Jump to content

[Sondaggio] Master che interpreta un PG ?


ricbo
 Share

Master che interpreta un Personaggio Giocante?  

48 members have voted

  1. 1. Master che interpreta un Personaggio Giocante?

    • Sì,va benissimo
      4
    • No,non sono d'accordo
      39
    • Altro (Dipende,Non saprei,Ecc.)
      5


Recommended Posts

Buongiorno Community :-p

Mi stavo chiedendo:cose ne pensate di un Master che oltre a dirigere il gioco,interpreta anche un Personaggio Giocante?

Con la parola "interpreta",intendo sia giocare il lato ruolistico (recitare un ruolo) sia giocare la parte meccanica (utilizzare le varie abilità e regole del gioco).

E con "Personaggio Giocante",intendo un personaggio completo di scheda che agisce e si relaziona con il gruppo di giocatori che masterizza.

Secondo voi,è corretto che un Master interpreti un Pg con il rischio di influenzare la storia,favorire il suo Personaggio (premi,ricompense,investiture),aiutare alcuni Pg a discapito di altri,forzare alcune decisioni nel gruppo?

Oppure ritenete che il Master sia sempre e comunque equo e giusto,un arbitro impeccabile e oggettivo e possa ruolare qualsiasi Personaggio egli voglia?E questo perchè riesce comunque a non far pesare le azioni e decisioni del suo Pg all'interno del party..

-Sì,va benissimo

-No,non sono d'accordo

-Altro (Dipende,Non saprei,Ecc.)

Mi raccomando,giustificate la vostra risposta e fatemi sapere le vostre opinioni a riguardo :lol:

Link to comment
Share on other sites


No non sono d'accordo.

Sarebbe un elemento troppo influenzante all'interno del gruppo. Potrebbe portare il gruppo a fare decisioni che non farebbe perchè alla fin fine lui sa la trama e ciò che succederà.

Link to comment
Share on other sites

no, non sono d'accordo.

Il master è master, i giocatori i PG. Il master ha l'uso dei png...e spesso fa casino anche con quelli, condizionando gioco, scelte dei giocatori e azioni da "deus ex machina"

ciao dal nonno

Link to comment
Share on other sites

In alcune cronache di vampiri funziona così, cioé che alcuni arbitri finiscono a fare i personaggi, alcuni importanti.

A me è sempre piaciuto poco.

Sinceramente se voglio esperienze differenti le cerco nel sistema di gioco sopratutto in quelli dove i compiti del master sono diversamente distribuiti :D .

Daniele

Link to comment
Share on other sites

Mi trovo d'accordo con i pareri già espressi:

No, sia perché con un PG potrebbe influenzare (anche involontariamente) troppo le azioni del resto del party (cosa che già spesso avviene coi PNG, ma vabbè), e anche perché come sottolineato da Ji Ji il lavoro del DM è già parecchio impegnativo, e dover pensare anche al PG rischia di diventare una distrazione che gli potrebbe far fare male quello che dovrebbe essere il suo compito principale.

Link to comment
Share on other sites

Sebbene sia d'accordo con quello che è stato detto, io mi trovo in un problema analogo: Io e 2 miei amici intendiamo cominciare una campagna (io farei il DM). Dei tre, soltanto io ho una micro-esperienza in D&D (3.5). Il fatto è questo: trattandosi solo di due giocatori -un barbaro mezzorco ed un ladro halfling- con nessuna esperienza di gioco, ho pensato fosse necessario inserire un PG controllato da me (nano chierico) per poter essere di supporto al duo. Ho fatto bene? Esistono modi per potermi "liberare" dell'onere di dover usare anche un PG oltre a tutte le beghe che ho da DM?

Link to comment
Share on other sites

Il mio primo master in D&D 3.0 (e Rift) aveva il suo pg, ed è finita esattamente così (le parti in neretto):

Secondo voi, è corretto che un Master interpreti un Pg con il rischio di influenzare la storia, favorire il suo Personaggio (premi,ricompense,investiture), aiutare alcuni Pg a discapito di altri, forzare alcune decisioni nel gruppo?

