Jump to content

Benvenuto in Dragons’ Lair

La più grande e attiva community italiana sui giochi di ruolo.
Accedi o registrati per avere accesso a tutte le funzionalità del sito.
Sarai così in grado di discutere con gli altri utenti della community.

Idra Bizzarre

Oggi Goblin Punch, nella sua rubrica di rivisitazione dei mostri classici, ci propone delle varianti peculiari dell'Idra.

Read more...

Viaggio nella DM's Guild VI - L'isola della Tregua

Questa settimana vi parliamo de L'isola della Tregua, un'avventura uscita dalle menti di Andrea Maffia, Massimo Tartaro, Matteo Galassi e Simone Rossi Tisbeni!

Read more...

Cosa c'è di Nuovo su Kickstarter: Death of Divinity, Dreadful Realms, Heroes of the Cypher System

Vediamo assieme le ultime novità su Kickstarter relative al mondo dei GdR.

Read more...

Per Jeremy Crawford modificare razze e allineamenti in D&D richiederà anni

In un'intervista, il Lead Desiger della WotC ha parlato di Razze, Allineamenti e dei piani futuri della WotC in merito.

Read more...

Le strutture dei giochi - Parte 13: Strutture Personalizzate

In questa tredicesima parte della nostra rubrica sulle strutture di gioco, risponderemo alla domanda lasciata in sospeso la settimana scorsa: cosa succede se la struttura adatta non esiste?

Read more...

Recommended Posts

Buongiorno,

Come da titolo mi ponevo tale domanda. Ovviamente la risposta breve è sì, ma quanto bene? 

Ultimamente ho riscoperto il fascino di libri e racconti horror, ed ho anche preso in mano il ciclo "del vecchio polipone Chtullhu" nell'ultimo periodo. So che c'è un GDR a tema e so che è molto apprezzato tuttavia non ho il tempo ne i soldi per comprare e studiare un manuale (che da quel che so e pure bello spesso).

Perciò ho pensato di "portare Chtullhu" in DnD (ora generalizzo con il polipone, ma in generale pensavo di portate l'horror in dnd). Sono sicuro di non essere il primo a porsi questa domanda o a provaci. Tuttavia volevo una vostra opinione, è possibile trasmettere quelle sensazioni di ansia e angoscia, che altri giochi più focalizzati trasmettono, in un'avventura di DnD? Se sì, come? 

Ps. Curse of Strahd per quanto sia ben fatta e abbia varie tematiche orrorifiche, non rientra nei campi che richiedo, perche gli avventurieri potranno percepire questa sensazione ma sentiranno piu volte di poter far qualcosa. 

Ovviamente non mi sognereri mai di ottenere una "conversione" al 100%, ma riuscire a trasnettere le sensazioni ed emozioni principali portando comunque qualcosa di concreto sarebbe perfetto. 

Buona giornata 🙂

Edited by SamPey
Link to post
Share on other sites

  • Replies 25
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Concordo in pieno con @Bille Boo, la cosa principale è il cambio di prospettiva e di cosa aspettarsi. Però credo che per questo sia necessario anche un adeguamento delle meccaniche. Se vuoi il tipo di

Non mi sento in grado di dare una risposta articolata e completa quindi mi limito a due piccoli flash che forse lasciano il tempo che trovano. Primo: prima ancora di modificare le regole del gioc

Secondo me ci riescono abbastanza bene alcune avventure di Lamentation of the Flame Princess, un regolamento OSR (quindi bene o male compatibile con le varie edizioni di D&D): sono abbastanza fuor

Nella GDM ci sono opzioni per follia e orrore che possono essere utilizzate proprio per questo. In alternativa in 2e (proprio per ravenloft) se non erro erano previste regole relativamente a questi aspetti. Potrebbero essere un ottimo punto di partenza. 

Link to post
Share on other sites

Secondo me ci riescono abbastanza bene alcune avventure di Lamentation of the Flame Princess, un regolamento OSR (quindi bene o male compatibile con le varie edizioni di D&D): sono abbastanza fuori di testa e inquinanti che spesso i giocatori diventano davvero angosciati! Qualche esempio: Death Frost DoomDeath Love Doom e The Good that Crawls. Tieni presente che Death Frost Doom  viene giocata anche con Call of Cthulhu!

