Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Curse of Strahd: la Beadle & Grimm pubblicherà la Legendary Edition

Se la Revamped Edition recentemente annunciata dalla WotC non dovesse bastarvi, potrebbe essere vostro interesse sapere che la Beadle & Grimms ha deciso di pubblicare la Legendary Edition di Curse of Strahd, l'Avventura dark fantasy per D&D 5e ambientata a Ravenloft (qui potete trovare la recensione pubblicata su DL'). Per chi tra voi non lo sapesse, le Legendary Edition della Beadle & Grimm sono versioni extra-lusso delle avventure pubblicate dalla WotC per D&D, contenenti oltre all'avventura tutta una serie di accessori pensati per rendere l'esperienza dei giocatori più immersiva e divertente.
Al costo di 359 dollari, dunque, all'interno della Legendary Edition di Curse of Strahd potrete trovare:
l'Avventura per D&D 5e Curse of Strahd suddivisa in libri più piccoli, in modo da aiutare DM e giocatori a orientarsi più facilmente nel suo ampio contenuto. Come aggiunta, sono stati inseriti alcuni PG pre-generati per i giocatori e una serie di incontri di combattimento bonus. 17 mappe per il combattimento che coprono ogni angolo di Castle Ravenloft, la dimora di Strahd. Una mappa dell'intera Barovia disegnata su tela. 60 Carte di Scontro, che permetteranno ai giocatori di farsi un'idea dei PNG e dei mostri che si troveranno di fronte grazie alle loro illustrazioni. Una serie di supporti di gioco per i giocatori, quali lettere, atti relativi a misteriose proprietà, note scritte dal proprio "gentile" ospite, monete del Regno di Barovia, ecc., utili per dare ai vostri giocatori elementi concreti con cui sentirsi più immersi nella campagna. Uno Schermo del DM con illustrazioni originali sul fronte e le informazioni utili a gestire la campagna sul retro. Una serie di pupazzi per le dita, con cui divertirsi a interpretare i mostri e i PNG dell'Avventura. La Legendary Edition di Curse of Strahd uscirà a Novembre 2020.
Grazie a @Muso per la segnalazione.


Fonte: https://www.enworld.org/threads/beadle-grimms-legendary-edition-curse-of-strahd.673629/
Link alla pagina ufficiale di Beadle & Grimm: https://beadleandgrimms.com/legendary/curse-of-strahd
Read more...
By aza

D&D 3a Edizione compie 20 anni!

Nel mese di Agosto, di 20 anni fa, veniva rilasciato il Manuale del Giocatore di Dungeons & Dragons 3a edizione.
Sicuramente la 3a edizione rappresenta uno spartiacque per quel che riguarda D&D e segna l’inizio dell’epoca moderna del gioco per diversi motivi:
Innanzitutto, per la prima volta D&D aveva un sistema coerente di regole. Precedentemente erano presenti svariati sottosistemi che non si integravano tra di loro. C’era ben poca coerenza. Ci ha donato l’OGL, che ha rappresentato una svolta enorme nel mondo dei giochi di ruolo. L'OGL infatti ha permesso a chiunque di poter produrre materiale compatibile o derivato dal regolamento di D&D. La quantità di materiale pubblicata per d20 negli anni 2000 è, e probabilmente lo sarà per sempre, ineguagliabile. Ha revitalizzato D&D in un modo che non si vedeva da moltissimo tempo. Negli anni ’90 con il boom dei videogiochi, la nascita dei giochi di carte collezionabili e regolamenti ben più evoluti di AD&D (si può pensare alla White Wolf che all’epoca era il nome più importante) D&D soffriva e non poco. Ha visto il ritorno di Diavoli, Demoni, Assassini, Barbari, Mezzorchi e Monaci. La seconda edizione nacque con ancora fresco il ricordo delle polemiche riguardanti il “satanic panic” degli anni ’80. Quindi tutto ciò che poteva essere considerato “moralmente offensivo” come diavoli/demoni, assassini o mezzorchi venne rimosso. I barbari vennero ritenuti ridondanti rispetto ai guerrieri e i monaci  poco adatti ad ambientazioni basate sull’Europa occidentale medievale. Queste le prime cose che mi vengono in mente, ma vi invito a condividere con noi i vostri ricordi, le esperienze e i pensieri per questo 20° anniversario di D&D 3E.
Read more...

Fuga dall'Abisso è uscito in lingua italiana

A partire da ieri, 30 Luglio 2020, l'Avventura Fuga dall'Abisso per D&D 5e è finalmente uscita in lingua italiana. Pensata per PG di livello 1-15, quest'avventura è ambientata nel Sottosuolo dei Forgotten Realms ed è caratterizzata dalla presenza dei mostruosi Signori dei Demoni.
Qui di seguito potrete trovare la descrizione ufficiale dell'Avventura, la copertina del manuale e la recensione da noi pubblicata su DL'.
Fuga dall'Abisso
Dungeons & Dragons è un gioco per veri eroi che amano vivere intense e adrenaliniche avventure, e Fuga dall’Abisso è il manuale giusto per chi sente il bisogno di passare la serata a salvare il mondo!
A causa di un piccolo errore di calcolo, l'arcimago drow Gromph Baenre, di Menzoberranzan, si pente di aver iniziato la sua carriera arcana…
Che cosa succede quando i cancelli dell’Underdark si aprono per far entrare i demoni dell’Abisso? Una quantità di orrori inimmaginabile si riversa nel sottosuolo, creature d’ombra che rendono ancora più claustrofobici i cunicoli di pietra…i personaggi saranno in grado di sopravvivere alla follia?
Dedicata agli amanti dei dungeons labirintici, Fuga dall’Abisso è un’avventura adatta a personaggi dal livello dal 1° al 15°, che dovranno riuscire a sopravvivere e a tornare in superficie prima di abbandonarsi alla disperazione, ma non solo: dovranno fermare una catastrofe imminente, che potrebbe distruggere non solo le antiche città naniche, duergar e drow, ma raggiungere persino i Reami Dimenticati!
Avranno molte scelte importanti da compiere, e la possibilità di unirsi a molti compagni di viaggio. Un’esperienza di gioco tra le più appassionanti e tra le più riuscite della saga di “Furia dei Demoni”.
Lingua: italiano
Formato: Copertina rigida
Prezzo: 49,99 euro
Articoli di Dragons' Lair:
❚ Recensione di Fuori dall'Abisso

Link alla pagina ufficiale del sito Asmodee Italia: https://www.asmodee.it/news.php?id=722
Read more...
By senhull

