Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Waterdeep: il Furto dei Dragoni. Remix - Parte 1C: Fazioni dei Personaggi

Proseguiamo nel remix proposto da The Alexandrian dell'avventura Waterdeep: Il Furto dei Dragoni, finendo di parlare delle fazioni presenti a Waterdeep.

Read more...

In arrivo la Guida di Van Richten a Ravenloft, la Guida Omnicomprensiva di Xanathar e lo Schermo del Dungeon Master Reincarnato

Sono stati annunciati ufficialmente dalla WotC tre nuove localizzazioni italiane di prodotti per D&D 5E.

Read more...
By Lucane

I Mondi del Design #13: Le Quattro Fasi della Magia - Parte 3

Lew Pulsipher ci propone una serie di domande circa la diffusione della magia nel mondo di gioco, offrendo spunti di riflessione sui quali costruire campagne e ambientazioni più interessanti. 

Read more...

Classe Armatura in Dungeons & Dragons 5E

In questo articolo analizziamo i maggiori cambiamenti alla Classe Armatura nella Quinta Edizione di Dungeons & Dragons.

Read more...

Personaggi di Classe #2 - Collegio Bardico: Collegio del Metal

Nel secondo appuntamento con HicksHomebrew conosceremo un collegio bardico che insegna a cantare in growling e a realizzare potenti assoli. Preparatevi a pogare!

Read more...

Etica del Druido


Marchio_di_Ferro
 Share

Recommended Posts

Buonasera a tutti, vorrei un parere su come comportarmi da DM nei confronti di un PG druido.

Premessa: un grosso branco di lupi incredibilmente feroce e famelici prende di mira una comunità di pastori, non solo predado i greggi e le mandrie ma da anche gli esseri umani, arrivando addirittura ad assalire le abitazioni, sfondando le finestre e le porte, incuranti delle perdite e per nulla intimoriti da fuoco e recinzioni. Cosa ancora più strana, sbranano qualsiasi creatura sul posto ma non gli umani, i cui corpi non vengono mai ritrovati e dalle tracce ritrovate sembrano essere trascinati forse ancora vivi verso un bosco.

Il gruppo si mette sulle tracce insanguinate lasciate dalle belve, imbattendosi prima in un paio di cadaveri semi divorati e poi in una piccola radura in cui si trovano mezza dozzina di corpi dilaniati dalle belve. In tutti i casi si tratta di bambini, donne o anziani, degli uomini adulti nessuna traccia.

Improvvisamente sbuca un grosso lupo che si blocca e li fissa per alcuni istanti. Il druido prova a parlare con l'animale ma questi sebbene lo capisca si rifiuta di rispondergli. Il barbaro ignorante si stufa, fa quattro passi e schianta l'ascia bipenne sul cranio della bestia, uccidendola sul colpo. Ai guaiti di morte del lupo rispondono decine di ululati e in breve tempo tantissimi altri lupi accorrono, accerchiando il gruppo. Gli animali sono palesemente guidati da una strana lupa dal pelo bianco-argentato e dagli intelligentissimi occhi azzurri (una worg stregona, stirpe fatata) e da una "fatina" dalla carnagione diafana e dalle cupe ali di falena (una atomie CM).

Inizia quindi un furibondo scontro e finalmente arriviamo al nocciolo della questione: il druido dopo il tentativo fallito di comunicare con il primo lupo ha iniziato ad ucciderne uno dietro l'altro, picchiandoli con il bastone ferrato, scatenandogli contro la tigre compagno animale e usando anche gli incantesimi.

Dal mio punto di vista avrebbe dovuto concentrarsi sulla worg e sulla atomie, dato che era piuttosto chiaro che gli animali agivano in modo violento ed innaturale per causa loro, invece di limitarsi a comportarsi come in un qualunque altro scontro, accoppando semplicemente chi gli capitava a tiro.

Andrebbe punito? E in che modo?

P.S. usiamo un'abientazione home made, ma comunque il credo del druido in questione è paragonabile alla Fede Verde di Golarion.

Edited by Nereas Silverflower
Correzione prefisso
Link to comment
Share on other sites


Beh in base alla mia esperienza, gli farei allontanare il compagno animale e soprattutto quando evoca creture gliele ritorcerei contro,enfatizzando il fatto di aver perso quel legame naturale e personale con la natura tipico del Druido [la magia la lascerei per poter avere i mezzi per rimediare al misfatto]

tipo: il druido prova a contattare la natura(animale e pianta che sia) e sente come risposta: "nostra madre vuole prima che tu redima i peccati fratello mio"

ovviamente questo se il giocatore del Druido aveva capito che i lupi erano controllati perchè se ha capito diversamente(personalmente avrei cercato di farglielo capire in modo spinto ma a volte i giocatori non ci arrivano anche se potrebbe essere il master a non farsi capire) farei una cosa minore tipo inquietudine del compagno animale e delle creature evocate (tradotto in una penalità all'attacco)

in ogni caso prova a chiedere anche al giocatore del Druido cosa ha capito fosse successo ai lupi (ovviamente in modo indiretto con qualche png)

questi sono di solito i miei metodi, spero di averti aiutato :)

Link to comment
Share on other sites

Mah, francamente mi sembra che non abbia grandi colpe.

