Jump to content

Dubbi sui gradi sfida


Lyt

Recommended Posts

Ho un dubbio sui gradi sfida, dubbio che pensavo di aver risolto. Ma oggi mi è tornato

Cosa significano i gradi sfida dei mostri? e quanto valgono?

 

Mi spiego, da quanto ne sapevo (generalmente) un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità). Ma oggi mentre facevo un paio di ricerche ho notato che mostri come il Tarrasque hanno gradi sfida superiori al 20 (livello massimo in 5e) quindi come si dovrebbe gestire? Si chiamano altri 2 png al 20? Il grado sfida non tiene conto delle armi magiche e quindi gli si può tenere testa con un paio di spade +3?

 

Diciamo che un ripasso generale sui gradi sfida mi tornerebbe utile😅 (è l'unica parte di 5e che non ho ancora ben capito)

Link to comment
Share on other sites

Allora intanto bisogna partire da un punto fermo. I gradi sfida sono fatti male in 5e. Un gs elevato da solo contro pg di livello superiore al 2 in uno scontro che dovrebbe essere bilanciato viene sconfitto con estrema facilitá se i pg hanno full risorse o comunque non con la difficoltá attesa se ne hanno consumate alcune.

Detto ciò la GDM da regole veramente fallaci e prova a metterci una pezza la xanathar che spiega meglio come affrontare la questione, ma senza effettivamente risolvere il problema. Alcuni hanno affrontato la questione e stilato nuove tabelle per gli incontri che qualcuno ha linkato ma che ora non ritrovo.

personalmente ormai vado ad occhio e modifico le cose sulla base della situazione fintanto che non avrò capito bene come funziona, ma rimane il fatto che il boss da solo è comunque più scarso di N add, quindi è bene evitare combattimenti con boss potente e basta anche se usare boss meno potenti fa perdere pathos, ma purtroppo questo é uno dei grossi bug della 5e. 

  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Lyt ha scritto:

Ho un dubbio sui gradi sfida, dubbio che pensavo di aver risolto. Ma oggi mi è tornato

Cosa significano i gradi sfida dei mostri? e quanto valgono?

 

Mi spiego, da quanto ne sapevo (generalmente) un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità). Ma oggi mentre facevo un paio di ricerche ho notato che mostri come il Tarrasque hanno gradi sfida superiori al 20 (livello massimo in 5e) quindi come si dovrebbe gestire? Si chiamano altri 2 png al 20? Il grado sfida non tiene conto delle armi magiche e quindi gli si può tenere testa con un paio di spade +3?

 

Diciamo che un ripasso generale sui gradi sfida mi tornerebbe utile😅 (è l'unica parte di 5e che non ho ancora ben capito)

Il grado sfida è puramente indicativo (per non dire fatto male).

È vero, ci sono talmente tante cose da tenere conto che penso sia impossibile definite un vero e proprio grado sfida. Pertanto, i gs dei mostri sono indicativi. 

In 5e sono calibrati nel srguente modo:

Un gs X offre una sfida di difficoltà NORMALE ad un gruppo di 4 pg di lvl X senza l'ausilio di oggetti magici.

Qui precisiamo alcune cose: X è lo stesso valore (esempio: gs 5= sfida normale per 4 pg di lvl 5 senza oggetti magici).

La sfida normale si intende un livellp di difficoltà accessibile, che non richiede per forza di cose di utilizzare risorse preziose (quali eccessivi usi di proprie abilità) o ne richiede una minima parte.

Ci sono diversi gradi di sfida:

- Facile: uno scontro a favore dei pg, possono affrontare la minaccia senza correre pericoli

- Normale: il calibro dei GS (in generale). Dovrebbe indicare una sfida equa, come spiegato sopra

- Difficile: sono sfide intense e impegnative, che costringono i giocatori ad usare le loro risorse per vincere lo scontro. Se prendiamo per esempio le varie avventure ufficiali, per scontro difficile si intende un combattimento che ha come grado sfida uno o due livelli sopra quello dei giocatori.

