Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair
La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

  • Annunciate le Uscite in Italiano per D&D 5E del 2024

    Alonewolf87
    • 1.3k views
    • Andiamo a scoprire assieme quali manuali accessori di D&D 5E saranno localizzati in italiano nel corso del 2024.

     Share

    La Wizards of the Coast ha annunciato nelle ultime ore i manuali accessori per D&D 5E che saranno localizzati in italiano nel corso dei prossimi mesi. Eccoli per voi:

    Le Chiavi del Caveau Aureo

    15 Marzo 2024

    Questa raccolta di 13 avventure brevi a tema rapine, furti e colpi ben congegnati offre varie opzioni per far giocare personaggi da livello 1 a livello 11, che possono essere incluse in una campagna già avviata oppure essere unite tra di loro per creare una campagna a sé stante.

    large.9c290460c88df140f0f1763f4266018c2707335b.jpg.2359d63be580d2fc6912a6325f4fb029.jpg

    Bigby Presenta: La Gloria dei Giganti

    Giugno 2024

    Questo manuale accessorio offre molte informazioni sui giganti, che sono tra i mostri più iconici di D&D, e presenta materiale utile sia per i giocatori che soprattutto per i DM, con nuovi mostri, oggetti magici e approfondimenti sulla cultura di queste creature.

    large.71G2mCC2JbL._AC_UF10001000_QL80_.jpg.f8eb379148a3aaa8d5f30692d08d1f3a.jpg

    Phandelver e L'Abisso: L'Obelisco Infranto

    Settembre 2024

    Questa avventura offre una revisione della classica avventura La Miniera Perduta di Phandelver (presente nello Starter Set originale per D&D 5E) e una prosecuzione in una campagna legata all'horror cosmico, portando i PG dal 1° al 12° livello.

    large.large.PhandelverandBelow_Cover_ArtbyAntonioJosManzanedo.png.f146eac3e0fd1208e04af5c6c143f098.png.1aad0b6e4bf6854754cb59af4e12cba0.png

    Titolo Ancora Da Annunciare

    Novembre 2024

    Di questa avventura sappiamo solo che porterà i giocatori in giro per il multiverso di D&D e quindi pare facile ipotizzare si tratti di Planescape: Adventures in the Multiverse. Delle alternative potrebbero essere Vecna: Eye of Ruin oppure Quests from the Infinite Staircase, entrambi annunciati il mese scorso in uscita in inglese nel 2024.

    E voi cosa ne pensate di questo annuncio? Ci sono manuali che stuzzicano il vostro interesse e se sì quali?


    News type: Generica
     Share


    User Feedback

    Recommended Comments

    Le avventure si prendono sempre e così farò, perché - così come le ambientazioni - sopravvivono alle edizioni e, se buone, risultano sempre utili.

    A questo punto mi pare di capire che non si torni più indietro, e alcune delle migliori produzioni della 5a edizione rimangono fuori dal calendario delle localizzazioni.

    Sarebbe bello che la casa madre attraverso i suoi portavoce italiani, si spiegasse a riguardo. 

    Vedremo mai Tomb of Annihilation, Rime of the Frost Maiden, ecc?

    Altro dato interessante sarebbe sapere la tiratura/vendita delle avventure in Italia. 

    Link to comment
    Share on other sites

    8 minuti fa, Aranar ha scritto:

    ed altro dato interessante sarebbe sapere se lavorano per migliorare la qualità delle traduzioni

    Vedo che anche su Facebook c'è sempre ancora qualche commento critico in questo senso.

    Ho letto qualche passaggio della Dragonlance e l'ho trovata piacevole, ma non so dire se il trend sia positivo perché, per motivi di tempo, non riesco a giocare  campagne così grandi. 

    Ciononostante alimento il mercato italiano, nella speranza che ciò non fermi questo periodo dorato. Io iniziai a giocare con Uno sguardo nel buio e la scatola rossa. Avevo 12 anni e alle medie avevo fatto tedesco. Senza l'italiano non avrei mai intrapreso questo passatempo. 

    Quindi, ok, sono disposto anche a perdonare qualche imprecisione. È troppo importante che i ragazzini abbiano i mezzi per provare a giocare. 🙂

    Link to comment
    Share on other sites

    5 ore fa, OrtodelGrognard ha scritto:

    Vedo che anche su Facebook c'è sempre ancora qualche commento critico in questo senso.

    Ho letto qualche passaggio della Dragonlance e l'ho trovata piacevole, ma non so dire se il trend sia positivo perché, per motivi di tempo, non riesco a giocare  campagne così grandi. 

    Ciononostante alimento il mercato italiano, nella speranza che ciò non fermi questo periodo dorato. Io iniziai a giocare con Uno sguardo nel buio e la scatola rossa. Avevo 12 anni e alle medie avevo fatto tedesco. Senza l'italiano non avrei mai intrapreso questo passatempo. 

    Quindi, ok, sono disposto anche a perdonare qualche imprecisione. È troppo importante che i ragazzini abbiano i mezzi per provare a giocare. 🙂

    Il problema è che non si parla di qualche imprecisione. Si parla di errori che mandano a meretrici la fruibilitá del prodotto. Personalmente, pur lodando la tua posizione, io la penso all’opposto. Non ho intenzione di pagare per un prodotto non valido e, anche in considerazione del fatto che hanno tolto la localizzazione a asmodee che lavorava bene, non ho più intenzione di comprare materiale in italiano. Ringrazio d&d anche per aver imparato l’inglese 🙂  

    • Like 3
    Link to comment
    Share on other sites

    Il 30/1/2024 at 23:06, Lord Danarc ha scritto:

    Il problema è che non si parla di qualche imprecisione. Si parla di errori che mandano a meretrici la fruibilitá del prodotto. Personalmente, pur lodando la tua posizione, io la penso all’opposto. Non ho intenzione di pagare per un prodotto non valido e, anche in considerazione del fatto che hanno tolto la localizzazione a asmodee che lavorava bene, non ho più intenzione di comprare materiale in italiano. Ringrazio d&d anche per aver imparato l’inglese 🙂  

    Messi sulla bilancia sono più i pro dei contro. Anche io avevo una buona base d'inglese a scuola grazie, anche, a D&D, e ho finito per laurearmi in lingue. Tuttavia dalla mia esperienza durante l'AL, posso dire che non sarei mai riuscito a fare giocare dei bimbi di 9/10 anni a D&D senza una versione italiana del regolamento. Con un'edizione in lingua madre si parte da volenterosi di 13/14 anni.

    Avventure e ambientazioni diventano accessibili verso i 16, a patto di avere voglia di sbattersi. Insomma, si torna agli anni '90, quando per agevolare i neofiti le fanzine traducevano le schede personaggio. Mi pare un bel balzo indietro.

    Notizia che vedo oggi è lo stop alle traduzioni in portoghese. Si cammina quindi su di un filo sottile. Ognuno di noi è in parte responsabile di ciò che ci circonda, meglio ricordarselo (discorso che vale anche per la condivisione di PDF di opere minori, che andrebbero supportate, anziché rapinate).

    https://www.enworld.org/threads/d-d-no-longer-in-portugese.702796/

    Edited by OrtodelGrognard
    Link to comment
    Share on other sites

    Ah, sono d'accordo, e io sono uno che se può supporta, comprando materiale anche se sa che non avrà modo di giocarci quanto vorrebbe, come ad esempio accaduto con i manuali della leggenda dei 5 anelli, che sono bellissimi, fatti bene, e curati, sebbene ovviamente non scevri da errori.

    Ma il mio ragionamento rimane lo stesso. Un prodotto deve essere fatto bene e valere la pena, se mi sento preso in giro non ho alcuna intenzione di supportare alcunché sotto il rischio che altrimenti "non traducono più". Me ne farò una ragione. Porto un altro esempio: sono stato felicissimo dell'uscita in italiano dei libri di Warhammer, e (per quelli che mi interessano) ho provveduto a comprarli. Il problema in quel caso è la scarsità di possibilità di acquistare i libri. Sono sempre sold out, e quindi, sebbene in tal caso mi dispiacerebbe, sto valutando se comprarli in inglese. E ripeto, mi dispiacerebbe.

    • Like 1
    Link to comment
    Share on other sites

    direi che la motivazione addotta per lo stop del portoghese (scarse vendite) è diversa da quello successo in italia (gestione diretta peggiorativa rispetto alla licenziata)

    Link to comment
    Share on other sites

    2 ore fa, Aranar ha scritto:

    direi che la motivazione addotta per lo stop del portoghese (scarse vendite) è diversa da quello successo in italia (gestione diretta peggiorativa rispetto alla licenziata)

    Però c'è il rischio concreto che la scarsa qualità delle traduzioni porti ad una scarsa vendita di manuali in italiano, e quindi allo stop della licenza in lingua italiana.

    • Sad 1
    Link to comment
    Share on other sites



    Create an account or sign in to comment

    You need to be a member in order to leave a comment

    Create an account

    Sign up for a new account in our community. It's easy!

    Register a new account

    Sign in

    Already have an account? Sign in here.

    Sign In Now

  • Popular Tags

×
×
  • Create New...