Jump to content

Leaderboard

  1. Alonewolf87

    Alonewolf87

    Moderators - supermoderator


    • Points

      5

    • Posts

      53.2k


  2. lamadimorte

    lamadimorte

    Circolo degli Antichi


    • Points

      5

    • Posts

      1.1k


  3. Battelfate

    Battelfate

    Circolo degli Antichi


    • Points

      1

    • Posts

      154


  4. Azog il Profanatore

    Azog il Profanatore

    Circolo degli Antichi


    • Points

      1

    • Posts

      701


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 03/23/2005 in Albums

  1. Immagini della campagna. I dungeon della stessa verranno messi e tolti mano a mano che la missione procede per fare spazio
    4 points
  2. All United, Raduno svolto a Vittorio Veneto il 27-28 Ottobre 2018
    3 points
  3. Immagini dei Personaggi Non Giocanti e delle Creature incontrate
    1 point
  4. Terza avventura della serie dei "Corian's Expendables". Nel lungo tragitto verso Bard's Gate, col cuore pesante della nuova consapevolezza per l'attacco imminente da parte delle forze non morte del culto di Orcus, il gruppo di eroi raggiunge i piedi della catena montuosa della Valle Cuorediroccia. Senza volerlo entrano nel regno paludoso di un troll antico, Karigror. Vengono assaliti e alcuni di loro catturati da un gruppo di manticore e, raggiunto il loro nido (in una grotta naturale a strapiombo di un burrone!) uccidono le pericolose creature a salvano un paladino di Mitra e Luanor, chierico di Narrah (quest'ultimo decide di unirsi al gruppo per portare a termine la missione di scoprire e contrastare i piani del culto di Orcus). Stante le due tappe forzate, il gruppo prosegue giungendo alle porte della città nanica fortificata Boscodipietra, patria natìa del nano Grundar. Qui scoprono una città sotterranea devastata dalla recente incursione di tre tribù cobolde cappeggiate da Tabourex, un drago rosso. E i restio del popolo di Grundar costretto ad un accampamento di fortuna in superficie. Gli eroi vanificano un assalto di troll-ghiaccio ai danni dell'accampamento e vengono assoldati da Jerin, capo delle guardie, per discendere nelle viscere della città nanica e liberarla dall'invasione cobolda. Durante la discesa nelle viscere della terra, gli eroi vengono assaliti dalle forze cobolde e soggiogati dall'incantesimo del sonno lanciato dal capo stregone coboldo Aurytiss. Si svegliano prigionieri, incatenati e provati del loro equipaggiamento in una stanza sotterranea nel cuore della Forgia Nanica, circondati dai coboldi, da Aurityss in persona e da un redivivo Hak, che avevano lasciato in superficie diretto col paladino di Mitra a liberare la figlia del fabbro di Fairhill dalle grinfie di un ettin. Grazie al sotterfugio, gli eroi riescono a liberarsi dai ceppi e a neutralizzare i pochi coboldi rimasti a guardia. Corian, nel frattempo, comunicava mentalmente col suo famiglio, rapito dai coboldi e imprigionato nella grande stanza dei tesoro dei nani dove il mago scopriva essere beatamente addormentato il drago rosso. A colpi di spada si facevano strada verso la Forgia Nanica dove entravano in contatto col Maestro di Forgia, venivano equipaggiati con armi e armature in adamantite e respingevano un assalto dei coboldi dopo una battaglia epica che vedeva il guerriero Kain ingigantito grazie a un incantesimo del mago Corian, fare scempio tra le fila nemiche mentre il resto dei suoi compagni rparava nei sovrastanti canali di aerazione che collegavano la Forgia con tutti i livelli del complesso Attraverso queste condutture gli eroi raggiungevano il tempi di Dwerfater (Padre divino di tutti i nani) e trovavano un ristoro temporaneo nella cappella del chierico nano Karadin. Da qui poi ritornavano nei corridoi del livello della Forgia, sorprendevano Trotvir, il lord reggente di Boscodipietra, mentre urlava furiosamente contro uno specchio nella quale intravvedevano la figura ombrosa del sacerdote mezzorco Tavik. Tratto in inganno dal culto di Orcus, Lord Trotvir aveva spalancato le pesanti porte di Boscodipietra consentendo una non voluta invasione dei coboldi, e tutto in cambio della promessa di poter accedere alla reliquia più sacra a Dwerfater stesso in cambio della cessione a Tavik di una mano mummificata, reperto trovato occasionalmente durante gli incessanti scavi della sua gente e custodito nella Grande Sala dei Tesori. Gli eroi soggiogavano l'ex lord reggente e lo consegnavano al Maestro di Forgia per prepararsi, quindi, allo scontro finale contro il drago rosso. Giunti nella Grande Sala del Tesoro, Tabourex sfruttava un potente icantesimo di immagine illusoria per confondere i sensi del gruppo. Dopo una ardua battaglia nella quale Luanor e Grundar rimaneva gravemente ustionati e in fin di vita per colpa del soffio infuocato del drago rosso, gli eroi riuscivano a sconfiggere il drago scoprendo che lo stesso altro non era che un rappresentante giovane della sua stirpe, apparso ai loro occhi come un drago adulto grazie alla mera illusione. Gli eroi, curati a dovere da Karadin, tornavano in superficie osannati dai nani superstiti. Grundar decideva di restare con la sua gente, insignito da Karadin del titolo temporaneo di nuovo reggente di Boscodipietra. Il resto del gruppo decideva ordunque di separarsi per proseguire ognuno per la sua strada. Corian si dirigeva al Dominio Arcano, la scuola di magia più grande del continente con sede a Bard's Gate. Lannet tornava a Fairhill per riprendere i suoi affari, forte delle ricchezze acquisite durante il lungo viaggio coi mercenari di Corian. Kain tornava a Fairhill per passare un po' di tempo con Glarian, la bella locandiera mezzelfa prima di tornare alla sua carriera di mercenario, questa volta forte di una fama di tutto rispetto. Malfurion tornava al Circolo della Luna, rifugio di tutti i druidi della Valle Cuorediroccia, per riferire dei terribili tempi in arrivo nella Valle. Luanor raggiungeva, invece, la sua chiesa a Bard's Gate per organizzare la spedizione militare verso la Valle dei Templi: destinazione i sotterranei, un tempo sede delle cripte funerarie degli eroi della vallata e delle varie chiese dei tre culti principali, ma ora invase dal culto di Orcus e da chissà quali altre abominevoli creature. E con una certezza: il Monolito Nero, la Fontana delle Ossa, il misterioso Gremag (la cui resurrezione oscena sembrava essere collegata con il trafugamento della mano mummificata), tutti questi indizi sembravano condurre in un modo o nell'altro in quella vallata ormai dimenticata dagli dei.
    1 point
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.