Il suo pg era il più potente, il più fortunato, il capo del gruppo... mentre il resto di noi gli faceva da "portaborse".

Una rottura di palle stratosferica! L'abbiamo retto solo pochi mesi, poi ci siamo cercati un'altro master.

Quindi per la risposta è: NO; ASSOLUTISSIMAMENTE NO!!!

Uno, o fà il giocatore, o fà il master; se poi si stanca di fare sempre il master, allora gli altri del gruppo si sobbarcano, anche a rotazione, l'onere di prendere il suo posto per farlo divertire come giocatore.

Edit:

Sebbene sia d'accordo con quello che è stato detto, io mi trovo in un problema analogo: Io e 2 miei amici intendiamo cominciare una campagna (io farei il DM). Dei tre, soltanto io ho una micro-esperienza in D&D (3.5). Il fatto è questo: trattandosi solo di due giocatori -un barbaro mezzorco ed un ladro halfling- con nessuna esperienza di gioco, ho pensato fosse necessario inserire un PG controllato da me (nano chierico) per poter essere di supporto al duo. Ho fatto bene? Esistono modi per potermi "liberare" dell'onere di dover usare anche un PG oltre a tutte le beghe che ho da DM?

Secondo me hai fatto male; và bene uno o più png che aiutano di tanto in tanto i tuoi giocatori, ma non con una presenza continua, perchè a quel punto li trasformeresti in tuoi pg, che rischiano di rubare la scena ai pg dei giocatori.

Link to comment
Share on other sites

Secondo me hai fatto male; và bene uno o più png che aiutano di tanto in tanto i tuoi giocatori, ma non con una presenza continua, perchè a quel punto li trasformeresti in tuoi pg, che rischiano di rubare la scena ai pg dei giocatori.

In effetti la mia era più una paura che all'inizio non sapessero bene come fare o come cavarsela, ma a pensarci bene, lasciare a loro il cavarsela è il bello del gioco. A questo punto, credo che rimuoverò il mio PG.

Link to comment
Share on other sites

Sebbene sia d'accordo con quello che è stato detto, io mi trovo in un problema analogo: Io e 2 miei amici intendiamo cominciare una campagna (io farei il DM). Dei tre, soltanto io ho una micro-esperienza in D&D (3.5). Il fatto è questo: trattandosi solo di due giocatori -un barbaro mezzorco ed un ladro halfling- con nessuna esperienza di gioco, ho pensato fosse necessario inserire un PG controllato da me (nano chierico) per poter essere di supporto al duo. Ho fatto bene? Esistono modi per potermi "liberare" dell'onere di dover usare anche un PG oltre a tutte le beghe che ho da DM?

Non considerarlo un PG, ma un PNG.

Credi che al gruppo serva un guaritore di supporto e una guida all'interno dell'ambientazione, e hai pensato di inserirne uno? Perfetto!

Solo, non considerarlo il tuo PG: i PG tendono a rimanere in una campagna dall'inizio alla morte e a influenzarla attivamente, e tu non vuoi questo. Tieni il nano in secondo piano, a curare quando serve, magari tirare un buff ogni tanto e aiutare i giocatori quando si incagliano ma senza mai suggerire La Soluzione, soltanto il passo successivo. Fagli avere parti minori di ricompensa, non fargli rubare troppi PX...insomma, tienilo sullo sfondo, pronto a intervenire quando serva, ma non alla pari coi PG.

Se fai così, non dovresti avere problemi, l'importante è che il nano rubi la scena al massimo una volta in tutta la campagna. E quella volta non dev'essere contro il boss.

Link to comment
Share on other sites

Monolente, una buona idea per mettere in pratica quanto suggerito da Stroy: il nano è accecato/avvelenato/ammalato/maledetto (e, ovviamente, non ha accesso alle magie necessarie per rimuovere questa condizione), in modo tale che non possa prendere parte attivamente ai combattimenti/indagini; inoltre potresti fare che abbia alcuni livelli in meno dei pg.