esempio: un mostro di gs 7 per un gruppo di 4 personaggi di 5° livello (quando però si ha solo un mostro, lo scontro tende sempre ad essere a favore dei giocatori, rendendo la sfida piu facile. Un boss meno forte ma con dei minion che, sulla carta, equivale ad un combattimento con ga 7 è piu indicato per il concetto di "difficile")

- Mortale: il livello piu difficile di sfida proposta: generapmene si intende dai 3 livelli di gs in su rispetto al livello dei pg (un combattimento gs 8 contro un party di 4 gs 5). Attenzione che Mortale mon significa sbilanciato; anche in uno scontro mortale i giocatori, se usano le loro risorse al massimo e un pò di arguzia, devono essere in grado di uscirne vivi. Qualora questo non dovesse accadere, il combattimento risulta semplicemente sbagliato.

Tutte queste parole però servono solo a fornire dei concetti indicativi. L'ausilio di oggetti magici cambia drasticamente le carte in tavola, un effetto sorpresa agevola il combattimento, ecc ecc.

I mostri con gs superiore a 20 stanno ad indicare dei mostri incredibilmente forti, tanto forti da risultare pericolosi per un gruppo di livello massimo. Questo però non significa che un gruppo di 4 pg al 20 non possano affrontare Demogorgon (gs 26) o il Terrasque (gs 30), semplicemente sarà una sfida terribilmente difficile (e sconsigliata, in quanto mostri del genere sono solitamente usati come sfida finale, magari con uno scontro campale o altre diavolerie da dm). Ricordo che parliamo di gs 26 e 30 (in questo caso) in confronto a 4 pg lvl 20 senza oggetti magici.

Spero di essere stato abbastanza preciso, alla fine il gs serve al master come punto di riferimento per creare la sfida, col tempo ti ci fai la mano, conosci i player e i pg, capisci un po dove puoi spingerti e te inizierai a considerare il gs un valore secondario.

  • Like 3
  • Thanks 1
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, AVDF ha scritto:

Sia sul manuale DM che poi sulla xanathar guide viene spiegato per bene con tanto di esempi.. dalla tua domanda mi viene il dubbio che tu non l'abbia letto e non è bene per un DM 

Si ma sono fatti dimmerda. è assolutamente naturale che un dm che li ha letti dopo averli provati abbia dei dubbi.

il fatto è che chi ha giocato ad altre edizioni si aspetta una cosa decisamente diversa e fatta meglio. In 3e che aveva tonnellate di problemi i GS erano fatti da dio almeno. 

Edited by Lord Danarc
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, AVDF ha scritto:

Sia sul manuale DM che poi sulla xanathar guide viene spiegato per bene con tanto di esempi.. dalla tua domanda mi viene il dubbio che tu non l'abbia letto e non è bene per un DM 

Per quanto non abbia una copia fisica di xanathar leggo le wiki e mi informo sui contenuti. Infatti (come ho anche scritto) so che:

4 ore fa, Lyt ha scritto:

un grado sfida vuol dire che in media servono 4 pg di un certo livello per gestirsela (con relativa facilità)

Il problema è che mi è venuto il dubbio a guardare le GS di alcuni mostri superiori al 20

Inoltre come hanno detto, provando i fight seguendo solo la regola sopraelencata i combattimenti vengono abbastanza semplici. è per questo che avevo dubbi (più sulla pratica che sulla teoria)

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Alonewolf87 ha scritto:

Beh magari é solo la mia esperienza personale ma non ho mai avuto difficoltá a bilanciare uno scontro. Le regole erano chiare e mi è bastato sempre applicarle dal primo giorno a quando sono passato alla 5e una quindicina di anni dopo (comprendo anche pathfinder nel computo). Regole semplici e scontri adeguati… il resto no eh, aveva grossi bug e problemi di bilanciamento ma in quest’aspetto mi sono sempre trovato bene. 

