. Sfogliando una delle mie copie fisiche o sfogliando il PDF, provo lo stesso senso di meraviglia che ho provato 40 anni fa.
Articolo tratto da:
https://rpggeek.com/thread/711001/talking-lynx
http://theotherside.timsbrannan.com/2019/11/monstrous-monday-review-monster-manual.html

Questo manuale è disponibile in PDF sul sito DMGuild.com
Read more...

Andamento finanziario dei principali GdR dal 2004 ad oggi

Articolo di Morrus del 06 Febbraio
Ho creato un foglio di calcolo con tutte le valutazioni di ICv2 dal 2004 ad oggi, dopodiche le ho trasformato in un grafico. Lo potete trovare qui sotto e potete cliccarci sopra per ingrandirla.

Questo è un conteggio totale (inverso) delle valutazioni negli ultimi 15 anni per ogni GdR elencato. Più è alto meglio è:

Link all'articolo originale: https://www.enworld.org/threads/chart-of-icv2-rankings-back-to-2004.670122/
Read more...

5 Indizi Inquietanti

Articolo di J.R Zambrano del 03 Febbraio
Uno degli strumenti più utili tra quelli disponibili ad un DM è un indizio inquietante. Può essere una frase criptica, una predizione vagamente minacciosa, un frammento di una lettera che parla di qualcosa di negativo che è appena successo o che sta per succedere. Non è così importante quale forma prenda: un indizio inquietante serve a dare un tono, a mettere in allarme i giocatori e far pensare loro che "qualcosa" sta per succedere.

Ma potete ottenere tutti questi benefici senza che ci sia davvero qualcosa che sta per succedere. Tutto quello che vi serve è pensare ad un indizio inquietante e vago a sufficienza perché scateni l'immaginazione dei vostri giocatori. Se riuscite a farlo allora, così come è successo ad un terrorizzato Dr. Ray Stantz sul tetto di un edificio abbandonato a New York, anche i vostri giocatori sceglieranno la forma del destino che li attende. Tutto quello che dovete fare è ascoltare ciò che si dicono e poi evocare una visione dei loro terrori.

Tutto quello che dovete fare voi è trovare qualcosa che li faccia parlare. Dopo di che vi basterà fare in modo che ciò che succederà in futuro nel vostro gioco sia ciò a cui questi indizi inquietanti alludevano. I vostri giocatori non devono sapere che state collegando le due cose retroattivamente, tutto quello che gli interessa è una coerenza a seguire. Detto questo ecco cinque possibili indizi di esempio.
Le stelle sono (quasi) allineate

Nulla mette in agitazione i giocatori come il sapere che qualcosa sta per succedere ai loro personaggi. Mentre i PG esplorano un'antica biblioteca, una torre abbandonata di un mago o un altro luogo dove viene custodita dell'antica conoscenza, fate trovare loro un frammento di una mappa stellare (o un antico, ma ancora funzionante, planetario) che mostra l'avvicinarsi di una particolare congiunzione celeste. L'allinearsi di varie stelle in cielo è un chiaro indizio di una portentosa magia in arrivo. Delle domande da far sorgere nei giocatori includono: cosa pensate succederà quando le stelle si allineeranno? Dove è finito questo culto misterioso? Cos'è un planetario?
Il bersaglio dell'assassino

Un altro modo per far presagire un potenziale pericolo è far scoprire ai PG una nota che indica il bersaglio di un assassino. Potrebbe essere un poster da ricercati, una taglia ufficiale o anche semplicemente i frammenti strappati di una lettera che rivela che qualcuno vuole un certo bersaglio morto. Potrebbe essere un ottimo indizio da nascondere nella tana di un nemico oppure addosso a dei furfanti casuali che i giocatori potrebbero incontrare. Uno di loro potrebbe avere addosso una lettera destinata ad un assassino non meglio specificato, che i PG potrebbero trovare quando lo sconfiggono in combattimento. E ora devono scoprire chi è questo assassino per poterlo ostacolare.
Il potente rituale

Un cugino stretto della profezia celeste di cui sopra. Fate in modo che i vostri giocatori scoprano dei segni legati ad un antico rituale magico. Magari potrebbero scoprire i risultati devastanti che ha provocato in un edificio in rovina che stanno esplorando. O magari in un dungeon potrebbero trovare una stanza con una porta pesantemente rinforzata, pensata per tenere qualcosa bloccato al proprio interno, con segni di esplosioni magiche o di enormi unghiate sparse per la stanza. Abbastanza dettagli da poter far intendere loro che "qualsiasi cosa faccia questo rituale è male", di modo che vogliano trovare e fermare chi lo sta cercando di portare a compimento.
L'idolo parlante

Immagine del finale di American Idol XIV tratta da Kevork Djansezian/Getty Images
Questo più che un indizio inquietante è un oggetto inquietante, qualcosa che era parte di un tesoro e che segretamente sussurra oscure parole ai membri del gruppo. O ancora dei resoconti che parlano di un potente artefatto nascosto in una polverosa biblioteca e che suggeriscano il fatto che questa reliquia sia in attesa che delle specifiche condizioni si verifichino per potersi attivare.
La mappa

Per finire, se state cercando un indizio inquietante potreste far trovare ai PG una mappa di un luogo a loro ben conosciuto. Magari una piazza pubblica o il palazzo del re o la taverna dove sono soliti mangiare con gusto. A prescindere dal luogo, questa particolare mappa mostra alcuni dettagli di quest'ultimo cerchiati. Cosa significano questi circoli? Qualcuno sta progettando qualcosa?
Buone Avventure!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/02/dd-five-ominous-clues.html
Read more...

5 Modi per Rendere più Memorabile una Spada +1

Articolo di J.R.Zambrano del 31 Gennaio
I tesori sono importanti all'interno di una campagna di D&D. Qualunque sia il vostro stile di gioco, è innegabile che parte "dell'anima" di D&D sia proprio la ricerca di antiche rovine e la scoperta di strane reliquie o tesori delle epoche andate. E' l'ispirazione alla base del gioco stesso. Le storie fantasy sono piene di anelli magici e spade incantate da cui il vostro DM potrà prendere a piene mani la sera prima della sessione, sperando che non abbiate letto lo stesso libro e che, una volta trasposte in D&D, sembrino: 
Mentre il drago cade al suolo sconfitto, la luce si posa sul suo tesoro. L'oro brilla sotto al sole e notate una spada riccamente decorata con un'elsa ingioiellata....che vi darà +1 a tiri per colpire e ai danni.
E' la natura stessa della spada a rendervi migliori a combattere. E' un potenziamento, certo, ma non sembra veramente tale. Soprattutto in un gioco dove il suo unico effetto è quello di aumentare lievemente i bonus che usate più spesso. Nell'oscura epoca della 3° edizione, i personaggi erano spesso pieno di oggetti magici e sembravano degli alberi di Natale dopo ogni individuazione del magico, ed era un effetto voluto. Non potevate veramente durare a lungo se non avevate una spada +3 o, come minimo, una spada fiammeggiante dell'esplosione gelida +2 in aggiunta alla vostra armatura della fortificazione +3, il vostro scudo dell'attrazione delle frecce +2 e un ulteriore bonus fornito dal vostro mantello o dal vostro anello di protezione.