3 minuti fa, Lord Danarc ha scritto:

Nella GDM ci sono opzioni per follia e orrore che possono essere utilizzate proprio per questo.

In realtà ti sconsiglio di usare meccaniche per gestire la follia o la paura nei PG; meglio strutturare le avventure in modo che siano i giocatori a farsela sotto! 

Ps: volendo puoi leggerti Quickstart di Call of Cthulhu

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

All'interno del manuale specifico per 5ED, il mattone che hai citato insomma, effettivamente c'è l'introduzione di alcune regole aggiuntive quali le meccaniche di Follia.

Tecnicamente dovrebbero essere queste le parti dedicate a trasmettere tale sensazione al gruppo.. io personalmente non l'ho mai provate, non ho mai avuto occasione, però dicono che siano fatte molto bene. La problematica di D&D, secondo me, sta nel fatto che comunque l'ambientazione è un mondo fantasy in cui diavoli, demoni ed aberrazioni di ogni tipo, almeno per gli eroi del Party giocante, diventano quasi all'ordine del giorno.

Teoricamente anche solo un banalissimo Cubo Gelatinoso che all'interno lascia intravedere ossa e resti sanguinolenti di umanoidi uccisi dovrebbe essere un'immagine spregevole, ma forse la concezione fantasy del mondo ha sempre mitigato questa serie di immagini. Tutto sta al Master e alle sue descrizioni.. al mood che vuole dare all'avventura insomma, ammesso che ci siano comunque giocatori collaborativi (ma forse quest'ultimo punto dovrebbe essere sempre scontato).

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, Lord Danarc ha scritto:

Nella GDM ci sono opzioni per follia e orrore che possono essere utilizzate proprio per questo. In alternativa in 2e (proprio per ravenloft) se non erro erano previste regole relativamente a questi aspetti. Potrebbero essere un ottimo punto di partenza. 

Grazie! Guarderò quelle della 2e perche sinceramente quelli della GDM sono carini ma non trasmettono nulla di ciò che cerco. Una meccanica un po sciatta

 

2 minuti fa, Percio ha scritto:

sono abbastanza fuori di testa e inquinanti che spesso i giocatori diventano davvero angosciati! Qualche esempio: Death Frost DoomDeath Love Doom e The Good that Crawls. Tieni presente che Death Frost Doom  viene giocata anche con Call of Cthulhu!

 

2 minuti fa, Percio ha scritto:

In realtà ti sconsiglio di usare meccaniche per gestire la follia o la paura nei PG; meglio strutturare le avventure in modo che siano i giocatori a farsela sotto! 

Ps: volendo puoi leggerti Quickstart di Call of Cthulh

Grazie mille! Darò un occhio a tutto.

2 minuti fa, Graham_89 ha scritto:

Teoricamente anche solo un banalissimo Cubo Gelatinoso che all'interno lascia intravedere ossa e resti sanguinolenti di umanoidi uccisi dovrebbe essere un'immagine spregevole, ma forse la concezione fantasy del mondo ha sempre mitigato questa serie di immagini. Tutto sta al Master e alle sue descrizioni

È vero, alcuni mostri di dnd sono terrificanti, forse però è proprio per come sono gestiti, per come si combattono e per il concetto di Fantasy "poco sporco" non risaltano efficacemente. Lavorerò sicueamente sulla descrizione per esaltar eil lato grottesco.

Link to post
Share on other sites

Mi è venuto in mente anche questo: durante una campagna, giocando durante la sera di Halloween, chiaramente ho provato (dato che era fondamentalmente la mia prima volta sull'argomento) a masterare una sessione horror. Non ho introdotto meccaniche strane, anche perché si trattava di una campagna molto più lunga e quella era solo una side quest improvvisata sul momento.. Ho semplicemente puntato sulle descrizioni: una casa apparentemente vuota, scricchiolii, suoni, descrivere ai personaggi le sensazioni che i loro pg provano (tipo essere osservati ma non riuscire a vedere nessuno).. poi giù di scene il più macabre e terrificanti possibile.

Alla fine dei conti hanno solo combattuto contro una succube 😄 ..ma più o meno è sortita fuori una cosa apprezzata, almeno secondo quanto mi hanno riferito.  

