Jump to content

Benvenuto in Dragons´ Lair

La più grande e attiva community italiana sui Giochi di Ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Il Barbaro e il Monaco

Articolo di Ben Petrisor, con Dan Dillion e F. Wesley Schneider - 15 Agosto 2019
Nota: le traduzioni dei nomi delle meccaniche citate in questo articolo sono non ufficiali.
Questa settimana due Classi, il Barbaro e il Monaco, scoprono nuove possibilità da playtestare. Il Barbaro riceve un nuovo Cammino Primordiale: il Cammino dell'Anima Selvaggia (Path of the Wild Soul). Nel frattempo il Monaco ottiene una nuova Tradizione Monastica: la Via del Sè Astrale (the Way of the Astral Self). Vi invitiamo a dare una lettura a queste Sottoclassi, a provarle in gioco e a farci sapere cosa ne pensate. Tenete d'occhio il sito di D&D per un nuovo sondaggio e fateci sapere in quest'ultimo cosa ne pensate dell'Arcani Rivelati di oggi.
Questo è Materiale da Playtest
Il materiale degli Arcani Rivelati è presentato allo scopo di effettuarne il playtesting e di stimolare la vostra immaginazione. Queste meccaniche di gioco sono ancora delle bozze, usabili nelle vostre campagne ma non ancora forgiate tramite playtest e iterazioni ripetute. Non sono ufficialmente parte del gioco. Per queste ragioni, il materiale presentato in questa rubrica non è legale per gli eventi del D&D Adventurers League.
Arcani rivelati: il barbaro e il monaco
Link all'articolo originale: https://dnd.wizards.com/articles/unearthed-arcana/barbarian-and-monk
Read more...

Intervista a Massimo Bianchini di Asmodee Italia su D&D 5e

Massimo Bianchini, Country Manager di Asmodee Italia e dal 1997 una delle principali teste dietro alla traduzione dei manuali di D&D, ha di recente rilasciato un'intervista al sito Tom's Hardware, grazie alla quale possiamo farci un'idea più chiara sul modo in cui la Asmodee Italia gestisce la localizzazione di D&D 5e in italiano e su cosa possiamo aspettarci per il prossimo futuro.
L'intera intervista è disponibile sul sito Tom's Hardware, mentre qui di seguito potrete trovare alcuni estratti riguardanti specificatamente D&D 5e.
Grazie a @Checco per la segnalazione.
 
