Jump to content

Sir Daeltan Fernagdor

Circolo degli Antichi
  • Posts

    1.3k
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    8

Everything posted by Sir Daeltan Fernagdor

  1. Arrivo a un paio di giorni dall'ultimo messaggio, ma perché ho letto d'un fiato tutta la discussione, e l'ho trovata estremamente interessante, specialmente perché la mia impressione mi sembra diversa da quanto detto finora. Ovvero, mi pare che questo manuale, così come molto del "politically correct" di stampo americano, sia di fatto un tentativo di sì incoraggiare la comunicazione, ma solo superficialmente: in particolare, mi stupisce vedere, in questo come in altri ambiti, un tentativo di codificare nel dettaglio i comportamenti umani, al fine di delimitare nettamente ciò che si può e non si può fare, si può e non si può dire. Insomma, trovo questo sistema molto deresponsabilizzante: delega a una serie di codici e convenzioni pregresse l'esercizio di empatia e sensibilità, da un lato facilitando chi si trova a disagio (permettendogli di indicare a priori quali argomenti vorrebbe evitare) ma, dall'altro lato, mi pare che sia molto mirato a sollevare i singoli dalla responsabilità di esercitare la propria sensibilità e la propria empatia nei confronti dell'altro. Insomma, se sono personalmente abituato all'idea che il contratto sociale, in fondo, si adatta continuamente, sulla base dell'osservazione e del dialogo continuo, e considero mia responsabilità, almeno in parte, accorgermi di quanto avviene intorno a me, mi sembra che un simile codice di comportamento, come quello descritto nel manuale, magari adatto a contesti peculiari, come sessioni tra sconosciuti, vada nella direzione della codifica impersonale. In soldoni, io dico cosa si può e non si può fare, gli altri idem, e finché si sta entro quei confini si può fare tutto, al di fuori di essi niente: così ho la coscienza a posto e non mi devo preoccupare di offendere la sensibilità di nessuno, perché sono stato entro i limiti. Forse ho estremizzato un poco, e forse sono stato confuso nello spiegarmi... Ma sono l'unico ad aver avuto questa impressione?
  2. Adoro il flavour dello stregone, finalmente qualcosa di nettamente diverso dal classico antenato draconico, finalmente anche l'asse legale degli allineamenti riceve la sua parte di opportuna considerazione... Mi piace! Forse è solo entusiasmo da prima lettura, però non mi dispiace. Anche chierico è bardo sembrano graziosi, ma a pelle mi entusiasmano leggermente meno. Tutti e tre, ad ogni modo, sarebbero da testare prima di dover esprimere un'opinione informata.
  3. Forse è deformazione professionale, ma non so quanto abbia senso che sia qualcun altro a scrivere il tuo BG... Non è meglio che lo scriva tu, visto che hai delle idee, e poi lo pubblichi e noi lo leggiamo e ti diamo idee per, eventualmente, migliorarlo?
  4. Vorresti spunti per il background? Come pensavi di giocate il PG? Hai delle idee sulle sue motivazioni, sul suo passato, su come vorresti che fosse? È difficile aiutarti senza qualche indicazione, oltre a quelle strettamente correlate all'identità "regolistica" del personaggio... A meno di non inventare di sana pianta tutto il background, ma a quel punto non so quanto sarebbe utile, se non lo senti "tuo" almeno per la maggior parte. Alcune domande cui rispondere per iniziare a lavorare sul background potrebbero essere le seguenti. Da dove viene? Perché è diventato ciò che è? Quali sono le sue aspirazioni? Come si comporta con le persone che conosce? E con gli sconosciuti? Ha un codice morale? Quale? Peraltro mi pare di aver letto sul sito del gdr online di cui parli che il background serve anche a loro per capire che conosci, almeno in parte, l'ambientazione: se il background te lo fa qualcun altro, come fai tu a conoscere l'ambientazione quel tanto che basta per cominciare? Io comunque se serve una mano sono ben disposto a dare suggerimenti, ma serve qualche elemento in più per riuscirci...