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, Percio ha scritto:

In realtà ti sconsiglio di usare meccaniche per gestire la follia o la paura nei PG; meglio strutturare le avventure in modo che siano i giocatori a farsela sotto! 

In realtà le meccaniche servono. Per quanto si possa giocare ovviamente in modo che i giocatori se la facciano sotto (e a CoS abbiamo fatto così, la sensazione di non poter vincere e di non aver modo di sfuggire era ONNIPRESENTE) ma serve qualcosa che traduca questo in gioco, sopratutto se qualcuno vuole inserire una cosa come la follia o la sanità mentale alla chtulhu. 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Non mi sento in grado di dare una risposta articolata e completa quindi mi limito a due piccoli flash che forse lasciano il tempo che trovano.

Primo: prima ancora di modificare le regole del gioco, si tratta di modificare, secondo me, le aspettative stesse dei giocatori. Come tu hai detto, giustamente, non ricerchi solo un "clima dark", ma anche un senso di impotenza dei PG di fronte a cose terribili: non ti va bene che i PG "sentano di poter fare qualcosa". Questo, secondo me, si può anche fare in D&D: banalmente, se i mostri hanno un GS altissimo o sono immuni a quasi tutti gli attacchi, qualcosa dovresti già ottenere. Però è importante che i giocatori se ne rendano conto e lo accettino come parte integrante del gioco. Altrimenti, se approcciano gli incontri con la mentalità standard di D&D (affrontare il nemico a viso aperto armi in pugno, sicuri di poter vincere), rimangono delusi e frustrati. È un bel cambio di mentalità per chi è abituato al gdr avventuroso ed eroico.

Secondo: dipende anche dalle dinamiche sociali interne al gruppo di giocatori. Per dire, con il mio gruppo "tradizionale" di D&D, con cui giocavamo a D&D da anni, tempo fa ho provato un gioco horror, proprio con un altro sistema di regole, oltre a un cambio di temi e ambientazione. Però, per quanto tutti si fossero detti interessati e facessero del loro meglio per immedesimarsi, si finiva quasi sempre nelle risate e nel tono da commedia, era più forte di noi. Questo per dire che per suscitare certe emozioni nei giocatori ci vuole anche la giusta dinamica tra i giocatori stessi.

  • Like 1
  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

Probabilmente il mio intervento è leggermente off-topic, ma rispetto a quanto dici qui

9 ore fa, SamPey ha scritto:

So che c'è un GDR a tema e so che è molto apprezzato tuttavia non ho il tempo ne i soldi per comprare e studiare un manuale (che da quel che so e pure bello spesso).

ti consiglio di dare uno sguardo a Cthulhu Dark. Con una rapida "Gooooglata", trovi facilmente le meccaniche: ci sono anche in italiano e si tratta di un paio di pagine.

Il manuale completo è a pagamento (sono un centinaio di pagine, mi sembra, e il PDF costa una decina di euro). Contiene degli approfondimenti e dei chiarimenti sulle meccaniche, alcuni scenari e un'ottima guida per condurti passo dopo passo nella creazione degli scenari.

In ogni caso, si trovano online diversi scenari già pronti, tra cui Sonata Purpurea, che ho giocato e che mi è piaciuto davvero molto.

Edited by Checco
refuso
Link to post
Share on other sites
45 minuti fa, Bille Boo ha scritto:

clima dark", ma anche un senso di impotenza dei PG di fronte a cose terribili: non ti va bene che i PG "sentano di poter fare qualcosa". Questo, secondo me, si può anche fare in D&D: banalmente, se i mostri hanno un GS altissimo o sono immuni a quasi tutti gli attacchi, qualcosa dovresti già ottenere

Concordo.

Penso che prima sia necessario focalizzarsi su quali sensazioni i giocatori debbano provare.

L'essere braccati da un qualcosa che nei rari momenti in cui lo si affronta metta a dura prova i pg obbligandoli a scappare per non perire, ma in un luogo dove non puoi fuggire per sempre, penso sia sufficiente. Una sorta di trasposizione di alien in d&d penso sia fattibile.