Intervista a Keith Baker riguardo Exploring Eberron

Questo è il link all’evento andato in onda ieri.
Qui sotto trovate una breve sintesi per chi non avesse voglia/tempo di guardarsi tutta la registrazione.
Exploring Eberron
Il libro sarà pubblicato su DMs Guild sia come PDF sia in un'edizione cartacea su copertina rigida (ad oggi ancora senza data ufficiale), ma Keith ha detto più volte in tutto lo stream che ciò potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Stanno aspettando che le copie stampate ottengano il via libera poiché credo che il precedente processo di stampa fosse disallineato/con errori. Quindi dita incrociate per questo fine settimana e Keith ha ribadito che è ciò che spera. Il prezzo del libro non è stato menzionato nello stream. Si tratta di 248 pagine e ci saranno più parole che in Rising from the Last War.
Il libro mira a coprire temi che sono stati ignorati o solo brevemente menzionati nei precedenti libri canonici, tra i quali la cosmologia planare, gli oceani e i regni dei mostri (goblinoidi in primis).
C'è un intero capitolo dedicato alla cosmologia planare, che include una mappa splendidamente illustrata dei piani e ogni piano avrà tra 4-6 pagine che descrivono in dettaglio i concetti (per esempio come funziona Fernia, e quindi far passare il messaggio che non è solo il piano di fuoco). L’obiettivo è quello di permettere ai DM di predisporre con serenità e completezza tutto quel che necessario per sviluppare un'avventura planare, nonché definire come i piani potrebbero influenzare un'avventura anche se di viaggi planari non ne vuoi sentir parlare: praticamente come funzionano le zone di manifestazione. C'è anche una grande sezione dedicata ai goblinoidi Dhakaan in cui probabilmente verranno dati molti dettagli sulla storia del loro impero e di ciò che ci si deve aspettare esplorando le loro rovine.
Sottoclassi
Ci sono sei nuove sottoclassi. Due di loro sono "solo" per personaggi di razza goblinoide, anche se non è detto che siano vincoli razziali, ma trattandosi di Dhakaan…
Adepto della Forgia (Artefice) (Goblinoide)
Keith descrive questa classe come la tradizione di artefice Dhakaan (OT: su questo potrei aprire una bella discussione…), ed è una sorta di spin-off della sottoclasse del Battle Smith da Rising from the Last War. Laddove il Battle Smith si concentra sul costrutto/famiglio, l’Adepto della Forgia cercherà di creare un'arma perfetta e quindi migliorarla. Usa l'idea che i Dhakaani siano, per tradizione marziale, principalmente dediti alla forgiatura di armi e armature, quindi l’Adepto della Forgia è un esperto nella creazione di armi e armature e cerca di creare "l'arma perfetta". Questa è un'altra sottoclasse di artefici melee. Ovviamente l’arma perfetta ha anche un nome specifico in goblin che non vedo l’ora di leggere!
Collegio dei Cantori Funebri (Bardo) (Goblinoide)
Basandosi sul fatto che i Dhakaani tendenzialmente non amano la magia arcana e divina, molti dei loro leader spirituali erano Bardi (clan Kech Volaar, in primis). Lo descriverei come una sorta di comandante del campo di battaglia che ispira costantemente le truppe. Keith lo descrive dicendo "sto interpretando il mio ruolo attraverso i miei compagni, non ho bisogno di combattere; sto guidando gli altri". Sembra una sorta di sottoclasse.
Maverick (Artefice)
Questa sottoclasse si rifà all'infusione dell’artefice della 3.5 " Spell Storing Item” (Accumulatore di incantesimi). Keith la spiega così: "Farò la cosa di cui abbiamo bisogno, datemi un minuto". L'artefice è in grado di immagazzinare incantesimi negli oggetti (cura ferite portatili? Torrette fulminanti? Mine fireball?). Il Maverick è in grado di scegliere incantesimi destinati ad altre classi anche se in misura limitata, e con il consueto incremento man mano che si sale di livello. Sono anche in grado di cambiare i cantrip con un breve riposo.
Via dell’Arma Vivente (Monaco)
Questo attinge ad alcune classi di prestigio descritte nei manuali Eberron 3.5 come il Quori Nightmare e il Were-touch Master, e si concentra sul trasformare il tuo corpo in un'arma. Sebbene non siano bloccati dal punto di vista razziale, esistono apparentemente "percorsi" diversi che si amalgamano bene con razze come Forgiati, Morfici o Cangianti.
Circolo della Forgia (Druido) (Questo potrebbe essere razzialmente vincolato ai forgiati)
Parte di questa classe è in realtà frutto di una discussione che chi ha giocato ad Eberron un druido forgiato (in qualsiasi edizione) si sarà PER FORZA posto: "Ma un forgiato si trasforma in un animale in carne e ossa o in un Animale forgiato/costrutto? ". La risposta ufficiale è sempre stata quella di trasformarsi in un animale in carne e ossa. Questa sottoclasse ora ti consente di trasformarti in un animale forgiato (OT: ma quanto bella è questa idea…???). Apparentemente è simile al Cerchio della Luna in quanto è un druido guidato da una forma selvaggia, ma si concentra maggiormente sull'essere un costrutto. Todd ha anche menzionato cose come "Adamantine Hide", "Skin of Steel", "Elemental Fury", ma queste non sono state ampliate durante i discorsi, accendendo in me un interesse ancora più forte…
Dominio della Mente (Chierico)
Questa sembra essere la cosa più vicina ai poteri psionici, direi che è assolutamente perfetto per i Kalashtar visto che sfrutta per bene i poteri psionici, ma che devono essere per forza di allineamento buono. Si ottengono quindi incantesimi come Comando, Confusione, Dominare Persone e Telecinesi. Quando lanci un incantesimo che infligge danno radiante, puoi invece fargli infliggere danno psichico, quindi cose come la fiamma sacra ora possono avere il flavour di un'esplosione mentale.
Sottorazze
Rune Bound / Rune Born / Ruin Blood (?)
C'è una sottorazza (accennata, ma potrei aver inteso male) che il libro aggiunge, questa è la sottorazza di Rune Bound per il Nano e si rivolge ai Nani delle Rocche di Mror e più specificamente a coloro che giocano lo stregone. Mentre i nani “standard” combattono senza sosta contro i Daelkyr, il Rune Bound Dwarf nasce con un simbionte dentro di sé e con la capacità di usarlo. Il nano (figherrimo) sulla copertina di Exploring Eberron è uno di questi.
Marchi del Drago
Gli oggetti Focus dei Marchi del Drago hanno una nuova sezione, con molte più opzioni da esplorare.
I marchi del drago sono stati ampliati per includere ora i Marchi Siberys (finalmente!!!). Questa non è un talento, né un'aggiunta di sottorazza, un Marchio Siberys può essere acquisito solo tramite il DM che permette ad un giocatore di ottenerne uno, e dovrebbe richiedere una grande ragione narrativa dietro a tale concessione. Keith li definisce Doni Soprannaturali.
La classificazione è: se hai un marchio del drago (talento di Rising from the Last War) potete migliorarlo a Marchio Superiore. Se non avete un marchio e lo ottieni, ora avete un Marchio Siberys. Questo è stato fatto per provare a combinare i le due opzioni, semplificando. In definitiva, se non si desidera utilizzare i marchi Siberys, dipende dal DM.
Oggetti magici
C'è un bel pacchetto di nuovi oggetti magici.
Oggetti simbiotici come
Crawling Gauntlet (Guanto strisciante?) Hungry Weapon (Arma Affamata) Coat of Many Eyes (Manto dei molti occhi) Tongue Worm (Verme lingua?) Wandering Eye (occhio errante) Sono stati inseriti oggetti focus dei Marchi del Drago, per risolvere il problema di chi possiede il marchio ma non è un incantatore e quindi avrebbe delle difficoltà oggettive a lanciare il proprio incantesimo. Questi elementi dovrebbero risolverlo.
Varie ed Eventuali
Si parla poi di:
Oggetti magici Dhakaani Armi magiche d’assedio Altre cose C'è un capitolo chiamato Friends & Foes (Amici e Nemici), che dovrebbe contenere blocchi di statistiche sia per gli amici che per i nemici. Parte di questo capitolo parla di Valaara, la Regina Strisciante, una delle Sei Piaghe Daelkyr (fra l’altro tra gli spoiler che trovate sul blog di Keith). Un altro Quori e poi altre informazioni sulle razze acquatiche.
Non ci sono nuove informazioni sul Marchio della Morte, ma viene trattata la storia di Erandis, nonché una sezione sul Sangue di Vol e le altre fedi. Keith chiarisce alcune informazioni contrastanti di diversi autori, e ha specificato che tutte le informazioni nel libro rappresentano la SUA visione e di come aveva originariamente creato Eberron.
Si discute poi sul flavour dei personaggi psionici.
Ci sono alcuni nuovi talenti.
C'è una sezione sull'Ultima Guerra, su come è stata effettivamente combattuta e sui metodi usati, questo probabilmente includerà le armi magiche d'assedio.
Read more...

Curse of Strahd: è in arrivo la Revamped Edition

La Wizards of the Coast ha annunciato l'uscita per il 20 Ottobre 2020 di Curse of Strahd Revamped, una boxed edition della già pubblicata Avventura per D&D 5e Curse of Strahd (di cui potete trovare qua la recensione pubblicata su DL') ambientata nel tenebroso semipiano di Ravenloft. Questa Boxed Set, in arrivo al prezzo di 99,99 dollari, conterrà all'interno di una scatola a forma di bara:
Una versione aggiornata dell'Avventura, che integrerà gli Errata e molto probabilmente una revisione delle sezioni dedicate ai Vistani (come già preannunciato qualche tempo fa). Un breve manuale dei mostri chiamato Creatures of Horror (Creature dell'Orrore). Un poster contenente su un lato la mappa di Barovia e sull'altro quella di Castle Ravenloft. Un mazzo dei tarocchi e un opuscolo di 8 pagine. Una dozzina di "cartoline" da Barovia. Uno Schermo del DM IL sito IGN ha pubblicato un video in cui, insieme a Chris Perkins, viene mostrato il contenuto di questa boxed edtion:

Fonte: https://www.enworld.org/threads/curse-of-strahd-revamped-boxed-collectors-edition.673545/

Link alla pagina ufficiale del prodotto: https://dnd.wizards.com/products/tabletop-games/rpg-products/curse-strahd-revamped
Read more...
Ian Morgenvelt

<post>Hu|Man <r/e/>volution [Topic di Servizio]

Recommended Posts

che è proprio quello che pensavo, ma artigianato è un'abilità sola, si può dividere in due rami diversi?

Ho evitato appunto furtività, discrezione, empatia e simili proprio perchè non hanno niente a che fare con una macchina deambulante 😉

Edited by Skull Leader

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, allora sì. Magari, se la tecnologia cyborg la sa "solo" riparare, allora potresti prenderla a competenza non tanto alta (+1 o +2).

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, Skull Leader ha scritto:

Mi ritrovo ad avere due abilità +1 libere; all'inizio pensavo a mettere informatica, ma dato che ho l'IA integrata dovrebbe essere lei a fare le prove di informatica per me.

Stavo quindi valutando Artigianato, magari dividendolo in due: meccanica, perchè il mio PG sa come riparare un'auto e roba così, e Cybernetica, perchè sa riparasi e quindi sa anche un po' dove mettere le mani su altri Cyborg. È una cosa sensata, o avete alternative da proporre?

Artigianato comprende tutte le abilità manuali che permettano di costruire o riparare oggetti, non va diviso tra le varie specializzazioni.

Mi pare perfettamente sensato, comunque. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho fatto così:

Conoscenze 

Percezione Empatia 

Volontà Artigianato Influenzare

Combattere Discrezione Furtività Informatica

 

(pensando a quello che avevo presentato per il mio pg mi sembrava ideale, però magari se qualcuno ha un consiglio migliore che inquadra Elisabeth ed una abilità che le potrebbe essere affine sono aperto a consigli =3) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Organo84 ha scritto:

Io ho fatto così:

Conoscenze 

Percezione Empatia 

Volontà Artigianato Influenzare

Combattere Discrezione Furtività Informatica

 

(pensando a quello che avevo presentato per il mio pg mi sembrava ideale, però magari se qualcuno ha un consiglio migliore che inquadra Elisabeth ed una abilità che le potrebbe essere affine sono aperto a consigli =3) 

A me sembrerebbe ottima. È anche sensato non abbia punti a Fisico, non essendo un Androide da combattimento (quindi un modello abbastanza fragile).

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

A me sembrerebbe ottima. È anche sensato non abbia punti a Fisico, non essendo un Androide da combattimento (quindi un modello abbastanza fragile).

Il suo +1 in combattere inoltre è caratterizzato dal fatto che sa spingere gli altri molto bene u.u''

Edited by Organo84
  • Haha 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
40 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

non va diviso tra le varie specializzazioni

Però cibernetica dovrebbe (o potrebbe?) essere intesa come una cosa a metà tra meccanica e informatica. Secondo me potrebbe essere utile inserirla come abilità a sé stante, che ne dite?

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, Skull Leader ha scritto:

Però cibernetica dovrebbe (o potrebbe?) essere intesa come una cosa a metà tra meccanica e informatica. Secondo me potrebbe essere utile inserirla come abilità a sé stante, che ne dite?

Considerando che informatica già è aggiuntiva, non saprei se introdurre anche un cibernetica...uhm. 

Magari metterne una sola, ma chiamarla Tecnologia?

Share this post


Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, Zellos ha scritto:

Considerando che informatica già è aggiuntiva, non saprei se introdurre anche un cibernetica...uhm. 

Magari metterne una sola, ma chiamarla Tecnologia?

Non mi convince: un hacker non è necessariamente capace di sistemare il motore di una macchina, cosa che potrebbe fare con Tecnologia. Io terrei Artigianato come abilità generica e Informatica come abilità specifica per interagire con la tecnologia e il mondo virtuale, ma attendo i pareri di tutti.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Non mi convince: un hacker non è necessariamente capace di sistemare il motore di una macchina, cosa che potrebbe fare con Tecnologia. Io terrei Artigianato come abilità generica e Informatica come abilità specifica per interagire con la tecnologia e il mondo virtuale, ma attendo i pareri di tutti.

Ok 👌🏻 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora, ho pensato ad un pg (in realtà a due diverse, ma dopo una lunga selezione sono riuscito a scegliere tra i due)


Aratare (spettro in rumeno)

Aspetto principale: Il Fantasma dell'Opera
Problema: Una mente geniale ma tormentata (oppure Dottor jekyll e mister hyde?)
Aspetto del passato: Shell di classe Dansleif

Fantasma dell'Opera: la fetida città è il suo teatro, lui il deviato direttore. Aratare è un giustiziere, ma non uno di quei pusillanimi insulsi ed ipocriti; non uno di quelli che inseguono la loro stupida giustizia. Il suo volto è stato ricostruito eppure lui continua a portare una maschera. Agli occhi degli estranei il suo potrà sembrare un volto normale -chiaramente cibernetico, ma comunque normale- ma ogni volta che si guarda allo specchio continua a vedere il suo stesso volto devastato dal fuoco. Gli occhi vitrei di sua madre mentre veniva violentata ed uccisa. La sua è una solitaria guerra alle mafie che governano la città, che osano dettare legge sul Suo territorio. Prima tra tutti la Tryakuza.

Una mente geniale ma tormentata: L'incidente che gli ha segnato la vita ha anche danneggiato irreparabilmente la sua psiche. Ogni notte si risveglia sudato; tormentato da quel maledetto incubo, tormentato dai suoi stessi ricordi. Aratare è intelligente e pacato in situazioni con un basso livello di stress ma basta una piccola crepa nello specchio per far uscire fuori il suo lato peggiore. Un animo ricolmo solamente di odio, rabbia e voglia di vendetta.

Shell di Classe Dansleif: la Tryakuza stava per mettere in atto un grosso colpo contro le Industrie Pesanti Harimadara, rubare una partita di Shell di Classe Dansleif. Full body cibernetici ad alto potenziale. Il Fantasma dell'Opera non tentò neanche di impedire il furto, lasciò che se ne tornassero bellamente al loro rifugio temporaneo, dove avrebbero atteso di far calmare le acque. Nel frattempo aveva fatto in modo che alla Tryakuza arrivassero false informazioni su suoi presunti attacchi per la città, in modo che il covo temporaneo si svuotasse di gran parte dei suoi uomini.
Tutto secondo il copione, almeno fin quando non diede inizio alle danze. Quando vide che la Tryakuza aveva preso in ostaggio uno dei ricercatori, che avevano lavorato ai Dansleif, perse la testa. Era una donna; in lei rivide la faccia di sua madre. Nella realtà neanche le assomigliava. 
Si trasformò in una bestia, massacrò tutti gli uomini della Tryakuza sopprimendo il senso di autoconservazione come solo una bestia potrebbe fare. Quando finirono gli avversari finì anche il suo tempo; con una mezza dozzina di buchi di proiettile in corpo non gli era rimasto molto sangue. Settimane dopo quando riaprì gli occhi -sorpreso per il fatto di non essere spirato- si trovò all'interno di uno di quegli shell. La ricercatrice che aveva salvato, seppur terrorizzata, aveva ripagato il suo debito.

O qualcosa del genere, come storia del passato. @Ian Morgenvelt a patto che vada bene.

 

A proposito gente, non è che potete citarmi le vostre?

Edited by Latarius
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 minuti fa, Latarius ha scritto:

Allora, ho pensato ad un pg (in realtà a due diverse, ma dopo una lunga selezione sono riuscito a scegliere tra i due)


Aratare (spettro in rumeno)

Aspetto principale: Il Fantasma dell'Opera
Problema: Una mente geniale ma tormentata (oppure Dottor jekyll e mister hyde?)
Aspetto del passato: Shell di classe Dansleif

Fantasma dell'Opera: la fetida città è il suo teatro, lui il deviato direttore. Aratare è un giustiziere, ma non uno di quei pusillanimi insulsi ed ipocriti; non uno di quelli che inseguono la loro stupida giustizia. Il suo volto è stato ricostruito eppure lui continua a portare una maschera. Agli occhi degli estranei il suo potrà sembrare un volto normale -chiaramente cibernetico, ma comunque normale- ma ogni volta che lui si guarda allo specchio continua a vedere il suo volto devastato dal fuoco. Gli occhi vitrei di sua madre mentre veniva violentata ed uccisa. La sua è una solitaria guerra alle mafie che governano sullo Sprawl, che osano dettare legge sul Suo territorio. Prima tra tutti la Tryakuza.

Una mente geniale ma tormentata: L'incidente che gli ha segnato la vita ha anche danneggiato irreparabilmente la sua psiche. Ogni notte si risveglia sudato tormentato da quel maledetto incubo, tormentato dai suoi stessi ricordi. Aratare è intelligente e pacato in situazioni con un basso livello di stress ma basta una piccola crepa nello specchio per far uscire fuori il suo lato peggiore. Un animo ricolmo solamente di odio, rabbia e voglia di vendetta.

Shell di Classe Dansleif: la Tryakuza stava per mettere in atto un grosso colpo contro le Industrie Pesanti Harimadara, rubare una partita di Shell di Classe Dansleif. Full body cibernetici ad alto potenziale. Il Fantasma dell'Opera non tentò neanche di impedire il furto, lasciò che se ne tornassero bellamente al loro rifugio temporaneo, dove avrebbero atteso di far calmare le acque. Nel frattempo aveva fatto in modo che alla Tryakuza arrivassero false informazioni su suoi presunti attacchi per la città, in modo che il covo temporaneo si svuotasse di gran parte dei suoi uomini.
Tutto secondo il copione, almeno fin quando non diede inizio alle danze. Quando vide che la Tryakuza aveva preso in ostaggio uno dei ricercatori, che avevano lavorato ai Dansleif, perse la testa. Era una donna; in lei rivide la faccia di sua madre. Nella realtà neanche le assomigliava. 
Si trasformò in una bestia, massacrò tutti gli uomini della Tryakuza sopprimendo il senso di autoconservazione come solo una bestia potrebbe fare. Quando finirono gli avversari finì anche il suo tempo; con una mezza dozzina di buchi di proiettile in corpo non gli era rimasto molto sangue. Settimane dopo quando riaprì gli occhi -sorpreso per il fatto di non essere spirato- si trovò all'interno di uno di quegli shell. La ricercatrice che aveva salvato, seppur terrorizzata, aveva ripagato il suo debito.

O qualcosa del genere, come storia del passato. @Ian Morgenvelt a patto che vada bene.

 

A proposito gente, non è che potete citarmi le vostre?

Tutto perfetto. Ho solo un dubbio: il secondo aspetto indica che possiede la tuta da combattimento, giusto?

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Tutto perfetto. Ho solo un dubbio: il secondo aspetto indica che possiede la tuta da combattimento, giusto?

Lo Shell sarebbe il corpo cibernetico.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ed il povero Mathias neanche un'interfaccia o un misero plug. Nemmeno un elettrotatuaggio subcutaneo a corrente alternata. 

  • Like 1
  • Haha 1
  • Sad 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Spoiler

BG:

Ormai è risaputo che il "chip della vita" viene inserito al momento della costruzione dalla Robinson Associate su in ogni Androide, perfino il più comune... Perfino nei modelli domestici i quali vengono, al momento della vendita, consegnati con questa funzione disattivata... 

La storia di Elisabeth comincia appunto da questo stato dormiente... Venne acquistata da un uomo divorziato e con una figlia. Kith è un'uomo sulla quarantina d'anni, attualmente disoccupato dopo essere stato licenziato dalla fabbrica per cui lavorava ed essere stato rinpiazzato con uno di questi Androidi, i quali non si stancano e non si lamentano ed, inoltre, succube degli effetti stupefacenti, motivo principale per il quale la moglie è scappata dal marito non curandosi della figlia... Kith è un uomo incapace di provvedere a se stesso ed alla figlia: Violette. È, inoltre, un individuo aggressivo, carico d'odio ed insoddisfazione personale. Decide di acquistare un modello casalingo perché effettui tutte le mansioni di casa che lui non è in grado e non ha voglia di fare.

 

La bambina si affeziona al modello casalingo, programmato per essere una personalità amichevole, servile e soprattutto adatto a gestire i bambini. Violette si affeziona al punto da darle, addirittura, il nome della madre che è fuggita. È una ragazza di 12 anni dal carattere timido, schivo a causa della convivenza col padre. Dal licenziamento del padre la bambina non è più potuta andare a scuola per mancanza di denaro lasciando il compito ad Elisabeth di istruirla e formarla. La bambina non ha molti legami col mondo virtuale se non qualche esperienza a casa dei suoi amici e questo è dovuto alla precaria situazione economica della famiglia... 

 

L'uomo però, continuava ad indebitarsi a causa principalmente delle sostanze stupefacenti ricadendo più volte in atti violenza dovuti all'odio della sua stessa inettitudine. Si ritrova così a distruggere l'androide in preda alle allucinazioni davanti agli occhi della figlia piccola. Il motivo era che l'androide era stata chiamata col nome della madre davanti al padre... 

 

Kith porta Elisabeth a far ripare da un amico potendo contare su di uno sconto, quasi un servizio regalato, poiché una volta ripreso non è comunque in grado di provvedere a quella latrina di casa sua. Fu allora che il "chip della vita", per un motivo o per un altro si attivò. 

 

Ad Elisabeth venne resetta la memoria e cominciò una seconda "partita" come domestica a casa dell'uomo... Svolse le sue mansioni regolarmente, inconsapevole del cambiamento nel suo software. Eppure durante quel giorno comincia a porsi delle domande sul quella delicata situazione. A distanza di praticamente un giorno Kith ricade nei vizi della droga... Durante la cena l'uomo comincia ad urlare contro la bambina per essersi lamentata dei problemi del padre. Kith nella rabbia più totale ribalta il tavolo e colpisce al volto Violette facendola scappare in camera sua... Kith, adirato, ordina all'androide di rimanere immobile, per poi sniffare altre sostanze e salire al piano di sopra della casa, con la cinghia dei pantaloni tra le mani in direzione della figlia. Elisabeth rimane immobile eseguendo gli ordini, almeno finché non sentì il primo grido di dolore. Qualcosa scattò in lei. Corse in camera della bambina...

 

Basta! Questo è abbastanza... 

Cosa? Cosa stai facendo? Torna di sotto... QUESTO È UN ORDINE! 

Non ti permetterò di farle dell'altro male... 

Tu... Tu sembri avere un problema... Ma... Lo aggiusterò io...

Elisabeth affronta Kith nella stanza della bambina... Essendo un modello domestico non è dotato di forza o capacità di calcolo elevate da permetterle di sovrastare l'uomo... Kith arriva a strangolarla, o meglio ad avere l'intenzione di spezzare il collo di lei, ma venne distratto dalla bambina che lo colpì al fianco... Elisabeth a quel punto riesce a spingere l'uomo lontano da se il quale, accidentalmente, colpì con la fronte una scaffalatura trovandosi costretto a chinarsi dal dolore. Fu allora che le due approfittarono della situazione...

Dove andate?!? Tornate qui... TORNATE QUI P*TT*N*!! 

Elisabeth e Violette fuggirono dalla casa dell'uomo, sfruttamendo il suo stordimento a causa dell'urto...

Dentro ad Elisabeth nacque un istinto materno... Un sentimento di protezione ed affetto nei confronti della bambina... Qualcosa che la rendeva più che una semplice macchina. 

Attualmente Elisabeth è ricercata dalla polizia... Ma al momento risulta dispersa... Elisabeth ha badato bene a farsi rimuovere il chip di localizzazione prima di essere considerata una criminale, per non essere trovata. Adesso lei e Violette potranno cominciare una nuova vita... 

Aspetto Principale: "Sono più di una macchina... Sono viva" 

Elisabeth ha la consapevolezza di aver vissuto come una macchina e di essersi di colpo svegliata. Da quando ha incontrato Violette lei ha cominciato ha provare qualcosa... Elisabeth tiene a lei, ha paura per lei, non può sentirsi felice se non lo è lei... Lei sa che in qualche modo e maniera, questa sua evoluzione è dovuta a causa di Violette. E sa che questo non la rende una macchina che esegue gli ordini, ma una testa pensante... Con sentimenti "veri".

 

Difetto: "Unico Scopo"

Al momento per Elisabeth non esiste altra ragione di vita se non Violette. Qual'ora dovessero separarla da lei andrebbe in escandescenza, diventerebbe qualcuno che non è pur di riaverla tra le braccia... Qual'ora la loro separazione dovesse essere definitiva... Elisabeth, molto probabilmente, si spegnerebbe...

 

Aspetto Passato: "Programma Zero Go Alpha Domestica" 

Ormai erano passata solo una settimana da quella fuga dalla casa di Kith... Elisabeth e Violette furono costrette a scontrarsi contro una Berlino vasta e per nulla d'aiuto. Le zone più miserabili della città richiedevano la massima attenzione della domestica nel tenere al sicuro la piccola. 

Quando non sono dedite a scappare, Elisabeth cerca di accudire e proteggere Violette con lo stesso ardore con cui lo farebbe una madre affettuosa. Non potendo contare su risorse economiche Elisabeth, prima di servirlo alla bambina, disinfetta ogni alimento trovato nella pattumiera. Provvede a ricucire gli indumenti indumenti, a tagliarle i capelli, pulirla in caso di necessità. Aumenta la temperatura della propria componente plastica per scaldarla nella fredda notte. Una volta era dedita all'istruzione della bambina, ora quando non sono inseguite, cerca di insegnarle solo alcuni principi di sopravvivenza e autosufficienza, anche se... Non è questo ciò che vuole per lei... Parallelamente al suo risveglio Elisabeth è stata in grado di acquisire informazioni e registrarla permanentemente, apprenderle ed imparare da esse e provare uno stato d'animo in base ad esse. Un processo software chiaramente derivate dal "Chip della vita", ciononostante, essendo stata progettata per essere un androide senza volontà, è comunque un risultato affascinante. 

E se in quei primi sei giorni le due sembrarono sopravvivere, con però la consapevolezza di essere l'una accanto all'altra, bhe... La situazione precipitò quando il settimo giorno alcune pattuglie della polizia cominciarono a perlustrare lo stesso quartiere dove le due erano nascoste. Elisabeth conobbe per la prima volta la sensazione di panico non sapendo neanche se erano loro le persone che gli sbirri stessero cercando. Le due allora avevano alloggiato dentro ad un rottame di automobile, in un vicoletto... Elisabeth prese Violette cercando di allontanatasi dal quartiere senza essere viste e la cosa sembrò riuscirle... Fin quando non incapparono in un androide della polizia... Le due corsero per le strade inseguite da questa figura... Per sfuggire all'androide furono costrette ad attraversare l'autostrada evitando le macchine che viaggiano a piena velocità... Per pure miracolo o per sfortuna sfacciata le due ne uscirono incolumi mentre l'androide della polizia venne investito poco prima che potesse agguantarle. I poliziotti erano accorsi, ma non erano riusciti a vedere la scena... A parte i resti del loro androide che venivano continuamente investiti... Almeno finché il traffico non ebbe la decenza di interrompersi... 

Seppur uscite illese le due erano ancora in fuga... Avevano bisogno di qualcuno di cui fidarsi... Che le accogliesse e proteggesse... Che le donasse una vita tranquilla... Qualcuno che le facesse sparire...

 

Amicizia nella discarica (Grendel) 

Ben presto le due furono costrette a trovarsi a dover cercare di che sopravvivere nelle discariche. E se da un lato poteva essere considerato disgustoso dall'altro si rivelò una salvezza inaudita. Fu proprio durante una visita ad una discarica di rottami per Androidi, poiché Elisabeth necessitava un cambio di fluido, che incontrarono Grendel. Fu così che si fece un grande. Non solo le due si fecero guidare in quelle sottometropoli di rottami, ma ebbero modo di ricevere insegnamenti su come sopravvivere e difendersi. Non solo... Per la prima volta durante la loro fuga, le due guadagnarono un amico... 

 

In difesa degli indifesi(Mathias)

Fuggire dalla legge era diventato sempre più difficile. Non solo perché era una lotta estenuante contro le forze di polizia che ormai avevano iniziato a perlustrare le zone più inospitali della città, ma anche perché aveva costretto Elisabeth e Violette a recarsi nelle zone più miserabili e malfamate di Berlino... Una notte udirono rumori spari, sferragliamenti e grida preoccupanti... Le due si nascosero, ma nel punto sbagliato... Un uomo le trovò ed armato si fece avanti a loro puntandole addosso l'arma da fuoco... Violette era nascosta dietro Elisabeth... Quando l'uomo si avvicinò troppo alle due, l'androide ebbe uno scatto di coraggio, misto a protezione materna e molta paura, ingaggiando l'uomo cercando di disarmarlo... Ma non era un androide progettato per combattere... Un colpo partì passando da parte a parte la domestica, la quale non ne subì conseguenze poiché il proiettile non colpì fortunatamente meccanismi vitali per lei... Però ferì alla gamba la piccola Violette... Fu allora che un secondo uomo sparò alle spalle del primo uccidendolo... Attonite da tale scena le due si abbracciarono... Ti prego... Non farci del male... Ti scongiuro... L' uomo sorrise per poi prendere per i piedi il cadavere del mafioso e, senza dire alcunché, andarsene... Le due ricorderanno l'uomo come un salvatore... Ma anche come qualcuno di estremamente pericoloso... Elisabeth, nel suo programma da domestica aveva in memoria procedure di medicina di base ed avanzate che furono essenziali per rimuovere il proiettile e rimettere in piedi Violette... Allo stesso modo sapeva come armeggiare in materia di meccanica per riparare se stessa ed evitare bruschi cali di fluidi che l'avrebbero potuta danneggiare. 

@Latarius

Elisabeth e Violette 

=3

@Ian Morgenvelt

Abbiamo un terzo aspetto di collegamento? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, Organo84 ha scritto:
  Rivela contenuti nascosti

BG:

Ormai è risaputo che il "chip della vita" viene inserito al momento della costruzione dalla Robinson Associate su in ogni Androide, perfino il più comune... Perfino nei modelli domestici i quali vengono, al momento della vendita, consegnati con questa funzione disattivata... 

La storia di Elisabeth comincia appunto da questo stato dormiente... Venne acquistata da un uomo divorziato e con una figlia. Kith è un'uomo sulla quarantina d'anni, attualmente disoccupato dopo essere stato licenziato dalla fabbrica per cui lavorava ed essere stato rinpiazzato con uno di questi Androidi, i quali non si stancano e non si lamentano ed, inoltre, succube degli effetti stupefacenti, motivo principale per il quale la moglie è scappata dal marito non curandosi della figlia... Kith è un uomo incapace di provvedere a se stesso ed alla figlia: Violette. È, inoltre, un individuo aggressivo, carico d'odio ed insoddisfazione personale. Decide di acquistare un modello casalingo perché effettui tutte le mansioni di casa che lui non è in grado e non ha voglia di fare.

 

La bambina si affeziona al modello casalingo, programmato per essere una personalità amichevole, servile e soprattutto adatto a gestire i bambini. Violette si affeziona al punto da darle, addirittura, il nome della madre che è fuggita. È una ragazza di 12 anni dal carattere timido, schivo a causa della convivenza col padre. Dal licenziamento del padre la bambina non è più potuta andare a scuola per mancanza di denaro lasciando il compito ad Elisabeth di istruirla e formarla. La bambina non ha molti legami col mondo virtuale se non qualche esperienza a casa dei suoi amici e questo è dovuto alla precaria situazione economica della famiglia... 

 

L'uomo però, continuava ad indebitarsi a causa principalmente delle sostanze stupefacenti ricadendo più volte in atti violenza dovuti all'odio della sua stessa inettitudine. Si ritrova così a distruggere l'androide in preda alle allucinazioni davanti agli occhi della figlia piccola. Il motivo era che l'androide era stata chiamata col nome della madre davanti al padre... 

 

Kith porta Elisabeth a far ripare da un amico potendo contare su di uno sconto, quasi un servizio regalato, poiché una volta ripreso non è comunque in grado di provvedere a quella latrina di casa sua. Fu allora che il "chip della vita", per un motivo o per un altro si attivò. 

 

Ad Elisabeth venne resetta la memoria e cominciò una seconda "partita" come domestica a casa dell'uomo... Svolse le sue mansioni regolarmente, inconsapevole del cambiamento nel suo software. Eppure durante quel giorno comincia a porsi delle domande sul quella delicata situazione. A distanza di praticamente un giorno Kith ricade nei vizi della droga... Durante la cena l'uomo comincia ad urlare contro la bambina per essersi lamentata dei problemi del padre. Kith nella rabbia più totale ribalta il tavolo e colpisce al volto Violette facendola scappare in camera sua... Kith, adirato, ordina all'androide di rimanere immobile, per poi sniffare altre sostanze e salire al piano di sopra della casa, con la cinghia dei pantaloni tra le mani in direzione della figlia. Elisabeth rimane immobile eseguendo gli ordini, almeno finché non sentì il primo grido di dolore. Qualcosa scattò in lei. Corse in camera della bambina...

 

Basta! Questo è abbastanza... 

Cosa? Cosa stai facendo? Torna di sotto... QUESTO È UN ORDINE! 

Non ti permetterò di farle dell'altro male... 

Tu... Tu sembri avere un problema... Ma... Lo aggiusterò io...

Elisabeth affronta Kith nella stanza della bambina... Essendo un modello domestico non è dotato di forza o capacità di calcolo elevate da permetterle di sovrastare l'uomo... Kith arriva a strangolarla, o meglio ad avere l'intenzione di spezzare il collo di lei, ma venne distratto dalla bambina che lo colpì al fianco... Elisabeth a quel punto riesce a spingere l'uomo lontano da se il quale, accidentalmente, colpì con la fronte una scaffalatura trovandosi costretto a chinarsi dal dolore. Fu allora che le due approfittarono della situazione...

Dove andate?!? Tornate qui... TORNATE QUI P*TT*N*!! 

Elisabeth e Violette fuggirono dalla casa dell'uomo, sfruttamendo il suo stordimento a causa dell'urto...

Dentro ad Elisabeth nacque un istinto materno... Un sentimento di protezione ed affetto nei confronti della bambina... Qualcosa che la rendeva più che una semplice macchina. 

Attualmente Elisabeth è ricercata dalla polizia... Ma al momento risulta dispersa... Elisabeth ha badato bene a farsi rimuovere il chip di localizzazione prima di essere considerata una criminale, per non essere trovata. Adesso lei e Violette potranno cominciare una nuova vita... 

Aspetto Principale: "Sono più di una macchina... Sono viva" 

Elisabeth ha la consapevolezza di aver vissuto come una macchina e di essersi di colpo svegliata. Da quando ha incontrato Violette lei ha cominciato ha provare qualcosa... Elisabeth tiene a lei, ha paura per lei, non può sentirsi felice se non lo è lei... Lei sa che in qualche modo e maniera, questa sua evoluzione è dovuta a causa di Violette. E sa che questo non la rende una macchina che esegue gli ordini, ma una testa pensante... Con sentimenti "veri".

 

Difetto: "Unico Scopo"

Al momento per Elisabeth non esiste altra ragione di vita se non Violette. Qual'ora dovessero separarla da lei andrebbe in escandescenza, diventerebbe qualcuno che non è pur di riaverla tra le braccia... Qual'ora la loro separazione dovesse essere definitiva... Elisabeth, molto probabilmente, si spegnerebbe...

 

Aspetto Passato: "Programma Zero Go Alpha Domestica" 

Ormai erano passata solo una settimana da quella fuga dalla casa di Kith... Elisabeth e Violette furono costrette a scontrarsi contro una Berlino vasta e per nulla d'aiuto. Le zone più miserabili della città richiedevano la massima attenzione della domestica nel tenere al sicuro la piccola. 

Quando non sono dedite a scappare, Elisabeth cerca di accudire e proteggere Violette con lo stesso ardore con cui lo farebbe una madre affettuosa. Non potendo contare su risorse economiche Elisabeth, prima di servirlo alla bambina, disinfetta ogni alimento trovato nella pattumiera. Provvede a ricucire gli indumenti indumenti, a tagliarle i capelli, pulirla in caso di necessità. Aumenta la temperatura della propria componente plastica per scaldarla nella fredda notte. Una volta era dedita all'istruzione della bambina, ora quando non sono inseguite, cerca di insegnarle solo alcuni principi di sopravvivenza e autosufficienza, anche se... Non è questo ciò che vuole per lei... Parallelamente al suo risveglio Elisabeth è stata in grado di acquisire informazioni e registrarla permanentemente, apprenderle ed imparare da esse e provare uno stato d'animo in base ad esse. Un processo software chiaramente derivate dal "Chip della vita", ciononostante, essendo stata progettata per essere un androide senza volontà, è comunque un risultato affascinante. 

E se in quei primi sei giorni le due sembrarono sopravvivere, con però la consapevolezza di essere l'una accanto all'altra, bhe... La situazione precipitò quando il settimo giorno alcune pattuglie della polizia cominciarono a perlustrare lo stesso quartiere dove le due erano nascoste. Elisabeth conobbe per la prima volta la sensazione di panico non sapendo neanche se erano loro le persone che gli sbirri stessero cercando. Le due allora avevano alloggiato dentro ad un rottame di automobile, in un vicoletto... Elisabeth prese Violette cercando di allontanatasi dal quartiere senza essere viste e la cosa sembrò riuscirle... Fin quando non incapparono in un androide della polizia... Le due corsero per le strade inseguite da questa figura... Per sfuggire all'androide furono costrette ad attraversare l'autostrada evitando le macchine che viaggiano a piena velocità... Per pure miracolo o per sfortuna sfacciata le due ne uscirono incolumi mentre l'androide della polizia venne investito poco prima che potesse agguantarle. I poliziotti erano accorsi, ma non erano riusciti a vedere la scena... A parte i resti del loro androide che venivano continuamente investiti... Almeno finché il traffico non ebbe la decenza di interrompersi... 

Seppur uscite illese le due erano ancora in fuga... Avevano bisogno di qualcuno di cui fidarsi... Che le accogliesse e proteggesse... Che le donasse una vita tranquilla... Qualcuno che le facesse sparire...

 

Amicizia nella discarica (Grendel) 

Ben presto le due furono costrette a trovarsi a dover cercare di che sopravvivere nelle discariche. E se da un lato poteva essere considerato disgustoso dall'altro si rivelò una salvezza inaudita. Fu proprio durante una visita ad una discarica di rottami per Androidi, poiché Elisabeth necessitava un cambio di fluido, che incontrarono Grendel. Fu così che si fece un grande. Non solo le due si fecero guidare in quelle sottometropoli di rottami, ma ebbero modo di ricevere insegnamenti su come sopravvivere e difendersi. Non solo... Per la prima volta durante la loro fuga, le due guadagnarono un amico... 

 

In difesa degli indifesi(Mathias)

Fuggire dalla legge era diventato sempre più difficile. Non solo perché era una lotta estenuante contro le forze di polizia che ormai avevano iniziato a perlustrare le zone più inospitali della città, ma anche perché aveva costretto Elisabeth e Violette a recarsi nelle zone più miserabili e malfamate di Berlino... Una notte udirono rumori spari, sferragliamenti e grida preoccupanti... Le due si nascosero, ma nel punto sbagliato... Un uomo le trovò ed armato si fece avanti a loro puntandole addosso l'arma da fuoco... Violette era nascosta dietro Elisabeth... Quando l'uomo si avvicinò troppo alle due, l'androide ebbe uno scatto di coraggio, misto a protezione materna e molta paura, ingaggiando l'uomo cercando di disarmarlo... Ma non era un androide progettato per combattere... Un colpo partì passando da parte a parte la domestica, la quale non ne subì conseguenze poiché il proiettile non colpì fortunatamente meccanismi vitali per lei... Però ferì alla gamba la piccola Violette... Fu allora che un secondo uomo sparò alle spalle del primo uccidendolo... Attonite da tale scena le due si abbracciarono... Ti prego... Non farci del male... Ti scongiuro... L' uomo sorrise per poi prendere per i piedi il cadavere del mafioso e, senza dire alcunché, andarsene... Le due ricorderanno l'uomo come un salvatore... Ma anche come qualcuno di estremamente pericoloso... Elisabeth, nel suo programma da domestica aveva in memoria procedure di medicina di base ed avanzate che furono essenziali per rimuovere il proiettile e rimettere in piedi Violette... Allo stesso modo sapeva come armeggiare in materia di meccanica per riparare se stessa ed evitare bruschi cali di fluidi che l'avrebbero potuta danneggiare. 

@Latarius

Elisabeth e Violette 

=3

@Ian Morgenvelt

Abbiamo un terzo aspetto di collegamento? 

Esatto: ognuno di voi ha un terzo Aspetto da giocarsi come preferisce.

6 minuti fa, Ghal Maraz ha scritto:

Ed il povero Mathias neanche un'interfaccia o un misero plug. Nemmeno un elettrotatuaggio subcutaneo a corrente alternata. 

In compenso può reggere un proiettile perforante senza scomporsi. 

E Violette potrebbe dipingerti un bellissimo tatuaggio sul braccio che sia proprio uguale ad un chip. Non ignorare le risorse degli altri PG

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, Ian Morgenvelt ha scritto:

Non mi convince: un hacker non è necessariamente capace di sistemare il motore di una macchina, cosa che potrebbe fare con Tecnologia. Io terrei Artigianato come abilità generica e Informatica come abilità specifica per interagire con la tecnologia e il mondo virtuale, ma attendo i pareri di tutti.

Perdonami ma non ho capito 

Io chiedevo di cibernetica e meccanica, li separiamo in due abilità distinte o restano insieme come Tecnologia? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Skull Leader ha scritto:

Perdonami ma non ho capito 

Io chiedevo di cibernetica e meccanica, li separiamo in due abilità distinte o restano insieme come Tecnologia? 

Io sarei contrario.

Terrei il solo Artigianato, che andrebbe a raggruppare tutte le abilità che permettono di interagire e usare la tecnologia. Per indicare la specializzazione di un PG in una particolare categoria, potremmo semplicemente sfruttare i Talenti.

Questo a meno che tutti gli altri non sia d'accordo per dividere l'Abilità.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, per me va bene. Mi resta però un'abilità libera e non so cosa prendere.

L'unica che potrei prendere è guidare, ma non so quanto un frigorifero con le gambe possa effettivamente mettersi al volante 

Share this post


Link to post
Share on other sites

  • Similar Content

    • By Ian Morgenvelt
      Il gufo
      Sky Hauler C9 modificato
      Il Gufo era una vecchia nave da cargo di classe Sky Hauler, modello C9. Cyrus l'ha acquistata in seguito alla sua decisione di mettersi in proprio e da allora è stata pesantemente modificata da lui e da Kale. Ha una piccola zona cargo e quattro cuccette per i passeggeri nello spazio comune. Ha anche dei comparti nascosti sparsi lungo tutta la superficie, utili per contrabbandare oggetti.
      Il Gufo è una vecchia nave, ma può comunque dire la sua contro modelli più recenti grazie ai suoi motori su misura, le sue turbine superconduttrici a vapore e la sua caldaia, un vero miracolo dell'ingegneria (soprattutto contando come riesca a reggere nonostante gli anni di fedele servizio). Snargle ha fatto inoltre numerose modifiche ai controlli per fornire a questa nave di una certa stazza la manovrabilità di un veicolo più leggero. Sfortunatamente, tutte queste nuove opzioni hanno reso la struttura della nave molto meno stabile: Kale è in grado di farla funzionare senza problemi, ma quando viene messa sotto stress (situazione tutt'altro che anomala) le cose possono andare storte. Tubi rotti, ventole su di giri, perdite di fluido e peggio ancora: queste parole non sono certo estranee alla ciurma del Gufo.
      Nonostante tutto, il Gufo non è solamente una nave spaziale: è una casa per i contrabbandieri. Si radunano ogni sera attorno al vecchio tavolaccio di legno e ringraziano i quattro venti di avere una nave tanto bella.
      Statistiche
      Lunghezza: 48 metri
      Ciurma: 2-3
      Cuccette: 6 (2 per la ciurma, 4 per i passeggeri)
      Capacità del cargo: 13600 kg (6 magazzini di carico)
      Impianti energetici
      Motore a vapore con triple valvola reciproca Due propulsori a induzione con turbina doppia Velocità di crociera: 160 nodi
      Velocità di affiancamento: 310 nodi con il turbo
      Armi: Torretta mitragliatrice esterna sul tetto con sistema di mira automatica
      Wireless: Multi banda a medio raggio con distorsore di frequenze imperiale
      Sensori
      Sonar a corto raggio imperiale Analizzatore dell'atmosfera/pressione Scafo: Trattato per resistere alle profondità inferiori fino a 4 ore.
      Modifiche
      Se una prova può beneficiare di una delle modifiche potrete tirare un dado extra.
      Sonar: è possibile emettere un impulso elettromagnetico del sonar per far saltare alcune parti del motore delle navi più piccole. Sistema di mira: con il primo colpo 'manuale' dell'artiglieria, il dispositivo acquisisce il bersaglio desiderato iniziando a seguirne i movimenti automaticamente, facilitando il puntamento del secondo colpo sullo stesso bersaglio. Condizioni
    • By Bellerofonte
      I PROTAGONISTI
      Raftal [Gnor Ladro NB] || Daimadoshi85 || XV - Il Diavolo |
      Tholin Kydar [Mezzelfo Warlock N] || MattoMatteo || XX - Il Giudizio |
      Occhio Bianco che Scruta la Notte [Tabaxi Ladro CN] || Redik || XXII - Il Matto |
      Elle "Pearl" Thorne [Umana Monaco LB] || Aykman || II - La Papessa |
      Ithil Mornen Estel [Elfa Acquatica Druido CB] || DarkValkyria || XVIII - La Luna |
       
       
    • By Athanatos
      Nelle altre gilde avevo messo le schede in una sezione separata come file ma stavolta voglio provare a metterle in una discussione e vedere se va meglio così:
      Anardilango: https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2218872 Burnon Bearded Boston: https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2042434 Liam: https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2039519 Talien Myrrin: https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2040257 Taylor Westwise: https://www.myth-weavers.com/sheet.html#id=2043929
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.