I lupi (controllati o meno) lo stavano attaccando intenzionati ad uccidere. Lui si è difeso e basta.

Non è che è andato in giro ad ammazzare pulcini per vedere che rumore fanno quando li schiacci... Si è difeso da dei predatori che lo volevano morto.

Non è che deve lasciarsi sbranare perchè "poveri lupi, non volevano!"

Sarebbe assurdo.

Magari gli spiace, ma l'autodifesa non va contro l'etica del druido.

Link to comment
Share on other sites

Mah, francamente mi sembra che non abbia grandi colpe.

I lupi (controllati o meno) lo stavano attaccando intenzionati ad uccidere. Lui si è difeso e basta.

Non è che è andato in giro ad ammazzare pulcini per vedere che rumore fanno quando li schiacci... Si è difeso da dei predatori che lo volevano morto.

Non è che deve lasciarsi sbranare perchè "poveri lupi, non volevano!"

Sarebbe assurdo.

Magari gli spiace, ma l'autodifesa non va contro l'etica del druido.

aspetta hai capito che i lupi erano controllati? per un druido la natura è sacra, è come una madre, se il druido sa del fatto che i lupi sono controllati ha l'obbligo di salvarli se possibile e li chi li controllava li stava di fronte ;)

Link to comment
Share on other sites

Un druido del genere se fosse stato costretto a combattere in un'arena con delle fiere e non fosse riuscito a convincerli si sarebbe lasciato sbranare?

Imho non avrebbe senso, l'autodifesa è sacrosanta in questa situazione.

Detto questo, un druido con un credo del genere dovrebbe sentirsi in colpa di un gesto del genere, se non altro per non aver potuto limitare le morti dei lupi. Tutta la rabbia del druido dovrebbe concentrarsi su coloro che lo hanno cotretto a questi atti, magari per essere perdonato dalla natura stessa.

In fondo, anche un uragano o un terremoto è una manifestazione della natura, no? :evil:

Link to comment
Share on other sites

mmh non vi sto capendo, per quello che marchio_di_Ferro ha scritto colui con cui doveva prendersela l'aveva davanti a se" Gli animali sono palesemente guidati da una strana lupa dal pelo bianco-argentato e dagli intelligentissimi occhi azzurri (una worg stregona, stirpe fatata) e da una "fatina" dalla carnagione diafana e dalle cupe ali di falena (una atomie CM).

Dal mio punto di vista avrebbe dovuto concentrarsi sulla worg e sulla atomie, dato che era piuttosto chiaro che gli animali agivano in modo violento ed innaturale per causa loro"

a me non pare che il druido sia impossibilitato a liberarli anzi, li bastava attaccare chi li stava controllando

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Bisogna valutare se si sia messo a massacrare lupi per effettiva noncuranza o per necessità. Se gli sono andati addosso (a lui, ma anche ai compagni) duecento lupi, ed erano effettivamente una minaccia (nel senso che se si trattasse, esempio estremo, di lupi normali contro un gruppo di 20°, in pratica sarebbero come mosche e si potrebbero fondamentalmente ignorare, e viceversa), allora non poteva non mettersi a bastonarli per ridurre la forza nemica.

Se c'era la possibilità di concentrarsi sul capobranco (cosa che sarebbe logica anche a prescindere dalla sua natura magica), allora può essere punibile.

Per la punizione mi terrei sul semplice e già regolamentato (facendolo rientrare in un'interpretazione dello "smettere di venerare la natura", o meglio, in questo caso, "di rispettare"):

"Ex-Druids

A druid who ceases to revere nature, changes to a prohibited alignment, or teaches the Druidic language to a nondruid loses all spells and druid abilities (including her animal companion, but not including weapon, armor, and shield proficiencies). She cannot thereafter gain levels as a druid until she atones (see the atonement spell description)."

Link to comment
Share on other sites

@mystogan e Irrlicht: il mio timore è solo quello di essere troppo severo nell'infliggergli un tale punizione... dato che la situazione non è ancora risolta che ne dite se per questa volta gli do un avvertimento di qualche tipo (tipo che le macchie di sangue dei lupi sul suo bastone, sui vestiti e sulla pelle non vanno più via, aumentare di un paio di punti le prove relative al compagno animale) e vedo come reagisce?

@ Idrahil e New One: non mi pare di aver scritto che avrebbe dovuto lasciarsi sbranare, ma il fatto che non si sia sentito in colpa mentre abbatteva un lupo dietro l'altro che mi ha fatto sorgere questo problema. Ha affrontato il combattimento come se stesse affrontando una banda di briganti o di goblin.

P.S. Ma la situazione era di pericolo si, ma più che altro a causa della atomie ladra che da invisibile faceva dei furtivi piuttosto dolorosi e della worg che "infastidiva" i picchiatori frastornando e sparpagliando malus. I lupi sebbene numerosi colpivano raramente e provocando danni trascurabili. Li facevo volutamente attaccare senza una vera e propria strategia per far risaltare questa loro innaturale brama di sangue (quindi si beccavano ado quando si muovevano, si accalcavano intralciandosi uno con l'altro non riuscendo ad attaccare, cose così).