Però come detto da altri, diventà più una questione di regia e impianto "narrativo", cioè il creare situazioni di disagio per i giocatori e i pg

esempio i pg entrano nel classico dungeon, anzi è il classico, blando dungeon semplice con mostri easy (goblin, scheletri, una gelatina), vittorie e tesori semplici da trovare in modo da portare alto il morale del gruppo. Poi porta segreta, o pavimento che cede e li porta in un livello sottostante, e qui iniziano a  trovare resti -anche freschi - e ad affrontare chi darà loro la caccia.

Edited by Albedo
Link to post
Share on other sites
15 minuti fa, Albedo ha scritto:

Poi porta segreta, o paviemnto che cede e li porta in un livello sottostante, e qui iniziano a  trovare resti -anche freschi - e ad affrontare chi darà loro la caccia.

Spesso oltre a "mostri forti", una cosa che provoca disagio sono avversità ambientali. Ricollegandomi al crollo del pavimento, magari la nuova location potrebbe essere invasa da un gas o una specie di nebbia che non fa respirare bene i personaggi.. è buio.. rimanendo per troppo tempo la sotto i Pg potrebbero cominciare a perdere sempre più PV. Forse robe di questo tipo possono aiutare. 

Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, Checco ha scritto:

ti consiglio di dare uno sguardo a Cthulhu Dark. Con una rapida "Gooooglata", trovi facilmente le meccaniche: ci sono anche in italiano e si tratta di un paio di pagine.

Gli darò un occhio!

21 minuti fa, Albedo ha scritto:

esempio i pg entrano nel classico doungeon, anzi è il classico, blando dungeon semplice con mostri easy (goblin, scheletri, una gelatina), vittorie e tesori semplici da trovare in modo da portare alto il morale del gruppo. Poi porta segreta, o paviemnto che cede e li porta in un livello sottostante, e qui iniziano a  trovare resti -anche freschi - e ad affrontare chi darà loro la caccia.

Questa è un'ottima idea, anche solo il fatto che i pg non sanno come e dove uscire rende il tutto molto opprimente.

5 minuti fa, Graham_89 ha scritto:

Spesso oltre a "mostri forti", una cosa che provoca disagio sono avversità ambientali. Ricollegandomi al crollo del pavimento, magari la nuova location potrebbe essere invasa da un gas o una specie di nebbia che non fa respirare bene i personaggi.. è buio.. rimanendo per troppo tempo la sotto i Pg potrebbero cominciare a perdere sempre più PV. Forse robe di questo tipo possono aiutare. 

È vero, una cosa simile l'ho vista resa molto bene in "Lost shrine of Tamoachan", il senso di oppressione li è notevole, se gestito nel modo corretto. (A dire il vero in quella evventura c'è il crollo inaspettato che porta ad una zona prima incaccessibile, segredi di un'antica civiltà con credenze aberranti e l'ambiente ostico..solo che ricalca troppo il vecchio dungeon crawl anche se effettivamente potrebbe avvicinarsi a ciò che cerco).

Altra idea che avevo era quella di prendere la famosissima tomba degli orrori e leggerla in chiave "lovcraftiana", Accentunando il misticismo e le 'immondita' piuttosto che la mera trappola fisica (non consoco benissimo l'avventura però per definire se possa funzionare). 

Link to post
Share on other sites

Concordo in pieno con @Bille Boo, la cosa principale è il cambio di prospettiva e di cosa aspettarsi. Però credo che per questo sia necessario anche un adeguamento delle meccaniche. Se vuoi il tipo di horror alla Chtulu, con i personaggi che letteralmente impazziscono, servono sicuramente delle regole per la follia, dei punti sanità di qualche tipo. Il danno che può fare alla mente lo scoprire in modo chiaro e privo di dubbi che i mostri sono reali, o che esiste Dio, sono molto difficili da giocare senza un regolamento. Ti consiglio a tempo perso la serie Lucifer: è molto leggera ma vi sono vari esempi qui e là di questo tipo di danno mentale, secondo me resi bene.

Però credo sia importante sottolineare che l'horror in cui il danno è fondamentalmente psicologico è un tipo di horror molto particolare: tipicamente il pericolo nell'horror è la distruzione del corpo più che della mente. Anche horror disturbanti, in cui il personaggio subisce varie forme di angherie e torture psicologiche, alla fine si basano su una minaccia di pericolo reale, fisico (essere uccisi) o sociale (essere abbandonati, licenziati, stigmatizzati,...).