La 5E è molto meglio sotto questo aspetto. Una delle migliori creazioni della WotC è la Bounded Accuracy. Ora non avete bisogno di svariati +1 per rimanere competitivi con i mostri del vostro livello di potere e penso che il gioco sia migliorato. Un +1 è diventato una rarità e, di conseguenza, molto importante, ma rimane comunque deludente. E' un piccolo aumento, indipendentemente dal tetto massimo raggiungibile, ma non potete giocarvela sul fatto che, altrimenti, la spada non avrebbe colpito ogni volta che raggiungete la CA nemica.
Quanto spesso potrà succedere? E per quanto potrete ricordarvelo? Il punto non è che le spade +1 siano negative, sono un grosso potenziamento in D&D 5E. Ma penso che l'idea sia diventata talmente comune e attesa che non la si noti più. Cambiamo la cosa. Ecco cinque modi per rendere persino il ritrovamento di una spada +1 un evento nella vostra campagna.
Bella storia, amico

La spada ha una storia o un'origine unica? Potreste rendere una spada +1 parte del vostro mondo fornendogli una storia specifica. E' stata creata dagli elfi e, come Pungolo, risplende di blu ogni volta che gli orchi sono vicini? Ma ci sono altre domande che potreste farvi sulla storia della spada: chi l'abbia fatta, perché sia stata fatta, chi l'abbia usata, con cosa è stata fatta... Pensare ad una storia fornisce ai giocatori delle informazioni divertenti da scoprire e potrebbe rendere la spada più interessante.

Chiunque può immaginarsi una spada che fa un suono metallico quando viene estratta, ma se fosse una spada +1 forgiata dalle ombre della Coltre Oscura? O se fosse stata creata con dell'acciaio meteorico? E' decisamente differente. Si tratta forse dell'osso di un demone, forgiato in tempi antichi da un ordine di paladini per combattere il male? O forse questa è stata creata con dei riti blasfemi da un culto demoniaco ed ora è nelle vostre mani. Pensate a come la spada si inserisca nel mondo.
Allargate il mondo

Prendete quest'ultima frase e pensateci a fondo. Pensate a chi l'abbia creata e per quale ragione. Quale significato ha oggi se apparteneva ad un regno umano ormai decaduto? Forse la spada serve ad aprire un'antica serratura. Prendendo a piene mani dal nuovo She-Ra, forse questa spada +1 è la chiave per raggiungere dei luoghi di antico potere o per superare porte che altrimenti rimarrebbero chiuse.
Fiat Lux

E luce fu. O qualche altro effetto minore. Nella DMG c'è una lista di proprietà magiche minori che potrete prendere in prestito (o modificare) e che forniscono alla vostra spada un po' più del suo umile +1. Potrebbe emettere luce intensa in un raggio di 3 metri, puntare sempre verso il nord o, forse, chiunque la impugni è in grado di parlare un linguaggio, come l'antica lingua degli umani, che vi farà accedere ai luoghi di potere di cui parlavamo prima.
Questa non è solamente una spada, è un simbolo

Per aggiungere ulteriori dettagli, provate a pensare a quale status sociale è legato a questo oggetto. Una spada +1 può avere un significato molto più profondo se è un simbolo d'onore donato dal re ai più coraggiosi servitori della nazione. Il personaggio potrebbe ottenere così dei diritti speciali o dei privilegi. Forse mostrare la spada gli permetterà di ottenere uno sconto con i mercanti, ottenere dei passaggi gratuiti in nave o carrozza o di portare le armi in aree normalmente limitate all'accesso. Oppure non subire conseguenze per l'omicidio di un "nemico della corona".
Non siete gli unici che la desiderano

Il valore è determinato da quanto qualcuno è disposto a pagare per qualcosa, stando ad una scena di Silicon Valley (che, a mio parere, è un documentario sull'economia). Tenendo questo a mente, uno dei migliori metodi per rendere una spada magica più interessante è quello di inserire qualcun altro che la desideri. Forse è un cacciatore di taglie o un famoso guerriero in cerca dell'oggetto magico che avete tra le vostre mani. Qualunque sia la ragione, inserite un po' di conflitto e avrete fatto tutto nella maniera corretta.
Buone avventure!
Link all'articolo originale:  https://www.belloflostsouls.net/2020/01/dd-five-ways-to-make-a-1-sword-memorable.html
Read more...

Patrono, Warlock e Relazioni: Una Guida a Potere Arcano e Responsabilità

Articolo di J.R. Zambrano del 14 Gennaio
Sappiamo tutti che i Warlock ricevono il loro potere arcano da un patrono mistico, talvolta sinistro. Ma che aspetto ha questa relazione?
Che abbiano fatto un patto con un immondo, siano riusciti a stringere un accordo con un essere fatato conservando la libertà, o abbiano stretto un vincolo con entità più esoteriche come un antico abominio o un magico unicorno che dona potere celestiale, i Warlock hanno un vasto numero di opzioni a loro disposizione per quel che riguarda i potenziali patroni. Eccetto per i Warlock Hexblade che, anche volendo provare a modificare il proprio patrono perche appaia come qualcos'altro, stanno comunque vendendo la propria anima ad una spada magica sotto mentite spoglie. E neanche delle buone mentite spoglie.

Ma qualunque sia il suo patrono, la relazione di un Warlock con esso è di sicuro intensa e personale. Ecco alcune cose che potete provare per creare una relazione personale e profonda.

Per prima cosa, bisogna considerare l'obiettivo superficiale della relazione. Alla fine è un accordo che il Warlock ha stretto con questo essere, il prezzo del potere diciamo. Il vostro personaggio ha mantenuto la sua parte dell'accordo? O sembra che il personaggio ne debba ancora pagare il prezzo? Lo status dell'accordo iniziale è un aspetto del personaggio che può generare future avventure. Il Grande Antico fa una richiesta o fa impazzire il Warlock, uno degli Immondi si impossessa della sua anima, etc. Ma la cosa interessante è che quel potere, una volta dato, non può essere preso indietro.
E presumibilmente c'è una possibilità per il Warlock di sottrarsi a quell'accordo, o di imbrogliare il patrono, il che mi fa pensare ad un personaggio con il background Ciarlatano che abbia barattato la sua anima, ma che stia cercando in tutti i modi di battere in astuzia il suo patrono Immondo. O che magari si sia sottratto da quell'accordo e ora sia inseguito da sgherri infernali ad ogni passo.
O potrebbe essere un grande spunto di trama: Il Grande Antico, o l'Immondo o persino il Signore Fatato, si impossessano del personaggio mentre "dorme" durante la notte. O ancora potrebbe essere una buona giustificazione per farsi tirare fuori dai guai all'ultimo minuto, dopotutto il vostro patrono deve proteggere il suo investimento. Il che è sia rincuorante che terrificante.