Se i pg partono da un dungeon, potresti farglielo trovare prigionieri di alcuni degli abitanti del sotterraneo; dopo averlo portato in salvo, il nano diventa un alleato dei pg, a cui loro possono chiedere aiuto quando vanno nella città in cui si trova.

Link to comment
Share on other sites

Grazie dei consigli! Stroy ha colto il punto: sarebbe in pratica un PNG, diciamo per introdurre i due giocatori al gioco ed essere da supporto durante le prime battaglie/quest.

MattoMatteo, mi hai dato degli spunti molto interessanti, ci lavorerò su :yes:

Link to comment
Share on other sites

Io, e il vecchio master prima di me, di tanto in tanto proviamo nuovi pg inserendoli per un periodo nel gruppo, pg che durano molto poco e che presentano quasi sempre tratti salienti come l'essere lobotomizzati (prova di ranger combattente a due spade), sordi (durante le mie prime sessioni da master mancava completamente un caster, perché ero io, e per un paio di sessioni è rimasto appunto il mio pg, ma era sordo e per fargli fare qualunque cosa dovevano spiegarglielo in anticipo, oppure avrebbe agito in maniera standard), o semplicemente idioti (chierico di pelor che seguiva il gruppo in assenza di healer e si rifiutava di fare praticamente qualunque cosa, sopratutto healare). Io ho smesso di masterare con l'ultima sessione e ho restituito il testimone al precedente master, ma avevo già cominciato ad inserire il mio pg come npg per un paio di sessioni per fargli da scorta fino alla città dove devono arrivare, e l'ho SEMPRE lasciato fuori dalle battaglie e dalle quest, a parte nel primo incontro, nel quale sfida il gruppo ad una scazzottata amichevole, e nell'ultima sessione, quando con l'avenger mezzo morto, il duellante in condizioni pietose e solo mago e sacerdote guerriero ad affrontare un drago vecchio l'hanno mandato a chiamare (aspettava fuori dalla caverna per controllare che degli alleati non facessero scherzi), e infatti hanno dovuto poi divedere tesoro e exp anche con lui.

In ultima analisi, non sono contrario, a patto che il master sappia che non è il suo momento e si metta in disparte da solo.

Link to comment
Share on other sites

E' difficile, se non quasi impossibile giocare da master e pg senza essere veramente bravi (sia come giocatori che come master).

In passato per amici l'ho anche fatto ma il risultato è sempre stato abbastanza scarso.

Giocando da pg/master percepisco la mancanza di suspence/tensione che si avrebbe se il giocatore giocasse da solo.

Quindi: MAI!

Link to comment
Share on other sites

Per me non è corretto, e i motivi sono quelli che avete già detto, ma mi trovo costretto nel mio gruppo a interpretare un ladro, causa carenza di giocatori. Il party sarebbe stato troppo piccolo se no.

Comunque, anche se è un Pg con scheda, PE e tutto, lo tengo molto in secondo piano, entra in gioco quasi solo nei combattimenti o quando servono le sue abilità, e le sue azioni le faccio sempre decidere o almeno approvare dagli altri giocatori.

Però ho notato che controllare un Pg insieme a tutti i Png è veramente difficile, quindi appena il party non ne avrà più bisogno lo toglierò dai piedi...

Link to comment
Share on other sites

Una volta esistevano i cosiddetti Henchman, dei png con pochi tratti e capacità inferiori a quelli dei pg, che il master "interpretava", ma le cui azioni erano fondamentalmente mosse dai giocatori. Sinceramente una domanda simile la trovo un pò da principiante ed è comprensibile in questi casi, in quanto i master con esperienza sicuramente eviteranno il grave errore di giocare un pg al fianco dei suoi giocatori, prima cosa perchè è quasi certo che il pg in questione finisca con l'avere informazioni che non deve, oggetti che non deve e quant'altro, seconda cosa perchè di fatto il master deve porre tutta la propria attenzione nei confronti del suo lavoro.