Mentre quindi le regole per la follia mi sembrano facoltative e limitate ad un tipo di horror particolare (ma sì, se vuoi le atmosfere di Lovercraft probabilmente questo è il tuo caso), credo che la parte fondamentale se vuoi adattare D&D alla bisogna sia di riformare l'aspettativa di potenza dei personaggi. Non è solo una questione di fare affrontare ai personaggi incontri con mostri con GS più alto, che i personaggi non possano affrontare in quel momento, ma anche l'oggettiva impossibilità di affrontare quell'orrore da parte di esseri umani. Se vi sono chierici del bene in grado di distruggere una necropoli con un incantesimo, il mondo non è un luogo spaventoso. Se esiste la possibilità di resuscitare, non c'è lo stesso senso di paura. Serve uno stile E6, in cui i personaggi crescano un po' ma non solo non potranno mai affrontare un drago, ma nessuno nel mondo può affrontare un drago.

È una questione di aspettativa, legata alla struttura del gioco. Se nel gioco il mio personaggio crescerà di potenza fino a diventare un Dio, e incontro un mostro più forte, il sistema guida il mio pensiero verso: non posso superare questo ostacolo oggi, ma lo supererò domani. Se nel gioco il mio personaggio crescerà fino a diventare un buon combattente e incontro un mostro più forte di un manipolo dei migliori combattenti esistenti, la mia percezione e aspettativa cambia, da "lo supererò domani" a "non si può sconfiggere!"

Appunto finale. Vi sono stili diversi di horror, e come ho detto ogni stile richiede modifiche al regolamento di qualche tipo. Se deve rimanere qualcosa di D&D però, serve comunque che vi sia una qualche forma di combattimento che i giocatori possano vincere, almeno saltuariamente, visto che il regolamento di D&D e le classi sono per il 90% basate su questa struttura e aspettativa. Questo limita gli stili di horror giocabili con 5E moltissimo.

  • Like 2
Link to post
Share on other sites
1 ora fa, SamPey ha scritto:

 

Questa è un'ottima idea, anche solo il fatto che i pg non sanno come e dove uscire rende il tutto molto opprimente.

 come già detto da altri dipende molto dall'atteggiamento dei giocatori.

non era horror ma ti porto un mio esempio:

abbiamo fatto un one shot dove come pg siamo finiti in una casa in cui le stanze cambiavano posizione di continuo senza mai darci la possibilità di capire come uscire.

dopo un po', noi giocatori, ci siamo tutti rotti le scatole di far girare i pg a vuoto. (vero è che non avevamo nessuna minaccia in corso e magari  questo cambia le cose però non ne potevamo più!)

  • Thanks 1
Link to post
Share on other sites

io sono sicuro che DnD non possa adattarsi ad un gioco Horror in senso stretto del termine. Ci si può calare in una ambientazione Dark, si possono studiare situazioni paurose, si possono studiare scontri difficili e complicati, potrai limitare le risorse a disposizione dei giocatori ma solo raramente potrai avere l' "Horror" che ti trasmettono giochi che sono stati studiati per trasmettere tale componente. 

DnD è strutturato per essere un gioco in cui interpreti di base un umanoide sopra la media, un gioco Horror interpreti una persona comune che per "sfortuna" si trova ad avere a che fare (o indaga per suo volontà) su cose lontane anni luce dalla sua normalità. Un PG di DnD nella maggior parte dei casi è a suo agio in un dungeon e forse va di sua volontà alla ricerca del Lich malvagio che maledice la regione.

Quindi, il mio consiglio, se hai il desiderio di fare una giocata di ruolo in stile Horror approcciati ad un GdR studiato in tal senso. Farai molto meno fatica nella creazione della storia e ti sarà più facile raggiungere il risultato voluto. Io ho trovato molto bello Sine Requie, che ha veramente tante sfaccettature e contesti ed è un bel compromesso fra lore interessante, horror, survival e "mazzate". 