Il punto è che (il Patrono) è una parte del background del vostro personaggio che potete usare per arricchire la storia personale del vostro Warlock tanto quanto il posto da dove viene.
Pensate a com'è la loro relazione con il potere e guardatevi questo video (un dettaglio secondario di interesse in questo video è che un chierico può apertamente voltare le spalle alla sua divinità e mantenere la sua magia Divina. Adoro come questa piccola notizia bomba sia nascosta in un video sul Warlock.)
Anche quello potrebbe creare una storia interessante. Ma siamo qui per parlare di relazioni e la Guida Omnicomprensiva di Xanathar contiene delle idee su come approfondire la relazione tra Warlock e Patrono.
L'Atteggiamento del Patrono

Il mio atteggiamento è: "devi sempre essere disposto a dare una mano ..."
Una buona relazione è una strada a doppio senso e tiene da conto i sentimenti di ciascuno.
E questo significa considerare come il vostro patrono si senta riguardo a voi. È gentile? Ha aiutato voi o le persone a voi care? È capriccioso, affabile un momento e minaccioso il momento dopo (come certi esseri fatati)? Vede tutto ciò come una chance di poter ancora agire sul mondo, anche se attraverso di voi? Ha avuto più vantaggi di voi nel vostro patto? Vi ha lasciato prendere da soli la vostra strada e le vostre decisioni personali, ma più diventate potenti più vi rendete conto che un giorno ne chiederà il conto?
Termini Speciali del Patto

A cosa, esattamente, avete acconsentito? Una buona relazione si basa su delle aspettative chiare: a prescindere da cosa vi aspettiate dall'altra persona, è importante che sappiate entrambi quali siano quelle aspettative. La stessa cosa vale per le condizioni del vostro patto. Dovete, occasionalmente, eliminare un nemico del vostro patrono? O riguarda più delle restrizioni che vi sono state imposte? Niente alcol o cose così? È qualcosa di più sinistro, come incidere il nome del vostro patrono sui muri? O sono condizioni più strane, come non indossare mai lo stesso abito due volte o dire costantemente il suo nome quando invocate il suo potere?
Marchio Vincolante

Qual è il marchio, se ce n'è uno, che il vostro personaggio porta per dimostrare di avere un patto arcano con un essere dagli indicibili poteri? Lo nasconde? Lo porta con orgoglio?
Gli esempi includono l'avere uno dei vostri occhi simile a quelli occhi del patrono, il che potrebbe essere sexy alla David Bowie o che potrebbe voler dire avere un brutto caso di occhio alla Cthulhu. O trovare una piccola imperfezione sul volto ogni volta che vi svegliate, solo che ogni volta è in una posizione diversa. Magari sembrate soffrire di qualche malattia, nonostante non risentiate di alcun sintomo (molto Lovecraftiano). O magari apparite solo strani.
In ogni caso, il patrono del Warlock può essere un ottimo strumento per sviluppare il personaggio e infilarvi entrambi dentro in (o tirarvi fuori da) molte brutte situazioni. Quindi la prossima volta che state considerando di fare un Warlock o che cercate di metterne alla prova uno, pensate al suo Patrono. È un'eccellente relazione su cui fare affidamento, perché il Warlock ha definitivamente bisogno di esso come via facile per avere i suoi poteri.
Avete un Patrono preferito o un aggancio per una trama che lo riguarda? Fatecelo sapere nei commenti!
Link all'articolo originale: https://www.belloflostsouls.net/2020/01/dd-patrons-warlocks-and-relationships-a-guide-to-eldritch-power-and-responsibility.html
Read more...
Bomba

Capitolo Venticinque – La scommessa di un traditore

Recommended Posts

Trull Tanner

Rimanere sterile non era il premio per la riuscita della missione che si aspettava, ma in quel momento era l'ultimo dei problemi. Avevano portato il generale a Firedrakes, ma dovevano anche impedire che venissero a riprenderselo, o che egli stesso se ne andasse. Occorreva l'incantesimo che tante volte aveva compiuto Liang quando chiamava i suoi aiutanti magici.

“Lui è il generale Yodogawa, qualcuno informi i reali del successo della missione. Generale, io sono Trull Tanner Dei Forgiacciaio, Cavaliere e Ciambellano di Firedrakes. Mi perdoni la scortesia per quanto richiederò.”

Si rivolse ai chierici del tempio di Boccob.

“Diversi di noi hanno necessità di cure, ma in primo luogo qualcuno lanci una Ancora Dimensionale sul Generale. Dobbiamo evitare che ci venga sottratto tramite teletrasporto, in modo analogo a come noi l'abbiamo prelevato dalle sue terre.”

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (lizardfolk stregona)

La lucertoloide fece un inchino al generale "Sharifa Al Rasul, ambasciatrice della Savana, alleata di Firedrakes. Lieta di fare la vostra conoscenza" 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Golban Brown Drowdson

Il tentativo di Chandra risultò efficace, riusci a prendere secondi essenziali per attivare la pergamena di teletrasporto. In un batter d'occhio il gruppo riusci a recuperare il generale e portarsi in salvo. Il nemico non era stato sconfitto ma la missione era stata portata a termine questa battaglia è solo rimandata..pensò il paladino scomparendo nel teletrasporto. Come Golban riapri gli occhi capì subito di essere arrivato al tempio di Boccob a Firedrakes e guardandosi attorno vide che nessuno era rimasto indietro. Mi scuso per questa irruenta entrata, intervenne verso l'alchimista il mio nome è Golban Brown Drowdson dei Sacri Liberatori di St. Cuthbert. Avremo urgenza di andare a palazzo. Una carrozza venne immediatamente chiamata per il gruppo di eroi. Golban fissò il generale per poi rispondere Io sono Golban Brown Drowdson dei Sacri Liberatori di St. Cuthbert. Non conosco le sue vere intenzioni generale Yodogawa, ma le posso garantire che se non fosse indispensabile come sembra essere avrebbe gia pagato il conto per i suoi crimini. Non riusciva a nascondere lo sdegno verso quello che aveva percepito nell'animo del kataiano Adesso dobbiamo portarla a palazzo, parlerà direttamente con loro. Concluse perentoriamente senza dare possibilità di risposta al generale, incamminandosi verso la carrozza, incitando il generale a procedere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