Link to comment
Share on other sites

37 minuti fa, Lyt ha scritto:

Inoltre come hanno detto, provando i fight seguendo solo la regola sopraelencata i combattimenti vengono abbastanza semplici. è per questo che avevo dubbi (più sulla pratica che sulla teoria)

ma infatti per quello ti invitavo a leggere i manuali (anche perchè è il minimo che dovrebbe fare chi vuol fare il DM)..perchè la regola sopraelencata è troppo semplicistica, mentre esiste un criterio basato su vari gradi di mortalità... certo, come dicono altri, a volte il GS può essere buggato ma io trovo che in generale dia buoni risultati, o comunque una buona base da cui partire.

Comunque, per praticità, puoi anche usare il comodissimo sito kobold fight club.

Link to comment
Share on other sites

Aggiungo un punto che ho fatto altre volte, che credo sia il singolo punto più importante nel bilanciamento e nonostante questo viene misteriosamente dimenticato quando si parla di costruire incontri (ad esempio nella guida di Mike Shae). Quasi tutte le guide sembrano considerare un incontro come un evento nel vuoto, un evento che ha una probabilità di finire con la vittoria dei PG e una probabilità di finire con la vittoria dei mostri. Se la probabilità di vittoria dei PG è 100% è quindi un evento troppo facile, se è 0% (ma anche 90%) è un evento drammaticamente mortale. Scopo di queste guide è definire queste probabilità, evitare gli estremi.

Ma la struttura del gioco di D&D, e di quasi tutti i GdR che siano CRPG o TRPG, non è quasi mai una struttura in cui hai uno scontro con X probabilità di vittoria. Le regole del gioco sono pensate per un dungeoncrawl, e in questa struttura la struttura è una serie di incontri, ognuno dei quali brucia risorse. Ogni incontro preso singolarmente, i PG hanno una probabilità vicino al 100% di vittoria, se usano tutte le risorse a loro disposizione. La domanda giusta è: ce la faranno i giocatori ad arrivare a fine giornata senza aver esaurito le loro risorse? La domanda che ti devi porre su uno scontro è: quante risorse brucia questo scontro? Perderanno punti ferita? Slot incantesimo? Il gioco e i CR sono tarati non su uno scontro, ma su 6-8 incontri prima del riposo lungo, che ripristinerà tutte le risorse. Non si possono valutare gli eventi senza discutere la giornata. Se hai 2 incontri a riposo lungo, non puoi lamentarti se due scontri hard, che sono pensati per togliere un 20% di risorse, non risultino hard. I personaggi andranno a dormire con quasi tutte le risorse e nessuna probabilità di essere sconfitti. Ma se di scontri hard ne avessero affrontati 8? Allora è diverso, perché per riuscire a superare la giornata devono essere bravi, cercare riposi brevi, superare ogni scontro con meno perdite possibili. Uno scontro "deadly" da manuale non è uno scontro dove il gruppo rischia di morire, ma uno scontro che consumerà in media il 50% di risorse del gruppo. Potrebbe morire un membro del gruppo se le cose vanno molto male, ma la maggior parte degli incontri deadly sono semplicemente incontri che lasciano il gruppo con pochi hp e pochi slot.

E se vuoi invece uno scontro che singolarmente sia pericoloso, un incontro del primo tipo (X% di vittoria, (100-X)% di sconfitta)? Per quello esistono i mostri con CR (molto) superiore a 20. Lo scontro con questi mostri sono pensati non alla fine di un dungeoncrawl, ma in situazioni in cui i PG hanno accesso a tutte le risorse, come un incontro unico: ti riposi prima e ti riposi dopo. In questi casi, il manuale non ti aiuta, perché non è pensato per questo: dovrai andare necessariamente a CR molto più alti di un incontro deadly. All'inizio vai a esperienza, è difficile da valutare (anche perché al 20 dipende molto dalla composizione del gruppo, alcune abilità speciali possono essere devastanti in uno specifico incontro). Se lo scontro è importante, e uno scontro con un Tarrasque dovrebbe essere importante, ti suggerisco di provarlo prima della sessione. Prendi i tuoi personaggi, guardati le schede, e prova lo scontro. Questo ti darà un'idea generale.

Edit: aggiungo un link ad una guida che non dimentica questo punto

https://arcaneeye.com/dm-tools-5e/5e-encounter-building/

Edited by bobon123
  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...