 

  • Like 1
Link to post
Share on other sites
Il 12/9/2020 alle 17:54, Lord Danarc ha scritto:

L'impressione che ho avuto giocando Curse of Sthrad è stata assolutamente quella dell'horror pur avendo un PG molto forte e superiore alla media. 

Curse of Sthrad è veramente ben fatta, non son mai riuscito a giocarla appieno (fino in fondo), ma ho sentito anche io sensazioni "horror". Dietro c'è un lavoro enorme e spesso hai la sensazione di scontrarti contro qualcosa più grande di te.  

Il 12/9/2020 alle 17:54, Lord Danarc ha scritto:

Mancavano le meccaniche.

Esatto in DnD non ci sono le meccaniche idonee per trasmettere un horror "facilmente". 

Per quello il mio consiglio è se vuoi fare horror è meglio orientarsi su un gdr disegnato/ideato per quello. adattare DnD all'Horror non è una cosa banale e non è detto che raggiungi il risultato voluto.

Questa è la mia esperienza personale: abbiamo provato due volte a fare delle campagne "horror" ed alla fine è stata molto bella e piacevole, ma non siamo ma arrivati alle corde horror che invece siamo riusciti a raggiungere facilmente con un gdr nato per quello ( in questo caso: sine requie). 

Edited by Octopus83
  • Like 1
Link to post
Share on other sites

Recentemente ho acquistato Out of the Abyss. Devo dire che non è un'avventura horror-gotica ma è al quanto folle e in alcuni punti spaventosa. A prescindere dal fatto che la trovo ottima come avventura, penso che la follia renda il tutto piu interessante, anche se non implica per forza un sentore orrorifico. CoS invece, anche senza meccaniche ti da la sensazione di paura e orrore.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
  • Similar Content