Se un gruppo di giocatori è un pò piccolo, inserite dei png nel gruppo: fate reclutare dei mercenari ai giocatori (sono avventurieri anche quelli!), oppure sfruttate una relazione romantica con un pg, di modo da dare più corpo alla storia, invece che toglierlo; se al gruppo mancano abilità particolari, come le guarigioni o le capacità da ladro, provate a proporgli di multiclassare il pg, fategli trovare o acquistare oggetti che hanno le stesse funzioni, oppure peggio per loro se quello scrigno goloso proprio non vuole aprirsi con l'ascia del barbaro!

Link to comment
Share on other sites

Per definizione, No: se è giocante, non lo muove il master.

Detto questo, ai molti che hanno il dubbio "Ma serve per motivi tattici che ci sia un altro personaggio per fare..." vale la pena fare una precisazione.

"No al PG del master" non vuol dire che nel gruppo ci debbano essere solo i PG.

I PG sono gli eroi, e non devono mai perdere questo ruolo. Devono fare le loro scelte, e decidere la trama. Essere i protagonisti. Questo, il master non può farlo.

Ma nel gruppo ci possono essere PNG di tutti i tipi, che rimangano però tali. Possono cambiare spesso o meno spesso, possono essere più o meno utili e più o meno adatti all'azione. Possono seguire il gruppo sempre o mai. Possono essere mercenari a pagamento. Ma non possono essere protagonisti.

Se il gruppo è piccolo e i combattimenti poco stimolanti, il master può aggiungere 2-3 guerrieri non caratterizzati che il Duca aggiunge al gruppo per aiutarli (o controllarli?). Se manca un guaritore, può aggiungere una chierica cenobita priva di interesse per il combattimento, che li curerà scuotendo la testa alla fine dell'incontro. Si può fare quello che si vuole, sin tanto che i PNG che sono parte del gruppo avranno lo stesso scopo dei PNG ostili al gruppo: rendere il gioco più divertente per i PG.

Se invece il master lo introduce per provare insieme il divertimento di giocare e masterizzare, quello non è Gioco di Ruolo ma mast****zione. Come detto da Fenna ci sono ottimi giochi in cui il problema non si pone, ma giocare in un GdR con regola 0 e contemporaneamente masterizzarlo non è comprensibile.

Link to comment
Share on other sites

Assolutamente no. Un DM che gioca un PG, per quanto possa essere bravo, sarà sempre uno squilibrio per il gioco.

Il DM sa dove sono le trappole, i nemici, che nemici sono, quale terribile piano starà complottando il duca alle loro spalle, quali colpi di scena aspettano i personaggi, conosce le debolezze e la forza di ogni nemico che incontreranno... può essere molto bravo a ruolare e far agire il PG come se nulla sapesse, ma è quasi impossibile che ciò che comunque sa non si ripercuota in qualche modo nel gioco. (fino anche agli altri PG che si affidano a quello lì per prendere la decisione migliore!) Dovrà comunque sempre scegliere se far andare il suo PG dritto sulla trappola non scoperta o se farlo passare il quadretto accanto, per dire...

E comunque no, non ha neanche senso. Manca un giocatore? Lo si trovi, nel frattempo esistono comunque PNG estemporanei che si possono introdurre, giocati dal DM, per accompagnare i PG.

Link to comment
Share on other sites

Non sono d'accordo e penso anche abbia poco senso farlo.

Conosce già i retroscena quindi bene che vada non avrà il piacere di scoprirli (e male che vada toglierà questo piacere agli altri PG)

Può già interpretare e manovrare molti PNG che se ne fa di un altro?

Link to comment
Share on other sites

Anche io sono d'accordo con voi pesche tale situazione genera un palese conflitto d'interessi ed potrai anche sere Gygax o Anderson in persona ma con me al tavolo questo cosa non si fa al massimo si fa il DM ha rotazione.

OT/

E niente, adesso mi immagino che siate tutti pesche. Al massimo susine.

/OT

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.