L'incantesimo funzionò, nonostante gli impedimenti messi in atto dal loro nemico, ed arrivarono a destinazione... Nel laboratorio di Cendrine, un'alchimista del tempio di Boccob che aveva sentito nominare dai suoi compagni. Alzò un ciglio sentendo le sue preoccupazioni, evitando quindi di annusare il composto sparso sul suolo. Tutto bene, madama. Solamente qualche graffio. Disse alla donna, cercando di scortare il generale verso un luogo più tranquillo dove poter condurre un interrogatorio preliminare. Speranza vana: i fedeli del tempio li bombardarono di domande, sfogando ogni genere di curiosità. Scusateci, ma abbiamo fretta. Siamo ancora in missione per conto della corona. Saremo lieti di soddisfare le vostre domande in un secondo momento. Concluse con tutta la gentilezza che riusciva a trovare, riuscendo quindi a portare il generale in un luogo più isolato. Bjorn Havardsson, guerriero dei Fiordi che ha offerto la sua lama allo jarl di Firedrakes.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Il teletrasporto strappò Winn al suo destino... alla sua battaglia, guardò Higuma intristito dal mancato combattimento... Erano molto simili, loro due, in fondo.
Tranquillo Higuma! Tornerò! Faremo lo SCONTRO! ruggì Winn per poi scomparire.
L'arrivo a Firedrakes fu inaspettato, gli eroi si ritrovarono nella stanza di un'alchimista... una bella alchimista!
Alle parole della donna si strinse il naso Ma tranquilla, lascia che ti aiuti... disse sperando che l'alchimista potesse concludere la sua frase con il proprio nome.
Purtroppo non ebbe tempo di attaccare bottone che venne sbattuto fuori.
Winn, all'interno della carrozza, decise di aprire le danze.
Allora, qui siamo noi a fare le domande! Capito?! 1) Sono davvero così forti gli undici? 2) Chi erano quei due? 3) Higuma è come me? Si sa trasformare? 5) E' una lucertola mezza orso o un'orso mezzo lucertola? poi, Winn, squadrò il Kataiano: un'espressione assassina e intimidatorio a 2 centimetri dal suo viso 10) Che unguento usi per un'acconciatura così perfetta? Se mi rispondi, FORSE, saprai come mi chiamo! disse l'orso per poi voltarsi verso gli altri e farli l'occhiolino.

L'interrogatorio procedeva perfettamente, proprio come quelli spettacoli investigativi con il bollino rosso che Winn guardava di nascosto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

Yodogawa inarcò un sopracciglio Le vostre forze richiedono che perfino i vostri ministri combattano? domandò una volta udito il rango che Trull aveva a palazzo. Rivolse appena un cenno del capo alla presentazione di Sharifa, l'espressione supponente mentre il ciambellano dava i suoi ordini. Non fu per egli difficile procurarsi l'incantesimo, che venne lanciato da uno dei vescovi tramite una pergamena Che tenevamo per la prossima festa dei soci ammise. Il generale ascoltò le presentazioni dei restanti avventurieri, riserbando un sorriso beffardo a Golban Dunque facciamo in modo di soddisfare la curiosità dei vostri regnanti disse.

L'arrivo delle carrozze reali fu il segnale della partenza in direzione del palazzo dei Von Gebsatell. Il viaggio fu breve, nonostante le pressanti domande di Winn'Ier che vennero accolte da un'espressione dubbiosa del generale Iori e Higuma si sono presentati, quando sono giunti. Higuma è un orso, ma suo padre è Xendharvelmiran. Parlerò degli Undici, se questo è il tuo desiderio.... uomo disse dopo una smorfia all'aver sentito l'odore del barbaro Ma a tempo debito, prima voglio le mie garanzie i viaggiatori rimasero sul chi va là per il resto del viaggio, ma assalti nemici non ve ne furono e l'arrivo a corte fu motivo di grande interesse e un rapido richiamo dei reali che erano presenti a palazzo, vale a dire i Von Gebsatell e la principessa consorte. Yodogawa Hisashi li osservò con attenzione quando essi entrarono e presero posto, lo sguardo penetrante che sembrava studiarli attentamente Generale Yodogawa esordì il principe Derbel Noi abb--

Quello che mio marito sta cercando di dire interruppe Marie Antoinette Ivarstill E' che i nostri servitori l'hanno portata qui, al nostro cospetto. Immagino sappia come la sua posizione di traditore la pone in una situazione precaria, almeno finchè non saprà guadagnarsi la nostra stima la arcoriana ricambiò lo sguardo del generale.

Yodogawa Hisashi prese un profondo respiro, per poi inginocchiarsi Non rischierei la mia vita per ingannare dei regnanti temuti come voi. Prima però, se possibile, gradirei un po' di vino il gesto del generale parve soddisfare la principessa, che si appoggiò con la schiena sul suo trono, per poi dare ordine a un servo di portare il richiesto. Sophia scosse la testa, gli occhi al cielo.

Quando una coppa di vino venne portata al generale, egli bevve con gusto Penso potrò abituarmi ai vostri prodotti. Prima di parlare, però, vorrei che venissero confermati i termini del nostro accordo disse.

Fu Sophia a rispondere I regni di Arcoria e Glantria pagheranno il pattuito e predisporranno il suo trasferimento verso la località che ha indicato, dove potrà passare il resto della sua vita, tra gli agi e i lussi pattuiti.

Yodogawa sorrise, lo sguardo che squadrò da capo a piedi Sophia Le sue parole suonano belle quasi quanto lei disse in tono lascivo, prima di proseguire Vi starete domandando se le informazioni che ho per voi saranno sufficienti a ripagare i rischi corsi per salvarmi. Lascerò il giudizio a voi disse per poi infilare una mano all'interno della piastra superiore della propria armatura Maki Tetsuo, un membro degli Undici nonché uno dei maghi più potenti del Katai, sta gestendo in questo momento un progetto. Un giorno disse di aver avuto una visione, giuntagli in un sonno in cui egli stava precipitando nell'oscurità ed ha avuto un'illuminazione Yodogawa scosse la testa, scettico Quando si svegliò disegnò un progetto per vincere la guerra... e quello che ci presentò era un incubo ammise Hisashi E ve lo dice uno che conosce gli incubi. Ne realizzò un prototipo... e forse ora ne saranno già stati prodotti diversi.

Yodogawa estrasse un foglio di pergamena piegato diverse volte, mentre dei servitori portarono un tavolo per permettergli di stendere il progetto, così che potesse essere visto da tutti. Disegnata sulla pergamena si trovava il progetto di una atrocità mezzo costrutto e mezzo veicolo, un ragno grande quanto un piccolo edificio, munito di una coppia di chele e pilotato da una coppia di uomini che guidavano quella mostruosità osservando l'esterno da dietro una coppia di vetri che fungevano da “occhi” per il progetto. Da uno sfiatatoio, la creatura emetteva fiamme che incenerivano le vittime ai suoi piedi, mentre le pinze avevano smembrato un cavallo bardato. Derbel strinse i braccioli del suo trono, pallido come la morte. Sophia trattenne il fiato. Perfino Marie Antoinette non disse nulla, gli occhi sgranati di fronte a quell'empia scoperta.