    • By Lollo il bianco
      Buongiorno a tutti
      come da titolo...
      Sono un master alle prime armi (con un po’ di esperienza da player) con il materiale ufficiale a disposizione per affrontare la campagna della tirannia de drago su roll20.
      Disponibile bene o male qualsiasi sera in settimana (salvo accordo) dalle 22.00 alle 00.00 (va bene pure più tardi se porta...)
      Disponibile anche ad accogliere player alle prime armi a cui insegnare sia le basi di D&d 5e che le basi di roll20. Ovviamente l’aiuto e la comprensione di tutto il party è gradita.
      Data la nn più giovanissima età (nn è che sia un vecchio ma avrei piacere di fare una cosa fatta bene ) è gradito l’interessamento di individui seri e posati per sessioni in cui ci si impegni... Nn la prendete a male su quest’ultima precisazione ma su altri forum ho trovato personaggi che volevano imbarcarsi in avventure che non sarebbero stati in grado di gestire (unicamente x l’impegno che pensavano di dedicare). Non è che sia un lavoro ma non mi va neanche di perdere, e far perdere tempo, a chi invece di dormire vuole giocare seriamente (ovvio che poi le cavolate ogni tanto si sparano, ci mancherebbe). Spero vivamente di non essere frainteso, ma non so se vi è mai capitato non giocando con “amici”, ma a me è bastata na volta.
      Comunque a chiunque sia interessato all’idea, o che abbia idee x sviluppare qualcosa che possa trovarmi interessato leggendo quanto sopra nn si faccia remore a scrivere...
      Dajeee regà che sto culto del drago va gestito che se no poi è un casino!!!
      😉😉😉
    • By Marko79
      Ciao ragazzi, sto masterando per la prima volta in quinta edizione. Dopo che il mio party è entrato a Neverwinter ed avergliela descritta come conservavo nei miei ricordi, mi sono accordo dopo la sessione leggendo nella Guida degli avventurieri alla Costa della Spada, che in realtà Neverwinter è in fase di ricostruzione dopo il cataclisma e le razzie e lotte di potere che l'hanno afflitta nell'ultimo secolo. Considerando che uno dei miei PG, voleva recarsi alla Cloack Tower (che ho visto essere stata tradotta come Torre dell'Orologio! :D) e non avendo ulteriori informazioni oltre alla guida sopra citata, sapreste dirmi come si dovrebbe presentare la Torre? Esiste ancora? Hanno ripreso l'attività di insegnamento? Esistono ancora i Manti Stellati? C'è una biblioteca? Avendo in previsione altre campagne nei Forgotten Realms non vorrei commettere degli errori!
    • By Le Fantome
      Ho approfondito alcuni materiali esotici dei Forgotten Realms, ma non ho trovato nulla di analogo all'uranio o ad altri elementi radioattivi. Il manuale che ho consultato è quello della quarta edizione, l'unico che possiedo. Per caso vi sono in altri manuali accenni a sostanze radioattive o analoghe? 
      Vorrei inserire l'elemento della radiazione nella campagna che sto attualmente masterando, come minaccia ambientale nel medio e profondo sottosuolo. Pensavo che le radiazioni potessero essere una combinazione di danni radianti - velenosi - necrotici, e di concedere l'immunità solo alle creature che hanno immunità a tutti questi 3 tipi di danni.
      Non so bene come gestire la cosa in realtà, ma volevo una minaccia particolarmente feroce per l'incolumità dei personaggi.
      Pensavo che l'esposizione a fonti radioattive potesse anche far salire velocemente l'esaurimento; 1 punto per l'esposizione a fonti radioattive leggere, 2 o 3 punti per fonti medie, 4 o morte per fonti letali.
      Forse potrei inserire perfino una variante radioattiva dei draghi metallici; un drago di torio o nettunio sarebbe particolarmente interessante da affrontare. Oppure dei golem mossi da un nucleo fissile.
      Comunque voglio precludere tassativamente ai giocatori di usare le sostante radioattive per creare ordigni radiologici o nucleari. Al massimo armi bianche o dardi capaci di infliggere danni extra radianti, velenosi e necrotici; quindi comunque nettamente superiori alla media.
      Se ci fosse materiale ufficiale o homerule sulla questione sarei ben felice di approfittarne.
    • By MagoForest
      ACCETTERO QUALSIASI CRITICA E CONSIGLI ESSENDO IL NULLA QUI DENTRO 🙂
      Buona lettura.
      Ciao a tutti, sono un neofita sia del forum, anche se l ho consultato spesso, sia dei gdr in generale. Mi sto avvicinando a scrivere la mia prima campagna/avventura, ho masterato un paio di one shot con il mio gruppo di amici (siamo tutti neofiti). Abbiamo giocato a pathfinder e savage world. So che sarebbe meglio inizialmente usare avventura gia fatte ufficiali e non ma ho tempo libero e mi piacerebbe tuffarmi nel mondo della creazione di una storia.
      Come da titolo l ambientazione sara durante l eta vittoriana e sara mischiata alla mitologia prendendo spunto da Percy Jackson (per chi non lo conosce e una serie di libri fantasy).
      Detto questo i miei giocatori hanno scelto il periodo storico della londra vittoriana. Quindi da qui ho cominciato a cercare di unire un po i punti.
      Ho pensato che il "villain" possa essere il famoso jack lo squartatore visto che era presente a londra alla fine del 800. I giocatori chi per un motivo chi per un altro si ritroveranno a voler-dover cercare questo serial killer che seminava il panico.