  5. Cercando di elaborare un pochino di più la cosa: alcuni bambini spariscono attraverso tutto il regno. Tali bambini hanno una caratteristica in comune (che so, hanno tutti gli occhi verdi), ma almeno all'inizio nessuno sembra essersene accorto (se rapiscono tuo figlio probabilmente non vai a pensare che lo hanno rapito perché ha gli occhi verdi; e se ti riferiscono che un po' ovunque nel tuo regno hanno rapito un sacco di bambini, non pensi certo di chiedere di che colore avessero gli occhi). A rapire i bambini sono stati degli umanoidi mercenari (per mantenere un po' di corrispondenza con l'immagine, che mi ha molto affascinato: dei goblinoidi? Goblin capeggiati da Hobgoblin, ad esempio... questo per mantenere un certo grado di pericolosità, crescente, nei primi livelli. I mercenari non sono ovviamente stati assunti da alcun illithid, ma da "stranieri": umanoidi con un accento di un luogo diverso. A questo punto, non so se fare in modo che l'organizzazione prosegua in modo verticale (questi tizi sono agenti di una gilda di ladri, pagata da qualcuno che è apparentemente il lacché di un nobile, ma in realtà schiavo di un illithid, insomma, cose del genere...) oppure se fare in modo che questi stranieri siano davvero spie del regno vicino, e che l'illithid sia riuscito ad infiltrare qualcuno alle alte sfere della corte del regno vicino, sfruttandone quindi le spie per i propri scopi, facendo in modo che la colpa, se fosse eventualmente scoperto il complotto, ricadesse sul sovrano di tale regno. Non riesco a decidermi tra le due soluzioni. Inoltre una cosa che vorrei inserire, per aggiungere spessore alla campagna, è una sorta di "sospensione"; vale a dire, dopo qualche livello e dopo aver proseguito in maniera soddisfacente per l'avventura, vorrei che il problema sembrasse effettivamente risolto, e che tutti si considerassero soddisfatti; salvo poi, dopo parecchio tempo (e livelli) scoprire che non lo era per nulla, e che è stato proprio parte del complotto far sembrare che fosse tutto risolto; anzi, magari proprio le azioni dei PG nella prima parte della campagna erano in realtà previste da chi stava dietro al complotto, che le ha pilotate per i propri scopi. Quindi loro credevano di aver risolto la questione, mentre in realtà hanno fatto il gioco del loro nemico che li ha usati come pedine... però di nuovo non so proprio come fare. Purtroppo ultimamente ho fatto da master a vari gruppi "a breve termine", e l'unico gruppo con una campagna di ampio respiro, in Eberron, sta giocando eventi che avevo pianificato molto tempo fa, almeno nei loro elementi essenziali... temo di essere un po' arrugginito.
  6. Grazie ad entrambi dei consigli; l'idea della sparizione dei villaggi era intenzionalmente molto al di sopra delle possibilità dei personaggi di primo livello: vorrei che scoprissero alcuni indizi circostanziali, magari qualche schermaglia con gli scagnozzi di più basso livello di chiunque abbia operato la sparizione, e che l'intera avventura proseguisse a lungo, anche interrotta qua e là da varie side quests. Gli illitihid si adattano in effetti piuttosto bene come nemico a lungo termine in quanto circondati da aura di mistero e potenza... ma mi sfugge un poco come poter "scalare" le loro azioni, vale a dire che gli illithid dovranno agire per mezzo di un'infinità di intermediari, e per la costruzione di questa "rete" al momento ho poche idee... In alternativa l'idea del rapimento di alcuni bambini mi ha richiamato alla mente la seguente, suggestiva immagine, trovata tempo fa su DeviantART... la quale effettivamente mi aveva stuzzicato l'immaginazione, ma non ero riuscito a concludere che creature potessero essere quelle, e perché rapissero dei bambini. Peraltro mi sono reso conto di essermi spiegato male. Quasi tutti i giocatori sono neofiti della 5^ edizione, che utilizzerò; ma solo una è del tutto digiuna di D&D, gli altri chi più chi meno hanno già giocato.
  7. Illustrissimi! Ormai sarà un paio d'anni che non scrivo sul forum; vari problemi mi hanno tenuto lontano, e constato con piacere che molte vecchie conoscenze sono ancora qui, che qualcuno ha fatto carriera, insomma, tutto come sempre! Siete splendidi, mi siete mancati assai. Da poco ho ripreso a leggere, trovando come sempre interessantissimi spunti un po' dappertutto. Presto però mi trovo a scrivervi, da buon rompiscatole come son sempre stato, in cerca di aiuto. Mi trovo a dover pianificare una campagna un po' particolare. Quasi tutti i giocatori sono neofiti; per questa ragione giocheranno la prima avventura (2/3 sessioni) con personaggi pregenerati da me, di 1* livello. Dopodiché continueremo, ma era mia intenzione dare a tutti la possibilità di cambiare personaggio se lo desiderano. Per questo ho ideato un inizio che mi permette facilmente tale espediente... salvo poi restar bloccato non appena comparsa la necessità di approfondire. Ecco l'idea. Un regno/ducato/feudo piomba nel panico; al confine i problemi militari con un ingombrante vicino si fanno sempre più gravi, mentre all'interno di colpo, una notte, sparisce la popolazione (tutta) di svariati villaggi. Non sembra esserci alcun collegamento tra i villaggi, non sono vicini fra loro, sono sparsi in giro per tutto il territorio, ma sta di fatto che d'improvviso una decina di paesini si è ritrovata del tutto deserta. Il sovrano/duca/feudatario è nel panico, non ha guardie/soldati da dislocare per via dei problemi al confine, inoltre non si ha nessuna idea di come sia sparita la gente (i villaggi sembrano intatti) e le guardie sarebbero di dubbia utilità. Pertanto vengono inviati a indagare vari gruppi di avventurieri, uno per villaggio. Questa soluzione mi permette di far giocare la prima avventura, poi se vogliono cambiare personaggi semplicemente il nuovo gruppo diventa uno degli altri, che ha indagato presso uno degli altri villaggi, traendo le medesime conclusioni, e possono proseguire coi nuovi PG la stessa avventura senza scossoni di trama. Problema: non ho la minima idea del perché gli abitanti possano esser spariti, è un'idea che mi è venuta così... inoltre la prima avventura dovrebbe essere adatta a personaggi di bassissimo livello, e far scoprire loro solo alcune informazioni, spunti per una campagna di molto più ampio respiro; che la sparizione sia legata allo scontro al confine? Che non lo sia per nulla? Che chi è dietro le sparizioni sia anche colui che fomenta lo scontro, complottando per far scontrare in qualche modo i due feudi ingannandoli entrambi (ad esempio facendo credere a ciascuno dei due che l'altro trama alle proprie spalle)? Insomma, magari butto via l'idea e ne penso un'altra, questa è venuta fuori un po' monca... ma mi sembrava un punto di partenza grazioso, quindi se qualche anima pia può aiutarmi a completarla avrà la mia gratitudine! P.S.: il nuovo forum mi disorienta, dopo lunga assenza. Il regolamento lo ricordo ancora abbastanza, ma se ho sbagliato qualcosa nel postare che la moderazione mi avverta, provvederò, per quanto in mio potere, a correggermi con la massima solerzia.
  8. Version 1.0.0

    1.7k downloads

    Nuova scheda creata ex novo, nel tentativo di unire i principali vantaggi delle varie schede in circolazione, eliminandone qualche difetto e mantenendo una veste grafica gradevole. La prima parte della scheda si compone di un foglio A3, da piegare a metà, ottenendo quattro pagine, ovvero una copertina e tre pagine ulteriori, dedicate ciascuna a un'area tematica, nell'ordine: Fondamentali e Combattimento Abilità, Talenti, Capacità speciali Equipaggiamento e Trasporto In aggiunta, una pagina singola, da stampare su un foglio A4 tante volte quanto necessario, per riportare tutti gli incantesimi, con ampio spazio per tutti i dati necessari. Ormai testata da tempo in vari gruppi, nonché in sessioni pubbliche, la scheda si è dimostrata pratica e gradita ai giocatori. Sperando che possa esserlo anche per molti altri, eccola resa disponibile per il download.
  9. Piuttosto Internet, internetis, della terza, ma neutro, quindi Internet-Internetis-Interneti-Internet-Internet-interneti;Interneta-Internetum-Internetibus-Interneta-Interneta-Internetibus...
  10. Una piccola annotazione di natura genealogica, che potrebbe aiutare chi ama cercare nomi (per persone e luoghi) ricreandone una loro coerenza. Spesso capitava che il cognome di una famiglia nobile cominciasse ad essere utilizzato anche dai loro vassalli e a volte dai popolani, specialmente quando si spostavano di zona; quindi, ad esempio, gli abitanti della tenuta del barone Arbweck facilmente prendevano il cognome Arbweck quando andavano ad abitare poco fuori dalla tenuta; il principio di base è quello del luogo di provenienza (tipicamente, i cognomi italiani come "Lombardi" indicano qualcuno che non è lombardo, ma, ad esempio, toscano: il cognome deriva dal fatto che, in epoca precedente, la famiglia è probabilmente arrivata dalla lombardia, e quindi, tanto per fare un esempio stupido, un Ambrogio Brambilla trasferitosi a Firenze sarebbe stato chiamato magari Ambrogio Lombardo, e i suoi figli Antonio e Paolo sarebbero stati chiamati Lombardi, trasferendo poi il cognome Lombardi e perdendo quello originario; stessa cosa per i tanti "Napolitano", "Siciliano", "Calabrese", "Puglisi", e via discorrendo), quindi, nel caso che citavo poc'anzi, si tratterebbe di qualcuno che viene identificato come "Tizio [della tenuta di] Arbweck", divenendo dopo poco "Tizio Arbweck"; questo per indicare che spesso l'uguaglianza del cognome di qualcuno con il cognome di qualcuno illustre nel passato non indica discendenza diretta, ma, più spesso, solo imitazione del cognome e provenienza territoriale. Tenere conto di ciò sicuramente aumenta il realismo e fa sembrare meno artificioso il mondo, perché un mondo in cui tutti quelli con lo stesso cognome sono imparentati o discendenti in modo più o meno lontano gli uni dagli altri suona eccessivamente artificioso...
  11. L'ho comprato dall'autore di questo thread, grazie. Ora ho il manuale.
  12. Ho liberato la casella dei MP, se hai da scrivermi ora è possibile.

  13. Non so se tu abbia dimestichezza con il francese, ma è recentemente uscita in Francia un'edizione monumentale in decine di volumi proprio del Richiamo di Chtulhu, e il volume dedicato agli anni '20 è costituito praticamente solo di descrizioni, mappe e fotografie, vale assolutissimamente la pena di acquistarlo. Per avere facce e personaggi io comincerei una ricerca tramite google legata a qualche film o personaggio (che so, Fred Astaire e Ginger Rogers, oppure qualche generale dell'epoca per i militari (occhio che non siano foto della seconda guerra mondiale, dal 35-40 in poi la moda e le divise son cambiate moltissimo rispetto a prima), qualche politico, e poi, magari cercando i nomi di quelli, o utilizzando link da una pagina all'altra di Wikipedia, oppure titoli di film, et cetera, cercare mano a mano le stesse cose in google immagini, per avere immagini da usare. Ci vuole chiaramente molto più tempo che con un database, ma un database non saprei dove trovarli, quindi cerco di essere d'aiuto così...
  14. Ho provveduto ora al bonifico, mi scuso per il ritardo. Resto in paziente attesa dell'effettivo rinnovo.
  15. Da giocatore, con me come DM, non perderesti affatto neppure l'1% di entusiasmo. Semplicemente, perché non ti accorgeresti mai di una situazione del genere. Perché se io ti avessi appena fatto tre colpi critici di seguito, e al quarto colpo ti dicessi che non è un critico, non credo proprio che penseresti che sono io ad averti detto che ho fatto 19 anche se ho fatto 20, penseresti che semplicemente le cose stanno andando normalmente, perlomeno più normalmente di quando ti ho fatto i tre critici di fila. Io non te lo direi, ovviamente, né in quel momento, né dopo un'ora, né dopo un giorno, né dopo un anno. Quindi, a parlare in teoria, puoi anche scandalizzarti: ma poi nella pratica se il DM bara riequilibrando sfortune infinite, e non bara per condizionare la storia secondo il suo gusto: ribadisco, solo per riequilibrare (non rendere equilibrate: compensare parte del disequilibrio) le situazioni, non te ne accorgi.
  16. Miei cari e illustri amici, vi propongo un'idea che mi frulla per la testa da lungo tempo. Tuttora rimane il mio miglior schermo del DM (tra tutti quelli provati, costruiti, visti, et cetera) quello prodotto da Dragons' Lair per D&D 3.5, ormai parecchi anni fa (una decina, suppergiù) con le magnifiche immagini del compianto Claudio Trangoni e una miriade di tabelle utilissime sul retro. Lo schermo era in formato verticale (il che non guasta, trovo troppo bassi quelli di oggi, realizzati con quattro A4 orizzontali affiancati invece che con quattro A4 affiancati verticalmente...), le tabelle utilissime ed efficientissime. Pertanto, l'idea è appunto quella di realizzare (targato ufficialmente D'L, o come prodotto indipendente, questo dipenderà dalla volontà dello staff) uno schermo del DM per D&D 5^ edizione, con tanto di immagine davanti e tabelle, schemi ed elenchi utili dietro. Io non so disegnare, questo è conclamato, quindi si necessiterebbe di un disegnatore, o di un team di disegnatori, e in ogni caso di una discussione molto approfondita in merito al disegno, ai soggetti da rappresentare, e via discorrendo: va da sé che non si può realizzare un prodotto con un disegno che non sia più che adatto, e il contributo di tutti può aiutare ad avere successo nella composizione finale (i disegni da schermo del DM sono di un formato insolito, basso e largo, e raramente vengono osservati nel loro complesso (ogni giocatore tende a vederne una parte, a seconda del punto del tavolo dove è seduto). Per quanto mi riguarda, mi occupo certamente molto volentieri dell'impaginazione di tabelle e schemi riassuntivi, e anche della loro realizzazione e compilazione, anche se qui il contributo di ciascuno potrebbe essere molto rilevante: capire cosa serve e cosa no non è necessariamente semplice (io ho delle idee, ma magari altri ne hanno di molto migliori), e avere tutto a portata di mano è un altro requisito fondamentale per un buon schermo del DM. Qualcuno darebbe una mano? P.S.: nota per staff e moderazione. Se la proposta è fuori luogo, se ho postato nella sezione sbagliata, e via discorrendo, mi si perdoni... me ne scuso in anticipo, e ritiro quanto detto.
  17. La Toscana è un po' lontana sia da Aosta che da Torino, altrimenti t'adotterei volentieri... giocatori che ci tengono a che il loro BG venga utilizzato dal DM sono purtroppo assai rari.
  18. Neve forte a Torino. Vedere, da studente fuori sede, come buona parte dei Torinesi si lasci spaventare da due dita di neve quando noi a casa siamo abituati ad affrontarne senza difficoltà una spanna mi diverte. Il treno soppresso, un po' meno.