Li chiamiamo ferrotitani disse il generale

x tutti

Spoiler

Checkpoint nella notte tra il 21 e il 22 agosto per le azioni/interazioni dei pg.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull Tanner

“Come diamine si fa inciampare questa roba con otto zampe?” fu la reazione istintiva del ciambellano.

“Voglio dire, quali sono i punti deboli? Si muovono per magia o per ingranaggi?”

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (lizardfolk stregona)

La stregona rimase a lungo ad osservare il progetto. Non era certo esperta in campo di artefatti o costrutti, ma era chiaro che quei "ragni" sarebbero stati un incubo sul campo di battaglia.

"Dunque tutto il ferro che state facendo estrarre serve per queste creazioni. Sono certa che qualche sapiente osservando il progetto potrà comprenderne le specifiche...per allora ci servirà una stima ragionevole di quanto ferro siete già riuscito a spedire ai vostri superiori. Avete visto il prototipo in azione? E se si, perché avete tradito? Non è un importante assicurazione della vostra vittoria?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chandra

L'iinsopportabile tendenza di Marie Antoniette ad interrompere Derbel non era mutata e Chandra non distolse mai lo sguardo dal suo sovrano mentre sua moglie parlava: cercava lo sguardo del principe per guardarlo con freddezza ricordandogli cosa gli aveva detto riguardo il suo atteggiamento remissivo nei confronti della sadica torturatrice. 

Guardò poi il progetto steso sul tavolo ascoltando la spiegazione del kataiano per prendere parola dopo che Trull ebbe espresso i suoi timori: Lungi da me voler criticare i termini degli accordi presi con Glantria ed Arcoria, generale Yodogawa, ma per quanto terribile sia questa notizia e per quanto sgomenti ci possa lasciare, avremmo bisogno di qualcosa in più: Sapete dove vengono prodotte e custodite queste aberrazioni? E magari come distruggerle prima che entrino in azione? Affondare le navi su cui verranno trasportati potrebbe essere una soluzione, ma di certo non possiamo pattugliare tutte le coste orientali per sapere quando e dove sbarcheranno. Oltre a parlarci di questi Undici, credo che potreste darci una grande mano se ci parlaste delle loro strategie militari... 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

Da voi non è uso scegliere i guerrieri tanto saggi quanto abili con la propria arma come consiglieri? Disse quasi scioccato all'uomo, scortandolo quindi verso la carrozza.

A corte, Bjorn ebbe modo di notare come ogni speranza che lo jarl tirasse nuovamente fuori un minimo di grinta con sua moglie fosse ormai perduta. Non aveva neanche più intenzione di mettere becco in merito, un inutile spreco di tempo. Ma non finirà così... Questa tiranna non sporcherà questa terra per sempre. Il dibattito tra Yodogawa e i reali, visto anche il commento di Golban nel viaggio verso il palazzo, gli confermò come questo non fosse veramente un eroe, ma solamente un opportunista che aveva fiutato una migliore opportunità nel regno di Firedrakes. Ultimamente sembrerebbe quasi andare di moda... Le parole pronunciate successivamente non tornavano, però: ciò che gli stava rivelando era spaventoso... Ma non certo negativo per un servo del Katai. Studiò attentamente il suo comportamento, beneficiando ancora della maschera di Trull, non potendo che approvare la domanda di Sharifa. Per il martello di Thor... Disse tra sé e sé in commento al "ferrotitano", non trovando altre domande da aggiungere rispetto quanto avevano detto i suoi compagni: era troppo impegnato a cercare il senso di quella situazione. Una cosa è certa: Yodogawa continua a non piacermi. E forse qualcuno dovrà fargli presente che la contessa è sposata.

Master

Spoiler

Percepire Intenzioni +18 su Yodogawa

 

Edited by Ian Morgenvelt

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

x Bjorn

Spoiler

Percepire Intenzioni +18+11=29

Principalmente magia rispose Yodogawa Io sono un soldato e un tattico, non un mago, ma da quello che ho capito i ferrotitani vengono animati in una maniera simile a quella dei golem, ma senza che essi abbiano modo di pensare o agire, se non tramite i propri... piloti possiamo chiamarli il generale del Katai si passò una mano sulla barba La loro costruzione richiede comunque una dose di artigianato fuori dal comune, che è stata sviluppata da un clan nanico proveniente da questo continente, gli Schiacciagoblin. Pare che essi abbiano sviluppato delle innovazioni industriali che Maki Tetsuo ha trovato perfette per la creazione dei ferrotitani.

Le domande di Chandra strapparono un sorrisetto al generale Ho anche questa informazione, contessa consorte. I ferrotitani però non vengono prodotti altrove, ma direttamente nel Katai, lontano dal mare il capo del generale venne scosso alla domanda di Sharifa No, non l'ho visto in azione, ma alle riunioni degli ufficiali a Katori ho avuto modo di sentire alcuni colleghi che hanno visto il prototipo in azione e me ne hanno confermato il funzionamento lo sguardo penetrante dell'orientale puntò gli occhi della lucertoloide Sì, il ferro è destinato alla produzione, ma in quanto alla diserzione, le mie ragioni mi appartengono. Qualora non vi fidiate, i vostri sacerdoti potranno cercare di sondare la mia veridicità, ma sappiate che nulla di ciò che vi dico è una menzogna. In patria sappiamo bene che non siete gentili con i prigionieri Marie Antoinette faticò a nascondere un perfido sorriso.

In quanto agli Undici aggiunse il generale traditore Li ho incontrati alcune volte, ma non posso dire di conoscerli e il livello delle loro informazioni è superiore al mio. Essi sono eroi che hanno servito il Katai nel corso di questi anni, compiendo missioni ad alto rischio per unificare tutto il Continente sotto la bandiera dello shogun Ishibura Yodogawa incrociò le braccia, sollevando il mento Redigerò dei dossier per farvi sapere tutto quello che è possibile su di loro quindi si rivolse ai reali Spero che questa informazioni valgano la mia parte di accordo.

I reali rimasero in silenzio, fino a che il principe non prese parola Sì, vale il prezzo pattuito ammise.

Sophia si rivolse agli avventurieri in tono concitato Dovremo parlare in privato con il generale, per cercare di capire meglio la questione. Per quanto mi riguarda avete svolto un lavoro eccezionale si congratulò la contessa, esibendo un dolce ma tirato sorriso E vedremo di predisporre quanto prima il vostro ritorno nel Katai. Eipherys a questo scopo potrebbe aiutarci.