In questa epoca di ritorno in auge del gioco di ruolo Asmodee si è “portata a casa” uno dei prodotti più noti e diffusi sul mercato: Dungeons & Dragons. Come sta andando la linea editoriale?
Sta andando molto bene, e anche Wizards of the Coast e Gale Force 9 sembrano molto contente di quanto stiamo sviluppando sul mercato. Non c’è la certezza assoluta, ma in base alle informazioni di cui siamo in possesso, l’italiano è la seconda lingua in cui vengono venduti più manuali al mondo (dopo ovviamente l’inglese)!
La domanda più “pressante” e diffusa nella community dei giocatori di D&D è: “quando esce il modulo X?” “qual è la linea editoriale per raggiungere le pubblicazioni USA?”. Cosa possiamo rispondere in merito? Wizards of The Coast ha “ingranato la quinta” nella velocità di lancio di prodotti… come riuscirete a stare al passo?
L’accelerazione da parte di Wizards of the Coast si è verificata nel corso dell’ultimo anno e al momento stiamo cercando delle contromisure per riuscire a stare al passo. L’idea iniziale era quella di seguire la schedule di uscite originale con l’inserimento in semi-contemporanea delle novità più importanti dell’anno. Ed effettivamente, almeno inizialmente, eravamo riusciti a recuperare “tempo”: la nostra frequenza di uscite era più alta rispetto a quella delle uscite americane.
Purtroppo ora non è più così: il successo world-wide di D&D ha dato un impulso pazzesco alle produzioni americane e stiamo cercando con tutte le nostre forze di tenere il ritmo. Occorre anche dire che alcuni accessori prodotti da Gale Force 9 (come gli schermi del DM dedicati alle campagne o le carte incantesimo, oggetti magici e dei mostri) sono produzioni aggiuntive che portano via risorse, e che vanno ad aggiungersi alla realizzazione dei manuali. (E bisogna anche aggiungere che il gioco da tavolo del Dungeon del Mago Folle, in uscita a fine anno, è andato in coda alla produzione: lo staff che se ne occupa, per ovvie esigenze di coerenza, è lo stesso).
Il discorso generale è che è molto difficile lavorare su prodotti in maniera che non presentino errori di traduzione, e come si può immaginare ciò porta via molto tempo. In ogni caso, pur essendo partiti in ritardo rispetto alle edizioni di altri paesi (Francia, Spagna o Germania, per nominarne qualcuno) siamo comunque in linea con il numero di uscite di questi ultimi.
Il mercato USA gode di numerose versioni “collector” dei vari volumi. Sarà possibile vedere qualcosa anche per il mercato italiano o i numeri attuali sono ancora lontani da permettere stampe di manuali in edizioni diverse?
Siamo in attesa, ormai da molti mesi, dell’autorizzazione alla pubblicazione di questi magnifici manuali “collector”, che sono molto richiesti e che speriamo prima o poi di riuscire a portare nei negozi.
D&D ricopre un posto particolare nella tua evoluzione sia di appassionato sia lavorativa. Da quanto segui il prodotto come “giocatore” e da quanto come “addetto ai lavori”? Quando hai saputo di avere “in casa” il gioco quali sono state le tue reazioni? Felicità o “terrore” per la fan base che avresti dovuto affrontare?
Considerando che il primo manuale che ho editato risale al 1997 (Manuale del Giocatore di AD&D Seconda Edizione) direi che la fase del “terrore” l’ho passata da un pezzo. Diciamo che per la Quinta Edizione ero un po’ preoccupato perché non avevo seguito molto le uscite in inglese dal 2014 in poi… Quando abbiamo ottenuto i diritti, nel 2017, ho dovuto rispolverare glossari e terminologie che non toccavo da molti anni (dal 2009, ultimo manuale che ho seguito per la Quarta Edizione), ma alla fin fine crediamo di avere svolto un buon lavoro.
Attualmente siamo arrivati alla sesta stampa, che consideriamo un bel traguardo! C’è da dire che ho curato solamente la pubblicazione del Manuale del Giocatore, per tutte le altre uscite mi sono avvalso di una mia collaboratrice storica molto in gamba, Chiara Battistini, che sta seguendo tutta la produzione, lavorando sulla traduzione di un’altra pietra miliare del settore, Fiorenzo Delle Rupi.
Quanto del tuo bagaglio culturale e di esperienza troviamo nella attuale versione del gioco? Ti sei “portato dal passato” qualche glossario o elemento che avete utilizzato per mantenere una coerenza con le vecchie edizioni?
Ho una cartella “Glossari” creata più o meno nel millennio scorso, che ho (abbiamo) utilizzato nel corso di tutte le edizioni. In origine, cercammo di mantenere coerenza con la vecchia scatola rossa di D&D, pubblicata da Editrice Giochi, come ad esempio il mitico Dardo Incantato.
In linea di massima abbiamo sempre cercato di mantenere il massimo della coerenza possibile tra un’edizione e l’altra, anche nei termini più ricercati. Per esempio, nella Guida degli Avventurieri alla Costa della Spada, di prossima uscita, i termini geografici sono esattamente gli stessi della scatola base di Forgotten Realms di AD&D Seconda Edizione, pubblicata più di vent’anni fa!
Attualmente Asmodee attraverso Gale Force 9 detiene i diritti per la pubblicazione dei manuali cartacei e non quelli PDF. Il mercato sempre più sembra richiedere la vendita in bundle o anche singola per le versioni digitali… se si aprisse la possibilità secondo te il mercato italiano sarebbe una piazza interessante per questa tipologia di distribuzione?
Devo dire che nutro forti dubbi in merito, da noi la pirateria è ancora ampiamente diffusa, anche se capisco che sarebbe molto comodo avere la versione in pdf dei manuali per facilità di consultazione durante le sessioni di gioco. C’è da dire che è un problema che non si pone, dal momento che questa non è una decisione che spetta ad Asmodee Italia ma bensì a Wizards of the Coast.
Qualche numero sulla vendita di D&D in Italia? Siamo rimasti alle 10.000 copie del Manuale del Giocatore, qualche aggiornamento?
Al checkpoint di metà luglio siamo arrivati a 14.000 copie, ma il periodo migliore dell’anno è da settembre in poi.

Fonte: https://www.tomshw.it/culturapop/asmodee-dungeons-dragons-e-giochi-di-ruolo-intervista-a-massimo-bianchini/
Read more...

Le prime Anteprime di Pathfinder 2e: diversi mostri, la scheda del PG e altro

Pathfinder 2e uscirà in lingua inglese l'1 Agosto 2019, ovvero all'incirca fra una settimana (come vi avevamo scritto in un articolo, invece, la versione italiana dovrebbe arrivare intorno all'Aprile del 2020). Per l'occasione, dunque, la Paizo ha deciso di mostrare alcune anteprime tratte dai due manuali base, il Core e il Bestiario: la scheda del PG, alcuni estratti dalle sezioni per il DM, e le statistiche del Goblin, dello Scheletro, del Gremlin, del Gogiteth, e di numerose altre creature.
Troverete le anteprime infondo all'articolo: per ingrandire le immagini cliccate su di esse. Due versioni ad alta definizione della Scheda del PG, tuttavia, una delle quali progettata appositamente per la stampa, sono disponibili ai seguenti link:
❚ Scheda del PG di Pathfinder 2e colorata
❚ Scheda del PG B/N pensata per la stampa
Per visionare, invece, diverse altre anteprime sui mostri di Pathfinder 2e rispetto a quelle pubblicate in questo articolo, potete visitare questa pagina del sito della Paizo (anche in questo caso, cliccate sulle immagini per ingrandirle).











Read more...

Keith Baker annuncia Project Raptor: un nuovo supplemento per Eberron

Keith Baker, originale ideatore di Eberron, ha annunciato l'intenzione di rilasciare su DMs Guild un supplemento pensato per espandere l'ambientazione per la 5a Edizione di D&D. All'interno di Project Raptor (Progetto Raptor), infatti, nome che al momento identifica questo misterioso nuovo manuale, l'autore vuole sviluppare il mondo di Eberron, andando a presentare regioni mai esplorate fino ad ora. Il supplemento è previsto per la fine del 2019.
Qui di seguito potete trovare la traduzione dell'annuncio ufficiale:
Sempre nella pagina dell'annuncio Keith Baker aggiunge:

Read more...

Pausa Estiva degli Articoli

Vi annunciamo che visto l'arrivo dell'estate le rubriche regolari di articoli e news che vi vengono presentati dalla D'L saranno sospesi fino a Settembre, così da dare allo Staff possibilità di godersi delle meritate vacanze.
Una buona estate e buon gioco a tutti quanti.
Lo Staff D'L.
Read more...
Dmitrij

[Capitolo 1] Le zanne e la luna

Recommended Posts

All'aurora, con la città ancora dormiente, il gruppo di avventurieri varca infine il cancello orientale di Melvaunt. Le guardie, mezze intontite dalla lunga notte al freddo e dalla mancanza di sonno, si limitano ad osservare la fila di cavalli in uscita.
La sera prima avete preso tutto ciò che ritenete utile per un viaggio di diversi giorni, e robusti animali che vi possano portare sui sentieri ignoti che vi attendono. Ora, intabarrati nel mantelli e nel tepore magico delle sciarpe acquistate, vi lasciate la città alle spalle, le sue taverne e i suoi vicoli, i suoi camini fumanti e i suoi canali, i letti caldi ed i borseggiatori.

Ben presto imboccate la strada che punta a nordest e s'infila tra i campi coltivati, bagnati dalla rugiada del mattino, dalla foschia, dalla luce del sole che stenta a farsi strada. Nel cielo umido e slavato galleggiano qua e là grosse nubi, che s'infittiscono man mano che l'occhio corre verso l'orizzonte a nord, coperto da una coltre plumbea.

image.png.f5ba4f47236c7db5572d6ad22364c694.png

Ben presto, incontrate i contadini sui carri carichi di umanità e attrezzi. Si recano verso i campi ormai quasi del tutto spogli dei loro raccolti, salvo i prodotti più tardivi. Vi gettano qualche occhiata sonnolenta, qualcuno tira dritto senza batter ciglio, c'è chi accenna un saluto levando la mano dalle redini, tra i più giovani c'è chi vi guarda con malcelata curiosità, ma nessuno osa o ha voglia di conversare.

Man mano che procedete, i campi lasciano il posto ai pascoli e il terreno s'incurva in clivi d'erbe mature e zuppe d'acqua, la foschia che resiste di fronte ai timidi assalti del sole autunnale, che pare aver esaurito il vigore estivo e si prepara, invece, al letargo dell'inverno in arrivo.

image.png.f3d6f306d8f7e91d234927423559d61f.png

Il viaggio prosegue per lo più silenzioso e, grazie alla mappa che avete acquistato al tempio di Santa Sofia, sapete che raggiungerete il confine del Thar, qualunque cosa ciò significhi, già verso metà pomeriggio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Feezel il Goblin

Soddisfatto di poter lasciare la città libero finalmente Xor dalla tasca magica in cui lo avevo dovuto confinare per potermi muovere liberamente in un'area civilizzata, anche se sono stato costretto a farmi andare bene la civiltà degli umani, che sono generalmente poco tolleranti con quelli della mia razza e con i famigli come il mio

Una volta lontani dalla mura cirradine e ben fuori dalla vista delle guardie, non appena incontriamo lungo la strada una fattoria solitaria, lascio che Xor si sgranchisca un pò le mandibole e gli faccio sbranare una vacca; con le fauci ancora sporche di sangue, salto poi in sella al mio famiglio e pronuncio un paio di parole arcane: adesso si sembro il classico comune halfling mentre l'howler sembra un comune pony

Comincia già a fare più freddino che in città ma meglio così dico con un sorriso malevolo continuando a far avanzare il famiglio

DM
 

Spoiler

 

Prima di partire, uso una carica della Wand of Primal Instint per avere +5 all'initiative e alla prove di Survival (successo automatico prendendo 10 alla prova di UMD per un totale di +27); ovviamente ne beneficia anche il famigliozzo

Inoltre attivo le invocazioni See the Unseen e Devil's Sight

 

 

Edited by dalamar78

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rallo

Lasciamo la citta' che il sole ha a malapena iniziato la sua salita nel cielo. Le strade sono semideserte, il picchetto alle porte sembra piu' interessato alla fine vicina del turno ed al riposo che ne seguira' piuttosto che a prestare attenzione a quel colorito gruppo di viaggiatori.

Imbochiamo la strada che sappiamo porti verso le terre del Thar, il calore mattutino inizia a far alzare una leggera bruma, gli zoccoli delle nostre cavalcature risuonano quasi ovattate in quel panorama cosi surreale.

Il paesaggio attorno a noi e' prevalentemente agricolo, campi coltivati dai quali spuntano qua e la fattorie, di quando in quando incrociamo alcuni carri carichi di manovalanza che si appresta a spaccarsi la schiena zappando la terra per qualche soldo di rame e mucchio di rape al giorno.

E' in una di queste fattorie, un po piu' isolata delle altre, che Feezel lascia che la sua terrificante cavalcatura si cibi. Conosco il goblin da un po' ma non mi abituero' mai a quel genere di spettacolo, quando la mattanza termona ed entrambe riassumo sembianze insospettabili tiro un sospsiro di sollievo.

"Sara' vecchio mio, ma io continuo a preferire il caldo abbraccio di una baldracca elfa ed il sapore dolciastro del vino che scorre  tra le sue tette alla vita campestre"

dico scherzando, ma non troppo, al mio compagno di viaggio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kiryan

Il barbaro si sentiva a suo agio a cavallo e nella natura. Non aveva mai amato rimanere a lungo nelle città soprattutto quelle talmente civilizzate tanto che i templi paiono mercati

Allegro osservò i compagni, in particolare modo il goblin. Poi rispose a Rallo "Anche in campagna si trovano delle belle compagnie. E un fienile è quasi meglio di una taverna." disse sorridendo "Comunque per un po' temo che dovrai dimenticarti di ciò. Ti rinforzerà il carattere vedrai!" aggiunse strizzandogli l'occhio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andrej Tars

Pur disapprovando le levatacce mattutine, che relegherei solo alle fughe dagli incontri clandestini con le giovani ed avvenenti mogli dei nobili, mi sorprendo a gustarmi la bellezza rurale del panorama. I campi si stanno addormentando nella quiete del primo inverno, mentre i coloni si preparano alle lunghe notti, alla rigidità ed al freddo. 

Ben presto ci sarà di che stare in guardia, ma per il momento rispondo a tono alla conversazione: "Bisogna sapere prendere il meglio da tutto. Le Elfe sono maestre di segreti incredibili, belle come nessuna, ma i loro corpi sono troppo silfidei. Alla lunga non mi danno soddisfazione. Le contadinotte e le servette da osteria sono floride, inesperte e curiose. Ma mancano di maestria. Le baldracche da città sono un buon compromesso, quando non sono troppo esose o sifilitiche. 

Le migliori sono le cittadine già sposate, a mio avviso. Anche se, devo ammetterlo, ultimamente chi mi ha dato più sorprendenti soddisfazioni apparteneva al culto di Oghma!".

E sghignazzo, ben consapevole che la notizia fosse già palese per i miei compagni. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vendeval

La mia espressione ai commenti degli altri è del tipo "ma che state dicendo?" anche se nel corso del viaggio realizzo che non avremo molto altro di cui parlare considerato cosa ci riserva il panorama.

Esser a cavallo mi da una certa sensazione e l'esserci lasciati la città alle spalle è come se fossimo molto più leggeri. In queste vallate, Akadi è piena padrona di cielo e terra e ciò non fa che rasserenare il mio spirito.

Dovremo esser di bocca buona... mi decido a partecipare anche io alla discussione ...temo che il meticcio di Santa Sofia (riferito al cantore di sangue misto) sia un'eccezione tra gli orchi, molto più soliti a rassomigliare a cinghiali e scimmie, anche se... Anche se credo di non aver mai avuto la fortuna di vedere una femmina del popolo di Obould Moltefrecce.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il viaggio prosegue dunque fino all'imbrunire, quando la coltre di nubi vi nega la vista delle stelle del vespro, ed una pioggia ghiacciata comincia a calare su di voi e sulle lande brulle che hanno preso il posto di campi e pascoli. La terra si fa sempre più inospitale, punteggiata di grandi massi tondi che paiono essere stati scagliati da giganti quando il mondo era giovane, e pinnacoli di roccia che sbucano dal terreno ammantato di cespi di erba dura. Gli acquitrini rendono tortuoso il sentiero, incerto il terreno, e solo la strada maestra che ora sta puntando decisa verso nord sembra garantirvi un po' di solidità e sicurezza. Tra le nubi vorticanti e gli sbuffi delle vostre cavalcature stanche, un crepuscolo grigio sta allungando il suo manto sul mondo, dove il sole sembra sia stato spazzato via dalla volta celeste.

566249708_Tharlandscape(2).jpg.08d5a9bd68133102ee72e9e625fa8151.jpg

Edited by Dmitrij
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Feezel il Goblin

Fo***to clima di me**a sbotto stringendomi addosso gli abiti invernali e la sciarpa poi do qualche colpetto di incoraggiamento a Xor Vediamo di trovare un posto decente dove fermarsi per la notte

DM

Spoiler

prova a fare un check di Survival +5 per vedere se trovo qualche buon punto dove mettere su il campo

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andrej Tars

"E che ti aspettavi? Un letto caldo, un caminetto acceso e le famose baldracche di cui parlavamo prima?", domando, retoricamente. 

"Kyrian, ci pensi tu a trovare un posto decente dove dormire?".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kiryan

Il barbaro osservò con piacere la capacità del goblin di destreggiarsi nella brughiera. Poi alla richiesta di Andrej annuì dicendo "Aiuterò Feezel"

@Master

Spoiler

Survival +5

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rallo Tubbs

Lo spettacolo offerto dalla natura cambia di miglio in miglio, sarei quasi estasiato dalla vista di queste meraviglie se solo il freddo non mi costringesse a stare rannicchiato cercando di conservare ogni minima parte di calore corporeo.

Le nostre cavalcature iniziano a sbuffare e scalciare, il sole sta per tramontare decidiamo quindi di cercare un posto dove ripararci. Come sempre e' Feezel a prendere l iniziativa, il goblin e' smanioso di trovare un rifugio dove poter accendere un fuoco e mangiare qualcosa.

"E non dmenticare una brocca di acqua tiepida per scrostare il mio culo gelato da questa sella"

Facico eco ad Andrej mentre scendo ed inizio a cercare legna ed arbusti da bruciare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per trovare un riparo dal clima inclemente, dovete avventurarvi un po' fuori dal tracciato stradale. Muoversi è più difficile a causa del terreno aspro e dei frequenti acquitrini, ma Kyrian e Feezel si dimostrano abili guide. E' così che, lungo un'increspatura rocciosa vicina ad una depressione parzialmente riempita dall'acqua piovana a formare uno stagno, trovate l'ingresso ad una caverna: un tunnel di roccia alto e ampio quanto due uomini, coperta di licheni che declina verso il basso, perdendosi nell'oscurità insieme all'acqua che filtra dall'esterno e si in un rigagnolo. La buona notizia è che la caverna costituisce un ottimo riparo dal vento e dalla pioggia ghiacciata sferzanti. La cattiva notizia è che Molto probabilmente è abitata concordano gli esploratori. Oltre alle impronte di vari animali selvatici attorno allo stagno, l'area dinanzi all'ingresso alla grotta è calpestata e battuta da una o più creature di dimensioni considerevoli, le cui zampate e strisciate sono evidenti sul terreno, meno appariscenti sulla roccia dura.
L'alternativa è la notte in campo aperto.

@tutti

Spoiler

Come dicevo nel TdS, vorrei cominciare ad utilizzare Rolz. Qui dotto vedete i tiri che ho fatto per voi, ma ciascuno di voi può cominciare a tirare i dadi del proprio personaggio e copiare il codice corrispondente in spoiler.

Dmitrij:1D20+5 → 20(15 + 5)#Sopravvivenza Feezel
Dmitrij:1D20+5 → 19(14 + 5)#Sopravvivenza Kyrian

Quando copiate il codice risultato, usate il terzo tra i quattro disponibili, perché purtroppo il forum, pur caricando l'anteprima, si "mangia" le immagini dopo aver premuto "invia risposta" (vedi sotto).

embed?X37717259

embed?X37717266

 

 

Edited by Dmitrij

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andrej Tars

"Bene, Rallo, amico mio... è ora di usare le tue incomparabili doti da borseggiatore ed offrirti volontario come esca! Ma quanto sei altruista!", scherzó (non del tutto...) Andrej, mentre già smontava da cavallo e cercavo dove poterlo legare. 

"Sarebbe meglio non affrontarlo là dentro... qualsiasi cosa sia".

Edited by Ghal Maraz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rallo

Alla fine troviamo un riparo ma sembra che dovremo litigarcelo con qualche animale selvatico. Mentre mi preparo ad entrare dentro di me spero che, qualunque cosa abiti quella caverna,  sia in ibernazione per il freddo.

Vado io Andrej, se tu dovessi entrare e lasciarci la pelle mi faresti morire di crepacuore

ridacchio in direzione del mio vecchio amico

- narratore

Spoiler

Hide +20 , Mov Sil +20, Spot +11 scusa se non uso Rollz ma sono da mobile ed è un casino

 

Edited by Pentolino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Kiryan

"Non fare imprudenze" disse il barbaro a Rallo "qualunque pericolo tu veda torna indietro."

Poi prese ad accendere il fuoco tenendo l'arma a portata di mano


@Master

Spoiler

Hai ragione: ma l'abitudine di mettere il bonus in spoiler è troppa 🙂

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mentre lo gnomo svanisce inghiottito dall'oscurità della grotta, gli altri restano in trepida attesa del ritorno del loro esploratore. Kyrian prova invano ad accendere un fuoco, ma è già un'impresa riuscire a mettere insieme quattro ramoscelli mezzi marci, il vento e la pioggia completano l'opera. A meno di trovare un riparo asciutto e del materiale da ardere, non ci saranno fuochi a scaldare mani e cuori.

@Pentolino

Spoiler

 

La caverna prosegue serpeggiando pigra come un budello di roccia. Il pavimento irregolare digrada lentamente verso il basso e gli unici rumori che senti sono lo scrociare della pioggia all'esterno, che va attenuandosi, e il rumore dell'acqua che scorre in un piccolo rigagnolo verso l'oscurità. Già dopo un venticinque metri, cominci a scorgere qualcosa. Ad una quindicina di metri davanti a te il tunnel termina in un laghetto alimentato dall'acqua piovana, anche se probabilmente non vive soltanto di quella. In ogni caso proseguire oltre non ti sembra possibile. Stai per tornare indietro, quando qualcosa ti fa bloccare. Dal pelo dell'acqua emerge appena una testa serpentina, le grosse narici che increspano appena l'acqua con il loro respiro, mentre pigri occhi scrutano un po' addormentati nella tua direzione, senza però averti notato. Tu invece riesci a vedere, a qualche metro di distanza, una seconda testa. Sono parecchio grosse, devono essere rettili di una certa dimensione.

Caverna.thumb.png.e725c72ab4576a30fb98a73432e38be5.png

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rallo

Spoiler

 

Faccio un cenno d intesa a Kirjan e mi immergo nell oscurita'.

L oscurita' e' totale, il freddo e l umidita' pungono le poche parti del mio corpo non coperte da abiti invernali, fuori sembra che un acquazzone stia battendo la zona, motivo in piu' per fare di tutto pur di conquistare questo riparo per la notte.

Quando sono ormai a meta strada del budello di roccia che serpeggia nelle vicere della terra, ecco che scorgo davanti a me un piccolo specchio d acqua, inizio a seguirne le rive conlo sguardo ed ecco che un sciabordio cattura la mia attenzione.

Rimango stupito nel vedere prima una poi due teste di rettile a pelo d acqua, con questo freddo mi aspettavo un orso o qualunque altro grosso animale peloso, non di certo un maledetto serpente gigante...o qualunque esso sia.

Lentamente scivolo fuori per avvisare il gruppo 

 

- Narratore

Spoiler

Aspetto a postare il riunirsmi al gruppo perche' non so se devi far fare qualcosa ai lucertoloni, sempre +20 hide e Mov Sil + Darkstalker

 

Edited by Pentolino

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bastano pochi minuti a Rallo per tornare sui suoi passi e ricongiungersi con il resto del gruppo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rallo

Esco, la pioggia batte sul mio viso la cui espressione la dice lunga su quello che ho visto li dentro.

"la grotta termina poco piu' avanti in uno slargo quasi completamente occupato da un laghetto all interno del quale ho visto due teste di rettile grosse quanto me."

dico stringendo la bocca in disappunto

"Non voglio passare la notte all addiaccio, con questo tempo domani avremo tutti un malanno ed i nostri abiti inizieranno a gelarsi addosso ma dovremo combattere per avere la nostra notte all asciutto." 

aggiungo cercando riparo sotto la soglia della caverna

"A meta' del tragitto sul lato sinistro ce' una rientranza nella roccia, se riuscissimo ad attirarli fuori, qualcuno insieme a me potrebbe attendere li il loro passaggio nascosti li ed attaccarli ai fianchi"

Share this post


Link to post
Share on other sites

Andrej Tars

"Amico mio, sai che io non sono proprio il membro più silenzioso del nostro gruppo... forse Kylian o Feezel? Anche se immagino che Feezel preferisca forse stare nelle retrovie...", commento, cominciando a far volteggiare la mia arma in asta, che non utilizzo ormai da qualche tempo. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.