  19. Non so se sia merito del mio modo di fare da DM, ma al momento ho 25 giocatori in 5 gruppi, e parecchia altra gente che aspetta di giocare. Ho sempre trovato che far scrivere un BG, per quanto semplice, ai giocatori, e poi utilizzarne qua e là degli spunti, fosse utile per la campagna. Mai ho incentrato una campagna sul BG di qualcuno; spesso ho costruito piccole avventure su di esso, oppure aggiunto elementi di folklore ad altre avventure, o ancora utilizzato personaggi appartenenti al BG dei personaggi come PNG rilevanti in alcune parti della campagna, come parte del mondo vivo di cui i PG sono parte; tale mondo però non gira intorno a loro, quindi centrare tutto su di loro se non sono di ventordicesimo livello non mi sembra realistico; far mutare parte del mondo che conoscono in modo coerente con l'ambientazione, fornendo contestualmente spunti di avventura quando possibile, questo sì. Comunque, non sono mai stato un fan dei BG lunghi e articolatissimi; se qualcuno me ne presenta uno, lo accetto e lo leggo volentieri, ma non è richiesto. Ciò che io voglio è che il BG radichi il PG nel mondo, invece di fare di tutto per scioglierlo da qualsivoglia legame (come spesso capita; e ho spiegato più su, brevemente, come e perché una certa categoria di giocatori vuole che il suo PG sia del tutto svincolato da qualunque cosa che non sia sotto il diretto controllo del giocatore. Posso sempre approfondire l'argomento, comunque). Se si tratta di mezza pagina, va bene uguale. L'importante è che sia mezza pagina letta la quale io possa individuare quel PG con la sua storia e i legami con il mondo, quali che essi siano.
  20. Ho buttato giù l'esempio del guerriero orfano così di getto, e comunque ho specificato che nel tale background il giocatore si ritiene già vendicato. Parlerò fuori dai denti: il giocatore che fa un BG del genere di solito gioca solo per se stesso, non gliene importa nulla della storia, e vede gli spunti che il DM potrebbe collegare al suo BG come IL MALE: vuole evitare di essere costretto a scegliere tra il tesoro del drago e la sua amata, tra uccidere il nemico grosso e prendere sacchi di PE o salvare il suo mentore che è in pericolo nello stesso momento, tra combattere una guerra mortale perché è il suo dovere e deve riscattare l'onore della sua famiglia, e andarsene invece semplicemente in un altro posto a fare fortuna. Per questo motivo il BG sembra di solito scritto da un avvocato esperto in patti con i diavoli della fossa, perché sono fatti in modo tale da rendere praticamente impossibile trovare un appiglio rilevante: nell'esempio di madlefty, probabilmente il giocatore avrebbe scritto una frase del tipo "ho ucciso gli orchi e lavato la mia lama nel loro sangue a sufficienza per considerare mio padre vendicato", oppure "ho ucciso tutti i responsabili", o altre forme migliori: come detto, l'esempio era buttato giù su due piedi. DISCLAIMER Si può giocare nel modo sopra descritto (fregandosene della storia, con un BG privo di appigli, senza dilemmi morali tra i piedi? Sì. È legittimo farlo? Sì. Si tratta di un modo di giocare a me gradito? No. Mi ritengo superiore perché gioco in modo diverso? No. Tollero giocatori del genere al mio tavolo? No, a meno che non si mettano d'impegno per cambiare stile. Perché? Il mondo è pieno di DM, e il giocatore medesimo può mettersi a fare il DM. Io ho la coda di gente che vuol giocare nei miei gruppi, quindi non perdo il mio tempo per giocare secondo uno stile diverso dal mio, il che mi costerebbe fatica e non mi divertirebbe, quando è pieno di gente che invece vuol proprio giocare secondo il mio stile. Poiché il topic mi sembrava incentrato sulla qualità di un BG, e non sul fatto che esso serva o meno, o sullo stile delle campagne, ho espresso la mia opinione: è ovvio che chi non vuol fare un BG secondo me è libero di non farlo, purché sia chiaro fin dall'inizio e vada bene a tutti.