Farò contattare mio fratello interloquì Marie Antoinette Dovremo anche trasferire tutte le nostre forze verso il Katai, non solo delle truppe di supporto disse la principessa. In contrasto con qualsiasi altro momento finora vissuto assieme, Sophia annuì convenendo con le parole della cognata Il vostro operato nel corso di questi anni ci ha dato modo di stabilire una testa di ponte sulla costa di Saikai, dove potremo radunarci prima di cercare di muovere l'ultima guerra Marie Antoinette notò di essere osservata insistentemente da Derbel mentre parlava, tanto che ella arrossì. La arcoriana strinse le labbra Potete andare e... ben fatto nessuna richiesta di inchini venne avanzata.

Il gruppo di eroi, terminata la loro missione, ebbero la giornata libera in vista della loro prossima riconvocazione, che li avrebbe riportati nel Katai, in attesa di stabilire le prossime mosse.

x tutti

Spoiler

 

Checkpoint nella notte tra il 23 e il 24 agosto per la chiusura del capitolo venticinque e l'apertura del capitolo ventisei. I pg possono ruolare liberamente, alla chiusura darò le risposte ad eventuali interazioni.

NdM: le domande poste al generale sono ottime e otterranno risposta. Esse verranno giusto fornite nel prossimo capitolo, a beneficio di tutti i pg (così da evitare ripetizioni, copia-incolla e/o fraintendimenti).

 

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull Tanner

BKAC!” esclamò l'ex nano, con l'esaltazione con cui altri popoli avrebbero detto 'Eureka!', quando il generale rivelò l'importante differenza fra i ferrotitani e i golem.

“Basterà accecare gli umani piloti con Buio magico o Pece alchemica, e la loro utilità in combattimento sarà notevolmente ridotta. Dovrò parlare di questo a Cendrine e agli esperti di balistica. Dobbiamo attrezzare delle balliste mobili.”

Proseguendo il confronto, giunse il momento del congedo. Nonostante la consueta irruenza della Ivarstill, Trull notò con piacere la mancata richiesta di un inchino e apprezzo i ringraziamenti e complimenti della consorte reale. Come qualsiasi novizia stava affrontando il suo apprendistato 'diplomatico', e un insegnante come il principe aveva lentamente successo.

Si inginocchiò davanti ai tre reali, pronto a congedarsi se la presenza del ciambellano non fosse stata richiesta durante i colloqui privati con il generale.

Edited by PietroD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bjorn Havardsson (Kalashtar Ardente)

Continua a mantenersi ambiguo... Ma non sembra che stia mentendo. Bjorn guardò la regnante con disprezzo evidente quando vide il suo sorriso, quasi di compiacimento, al sentir nominare la crudeltà di Firedrakes. Guardò poi con perplessità Trull quando lo sentì esclamare quella strana espressione, annuendo comunque alle sue proposte: decisamente efficienti, anche se avrebbe preferito fermare i ferrotitani prima che questi avessero modo di scendere sul campo di battaglia. Jarl, ci sono delle informazioni che credo dobbiate conoscere. Nella miniera venivano tenuti prigionieri dei membri del clan Tagliarocce, usati come lavoratori per estrarre il ferro necessario alla costruzione di queste... Cose. Stavano tentando di fuggire, non sappiamo se il loro tentativo abbia avuto successo. Penso che dovremmo provare ad esplorare quel luogo con la magia e provare ad organizzare una spedizione di salvataggio: forse potrebbero aiutarci a distruggere quelle armi. Senza contare che la Montagna non potrebbe che esserci grata. Concluse guardando soprattutto Derbel e Sophia, sapendo di poter fare affidamento sul loro buon cuore. In ogni caso, credo che dovremmo contattare Huruk-Rast: chi meglio di un nano può comprendere questa terribile opera? Dovremo distruggere ogni tecnica di costruzione e ogni progetto: non possono cadere in mano di Marie. Bjorn notó sorpreso i ringraziamenti della consorte di Derbel, che non fece neanche la sua abituale richiesta di inchini. Si congedò da corte con una riverenza, offrendo più onori alla sola Sophia, come sua abitudine, salutando i suoi compagni: la sua famiglia lo chiamava.

Master

Spoiler

Bjorn si recò a cercare suo figlio, sapendo di poterlo trovare assieme ad Havard. Lo aveva salutato da poco, ma sentiva comunque la sua mancanza: ogni momento passato con Ragnar gli sembrava prezioso, visto quanto si avvicinava lo scontro contro i loro nemici più temibili. Dopo aver salutato suo padre e aver giocato un po' con Ragnar, notando ancora una volta le sue evidenti difficoltà nell'esprimersi, decise di fare ciò che Seline aveva proposto prima del viaggio sul Dragone Dotato. Ragnar, oggi andremo a conoscere un'amica di papà, va bene? Mi raccomando, comportati bene: è una signorina molto gentile, vediamo di fare buona impressione. Concluse sorridendo al figlio, accompagnandolo per mano verso l'edificio che Nicolette aveva scelto come luogo dove visitare i suoi pazienti.

Bussò alla porta, attendendo un segnale per entrare e parlare con la psicologa. Oh, Nicolette! È sempre un piacere rivederti! Indicò quindi il piccolo tiefling, sussurrandogli Presentati alla signorina, forza. Attese quindi una presentazione per parlare alla donna, esponendo i problemi che aveva riscontrato nella crescita di suo figlio, ovviamente quando questo era lontano o intento a giocare. Non sono qui per me, Nicolette, ma per Ragnar. Ho notato che... Non lo so, è strano. Ha ormai quattro anni e si esprime in maniera... confusa, ecco. Mi chiama Falchion, per esempio. Spiegò guardando perplesso la donna, sperando che potesse dargli una risposta. E... Ho notato che ha un attaccamento fin troppo eccessivo al seno femminile, anche se ormai è stato svezzato. Compreso quello di donne "estranee", come Celeste. Concluse ripetendo ciò che aveva appena detto, chiedendosi come fosse riuscito a pronunciare delle parole tanto complesse e formali senza troppi problemi.

 

Edited by Ian Morgenvelt
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Winn'Ier Deh Puh

Winn ascoltò interdetto ciò che avevano da dire i regnanti, non capiva molto cosa stavano dicendo, sapeva soltanto che c'erano degli strani mostri di metallo molto potenti, dopo la conversazione Winn si allontanò salutando gli altri. Aveva uno strano sorriso, quasi stesse tramando qualcosa...

La mia magica amica Chandra! [xChandra]

 

Spoiler

Winn prese da parte Chandra e le chiese due minuti del suo tempo Perdonami Chandra... Non è che potresti farmi un favore? Potresti usare nuovamente l'incantesimo che... Mi rende bello quanto te? Chiese innocentemente l'orso. Giuro che mi sdebiterò... Magari ti porto a cena fuori!

Pulizie e appuntamenti

Spoiler

Il bellissimo Winn'Ier andò nel laboratorio dell'alchimista, con vestiti civili e uno straccio pulito in mano. Fece un bel respiro e bussò alla porta, la donna si sarebbe ritrovata davanti un uomo dalla bellezza sovraumana. 