      Il suo background vorrei farlo abbastanza duro da renderlo un sadico stile ramsay bolton del trono di spade.
      I giocatori cosi come jack saranno semidei. Ognuno avra dei bonus o abilita a seconda del loro genitore divino ma nulla di troppo OP. 
      Avevo intenzione di farli iniziare gia al centro dell azione e non del tipo vi incontrate in una taverna ecc
      Immaginavo di creare il mondo intorno a loro e poi lasciarli muovere come preferiscono nel senso, creo i bordelli, caserma, bande di criminali e png utili e meno utili poi i giocatori si muoveranno come vorranno nel mondo, per evitare di farli muovere da punto A a punto B ecc.. 
      Lo stile di gioco sara classico cioe non voglio cambiare regole o roba del genere, avranno solo qualche bonus o abilita speciale poi il resto seguiamo il manuale.
      Un po di trama che avevo pensato (scritta male e solo un idea):
       Per chi ha letto, probabilmente sara un cosa veramente penosa quella che ho pensato ma ancora e solo un pensiero. Ho letto due articoli interessanti il fatto di sviluppare il tutto senza una trama cosi da evitare colli di bottiglia e qui torniamo al discorso di prima io sviluppo tutto il mondo e poi decidono loro cosa fare. 
      La regola dei 3 indizi. Ora vi scrivo se secondo voi puo essere una cosa carina da fare quello che ho scritto. Se avete qualche idea o qualche spunto per indizi sulle scene del crimini, indizi dei pg o aiutarmi con qualche consigli per la storia ecc.
      Pensavo di usare savage world con qualche abilita o vantaggio specifico per la mitologia perche semplice e credo sia molto adattabile a tutto.
      Spero di aver scritto tutto quello che puo essere utile e bene. Spero vi possa interessare darmi qualche consiglio e confrontarci un po..
      Qualsiasi idea vi venga in mente per intrecciare le storie, iniziare l avventura, creare i luoghi sono ben accette.
    • By Iena
      Ciao a tutti,
      Apro questo topic per sottoporvi una folle idea che sta maturando nel mio cervellino bacato. 
      Recentemente ho scoperto il regolamento di Pathfinder 2nd edition e, non so perchè, me ne sono innamorato. Quello che però mi manca è la mia ambientazione preferita, cioè Eberron... quella di base di Pathfinder non mi convince tanto... non la trovo ben caratterizzata... mi sembra un calderone un po' insulso. Ad ogni modo, volendo dare un tocco di originalità e soprattutto anche per ridurre un po' la complessità dell'impresa, volevo appunto generare un setting di un mondo nato dalle ceneri di Eberron. La storia sarebbe che dopo il giorno del lutto che colpì il Cyre... qualcuno o qualcosa scatenò lo stesso disastro ma su scala quasi planetaria... Sto pensando ad cataclisma in grado di colpire tutto ciò che è magico e che quindi, in una repentina e simultanea deflagrazione, ha disintegrato gli oggetti e le persone legate alla magia (leggi estinzione, almeno temporanea, dei casati portatori del marchio del drago).
      Questo cataclisma avrebbe dunque azzerato la civiltà su Eberron riportandola ad uno stadio primitivo e riducendo i continenti a desolati deserti puntellati da rare oasi. Il tempo in cui i personaggi si ritroverebbero ad agire sarebbe all’incirca 1000 anni dopo il grande cataclisma. La magia arcana e occulta è riapparsa solo 200 anni prima e i marchi del drago cominciano a fare una timida comparsa soltanto ora.
      Immaginate i personaggi che iniziano la loro carriera in uno degli sperduti villaggi sorto al centro di una piccola oasi nel deserto… vedeteli aggirarsi la le ciclopiche rovine di una vasta città che una volta era Sharn… Alcune razze vedono la sporadica ricomparsa dei marchi del drago… marchi di cui ora non si sa più nulla, le cui potenzialità sono sconosciute… La magia arcana e occulta, riapparsa da poche generazioni, è vista con molto sospetto perché voci e tradizioni popolari attribuiscono proprio alla magia la causa prima dell’antico cataclisma…
      Dal punto di vista regolistico, vorrei cimentarmi prima di tutto con la creazione degli archetipi dei possessori del marchio del drago. In Eberron 3.5 si trattava di talenti prima di tutto (ma anche di alcune ben caratterizzate CdP)…ed in generale portare marchi del drago era prima di tutto una questione di prestigio non di potenza del personaggio. Con Pathfinder credo sia meglio generare degli archetipi ma qui arrivano le prime rogne. Ho letto gli archetipi del manuale base e dell’advanced player guide… il punto è che gli archetipi non seguono uno schema fisso… alcuni si dislocano fino al livello 12… altre fino al 18°… pensavo di trattare gli incantesimi forniti dai vari marchi del drago come incantesimi focalizzati.
      A livello di bilanciamento ritenete sufficiente fornire al personaggio un singolo incantesimo di livello appropriato per ogni talento dell’archetipo del portatore del marchio? Magari inizialmente potrei fornire anche la competenza in un paio di skill “legate” al particolare marchio… tipo “furtività” del il marchio dell’ombra, medicina per quello della guarigione e così via.
      Voi che dite… vi sembra un minimo sensato oppure totalmente fuori dei coppi???
       
      Ciao.
       

×
×
  • Create New...

Important Information

We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue.