Jump to content

Checco

Circolo degli Antichi
  • Content Count

    891
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

Checco last won the day on June 21

Checco had the most liked content!

Community Reputation

514 Sfinge

1 Follower

About Checco

  • Rank
    Viandante
  • Birthday August 26

Profile Information

  • GdR preferiti
    13th Age, Advanced Dungeons & Dragons, Dungeons & Dragons, HârnMaster, On Mighty Thews, Swords & Six-Siders, The Black Hack, The Crying Hack, The Indie Hack, Trollbabe, Whitehack, White Books

Recent Profile Visitors

1,996 profile views
  1. E di sicuro sono presenti pure a Ravenloft: mi ricordo, per esempio, di un cervello psionico o roba simile, mantenuto in vita con gli esperimenti di uno scienziato pazzo. :-D
  2. Cito dalla World of Greyhawk Timeline (basata sul materiale pubblicato dalla TSR e dalla Wizards of the Coast): -1428 CY Leery of the “mages” in the south, a group of worshippers of Xan Yae, began developing “mental disciplines” in conjunction with their clerical powers. (4080 SD/-1428 CY) -806 CY The minor temples of Tharizdun, hidden in the mountains immediately west of the Vesve starts practicing a heretofore unknown discipline which combines physical regimen with mental powers. It is rumored that these disciplines were torn from the mind of a captured Bakluni priest. Fonte Tra l'altro, l'inglese psionics ha anche un suo corrispettivo nella lingua dei bakluniti: edel (che significa letteralmente gift of fate). Fonte E ancora: According to Dragon #82, perytons are originally from the lost continent of Atlantis. They traveled to other worlds using psionics, a Talent they slowly lost on alternate planes. Fonte E sono quasi sicuro che, facendo ulteriori ricerche, si possa trovare anche altro!
  3. Perché, vista l'epoca, presumo che i primi personaggi con poteri psionici siano stati giocati proprio in Greyhawk. Quello che ebbe l'idea delle arti psioniche im gioco è stato Brian Blume, ai tempi proprietario della TSR insieme a Gygax, e Blume giocava nella campagna casalinga di Gygax ambientata su Oerth. Uno dei personaggi di Blume, tra l'altro, è il mago Rary, poi divenuto "famoso" per alcuni incantesimi iconici di D&D. Sono poi quasi sicuro, ma ora come ora dovrei recuperare la fonte, che nella lore di Greyhawk ci fossero dei bakluniti dotati di poteri mentali.
  4. Figurati, ma il dire, per esempio, che non siano adatte a Greyhawk è un po' paradossale.
  5. Le arti psioniche sono state messe in D&D da Gygax più di 40 anni fa: compaiono per la prima volta nel 3° supplemento del gioco, dopo Greyhawk e Blackmoor.
  6. Se così fosse, sarebbe una sorta di rilettura moderna delle arti psionche originali. Non mi sembra malaccio come idea.
  7. Concordo in pieno con Damiano. Ho fatto intere campagne dove il PvP era assolutamente normale e l'unità di gruppo fragile e limitata temporalmente al raggiungimento di specifici obiettivi. Ovvio che questo sia solo uno dei possibili stili di gioco, ma l'idea che adottarlo significhi snaturare D&D non la condivido (e mi fa anche un po' sorridere, se ripenso alle radici "wargamiste" del gioco).
  8. IMHO, la soluzione più immediata è quella di mantenere sempre netta la distinzione tra personaggi e giocatori. Di per sé, la presenza di un capogruppo dei personaggi non è per forza un male (anzi, prima dell'estate scorsa ho fatto da GM in un gioco che contempla proprio da regole una figura simile). Il problema sorge quando questa dinamica travalica la fiction e sconfina al di fuori del gioco, quando cioè si arriva, da giocatori, a subirla invece che a sostenerla.
  9. Se si accorpano Basic e Advanced e si considerano 3 e 3.5 come un'unica edizione, allora sono effettivamente 10. Ciò detto, anche io ho trovato l'articolo superficiale.
  10. Differenze di linguaggio e valuta sono incovenienti che potresti trovare anche se non usassi un'ambientazione con l'inglese e il dollaro (pensa alla classica ambientazione con il comune e la moneta d'oro: se i personaggi dovessero recarsi su di un altro piano d'esistenza non è detto che lì si parli il comune e si usino le monete d'oro). Ciò detto, potrebbe essere che sul piano d'esistenza ci sia qualcuno che conosca l'inglese (un viaggiatore planare?) e che questi si offra di far loro da interprete o magari l'inglese e la lingua locale sono diverse, ma simili quanto basta per capirsi in modo elementare. Riguardo alla valuta: i personaggi potrebbero trovare un mercante planare che accetta acquisti in dollari o addirittura che potrebbe fare da cambiavalute. Di contro, forse potrebbero pensare anche di acquistare con la valuta locale merci del posto o magari gemme per poi rivenderle una volta tornati a casa in cambio di dollari.
  11. Sì. Non fanno parte del regolamento ufficiale. Costituiscono materiale da playtest che è,sì prodotto dal team di D&D, ma è in piena fase di rodaggio/sviluppo.
  12. Te lo sconsiglio fortemente, a meno che non ti diverta proprio l'atto in sé di preparare questo minestrone. Sono due giochi differenti, con filosofia e basi (anche numeriche) di design profondamente differenti. Per dire, Vantaggio & Svantaggio corrispondono rispettivamente a circa +3 & -3 (link): quindi andresti, nel bene e nel male, ad appiattire tutti i modificatori su questi numeri, con tutte le conseguenze del caso. A cascata, dovresti poi riorganizzare tonnellate di roba.
  13. Non voglio intasare di off-topic la discussione più di quanto non abbia già fatto (e, intanto, vi chiedo scusa) e non so quali siano le tue esperienze di "gioco giocato" con l'Old School, ma non sono d'accordo perché, nell'Old School à la OD&D, per dire, i mostri sono il più delle volte assolutamente da evitare e l'atto di ingegnarsi per farlo è infatti proprio una delle caratteristiche del giocare alla "vecchia maniera": i mostri valgono pochi punti esperienza, logorano le già limitate risorse dei personaggi (che sono poche, anche in termini di punti ferita e mere capacità di classe) e senza un bilanciamento forzato degli incontri c'è sempre il rischio che il prossimo mostro sia anche l'ultimo. Comunque, senza dilungarmi oltre, rinnovo le mie scuse per la palese intrusione e t'invito, qualora ti facesse piacere continuare a chiacchierare un po' sull'argomento, ad aprire una discussione apposita o magari a contattarmi tramite un messaggio privato. E, in ogni caso, buon gioco a tutti!
  14. Concordo, l'EUMATE non è assolatuamente Dungeon World, ma se è per questo non è neanche Old School. In un gioco Old School i mostri cerchi di evitarli, quando puoi.
  15. Di ufficiali, targate WotC, credo non ci sia nulla di simile (a parte, probabilmente, lo Starter Set). Magari, facendo una ricerca sulla DMs Guild mettendo i giusti filtri, forse potresti trovare qualcosa che faccia più al caso tuo.
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.