Salve, il mio nome è Havard disse il suadente uomo per attaccare bottone ho sentito uno strano rumore e ho pensato di venire ad aiutare aggiunse con un sorriso perfetto. Posso darle una mano? Disse entrando 

Spoiler

Apparenza 35

+12 Carisma per farsi aiutare.

Se si fa aiutare, Winn proverà a sedurla con il suo +12 a carisma e a ottenere un'appuntamento serale con eventuale rapporto (dove prima di esso usa, di nascosto, un cioccolatino che gli dà un 30% di fecondarla)

Scusa se non entro nei dettagli, ma sono al telefono, quindi posso affidarmi esclusivamente a tiri di dado sculati.

 

Fare il padre, una volta tanto

Winn andò a Lagocristallo nel pomeriggio dove potè passare dle tempo con Tigro giocando alla lotta per vedere se aveva lo stesso spirito guerriero che albergava nel suo padre adottivo. Dopo aver giocato, Winn si mise accanto a lui per farli un discorsetto. Ehi, Tigro, vieni a papà. Disse l'orso dopo lo "scontro" Ascolta, papà andrà a combattere dei mostri molto brutti e... E potrei anche non tornare... disse l'uomorso accarezzandolo sulla testa Quindi se non torno più... Beh, sappi che, se non torno, anche se sembra che non ci sarò, io... Ci sarò! E quindi dovrai sempre comportarti bene e dare retta alle ninfe e... E a Bjorn! Disse l'orso con voce un pò tremante, il suo discorso era un pò confusionario e tutt'altro che toccante ma, d'altronde, non era mai stato bravo in queste cose. Se ne stettero un pò in silenzio quando l'orso, ricominciando a darsi un contagno, si asciugò le lacrime e decise di parlare di qualcosa di più allegro. Vedo che... Stai molto tempo con Kat Po... Non è che... Che ti piace? disse l'uomo con fare giocherellone.

Appuntamenti al buio, parte 2 (opzionale)

Spoiler

L'orso con il suo aspetto normale, andò a casa di Willow, con un mazzo di rose, sorridente.

Ciao Willow! È da un pò che non ci si vede! Disse sorridente Senti... Come va? Tutto bene? attese la risposta per poi aggiungere Io... Mi scuso per essere sparito e ti volevo chiedere se... Ti andava di venire a cena con me stasera e magari... Continuare a incontrarci, ecco. Disse sorridente alludendo alla loro serata piena di emozioni e "colpi di scena".

Spoiler

-1 a Carisma, questo scenario è da applicare se la alchimista mi da il due di picche.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull Tanner

“Grazie Bjorn. Mi hai anticipato di poco. Io avrei contattato direttamente Huruk-Rast al termine della riunione, ma forse farà piacere ai reali sapere che Thorlum potrà avere dettagliate risposte, e piuttosto giustizia che vendetta sugli Schiacciagoblin.”

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sharifa (lizardfolk stregona)

 

La stregona finì di ascoltare la spiegazione di Yodogawa, ma non aveva molto altro da aggiungere e si congedò con cortesia. 

Una nidiata di figli

Spoiler

L'assenza della stregona non era stata eccessivamente lunga, ma per ogni minuto aveva sentito la mancanza dei propri figli, e del proprio compagno. 
Li raggiunse e trascorse con loro l'intero pomeriggio: un lauto pranzo tutti assieme, diverse ore di giochi e coccole, e una serata sola con Unvarkerentilarhys.
Sharifa aggiornò il compagno sugli eventi più recenti, ma in breve e senza soffermarsi sui dettagli; preferì di gran lunga passare lunghe ore d'amore e di relax che rivere la tensione delle ore passate nel Katai. 
L'unica cosa di cui discusse con Unvarkerentilarhys, una volta soli a letto, fu la situazione di Seline "Dobbiamo stare attenti, a lei e ai suoi amici. Non sono persone affidabili"

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trull Tanner

Privatamente con i reali

Spoiler

“Come ha riferito Bjorn, abbiamo incontrato alcuni nani del clan Tagliarocce. Erano in condizioni critiche, in schiavitù e avvelenati da esalazioni venefiche della miniera. Abbiamo provato a dare una chance al loro tentativo di fuga facendo da diversivo nel compiere la missione, ma non mi illudo molto del loro successo. Tuttavia abbiamo alcune informazioni sugli Schiacciagoblin, su dove trovare prove delle loro colpe, e soprattutto sul loro contributo alla guerra.”

Riferì con precisione le parole del vecchio nano schiavo ribelle.

“Questo ci dà una possibilità. Gli Schiacciagoblin hanno inventato la tecnologia dei ferrotitani. Se potessimo interrogarne uno in proposito, credo sarebbe d'aiuto per preparare una controffensiva.”

Guardò i tre reali indistintamente.

“Ci sono prigionieri Schiacciagoblin? Possiamo organizzare di prelevarne nell'Abisso? Ritengo là possa essercene almeno una piccola comunità.”

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Golban Brown Drowdson

Golban ascoltò attentamente l'incontro tra il generale e la corte di Firedraks. Le informazioni riportate mostravano un altra minaccia proveniente da Katai; mezzi meccanici capaci di decimare popolazioni. ecco il perche di quella miniera.. penso il paladino per poi continuare ad ascoltare attentamente. Questo generale forse non sta facendo nessun doppio gioco..ma sicuramente non lo ha fatto per nobili motivi...questa guerra sta mietendo troppe vittime innocenti e troppe persone con l'animo cupo si stanno salvando...! A fine incontro intervenne Bjorn per informare il principe del ritrovamento di quei Tagliaroccie ridotti in schiavitù. Golban stava per intervenire ma si trattenne immediatamente, un pensiero gli era sorto davanti a Marie Antoniette forse è meglio omettere certi dettagli...parlero delle prove contro gli schiacciagoblin direttamente a Thorlum...non mi fido di quella donna, potrebbe insabbiare la cose in base alla sua convenienza...e poi ho fatto una promessa! lo diro solo a Thorlum..! Cosi il paladino stette solo ad ascoltare la discussione, intervenendo solo alla fine per chiedere informazioni sull'altro gruppo di eroi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

DM

Derbel annuì alle parole di Trull Dovremmo fare att--

Quello che mio marito intende dire interloquì Marie Antoinette E' che non possiamo rischiare di mandare più uomini a morire di quanti ne potremmo salvare. I Tagliarocce sono nani... di rispetto, ma essi dovranno badare a sé stessi, nel momento in cui si sono separati da voi. Avete fatto la scelta giusta, il generale era ben più importante comunque ci tenne a puntualizzare

Sophia, con un filo di voce, non parve comunque voler concedere l'ultima parola alla cognata Io contatterei Augustus per sentire se ha modo di mandare un gruppo di esploratori accompagnati dal suo mago di corte spiegò Se la miniera avrà per allora ricevuto rinforzi, mi assumerò il rischio Derbel rivolse un sorriso enorme alla sorella Procedi pure, sorella mia

La principessa sua moglie si limitò a sbuffare in silenzio.

Derbel quindi proseguì Godetevi la giornata, presto faremo in modo di riorganizzare la vostra ripartenza, la tappa sarà a Kirigashima dove stabiliremo i dettagli per la vostra prossima missione.

x Trull

Spoiler

La principessa consorte non si sbottonò sul possibile aiuto da fornire ai Tagliarocce, come d'altronde aveva già fatto alla riunione pubblica. Derbel parve convinto dalle idee di Trull sul come controbattere le nuove creazioni nemiche, ma fu Sophia a dover porre degli interrogativi più lapidari Se anche riuscissimo a prenderne uno avremmo sempre uno svantaggio industriale notevole disse debolmente la contessa A quanto detto dal generale essi stanno già costruendo ferrotitani e noi abbiamo già destinato gran parte delle risorse di ferro proprio per l'esercito. Penso in realtà sia meglio colpire il nemico al cuore che non cercare di pareggiare i conti. Avvertiremo comunque Huruk-Rast

x Winn'Ier

Spoiler

 

L'espressione di Willow si fece severa quando Winn'Ier pose la sua proposta Detto così sembra che sono un pezzo di carne disse Va bene un'esperienza confondente e mi sta bene se volevi riprovarci, ma non è che se lo devi svuotare puoi venire a suonare da me rispose in maniera piccata il dipendente dell'Emporio dei Sogni Sono dell'idea che se avessi avuto modo di modificare il tuo aspetto in uno che ti valorizzasse di più saresti andato a chiedere ad altre persone, scommetto! Willow fece un'espressione corrucciata, gli occhi stretti mentre fissò il barbaro a un centimetro dal viso Non ti odio, ma se vorrai riguadagnare la mia fiducia non ti basterà offrirmi una cena!

Anche per quella sera, l'orsetto di Winn'Ier avrebbe dovuto giocare da solo.

 

x Sharifa

Spoiler

I piccoli lucertoloidi erano giocosi e vivaci, ma avevano ben presto imparato a rispettare l'autorità del più forte, vale a dire Unvarkerentilarhys. Il drago di ottone aveva sviluppato la capacità di mettere in riga i pargoli con la “occhiata”, un metodo di insegnamento antico dei draghi del deserto che preannunciava di solito punizioni corporali assai severe La situazione è grave quando gli dico “Vieni qui che non ti faccio niente” spiegò alla propria compagna. Il drago rimase molto scosso dalla spiegazione sul comportamento di Seline, ma non diede dei giudizi, limitandosi a fare in modo che la serata della madre dei suoi figli le permettesse di riposarsi al meglio Presto anche io dovrò andare al fronte, temo ci reincontreremo lì. Vedi di fare attenzione.

x Bjorn

Spoiler

 

Non fu difficile, per Bjorn, trovare il tempo per portare Ragnar da Nicolette. Con Seline e Celeste in missione, l'affidamento era passato sotto la tutela di Havard, che non mancò di salutare felicemente il ritorno del figlio. Dopo quel piccolo incontro tra tre generazioni diverse, il kalashtar raggiungette lo studio di Nicolette, che lo invitò ad entrare. La garniana indossava un paio di occhiali mentre ripassava un manuale di psicologia specifica dal titolo “Diagnosi comportamentali su gruppi di avventurieri in cui un membro si schiera sempre con i nemici” Benvenuto, Bjorn disse con la consueta voce suadente, togliendosi gli occhiali e appoggiandoli sulla scrivania, prima di appoggiarsi sui gomiti e sporgersi delicatamente in avanti Qual buon vento?

Nicolette ascoltò con attenzione il resoconto di Bjorn, quindi si avvicinò a Ragnar per fare conoscenza Ciao Ragnar, io sono Nicolette. E' un piacere conoscerti disse. Il piccolo tiefling non disse nulla, lo sguardo che indugiò prima sul viso della ex-spada, quindi all'altezza del suo seno. Il piccoletto allungò le braccine Cetette! Cetette! un mugugnìo riflessivo fu la risposta della psicologa Facciamo un check-up, che è meglio.

L'adepta controllò l'altezza e il peso del bambino Sono ottimi, è in gran forma per la sua età. Vedo giusto dei segni di morsi dati da una dentatura molto piccola, forse uno dei suoi fratellini o sorelle lo ha aggredito? quindi gli controllò la dentatura Spero usi il ciuccio, perchè altrimenti vuol dire che sta venendo ancora allattato disse lanciando un'occhiata di sottecchi al padre del piccolo paziente. Infine cercò di farsi un'idea del vocabolario (limitatissimo) del bambino, mentre lo lasciava giocare con alcuni dadoni e altri piccoli balocchi.

La donna portò le sue conclusioni dopo essersi segnata alcuni appunti, sedendosi sopra la sua scrivania Non credo ti devi preoccupare del fatto che parli così poco, Bjorn disse la garniana accavallando le gambe, movimento seguito con gli occhi da parte del piccolo tiefling Non vedo alcun problema o ritardo, anzi. Il suo comportamento può forse dipendere dal fatto che ha in parte sangue abissale Nicolette tossicchiò Diciamo che entrambi conosciamo abbastanza Seline da non dover aggiungere altro. Comunque molti bambini che crescono in famiglie con genitori separati tardano a parlare, per poi recuperare appieno poi. Il fatto che usi parole che a voi possono parere strane sono un riflesso di quella che credo essere una fervida immaginazione artistica. Tuo padre era uno scaldo, giusto Bjorn? Perchè non gli fai insegnare da lui qualcosa? Potrebbe avere un talento per uno strumento musicale o comunque scoprirsi bravo a intrattenere.

Nicolette concluse quel breve incontro con poche raccomandazioni Mi riserbo comunque di visitarlo altre volte, se vorrai, per monitorare i suoi progressi la garniana si avvicinò, cosa che tentò di imitare anche Ragnar all'avvicinarsi del suo obiettivo Ti chiederei giusto di parlare con Seline e Celeste per capire se una delle due gli sta dando corda nella vita quotidiana. Il suo attaccamento al seno sembra quasi... morboso e potrebbe creare dei problemi in futuro se non viene subito disciplinato.

 

Il sole raggiunse lo zenit, per poi ridiscendere lentamente in quell'ultimo momento di riposo a Firedrakes, la città che aveva fatto incontrare i primi eroi e che ora nostalgicamente li salutava, prima del loro ritorno ad Oriente. La guerra chiamava, inesorabile e ineluttabile.

Spoiler

Fine del Capitolo Venticinque

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.