Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Cosa c'è di nuovo su Kickstarter: Ironsworn Starforged, Wayfarers of the Farwood

Vediamo quali sono le novità in ambito GdR attive su Kickstaster in questi giorni.

Read more...

In arrivo un crossover tra Eberron e Ravenloft?

Questo connubio tra due amatissime ambientazioni è davvero possibile?

Read more...

Anteprima di Avventure nei Forgotten Realms

Avete mai avuto il folle desiderio di mischiare due passioni come Magic the Gathering e Dungeons & Dragons? Ecco un set di carte che potrebbe fare al caso vostro.

Read more...
By Ahrua

Progettazione Avanzata Basata sui Nodi - Parte 4: La Seconda Traccia

Oggi The Alexandrian ci offre dei consigli su come meglio sfruttare la compresenza di più linee narrative per organizzare più facilmente la gestione dei nodi.

Read more...

Immagini di Anteprima della Van Richten's Guide to Ravenloft #3

Viaggiamo tra i vari Domini del Terrore di Ravenloft con queste nuove immagini in anteprima.

Read more...

Recommended Posts


  • Replies 494
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Anche in questo si vede la grandezza di Oda!

http://www.komixjam.it/one-piece-volume-51-update/

Un flashforward potrebbe solo rovinare un ottimo manga, quindi spero proprio che Oda non adotti mai questo espediente, soprattutto su una parte cruciale della sua opera come questa, dove può tornare a

Per cui sì, anche ora rileggendo che la storia era stata allunga di non si sa quanti anni e il finale restava immutato sono rimasto perplesso, e quando ho visto che (e veramente voglio vedere a negarlo) gli eventi principali e divertenti da leggere si intervallavano sempre più spesso a degli spezzi così noiosi da sembrare filler ho fatto 2+2 è ho pensato "male", cioè che stia allungando il vino per venderne di più; che è una cosa comune con i manga di successo (bastard e bleach per citarne uno vecchio e uno recente). Dopo specificatamente la storia del manga più lungo effettivamente non è c'entra un niente e l'avrò confuso con altro.

L'affermazione di Oda era proprio quella, e il problema secondo me sei tu ad interpretarla in malafede. Io l'ha interpreto come: "Ho una storia in mente che voglio raccontare, di cui conosco già a grandi linee il suo svolgimento e ho ben presente la fine (quest'ultima cosa l'aveva detta). Non importa quanto anni questo richiederà."

E manco a farlo apposta, è la stessa idea che ho io con la mia campagna di D&D. Avevo previsto durasse 3 anni. A settembre siamo a 4 anni di gioco e siamo più o meno a metà.

Per il discorso del cambiamento avrei apprezzato entrare un po' più nei "Pensieri" dei personaggi, possibile che nessuno si faccia delle domande sulle tantissime cose su cui ci sarebbe da farsele? Che ultimamente non interagiscono praticamente mai fra di loro se non per combattere o mangiare/bere? Possibile che un sanji non mostri qualche sentimento che non sia solo superficiale (fra l'altro, per quanto simpatico, l'atteggiamento che ha con le donne ultitamente lo trovo decisamente troppo forzato).

Rufy stesso non si capisce mai cosa pensa, anzi non si capisce mai se pensa al di fuori dei combattimenti, a volte pare che vada avanti come in un avventura prefatta di dnd della peggior specie dove la strada da percorrere è quella e si va avanti per inerzia.

Mah, continuo a non condividere la tue impressioni. Le cose vengono dette, ma al di fuori delle scene per dare spazio all'avventura. Ad esempio molti fan si erano lamentati che non si erano raccontati cosa avessero fatto negli ultimi 2 anni. La verità è che l'anno fatto, ci sono vignette in cui ne parlano e che poi sfumano per evitare di allungare la cosa con una ripetizione di quanto già accaduto.

Link to post
Share on other sites

Guarda, io non ho nulla contro le cose lunghe di per se, a patto che continuino ad essere costantemente di buona qualità, per cui capirei benissimo se uno si fosse accorto che aveva ancora un mucchio di cose interessanti da dire e le dica, però vedendo che (almeno per me) si alternano con una certa frequanza pezzi molto buoni a pezzi molto noiosi preferirei che non allungasse, perché non c'è n'è bisogno in certi casi. Dopo nei primi post mi sono anche posto male sulla cosa eh ok, però la penso comunque così.

Ci sono manga che leggo capitolo per capitolo e riescono a farmi sempre restare li attaccato, one pice era uno di questi, ora invece per non smettere proprio di leggerlo mi ritrovo a far passare capitoli se non numeri e dopo leggere in un botto, per trovare almeno un poco di sostanza (che dopo ovviamente è variabile, magari mi ritrovo sorpreso da una saga che dall'inizio alla fine è bella o magari l'opposto -e in tal caso è veramente scoraggiange-).

Per quanto riguarda l'evoluzione dei personaggi vabbeh, sono anche essere pareri, però prendi alcuni manga d'azione famosi e facciamo qualche paragone. Leggendosi un Ushio e Tora, un dragonball, un jojo (tralasciando l'ultima serie), un hunter x hunter, un full metal alchemist e via dicendo io noto che i protagonisti e comprimari in questione, pur essendo sempre li stessi, subiscono una bella "maturazione" nel percorso e/o acquisiscono la loro profondità tramite varie cose.

Anche in Op questo succede ma molto di meno, specie se si considera quanti capitoli ci sono. Imo.

Link to post
Share on other sites

In dragonball e hunter x hunter non mi pare di vederne...

Dragonball paradossalmente ne ha tantissimi che non snaturano il personaggio, dal matrimonio di goku e il rapporto con i figli all'evoluzione di un personaggio come Vegeta. Nella sua semplicità da ancora le piste a moltissime opere, tra cui OP.

HunterxHunter ne ha parecchi pure lui e su tutti i personaggi, basta guardare l'arc di Killua o come Gon gestice l'"appuntamento" con Pam.

Link to post
Share on other sites

Dragonball paradossalmente ne ha tantissimi che non snaturano il personaggio, dal matrimonio di goku e il rapporto con i figli all'evoluzione di un personaggio come Vegeta. Nella sua semplicità da ancora le piste a moltissime opere, tra cui OP.

Io ho sempre trovato molto forzato il cambiamento dei cattivi come Piccolo e Vegeta. Prendiamo il primo ad esempio: era la parte malvagia di Dio, e poi diventa "buono"? Che senso ha?

Vegeta idem, non si capisce perché d'un tratto non è più quello di prima. Ho fatto finta di non notare la cosa solo perché ha permesso a lui, il mio personaggio preferito, di restare tra i protagonisti del manga.

Goku cambia è vero, anche resta sempre il solito sempliciotto (lo è solo di meno), ma passa molto più tempo (in One Piece non sono passati più di due anni e sei mesi dall'inizio della storia) ed è cambiato anche il genere del manga. Da manga di avventure spensierate diventa un manga con solo combattimenti.

One Piece secondo me affronta la cosa meglio e con più classe: i cambiamenti sono velati e sensati, e i cattivi non diventano i migliori amici dei protagonisti. E se si ritrovano loro alleati, potrebbero farlo anche solo per convenienza.

Link to post
Share on other sites

Goku non ha mai cambiato comportamento. Ma proprio mai. Giusto quando si trasforma, A VOLTE diventa serio. E vegeta cambia si, ma non puoi negare che ce ne siano anche in OP. Crocodile?

Si parlava di personaggi che maturano senza essere snaturati, e lui ne è un ottimo esempio. Il fatto che si trasformi non c'entra proprio niente col suo comportamento a parte il fatto che si gasa.

@Klunk E' invece a me sembra l'incontrario, che dragonball riesca a far cambiare i suoi personaggi in un bel modo senza mai uscire dal suo target (cioè l'essere principalmente un manga di scazzottate per ragazzi), è vero che come "anni di fumetto" in dragonball ne passano di più ma quello mi importa poco sinceramente, in anni da lettore dragonball e iniziato e finito e sono successe tutte le varie cose (inclusi questi cambiamenti) op è ancora li a girarsi i pollici in questo senso.

E se ci fate caso op queste cose le faceva, i personaggi maturavano in fretta (o quantomeno normalmente), vedi nami con belmer.

E comunque, a parte il fatto che dragonball posso sembrarvi un manga adatto da paragonare o meno (toh lo sostituisco con yuyu Hakusho ) non mi avete risposto, paragonando i manga detti prima, o anche uno solo che ho detto su cui non c'è stato da ridere, non vi sembra che la maturazione e la profondità dei personaggi sia tutta un altra storia? A me si.

Ed è in quel modo che vorrei fosse gestita la crescita dei personaggi in OP. (E' potrei divagare sul fatto che secondo me solo una gestione oculata della durata del manga permette una cosa del genere.)

Link to post
Share on other sites

intanto ricordiamoci che in dragonball c'è una bella differenza tra anime e manga. E comunque intendevo che quando si trasforma diventa serio. A volte, perchè spesso continua a fare il ********.

Ora non c'entrerà nulla o poco, ma in Dragonball ricordiamoci che i personaggi raggiungono un QI di 60 (collettivamente)

Inoltre a OP, dio santo, ma quanto può maturare un personaggio? Zoro ad esempio ha sempre detto che se Rufy non si dimostrerà degno del ruolo di capitano se ne andrà. Nico Robin sembra tranquilla, ma cavolo, una vita più tragica della sua è difficile immaginarla...

Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda anime e fumetto io sto sempre parlando di fumetto, gli anime non li considero nemmeno in questo caso visto che spesso sono riempiti di filler e cavolate messe da gente che non è l'autore.

Comunque leggendo i capitoli di oggi di OP, Naruto e Bleach sono arrivato alla conclusione che in effetti i personaggi di op vanno bene così più o meno (anche se come ho detto i power-up alcuni li poteva fare meglio), sarà che il paragone con sasuke mi ha ricordato cos'è effettivamente un personaggio privo di spessore asd.

Per il resto diciamo che spero soltanto che inizi a mantenere una qualità costante perché un altra saga come quella dell'isola degli uomini pesce non la reggo.

Link to post
Share on other sites

Ma dai.. Usop è diventato il mio pg preferito^^. Franky mi è cascato tantissimo. Peccato, mi piaceva molto (Super!!!).

La cicatrice sul petto di Rufy e sull' occhio di Sanji è una vera caduta di stile.

I problemi erettili di Sanji mi lasciano indifferente.

Nami ha le tette più grosse, e ormai mi aspetto di vederla cascare in avanti per la mancanza di bilanciamento.

Robin è più o meno la stessa, e anche Chopper il teschio di cui ora non mi sovviene il nome.

Per ora Rufy e Usop mi sembrano maturati (ok, Usop ha praticamente cambiato carattere, ma può esere visto come un effetto della crescita interiore dopo due anni passati a combattere ininterrottamente, senza potersi crologiolare sul fatto che la popria debolezza lo legittimasse a scappare sempre). Gli altri invece sono molto "X".

ì

Link to post
Share on other sites
  • 2 months later...

Letto il 63, ma quanto è penosa la saga degli uomini pesce, soprattutto il flashback?

Nella mente di Oda servirà sicuramente a spiegare alcuni avvenimenti e sarà parte integrante della storia, ma è di una lentezza disarmante...

Link to post
Share on other sites

La saga di per sé non è il massimo, ma serve a concludere le questioni rimaste in sospeso da Arlong Park, il flashback però l'ho trovato molto bello. Oda affronta il problema del razzismo in una maniera molto bella a mio avviso.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Maxwell Monster
      qualche consiglio ?
      mi interessano in cartaceo italiano , e che ci siano Mostri .
      ho già :
      Berserk
      Nausicaà della Valle del Vento
      Dragon Quest Dai La Grande Avventura
      Dragon Quest L ' Emblema Di Roto
      Beet The Vandel Buster
       
      scarto :
      Magi The Labyrinth of Magic (ambientazione e temi non di mio gusto)
      Basilisk (design non di mio gusto)
      GATE (non mi attira il mischione) 
       
      Goblin Slayer potrebbe dare .
    • By SNESferatu
      Dungeon Food (aka Dungeon Meshi) è un fumetto giapponese che cerca di risolvere l'annosa questione: ma cosa cavolo mangiano gli avventurieri in un enorme megadungeon di tremila piani? La risposta è facile: i mostri. Dopo aver subito una tragica disfatta contro un drago rosso, il gruppo di avventurieri (guerriero umano, ladro halflingfoot, maga elfa e... cuoco nano?) decide di cercare di salvare la loro compagna chierico dalla digestione del drago in una terribile lotta contro l'orologio (si sa, i draghi sono creature con metabolismo lento e ci vuole del tempo affinché digeriscano una creatura) avendo a disposizione scarso equipaggiamento e per provviste... be', ciò che offre generosamente il dungeon.

      Qualcuno di voi lo sta leggendo? Io lo adoro. Prende gli stereotipi del gdr fantasy, li stravolge e li decostruisce. Perché esistono i dungeon? Come funziona uno slime? Da dove diavolo spuntano tutti quei soldi nelle casse del tesoro? In che situazione si può resuscitare un corpo? Quale tra un merfolk e una sirena si può mangiare rimanendo all'interno dei confini dell'eticamente corretto? L'inizio potrebbe risultare un po' lento ed episodico, ma consiglio di non demordere.
      Tra parentesi, il party è facilmente traducibile in qualsiasi edizione di D&D vogliate (anche se lo trovo particolarmente adatto alla quinta). Laius per esempio è uno strano guerriero con Saggezza come dump stat e una intelligenza particolarmente alta, con competenza in Natura (essendo fanatico dei mostri, della loro cucina e di tutto quello che gli gira intorno). Ci vorrebbe davvero pochissimo per tradurre l'intera avventura in termini D&Deschi.

      Siamo un po' tutti Marcille.
    • By Rock_77
      Qualcuno ha preso questo manga? Mi è stato detto che è praticamente la contunazione di Naruto e tratta delle avventure del figlio di Naruto ... qualche recensione?
    • By Alaspada
      Chi lo legge oltre a me? Penso che unisca la tamarragine unica della 3d-gear con la veridicità dei personaggi e una storia appassionante. Mi spiego:
      se il mondo fosse nella stessa situazione del manga saremmo più o meno nella stessa situazione e i personaggi (come nel fumetto) non avranno capacità straordinare, escludendo pochi casi speciali (1 o 2 come nel manga più gli esperimenti Titan shifters). La paura stessa anche è rappresentata benissimo. Passo ora allo spoiler poichè rivelerei parte della trama per dare ulteriori complimenti al manga:
      Spoiler:   La scimmia gigante che sa parlare e, a detta dei titan shifters, creatore dei titani ed unica soluzione per tornare a casa. Trovo interessante il fatto che nei titani sia stata invertità l'evoluzione, con quelli dall'aspetto selvaggio intelligenti e quelli dall'aspetto umano stupidi (escludendo i devianti). L'enegmicità sotto certi aspetti del manga che lo rende ancora più interessante. Passo adesso ad alcune teorie che ho formulato, sempre sotto spoiler:
      Spoiler:   Alcune paiono ovvie e me le sono fatte in poco, ma possono essere sbagliate se ho tralasciato qualche dettaglio: -chiaro come il sole, almeno per me, che i titani sono tutti ex-umani. In particolare ho pensato che molti non siano riusciti a controllare il proprio titano e abbiano ceduto alla pazzia. Un esempio a riprova è la madre di Connie e la ragazza "scout" con quel titano che aveva parlato in un attimo di lucidità.
      - La cura a quella epidemia del padre di Eren ha causato come effetto collaterale (voluto o meno non è dato saperlo) il diventare titani delle persone. Questa non è molto sicura come teoria però, visto che lo stesso Eren non si trasforma prima di essere mangiato.
      - I titani nelle mura: forse l'umanità era in grado di controllare i titani almeno inizialmente e quindi quest'ultimi, quando si sono creati i primi casi di "disobbedienza", hanno creato tali mura con quelli rimasti
      -Penso che esista una comunità di altri umani nel "mondo esterno" e alcune illustre menti siano scappate li per proteggersi dal futuro tentativo di distruzione dei titani. Questo sarà una sorta di "giardino dell'eden" dove i titani non possono entrare, o che comunque è simile alle altre mura
      -Per me alcuni personaggi devono ancora rivelarsi di essere titani tra le fila degli scout. In particolare ho dubbi soprattutto su Mikasa (presentimento ovviamente, non ne ho prove)
      Dite pure la vostra
    • By MattoMatteo
      Ho scoperto questo anime tramite una nota sul sito TVTropes (in realtà stavo cercando altro, ma il titolo mi aveva incuriosito, e quindi sono andato a controllare), e ho deciso di vedere se c'era qualcosa su Youtube; ho trovato sia la versione doppiata che quella sottotitolata (parte http://www.youtube.com/watch?v=kbiXW9KQ05s, http://www.youtube.com/watch?v=YUQeZz9SuOc, e
      ), ma solo in inglese.
      Trama:
      In una Terra parallela, verso la fine del 19° secolo viene scoperta la magia, che viene usata in vari campi (medicina, coltivazioni, costruzioni, guerra); il problema è che, se una persona usa troppa magia, finisce per trasformarsi in un "demone" (più che hai classici diavoli, però, pensate piuttosto ai mostri di Resident Evil... al cubo!).
      Per ovviare al problema, sono state inventate delle speciali "armature", chiamate "Mold" o "Strait Jacket", che prevengono la trasformazione assorbendo l'energia in eccesso... a meno che non funzionino male, per scarsa manutenzione o sabotaggio. Quando un demone si scatena, entrano in azione dei reparti speciali, armati anch'essi di Mold; quindi questi soldati rischiano costantemente di diventare loro stessi i mostri che cacciano.
      Negli ultimi tempi i demoni tendono a comparire più spesso del solito, soprattutto a causa dell'azione di un gruppo terroristico, ma ormai la magia è entrata a far parte così tanto della vita moderna, che la civiltà non può più farne a meno.
      L'anime dura meno di 80 minuti, ma sono 80 minuti ben spesi; la grafica è ottima, le animazioni sono fluide, la CG è appena presente (solo per alcuni effetti speciali), le musiche sono buone.
      L'ambientazione, poi, è semplicemente ottima, e si presta non poco ad essere sfruttata, in tutto o in parte, per i giochi di ruolo.
      In sostanza ne consiglio la visione a tutti.

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.