Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Quella copertina di Eberron è solo un segnaposto

Negli ultimi giorni numerose persone, sia negli USA che in altre parti del mondo, hanno iniziato a lamentarsi della qualità della copertina fin ora mostrata per Eberron: Rising from the Last War, primo manuale d'ambientazione cartaceo su Eberron per la 5e. Jeremy Crawford, dunque, Lead Designer di D&D 5e, ieri ha voluto rassicurare tutti con un Tweet, spiegando che la copertina fin ora mostrata su Amazon e sul sito ufficiale di D&D è una illustrazione interna al manuale usata come segnaposto (considerato che la news del manuale è diventata nota grazie al suo avvistamento sullo store di Amazon qualche giorno fa, non mi stupirei se la WotC fosse stata costretta a scegliere una immagine a caso perchè presa in contropiede e obbligata a rivelare il manuale prima del previsto, NdR). La vera copertina del manuale, creata da Ben Oliver, deve invece essere ancora rivelata.
L'immagine utilizzata al momento possiede più dettagli di quanto rivelato sulla copertina segnaposto. Potete vederla qui di seguito (cliccate sull'immagine per ingrandirla):

Read more...

Crawford rivela le razze presenti in Eberron: Rising from the last War

Attraverso il suo account Twitter, il Lead Designer Jeremy Crawford ha deciso di rivelare quali razze giocabili appariranno in Eberron: Rising from the Last War, il primo manuale ufficiale cartaceo su Eberron per la 5e in uscita il 19 Novembre 2019.
Le vere e proprie nuove Razze saranno:
Warfarged (Forgiati) Changelings (Cangianti) Kalashtar Shifters (Morfici) Nel manuale, inoltre, compariranno anche le versioni giocabili di:
Goblin Bugbear Hobgoblin Orchi (in un altro Tweet, Crawford chiarisce che gli Orchi di Eberron saranno leggermente diversi rispetto a quelli pubblicati in Volo's Guide to Monsters)
Read more...

Eberron: Rising from the Last War arriva a Novembre!

La Wizards of the Coast ha rivelato la data di uscita e il prezzo del primo manule d'ambientazione collegato a uno dei setting classici di D&D. Si tratta di Eberron: Rising from the Last War, specificatamente descritto come un "D&D Campaign setting and adventure book" (manuale d'ambientazione e d'avventura). Il manuale in lingua inglese uscirà il 19 Novembre 2019 al prezzo di 49,95 dollari (non sono ancora noti data di uscita e prezzo della versione italiana) e conterrà, oltre alle informazioni generali sul mondo di Eberron e un approfondimento dedicato alla città di Sharn, una campagna d'avventura ambientata nella regione del Mournland, nuove opzioni per PG, (tra cui la nuova Classe dell'Artefice e i Marchi del Drago), navi volanti, la nuova regola del Group Patron (un Background per il gruppo intero) e molto altro ancora.
Qui di seguito trovate la descrizione ufficiale di Eberron: Rising from the Last War, mentre in fondo all'articolo vi mostriamo la copertina standard del nuovo manuale e quella speciale della versione limitata (per ingrandire le immagini cliccate su di esse).
 
Eberron: Rising from the Last War
Esplorate le terre di Eberron in questo supplemento di campagna per il più grande gioco di ruolo al mondo.
Che sia a bordo di di una nave volante o della cabina di un treno, imbarcatevi in una emozionante avventura avvolta nell'intrigo! Scoprite segreti sepolti per anni da una guerra devastante, nella quale armi alimentate dalla magia hanno minacciato un intero continente.
Nel mondo post-bellico la magia pervade la vita di ogni giorno e persone di ogni sorta si riversano in Sharn, una città di meraviglie dove i grattacieli squarciano le nubi. Troverete la vostra fortuna nelle squallide strade cittadine oppure rovisterete gli infestati campi di battaglia alla ricerca dei loro segreti? Vi unirete alle potenti Case dei Marchi del Drago, spietate famiglie che controllano tutte le nazioni? Cercherete la verità in qualità di reporter di un giornale, di un ricercatore universitario o di una spia governativa? Oppure forgerete un destino in grado di sfidare le cicatrici della guerra?
Questo manuale garantisce strumenti di cui sia i giocatori che il Dungeon Master hanno bisogno per esplorare il mondo di Eberron, inclusi la Classe dell'Artefice - un maestro delle invenzioni magiche - e mostri creati da antiche forze belligeranti. Eberron entrerà in una nuova era di prosperità o l'ombra della guerra discenderà su di esso ancora una volta?
Una completa guida di campagna per Eberron, un mondo dilaniato dalla guerra e armato da tecnologia alimentata dalla magia, da uno dei titoli più venduti sul DMs Guild: Wayfarer's Guide to Eberron. Una veloce immersione nelle vostre avventure pulp grazie all'utilizzo dei luoghi d'avventura facili da usare e creati per il manuale, contenenti mappe di treni folgore (lightning trains), navi volanti, castelli fluttuanti, grattacieli e molto altro. Esplorate Sharn, una città di grattacieli, navi volanti e intrighi in stile noir, e crocevia per le genti del mondo sconvolte dalla guerra. Include una campagna per personaggi interessati ad avventurarsi nel Mournland. Giocate l'Artefice, la prima classe ufficiale ad essere rilasciata per la 5a Edizione di D&D dall'uscita del Manuale del Gioatore. L'Artefice fonde magia e invenzione per creare oggetti meravigliosi. Create il vostro personaggio usando un nuovo elemento di gioco: il Patrono di Gruppo (Group Patron), un Background per tutto il gruppo. 16 nuove razze/sottorazze - il numero più alto rispetto a quelle pubblicate fin ora negli altri manuali di D&D - in cui sono inclusi i Marchi del Drago, che trasformano magicamente certi membri delle razze del Manuale del Giocatore. Affrontate mostri orrorifici nati dalle guerre più devastanti del mondo. DETTAGLI DEL PRODOTTO
Lingua: inglese
Prezzo: 49,95 dollari
Data di uscita: 19 Novembre 2019
Formato: Copertina rigida


Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/tabletop-games/rpg-products/eberron
Read more...

Il Barbaro e il Monaco

Articolo di Ben Petrisor, con Dan Dillion e F. Wesley Schneider - 15 Agosto 2019
Nota: le traduzioni dei nomi delle meccaniche citate in questo articolo sono non ufficiali.
Questa settimana due Classi, il Barbaro e il Monaco, scoprono nuove possibilità da playtestare. Il Barbaro riceve un nuovo Cammino Primordiale: il Cammino dell'Anima Selvaggia (Path of the Wild Soul). Nel frattempo il Monaco ottiene una nuova Tradizione Monastica: la Via del Sè Astrale (the Way of the Astral Self). Vi invitiamo a dare una lettura a queste Sottoclassi, a provarle in gioco e a farci sapere cosa ne pensate. Tenete d'occhio il sito di D&D per un nuovo sondaggio e fateci sapere in quest'ultimo cosa ne pensate dell'Arcani Rivelati di oggi.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
Arcani rivelati: il barbaro e il monaco
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/barbarian-and-monk
Read more...

Intervista a Massimo Bianchini di Asmodee Italia su D&D 5e

Massimo Bianchini, Country Manager di Asmodee Italia e dal 1997 una delle principali teste dietro alla traduzione dei manuali di D&D, ha di recente rilasciato un'intervista al sito Tom's Hardware, grazie alla quale possiamo farci un'idea più chiara sul modo in cui la Asmodee Italia gestisce la localizzazione di D&D 5e in italiano e su cosa possiamo aspettarci per il prossimo futuro.
L'intera intervista è disponibile sul sito Tom's Hardware, mentre qui di seguito potrete trovare alcuni estratti riguardanti specificatamente D&D 5e.
Grazie a @Checco per la segnalazione.
 
In questa epoca di ritorno in auge del gioco di ruolo Asmodee si è “portata a casa” uno dei prodotti più noti e diffusi sul mercato: Dungeons & Dragons. Come sta andando la linea editoriale?
Sta andando molto bene, e anche Wizards of the Coast e Gale Force 9 sembrano molto contente di quanto stiamo sviluppando sul mercato. Non c’è la certezza assoluta, ma in base alle informazioni di cui siamo in possesso, l’italiano è la seconda lingua in cui vengono venduti più manuali al mondo (dopo ovviamente l’inglese)!
La domanda più “pressante” e diffusa nella community dei giocatori di D&D è: “quando esce il modulo X?” “qual è la linea editoriale per raggiungere le pubblicazioni USA?”. Cosa possiamo rispondere in merito? Wizards of The Coast ha “ingranato la quinta” nella velocità di lancio di prodotti… come riuscirete a stare al passo?
L’accelerazione da parte di Wizards of the Coast si è verificata nel corso dell’ultimo anno e al momento stiamo cercando delle contromisure per riuscire a stare al passo. L’idea iniziale era quella di seguire la schedule di uscite originale con l’inserimento in semi-contemporanea delle novità più importanti dell’anno. Ed effettivamente, almeno inizialmente, eravamo riusciti a recuperare “tempo”: la nostra frequenza di uscite era più alta rispetto a quella delle uscite americane.
Purtroppo ora non è più così: il successo world-wide di D&D ha dato un impulso pazzesco alle produzioni americane e stiamo cercando con tutte le nostre forze di tenere il ritmo. Occorre anche dire che alcuni accessori prodotti da Gale Force 9 (come gli schermi del DM dedicati alle campagne o le carte incantesimo, oggetti magici e dei mostri) sono produzioni aggiuntive che portano via risorse, e che vanno ad aggiungersi alla realizzazione dei manuali. (E bisogna anche aggiungere che il gioco da tavolo del Dungeon del Mago Folle, in uscita a fine anno, è andato in coda alla produzione: lo staff che se ne occupa, per ovvie esigenze di coerenza, è lo stesso).
Il discorso generale è che è molto difficile lavorare su prodotti in maniera che non presentino errori di traduzione, e come si può immaginare ciò porta via molto tempo. In ogni caso, pur essendo partiti in ritardo rispetto alle edizioni di altri paesi (Francia, Spagna o Germania, per nominarne qualcuno) siamo comunque in linea con il numero di uscite di questi ultimi.
Il mercato USA gode di numerose versioni “collector” dei vari volumi. Sarà possibile vedere qualcosa anche per il mercato italiano o i numeri attuali sono ancora lontani da permettere stampe di manuali in edizioni diverse?
Siamo in attesa, ormai da molti mesi, dell’autorizzazione alla pubblicazione di questi magnifici manuali “collector”, che sono molto richiesti e che speriamo prima o poi di riuscire a portare nei negozi.
D&D ricopre un posto particolare nella tua evoluzione sia di appassionato sia lavorativa. Da quanto segui il prodotto come “giocatore” e da quanto come “addetto ai lavori”? Quando hai saputo di avere “in casa” il gioco quali sono state le tue reazioni? Felicità o “terrore” per la fan base che avresti dovuto affrontare?
Considerando che il primo manuale che ho editato risale al 1997 (Manuale del Giocatore di AD&D Seconda Edizione) direi che la fase del “terrore” l’ho passata da un pezzo. Diciamo che per la Quinta Edizione ero un po’ preoccupato perché non avevo seguito molto le uscite in inglese dal 2014 in poi… Quando abbiamo ottenuto i diritti, nel 2017, ho dovuto rispolverare glossari e terminologie che non toccavo da molti anni (dal 2009, ultimo manuale che ho seguito per la Quarta Edizione), ma alla fin fine crediamo di avere svolto un buon lavoro.
Attualmente siamo arrivati alla sesta stampa, che consideriamo un bel traguardo! C’è da dire che ho curato solamente la pubblicazione del Manuale del Giocatore, per tutte le altre uscite mi sono avvalso di una mia collaboratrice storica molto in gamba, Chiara Battistini, che sta seguendo tutta la produzione, lavorando sulla traduzione di un’altra pietra miliare del settore, Fiorenzo Delle Rupi.
Quanto del tuo bagaglio culturale e di esperienza troviamo nella attuale versione del gioco? Ti sei “portato dal passato” qualche glossario o elemento che avete utilizzato per mantenere una coerenza con le vecchie edizioni?
Ho una cartella “Glossari” creata più o meno nel millennio scorso, che ho (abbiamo) utilizzato nel corso di tutte le edizioni. In origine, cercammo di mantenere coerenza con la vecchia scatola rossa di D&D, pubblicata da Editrice Giochi, come ad esempio il mitico Dardo Incantato.
In linea di massima abbiamo sempre cercato di mantenere il massimo della coerenza possibile tra un’edizione e l’altra, anche nei termini più ricercati. Per esempio, nella Guida degli Avventurieri alla Costa della Spada, di prossima uscita, i termini geografici sono esattamente gli stessi della scatola base di Forgotten Realms di AD&D Seconda Edizione, pubblicata più di vent’anni fa!
Attualmente Asmodee attraverso Gale Force 9 detiene i diritti per la pubblicazione dei manuali cartacei e non quelli PDF. Il mercato sempre più sembra richiedere la vendita in bundle o anche singola per le versioni digitali… se si aprisse la possibilità secondo te il mercato italiano sarebbe una piazza interessante per questa tipologia di distribuzione?
Devo dire che nutro forti dubbi in merito, da noi la pirateria è ancora ampiamente diffusa, anche se capisco che sarebbe molto comodo avere la versione in pdf dei manuali per facilità di consultazione durante le sessioni di gioco. C’è da dire che è un problema che non si pone, dal momento che questa non è una decisione che spetta ad Asmodee Italia ma bensì a Wizards of the Coast.
Qualche numero sulla vendita di D&D in Italia? Siamo rimasti alle 10.000 copie del Manuale del Giocatore, qualche aggiornamento?
Al checkpoint di metà luglio siamo arrivati a 14.000 copie, ma il periodo migliore dell’anno è da settembre in poi.

Fonte: https://www.tomshw.it/culturapop/asmodee-dungeons-dragons-e-giochi-di-ruolo-intervista-a-massimo-bianchini/
Read more...
AndreaP

[TdG] Nameless Cults - The Pits of Bendal-Dolum (Topic II)

Recommended Posts

Dottor Buill 

Il dottore si tampono' nuovamente il sudore dalla fronte: la calura e la tensione lo stavano decisamente sfibrando.

Il dottor Morgan non ha preso bene la decisione del resto del gruppo di interrompere la perlustrazione del sito per tornare a riferire alle autorità, ma invece di limitarsi a discuterne ha cercato di costringerci con le armi in pugno.... mi ha puntato una rivoltella alla tempia disse tremando al ricordo.

Nessuno mette in dubbio le sue competenze e la sua passione per l' archeologia ma il disprezzo che ha dimostrato per la vita dei suoi simili mi impone di denunciarlo alle autorità.

Edited by shadizar

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ludwig

Quanto al signor Lockly, si tratta di una precauzione in seguito ad alcuni fatti sospetti che andro' a relazionarvi, e che riguardano la morte del Prof. Williamson e dei suoi compagni di viaggio, e quella di un nostro collaboratore, avvenuta nel corso di questo nostro viaggio.

Il tedesco depose sul desco il diario dell'archeologo, da lui ritrovato, e lo apri' alla pagina in cui era leggibile il nome di Lockly. Fece cenno a chi lo custodiva di portare il fucile dell'uomo, e bossoli e proiettili raccolti accanto alla salma scheletrica del collaboratore e disegnatore della sfortunata spedizione.

Questo e' il fucile di Lockly, con il quale, almeno apparentemente per sventura, il suddetto ha colpito mortalmente un membro della nostra spedizione mentre tentava di difenderlo da un serpente che stava per morderlo. Rettile che, tuttavia, non e' stato visto da altri. Inoltre, il suddetto ha ripetutamente affermato di essere estraneo alla precedente spedizione dispersa, mentre qui nel diario del defunto professore si legge chiaramente il suo nome, ed i dubbi che alcuni membri della spedizione avevano su di lui. Quando abbiamo trovato i corpi degli uomini che cercavamo, abbiamo constatato che erano stati uccisi proprio a colpi di fucile.

Il tedesco, nonostante parlasse di eventi tragici, riusciva a mantenere un teutonico aplomb.

Da qui, la necessita' di impedire il rischio che fatti simili si ripetessero, questa volta a nostro danno. Tuttavia, il Lockly e' stato collaborativo, dal momento della sua ammanettatura, pur protestando con garbo la propria innocenza. Non sono, personalmente, convinto della sua colpevolezza, e potrebbe essersi il colpevole reale fregiato del nome del nostro prigioniero per compiere i propri atti criminosi. Del che, credo, puo' costituire prova definitiva il confronto fra i proiettili estratti dai cadaveri e quelli espulsi dalla canna del fucile del Locly, se vorrete effettuare questo test, per il quale occorre un microscopio di cui non potevo disporre in viaggio.

Si volto' verso Lockly, facendogli un sorriso rassicurante. Era proprio convinto della sua buona fede.

L'accertamento della verita' non spetta a me, ma sono a disposizione per le vostre domande e per le procedure di rito. E' mio interesse rientrare in America, dove risiedo, ma nulla osta ad attendere i tempi della giustizia inglese, se necessario.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Craig Babcok

Lascio che siano gli altri a spiegare il perchè non è il Dottor Morgan a capo della spedizione, sperando che queste facezie burocratiche si possano risolvere in fretta ma, del resto, il Regno Unito non ha mai preso di buon grado la perdita delle sue "colonie", quindi non mi faccio tante illusioni in merito

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carter

"In quanto accademico di più alto grado, dopo Morgan, di fronte a questa suo ingiustificato comportamento, ho preso la decisione di rientrare nel più breve lasso di tempo possibile. La situazione richiedeva urgenza e cautela", Carter arricchì la verità, assumendosi una responsabilità forse maggiore nella scelta di un ritorno affrettato. Ma era una situazione che sarebbe risultata più accettabile ai funzionari della dogana. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

9 Maggio 1922 Mezzodì

"Va bene" disse l'ufficiale "raccoglierò una deposizione scritta da ciascuno di voi"

I compagni passarono la seguente ora nell'ufficio della guardia doganale di Sua Maestà Imperiale. 

Al fine l'uomo rialzò la testa. "Per me è tutto" riprese "Terrò questi oggetti come prova. Il giudice deciderà sulla sorte dei due. Voi cosa avete intenzione di fare ora?"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dottor Buill

Se non necessita la nostra presenza qui, penso che torneremo a casa.

Dobbiamo condividere informazioni e scoperte con la reale accademia e abbiamo delle famiglie in attesa di abbracciarci. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carter

"Vorrei inviare un telegramma all'Università, prima di ogni cosa. Necessitano di sapere del ritrovamento della spedizione precedente, dei morti e del comportamento di Morgan. Dove trovo un ufficio dotato di telegrafo?", aggiunse Carter. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

9 Maggio 1922 Mezzodì

"Per me potete andare" disse l'Inglese "il telegrafo è vicino al porto. Domani tra l'altro partirà un bastimento per il vostro paese: potete verificare se vi siano ancora posti"

Quindi con un gesto salutò i compagni

@all

Spoiler

Se non volete fare altro in Belize, possiamo tornare negli U.S.A.

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ludwig

Il tedesco apprese con piacere di essere libero di andare. Ebbe soltanto un'ultima richiesta per l'ufficiale. "Poiché la vicenda mi vede interessato, fisicamente ed emotivamente, vi chiedo se sarà possibile tenerci informati tramite ambasciata o università dell'esito dei vostri accertamenti su questi due uomini. Inoltre, qualora venisse organizzata una eventuale spedizione per tornare nei luoghi in cui questa disavventura è iniziata e si è conclusa, vi chiedo di esserne nuovamente informato, in quanto mi piacerebbe prendervi parte, e ritengo con utilità del finanziatore poichecome conoscitore del percorso ed ormai aduso a frequentare la giungla sotto la vostra giurisdizione."

Quindi accompagnò Carter a fare la sua informativa telegrafica, quasi aspettandosi che gli fosse richiesto di rimanere ed organizzare una ulteriore 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carter

"Trovata spedizione Williamson. Tutti morti. Necessità organizzare nuova spedizione. Morgan impazzito. Messo agli arresti. Cerchiamo nave per ritorno. Carter Grant".

Fu questo il messaggio che Carter dettò al telegrafista, non appena ne ebbe modo.

Dovevano trovare un trasporto per il New England, al più presto. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Craig Babcock

Per fortuna le operazioni alla dogana inglese si sono svolte rapidamente e non ci hanno rallentato, non che abbiamo urgenza di partire ma lasciare questo paese non mi dispiacerebbe per niente

Share this post


Link to post
Share on other sites

9 Maggio 1922 Mezzodì

"Il governo di Sua Maestà non si dimentica dei testimoni." disse l'ufficiale accomiatandosi da Ludwig "E nell'improbabile caso venga organizzata una nuova spedizione valuteremo certamente per il meglio se sia necessario coinvolgere degli yenkees"

Inviato il telegramma i compagni raggiunsero il bastimento concordando con il capitano un vantaggioso trasporto che gli avrebbe permesso di raggiungere gli Stati Uniti

16 Maggio 1922 Mattina

Il viaggio era stato senza eventi e in sei giorni i compagni raggiunsero Boston, per poi muoversi verso Arkham. Dopo una notte di riposo gli amici si recarono alla Miskatonic University per incontrare il professor Armitage. Era passato più di un mese dalla loro partenza.

L’ufficio del professor Armitage era al piano terra nel corridoio che portava alla biblioteca. Non molto grosso oltre alla scrivania aveva una grossa libreria ricolma di libri e uno schedario.

Una finestra sulla parete di fronte alla porta dava sul parco del campus principale e al di la si vedeva il dormitorio dei figli della classe media.

L’odore di pipa riempiva l’aria 

Dietro una scrivania ricoperta disordinatamente di faldoni stava seduto il professore con la sua pipa in mano. L’uomo sui sessanta anni con barba e capelli bianchi e piccoli occhiali da lettura a mezza luna aveva sempre un sorriso sul volto.
Direttore della biblioteca da più di 15 anni il professor Armitage era considerato un’istituzione nell’Università

Il professore accolse con calore il gruppo "Bentornati" disse "ho ricevuto il vostro telegramma! Sono rimasto molto stupito. Sedetevi e raccontatemi tutto!"

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carter

Carter accolse l'invito di Armitage con riconoscenza. 

Il rientro da una spedizione archeologica era sempre un misto di malinconia e conforto, ma, in quella specifica occasione, lo studioso era particolarmente lieto di essere nuovamente in condizione di riposarsi, sedere sotto un tetto familiare, accendersi una sigaretta e chiacchierare senza ansia. 

Iniziò a narrare gli eventi della spedizione, con dovizia di particolari, lasciando ai compagni lo spazio ed il modo per intervenire.

Il tempo passava e le ombre si allungavano.

Carter non le ricordava così oscure...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ludwig

Il lungo viaggio in nave aveva lasciato all'aristocratico tedesco il tempo di meditare sugli avvenimenti delle ultime settimane. Molto tempo. Troppo. Ludwig comincio' a sentire una sorta di malessere da astinenza, pur non essendo dedito che alle sigarette di tabacco, ed anche di quelle non farne che un uso centellinato.

Sentiva l'astinenza dall'avventura, da tutte quelle sostanze e sensazioni che il pericolo, il mistero, l'indagine, il disvelamento erano stati in grado di istillare, goccia a goccia, dentro il suo cervello analitico, fino a renderlo praticamente dipendente. L'idea di ritrovarsi di nuovo in un salotto, con scarpe di cuoio lucido anzicche' stivali infangati, ad osservare donnicciole incipriate scostare il caldo a colpi di ventaglio, gli parve la cosa piu' orrenda che possa capitare ad un uomo.

Aveva assaggiato l'avventura, e sentiva la voglia di farne un nuovo pasto. Spesso andava a trovare il dottore, sperando che avesse trovato il modo di sviluppare le fotografie. Quando gli sarebbe stato possibile, avrebbe infatti ammansito finalmente quel tormento con quel patetico placebo che era ammirare i luoghi ed i misteri ancora insoluti che si erano lasciati dietro.

Una settimana dopo, erano al cospetto del professor Armitage. Collaboro' con Carter nel mettere in piazza quanto accaduto, sottolineando il cordoglio per la perdita per le famiglie e per il mondo accademico del Professor Williamson e della sua equipe di ricerca, e dicendosi intenzionato a partecipare alle esequie eventualmente predisposte in loro memoria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niklas Von Aehrentha

Nonostante le doti atletiche e la sua indole, ancora il giovane nobile tedesco non riusciva a comprendere il motivo per cui si era tirato così indietro nell'avventura appena conclusa. Il suo viaggio d'altronde aveva uno scopo ben preciso, ma al vedere quegli avvenimenti inspiegabili il suo sangue freddo era venuto meno. Quella nebbia assassina nel pozzo, quelle ombre nei tunnel, quegli incubi avevano creato un solco nella sua mente, tanto da farlo arretrare davanti a quell'ingresso segreto ricoperto da un'altra fitta nebbia. Non poteva perdonarsi di essere stato così pavido. Non poteva perdonarsi di essersi tenuto così indietro e decise, ritornato negli Stati Uniti, di unirsi a una nuova avventura, anche per dimostrare a se stesso di poter vincere i timori della sua mente. Decise di documentarsi su quella civiltà per scoprire qualcosa di più su ciò che era accaduto e per capire come cavarsela in situazioni simili, se mai nel futuro ci sarebbero state.

Il giorno dopo il loro arrivo ad Arkham si recò con il gruppo al cospetto del professor Armitage, il suo amico di penna, esattamente allo stesso modo in cui era iniziata quell'avventura. Ascoltò il racconto di Carter e Ludwig, annuendo alle loro spiegazioni e accennando piccole correzioni qua e là a quello che dicevano, e stette ad osservare le reazioni del professore quando furono accennate le cose più incredibili avvenute in quella spedizione, dalle più inspiegabili come la nebbia nel pozzo e l'apertura della piramide, al momento di pazzia dell'archeologo e il fermo di Lockly. 

 

Custode

Spoiler

A Boston e/o ad Arkham provo a contattare di nascosto dei ricettatori per la statuetta, per vedere se riesco a piazzarla subito magari a dei collezionisti privati. 

 

Edited by Daimadoshi85

Share this post


Link to post
Share on other sites

16 Maggio 1922 Mattina

Armitage ascoltò con attenzione il racconto dei membri della spedizione. "Avete fatto un ottimo lavoro, e l'Università vi è riconoscente: confido che riporterete quanto trovato in un lavoro da pubblicare" aggiunse rivolto a Carter

Poi riprese "Dopo la ricezione del vostro telegramma ho informato le autorità che hanno perquisito gli appartamenti di Morgan. Mi hanno chiesto di aiutarli ad interpretare gli appunti trovati"

"Pare che il nostro esimio collega fosse legato ad un organizzazione chiamata 'i seguaci di Shub-Niggurath'. Pare che questo sia un culto antico, ma ho trovato poche tracce sul tema: sto ancora cercando. In ogni caso era ossessionato nel trovare un luogo nella giungla chiamato Bendal-Dolum, che il lingua corrente si potrebbe tradurre come 'Tempio della Pecora Nera dei Boschi'. Aveva spinto lui con falsi indizi il povero Williamson a quella spedizione per cercare quel luogo, attraverso una guida locale, tale Gordon Lockly. Dopo il fallimento della missione di Williamson aveva deciso di partire lui stesso."

"Questo è tutto quello che ho scoperto per ora." concluse "Vi prometto che se dovessi trovare altre informazioni ve le farò avere" 

@Daimadoshi

Spoiler

Vendi la statuetta per 100$

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

16 Maggio 1922 Mattina

"Ottimo" riprese Armitage "se nessuno ha niente da aggiungere direi che ci salutiamo qui. Vi verranno accreditati 100$ dall'Università a compenso della missione"

"E personalmente avete i miei ringraziamenti. Spero di rivedervi presto" concluse

@all

Spoiler

 

Direi che l'avventura si conclude qui. Vi ringrazio tutti per le belle pagine scritte.

Segnate pure sulle schede i soldi avuti. 
Vi scrivo in TdS come procedere per avanzare i PG e apro al più presto il novo TdG

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ludwig

Certo i soldi non erano un compenso da disdegnare, anche un nobile ha necessita' di provvedere alle proprie quotidiane spese per il sostentamento. Tuttavia, quel che aveva sperato era una seconda missione verso quelle rovine, qualcosa che gli facesse respirare l'avventura con la scusa di dipanare fino in fondo il mistero. 

Rimase sorpreso nell'apprendere che Lockly era probabilmente davvero stato autore di quelle morti. Eppure, in ogni momento durante il rientro gli era sembrato sincero nell'affermare di non aver partecipato alla spedizione. L'unica spiegazione che riusciva a dare era una amnesia inconscia relativa a quegli eventi, ma era un'ipotesi che si arrampicava sugli specchi... facendoli per giunta scricchiolare.

"Professor Armitage, e' stato per me un onore essere utile all'Universita'. Rientro nella vita quotidiana, ma voglio assicurarvi che volentieri rinnovero' la nostra collaborazione in futuro, se dovesse rendersi necessario. I miei omaggi e i miei rispetti." concluse, salutando e accomiatandosi dalla comitiva. 

A casa, dopo cena, accese una sigaretta. L'ultima di quelle che avevano viaggiato con lui. Non ne ebbe lo stesso piacere di sempre.
Dovette aprire le finestre e respirare gli odori della notte cittadina, per tentare di trovare quella nota di selvatico che ormai mancava alla sua esistenza.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carter

"Molte grazie, professore. Ben riconoscente", fece Carter, finendo di sorseggiare il suo scotch. 

"Può contare su di me, quando vuole. Purtroppo, adesso il dipartimento di archeologia della Miskatonic si troverà un poco in difficoltà".

Grant fece per andarsene, desideroso di trovare riposo e comodità, in quella dimora mezza vuota che si ostinava a chiamare casa. 

Ma, diversamente dal solito, si premurò per bene di chiudere a doppia mandata la porta e di serrare tutte le finestre...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Niklas Von Aehrentha

Grazie mille professore per questa opportunità! Come sempre, ci terremo in contatto per via epistolare. Se mai avesse nuove notizie su questo culto, mi faccia sapere. Questo viaggio mi ha molto incuriosito e, nonostante le disavventure, mi piacerebbe scoprire qualcosa di più su ciò che ci è accaduto.

Il giovane salutò il gruppo di compagni di avventura, uscendo dall'ufficio del professore, e si diresse a casa, ad allenarsi, corpo e mente, per poi cadere in un sonno profondo nella speranza di non ricevere visite da quegli orribili esseri tentacolari di cui la città era piena.

Edited by Daimadoshi85
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.