  21. In realtà il BG "nullo" (che citava qualcuno, vale a dire "non mi ricordo nulla e non so chi sono") a me piace molto, offerto da un PG, perché è l'esatto inverso di un BG che non offre appigli: ne offre quanti più il DM può desiderarne, in sostanza il giocatore da' carta bianca al DM, ed è un bellissimo atto di fiducia per costruire una storia insieme. Quello che non posso soffrire è "mio padre era un grande guerriero, ma lui e tutta la mia famiglia compresi i parenti fino al dodicesimo grado sono stati massacrati dagli orchi. Io odio gli orchi, ho vendicato la mia famiglia uccidendo quelli che li avevano uccisi, e voglio diventare il guerriero più potente del mondo per seguire l'esempio di mio padre", perché tale giocatore sta evidentemente cercando di impedire al DM di collegare alcunché alla sua storia, per evitare di sentirsi vincolato alla storia e poter fare quello che gli pare.
  22. Anche RAI direi che succede la stessa cosa: un demone (che non è sotto il tuo controllo) prende il controllo del non morto (che sei tu, in questo caso). Quindi tu non controlli più te stesso, il tuo ex-PG è controllato dal demone.
  23. Io non ce l'ho con chi ha difficoltà a scrivere un BG: si può imparare, ed è compito mio insegnarlo, come DM. Ce l'ho con chi sa come si fa, ma si ostina a non volerlo fare, o peggio, scrive un BG liscio e privo d'appigli, se non anche assurdo, per evitare appunto di fornire spunti al DM per lavorare sui loro PG e il loro inserimento nella storia. Si può giocare senza BG, o con BG assurdi? Certo, nulla lo vieta. Ma non è così che si gioca nei miei gruppi, io ho uno stile di gioco ben consolidato, 25 giocatori in 5 gruppi, e un sacco di gente che aspetta che si liberino posti ai tavoli da gioco. Se un giocatore non ama il format delle mie campagne (che prevede personaggi articolati e sfaccettati, comprensivi di BG pregni di significato), può sempre fare il master lui... Visto che qui si parla di qualità dei BG, mi permetto di esprimere la mia opinione in merito, dato che mi sembra un assunto di questo topic che il BG vada fatto...
  24. Io solitamente scrivo backgrounds lunghi ed elaborati, ma plausibili per personaggi di 1° livello (difficilmente sarai stato un generale dell'esercito, se sei di 1° livello... né un insegnante in una scuola di magia!). i cliché li tollero abbastanza, se pur con qualche smorfia. Quello che non posso soffrire sono i backgrounds a parete liscia: senza appigli. Il giocatore (solitamente un PP, ma non sempre, è solo un'osservazione statistica, la mia; oppure qualcuno vagamente frustrato che si lamenta di ogni cosa nel gioco che è lasciata alla discrezione del DM), scrive un BG in cui sono tutti morti o nemici al PG: genitori, mentori, insegnanti, fidanzate d'infanzia, grandi amori, per la paura che il DM possa sfruttare tali appigli per mettere il PG davanti ad una scelta difficile, o comunque per paura che le avventure incentrate su questi appigli da BG possano ostacolare il suo cammino verso il POTERE. Ecco, se un giocatore mi porta un BG di quest'ultimo tipo, la mia reazione va da "per favore, elabora meglio il tuo BG, aggiungi dettagli e appigli interessanti per la storia per radicare meglio il tuo PG nel mondo" (se si tratta di giocatore nuovo, o nuovo ai miei tavoli) a "questo BG non vale un fico secco, non c'è un appiglio valido che sia uno, cerchi di nuovo di limitare l'azione del DM. Rifallo da capo, e vedi di produrre qualcosa di decente" (mentre il BG va a finire nella stufa; questo se il giocatore è recidivo da più d'una volta), con tutto ciò che sta in mezzo ai due estremi.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.