Link to comment
Share on other sites

@mystogan e Irrlicht: il mio timore è solo quello di essere troppo severo nell'infliggergli un tale punizione... dato che la situazione non è ancora risolta che ne dite se per questa volta gli do un avvertimento di qualche tipo (tipo che le macchie di sangue dei lupi sul suo bastone, sui vestiti e sulla pelle non vanno più via, aumentare di un paio di punti le prove relative al compagno animale) e vedo come reagisce?

@ Idrahil e New One: non mi pare di aver scritto che avrebbe dovuto lasciarsi sbranare, ma il fatto che non si sia sentito in colpa mentre abbatteva un lupo dietro l'altro che mi ha fatto sorgere questo problema. Ha affrontato il combattimento come se stesse affrontando una banda di briganti o di goblin.

P.S. Ma la situazione era di pericolo si, ma più che altro a causa della atomie ladra che da invisibile faceva dei furtivi piuttosto dolorosi e della worg che "infastidiva" i picchiatori frastornando e sparpagliando malus. I lupi sebbene numerosi colpivano raramente e provocando danni trascurabili. Li facevo volutamente attaccare senza una vera e propria strategia per far risaltare questa loro innaturale brama di sangue (quindi si beccavano ado quando si muovevano, si accalcavano intralciandosi uno con l'altro non riuscendo ad attaccare, cose così).

Se ti pare che non se ne fosse accorto, la soluzione da te proposta può starci; potrebbe essere una buona idea da applicare anche per un giocatore inesperto col Druido

l'importante è che capisca per quale motivo stia accadendo ciò ;)

Link to comment
Share on other sites

Tieni presente che il giocatore/personaggio potrebbe non essersi accorto del fatto che i lupi fossero controllati. Per te che eri il master era evidente, per il giocatore la cosa poteva non essere altrettanto chiara e quindi ha reagito considerandoli come una minaccia.

Potrebbe non essere stato cosciente che bastasse uccidere il worg perchè gli altri lupi si calmassero.

Le questione etiche sarebbe meglio risolverle subito, chiedendo al giocatore di motivare le sue azioni e facendogli notare quando le sue azioni vanno "contro" quanto ci si aspetterebbe dal suo personaggio perchè magari il giocatore si fà prendere dalla foga e lascia un pò perdere l'immedesimazione nel personaggio.

Link to comment
Share on other sites

Sicuro che tutta questa situazione particolare non rientri nella categoria "divora o sarai divorato?"

Si che ci rientra, ma non è quello il punto. Per dire, poteva usare i danni non letali, anche solo per un colpo o due, poi se vedeva che magari non colpiva a causa della penalità poteva passare ai danni letali. Quello è un atteggiamento di chi compie qualcosa a malincuore e l'avrei accettato.

Invece il "Ok, tiro iniziativa.. nel primo round pompo la tigre e la mando in mischia con il primo lupo che mi minaccia, così se posso prendo il bonus per fiancheggiare.. poi randello magico così aumento il danno.." mi pare un freddo professionista che si appresta ad affrontare al meglio l'ennesimo combattimento, senza farsi tanti problemi.

@ Ermenegildo2 Beh, con un worg che incita i lupi a sbranare "i due zampe" direi che ci sono pochi dubbi. Comunque hai centrato il punto, probabilmente per la foga è andata a farsi benedire l'immedesimazione ed è questo che mi senti di punire.

Link to comment
Share on other sites

Se te ne eri accorto allora dovevi parlarne con il giocatore non aspettare che sia finito per accanirti sul personaggio.

Se un giocatore sbaglia a giocare lo si corregge.

Beh non era assolutamente automatico che i lupi una volta ucciso il worg si sarebbero fermati, potevano essere stati corrotti intimamente oppure continuare a seguire gli ordini del capobranco fino a che non ne avessero avuto uno nuovo oppure potevano considerare i pg una minaccia e continuare ad attacarli.

Link to comment
Share on other sites

Se te ne eri accorto allora dovevi parlarne con il giocatore non aspettare che sia finito per accanirti sul personaggio.

Se un giocatore sbaglia a giocare lo si corregge.

Beh non era assolutamente automatico che i lupi una volta ucciso il worg si sarebbero fermati, potevano essere stati corrotti intimamente oppure continuare a seguire gli ordini del capobranco fino a che non ne avessero avuto uno nuovo oppure potevano considerare i pg una minaccia e continuare ad attacarli.

Ok, dopo questo intervento mi è chiaro che parte delle risposte sono state date senza leggere quello che ho scritto (anche perché mi ero dilungato abbastanza, mea culpa). Comunque mi sono fatto un'idea su come agire, probabilmente stando "nel mezzo". Grazie a tutti quelli che hanno risposto per darmi una mano e non tanto per creare discussione, per me si può chiudere qui.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.